Social media marketing pratico

729 views

Published on

Slide del corso Social Media Marketing Pratico della Camera di Commercio di Padova

Published in: Technology
2 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
729
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
2
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Social media marketing pratico

  1. 1. SOCIAL MEDIA MARKETINGPRATICOmartedì 11 giugno 13
  2. 2. L’IDENTIFICAZIONE DEGLISTRUMENTImartedì 11 giugno 13
  3. 3. WEBSITE• Elemento indispensabile• Punto di partenza/arrivo• Immediata disponibilità• Semplice fruizionemartedì 11 giugno 13
  4. 4. NEWSLETTER• Metodologia editoriale• Comunicazione push• Semplice implementazione• Accettazione condivisamartedì 11 giugno 13
  5. 5. BLOG• Semplice gestione• Informalità• Ponte per altri social• Indetificazione dell’autoremartedì 11 giugno 13
  6. 6. DEM• Comunicazione mirata• Identificazione call to action• Semplice monitoraggio• Possibilità di targettizzazionemartedì 11 giugno 13
  7. 7. SURVEY• Facile analisi del sentiment• Possibilità di pubblicizzare irisultati• Possibili reazioni in funzionedelle risposte• Possibilità di creare clustermartedì 11 giugno 13
  8. 8. VIDEO• Veloce diffusione delmessaggio• Integrazione con la parteludica• Possibile viralità• Distribuibile sui socialmartedì 11 giugno 13
  9. 9. FACEBOOK• Il sito più utilizzato per lacondivisione• Possibilità di “entrare” neltempo libero• Gestione di gruppi e fanpage• Facilmente monitorizzabilemartedì 11 giugno 13
  10. 10. LINKEDIN• Il più grande social networkprofessionale• Forte connessione con lavita lavorativa• Possibilità di gestire gruppi• Integrazione con la crescitaprofessionalemartedì 11 giugno 13
  11. 11. TWITTER• Il sistema più veloce percomunicare• Fortemente personale• Possibilità di aumentarel’audience• Integrazione con gli altrisocialmartedì 11 giugno 13
  12. 12. PINTEREST• Fortemente legatoall’immagine• Contenuti molto virali• Integrazione con gli altrisocial• Grosse potenzialità dicrescitamartedì 11 giugno 13
  13. 13. L’EMAIL PERFETTAmartedì 11 giugno 13
  14. 14. APRIRESTI UNA EMAIL PROVENIENTEDA UN MITTENTE SCONOSCIUTO?• Utilizza un senderriconoscibile• Ottimizza l’alias• Scegli un indirizzo valido• A/B testmartedì 11 giugno 13
  15. 15. QUANTA ATTENZIONE DEDICHI ALLASCELTA DELL’OGGETTO DELLETUEEMAIL?• L’approccio• Il numero di caratteri ideale• La personalizzazione• Analisi dell’efficaciamartedì 11 giugno 13
  16. 16. IL PRE-HEADER, QUESTOSCONOSCIUTO…• Tra subject e body content• Le tipologie di messaggi• Ancora A/B testmartedì 11 giugno 13
  17. 17. IL MENU: DALLA NEWSLETTERAL SITO• L’importanza di generaretouch point da/verso altricanali• I tab di navigazione• A/B testmartedì 11 giugno 13
  18. 18. LAVISUALIZZAZIONE, UNOSTEP FONDAMENTALE• La leggibilità dei contenuti• La visualizzazione mobile• I test di visualizzazionemartedì 11 giugno 13
  19. 19. LA GERARCHIA DELLEINFORMAZIONI• Una questione di sguardo• La lunghezza• La razionalizzazionemartedì 11 giugno 13
  20. 20. LE CALLTO ACTION• Grafica• Copywriting• A/BTestmartedì 11 giugno 13
  21. 21. ITOUCH POINT• L’email come digitalfacilitator• Il menu nell’header• Email marketing & socialmedia• L’email come pontemartedì 11 giugno 13
  22. 22. FACEBOOK IN 10 MOSSEmartedì 11 giugno 13
  23. 23. GUARDA E IMPARAVai su facebook, cerca i nomidei maggiori competitors edei brand più famosi, individuale loro attività social.Controlla quante volte equanto spesso vieneeffettuato un post. Di checosa parlano? Quante rispostee quanti like ha ognimessaggio?martedì 11 giugno 13
  24. 24. IMPARA LE BEST PRACTICESFai dei post tutti i giorni,meglio 3-5 al giorno.Concentratisull’engagement. Crea dellecall to action. Non cercare divendere (regola 80-20).Rendilo divertente.martedì 11 giugno 13
  25. 25. PARLA IL FACEBOOK-ESEE’ importante capire l’idiomadella comunity. Se sisbagliano i termini o siinterviene con un linguaggiotroppo aziendale si verràsemplicemente ignorati.martedì 11 giugno 13
  26. 26. FAI DELLE AGGIUNTE ALLATUA PAGINAModifica spesso la cover.Evidenzia un prodotto.Evidenzia il fan dellasettimana. Suggerisci usicreativi del prodotto. Mostrai fan che usano il prodotto.Aggiungi delle App al tuowall.martedì 11 giugno 13
  27. 27. CREA IL CALENDARIO DEGLIEVENTIInserisci gli eventi (reali ovirtuali), invita i fan apartecipare. Crea aspettativasulle attivitàpreannunciandole nelcalendario.martedì 11 giugno 13
  28. 28. CAPISCI L’EDGERANK E L’ARTEDELL’ENGAGEMENTImpara a misurare il rankdelle interazioni con i tuoiutenti, capisci l’affinità conquesti e il peso delle loroazioni (commenti, like,condivisioni).martedì 11 giugno 13
  29. 29. CREA UNO SHOWLancia un prodottto in webconference. Gestisci unpanel webinar. Organizza unfacebook online party.Ospita una live chat sul tuowall con esperti del settore.martedì 11 giugno 13
  30. 30. CREA UN CONTESTSfrutta la voglia dipartecipazione degli utenticreando contest online (ilregalo finale non è cosìimportante come si pensa).martedì 11 giugno 13
  31. 31. LANCIA UNA CAMPAGNA APAGAMENTOSfruttando i filtri di selezionedell’audience, scopri nuovifan, individua nuove nicchiedi interesse, verifica l’effettivapossibilità di crescita.martedì 11 giugno 13
  32. 32. GUADAGNA DEGLI INSIGHTSNon limitarti a verificarel’andamento delle interazionidei tuoi fan ma verifica idettagli di queste ultime. Glistrumenti di analisi chemette a disposizioneFacebook possono dirtimolto.martedì 11 giugno 13
  33. 33. PINTEREST IN 10 MOSSEmartedì 11 giugno 13
  34. 34. CREATE BOARD RILEVANTIPER ILVOSTRO BRANDA differenza degli altri socialpiù comuni, gli altri utentipossono decidere di seguireanche singole board e nonl’intero profilo. Per questomotivo è essenziale che unbrand rifletta bene sulle‘lavagne’ e cerchi di renderlerilevanti per il suo pubblico.Un titolo attraente e immaginiinteressanti faranno il resto.martedì 11 giugno 13
  35. 35. E’ UN SOCIAL, CIVUOLEINTERAZIONE!Come tutti i social, anche suPinterest non si può solopubblicare dei contenuti, mabisogna interagire con gliutenti coinvolgendoli,pinnando e rispondendo aqualcuno dei loro contenuti.martedì 11 giugno 13
  36. 36. UTILIZZATE ANCHE GLI ALTRIACCOUNT SOCIALCi sono almeno due motiviper seguire questo terzoconsiglio: il primo è perpromuoversi e per aumentarei follower. Il secondo motivo èche è possibile integrare i varisocial tra loro. In questo modogli utenti che già seguono ilvostro brand sapranno anchedegli altri profili social e dellastrategia digitale integrata.martedì 11 giugno 13
  37. 37. INSTALLATE I PLUGINPiù i contenuti verranno pinnati,più visibilità accumuleranno. Fatein modo allora che il vostro blogo sito aziendale inserisca ilplugin di Pinterest tra quelli giàpresenti dei social. E’ beneinserire non solo i plugin perpermettere ai visitatori dipinnare i vostri contenuti, maanche il pulsante Pinterest conlink al vostro account.martedì 11 giugno 13
  38. 38. UTILIZZATE INFOGRAFICHEEsse catturano l’attenzionedegli utenti e vengonospesso pinnate e ripinnateall’interno, specie quelleche riportano informazioniutili e/o che hanno unabuona grafica.martedì 11 giugno 13
  39. 39. UTILIZZATE EBOOK, GUIDE EWHITE PAPERSe il documento che offrite– magari sul vostro blogaziendale – presentacontenuti interessanti e hauna buona copertina,sarà pronto per esserepinnato.martedì 11 giugno 13
  40. 40. ATTIRATE I FAN NELLECONVERSAZIONIUn modo per costruire questotipo di relazioni in Pinterestè quello di postare immaginiaccompagnate da domande allequali i vostri fan saranno invitatia rispondere;  si innescherannocosì conversazioni e  dialoghitra voi e chi vi segue o anchetra gli utenti stessi.  Solo così lipotrete guidare verso la venditafinale.martedì 11 giugno 13
  41. 41. ESPONETE I PRODOTTIPinterest si dimostra unapiattaforma molto validaper mettere in vetrina ipropri prodotti.martedì 11 giugno 13
  42. 42. MOSTRATE IL BACK OFFICEDare spazio a questo tipo dicontenuti su Pinterest è unabuona idea: unaboard dedicata alle immaginiaziendali “nonconvenzionali” della culturadentro l’ufficio renderà ilbrand molto più vicino einteressante.martedì 11 giugno 13
  43. 43. PINNATE IMMAGINI RILEVANTIUno dei modi migliori perpromuovere un brand èquello di utilizzare immaginipertinenti come quellelegate al settore diappartenenza del propriobusiness.martedì 11 giugno 13
  44. 44. TWETTER IN 10 MOSSEmartedì 11 giugno 13
  45. 45. TROVARE LAVORO OIMPIEGATINella selezione delpersonale può rilevarsi utilesfruttare i social come luoghiin cui domande e offerta dilavoro posso incontrarsisenza tante difficoltà.martedì 11 giugno 13
  46. 46. CONDURRE RICERCHESe volete condurre unasemplice ricerca bastatwittare la domanda giusta eil vostro pubblico diaffezionati followersicuramente non vi deluderà!martedì 11 giugno 13
  47. 47. CONNETTERSI CON DIVERSITIPI DI MEDIATwitter è possibile entrare incontatto con molteplicieditori e testategiornalistiche. Ciò puòrilevarsi utile soprattutto sesiete un’azienda e doveterendere pubblico uncomunicato stampa.martedì 11 giugno 13
  48. 48. MONITORARE L’ONLINEREPUTATIONUn’attenta analisi della rete,in particolar modo diTwitter, si rivela utile nellacostruzione di una favolosabanca dati da cui trarreinformazioni utili al propriobusiness.martedì 11 giugno 13
  49. 49. PROMUOVERE I PROPRIPRODOTTIMa fate attenzione a nondiventare monotoni,pubblicando esclusivamentecontenuti autoreferenziali.Stimolate l’engagementverso il vostro brandvariando gli argomenti erendendo partecipi allavostra presenza suTwitter gliutenti.martedì 11 giugno 13
  50. 50. ARRICCHIRE IL NETWORKSia a livello personale checommerciale avere nuoveamicizie suTwitter risultaessere molto utile oltre chedivertente, e in un’ottica dilungo termine può creareuna relazione duratura viatweet a vostro vantaggio.martedì 11 giugno 13
  51. 51. CONDIVIDERE NEWSCreate tweet intriganti elinkate al vostro blog o sitoweb l’utente; se siete in unafase promozionalecoinvolgete gli utenti.martedì 11 giugno 13
  52. 52. FARE SOCIAL CRMRendersi a disponibilità deiproprio clienti  in qualsiasimomento dando un aiuto insituazioni difficoltosefavorisce la fidelizzazione delcliente al proprio brand.martedì 11 giugno 13
  53. 53. RIMANERE COLLEGATI CONEVENTI LIVEL’ integrazione tra eventoon-line e off-line rendepossibile la geolocalizzazionedi persone interessanti.Ovviamente vige la necessitàdi designare un hashtagufficiale che gli utentiutilizzeranno durantel’evento.martedì 11 giugno 13
  54. 54. INTEGRARE IVARI CANALILa visibilità risulta necessaria alfine di poter essere presenti almeglio suTwitter. Perciòmenzionare il contattoTwitter sia sui profili webtramite follow buttons, widget,tweet button loghi ed iconeche su altri media favorisce ilricordo e il successivo utilizzodella piattaforma nei miglioridei modi possibili.martedì 11 giugno 13
  55. 55. DEMOmartedì 11 giugno 13
  56. 56. martedì 11 giugno 13
  57. 57. Grazie dell’attenzione!Q&AAlessandro Ceccarellialex@nt2.ithttp://www.linkedin.com/in/alessandroceccarellimartedì 11 giugno 13

×