Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Progettazione universale in educazione

850 views

Published on

La mia presentazione per il convegno della Società Italiana di Pedagogia Speciale del 12 giugno 2014. Un'analisi delle evidenze di ricerca relative ai diversi modelli di implementazione dell'Universal Design in educazione.

Published in: Education
  • Be the first to like this

Progettazione universale in educazione

  1. 1. Progettazione universale in educazione un’analisi della letteratura e delle evidenze di ricerca Andrea Mangiatordi - Università degli Studi di Milano Bicocca Convegno “La giovane ricerca in Pedagogia Speciale”, 12 giugno 2014
  2. 2. Universal Design
  3. 3. 7 principi 1.Equità 2.Flessibilità 3.Semplicità d’uso 4.Percettibilità 5.Tolleranza all’errore 6.Contenimento dello sforzo fisico 7.Misure e spazi sufficienti
  4. 4. E in educazione? Universal Design for Learning (Rose & Meyer, 2002) Universal Instructional Design (Higbee, 2001) Universal Design for Instruction (Scott, Mcguire & Shaw, 2003)
  5. 5. UD
  6. 6. UD UDI
  7. 7. UD UDI UID
  8. 8. UD UDI UID UDL
  9. 9. UD c’è confusione, persino nelle review sistematiche, tra i diversi framework UDI UID UDL
  10. 10. Elementi comuni approccio pensato per tutti grande rilevanza data alle tecnologie didattiche attenzione a ciò che costituisce una barriera per l’apprendimento
  11. 11. Analisi della letteratura
  12. 12. articoli da journal con peer review fonte: database ERIC131 Analisi della letteratura
  13. 13. articoli da journal con peer review fonte: database ERIC131 Analisi della letteratura altre review3
  14. 14. Quanti articoli? 0 5 10 15 20 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013
  15. 15. 0 5 10 15 20 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 UDI UID UDL Quanti articoli?
  16. 16. Quanti risultati? 0 5 10 15 20 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Con evidenze Senza evidenze
  17. 17. -0,4 4,7 9,8 14,9 20 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 8 3 9 5 6 8 5 33 1 00 1 0 Quanti risultati?
  18. 18. • benefici per diverse categorie: ‣ studenti - 40,7% degli studi ‣ insegnanti - 29,6% ‣ entrambe le categorie - 20,4% ‣ altri (servizi universitari, tecnici, policy makers..) - 9,3% Quali risultati?
  19. 19. • studi estremamente eterogenei ‣ per metodologia ‣ per popolazione/campione • casi di studio con 3 persone • analisi quali-quantitative di interi corsi di studio Quali risultati?
  20. 20. Quali risultati? 1. tra gli studenti
  21. 21. Quali risultati? 1. tra gli studenti ‣ Migliori risultati nei test per tutti ‣ Maggiore motivazione/continuità soprattutto in area scientifica ‣ Riflessione sulle metodologie didattiche più efficaci e sulla self-determination
  22. 22. 2. tra i (futuri) docenti Quali risultati?
  23. 23. 2. tra i (futuri) docenti Quali risultati? ‣ Maggiore consapevolezza del proprio ruolo ‣ Miglioramenti metodologici: nuove competenze didattiche, soprattutto con media digitali
  24. 24. Alcune considerazioni Gli studi su questo tema sono ancora piuttosto frammentari, anche per una difficoltà di definizione Necessità di accordo rispetto alle metodologie di analisi da utilizzare
  25. 25. Alcune considerazioni Percezione diffusa di una difficoltà di implementazione... I risultati sono ancora pochi, per quanto incoraggianti
  26. 26. ...può essere opportuno stabilire una nuova priorità negli studi sulla progettazione universale in educazione?
  27. 27. ...può essere opportuno stabilire una nuova priorità negli studi sulla progettazione universale in educazione? verifica della sostenibilità
  28. 28. Grazie! Andrea Mangiatordi Università degli Studi di Milano Bicocca andrea.mangiatordi@unimib.it

×