Se questo è un             uomoPrimo Levi    La scritta «Arbeit Macht Frei»              che sta a significare: il lavoro ...
Vedrai scorrere immagini chehanno segnato la vita di tante          persone        Non bisogna dimenticare …
La freccia indica la strada che    gli ebrei percorrevano per andare a lavorare è chiusa ailati dal filo spinato elettrizz...
La strada di ingresso al campo.
Al centro la via principale e sulla sinistra i rispettivi «Block».
La torretta di avvistamento con il faro.
Questo cartello sta a indicare che il filo spinato, lungo la strada percorsa                        dagli ebrei, è elettri...
I cancelli che venivanoaperti per far passare gli   ebrei da un percorso         all’altro.
La strada percorsa  dagli ebrei perandare a lavorare.
La strada di   mezzo tra i   Block, sullasinistra, e quella  per andare a lavorare, sulla
La strada che costeggia i “Block”.
Il faro della torretta di avvistamento.
La lanterna con il numero del “Block”(in questo caso 24).
La strada principale che costeggia i “Block”.
I documenti dei deportati.
Queste scatole contenevano delle pillole che versate in untombino diventavano gas il quale alimentava le camere a         ...
Le pillole che alimentavano le camere a gas.
Gli occhiali dei prigionieri morti.
Le coperte che usavano i prigionieri del campo.
Le spazzole che usavano i prigionieri.
Le protesi dei prigionieri diversamente abili.
Le ciotole dei deportati.
La stanza dove venivano interrogati i prigionierie condannati a morire al muro della morte.
In questa camera si spogliavano iprigionieri prima di entrare nel fornocrematorio.
In questa cella i prigionierimorivano stando a digiuno.
Il comignolo del forno crematorio.Dal libro Se Questo è Un Uomo … Sivedeva un fumo nero uscire sempre da quelcomignolo, ma...
L’ingresso al forno crematorio.
Su queste barelle di ferro venivano messi i corpi chesuccessivamente sarebbero entrati nel forno crematorio.
Nel fosso di fronte a questo carrello venivano       buttati i corpi oramai cremati.
Su uno dei treni che                                    passava su questi binari                                    Primo ...
L’ingresso al campo di concentramento.
Le latrine: posto in cui iprigionieri soddisfacevano i bisogni gli odierni bagni          pubblici.
Una delle stufe che riscaldava      l’intero “Block” ancoraintegra, impossibile da distruggere         perché in mattoni.
Le cuccette con i rispettivi numeri neri su              sfondo bianco.
Il 27 gennaio del 1945 i cancelli di                       Auschwitz furono abbattuti.Dal libro Se Questo è Un Uomo scritt...
FineLavoro sulla giornata della memoria realizzato da Pierfrancesco Sanzari 2^ E anno 2011-2012
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Se questo è un uomo

1,889 views

Published on

In occasione del giorno della memoria.Realizzato da Pierfrancesco Sanzari classe 2 E

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,889
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
23
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Se questo è un uomo

  1. 1. Se questo è un uomoPrimo Levi La scritta «Arbeit Macht Frei» che sta a significare: il lavoro rende liberi, è posta all’ingresso del campo di concentramento di Auschwitz.
  2. 2. Vedrai scorrere immagini chehanno segnato la vita di tante persone Non bisogna dimenticare …
  3. 3. La freccia indica la strada che gli ebrei percorrevano per andare a lavorare è chiusa ailati dal filo spinato elettrizzato in modo da impedire che potessero scappare.
  4. 4. La strada di ingresso al campo.
  5. 5. Al centro la via principale e sulla sinistra i rispettivi «Block».
  6. 6. La torretta di avvistamento con il faro.
  7. 7. Questo cartello sta a indicare che il filo spinato, lungo la strada percorsa dagli ebrei, è elettrizzato.
  8. 8. I cancelli che venivanoaperti per far passare gli ebrei da un percorso all’altro.
  9. 9. La strada percorsa dagli ebrei perandare a lavorare.
  10. 10. La strada di mezzo tra i Block, sullasinistra, e quella per andare a lavorare, sulla
  11. 11. La strada che costeggia i “Block”.
  12. 12. Il faro della torretta di avvistamento.
  13. 13. La lanterna con il numero del “Block”(in questo caso 24).
  14. 14. La strada principale che costeggia i “Block”.
  15. 15. I documenti dei deportati.
  16. 16. Queste scatole contenevano delle pillole che versate in untombino diventavano gas il quale alimentava le camere a gas.
  17. 17. Le pillole che alimentavano le camere a gas.
  18. 18. Gli occhiali dei prigionieri morti.
  19. 19. Le coperte che usavano i prigionieri del campo.
  20. 20. Le spazzole che usavano i prigionieri.
  21. 21. Le protesi dei prigionieri diversamente abili.
  22. 22. Le ciotole dei deportati.
  23. 23. La stanza dove venivano interrogati i prigionierie condannati a morire al muro della morte.
  24. 24. In questa camera si spogliavano iprigionieri prima di entrare nel fornocrematorio.
  25. 25. In questa cella i prigionierimorivano stando a digiuno.
  26. 26. Il comignolo del forno crematorio.Dal libro Se Questo è Un Uomo … Sivedeva un fumo nero uscire sempre da quelcomignolo, ma da dove deriva …
  27. 27. L’ingresso al forno crematorio.
  28. 28. Su queste barelle di ferro venivano messi i corpi chesuccessivamente sarebbero entrati nel forno crematorio.
  29. 29. Nel fosso di fronte a questo carrello venivano buttati i corpi oramai cremati.
  30. 30. Su uno dei treni che passava su questi binari Primo Levi ci trascorse cinque giorni a digiuno senza cibo e senza acqua.I binari ove passava il treno che proveniva da altri campi di internamento o di lavori forzati come il campo di San Sabba vicino Trieste.
  31. 31. L’ingresso al campo di concentramento.
  32. 32. Le latrine: posto in cui iprigionieri soddisfacevano i bisogni gli odierni bagni pubblici.
  33. 33. Una delle stufe che riscaldava l’intero “Block” ancoraintegra, impossibile da distruggere perché in mattoni.
  34. 34. Le cuccette con i rispettivi numeri neri su sfondo bianco.
  35. 35. Il 27 gennaio del 1945 i cancelli di Auschwitz furono abbattuti.Dal libro Se Questo è Un Uomo scrittoda Primo Levi …già da molti mesiormai si sentiva a intervalli il rombo deicannoni Russi… e loro furono i primi adentrare nel campo di concentramento.
  36. 36. FineLavoro sulla giornata della memoria realizzato da Pierfrancesco Sanzari 2^ E anno 2011-2012

×