UNA NUOVA STRATEGIA PER L’AREAMETROPOLITANA DI NAPOLI   Amedeo Lepore
"Io pur venni a Napoli gentile e da bene, il cui sito a me paremeraviglioso e il più bello ch’io vedessi mai, perché io no...
L’economia di Napoli nelsecondo cinquantennio delNovecento     Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Napoli nella storia     Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Napoli nella competizioneeuropea delle città     Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Napoli nel contesto globale     Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Napoli in un quadrocomparativo     Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Napoli nel contesto nazionalee oltre     Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Passare da un’analisi di questo tipo all’individuazione delle soluzioni non èsemplice, ma credo che, perlomeno, un metodo ...
Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Far fronte alle gravi contraddizioni di quest’area è ormai inevitabile, anche difronte alla prospettiva del federalismo fi...
Insomma, pur trattandosi di una riflessioneappena abbozzata, solo con l’analisi dei fatti sipuò contribuire alla definizio...
FineUna nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
Una nuova strategia per l'area metropolitana di napoli
Una nuova strategia per l'area metropolitana di napoli
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Una nuova strategia per l'area metropolitana di napoli

381 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
381
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Una nuova strategia per l'area metropolitana di napoli

  1. 1. UNA NUOVA STRATEGIA PER L’AREAMETROPOLITANA DI NAPOLI Amedeo Lepore
  2. 2. "Io pur venni a Napoli gentile e da bene, il cui sito a me paremeraviglioso e il più bello ch’io vedessi mai, perché io non hoveduto città ch’abbia dall’un de’ lati il monte e dall’altro le batti ilmare, come fa questa; ed anche per altre sue particolarità, che tutteinsieme e ciascuna per sé la fanno parere mirabile. Ma perchédovete sapere che la natura non vuole, né si conviene (...) ‘per farricco un, por gli altri in povertate’, quando l’ebbe molte delle sue dotipiù care concedute, le parve di ristringer la mano, affine che l’altrecittà non le mandassero loro ambasciatori a dolersi con esso lei ditanta parzialità, e propose fra se stessa di dare questo paradiso adhabitare a diavoli; e così come aveva proposto, mandò adeffetto” (Bernardino Daniello, lettera da Napoli ad Alessandro Corvino,1539) Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  3. 3. L’economia di Napoli nelsecondo cinquantennio delNovecento Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  4. 4. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  5. 5. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  6. 6. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  7. 7. Napoli nella storia Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  8. 8. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  9. 9. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  10. 10. Napoli nella competizioneeuropea delle città Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  11. 11. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  12. 12. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  13. 13. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  14. 14. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  15. 15. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  16. 16. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  17. 17. Napoli nel contesto globale Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  18. 18. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  19. 19. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  20. 20. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  21. 21. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  22. 22. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  23. 23. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  24. 24. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  25. 25. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  26. 26. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  27. 27. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  28. 28. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  29. 29. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  30. 30. Napoli in un quadrocomparativo Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  31. 31. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  32. 32. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  33. 33. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  34. 34. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  35. 35. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  36. 36. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  37. 37. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  38. 38. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  39. 39. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  40. 40. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  41. 41. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  42. 42. Napoli nel contesto nazionalee oltre Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  43. 43. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  44. 44. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  45. 45. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  46. 46. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  47. 47. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  48. 48. Passare da un’analisi di questo tipo all’individuazione delle soluzioni non èsemplice, ma credo che, perlomeno, un metodo di analisi efficace possa essere quellodi tipo comparativo fin qui impiegato e che alcuni elementi di conoscenza piùapprofondita siano stati, in qualche modo, indicati. Per affrontare la situazione di Napoli, nel quadro complessivo delineato, nonesistono ricette miracolose, ma l’individuazione di alcuni campi strategici di azione.Da un lato, “strategici”, perché occorre muoversi in una logica di medio, lungoperiodo: cioè, deve maturare, per questa città, la consapevolezza di u n impegno dilunga lena. D’altro canto, “campi di azione”, perché solo attraverso la messa asistema di iniziative e misure di diversa natura, non solo di natura localistica, èpossibile risalire la china. Dalle analisi precedenti - pur non avendo sottolineato compiutamente i puntirelativi alle opportunità, non sono solo storiche, ma anche attuali e fattuali, dato i lcarattere delle valutazioni prescelto, di tipo prevalentemente comparativo e di livellointernazionale - emergono alcuni punti di riferimento, che sono stati sviluppati, direcente, in un convegno della SVIMEZ dal titolo “Scelte strategiche e prioritàoperative per lo sviluppo di Napoli e delle grandi aree urbane del Mezzogiorno”, digrande importanza, ma troppo trascurato, in re lazione alla qualità e alla capacitàinnovativa dell’elaborazione avviata.Quella relativa alla creazione di valore nelle città del Mezzogiorno è una tematica digrande interesse, che richiede applicazione e tenacia. Io credo che sia possibileoperare, produrre una speranza per il futuro, un’iniziativa e un disegno di questaportata, solo se si riuscirà a mettere a sistema un’autonoma capacità di interventopropulsivo in questa realtà, lontano dal mito dell’autosufficienza, dall’idea, prevalsanell’ultimo quindicennio, che il Mezzogiorno e Napoli avessero risolto i loroproblemi. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  49. 49. Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  50. 50. Far fronte alle gravi contraddizioni di quest’area è ormai inevitabile, anche difronte alla prospettiva del federalismo fiscale. Tuttavia, occorrono anche diversiindirizzi di governo, che interpretino il federalismo fiscale non semplicemente comeuna clava contro Napoli e il Mezzogiorno, ma in una maniera originale, equilibrata,competitiva. E, poi, occorre un progetto di trasformazione economica einfrastrutturale, che alletti gli interventi esterni e renda possibile una nuova capacitàdi attrazione degli investimenti, nuove forme di agglomerazione economica a livelloterritoriale, con l’obiettivo di costruire un mercato vero in questa realtà. Occorre un nuovo protagonismo della società civile, perlomeno delle parti piùconsapevoli di essa, finora troppo frammentate e divise. Ma, soprattutto, sononecessari due altri fattori: una buona amministrazione e un a nuova dimensioneculturale. Il buongoverno è il fattore decisivo, che deve partire dalla riforma delleistituzioni locali, facendo ritrarre la politica dalla gestione e dando, al contrario, piùspazio all’indirizzo strategico e al controllo delle amministrazioni, conferendo, poi, alruolo delle strutture dello Stato, di apparati pubblici ampiamente rinnovati, il valoreprimario di responsabilità e di guida per una condotta sempre più efficiente edefficace, volta alla operatività e al cambiamento. Quest’obiettivo generale si legaall’esigenza irrinunciabile di dare luogo, nel nostro territorio, al ricambio profondo diuna classe dirigente bloccata, che non è stata in g rado trasformare Napoli e laCampania in una realtà dinamica e moderna.L’altro elemento fondamentale è rappresentato da un nuovo approccio culturale, ingrado di scongiurare la dispersione e la perdita del potenziale di Napoli, fatto dicapitale sociale, di uomini e donne in carne ed ossa, di risorse innovative e dieccellenze. È, infatti, indispensabile avviare la costruzione, attraverso un’iniziativaprofonda, di una nuova consapevolezza, indirizzata alla crescita della cultura, delsenso di comunità e di appartenenza, di un’idea della responsabilità e dell’assunzionedel rischio. Tutte caratteristiche labili storicamente e scarsamente diffuse nel tessutocivile napoletano. Vanno fatte crescere con intelligenza e azione . Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  51. 51. Insomma, pur trattandosi di una riflessioneappena abbozzata, solo con l’analisi dei fatti sipuò contribuire alla definizione di un progettocredibile per la conurbazione metropolitana. Laripresa di un ruolo di leadership da partequest’area richiede scelte strategiche di grandecoraggio, che non posso essere solo di caratterelocale: l’impegno di una nuova classe dirigentedi questa parte del paese deve unirsi allaconsapevolezza di tutto il paese che Napoli puòuscire dal tunnel del declino solo se vieneinterpretata come una risorsa e come lametropoli-guida del processo di ripresadell’intero Mezzogiorno.Una nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli
  52. 52. FineUna nuova strategia per l’area metropolitana di Napoli

×