Amedeo	  Lepore	  Università	  “Aldo	  Moro”	  di	  Bari	  –	  Luiss	  di	  Rom...
 “Il	  tema	  più	  affascinante	  di	  tu2a	  la	  ques4one	  meridionale	  è	  cos4tuito	  dallo	  studio	  delle	  origi...
L’Italia	  tra	  crisi	  e	  declino	  
L’Italia	  e	  l’innovazione.	  Il	  World	  Knowledge	  Compe44veness	  Index	  	  
Performance	  dell’innovazione	  nei	  Paesi	  europei	  Fonte:	  Commissione	  europea	  (2009),	  <www.proinno-­‐europe....
L’Italia	  perde	  compe44vità	  —  Nella	  classifica	  del	  World	  Economic	  Forum	  (rispetto	  al	  Growth	      Co...
La struttura industriale del sistema economico italiano     basata su molte piccole imprese è un limite?Secondo taluni SI ...
Gli ostacoli all’innovazione                                   delle Piccole Imprese1.    la	   difficoltà	   ad	   analizza...
Le	  poli4che	  di	  sviluppo.	  Ricerca	  e	  innovazione	  per	  la	  compe44vità	  
32	  
Tre	  Concetti	  /	  Obiettivi	  perseguiti	  dall’UE	                                COESIONE        Obiettivo politico c...
La	  “nuova”	  strategia	  di	  Lisbona	  	     	  	         LA CRESCITA ECONOMICA                                        ...
Quadro Strategico Nazionale           per la politica regionale di sviluppo 2007-2013  LE PRIORITA’Pesi percentuali delle ...
Quadro Strategico Nazionale            per la politica regionale di sviluppo 2007-2013                                    ...
Quadro Strategico Nazionale                         per la politica regionale di sviluppo 2007-2013Gli obiettivi specifici...
Quadro Strategico Nazionale                     per la politica regionale di sviluppo 2007-2013                       Per ...
PON - Programma Operativo Nazionale                       RICERCA E COMPETITIVITA’	   L’obiettivo è quello di individuare ...
Ricerca,	  innovazione	  e	  Mezzogiorno	  
Le	  valutazioni	  della	  SVIMEZ	  
L’open	  innova4on	  nell’economia	  della	  conoscenza	  	  
Fonte:	  http://xkcd.com/256/	  	  
L‘economia	  della	  conoscenza	                                                                          Intellectual	  C...
L‘open	  innovation	                                                              Intellectual	  Capital	                 ...
L‘open	  innovation	                                                     Intellectual	  Capital	                       Int...
L‘open	  innovation	  
Innovazione                        Open                                      tradizionale                    Innovation   ...
Dove si utilizza la Open Innovation
Il Mezzogiorno può rappresentare il terreno realeper lo sviluppo dell’open innovation,     come leva per la diffusione    ...
Crisi	  economica	  e	  ripresa	  del	  Mezzogiorno	  
 Le	  PMI	  del	  Mezzogiorno	  
Il	  Mezzogiorno	  	  nella	  crisi	  Si	  è	  affermata	  la	  convinzione	  che	  la	  crisi	  economica	     r i g u a r...
Il	  Mezzogiorno	  	  nella	  crisi	  	  Tra	   aprile	   2008	   e	   aprile	   2009	   l’occupazione	   si	   è	   ridot...
Andamento	  dell’occupazione	  nel	  Mezzogiorno	  e	  nel	  Centro-­‐Nord	  	          nel	  periodo	  2004-­‐2009	  (I	 ...
Il	  Mezzogiorno	  	  nella	  crisi	  —  La	  perdita	  di	  occupazione,	  pur	  riguardando	  tutti	  i	  settori,	    ...
La	  riapertura	  del	  divario	  di	  sviluppo	                    negli	  anni	  duemila	  	  La	  differenza	  tra	  le	...
Mezzogiorno                                                   2001 - 2008                                                 ...
Mezzogiorno                                                                  2001 - 2008                                  ...
La	  crisi	  come	  occasione	  
L’open	  innova0on	  come	  opportunità	     per	  il	  Mezzogiorno	  	  oltre	  la	  crisi	   	   Si	   tratta	   di	   p...
L’open	   innova0on	   rappresenta	   concretamente	  un’opportunità	  nuova	  per	  il	  Mezzogiorno,	  diversa	  dalla	 ...
Il	   Mezzogiorno	   ce	   la	   può	   fare,	  innovando	   la	   sua	   classe	   dirigente,	  sostenendo	   una	   nuov...
 Va	  ricordato	  “il	  presupposto	  formulato	  così	  dal	  Governatore	  Draghi:	  ‘Gli	  spazi	  di	  crescita	  sono...
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Mezzogiorno, impresa, innovazione
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Mezzogiorno, impresa, innovazione

361 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
361
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Mezzogiorno, impresa, innovazione

  1. 1.   Amedeo  Lepore  Università  “Aldo  Moro”  di  Bari  –  Luiss  di  Roma   CdA  SVIMEZ      
  2. 2.  “Il  tema  più  affascinante  di  tu2a  la  ques4one  meridionale  è  cos4tuito  dallo  studio  delle  origini,  della  stru2ura  e  delle  possibilità  di  rinnovamento  della  classe  dirigente  del  Mezzogiorno.    (…)  La  formazione  di  una  classe  dirigente  è  un  mistero  della  storia,  che  né  il  materialismo  né  l’idealismo  sono  ancora  riusci4  a  svelare.  Il  primo  non  è  andato  al  di  là  della  descrizione  delle  suddivisioni  economiche,  sociali  e  psicologiche  della  società;  il  secondo,  invece,  ignorando  assai  spesso  la  realtà  delle  cose  e  sos4tuendo  a  essa  supposte  ed  arbitrarie  realtà,  ci  ha  frequentemente  condoI  al  disastro.    La  formazione  di  una  classe  dirigente  è  perciò  un  mistero  divino  e  non  sarò  certo  io  ad  illudermi  sulla  possibilità  della  teoria  poli4ca  di  sos4tuire  efficacemente  la  filosofia.    Tu2avia,  non  credo  sia  presuntuoso  l’affermare  che  è  còmpito  proprio  della  teoria  poli4ca  ricostruire  a  grandi  linee  la  genesi  e  la  stru2ura  di  una  classe  dirigente,  per  influire,  in  tal  modo,  sulla  poli4ca  propriamente  de2a,  cioè  per  illuminare  l’azione  ed  aiutare  a  sorreggere  in  maniera  quanto  più  consapevole  è  possibile,  il  misterioso  processo  di  ricambio  tra  pensiero  e  realtà.    Solo  in  tal  modo,  le  grandi  corren4  poli4che  possono  acquistare  concretezza,  e,  pur  adornandosi  di  quei  leggiadri  veli,  che  formano  il  tessuto  fondamentale  delle  ideologie,  riescono  a  saggiare  vi2oriosamente  la  loro  forza  di  espansione  nel  mondo.    Questo  lavoro  di  autocoscienza  e  di  auto-­‐orientamento  è  poi  addiri2ura  urgente  per  le  èlites  di  avanguardia  del  Mezzogiorno,  poiché,  in  ques4  prossimi  mesi,  esse  avranno  la  non  invidiabile  responsabilità  di  decidere  il  des4no  dell’intero  popolo  meridionale,  forse  per  un  periodo  di  tempo  tanto  lungo  quanto  quello  trascorso  dai  primordi  dell’unificazione  nazionale  fino  ad  oggi”.    (G.  Dorso,  Di#atura,  classe  poli0ca  e  classe  dirigente,  Bari,  Laterza,  1986,  p.  7)  
  3. 3. L’Italia  tra  crisi  e  declino  
  4. 4. L’Italia  e  l’innovazione.  Il  World  Knowledge  Compe44veness  Index    
  5. 5. Performance  dell’innovazione  nei  Paesi  europei  Fonte:  Commissione  europea  (2009),  <www.proinno-­‐europe.eu/metrics>  
  6. 6. L’Italia  perde  compe44vità  —  Nella  classifica  del  World  Economic  Forum  (rispetto  al  Growth   Competitiveness  Index)  l’Italia  nel  2005  “consolida”  il  47°  posto,  dietro  la   Grecia,  tutti  i  Paesi  dell’UE  15,  e  appena  avanti  il  Botswana  —  Secondo  l’indice  di  Innovazione  della  Commissione  Europea,  nel  2005  l’Italia   permane  in  una  posizione  di  retroguardia,  inferiore  alla  media  dei  Paesi  UE   15  e  anche  UE  25.  —  Le  stesse  valutazioni  sono  affermate  negli  studi  di  altri  Istituti  indipendenti   (come  la  Fondazione  Rosselli,  l’Economist  Intelligence  Unit,  …)    che   classificano  l’Italia  sempre  dietro  i  maggiori  Paesi  Industrializzati  e  in   pericolosa  stasi  (se  non  in  regressione).   11  
  7. 7. La struttura industriale del sistema economico italiano basata su molte piccole imprese è un limite?Secondo taluni SI perché le imprese grandi trainano l’export el’innovazioneSecondo altri NO: il limite è dato dal fatto che le nostre piccole emedie imprese devono specializzarsi e posizionarsi meglio sulmercato.OCCORRE DISTINGUERE A SECONDA DEI SETTORI:-  nei settori high-tech e nei settori dove la dimensione, e le economiedi scala contano, conta la dimensione-  laddove occorre forte specializzazione, qualità, design, creatività lapiccola impresa può essere competitiva e eventualmente connessa aimpresa più grandi.
  8. 8. Gli ostacoli all’innovazione delle Piccole Imprese1.  la   difficoltà   ad   analizzare,   conoscere   e   valutare   il   ruolo   che   l’innovazione   tecnologica   può   svolgere   per   il   miglioramento   dei   processi   interni   e   nei   confronti   degli   interlocutori   esterni  con  l’aumento  della  produttività  e  della  competitività;  2.  una  insufficiente  conoscenza  e  disponibilità  di  strumenti  e  finanziamenti  disponibili,   sia  in  termini  sostanziali  (incapacità  ad  individuare  progetti  adeguati  e  sostenibili),  sia  in   termini  formali  (modulistica,  tempistica,  adempimenti  formali);  3.  l’assenza   di   una   fase   di   monitoraggio   e   valutazione   degli   investimenti   nella   fase   di   “cantiere”  e  nella  fase  di  “gestione”;  4.  sul   fronte   della   “conoscenza”:   una   bassa   capacità   di   reperimento   degli   skill   necessari,   una   scarsa   propensione   alla   ricerca   e   sviluppo,   una   bassa   disponibilità   e   propensione   alla   collaborazione   con   altre   imprese,   con   il   mondo   accademico   e   con   i   centri   di   competenza  
  9. 9. Le  poli4che  di  sviluppo.  Ricerca  e  innovazione  per  la  compe44vità  
  10. 10. 32  
  11. 11. Tre  Concetti  /  Obiettivi  perseguiti  dall’UE   COESIONE Obiettivo politico che tutte le istituzioni sono chiamate a perseguire, allo scopo di ridurre le differenze tra i territori dell’UE e garantire livelli accettabili di crescita e sviluppo equi per tutti CONVERGENZA Processo di coinvolgimento di tutti gli operatori economici, in particolare impresa e mercato, e sociali all’elaborazione di un metodo che consenta di realizzare questi obiettivi INTEGRAZIONE Sintesi, sotto una dimensione temporale, della coesione politica e della convergenza ecomonica
  12. 12. La  “nuova”  strategia  di  Lisbona         LA CRESCITA ECONOMICA L’OCCUPAZIONE occorre Conoscenza Elaborare politiche che Rendere l’Europa più capace consentano alle imprese europee e innovazione devono di attrarre di creare nuovi e rappresentare il fulcro della investimenti e lavoro migliori posti di lavoro crescita europea
  13. 13. Quadro Strategico Nazionale per la politica regionale di sviluppo 2007-2013 LE PRIORITA’Pesi percentuali delle dieci priorità del QSN1. Miglioramento e valorizzazione delle risorse umane 9,0 di cui: istruzione 5,02. Promozione, valorizzazione e diffusione della ricerca e dellinnovazione per la competitività 14,03. Uso sostenibile ed efficiente delle risorse ambientali per lo sviluppo 15,8 di cui: energia rinnovabile e risparmio energetico (interreg.) 2,84. Inclusione sociale e servizi per la qualità della vita e lattrattività territoriale 8,8 di cui: sicurezza (PON) 1,45. Valorizzazione delle risorse naturali e culturali per lattrattività per lo sviluppo 9,0 di cui: attrattori culturali, naturali e turismo (interreg) 2,36. Reti e collegamenti per la mobilità 17,07. Competitività dei sistemi produttivi e occupazione 16,08. Competitività e attrattività delle città e dei sistemi urbani 7,29. Apertura internazionale e attrazione di investimenti, consumi e risorse 1,210 Governance, capacità istituzionali e mercati concorrenziali e efficaci 2,0 Totale 100,0
  14. 14. Quadro Strategico Nazionale per la politica regionale di sviluppo 2007-2013 Priorità 2. Promozione, valorizzazione e diffusione della Ricerca e dell’Innovazione per la competitivitàObiettivi generali Rafforzare e valorizzare l’intera filiera della ricerca e le reti di cooperazione tra il sistema della ricerca e le imprese, per contribuire alla competitività e alla crescita economica. Promuovere e sostenere la massima diffusione e l’utilizzo di nuove tecnologie e servizi avanzati. Innalzare il livello delle competenze e delle conoscenze scientifiche e tecnologiche nel sistema produttivo e nelle Istituzioni.
  15. 15. Quadro Strategico Nazionale per la politica regionale di sviluppo 2007-2013Gli obiettivi specifici sono otto: Qualificare in senso innovativo l’offerta di ricerca, favorendo la creazione di reti fra Università, Centri di Ricerca e il mondo della produzione e sviluppando meccanismi a un tempo concorrenziali e cooperativi in grado di assicurare fondi ai ricercatori più promettenti. Valorizzare competenze e funzioni di mediazione per superare i limiti di tipo relazionale e organizzativo tra gli attori del sistema della ricerca e dell’innovazione. Aumentare la propensione delle imprese a investire in ricerca e innovazione, sviluppando un’offerta diversificata e innovativa di strumenti finanziari. Valorizzare il capitale umano per favorire processi di ricerca e innovazione, promuovendo l’attrazione di investimenti, talenti e l’assorbimento di risorse umane da parte del sistema delle imprese e favorendo una migliore e più intensa interazione fra queste ultime e le Università e i Centri di Ricerca e di Sviluppo Tecnologico. Valorizzare la capacità di ricerca, trasferimento e valorizzazione dell’innovazione da parte delle Regioni tramite la cooperazione territoriale. Sviluppare contenuti, applicazioni e servizi digitali avanzati e accrescerne la capacità di utilizzo, l’accessibilità e la fruibilità anche attraverso adeguata promozione dell’offerta. Sostenere la promozione di servizi pubblici moderni e rafforzare i processi di innovazione della Pubblica Amministrazione nei confronti delle nuove Tecnologie dell’Informazione e Comunicazione. Garantire a cittadini, imprese e Pubblica Amministrazione l’accesso alle reti, riducendo il divario infrastrutturale riguardante la banda larga nelle aree remote e rurali (aree deboli/marginali).
  16. 16. Quadro Strategico Nazionale per la politica regionale di sviluppo 2007-2013 Per le Regioni dell’obiettivo Convergenza è stato approvato il PON - Programma Operativo Nazionale RICERCA E COMPETITIVITA’   Nel complesso al PON sono state assegnate risorse comunitarie FESR pari a Euro3.102.696.821 e pubbliche nazionali di pari importoda destinare ad interventi a favore delle Regioni dell’obiettivo Convergenza(Campania, Sicilia, Puglia, Calabria) coerenti con le finalità delle Priorità del QSN: —  Promozione, valorizzazione e diffusione della Ricerca e dell’innovazione per la competitività; —  Competitività dei sistemi produttivi e occupazione; —  Apertura internazionale e attrazione di investimenti, consumi e risorse.Sono destinate alla attuazione delle politiche centrali ulteriori 7.759,4 Meuro, cheportano a circa 14 miliardi di Euro la dotazione pubblica comunitaria e nazionale dadestinate al sostegno della ricerca e della competitività nelle aree sottoutilizzate, dicui oltre il 92% da spendere nelle Regioni della Convergenza.
  17. 17. PON - Programma Operativo Nazionale RICERCA E COMPETITIVITA’   L’obiettivo è quello di individuare le tecnologie chiave per ciascuna delle areetecnologico-produttive giudicate strategiche e di tentare di stimare il loro potenzialedi utilizzo nelle quattro Regioni Convergenza.
  18. 18. Ricerca,  innovazione  e  Mezzogiorno  
  19. 19. Le  valutazioni  della  SVIMEZ  
  20. 20. L’open  innova4on  nell’economia  della  conoscenza    
  21. 21. Fonte:  http://xkcd.com/256/    
  22. 22. L‘economia  della  conoscenza   Intellectual  Capital   Intellectual  Capital   Intellectual  Capital   Intellectual  Capital   Intellectual  Capital   Intellectual  Capital  Converged  people:     Converged   Converged  content,  Social  networking,  Blogs,   communications:     data  &  applications:    Wikis,  Personas,  Knowledge   VOIP,  advanced   RSS,  Widgets,  Situational  communities   collaboration,     Applications,     Digital  Assistants,  RSS   Dashboards,    Online   Media  Analysis   Intellectual  Capital   Intellectual  Capital   Intellectual  Capital   Intellectual  Capital   Intellectual  Capital  
  23. 23. L‘open  innovation   Intellectual  Capital   Intellectual  Capital   Intellectual  Capital   Intellectual  Capital   Intellectual  Capital   Intellectual  Capital  Open  innovation  è  un  termine  coniato  da  Henry  Chesbrough,  per  indicare  un  nuovo  paradigma  dell’innovazione  industriale,  ma,  più  in  generale,  una  visione  aggiornata  della  diffusione  e  gestione  della  conoscenza  a  livello  globale.  In  un  mondo  sempre  più  aperto,  grazie  alla  generalizzazione  delle  reti  e  delle  connessioni  in  tempo  reale,  diventa  possibile  non  solo  la  fruizione  senza  limitazioni  delle  fonti  universali  della  conoscenza,  ma  anche  l’avvio  di  un  processo  di  partecipazione  alla  costruzione  del  sapere,  che  veda  coinvolti  contemporaneamente  gli  utenti  di  Internet,  gli  esperti  e  gli  interessati  ad  una  determinata  tematica.     Intellectual  Capital   Intellectual  Capital   Intellectual  Capital   Intellectual  Capital   Intellectual  Capital  
  24. 24. L‘open  innovation   Intellectual  Capital   Intellectual  Capital   Intellectual  Capital  In  sintesi,  quello  che  viene  definito  come  crowdsourcing  -­‐  una  parola  che  non  ha  ancora  un  corrispettivo  nella  lingua  italiana  e  che  sta  a  indicare  un  modello  di  attività,  nel  quale  un’azienda  o  un’istituzione  richiede  lo  sviluppo  di  un  progetto,  di  un  servizio  o  di  un  prodotto  ad  un  insieme  decentrato  di  persone,  attraverso  lo  strumento  del  web  -­‐  rappresenta  la  frontiera  più  avanzata  e,  allo  stesso  tempo,  semplice  dello  sviluppo  dei  collegamenti  telematici.  I  creatori  e  i  realizzatori  di  un’idea,  di  un’innovazione  o  anche  di  uno  scambio  di  conoscenze  non  sono  più  un  numero  molto  ristretto  di  ricercatori,  chiusi  in  un  ufficio  aziendale,  magari  denominato  di  “ricerca  e  sviluppo”,  ma  diviene  la  popolazione  di  Internet,  ovvero  le  competenze  e  i  cervelli  diffusi  su  territori  reali  molto  ampi,  che  nel  sistema  virtuale  possono  essere  facilmente  raccolti,  connessi  tra  loro  e  messi  in  grado  di  interagire  per  la  soluzione  di  problemi  o,  quanto  meno,  per  la  loro  individuazione.     Intellectual  Capital   Intellectual  Capital  
  25. 25. L‘open  innovation  
  26. 26. Innovazione Open tradizionale Innovation Le menti più brillanti del Poiché i cervelli migliori settore non lavorano tutti nella lavorano nella nostra nostra azienda, è azienda. necessario cercare la collaborazione di persone "illuminate" sia dentro sia fuori lazienda. Per approfittare al massimo Larea R&S esterna dei vantaggi dellarea genera notevole valore Ricerca e Sviluppo occorre per lazienda; larea R&S trovare soluzioni innovative, interna contribuisce in svilupparle e parte alla creazione del commercializzarle senza valore aziendale. chiedere lintervento di persone esterne allazienda. Unazienda è vincente Unazienda è vincente quando trova e mette a quando utilizza in modo punto idee rivoluzionarie efficace le ideeFonte:  www.wikipedia.org   nel proprio ambito di provenienti da dentro e attività. fuori lazienda.
  27. 27. Dove si utilizza la Open Innovation
  28. 28. Il Mezzogiorno può rappresentare il terreno realeper lo sviluppo dell’open innovation, come leva per la diffusione del sistema d’impresa
  29. 29. Crisi  economica  e  ripresa  del  Mezzogiorno  
  30. 30.  Le  PMI  del  Mezzogiorno  
  31. 31. Il  Mezzogiorno    nella  crisi  Si  è  affermata  la  convinzione  che  la  crisi  economica   r i g u a r d i   s o p r a t t u t t o   i l   C e n t r o -­‐ N o r d .   U n   convincimento   tanto   diffuso   e   radicato,   quanto   lontano  dalla  realtà.    La   situazione   che   emerge   del   mercato   del   lavoro   meridionale  è  invece  drammatica.  Nel  Mezzogiorno   vengono   escluse   fasce   crescenti   di   popolazione,   soprattutto  giovane,  dal  mercato  del  lavoro.    
  32. 32. Il  Mezzogiorno    nella  crisi    Tra   aprile   2008   e   aprile   2009   l’occupazione   si   è   ridotta   di   271   mila   unità,   -­‐4,1%;   contrazione   assai   più   sostenuta   di   quella   registrata   nelle   regioni   del   Centro-­‐Nord  (-­‐107  mila  unità,  pari  -­‐0,6%).      Il   tasso   di   occupazione   della   popolazione   in   età   da   lavoro   si   è   ridotto   dal   47%   al   45%;   quello   femminile   dal   31,8%   al   30,7%,   confermandosi   uno   dei   più   bassi   tra  tutte  le  regioni  dell’Unione  europea.    
  33. 33. Andamento  dell’occupazione  nel  Mezzogiorno  e  nel  Centro-­‐Nord     nel  periodo  2004-­‐2009  (I  trim.  2004  uguale  a  100)  110,0108,0106,0104,0102,0100,0 98,0 96,0 I II III IV I II III IV I II III IV I II III IV I II III IV I II 2004 2004 2004 2004 2005 2005 2005 2005 2006 2006 2006 2006 2007 2007 2007 2007 2008 2008 2008 2008 2009 2009 Mezzogiorno Centro-Nord
  34. 34. Il  Mezzogiorno    nella  crisi  —  La  perdita  di  occupazione,  pur  riguardando  tutti  i  settori,   risulta  di  estrema  gravità  soprattutto  nel  comparto   industriale,  dove  la  flessione  registrata  nei  primi  due   trimestri  del  2009  è  stata  mediamente  al  Sud  del  7,9%  (-­‐71   mila  addetti  industriali),  con  punte  del  -­‐14,4%  in   Basilicata,  del  -­‐9,7%  in  Campania  e  del  -­‐8,7%  in  Puglia.      —  L’apparato  produttivo  meridionale  somma  all’inversione   ciclica  debolezze  strutturali  (specialmente  in  settori   tradizionali  quali  il  tessile  e  l’abbigliamento)  che   affondano  le  loro  radici  nel  tempo  e  che  si  aggravano   nell’attuale  congiuntura.  
  35. 35. La  riapertura  del  divario  di  sviluppo   negli  anni  duemila    La  differenza  tra  le  due  aree  appare  particolarmente  rilevante   se  letta  nel  medio  periodo:  tra  il  2002  e  il  2008  il  PIL  è  cresciuto   del  5,6%  in  termini  reali  nel  Centro-­‐Nord  e  del  2,2%  nel  Sud.   Ciò  vuol  dire  che  se  la  contrazione    attesa  per  il  2009  dovesse   riguardare  in  egual  misura  le  due  ripartizioni,  il  Prodotto   interno  lordo  meridionale  tornerebbe  al  di  sotto  dei  livelli  che   aveva  10  anni  fa.  
  36. 36. Mezzogiorno 2001 - 2008 Cumulata 2,3 1,7 Mezzogiorno Nord Centro- 0,4 0,5 0,9 0,4 -0, -1, 7,9 3 1 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 5,0Centro-Nord 1,8 2,1 1,7 1,8 0,8 0,5 0,0 -1, 0 TASSI ANNUI DI VARIAZIONE % DEL PIL NEGLI ANNI 2000
  37. 37. Mezzogiorno 2001 - 2008 Cumulata 4,5 Mezzogiorno Centro-3,5 2,9 Nord 2,3 1,1 -2, -0, -2, 1 3 8 11,02001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 9,3Centro-Nord 5,8 2,4 2,3 2,4 2,3 1,2 -2, -3, 6 0 TASSI ANNUI DI VARIAZIONE % DEGLI INVESTIMENTI FISSI LORDI TOTALI
  38. 38. La  crisi  come  occasione  
  39. 39. L’open  innova0on  come  opportunità   per  il  Mezzogiorno    oltre  la  crisi     Si   tratta   di   puntare   alla   realizzazione   di   un’aggregazione   delle   capacità   creative,   degli   ingegni   e   delle   conoscenze   del  Mezzogiorno,  che  sia  in  grado  di  portare  a  sistema  una   delle   caratteristiche   peculiari   e,   finora,   disperse   di   questa   parte   del   paese.   In   questo   modo,   le   esigenze   di   acquisizione  del  sapere,  all’interno  della  produzione,  nelle   istituzioni   e,   perfino,   a   livello   individuale,   potrebbero   trovare   una   potente   connessione   e   un   moltiplicatore   di   convenienze,   smuovendo   il   Sud   dal   torpore   e   facendolo   tornare  protagonista  del  suo  destino.  
  40. 40. L’open   innova0on   rappresenta   concretamente  un’opportunità  nuova  per  il  Mezzogiorno,  diversa  dalla   pura   e   semplice   mitologia   della   piccola  dimensione,   perché   si   muove   in   una   logica  sistemica,   di   aggregazione   e   di   crescita  esponenziale   delle   aQvità   di   impresa,   come  “massa  criRca”  in  un  nuovo  mercato.  
  41. 41. Il   Mezzogiorno   ce   la   può   fare,  innovando   la   sua   classe   dirigente,  sostenendo   una   nuova   fase   delle  strategie   nazionali   per   il   Sud   e  valorizzando  la  rete  dei  suoi  talenR  e  delle  sue  imprese.  
  42. 42.  Va  ricordato  “il  presupposto  formulato  così  dal  Governatore  Draghi:  ‘Gli  spazi  di  crescita  sono  molto  più  ampi  al  Sud  che  al  Nord.  Azioni  volte  a  sfruttarli  possono  dare  un  contributo  decisivo  al  rilancio  di  tutta  leconomia  italiana’.  Si  tratta  (…)  di  un  concreto  interesse  nazionale,  oltre  che  di  un  imperativo  storico  e  politico,  quello  della  coesione  del  paese”.      “Ma  se  è  vero  che  simpone  un  grande  sforzo  comune  per  sostenere  la  crescita  economica  del  paese,  può  questo  obbiettivo  generale  essere  perseguito  senza  tener  conto  dei  limiti  e  delle  potenzialità  che  il  Mezzogiorno  rappresenta,  e  rinviando  a  non  si  sa  quale  "dopo"  azioni  specificamente  rivolte  a  far  leva  sugli  "spazi  di  crescita"che  ci  sono  al  Sud?  Non  dovrebbe  ogni  intervento  pubblico  anti-­‐crisi  mirare  anche  e  in  particolare  al  Mezzogiorno,  che  già  soffre  di  condizioni  di  persistente  arretratezza  e  le  cui  popolazioni  soffrono  di  un  più  forte  disagio  sociale?”.      (Dall’intervento  del  Presidente  della  Repubblica,  Giorgio  Napolitano,  al  convegno  "Mezzogiorno,  Innovazione  e  Sviluppo",  Napoli,  01/12/2008)  

×