La scuola come comunità e risorsa per il territorio

14,355 views

Published on

Che cosa significa scrivere testi di tipo diverso per scopi e destinatari differenti?
Documentare in un social network

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

La scuola come comunità e risorsa per il territorio

  1. 1. Rete di Scuole Mestre Nord 13 dicembre 2012 La scuola come comunità e risorsa per il territorioLIMguaggi e competenze Laboratorio n.1 Che cosa significa scrivere testi di tipo diverso per scopi e destinatari differenti? Documentare in un social network Roberta Rigo - Franco Torcellan LABORATORIO RED (Ricerca Educativa e Didattica) Università Ca’ Foscari di Venezia
  2. 2. Scaletta del progetto laboratoriale Progettare UA con le tecnologie nel campo della Cittadinanza  Condividere il significato di Educazione alla Cittadinanza e…  …Scegliere un’area di azione, uno scopo e un destinatario  Individuare traguardi e tematizzare obiettivi dell’UA integrata (in base all’area di azione scelta)  Prevedere la realizzazione di un prodotto finale, che sia contenitore dell’esperienza complessa ed evincere le caratteristiche testuali, linguistiche, contenutistiche  Mettere in atto il percorso “come se…”, e via via…  …Trasformare l’esperienza in progetto formale dell’UA, in compiti di realtà e in indicatori e matrici di valutazioneRoberta Rigo 2012
  3. 3. I passi dalla progettazione alla valutazione • Individuare traguardi e obiettivi (i programmi) • Curricolare obiettivi • Progettare l’unità di apprendimento appoggiandosi al dispositivo dell’analisi formativa della disciplina per pensare la progettazione) – Interrogare e Circoscrivere obiettivo/i – Definire conoscenze, abilità in base alla competenza attesa – Contestualizzare le attività in contesti nuovi e diverse e in campi reali, autentici – Refenziare l’attività formativa tra competenze chiave e traguardi/obiettivi (la mappa) – Costruire compiti di realtà ricorrendo ad una pluralità di fonti della competenza – Definire componenti della competenza e indicatori (la tabella di controllo) – Elaborare una pluralità di strumenti per rilevare, valutare gli apprendimenti • Valutare le competenze in base a componente cognitiva, metacognitiva, socio-relazionale, situazionale (matrici; foglio di sintesi per la registrazione) • Certificare le competenze (documento certificativo)Roberta Rigo 2012
  4. 4. Educare alla cittadinanza (1/3) Per educare a questa cittadinanza unitaria e plurale a un tempo, una via privilegiata è proprio la conoscenza e la trasmissione delle nostre tradizioni e memorie nazionali: non si possono realizzare appieno le possibilità del presente senza una profonda memoria e condivisione delle radici storiche. A tal fine sarà indispensabile una piena valorizzazione dei beni culturali presenti sul territorio nazionale, proprio per arricchire l’esperienza quotidiana dello studente con culture materiali, espressioni artistiche, idee, valori che sono il lascito vitale di altri tempi e di altri luoghi. […] La scuola è luogo in cui il presente è elaborato nell’intreccio tra passato e futuro, tra memoria e progetto. Indicazioni Nazionali per il curricolo 2012Roberta Rigo 2012
  5. 5. Educare alla cittadinanza nella scuola dell’infanzia (2/3) …finalità di promuovere nei bambini lo sviluppo dell’identità, dell’autonomia, della competenza e li avvia alla cittadinanza […] Vivere le prime esperienze di cittadinanza significa scoprire l’altro da sé e attribuire progressiva importanza agli altri e ai loro bisogni; rendersi sempre meglio conto della necessità di stabilire regole condivise; implica il primo esercizio del dialogo che è fondato sulla reciprocità dell’ascolto, l’attenzione al punto di vista dell’altro e alle diversità di genere, il primo riconoscimento di diritti e doveri uguali per tutti; significa porre le fondamenta di un comportamento eticamente orientato, rispettoso degli altri, dell’ambiente e della natura… Il sé e l’altro Questo campo rappresenta l’ambito elettivo in cui i temi dei diritti e dei doveri, del funzionamento della vita sociale, della cittadinanza e delle istituzioni trovano una prima “palestra” per essere guardati e affrontati concretamente. Indicazioni Nazionali per il curricolo 2012Roberta Rigo 2012
  6. 6. Educare alla cittadinanza nella scuola del primo ciclo (3/3) È compito peculiare di questo ciclo scolastico porre le basi per l’esercizio della cittadinanza attiva, potenziando e ampliando gli apprendimenti promossi nella scuola dell’infanzia. L’educazione alla cittadinanza viene promossa attraverso esperienze significative che consentano di apprendere il concreto prendersi cura di se stessi, degli Indicazioni Nazionali per il curricolo 2012 altri e dell’ambiente e che favoriscano forme di cooperazione e di solidarietà. Questa fase del processo formativo è il terreno favorevole per lo sviluppo di un’adesione consapevole a valori condivisi e di atteggiamenti cooperativi e collaborativi che costituiscono la condizione per praticare la convivenza civile. Obiettivi irrinunciabili dell’educazione alla cittadinanza sono la costruzione del senso di legalità e lo sviluppo di un’etica della responsabilità, che si realizzano nel dovere di scegliere e agire in modo consapevole e che implicano l’impegno a elaborare idee e a promuovere azioni finalizzate al miglioramento continuo del proprio contesto di vita, a partire dalla vita quotidiana a scuola e dal personale coinvolgimento in routine consuetudinarie che possono riguardare la pulizia e il buon uso dei luoghi, la cura del giardino o del cortile, la custodia dei sussidi, la documentazione, le prime forme di partecipazione alle decisioni comuni, le piccole riparazioni, l’organizzazione del lavoro comune, ecc.Roberta Rigo 2012
  7. 7. Cittadinanza (1/2) La nostra proposta del campo di lavoro (scegli il taglio prospettico!!!) ◊ Caro amico, prendiamoci per mano e viviamo assieme la città ◊ Ti presento la mia città ◊ Alla scoperta della città ◊ A zonzo per la città ◊ Una guida per conoscere la città una guida destinata ai compagni stranieri per georeferenziare, descrivere, informare, narrare, argomentare… la città di MestreRoberta Rigo 2012
  8. 8. …città (2/2) MESTRE MESTRE IMMAGINI:CENTRO, VIE, SCORCI IMMAGINI:CENTRO, VIE, SCORCI URBANISTICA URBANISTICA REALTÀ URBANA E STORIA REALTÀ URBANA E STORIA TOPONOMASTICA TOPONOMASTICA ESPLORARE UN SETTORE DELLA CITTÀ ESPLORARE UN SETTORE DELLA CITTÀ VOCI, SUONI, PAROLE E SIGNIFICATI VOCI, SUONI, PAROLE E SIGNIFICATI … …Roberta Rigo 2012
  9. 9. Traguardi e obiettivi (1/7) Hai a disposizione  Traguardi e obiettivi di Italiano per calzare gli obiettivi di Scrittura al campo d’azione  le Indicazioni Nazionali per il curricolo 2012 per individuare traguardi/obiettivi di altre discipline con cui integrare il lavoro  le Competenze chiave europee per referenziare l’UA entro l’orizzonte di riferimentoRoberta Rigo 2012
  10. 10. Italiano: traguardi e obiettivi di scrittura (2/7) Traguardi scuola Traguardi scuola primaria Traguardi scuola dell’infanzia Italiano secondaria di I gr - I discorsi e le parole Italiano Si avvicina alla lingua Scrive testi corretti nell’ortografia, chiari e coerenti, Scrive correttamente testi scritta, esplora sperimenta legati all’esperienza e alle diverse occasioni di di tipo di verso […] prime forme di scrittura che la scuola offre; rielabora testi adeguati a situazione, comunicazione attraverso parafrasandoli, completandoli, trasformandoli argomento, scopo, la scrittura, incontrando destinatario anche le tecnologie specificazioni Ob termine cl. terza TTURAOb termine cl. quinta Ob termine cl terza secondaria LA VIDEOSCRI ILIZZANDO OME “PRO DOTTO” UT Scrivere testi di forma SCRIVERE C diversa (ad es. istruzioni per Sperimentare liberamente, l’uso, lettere private e pubbliche, anche con l’utilizzo del diari personali e di bordo, Produrre semplici computer, diverse forme dialoghi, articoli di cronaca, testi funzionali, di scrittura, adattando il recensioni, commenti, narrativi e lessico, la struttura del argomentazioni) sulla base testo, l’impaginazione, le di modelli sperimentati, descrittivi legati soluzioni grafiche alla adeguandoli a situazione, L’incontro e la lettura di a scopi concreti forma testuale scelta e argomento, scopo, destinatario, libri illustrati, l’analisi dei e selezionando il registro più (per utilità integrando eventualmente adeguato. messaggi presenti personale,per il testo verbale con nell’ambiente incoraggiano materiali multimediali. comunicare con Utilizzare la videoscrittura il progressivo avvicinarsi altri, per ricordare, per i propri testi, del bambino alla lingua curandone l’impaginazione; Scrivere semplici testi regolativi scritta, e motivano un ecc.) e scrivere testi digitali (ad es. e- o progetti schematici per rapporto positivo con la connessi con l’esecuzione di attività (ad mail, post di blog, lettura e la scrittura. presentazioni), anche come situazioni esempio:regole di gioco, ricette, supporto all’esposizione orale. ecc.). quotidiane (contesto scolastico e/o familiare).Roberta Rigo 2012
  11. 11. Italiano – Scrivere come prodotto (3/7) L’unità di apprendimento è rivolta alla scrittura “come prodotto”, cioè L’unità di apprendimento è rivolta alla scrittura “come prodotto”, cioè alla composizione di testi differenti (verbali, misti, multimediali) per alla composizione di testi differenti (verbali, misti, multimediali) per diverse funzioni. diverse funzioni. L’obiettivo vuole favorire una riflessione sulle strutture di alcuni tipi L’obiettivo vuole favorire una riflessione sulle strutture di alcuni tipi testuali, sulle funzioni e sulle situazioni, concrete e autentiche, al testuali, sulle funzioni e sulle situazioni, concrete e autentiche, al fine di rendere le scelte testuali e linguistiche adeguate agli scopi fine di rendere le scelte testuali e linguistiche adeguate agli scopi comunicativi. comunicativi. L’utilizzo del computer, se da un lato rafforza l’apprendimento di L’utilizzo del computer, se da un lato rafforza l’apprendimento di diverse forme di scrittura, dall’altro apre anche alla ricerca, alla diverse forme di scrittura, dall’altro apre anche alla ricerca, alla sperimentazione e alla riflessione sulle caratteristiche particolari che sperimentazione e alla riflessione sulle caratteristiche particolari che assume la videoscrittura. assume la videoscrittura.Roberta Rigo 2012
  12. 12. Indicazioni Nazionali per il curricolo 2012 Italiano – Scrivere (4/7) “In tutto il primo ciclo il percorso di apprendimento della scrittura richiede tempi distesi, diversificazione delle attività didattiche e interdisciplinarità in quanto la produzione testuale si realizza in varie discipline. […] In particolare, l’insegnante di italiano fornisce le indicazioni essenziali per la produzione di testi per lo studio (ad esempio schema, riassunto, esposizione di argomenti, relazione di attività e progetti svolti nelle varie discipline), funzionali (ad esempio istruzioni, questionari), narrativi, espositivi e argomentativi. Tali testi possono muovere da esperienze concrete, da conoscenze condivise, da scopi reali, evitando trattazioni generiche e luoghi comuni.”Roberta Rigo 2012
  13. 13. Unità di apprendimento integrata (5/7) Fase n.1 costruire identità e profilo ITALIANO ARTE E IMMAGINE TECNOLOGIA OB: Utilizzare il computer OB: Esprimersi e comunicare esplorando funzioni e OB: Scrivere testi ricercando soluzioni creative potenzialità di forma diversa Rielaborando materiali di nuove applicazioni e utilizzando la videoscrittura per reperire, selezionare, diversi ed immagini progettare informazioni utiliRoberta Rigo 2012
  14. 14. Storia - Geografia – Scienze - Arte – Musica - Tecnologia Traguardi, obiettivi e verticalità (6/7)Individuare disciplina/e per integrare il quadro Traguardi scuola Traguardi scuola primaria Traguardi scuola dell’infanzia secondaria di I gr - specificazioni Ob termine cl. terza Ob termine cl. quinta Ob termine cl terza secondaria Roberta Rigo 2012
  15. 15. Referenziare CREARE una mappa di corrispondenza COMPETENZE CHIAVE (KC) 1 (7/7) tra CCB/KC COMPETEZE CULTURALI di BASE (CCB) COMUNIC COMUNIC COMPETEN COMPETEN IMPARA- COMPETEN SENSO DI CONSAPEVO AZIONE AZIONE ZA ZA RE AD ZE INIZIATI- LEZZA ED NELLA IN MATEMATI DIGITALE IMPARA- SOCIALI E VA E DI ESPRESSIO MADRE LINGUE CA E IN RE CIVICHE IMPRENDI NE LINGUA STRANIE CAMPO TORIALITÀ CULTURALI RE SCIENTIFI- CO E TECNOLO- relative alle discipline GICO 1 UA 2 UA …per inquadrare e referenziare le 3 unità di apprendimento UA (UA) … UA …Roberta Rigo 2012 [1] KC per l’apprendimento permanente – Comunità Europee 2007
  16. 16. Le tappe Laboratorio n.1: Laboratorio n.1: Alla frontiera. Entrare nel territorio del Web. Alla frontiera. Entrare nel territorio del Web. Costruire l’identità digitale Costruire l’identità digitale  Costruire la carta di identità (i passaggi obbligati)  Presentare se stessi – con responsabilità – nel social network (scegliere e decidere le informazioni e le immagini da lasciare nello specifico contesto di lavoro e di dialogo. Il gruppo e il singolo)Roberta Rigo 2012
  17. 17. Qualche possibile attività  Carta di identità nel web. Completamento e confronti con la CI.  Mostrare se stessi nel web: foto o altro?  Presentazione di se stesso  Acronimo  Intervista Nelle pagine della piattaforma puoi trovare: La carta didentità digitale e il personal branding Documentare in un social network Touch & move: dalla lim al tablet Perché e come progettare unità di apprendimento e compiti di realtà I documenti istituzionali di riferimento Schema per la progettazione di un’unità di apprendimentoRoberta Rigo 2012

×