SlideShare a Scribd company logo
1 of 31
Download to read offline
La comunicazione sanitaria ai tempi dei social network 
Alessandro Lovari 
Università degli studi di Sassari 
Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell’Informazione 
alovari@uniss.it 
Corso di Formazione - I social Media per la Comunicazione in Sanità – Bologna
Di cosa parliamo oggi 
• Ruolo di Internet e dei social media nella ricerca di informazioni sulla salute degli italiani 
• Quale impatto hanno i social media sulla comunicazione pubblica- istituzionale e sulle pratiche di relazione dei cittadini verso la PA e la sanità? 
• Risultati della ricerca su social media e ASL condotto dall’Osservatorio dell’Università degli studi di Sassari.
Premessa 
Uno degli elementi che ha profondamente modificato i rapporti tra strutture sanitarie, medici e cittadini nello scenario contemporaneo della cura e della salute è stato il pervasivo sviluppo di Internet e delle tecnologie digitali (Cipolla, Maturo 2014; Ingrosso 2008; Rubinelli, Camerini, Schulz 2010). Le tecnologie digitali rappresentano infatti un fattore abilitante al miglioramento della qualità dei servizi , al contenimento dei costi e all’affermarsi di nuove pratiche di cura, relazioni e comunicative tra questi tre attori (Eurostat 2012; Vicarelli, 2013). E’ con il web 2.0 e con i social media che questi processi acquisiscono una crescente visibilità nella scena pubblica, grazie allo sviluppo di spazi online di condivisione di informazioni sulla salute, di scambio di pareri su prestazioni mediche (health rating e ranking), di interazioni dialogiche con medici e strutture sanitarie (telemedicina e quantified self).
• Cambiamento nella comunicazione pubblica istituzionale (Lovari, 2014) 
• Evoluzione dei mix comunicativi delle pubbliche amministrazioni 
• Nuove pratiche di uso dei social media da parte dei cittadini 
Elementi di scenario 
MEDICI 
INTERNET 
SOCIAL MEDIA 
ISTITUZIONI SANITARIE 
CITTADINI PAZIENTI 
12/11/2014 
4
Internet, bit e informazioni sulla salute 
Numerose ricerche hanno messo in luce come sempre più cittadini usino Internet per cercare informazioni di tipo sanitario o che riguardano tematiche legate alla salute e agli stili di vita salutari 
Secondo i dati CENSIS almeno 15 milioni nel 2009, pari a circa il 25% della popolazione (13% nel 2005, appena 3% nel 2003). 
Secondo l’Eurostat nel 2010 la percentuale per l’Italia è pari al 23%, un valore al di sotto della media UE (27 Paesi), che risulta essere invece pari al 34%. 
Secondo Eurisko (2012) dopo avere navigato in Rete i cittadini dicono di relazionarsi con parenti e amici (26%), con il medico (23%), persone con gli stessi problemi di salute (16%). 
Dati Istat 2013 confermano crescente uso di Internet per la ricerca di informazioni sanitarie: 49,6% (45,1% nel 2011) con un differenziale di genere (donne 54,8% rispetto a 45% uomini)
Tecnologie digitali per la salute: plus & minus 
Punti di forza: 
- Consentire un flusso continuo di informazioni sulla salute a facile accesso 
- Soddisfare la domanda di informazioni sulla salute 
- Aumentare le conoscenze personali Possibili criticità - Diffusione di informazioni inaccurate che possono causare rischi per i cittadini - Sovrapposizione tra informazioni sanitarie e pubblicità che possono confondere pazienti e cittadini - Aumento del digital divide, disparità sulla salute, privacy e implicazioni legali Crescita di importanza di Internet (e dei social media) nei percorsi di information scouting ha forti ripercussioni sulle organizzazioni sanitarie.
12/11/2014 
Titolo Presentazione 
Pagina 7 
La diffusione dei social media sta cambiando profondamente le relazioni tra strutture sanitarie, cittadini e professionisti della cura, rivelando pratiche innovative per la comunicazione della salute (Cioni, Lovari 2014; Eysenbach 2008; Fox, Duggan 2013a; Househ 2013; Van De Belt et al. 2010) Opportunità/Vantaggi e Criticità/Rischi per questiinterlocutori nella relazione 
Social Media per la comunicazione della salute 
Cittadini Pazienti 
Aziende sanitarie, ospediali,ecc 
Medici, infermieri, specialisti
Potenzialità dei social media 
CITTADINI. Favorire lo sviluppo dell’empowerment del cittadino/paziente, grazie alla possibilità di esplorare e comparare dati e fonti informative e di scambiare esperienze con altri pazienti, medici e strutture sanitarie, diventando sempre più un interlocutore più attento e partecipe dei percorsi terapeutici e di promozione della salute.
Ricerca Censis- Forum Biomedico: ecco i social 
Il rapporto “Quale futuro per il rapporto medico paziente nella nuova sanità?”, condotto dal Censis e dal Forum per la Ricerca Biomedica nel 2012, mette in luce come il web sociale sia acquisendo sempre più importanza. 
il 32,4% dei rispondenti usa Internet per questioni legate alla salute, un dato che arriva al picco di 49,5% nei cittadini tra 18 e 29 anni e al 48,7% in quelli di età 30-44. 
Tra gli argomenti ricercati le informazioni su specifiche patologie, ma anche la frequentazione di forum, community e scambio di esperienze tra pazienti. 
L’attività maggiormente svolta nel web dal campione della ricerca è la ricerca di informazioni sulla salute attraverso i motori di ricerca (97,6%, di cui 23,2% spesso), mentre interessante è la percentuale del 34,7% di rispondenti che usa i social network sites “spesso” e “qualche volta” per imbattersi in informazioni sulla salute, un dato superiore a quello della consultazione dei siti istituzionali sulla salute (29,8%).
Potenzialità dei social media 
I social media rappresentano uno strumento strategico per i medici e i professionisti della salute. Possono essere usati per ricercare informazioni specialistiche, per dare visibilità alla propria ricerca, per la formazione degli specializzandi, per fornire supporto a pazienti con specifiche patologie, per costruire e mantenere relazioni con comunità scientifiche e professionali (Levine et al 2001; Shaw, Johnson 2001; Yamout et al. 2011) 
Consentono inoltre alla organizzazioni sanitarie di migliorare le proprie strategie comunicative, offrendo alle istituzioni sanitarie una nuova piattaforma e interfaccia comunicativa.
12/11/2014 
Pagina 11 
I social media cominciano ad essere utilizzati da organi istituzionali e aziende ospedaliere per lanciare campagne di comunicazione e sensibilizzazione su specifici temi sanitari o per promuovere stili di vita salutari (Santoro 2009). 
I social media possono aiutare le aziende sanitarie a comunicare con utenti tradizionalmente difficili da raggiungere, come gli adolescenti o gli immigrati (Bardus 2011; Chou et al 2009). 
Possono essere utilizzate dalle organizzazioni sanitarie per raccogliere i feedback individuali, monitorare le conversazioni dei pazienti e raccogliere i reclami e i possibili disservizi (CDC 2012; Thielst 2011) 
Apportare un profondo cambiamento nella prospettiva dell'organizzazione, passando da una comunicazione top-down e un approccio broadcast a una comunicazione orizzontale, dando la possibilità ai cittadini di parlare sui profili social delle ASL. 
Usare i social per la sanità e la salute
12/11/2014 
Titolo Presentazione 
Pagina 12 
Il Ministero della Salute suggerisce alle strutture sanitarie italiane, all’interno delle linee guida per la comunicazione on line pubblicate nel 2010, l’impiego di piattaforme partecipative per pianificare attività di comunicazione più efficaci in tema di promozione della salute e per stabilire con i cittadini relazioni più coinvolgenti e dialogiche. Il web sociale sta perciò emergendo sempre più come grande repository di informazioni sulla salute e come spazio di dialogo, condivisione e partecipazione dei cittadini/pazienti. Mancanza di ricerche empiriche sul tema della colonizzazione del web social da parte delle organizzazioni sanitarie. 
Usare i social per la sanità e la salute_2
Ma quante sono le Asl italiane che sono presenti con presenze ufficiali su Facebook e i principali social media? 
16/11/2014 
13 
La presente ricerca è stata prodotta nell’ambito del progetto di ricerca dal titolo “Comunicare la salute attraverso le tecnologie” sviluppato presso l’Università degli Studi di Sassari, per mezzo del Contratto di Ricercatore a Tempo Determinato finanziato con le risorse del P.O.R. SARDEGNA F.S.E. 2007-2013 - Obiettivo competitività regionale e occupazione, Asse IV Capitale umano, Linea di Attività l.3.1.
Obiettivo della ricerca 
Esplorare e analizzare il processo di colonizzazione dei Social Media da parte delle Aziende Sanitarie Locali italiane (ASL) mettendo in evidenza le strategie comunicative e le problematiche organizzativo/manageriali. 
Studio articolato in tre fasi con diversi metodi (mixed method): 
1.Mappatura della presenza delle Aziende Sanitarie Locali sui più popolari social media (Facebook, Twitter, YouTube) 
2.Analisi del contenuto delle pagine per descrivere le tipologie di messaggi pubblicati sulle timeline delle presenze istituzionali su Facebook. 
3.Interviste con i direttori generali e i direttori della comunicazione, per analizzare i problemi di attuazione, le strategie comunicative, le implicazioni gestionali e i vincoli che impediscono un corretto sviluppo dei social media da parte delle ASL. 
12/11/2014 
14
Coordinate della ricerca 
La ricerca è stata condotta nei mesi di luglio 2013 e gennaio 2014 prendendo in esame l’intero universo delle ASL italiane. 
Abbiamo adottato diverse metodologie e tecniche di indagine rispetto agli obiettivi e le finalità delle fasi della ricerca. 
La costruzione delle griglie e degli indicatori è avvenuta attraverso analisi della letteratura nazionale e internazionale sul tema. 
Apertura di un Osservatorio per indagare un processo di comunicazione pubblica e innovazione in fieri 
12/11/2014 
15
Mappare i social per le ASL 
La mappatura si è articolata in alcune fasi partendo dal database del Ministero della Salute contenente gli url delle 143 ASL italiane: 
•Social bar 
•Pagine interne al sito istituzionale 
•Bottone cerca sul sito 
•Ricerca sulla search bar dei principali social media 
•Conferma dell’ufficialità tramite email o telefonata alla ASL 
Sono stati mappati e rilevati i vari tipi di presenza sui SM (ufficiali e non ufficiali, come le pagine, i gruppi creati dai lavoratori o dai privati cittadini, pagine tematiche, profili falsi) ma analizzati solo quelli ufficiali. 
Creazione di una griglia con diverse variabili: data di creazione, ufficio incaricato della gestione delle piattaforme, numero di messaggi pubblicati, informazioni, numero di fan, o followers, e commenti ai video. 
12/11/2014 
16
Ma quante sono le Asl italiane che sono presenti con presenze ufficiali su Facebook e i principali social media? 
12/11/2014 
17
Quante sono le Asl sui social 
Dicembre 2013 
Da Cioni & Lovari (2014), Sociologia della Comunicazione
Si tratta di un trend di crescita costante in termini di colonizzazioni (luglio 2013 era 24,5%) che di estensione sulle diverse piattaforme. 
Emergono differenze geografiche che rispondono più che a logiche territoriali alle scelte compiute da organi di indirizzo della comunicazione sanitaria. L’importanza della “biografia comunicativa”. 
Una prima analisi della rilevazione conclusa nel luglio 2014 mette in luce ancora un aumento quantitativo e un sorpasso di Facebook su YouTube e Twitter. 
Alcune riflessioni 
12/11/2014 
19
Analisi del contenuto dei messaggi postati nelle pagine ufficiali delle ASL su Facebook. 
Periodo di analisi: circa 7 mesi (1 gennaio- 15 luglio 2013; periodo poi esteso poi al 31 dicembre 2013 nella seconda rilevazione) 
Analisi dei messaggi postati dalla ASL attraverso un processo di redazione dei contenuti ad hoc. 
Utilizzo di una tipologia di categorizzazione dei messaggi istituzionali su Facebook per i comuni italiani (Lovari & Parisi 2012), modificandola e calibrandola per le specificità del settore sanitario. 
Fase pilota e classificazione manuale dei dati. 
Seconda fase: quali contenuti e strategie? 
12/11/2014 
20
① Informazioni di pubblica utilità e opportunità per i cittadini 
② Promozione di eventi 
③ Campagne di comunicazione 
④ Vita della Asl 
⑤ Emergenze o disservizi 
⑥Empowerment dei cittadini sui temi della salute 
⑦ Altro 
Flussi di comunicazione pubblica social 
12/11/2014 
21
Cosa postano le ASL 
Differenti strategie di storytelling e portata comunicativa tra ASL 
Da Cioni & Lovari (2014), Sociologia della Comunicazione
In una terza fase, abbiamo condotto delle interviste telefoniche con i direttori generali o i direttori della comunicazione/informazione incaricati di gestire i social media nelle Asl. 
Sono state condotte interviste nel mese di luglio 2013 utilizzando una traccia semi-strutturata composta da 15 domande. 
La durata media delle interviste è stata di 45 minuti. 
Le interviste sono state strutturate seguendo 4 macro aree: 
a)apertura del presidio (implementation issue), 
b)motivazioni e obiettivi per l'utilizzo dei social media, 
c)gestione delle piattaforme (policy, uffici, monitoraggio, ecc), 
d)Resistenze ad aprire profili ufficiali sui social media da parte delle Aziende Sanitarie. 
Perché e come stare sui social: la voce della ASL 
12/11/2014 
23
Processo di colonizzazione: chi e quando 
Da chi viene l’idea di colonizzare i social media? 
Strutture di Comunicazione/Informazione vs Direzione Generale 
•Aperture dei presidi differenziate nel tempo 
•Progetti pilota per sperimentare nuove forme di comunicazione sanitaria e della salute. 
•Ostacoli e criticità nel processo di istituzionalizzazione della presenza sui social media: differenti percorsi 
12/11/2014 
24
Reason why: perché essere sui social 
Perché si decide di presidiare i social network sites? 
•Possibilità di propagare le informazioni relative alla salute oltre i mass media tradizionali (stampa e televisione) e al di fuori degli sportelli cittadini e degli uffici URP. 
•Possibilità di raggiungere nuovi target, come gli adolescenti, gli studenti delle scuole superiori o i giovani che sono utenti abituali di queste piattaforme. 
"Facebook è popolato da molti adolescenti e giovani che si trovano al di fuori degli schemi dei media tradizionali. Stiamo utilizzando Facebook per diffondere la nostra campagna di comunicazione per la salute dal momento che possiamo incontrarli in questi luoghi " 
“I social ci consentono di parlare anche agli immigrati” 
• Brand image e reputazione dell’azienda 
•Strumento strategico per informare e coinvolgere il personale interno 
12/11/2014 
25
Chi gestisce le attività sui social? 
•Uffici stampa, URP e uffici di comunicazione. 
•Affiancamento di studenti universitari o laureati attraverso tirocinio nelle strutture di comunicazione ASL. 
•Amministratori della ASL 
Postare sui social media è solo una delle numerose attività svolte quotidianamente dai professionisti della comunicazione, insieme con la scrittura dei comunicati stampa, l'organizzazione degli eventi o l’aggiornamento del sito web. 
Impatto degli smartphone: l’attività di aggiornamento delle pagine o dei profili viene fatta su dispositivi mobile al di fuori dall’orario di lavoro. 
Non è una funzione specialistica e competenza esclusiva: strutture dedicate, come gli uffici di social media, devono ancora essere create e inserite all’interno degli organigrammi. 
12/11/2014 
26
I social media sono utilizzati come una finestra per promuovere servizi e campagne per la salute, ma non si cerca (o non si riesce) ancora ad attivare le voci dei cittadini. 
I responsabili della comunicazione evidenziato chiaramente le difficoltà nella gestione del feedback con i cittadini. 
Mancanza di policy esterne ed interne e di abilitazione dei post degli utenti. 
Il monitoraggio è un'attività raramente svolta dalle Aziende Sanitarie. La valutazione delle attività sui social media è in gran parte quantitativa (Facebook Insights). Nessuno degli intervistati ha citato l'uso di strumenti qualitativi di monitoraggio e verifica. 
Gestione e implicazioni manageriali 
12/11/2014 
27
Ostacoli allo sviluppo dei social media 
•La mancanza di risorse umane qualificate e specializzate per gestire queste piattaforme: 
"Perché dovremmo aprire un profilo Facebook se non abbiamo le risorse per farlo? “ 
•La resistenza è legata alla paura di ricevere commenti negativi e critiche da parte dei cittadini. 
"Essere sui social media significa essere in un libro aperto dove tutti possono dire quello che vogliono senza alcun controllo" 
•Resistenza al cambiamento e cultura dell’innovazione 
-Divieto di accesso ai social media all’interno delle Asl 
-ASL gestite da direttori generali che non hanno familiarità con i social media e non sono in grado di comprendere appieno la rivoluzione tecnologica digitale che questi mezzi posso portare alle organizzazioni. 
16/11/2014 
28
Conclusioni 
•Esiste una vasta costellazione di usi dei social media da parte delle ASL: sembra che ogni ASL stia seguendo una vera e propria strategia specifica. 
Proactive vs Followers 
•Prevalenza di comunicazione sanitaria top-down che non favorisce la partecipazione degli utenti. 
•Twitter e YouTube sono utilizzati come media tradizionali, per diffondere informazioni sulla salute, piuttosto che per coinvolgere gli utenti. 
•YouTube come repository di video e Twitter come strumento di relazioni con la “stampa” . 
12/11/2014 
29
Conclusioni_b 
•L'uso dei social media per la comunicazione sanitaria istituzionale è ancora in una fase di intrapreneurship e sperimentazione (Mergel & Breischneider 2013) per la quantità di presenze ufficiali, ma soprattutto per la qualità delle presenze sui social media in relazione alla gestione delle piattaforme. 
•Le Asl non sembrano ancora pronte a cogliere l’opportunità di attivare flussi bidirezionali con i cittadini. Dalle interviste emerge come i responsabili della comunicazione delle ASL siano preoccupati per le possibili conseguenze di questi spazi di conversazioni con i cittadini, mentre altri sottolineano che se i profili social non sono aperti è perché mancano risorse umane specializzate. 
12/11/2014 
30
12/11/2014 
Titolo Presentazione 
Pagina 31 
Per ulteriori informazioni, domande e commenti email: alovari@uniss.it Twitter: @alelovari 
31 
12/11/2014

More Related Content

What's hot

Tecnologie e pratiche per la partecipazione e l'ascolto dei cittadini
Tecnologie e pratiche per la partecipazione e l'ascolto dei cittadiniTecnologie e pratiche per la partecipazione e l'ascolto dei cittadini
Tecnologie e pratiche per la partecipazione e l'ascolto dei cittadiniLaura Manconi
 
Comunicazione pubblica in italia a 10 anni dalla legge 15/2000
Comunicazione pubblica in italia a 10 anni dalla legge 15/2000Comunicazione pubblica in italia a 10 anni dalla legge 15/2000
Comunicazione pubblica in italia a 10 anni dalla legge 15/2000viviana cozi
 
La normativa sulla comunicazione di pubblica utilità
La normativa sulla comunicazione di pubblica utilitàLa normativa sulla comunicazione di pubblica utilità
La normativa sulla comunicazione di pubblica utilitàPierluigi De Rosa
 
Quali usi pubblici dei social media in emergenza?
Quali usi pubblici dei social media in emergenza?Quali usi pubblici dei social media in emergenza?
Quali usi pubblici dei social media in emergenza?Giovanni Arata
 
Legge sugli Uffici Stampa, sul Portavoce e sugli Urp
Legge sugli Uffici Stampa, sul Portavoce e sugli UrpLegge sugli Uffici Stampa, sul Portavoce e sugli Urp
Legge sugli Uffici Stampa, sul Portavoce e sugli UrpDamiano Crognali
 
Consigli per un uso sostenibile dei social media
Consigli per un uso sostenibile dei social mediaConsigli per un uso sostenibile dei social media
Consigli per un uso sostenibile dei social mediaGiovanni Arata
 
Comunicazione pubblica e istituzionale
Comunicazione pubblica e istituzionaleComunicazione pubblica e istituzionale
Comunicazione pubblica e istituzionaleAugusto Cocorullo
 
SocialPA: social media policy e patto coi cittadini
SocialPA: social media policy e patto coi cittadiniSocialPA: social media policy e patto coi cittadini
SocialPA: social media policy e patto coi cittadiniGiovanni Arata
 
#Socialemergenza- 2016
#Socialemergenza- 2016#Socialemergenza- 2016
#Socialemergenza- 2016Giovanni Arata
 
La Comunicazione Pubblica
La Comunicazione PubblicaLa Comunicazione Pubblica
La Comunicazione Pubblicaeugenio iorio
 
First life app4city
First life  app4cityFirst life  app4city
First life app4cityGuido Boella
 
Dalla Comunicazione Istituzionale Alla Conversazione Con Il Nuovo Cittadino ...
Dalla Comunicazione Istituzionale Alla Conversazione Con Il Nuovo Cittadino  ...Dalla Comunicazione Istituzionale Alla Conversazione Con Il Nuovo Cittadino  ...
Dalla Comunicazione Istituzionale Alla Conversazione Con Il Nuovo Cittadino ...Vincenzo Cosenza
 
Coltivare i social come un orto. Per un uso sostenibile dei social media
Coltivare i social come un orto. Per un uso sostenibile dei social mediaColtivare i social come un orto. Per un uso sostenibile dei social media
Coltivare i social come un orto. Per un uso sostenibile dei social mediaGiovanni Arata
 
Come usano internet i politici italiani???
Come usano internet i politici italiani???Come usano internet i politici italiani???
Come usano internet i politici italiani???sociologianuovimedia
 
I progetti di e-democracy della Regione Emilia-Romagna
I progetti di e-democracy della Regione Emilia-RomagnaI progetti di e-democracy della Regione Emilia-Romagna
I progetti di e-democracy della Regione Emilia-RomagnaIo Partecipo
 
Io Partecipo. Una nuova opportunità per i cittadini dell'Emilia-Romagna
Io Partecipo. Una nuova opportunità per i cittadini dell'Emilia-RomagnaIo Partecipo. Una nuova opportunità per i cittadini dell'Emilia-Romagna
Io Partecipo. Una nuova opportunità per i cittadini dell'Emilia-RomagnaIo Partecipo
 
Social media strategy: metodologia per la Pubblica Amministrazione
Social media strategy: metodologia per la Pubblica AmministrazioneSocial media strategy: metodologia per la Pubblica Amministrazione
Social media strategy: metodologia per la Pubblica AmministrazionePiero Zilio
 
Social Media, perché la Pubblica Amministrazione non può farne a meno
Social Media, perché la Pubblica Amministrazione non può farne a menoSocial Media, perché la Pubblica Amministrazione non può farne a meno
Social Media, perché la Pubblica Amministrazione non può farne a menoGianni L'Abbate
 

What's hot (20)

Tecnologie e pratiche per la partecipazione e l'ascolto dei cittadini
Tecnologie e pratiche per la partecipazione e l'ascolto dei cittadiniTecnologie e pratiche per la partecipazione e l'ascolto dei cittadini
Tecnologie e pratiche per la partecipazione e l'ascolto dei cittadini
 
Comunicazione pubblica in italia a 10 anni dalla legge 15/2000
Comunicazione pubblica in italia a 10 anni dalla legge 15/2000Comunicazione pubblica in italia a 10 anni dalla legge 15/2000
Comunicazione pubblica in italia a 10 anni dalla legge 15/2000
 
La normativa sulla comunicazione di pubblica utilità
La normativa sulla comunicazione di pubblica utilitàLa normativa sulla comunicazione di pubblica utilità
La normativa sulla comunicazione di pubblica utilità
 
Quali usi pubblici dei social media in emergenza?
Quali usi pubblici dei social media in emergenza?Quali usi pubblici dei social media in emergenza?
Quali usi pubblici dei social media in emergenza?
 
Legge sugli Uffici Stampa, sul Portavoce e sugli Urp
Legge sugli Uffici Stampa, sul Portavoce e sugli UrpLegge sugli Uffici Stampa, sul Portavoce e sugli Urp
Legge sugli Uffici Stampa, sul Portavoce e sugli Urp
 
Consigli per un uso sostenibile dei social media
Consigli per un uso sostenibile dei social mediaConsigli per un uso sostenibile dei social media
Consigli per un uso sostenibile dei social media
 
Comunicazione pubblica e istituzionale
Comunicazione pubblica e istituzionaleComunicazione pubblica e istituzionale
Comunicazione pubblica e istituzionale
 
SocialPA: social media policy e patto coi cittadini
SocialPA: social media policy e patto coi cittadiniSocialPA: social media policy e patto coi cittadini
SocialPA: social media policy e patto coi cittadini
 
#Socialemergenza- 2016
#Socialemergenza- 2016#Socialemergenza- 2016
#Socialemergenza- 2016
 
La Comunicazione Pubblica
La Comunicazione PubblicaLa Comunicazione Pubblica
La Comunicazione Pubblica
 
Politica in rete
Politica in retePolitica in rete
Politica in rete
 
First life app4city
First life  app4cityFirst life  app4city
First life app4city
 
Informazione digitale e social media
Informazione digitale e social mediaInformazione digitale e social media
Informazione digitale e social media
 
Dalla Comunicazione Istituzionale Alla Conversazione Con Il Nuovo Cittadino ...
Dalla Comunicazione Istituzionale Alla Conversazione Con Il Nuovo Cittadino  ...Dalla Comunicazione Istituzionale Alla Conversazione Con Il Nuovo Cittadino  ...
Dalla Comunicazione Istituzionale Alla Conversazione Con Il Nuovo Cittadino ...
 
Coltivare i social come un orto. Per un uso sostenibile dei social media
Coltivare i social come un orto. Per un uso sostenibile dei social mediaColtivare i social come un orto. Per un uso sostenibile dei social media
Coltivare i social come un orto. Per un uso sostenibile dei social media
 
Come usano internet i politici italiani???
Come usano internet i politici italiani???Come usano internet i politici italiani???
Come usano internet i politici italiani???
 
I progetti di e-democracy della Regione Emilia-Romagna
I progetti di e-democracy della Regione Emilia-RomagnaI progetti di e-democracy della Regione Emilia-Romagna
I progetti di e-democracy della Regione Emilia-Romagna
 
Io Partecipo. Una nuova opportunità per i cittadini dell'Emilia-Romagna
Io Partecipo. Una nuova opportunità per i cittadini dell'Emilia-RomagnaIo Partecipo. Una nuova opportunità per i cittadini dell'Emilia-Romagna
Io Partecipo. Una nuova opportunità per i cittadini dell'Emilia-Romagna
 
Social media strategy: metodologia per la Pubblica Amministrazione
Social media strategy: metodologia per la Pubblica AmministrazioneSocial media strategy: metodologia per la Pubblica Amministrazione
Social media strategy: metodologia per la Pubblica Amministrazione
 
Social Media, perché la Pubblica Amministrazione non può farne a meno
Social Media, perché la Pubblica Amministrazione non può farne a menoSocial Media, perché la Pubblica Amministrazione non può farne a meno
Social Media, perché la Pubblica Amministrazione non può farne a meno
 

Viewers also liked

Nicolò Terminio - Lezione su Generazione borderline e mondo tossicomane - Cor...
Nicolò Terminio - Lezione su Generazione borderline e mondo tossicomane - Cor...Nicolò Terminio - Lezione su Generazione borderline e mondo tossicomane - Cor...
Nicolò Terminio - Lezione su Generazione borderline e mondo tossicomane - Cor...Nicolò Terminio
 
Relazione e intervento
Relazione e interventoRelazione e intervento
Relazione e interventoDavide Algeri
 
Quale formazione per l’empowerment personale e organizzativo?
Quale formazione per l’empowerment personale e organizzativo?Quale formazione per l’empowerment personale e organizzativo?
Quale formazione per l’empowerment personale e organizzativo?Baglietto andpartners
 
Thomas Schael: Esperienze di empowerment e change management nella Pubblica A...
Thomas Schael: Esperienze di empowerment e change management nella Pubblica A...Thomas Schael: Esperienze di empowerment e change management nella Pubblica A...
Thomas Schael: Esperienze di empowerment e change management nella Pubblica A...Thomas Schael (PhD)
 
Thomas Schael - marketing della salute e empowerment del cittadino
Thomas Schael - marketing della salute e empowerment del cittadinoThomas Schael - marketing della salute e empowerment del cittadino
Thomas Schael - marketing della salute e empowerment del cittadinoThomas Schael (PhD)
 
Self Empowerment Tolomelli
Self Empowerment TolomelliSelf Empowerment Tolomelli
Self Empowerment TolomelliGiuseppe Sarno
 
HMG Response To One Death Is Too Many March 2010
HMG Response To One Death Is Too Many   March 2010HMG Response To One Death Is Too Many   March 2010
HMG Response To One Death Is Too Many March 2010Alan Bassett
 
DB_Algorithm_and_Data_Structure_About_Sort
DB_Algorithm_and_Data_Structure_About_Sort DB_Algorithm_and_Data_Structure_About_Sort
DB_Algorithm_and_Data_Structure_About_Sort Lixun Peng
 
Total learning: informal learning driving new learning culture at Tesco Bank
Total learning: informal learning driving new learning culture at Tesco BankTotal learning: informal learning driving new learning culture at Tesco Bank
Total learning: informal learning driving new learning culture at Tesco BankBrightwave Group
 
http://izhtc.ru Банер для перехода с 1.6 на 2.0
http://izhtc.ru Банер для перехода с 1.6 на 2.0http://izhtc.ru Банер для перехода с 1.6 на 2.0
http://izhtc.ru Банер для перехода с 1.6 на 2.0eugenij eugenij
 
Piel de asno. Renarración de cuento clásico.
Piel de asno. Renarración de cuento clásico.Piel de asno. Renarración de cuento clásico.
Piel de asno. Renarración de cuento clásico.mdelcfp
 
R3L+ project material: Reviving Limerick CDB City of Learning Strategy, Janua...
R3L+ project material: Reviving Limerick CDB City of Learning Strategy, Janua...R3L+ project material: Reviving Limerick CDB City of Learning Strategy, Janua...
R3L+ project material: Reviving Limerick CDB City of Learning Strategy, Janua...Randolph Preisinger-Kleine
 
Sharpest tool in the box: Choosing the right authoring tool for your learning...
Sharpest tool in the box: Choosing the right authoring tool for your learning...Sharpest tool in the box: Choosing the right authoring tool for your learning...
Sharpest tool in the box: Choosing the right authoring tool for your learning...Brightwave Group
 
30 07 13 legionella
30 07 13 legionella30 07 13 legionella
30 07 13 legionellaAlan Bassett
 

Viewers also liked (20)

Nicolò Terminio - Lezione su Generazione borderline e mondo tossicomane - Cor...
Nicolò Terminio - Lezione su Generazione borderline e mondo tossicomane - Cor...Nicolò Terminio - Lezione su Generazione borderline e mondo tossicomane - Cor...
Nicolò Terminio - Lezione su Generazione borderline e mondo tossicomane - Cor...
 
Relazione e intervento
Relazione e interventoRelazione e intervento
Relazione e intervento
 
Quale formazione per l’empowerment personale e organizzativo?
Quale formazione per l’empowerment personale e organizzativo?Quale formazione per l’empowerment personale e organizzativo?
Quale formazione per l’empowerment personale e organizzativo?
 
Thomas Schael: Esperienze di empowerment e change management nella Pubblica A...
Thomas Schael: Esperienze di empowerment e change management nella Pubblica A...Thomas Schael: Esperienze di empowerment e change management nella Pubblica A...
Thomas Schael: Esperienze di empowerment e change management nella Pubblica A...
 
Thomas Schael - marketing della salute e empowerment del cittadino
Thomas Schael - marketing della salute e empowerment del cittadinoThomas Schael - marketing della salute e empowerment del cittadino
Thomas Schael - marketing della salute e empowerment del cittadino
 
Enpowerment definizione
Enpowerment definizioneEnpowerment definizione
Enpowerment definizione
 
Self Empowerment Tolomelli
Self Empowerment TolomelliSelf Empowerment Tolomelli
Self Empowerment Tolomelli
 
NESHEP Handbook
NESHEP HandbookNESHEP Handbook
NESHEP Handbook
 
Psvkbsrk.kursus
Psvkbsrk.kursusPsvkbsrk.kursus
Psvkbsrk.kursus
 
HMG Response To One Death Is Too Many March 2010
HMG Response To One Death Is Too Many   March 2010HMG Response To One Death Is Too Many   March 2010
HMG Response To One Death Is Too Many March 2010
 
DB_Algorithm_and_Data_Structure_About_Sort
DB_Algorithm_and_Data_Structure_About_Sort DB_Algorithm_and_Data_Structure_About_Sort
DB_Algorithm_and_Data_Structure_About_Sort
 
DUID TRANSFORMATION
DUID TRANSFORMATIONDUID TRANSFORMATION
DUID TRANSFORMATION
 
Kelly Ruggles
Kelly RugglesKelly Ruggles
Kelly Ruggles
 
Total learning: informal learning driving new learning culture at Tesco Bank
Total learning: informal learning driving new learning culture at Tesco BankTotal learning: informal learning driving new learning culture at Tesco Bank
Total learning: informal learning driving new learning culture at Tesco Bank
 
http://izhtc.ru Банер для перехода с 1.6 на 2.0
http://izhtc.ru Банер для перехода с 1.6 на 2.0http://izhtc.ru Банер для перехода с 1.6 на 2.0
http://izhtc.ru Банер для перехода с 1.6 на 2.0
 
Piel de asno. Renarración de cuento clásico.
Piel de asno. Renarración de cuento clásico.Piel de asno. Renarración de cuento clásico.
Piel de asno. Renarración de cuento clásico.
 
R3L+ project material: Reviving Limerick CDB City of Learning Strategy, Janua...
R3L+ project material: Reviving Limerick CDB City of Learning Strategy, Janua...R3L+ project material: Reviving Limerick CDB City of Learning Strategy, Janua...
R3L+ project material: Reviving Limerick CDB City of Learning Strategy, Janua...
 
Sharpest tool in the box: Choosing the right authoring tool for your learning...
Sharpest tool in the box: Choosing the right authoring tool for your learning...Sharpest tool in the box: Choosing the right authoring tool for your learning...
Sharpest tool in the box: Choosing the right authoring tool for your learning...
 
30 07 13 legionella
30 07 13 legionella30 07 13 legionella
30 07 13 legionella
 
Hssh0910
Hssh0910Hssh0910
Hssh0910
 

Similar to Comunicazione sanitaria ai tempi dei social network sites

Web 2.0 for health promotion reviewing the current evidence
Web 2.0 for health promotion  reviewing the current evidenceWeb 2.0 for health promotion  reviewing the current evidence
Web 2.0 for health promotion reviewing the current evidenceGiuseppe Fattori
 
Social media e promozione della salute
Social media e promozione della saluteSocial media e promozione della salute
Social media e promozione della saluteGiuseppe Fattori
 
Dalle App di servizio alle App di relazione: come cambia il rapporto medico-p...
Dalle App di servizio alle App di relazione: come cambia il rapporto medico-p...Dalle App di servizio alle App di relazione: come cambia il rapporto medico-p...
Dalle App di servizio alle App di relazione: come cambia il rapporto medico-p...Giuseppe Fattori
 
Social Media e istituzioni sanitarie, Alessandro Lovari 24 maggio 2016 #salut...
Social Media e istituzioni sanitarie, Alessandro Lovari 24 maggio 2016 #salut...Social Media e istituzioni sanitarie, Alessandro Lovari 24 maggio 2016 #salut...
Social Media e istituzioni sanitarie, Alessandro Lovari 24 maggio 2016 #salut...Eugenio Santoro
 
Telemedicina e “doctor web”: l'eHealth che rinnova la Sanità
Telemedicina e “doctor web”: l'eHealth che rinnova la SanitàTelemedicina e “doctor web”: l'eHealth che rinnova la Sanità
Telemedicina e “doctor web”: l'eHealth che rinnova la SanitàISTUD Business School
 
Premio innova s@lute2016 forward
Premio innova s@lute2016   forwardPremio innova s@lute2016   forward
Premio innova s@lute2016 forwardDEPLazio
 
Marketing sociale e comunicare salute. App & Game. Citizens included.
Marketing sociale e comunicare salute. App & Game. Citizens included.Marketing sociale e comunicare salute. App & Game. Citizens included.
Marketing sociale e comunicare salute. App & Game. Citizens included.Giuseppe Fattori
 
Le Malattie Rare e i social network
Le Malattie Rare e i social networkLe Malattie Rare e i social network
Le Malattie Rare e i social networkPaola Ciarrocchi
 
Le malattie rare e i social network.
Le malattie rare e i social network.Le malattie rare e i social network.
Le malattie rare e i social network.Paola Ciarrocchi
 
Media e social media: un valido supporto nella comunicazione in oncologia?
Media e social media: un valido supporto nella comunicazione in oncologia?Media e social media: un valido supporto nella comunicazione in oncologia?
Media e social media: un valido supporto nella comunicazione in oncologia?Cristina Da Rold
 
Social media e promozione della salute
Social media e promozione della saluteSocial media e promozione della salute
Social media e promozione della saluteGiuseppe Fattori
 
I Social Media come strumento di promozione della salute
I Social Media come strumento di promozione della saluteI Social Media come strumento di promozione della salute
I Social Media come strumento di promozione della saluteEugenio Santoro
 
Comunicare la Salute - Linee guida
Comunicare la Salute - Linee guidaComunicare la Salute - Linee guida
Comunicare la Salute - Linee guidaSTUDIO BARONI
 
Mosconi P. L’evoluzione dell’associazionismo di cittadini e pazienti
Mosconi P. L’evoluzione dell’associazionismo di cittadini e pazienti Mosconi P. L’evoluzione dell’associazionismo di cittadini e pazienti
Mosconi P. L’evoluzione dell’associazionismo di cittadini e pazienti redazione Partecipasalute
 
Quale sanità per il cittadino. Nuova domanda di empowerment.
Quale sanità per il cittadino.  Nuova domanda di empowerment. Quale sanità per il cittadino.  Nuova domanda di empowerment.
Quale sanità per il cittadino. Nuova domanda di empowerment. Giuseppe Fattori
 
La Brand Identity della GE Healthcare attraverso Pinterest ed il web 2.0
La Brand Identity della GE Healthcare attraverso Pinterest ed il web 2.0La Brand Identity della GE Healthcare attraverso Pinterest ed il web 2.0
La Brand Identity della GE Healthcare attraverso Pinterest ed il web 2.0Giuseppe Fattori
 
International eHealth Workshop 2017 - Mauro Moruzzi
International eHealth Workshop 2017 - Mauro MoruzziInternational eHealth Workshop 2017 - Mauro Moruzzi
International eHealth Workshop 2017 - Mauro MoruzziCUP 2000 S.c.p.A.
 
Fattori #web2salute etica e tecnica roma 2013
Fattori #web2salute etica e tecnica roma 2013Fattori #web2salute etica e tecnica roma 2013
Fattori #web2salute etica e tecnica roma 2013Giuseppe Fattori
 
9.50 10.30 de belvis.ppt
9.50 10.30 de belvis.ppt9.50 10.30 de belvis.ppt
9.50 10.30 de belvis.pptCarlo Favaretti
 

Similar to Comunicazione sanitaria ai tempi dei social network sites (20)

Web 2.0 for health promotion reviewing the current evidence
Web 2.0 for health promotion  reviewing the current evidenceWeb 2.0 for health promotion  reviewing the current evidence
Web 2.0 for health promotion reviewing the current evidence
 
Social media e promozione della salute
Social media e promozione della saluteSocial media e promozione della salute
Social media e promozione della salute
 
Dalle App di servizio alle App di relazione: come cambia il rapporto medico-p...
Dalle App di servizio alle App di relazione: come cambia il rapporto medico-p...Dalle App di servizio alle App di relazione: come cambia il rapporto medico-p...
Dalle App di servizio alle App di relazione: come cambia il rapporto medico-p...
 
Social Media e istituzioni sanitarie, Alessandro Lovari 24 maggio 2016 #salut...
Social Media e istituzioni sanitarie, Alessandro Lovari 24 maggio 2016 #salut...Social Media e istituzioni sanitarie, Alessandro Lovari 24 maggio 2016 #salut...
Social Media e istituzioni sanitarie, Alessandro Lovari 24 maggio 2016 #salut...
 
Telemedicina e “doctor web”: l'eHealth che rinnova la Sanità
Telemedicina e “doctor web”: l'eHealth che rinnova la SanitàTelemedicina e “doctor web”: l'eHealth che rinnova la Sanità
Telemedicina e “doctor web”: l'eHealth che rinnova la Sanità
 
Premio innova s@lute2016 forward
Premio innova s@lute2016   forwardPremio innova s@lute2016   forward
Premio innova s@lute2016 forward
 
Marketing sociale e comunicare salute. App & Game. Citizens included.
Marketing sociale e comunicare salute. App & Game. Citizens included.Marketing sociale e comunicare salute. App & Game. Citizens included.
Marketing sociale e comunicare salute. App & Game. Citizens included.
 
Le Malattie Rare e i social network
Le Malattie Rare e i social networkLe Malattie Rare e i social network
Le Malattie Rare e i social network
 
Le malattie rare e i social network.
Le malattie rare e i social network.Le malattie rare e i social network.
Le malattie rare e i social network.
 
Media e social media: un valido supporto nella comunicazione in oncologia?
Media e social media: un valido supporto nella comunicazione in oncologia?Media e social media: un valido supporto nella comunicazione in oncologia?
Media e social media: un valido supporto nella comunicazione in oncologia?
 
Social media e promozione della salute
Social media e promozione della saluteSocial media e promozione della salute
Social media e promozione della salute
 
I Social Media come strumento di promozione della salute
I Social Media come strumento di promozione della saluteI Social Media come strumento di promozione della salute
I Social Media come strumento di promozione della salute
 
Linee guida comunicazione online per la salute
Linee guida comunicazione online per la saluteLinee guida comunicazione online per la salute
Linee guida comunicazione online per la salute
 
Comunicare la Salute - Linee guida
Comunicare la Salute - Linee guidaComunicare la Salute - Linee guida
Comunicare la Salute - Linee guida
 
Mosconi P. L’evoluzione dell’associazionismo di cittadini e pazienti
Mosconi P. L’evoluzione dell’associazionismo di cittadini e pazienti Mosconi P. L’evoluzione dell’associazionismo di cittadini e pazienti
Mosconi P. L’evoluzione dell’associazionismo di cittadini e pazienti
 
Quale sanità per il cittadino. Nuova domanda di empowerment.
Quale sanità per il cittadino.  Nuova domanda di empowerment. Quale sanità per il cittadino.  Nuova domanda di empowerment.
Quale sanità per il cittadino. Nuova domanda di empowerment.
 
La Brand Identity della GE Healthcare attraverso Pinterest ed il web 2.0
La Brand Identity della GE Healthcare attraverso Pinterest ed il web 2.0La Brand Identity della GE Healthcare attraverso Pinterest ed il web 2.0
La Brand Identity della GE Healthcare attraverso Pinterest ed il web 2.0
 
International eHealth Workshop 2017 - Mauro Moruzzi
International eHealth Workshop 2017 - Mauro MoruzziInternational eHealth Workshop 2017 - Mauro Moruzzi
International eHealth Workshop 2017 - Mauro Moruzzi
 
Fattori #web2salute etica e tecnica roma 2013
Fattori #web2salute etica e tecnica roma 2013Fattori #web2salute etica e tecnica roma 2013
Fattori #web2salute etica e tecnica roma 2013
 
9.50 10.30 de belvis.ppt
9.50 10.30 de belvis.ppt9.50 10.30 de belvis.ppt
9.50 10.30 de belvis.ppt
 

Recently uploaded

Lo Schema Diapositiva con LibreOffice Impress
Lo Schema Diapositiva con LibreOffice ImpressLo Schema Diapositiva con LibreOffice Impress
Lo Schema Diapositiva con LibreOffice ImpressSalvatore Cianciabella
 
AccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domani
AccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domaniAccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domani
AccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domaniRoberto Scano
 
a scuola di biblioVerifica: come utilizzare CHATBOT secondo UNESCO
a scuola di biblioVerifica: come utilizzare CHATBOT secondo UNESCOa scuola di biblioVerifica: come utilizzare CHATBOT secondo UNESCO
a scuola di biblioVerifica: come utilizzare CHATBOT secondo UNESCODamiano Orru
 
Asou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptx
Asou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptxAsou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptx
Asou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptxnuriaiuzzolino1
 
Stati Uniti PPT geografia power point..
Stati Uniti  PPT geografia power point..Stati Uniti  PPT geografia power point..
Stati Uniti PPT geografia power point..vendettimattia2010
 
No. Nessuno strumento automatico verifica o ripara l’accessibilità di un sito...
No. Nessuno strumento automatico verifica o ripara l’accessibilità di un sito...No. Nessuno strumento automatico verifica o ripara l’accessibilità di un sito...
No. Nessuno strumento automatico verifica o ripara l’accessibilità di un sito...Roberto Scano
 
Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...
Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...
Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...holowawa
 
Ticonzero news 149.pdf, maggio 2024, content
Ticonzero news 149.pdf, maggio 2024, contentTiconzero news 149.pdf, maggio 2024, content
Ticonzero news 149.pdf, maggio 2024, contentPierLuigi Albini
 
Powerpoint tesi di laurea
Powerpoint tesi di laurea Powerpoint tesi di laurea
Powerpoint tesi di laurea Valentina Ottini
 
Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...
Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...
Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...Roberto Scano
 
Ostia antica da porta di Roma a porta d'Europa
Ostia antica da porta di Roma a porta d'EuropaOstia antica da porta di Roma a porta d'Europa
Ostia antica da porta di Roma a porta d'EuropaMarina Lo Blundo
 
Transizione Energetica e Cooperazione: non solo CER
Transizione Energetica e Cooperazione: non solo CERTransizione Energetica e Cooperazione: non solo CER
Transizione Energetica e Cooperazione: non solo CERANCI - Emilia Romagna
 

Recently uploaded (12)

Lo Schema Diapositiva con LibreOffice Impress
Lo Schema Diapositiva con LibreOffice ImpressLo Schema Diapositiva con LibreOffice Impress
Lo Schema Diapositiva con LibreOffice Impress
 
AccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domani
AccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domaniAccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domani
AccessibleEU: oggi per l’accessibilità di domani
 
a scuola di biblioVerifica: come utilizzare CHATBOT secondo UNESCO
a scuola di biblioVerifica: come utilizzare CHATBOT secondo UNESCOa scuola di biblioVerifica: come utilizzare CHATBOT secondo UNESCO
a scuola di biblioVerifica: come utilizzare CHATBOT secondo UNESCO
 
Asou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptx
Asou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptxAsou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptx
Asou.Mbaye_La relazione sulle macchine termiche.pptx
 
Stati Uniti PPT geografia power point..
Stati Uniti  PPT geografia power point..Stati Uniti  PPT geografia power point..
Stati Uniti PPT geografia power point..
 
No. Nessuno strumento automatico verifica o ripara l’accessibilità di un sito...
No. Nessuno strumento automatico verifica o ripara l’accessibilità di un sito...No. Nessuno strumento automatico verifica o ripara l’accessibilità di un sito...
No. Nessuno strumento automatico verifica o ripara l’accessibilità di un sito...
 
Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...
Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...
Nuovo Progetto Italiano - 1. Livello elementare. Libro dello studente (A1-A2)...
 
Ticonzero news 149.pdf, maggio 2024, content
Ticonzero news 149.pdf, maggio 2024, contentTiconzero news 149.pdf, maggio 2024, content
Ticonzero news 149.pdf, maggio 2024, content
 
Powerpoint tesi di laurea
Powerpoint tesi di laurea Powerpoint tesi di laurea
Powerpoint tesi di laurea
 
Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...
Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...
Accessibilità, tra miti e realtà: gli errori da non compiere e le azioni da i...
 
Ostia antica da porta di Roma a porta d'Europa
Ostia antica da porta di Roma a porta d'EuropaOstia antica da porta di Roma a porta d'Europa
Ostia antica da porta di Roma a porta d'Europa
 
Transizione Energetica e Cooperazione: non solo CER
Transizione Energetica e Cooperazione: non solo CERTransizione Energetica e Cooperazione: non solo CER
Transizione Energetica e Cooperazione: non solo CER
 

Comunicazione sanitaria ai tempi dei social network sites

  • 1. La comunicazione sanitaria ai tempi dei social network Alessandro Lovari Università degli studi di Sassari Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell’Informazione alovari@uniss.it Corso di Formazione - I social Media per la Comunicazione in Sanità – Bologna
  • 2. Di cosa parliamo oggi • Ruolo di Internet e dei social media nella ricerca di informazioni sulla salute degli italiani • Quale impatto hanno i social media sulla comunicazione pubblica- istituzionale e sulle pratiche di relazione dei cittadini verso la PA e la sanità? • Risultati della ricerca su social media e ASL condotto dall’Osservatorio dell’Università degli studi di Sassari.
  • 3. Premessa Uno degli elementi che ha profondamente modificato i rapporti tra strutture sanitarie, medici e cittadini nello scenario contemporaneo della cura e della salute è stato il pervasivo sviluppo di Internet e delle tecnologie digitali (Cipolla, Maturo 2014; Ingrosso 2008; Rubinelli, Camerini, Schulz 2010). Le tecnologie digitali rappresentano infatti un fattore abilitante al miglioramento della qualità dei servizi , al contenimento dei costi e all’affermarsi di nuove pratiche di cura, relazioni e comunicative tra questi tre attori (Eurostat 2012; Vicarelli, 2013). E’ con il web 2.0 e con i social media che questi processi acquisiscono una crescente visibilità nella scena pubblica, grazie allo sviluppo di spazi online di condivisione di informazioni sulla salute, di scambio di pareri su prestazioni mediche (health rating e ranking), di interazioni dialogiche con medici e strutture sanitarie (telemedicina e quantified self).
  • 4. • Cambiamento nella comunicazione pubblica istituzionale (Lovari, 2014) • Evoluzione dei mix comunicativi delle pubbliche amministrazioni • Nuove pratiche di uso dei social media da parte dei cittadini Elementi di scenario MEDICI INTERNET SOCIAL MEDIA ISTITUZIONI SANITARIE CITTADINI PAZIENTI 12/11/2014 4
  • 5. Internet, bit e informazioni sulla salute Numerose ricerche hanno messo in luce come sempre più cittadini usino Internet per cercare informazioni di tipo sanitario o che riguardano tematiche legate alla salute e agli stili di vita salutari Secondo i dati CENSIS almeno 15 milioni nel 2009, pari a circa il 25% della popolazione (13% nel 2005, appena 3% nel 2003). Secondo l’Eurostat nel 2010 la percentuale per l’Italia è pari al 23%, un valore al di sotto della media UE (27 Paesi), che risulta essere invece pari al 34%. Secondo Eurisko (2012) dopo avere navigato in Rete i cittadini dicono di relazionarsi con parenti e amici (26%), con il medico (23%), persone con gli stessi problemi di salute (16%). Dati Istat 2013 confermano crescente uso di Internet per la ricerca di informazioni sanitarie: 49,6% (45,1% nel 2011) con un differenziale di genere (donne 54,8% rispetto a 45% uomini)
  • 6. Tecnologie digitali per la salute: plus & minus Punti di forza: - Consentire un flusso continuo di informazioni sulla salute a facile accesso - Soddisfare la domanda di informazioni sulla salute - Aumentare le conoscenze personali Possibili criticità - Diffusione di informazioni inaccurate che possono causare rischi per i cittadini - Sovrapposizione tra informazioni sanitarie e pubblicità che possono confondere pazienti e cittadini - Aumento del digital divide, disparità sulla salute, privacy e implicazioni legali Crescita di importanza di Internet (e dei social media) nei percorsi di information scouting ha forti ripercussioni sulle organizzazioni sanitarie.
  • 7. 12/11/2014 Titolo Presentazione Pagina 7 La diffusione dei social media sta cambiando profondamente le relazioni tra strutture sanitarie, cittadini e professionisti della cura, rivelando pratiche innovative per la comunicazione della salute (Cioni, Lovari 2014; Eysenbach 2008; Fox, Duggan 2013a; Househ 2013; Van De Belt et al. 2010) Opportunità/Vantaggi e Criticità/Rischi per questiinterlocutori nella relazione Social Media per la comunicazione della salute Cittadini Pazienti Aziende sanitarie, ospediali,ecc Medici, infermieri, specialisti
  • 8. Potenzialità dei social media CITTADINI. Favorire lo sviluppo dell’empowerment del cittadino/paziente, grazie alla possibilità di esplorare e comparare dati e fonti informative e di scambiare esperienze con altri pazienti, medici e strutture sanitarie, diventando sempre più un interlocutore più attento e partecipe dei percorsi terapeutici e di promozione della salute.
  • 9. Ricerca Censis- Forum Biomedico: ecco i social Il rapporto “Quale futuro per il rapporto medico paziente nella nuova sanità?”, condotto dal Censis e dal Forum per la Ricerca Biomedica nel 2012, mette in luce come il web sociale sia acquisendo sempre più importanza. il 32,4% dei rispondenti usa Internet per questioni legate alla salute, un dato che arriva al picco di 49,5% nei cittadini tra 18 e 29 anni e al 48,7% in quelli di età 30-44. Tra gli argomenti ricercati le informazioni su specifiche patologie, ma anche la frequentazione di forum, community e scambio di esperienze tra pazienti. L’attività maggiormente svolta nel web dal campione della ricerca è la ricerca di informazioni sulla salute attraverso i motori di ricerca (97,6%, di cui 23,2% spesso), mentre interessante è la percentuale del 34,7% di rispondenti che usa i social network sites “spesso” e “qualche volta” per imbattersi in informazioni sulla salute, un dato superiore a quello della consultazione dei siti istituzionali sulla salute (29,8%).
  • 10. Potenzialità dei social media I social media rappresentano uno strumento strategico per i medici e i professionisti della salute. Possono essere usati per ricercare informazioni specialistiche, per dare visibilità alla propria ricerca, per la formazione degli specializzandi, per fornire supporto a pazienti con specifiche patologie, per costruire e mantenere relazioni con comunità scientifiche e professionali (Levine et al 2001; Shaw, Johnson 2001; Yamout et al. 2011) Consentono inoltre alla organizzazioni sanitarie di migliorare le proprie strategie comunicative, offrendo alle istituzioni sanitarie una nuova piattaforma e interfaccia comunicativa.
  • 11. 12/11/2014 Pagina 11 I social media cominciano ad essere utilizzati da organi istituzionali e aziende ospedaliere per lanciare campagne di comunicazione e sensibilizzazione su specifici temi sanitari o per promuovere stili di vita salutari (Santoro 2009). I social media possono aiutare le aziende sanitarie a comunicare con utenti tradizionalmente difficili da raggiungere, come gli adolescenti o gli immigrati (Bardus 2011; Chou et al 2009). Possono essere utilizzate dalle organizzazioni sanitarie per raccogliere i feedback individuali, monitorare le conversazioni dei pazienti e raccogliere i reclami e i possibili disservizi (CDC 2012; Thielst 2011) Apportare un profondo cambiamento nella prospettiva dell'organizzazione, passando da una comunicazione top-down e un approccio broadcast a una comunicazione orizzontale, dando la possibilità ai cittadini di parlare sui profili social delle ASL. Usare i social per la sanità e la salute
  • 12. 12/11/2014 Titolo Presentazione Pagina 12 Il Ministero della Salute suggerisce alle strutture sanitarie italiane, all’interno delle linee guida per la comunicazione on line pubblicate nel 2010, l’impiego di piattaforme partecipative per pianificare attività di comunicazione più efficaci in tema di promozione della salute e per stabilire con i cittadini relazioni più coinvolgenti e dialogiche. Il web sociale sta perciò emergendo sempre più come grande repository di informazioni sulla salute e come spazio di dialogo, condivisione e partecipazione dei cittadini/pazienti. Mancanza di ricerche empiriche sul tema della colonizzazione del web social da parte delle organizzazioni sanitarie. Usare i social per la sanità e la salute_2
  • 13. Ma quante sono le Asl italiane che sono presenti con presenze ufficiali su Facebook e i principali social media? 16/11/2014 13 La presente ricerca è stata prodotta nell’ambito del progetto di ricerca dal titolo “Comunicare la salute attraverso le tecnologie” sviluppato presso l’Università degli Studi di Sassari, per mezzo del Contratto di Ricercatore a Tempo Determinato finanziato con le risorse del P.O.R. SARDEGNA F.S.E. 2007-2013 - Obiettivo competitività regionale e occupazione, Asse IV Capitale umano, Linea di Attività l.3.1.
  • 14. Obiettivo della ricerca Esplorare e analizzare il processo di colonizzazione dei Social Media da parte delle Aziende Sanitarie Locali italiane (ASL) mettendo in evidenza le strategie comunicative e le problematiche organizzativo/manageriali. Studio articolato in tre fasi con diversi metodi (mixed method): 1.Mappatura della presenza delle Aziende Sanitarie Locali sui più popolari social media (Facebook, Twitter, YouTube) 2.Analisi del contenuto delle pagine per descrivere le tipologie di messaggi pubblicati sulle timeline delle presenze istituzionali su Facebook. 3.Interviste con i direttori generali e i direttori della comunicazione, per analizzare i problemi di attuazione, le strategie comunicative, le implicazioni gestionali e i vincoli che impediscono un corretto sviluppo dei social media da parte delle ASL. 12/11/2014 14
  • 15. Coordinate della ricerca La ricerca è stata condotta nei mesi di luglio 2013 e gennaio 2014 prendendo in esame l’intero universo delle ASL italiane. Abbiamo adottato diverse metodologie e tecniche di indagine rispetto agli obiettivi e le finalità delle fasi della ricerca. La costruzione delle griglie e degli indicatori è avvenuta attraverso analisi della letteratura nazionale e internazionale sul tema. Apertura di un Osservatorio per indagare un processo di comunicazione pubblica e innovazione in fieri 12/11/2014 15
  • 16. Mappare i social per le ASL La mappatura si è articolata in alcune fasi partendo dal database del Ministero della Salute contenente gli url delle 143 ASL italiane: •Social bar •Pagine interne al sito istituzionale •Bottone cerca sul sito •Ricerca sulla search bar dei principali social media •Conferma dell’ufficialità tramite email o telefonata alla ASL Sono stati mappati e rilevati i vari tipi di presenza sui SM (ufficiali e non ufficiali, come le pagine, i gruppi creati dai lavoratori o dai privati cittadini, pagine tematiche, profili falsi) ma analizzati solo quelli ufficiali. Creazione di una griglia con diverse variabili: data di creazione, ufficio incaricato della gestione delle piattaforme, numero di messaggi pubblicati, informazioni, numero di fan, o followers, e commenti ai video. 12/11/2014 16
  • 17. Ma quante sono le Asl italiane che sono presenti con presenze ufficiali su Facebook e i principali social media? 12/11/2014 17
  • 18. Quante sono le Asl sui social Dicembre 2013 Da Cioni & Lovari (2014), Sociologia della Comunicazione
  • 19. Si tratta di un trend di crescita costante in termini di colonizzazioni (luglio 2013 era 24,5%) che di estensione sulle diverse piattaforme. Emergono differenze geografiche che rispondono più che a logiche territoriali alle scelte compiute da organi di indirizzo della comunicazione sanitaria. L’importanza della “biografia comunicativa”. Una prima analisi della rilevazione conclusa nel luglio 2014 mette in luce ancora un aumento quantitativo e un sorpasso di Facebook su YouTube e Twitter. Alcune riflessioni 12/11/2014 19
  • 20. Analisi del contenuto dei messaggi postati nelle pagine ufficiali delle ASL su Facebook. Periodo di analisi: circa 7 mesi (1 gennaio- 15 luglio 2013; periodo poi esteso poi al 31 dicembre 2013 nella seconda rilevazione) Analisi dei messaggi postati dalla ASL attraverso un processo di redazione dei contenuti ad hoc. Utilizzo di una tipologia di categorizzazione dei messaggi istituzionali su Facebook per i comuni italiani (Lovari & Parisi 2012), modificandola e calibrandola per le specificità del settore sanitario. Fase pilota e classificazione manuale dei dati. Seconda fase: quali contenuti e strategie? 12/11/2014 20
  • 21. ① Informazioni di pubblica utilità e opportunità per i cittadini ② Promozione di eventi ③ Campagne di comunicazione ④ Vita della Asl ⑤ Emergenze o disservizi ⑥Empowerment dei cittadini sui temi della salute ⑦ Altro Flussi di comunicazione pubblica social 12/11/2014 21
  • 22. Cosa postano le ASL Differenti strategie di storytelling e portata comunicativa tra ASL Da Cioni & Lovari (2014), Sociologia della Comunicazione
  • 23. In una terza fase, abbiamo condotto delle interviste telefoniche con i direttori generali o i direttori della comunicazione/informazione incaricati di gestire i social media nelle Asl. Sono state condotte interviste nel mese di luglio 2013 utilizzando una traccia semi-strutturata composta da 15 domande. La durata media delle interviste è stata di 45 minuti. Le interviste sono state strutturate seguendo 4 macro aree: a)apertura del presidio (implementation issue), b)motivazioni e obiettivi per l'utilizzo dei social media, c)gestione delle piattaforme (policy, uffici, monitoraggio, ecc), d)Resistenze ad aprire profili ufficiali sui social media da parte delle Aziende Sanitarie. Perché e come stare sui social: la voce della ASL 12/11/2014 23
  • 24. Processo di colonizzazione: chi e quando Da chi viene l’idea di colonizzare i social media? Strutture di Comunicazione/Informazione vs Direzione Generale •Aperture dei presidi differenziate nel tempo •Progetti pilota per sperimentare nuove forme di comunicazione sanitaria e della salute. •Ostacoli e criticità nel processo di istituzionalizzazione della presenza sui social media: differenti percorsi 12/11/2014 24
  • 25. Reason why: perché essere sui social Perché si decide di presidiare i social network sites? •Possibilità di propagare le informazioni relative alla salute oltre i mass media tradizionali (stampa e televisione) e al di fuori degli sportelli cittadini e degli uffici URP. •Possibilità di raggiungere nuovi target, come gli adolescenti, gli studenti delle scuole superiori o i giovani che sono utenti abituali di queste piattaforme. "Facebook è popolato da molti adolescenti e giovani che si trovano al di fuori degli schemi dei media tradizionali. Stiamo utilizzando Facebook per diffondere la nostra campagna di comunicazione per la salute dal momento che possiamo incontrarli in questi luoghi " “I social ci consentono di parlare anche agli immigrati” • Brand image e reputazione dell’azienda •Strumento strategico per informare e coinvolgere il personale interno 12/11/2014 25
  • 26. Chi gestisce le attività sui social? •Uffici stampa, URP e uffici di comunicazione. •Affiancamento di studenti universitari o laureati attraverso tirocinio nelle strutture di comunicazione ASL. •Amministratori della ASL Postare sui social media è solo una delle numerose attività svolte quotidianamente dai professionisti della comunicazione, insieme con la scrittura dei comunicati stampa, l'organizzazione degli eventi o l’aggiornamento del sito web. Impatto degli smartphone: l’attività di aggiornamento delle pagine o dei profili viene fatta su dispositivi mobile al di fuori dall’orario di lavoro. Non è una funzione specialistica e competenza esclusiva: strutture dedicate, come gli uffici di social media, devono ancora essere create e inserite all’interno degli organigrammi. 12/11/2014 26
  • 27. I social media sono utilizzati come una finestra per promuovere servizi e campagne per la salute, ma non si cerca (o non si riesce) ancora ad attivare le voci dei cittadini. I responsabili della comunicazione evidenziato chiaramente le difficoltà nella gestione del feedback con i cittadini. Mancanza di policy esterne ed interne e di abilitazione dei post degli utenti. Il monitoraggio è un'attività raramente svolta dalle Aziende Sanitarie. La valutazione delle attività sui social media è in gran parte quantitativa (Facebook Insights). Nessuno degli intervistati ha citato l'uso di strumenti qualitativi di monitoraggio e verifica. Gestione e implicazioni manageriali 12/11/2014 27
  • 28. Ostacoli allo sviluppo dei social media •La mancanza di risorse umane qualificate e specializzate per gestire queste piattaforme: "Perché dovremmo aprire un profilo Facebook se non abbiamo le risorse per farlo? “ •La resistenza è legata alla paura di ricevere commenti negativi e critiche da parte dei cittadini. "Essere sui social media significa essere in un libro aperto dove tutti possono dire quello che vogliono senza alcun controllo" •Resistenza al cambiamento e cultura dell’innovazione -Divieto di accesso ai social media all’interno delle Asl -ASL gestite da direttori generali che non hanno familiarità con i social media e non sono in grado di comprendere appieno la rivoluzione tecnologica digitale che questi mezzi posso portare alle organizzazioni. 16/11/2014 28
  • 29. Conclusioni •Esiste una vasta costellazione di usi dei social media da parte delle ASL: sembra che ogni ASL stia seguendo una vera e propria strategia specifica. Proactive vs Followers •Prevalenza di comunicazione sanitaria top-down che non favorisce la partecipazione degli utenti. •Twitter e YouTube sono utilizzati come media tradizionali, per diffondere informazioni sulla salute, piuttosto che per coinvolgere gli utenti. •YouTube come repository di video e Twitter come strumento di relazioni con la “stampa” . 12/11/2014 29
  • 30. Conclusioni_b •L'uso dei social media per la comunicazione sanitaria istituzionale è ancora in una fase di intrapreneurship e sperimentazione (Mergel & Breischneider 2013) per la quantità di presenze ufficiali, ma soprattutto per la qualità delle presenze sui social media in relazione alla gestione delle piattaforme. •Le Asl non sembrano ancora pronte a cogliere l’opportunità di attivare flussi bidirezionali con i cittadini. Dalle interviste emerge come i responsabili della comunicazione delle ASL siano preoccupati per le possibili conseguenze di questi spazi di conversazioni con i cittadini, mentre altri sottolineano che se i profili social non sono aperti è perché mancano risorse umane specializzate. 12/11/2014 30
  • 31. 12/11/2014 Titolo Presentazione Pagina 31 Per ulteriori informazioni, domande e commenti email: alovari@uniss.it Twitter: @alelovari 31 12/11/2014