Marketing non convenzionale e web 2.0 per il turismo

4,739 views

Published on

Presentazione tratta dalla discussione tesi di laurea in economia del turismo.
Si analizzano le dinamiche evolutive del marketing e del web focalizzando l'attenzione al settore turistico. Il marketing non convenzionale risulta essere una ottima attitudine per comunicare e valorizzare l'oro nero dell'Italia: il turismo

0 Comments
4 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
4,739
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
396
Actions
Shares
0
Downloads
166
Comments
0
Likes
4
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Marketing non convenzionale e web 2.0 per il turismo

  1. 1. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA<br /> FACOLTÀ DI ECONOMIA<br />MARKETING NON CONVENZIONALE E WEB 2.O : DUE ATTITUDINI PER UN NUOVO MODO DI COMUNICARE NEL TURISMO<br />CANDIDATO RELATORE<br />Carciofi Alessio Desinano Paolo<br />Anno Accademico 2008/2009<br />
  2. 2. INTRODUZIONE<br />QUALCOSA STA CAMBIANDO<br />
  3. 3. UNA NUOVA ERA: POSTMODERNA<br />DAL PROGRESSO AL REGRESSO<br />CONOSCENZA COME FATTORE DI PRODUZIONE<br />è la sinergia fra l’arcaismo e lo sviluppo tecnologico, fra il progresso e il primitivismo” (Maffessoli)<br />ERA POSTMODERNA<br />
  4. 4. IL NUOVO CONSUMATORE<br />PROSUMER<br />EMOZIONE<br />AUTENTICITA’<br />CONDIVIDE PASSIONI E SENTIMENTI<br />VA COINVOLTO NO CONVINTO<br />ESIGENTE E SELETTIVO<br />AUTONOMO E COMPETENTE<br />TRIBU’<br />ALLA RICERCA DIESPERIENZE<br />RISCOPERTA LEGAME SOCIALE<br />
  5. 5. IL MARKETING <br />?<br />
  6. 6. LA SATURAZIONE DEL MARKETING <br />Secondo il rapporto Yankelovich2005:<br />•Il 60%dei consumatori ha un’opinione molto più negativa del marketing e della pubblicità rispetto a pochi anni fa; <br />•Il 61%ha la sensazione che la quantità di marketing e pubblicità sia ormai fuori controllo; <br />•Il 65%si sente continuamente bombardato da troppo marketing e troppa pubblicità. <br />
  7. 7. IL MERCATO PUBBLICITARIO E’ AFFOLLATO <br />
  8. 8. COME CI SI DIFFERENZIA?<br />
  9. 9. CON UN NUOVO APPROCCIO:<br />IL MARKETING NON CONVENZIONALE<br />
  10. 10. MARKETING NON CONVENZIONALE<br /><ul><li>Viral
  11. 11. Guerrilla
  12. 12. Tribale
  13. 13. Prdoduct Placement
  14. 14. Marketing esperienzale</li></li></ul><li> VIRAL MARKETING<br />Il principio del viral marketing si basa: <br /><ul><li>induzione al passaparola
  15. 15. fenomeno spontaneo
  16. 16. sull'originalità di un'ideavirus
  17. 17. sulla diffusione virale del sms
  18. 18. coinvolgimento del pubblico</li></li></ul><li> GUERRILLA MARKETING<br /><ul><li> categoria principale del mkt non convenzionale
  19. 19. colpisce nei luoghi in cui non è attiva la sua advertising consciousness
  20. 20. Incuriosire, coinvolgere, intrigare, ricordare
  21. 21. colpisce il singolo non la massa
  22. 22. generare spiazzamento per un buon effetto virale
  23. 23. adatto alle PMI</li></ul>OTTENERE IL MASSIMO RISULTATO CON IL MINIMO DI RISORSE IMPIEGATE<br />
  24. 24. ALCUNE IDEE<br />
  25. 25. 10 C0MANDAMENTI DEL MARKETING NON CONVENZIONALE<br />DAL BRAND DNA AL VIRAL DNA<br />Progetta la natura virale del tuo brand prima di ogni cosa<br />DAI TARGET ALLE PERSONE<br /> Non ci sono target da colpire, ma persone con cui risuonare<br />DAGLI STILI DI VITA AI MOMENTI DI VITA<br />Esci dall’ufficio ed entra nelle loro tribù e nei loro momenti di vita<br />DALLA BRAND AWARENESS ALLA BRAND AFFINITY<br />Non puoi piacere a tutti, scegli e alimenta le tue affinità<br />DALLA BRAND IMAGE ALLA BRAND REPUTATION<br /> conquistati una buona reputazione<br />
  26. 26. DALL’ADVERTISING ALL’ADVERTAINMENT<br />Non cercare di persuadere, ma diverti e stimola la conversazione<br />DAL MEDIA PLANNING AL MEDIA HUNTING <br />Cambia il tuo media planner con un cool hunter della comunicazione<br />DAL BROADCASTING AL NARROWCASTING<br />Non ci sono solo i mezzi di massa, pensa a quanto è lunga la coda<br />DAL MARKET POSITION AL SENSE PROVIDING<br />Non cercare un posizionamento sul mercato, ma il tuo senso nella società<br />DAL FARE COMUNICAZIONE ALL’ESSERE COMUNICAZIONE <br />Quello a cui devi sempre aspirare è la coerenza dall’inizio alla fine<br />
  27. 27. CAMBIA IL TIRO<br />
  28. 28. ALCUNE DIFFERENZE<br />
  29. 29. PERCHE’ SONO MENO COSTOSE E PIU’ EFFICACE?<br />
  30. 30. I VANTAGGI DEL MARKETING NON CONVENZIONALE<br />IL FLUSSO DI UNA CAMPAGNA CONVENZIONALE<br />Introduzione prodotto<br />lancio del prodotto<br /> campagna di comunicazione<br /> con il passare del tempo la pressione diminuisce e c’è bisogno di maggior investimenti <br />Mass Media & promotion<br />L’economicità è il primo vantaggio<br />
  31. 31. IL FLUSSO DI UNA CAMPAGNA NON CONVENZIONALE<br />Introduzione prodotto<br />Effetto virale<br />Trendsetter&<br />influencer<br />Select media<br />Mass media<br />Qui il flusso inizia prima del lancio, creando attesa e un buzz da parte degli influencer. Al lancio del prodotto i risultati sono potenziati dall’effetto buzz iniziale innescando il viral marketing <br />
  32. 32. LA CODA LUNGA<br />DA UN MERCATO DI MASSA AD UNA MASSA DI NICCHIE<br />Le potenzialità del Web ed in un mercato basato sulla Long Tail, ciascuno può avere un pubblico di riferimento, spostandoci da un’alta concentrazione di prodotti e mercati in voga,in cima alla curva di domanda, verso un numero di nicchie nella coda.<br />
  33. 33. MARKETING 2.0<br />PER MARKETING 2.0 SI INTENDE UN NUOVO MODO DI CREARE, PROMUOVERE E DISTRIBUIRE IL PRODOTTO, OGGI NON SOLO PIÙ ESCLUSIVA DEL PRODUTTORE MA IN PARTE ANCHE CONTRIBUTO DEL CONSUMATORE STESSO.<br />ATTIVITA’ DI COMUNICAZIONE BIDIREZIONALE<br />(tra azienda e cliente)<br />DIALOGO COSTRUTTIVO<br />( per capire meglio i bisogni del consumatore)<br />DA BRAND AWARENESS A BRAND REPUTATION <br />SHIFT DAL MARKETING DELL’INTERRUZIONE AL MARKETING DEL COINVOLGIMENTO<br />(dal parlare ai consumatori al parlare CON i consumatori)<br />
  34. 34. WEB 2.0<br />BLOG<br />NO DEFINIZIONE CONDIVISA<br />RSS<br />DINAMICO<br />USER CONTENT GENERATED<br />EVOLUZIONE DEL WEB<br />WIKI<br />THE LONG TAIL<br />SOCIAL NETWORK<br />PARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI<br />DINAMICO<br />PODCASTING<br />COLLABORAZIONE<br />CONDIVISIONE<br />SEMPLICE<br />INTERATTIVO<br />
  35. 35. E IL TURISMO?<br />
  36. 36. SOFFRE DI MIOPIA<br />LA COMUNICAZIONE NEL TURISMO ITALIANO, È A TUTT’OGGI ANCORATA AI VECCHI CANONI DI DIVULGAZIONE E PROMOZIONE DI UN PRODOTTO/SERVIZIO<br />COMUNICARE “OGGI” SIGNIFICA ESPRIMERE EDIFFONDERE ESPERIENZE<br /> EMOZIONI<br />ASCOLTARE<br /> COINVOLGERE LE PERSONE. <br />IL TURISMO NON RIESCE A COGLIERE LE OPPORTUNITÀ LANCIATE AD ASSIST DAL NUOVO WEB E PREFERISCE VEDERE IL TURISTA CON GLI OCCHI “DI SEMPRE”, OCCHI PURTROPPO AFFETTI DA , MIOPIA<br />
  37. 37. TURISTA POSTMODERNO<br />INFORMATO<br />ISTRUITO<br />MULTIGENERAZIONALE <br />USA I TRAVEL SOCIAL NETWORK<br />PRODUTTORE DI CONTENUTI<br /> TRIBU’<br />MOTIVAZIONI DIVERSE<br />VACANZA PIU’ BREVE<br />E’ PARTE DI UNA COMMUNITY<br />POSSIEDE BLOG O FOTOBLOG<br />ESIGENZE BEN PRECISE<br />INFLUENZATO DALLE RECENSIONI DEL WEB 2.0<br />UTILIZZA FEED RSS PER INFO SUI VIAGGI<br />IL "POST-TURISTA", DEVE ESSERE ASCOLTATO CONTINUAMENTE, COMPRESO E STUPITO CON SERVIZI INNOVATIVI ED ESPERIENZE INDIMENTICABILI: PRIMA, DURANTE E DOPO LA SUA VISITA<br />
  38. 38. FASI DEL TURISTA 2.0<br /><ul><li>Creazione dell’aspettativa di esperienza
  39. 39. Indizi di esperienza
  40. 40. pianificazione
  41. 41. decisione d’acquisto
  42. 42. Transazione
  43. 43. Ascolto delle storie
  44. 44. Interazione con il network locale
  45. 45. Rielaborazione
  46. 46. Sharing
  47. 47. Documentazione
  48. 48. Narrazione delle storie nei blog e social network</li></li></ul><li>TRAVEL 2.0: LA NUOVA VIA DA PERCORRERE<br />IL PREZZO RIMANE UN FATTORE IMPORTANTE E DI FONDAMENTALE IMPORTANZA QUANDO SI SCEGLIE UN HOTEL, MA CON IL TRAVEL 2.0 I TURISTI SONO INTERESSATI AD AVERE INDICAZIONI DA PERSONE REALI CHE SONO STATE LÌ PRIMA DI LORO.<br />
  49. 49. SOCIAL NETWORK NEL TURISMO<br />SONO LA MIGLIOR ESPRESSIONE DEL WEB 2.0.<br />PESO DELLE RECENSIONI SEMPRE MAGGIORE<br />COMUNICAZIONE COLLABORATIVA (produttori di contenuti)<br />CONVOGLIATORI DI DOMANDA TURISTICA<br /> ARCHIVI DI CONDIVISIONE DI ESPERIENZE<br />OPPORTUNITA’ PER GLI OPERATORI<br />LUOGO DOVE COMUNICARE, DIALOGARE, PARTECIPARE.<br />POSSIBILITA’ DI PARTECIPARE 365 gg ALL’ANNO ALLA “FIERA”<br />
  50. 50. TURISMO 2.0: VEDO, PARLO E ASCOLTO I SOCIAL NETWORK <br />MONITORARE, MISURARE E GESTIRE LA REPUTAZIONE ONLINE DEL SERVIZIO TURISTICO/TERRITORIO<br />È ORAMAI UNA LEVA STRATEGICA FONDAMENTALE IN OGNI<br />PIANIFICAZIONE DI MARKETING DIGITALE<br />L’IMPORTANZA DEL BLOG COME NUOVA “PIAZZA” VIRTUALE PER MONITORE LA REPUTAZIONE<br />
  51. 51. LE 3 P DEL SOCIAL MEDIA MARKETING<br />3P<br />
  52. 52. LA CODA LUNGA NEL TURISMO<br />L’OPPORTUNITA’ E’:<br /><ul><li>REINVENTARSI UN PRODOTTO
  53. 53. CONVERSARE CON UNA NICCHIA
  54. 54. PRENDERSI CURA DI UNA NICCHIA</li></ul>Ci sono così tanti prodotti turistici di nicchia, non ancora “sfruttati”, che uniti ai “turismi” tradizionali, tipici di una località, possono creare occupazione anche nei cosiddetti periodi di bassa stagione, portando ad un allungamento della tradizionale alta stagione, o ad altre “alte stagioni” durante l’anno.<br />Grafico tratto da tesi di Moretti s. (2008) Uniurb<br />
  55. 55. I VIAGGI SONO CONVERSAZIONI<br />WEB 2.0 È UNA RIVOLUZIONE COGNITIVA PIÙ CHE TECNOLOGICA.<br />Il TURISTA, NON È PIÙ DESTINATARIO DI UN MESSAGGIO O DI UNA COMUNICAZIONE MA LUI STESSO NE CONDIVIDE LE DINAMICHE E CONTRIBUISCE A MODIFICARE E INFLUENZARE LA COMUNICAZIONE STESSA. <br />( la loro conversazione farà la differenza, non la nostra promozione)<br />I TURISTI DEFINISCONO IL VALORE DI UN HOTEL<br />I TURISTI CERCANO ESPERIENZE, AUTENTICITA’ <br />IL TURISMO VENDE ESPERIENZE<br />
  56. 56. CONCLUDENDO: UNO NUOVO SCENARIO<br />VISITATORE E OPERATORE COME ATTORI PROTAGONISTI DI UN’OPERA ESPERIENZIALE, UNO SCENEGGIATO LA CUI TRAMA VIENE COMPOSTA DA PICCOLE CONVERSAZIONI QUOTIDIANE NEL GRANDE TEATRO DELLA RETE<br />APPROCCIO ORIENTATO VERSO IL 2.0<br />ORIENTAMENTO COSTANTE ALLA CULTURA DELL’ASCOLTO E CONVERSAZIONE<br />INNOVAZIONE, CRATIVITA’, EMOZIONI<br />
  57. 57. AL CENTRO DELLA SCENA<br /><ul><li>DA OPERATORE 1.0 A OPERATORE 2.0
  58. 58. ( Gli operatori turisitici necessitano di una formazione e cambiamento culturale)
  59. 59. IL MARKETING NON CONVENZIONALE AIUTA LE PICCOLE IMPRESE TURISTICHE
  60. 60. LA CREATIVITA’ BATTE LA CELEBRITA’
  61. 61. L’APPROCCIO NON CONVENZIONALE BISOGNA SFRUTTARLO PRIMA CHE DIVENTI CONVENZIONALE</li></ul>SIAMO I PRODUTTORI MONDIALI DI ESPERIENZE<br />(B. Severgnini)<br />
  62. 62. EVOLUZIONE /RIVOLUZIONE<br />Non sono solo le specie piu’ forti quellechesopravvivono, <br />ne’ le piu’ intelligenti, <br />ma quellechemegliorispondono al cambiamento<br />C Darwin<br />Questa presentazione è stata realizzata per uso interno e personale ed è costruita su materiale liberamente trovato in Rete.<br />Ove possibile riportando direttamente le fonti.<br />
  63. 63. FINALMENTE DOTTORE MAGISTRALE<br />Assisi, 20 luglio 2009<br />www.alessiocarciofi.com<br />

×