Successfully reported this slideshow.
Your SlideShare is downloading. ×

Corso di Complementi di Safety per il Trasporto Aereo.pdf

Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Loading in …3
×

Check these out next

1 of 12 Ad

More Related Content

Recently uploaded (20)

Advertisement

Corso di Complementi di Safety per il Trasporto Aereo.pdf

  1. 1. Corso di Complementi di Safety per il Trasporto Aereo 15/11/2022 Studente P.Uff. Alessandro Francica Università Giustino Fortunato
  2. 2. Cosa vuol dire Safety? ICAO Doc. 9859 (SMM): Is the state in which the risk of harm to persons or of property damage is reduced to, and maintained at or below, an acceptable level through a continuing process of hazard identification and risk management ISV-001 Si intende lo stato in cui i rischi associati con le attività aviatorie vengono ridotti e controllati ad un livello considerato accettabile. [...] consentendo il raggiungimento degli obiettivi operativi con il massimo grado di sicurezza compatibile con le varie situazioni e circostanze.
  3. 3. Evoluzione della Safety Si è passati da un approccio lineare e deterministico che attribuisce la causa dell’incidente all’eventuale failure dell’apparato o all’errore dell’operatore frontline, ad un approccio che considera le organizzazioni nella loro totalità. Il fallimento non è del singolo bensì dell’intero sistema.
  4. 4. I modelli di Heinrich Effetto Domino: Un accident è generato da una sequenza di failures, errors e/o events che, seppur apparentemente sconnessi tra loro, si possono verificare simultaneamente o contemporaneamente nei vari livelli dell’organizzazione. I modelli individuati dall’ingegnere statunitense Herbert William Heinrich contribuirono particolarmente all’evoluzione del concetto di Safety: La Piramide degli incidenti: Mostra la relazione tra gli accidents, incidents e occurrences e propone l'assunto che se si riescono a diminuire gli inconvenienti minori, diminuirà la probabilità dell'incidente fatale.
  5. 5. Come possiamo salvaguardare la Safety: riducendo il rischio diminuendone o il livello di gravità o la probabilità che esso si manifesti. Il rischio
  6. 6. I processi di Safety
  7. 7. Safety Prescrittiva È alla base di tutti i processi di safety e garantisce un livello di rischio residuo accettabile in quanto certifica che enti, organizzazioni, personale e/o oggetti aeronautici, soddisfino determinati requisiti. Ovviamente deve essere supportata legalmente e per questo è codificata in disposizioni legislative nazionali ed europee (2018/1139). La certificazione, insieme alle attività di Rule Making e di Oversight, è parte integrante del processo di “Regulation”. 4 CEs: legislazione primaria, regolamentazione (AMC), addestramento e certificazione degli ispettori, certificazioni e licenze del personale e organizzazioni.
  8. 8. Safety Reattiva L’investigazione è svolta per comprendere e analizzare le cause che hanno generato l’evento ed il suo fine ultimo è quello di prevenire futuri incidenti, non rientra nei suoi compiti quello di attribuire colpe e responsabilità legali. Il Procedimento comprende la raccolta e l’analisi delle informazioni (factual factors), elaborazione delle conclusioni, comprensive delle cause (causal factors) e pubblicazione delle raccomandazioni di safety. 1 CE: funzioni dello stato (definizione enti, identificazione organizzazioni). Base legale ICAO Annesso 13 EU Regolamento 996/2010
  9. 9. Safety Proattiva Prevenire eventi indesiderati tramite l’attività di oversight continuo sugli enti e le organizzazioni: Ciò è possibile attraverso la sistematica raccolta e analisi di informazioni di Safety (MOR/VOR, occurrences, inconvenienti), la sorveglianza CMA (audit e ispezioni) e la diffusione delle stesse informazioni. Per poter identificare positivamente i trend inerenti alla Safety, si individuano determinati KPI (qualitativi e/o quantitativi) che vengono valutati considerando i key performance target prescelti. 2 CEs: guide tecniche per il continuous oversight, Misure correttive (black list, sospensione o revoca certificati). Base legale ICAO Annesso 19 EU (BR) 2018/1139 EU 376/2014
  10. 10. Nella complessiva valutazione del rischio possiamo individuare 3 fasi: 1) Functional Hazard Assessment Identificare gli hazard e i safety objectives. 2) Preliminary System Safety Assessment Definire come il rischio possa essere mitigato - MoC. 3) System Safety Assessment Dimostrazione dell’implementazione dei requisiti - MoE. 1 CE: Oversight SMS (Surveillance). Safety Predittiva Base legale ICAO Annesso 19 EU (BR) 2018/1139 Obiettivo della Safety predittiva è quello di individuare e mitigare l’insorgenza di potenziali aree di rischio prima dell’implementazione di eventuali modifiche (minor, significant o major) alle operazioni, regolamenti o oggetti aeronautici.
  11. 11. L'affidabilità della singola organizzazione non dipende più esclusivamente dalle sue singole componenti, bensì dalle interazioni, dalla cooperazione e dalla sinergia con gli altri enti e organizzazioni. Abbiamo di fronte un sistema complesso, paragonabile ad una "rete", dove ogni elemento è un nodo e la sua “forza” complessiva è uguale al suo elemento più debole. Safety Inter-Organizzativa
  12. 12. Safety Management System - Part OR State Safety Programme - Part AR In conclusione, il fine ultimo dell’Annesso 19, è quello di standardizzare gli enti e le organizzazioni per raggiungere un migliore e sostenibile livello di safety (ALOSP). Sostanzialmente l’implementazione del SMS/SSP significa adottare un processo documentato, sistematico, prescrittivo, proattivo, predittivo, basato sulla Safety Culture, che, ottimizzando le capacità dell’essere umano, utilizza lo strumento del Risk Management, integrando operazioni e tecnologia per salvare vite, preservare le risorse e massimizzare l'efficacia operativa. ISO 9001: PDCA continuo

×