Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Tesi di Laurea. Progettazione di un libro visivo.

1,404 views

Published on

Thesis project presentation. Visual book. Alessio Vanin, relator Mario Piazza Politecnico di Milano, September 2013.

Published in: Design
  • Be the first to comment

Tesi di Laurea. Progettazione di un libro visivo.

  1. 1. Tesi di Laurea PROGETTARE UN LIBRO VISIVO Jean Marie Laclavetine “Il Rosso e il Bianco” STUDENTE ALESSIO VANIN Laurea di primo livello Politecnico di Milano Scuola del Design Design della Comunicazione A.A. 2012/2013 RELATORE Professor MARIO PIAZZA
  2. 2. IL ROSSO E IL BIANCO ANALISI CONCEPT RICERCA PROGETTO
  3. 3. MERIDIANO ZERO Logo Precedente Logo Attuale
  4. 4. “Sì. Ciò che mi ha spinto a scrivere il libro è la presenza di molti scrittori, anonima o no.” “L’enorme sforzo richiesto dalla scrittura non è sempre ricompensata da un editore o da un riconoscimento pubblico. Quando il risultato è scarso, o almeno considerato tale, è una grande crudeltà. Perché questo dolore non si consola.” “Ho bisogno di isolarmi. La scrittura non può essere concepita senza la solitudine.”
  5. 5. PERSONAGGI SPAZIO/TEMPO VINO
  6. 6. PERSONAGGI SPAZIO/TEMPO VINO
  7. 7. PERSONAGGI SPAZIO/TEMPO VINO
  8. 8. PERSONAGGI SPAZIO/TEMPO VINO
  9. 9. TEMI imprevedibilità degli eventi instabilità dei personaggi finale aperto
  10. 10. RELAZIONE CON IL LETTORE funzione interpretativa limitata assenza di un messaggio intensità narrativa crescente
  11. 11. IL ROSSO E IL BIANCO ANALISI CONCEPT RICERCA PROGETTO
  12. 12. La parola è un suono interiore.
  13. 13. imprevedibilità degli eventi instabilità dei personaggi indeterminazione dell’oggetto smarrimento interiore funzione interpretativa limitata logica che nasce nel fruitore assenza di un messaggio finale aperto assenza di scopo
  14. 14. CARATTERISCHE DEL SISTEMA VISIVO accidentalità dell’oggetto logica che nasce nel fruitore ripetizione come riproduzione di significato + ruolo secondario dell’autore
  15. 15. fedeltà al vino
  16. 16. aumento dell’intensità
  17. 17. IL ROSSO E IL BIANCO ANALISI CONCEPT RICERCA PROGETTO
  18. 18. IL ROSSO E IL BIANCO ANALISI CONCEPT RICERCA PROGETTO
  19. 19. È tardi, me ne vado volentieri a letto. Così, poco a poco, si disegnava quella che poteva essere stata l’infanzia di Benoît, abbandonato alla meschinità del mondo, senza un padre per proteggerlo. Grazie a quale miracolo ne era uscito indenne? Quale incredibile guscio aveva dovuto confezionarsi per cavarsela? Tuttavia, ancor più di questa sofferenza, di cui era in parte responsabile, ma di cui non era stato testimone, e che non aveva neanche immaginato durante la sua fuga incessante per il mondo, era l’idea di essere stato in tutti questi anni lo zimbello di Jeanne e Charlette che si insinuava in lui con maggior violenza per suppliziarlo. Soltanto adesso sentiva, dopo quindici anni, la sproporzione dell’umiliazione - attraverso lo sguardo di suo figlio. Il suo sonno ne risentì. A volte si svegliava in piena notte. Si alzava, dava colpi al muro del corridoio, ascoltava il rumore del frigo e credeva di sentire le cicale di Donnafugata. Una notte, Benoît lo prese per il braccio, lo riaccompagnò nella sua camera e gli rimboccò le coperte. Al mattino, Antoine non si ricordava di nulla. Le giornate non gli lasciavano il tempo di pensare. 59 Per la felicità di lavorare con suo figlio e di proporre vini sconosciuti ai clienti - vini nobili di Ungheria o piccoli crup canaglia di casa nostra - si dava da fare senza fermarsi fino alla chiusura. Allora, bevuta la Coppa dell’Oblio, gli toccava ricordare. Benoît, ogni tanto, andava a trovare la madre. Al ritorno, il suo viso restava esattamente indecifrabile come al solito. Ma la sera lasciava filtrare qualche informazione: Jeanne si interessava molto al bar… Faceva domande su come andava, si meravigliava del successo… Charlette, a quanto pare, non era da meno… Poco a poco, anche se niente nel tono o nei discorsi di Benoît avesse potuto lasciar supporre un qualsiasi complotto da parte delle due donne allo scopo di rovinare la felicità nascente di Antoine, questi giunse a provare una paura irragionevole, quasi infantile. - Ti hanno fatto ancora domande? - Si interessano ai fornitori. È un po’ il loro ramo, sai. - Ma ti hanno chiesto informazioni precise? - Non ti preoccupare, papà. Non gli dico niente. Pronunciava queste frasi con un tono piatto, come se niente di ciò che succedeva nel mondo degli adulti lo riguardasse realmente. Ma questa indifferenza ostentata, lungi dal rassicurare Antoine, lasciava campo libero alla sua immaginazione. 59
  20. 20. Tribute ROMAN ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 1234567890 Tribute ROMAN ORDINALS ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 1234567890
  21. 21. flfi flfi
  22. 22. GRAZIE

×