matematica laboratoriale

10,101 views

Published on

materiale per il terzo incontro del Corso di didattica della matematica - Gorizia, gennaio/febbraio 2010

Published in: Education, Technology
0 Comments
6 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
10,101
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
397
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
6
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Presentazione dei tutor - anche scuole di appartenenza Presentazione dei corsisti – scuole di appartenenza a cura di Flavia Giannoli
  • a cura di Flavia Giannoli
  • a cura di Flavia Giannoli
  • a cura di Flavia Giannoli
  • a cura di Flavia Giannoli
  • a cura di Flavia Giannoli
  • a cura di Flavia Giannoli
  • a cura di Flavia Giannoli
  • a cura di Flavia Giannoli
  • a cura di Flavia Giannoli
  • a cura di Flavia Giannoli
  • matematica laboratoriale

    1. 1. MATEMATICA LABORATORIALE, NON “DI LABORATORIO” A cura di Flavia Giannoli Laboratorio Formazione Gorizia, 30 gennaio 2010
    2. 2. INDICE <ul><li>Apprendimento come Processo </li></ul><ul><li>Matematica del cittadino - UMI 2001 </li></ul><ul><li>Progettazione delle attività </li></ul><ul><li>Opportunità di aggiornamento </li></ul><ul><li>Link utili </li></ul>
    3. 3. <ul><li>Apprendimento </li></ul><ul><li>come processo </li></ul>
    4. 4. LA DIDATTICA NON SI “IMPROVVISA” <ul><li>Per far conseguire un apprendimento realmente significativo è necessario un progetto di ampio respiro, che garantisca agli allievi la possibilità di costruzioni di significato per gli oggetti di insegnamento-apprendimento. E’ quindi raccomandabile : </li></ul><ul><li>definire i dettagli del processo mediante la stesura della programmazione didattica del percorso che si intende seguire </li></ul><ul><li>seguire la logica di una didattica prolungata nel tempo ed interconnessa nelle sue singole parti e tappe. </li></ul>Gorizia, 28/01/10 A cura di Flavia Giannoli
    5. 5. GLI ALLIEVI NON POSSO ESSERE CONSIDERATI “POLLI DA ALLEVAMENTO” <ul><li>Il conseguimento delle competenze e conoscenze richiede tempo e partecipazione attiva degli allievi al progetto formativo. </li></ul><ul><li>I ritmi dell'azione di insegnamento-apprendimento devono essere adeguati alle reali esigenze degli allievi: </li></ul><ul><ul><li>non possono essere dettati da progetti didattici caratterizzati da un'eccessiva segmentazione dei contenuti nella quale si perda l’organicità della disciplina. </li></ul></ul><ul><ul><li>o da una visione modulare esasperata, che presupponga totale indipendenza degli argomenti fra loro . </li></ul></ul>Gorizia, 28/01/10 A cura di Flavia Giannoli
    6. 6. TRA IL “DIRE” ED IL “FARE”… <ul><li>Grande importanza come mediatori nei processi di acquisizione di conoscenza e nel supporto alla comprensione del nesso tra idee matematiche e cultura, assumono: </li></ul><ul><ul><li>i contesti ludici </li></ul></ul><ul><ul><li>gli strumenti semplici come i materiali manipolabili (ad es., il compasso o il righello), </li></ul></ul><ul><ul><li>gli strumenti tecnologici più complessi come le calcolatrici o alcuni software (ma anche le 'macchine', nel senso più ampio del termine, dagli orologi al distributore di bibite, ecc) </li></ul></ul>Gorizia, 28/01/10 A cura di Flavia Giannoli
    7. 7. <ul><li>Matematica </li></ul><ul><li>del “cittadino” </li></ul>
    8. 8. <ul><li>L’APPRENDIMENTO </li></ul><ul><li>è il prodotto di una costruzione attiva da parte del soggetto; </li></ul><ul><li>è strettamente collegato alla situazione concreta in cui avviene l'apprendimento; </li></ul><ul><li>nasce dalla collaborazione sociale e dalla comunicazione interpersonale. </li></ul>Matematica per il cittadino http://umi.dm.unibo.it/area_download--37.html a cura di Flavia Giannoli Gorizia, 28/01/10
    9. 9. CONTENUTI, CONTESTI E PROCESSI <ul><li>Tutte le attività propongono una modalità nella quale sono intrecciati tre aspetti fondamentali: </li></ul><ul><li>Contenuti disciplinari (conoscenze). </li></ul><ul><li>Situazioni (contesti) in cui i problemi sono posti e che vengono utilizzati come sorgenti di stimoli materiali per gli allievi. </li></ul><ul><li>Processi (competenze) che l’allievo deve attivare per collegare la situazione problematica affrontata con i contenuti matematici da veicolare. </li></ul>
    10. 10. NUCLEI TEMATICI FONDAMENTALI <ul><li>Numeri </li></ul><ul><li>Geometria </li></ul><ul><li>Relazioni e Funzioni </li></ul><ul><li>Dati e previsioni </li></ul>A cura di Flavia Giannoli Gorizia, 30 gennaio 2010
    11. 11. <ul><li>Fanno riferimento ad alcune tipologie fondamentali, identiche in diverse proposte curricolari: </li></ul><ul><ul><ul><li>Situazioni personali e familiari </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Situazioni scolastiche o di lavoro </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Situazioni pubbliche </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Situazioni scientifiche </li></ul></ul></ul>SITUAZIONI E CONTESTI a cura di Flavia Giannoli Gorizia, 30 gennaio 2010
    12. 12. <ul><li>Sono legati alle competenze degli allievi: queste ultime consistono nella capacità di individuare tra le conoscenze possedute quelle opportune per affrontare una certa situazione problematica e di saperle utilizzare in forma mirata alla soluzione del problema proposto. </li></ul>PROCESSI a cura di Flavia Giannoli Gorizia, 28/01/10
    13. 13. <ul><li>Misurare </li></ul><ul><li>Risolvere e porsi problemi </li></ul><ul><li>Argomentare, congetturare, dimostrare </li></ul>NUCLEI TRASVERSALI PER I PROCESSI a cura di Flavia Giannoli Gorizia, 28/01/10
    14. 14. <ul><li>Un’attività didattica può essere considerata significativa se: </li></ul><ul><ul><li>consente l’introduzione motivata di strumenti culturali della matematica per studiare fatti e fenomeni attraverso un approccio quantitativo , </li></ul></ul><ul><ul><li>contribuisce alla costruzione dei loro significati </li></ul></ul><ul><ul><li>e dà senso al lavoro riflessivo su di essi . </li></ul></ul><ul><li>F.Arzarello </li></ul>a cura di Flavia Giannoli Gorizia, 28/01/10
    15. 15. PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA’ <ul><li>Scheda di analisi </li></ul><ul><li>Diario di bordo </li></ul><ul><li>Riflessione sull’esperienza </li></ul>Gorizia, 28/01/10
    16. 16. <ul><li>Aggiornamento </li></ul><ul><li>& Link utili </li></ul>
    17. 17.
    18. 18.
    19. 19. Gorizia, 28/01/10 A cura di Flavia Giannoli
    20. 20.
    21. 21. <ul><li>Unione matematica italiana: http://umi.dm.unibo.it/ </li></ul><ul><li>Matematica del cittadino 2001: http://umi.dm.unibo.it/area_download--37.html </li></ul><ul><li>INVALSI: http://www.invalsi.it/invalsi/index.php </li></ul><ul><li>ADI: Associazione Docenti Italiani: http://ospitiweb.indire.it/adi/index.html </li></ul>Gorizia, 28/01/10 A cura di Flavia Giannoli
    22. 22. <ul><li>Kangourou : giocare per diffondere una cultura matematica di base: http://www.kangourou.it/indexm.html </li></ul><ul><li>IL GIARDINO DI ARCHIMEDE : un museo per la matematica e tante idee on-line: http://web.math.unifi.it/archimede/archimede/index.html </li></ul><ul><li>MADDMATH : aggiornamenti e spunti per applicare la matematica: http://maddmath.simai.eu </li></ul>Gorizia, 28/01/10 A cura di Flavia Giannoli
    23. 23. <ul><li>Grazie! </li></ul><ul><li>a cura di Flavia Giannoli </li></ul><ul><li>[email_address] </li></ul>
    24. 24. BIBLIOGRAFIA: <ul><li>Documento UMI sull’apprendimento della matematica </li></ul><ul><li>Convegno [email_address] di novembre 2007. </li></ul>A cura di Flavia Giannoli 28/01/10

    ×