1. Cos’è il commercio Equo e Solidale?          2. Quali obbiettivi si propone?          3. Da quali paesi è sostenuto?4. ...
• Il commercio Equo e Solidale è un  approccio alternativo al commercio  convenzionale, diffuso al livello  internazionale...
• Il suo scopo è promuovere giustizia sociale  ed economica e sviluppo sostenibile  attraverso il commercio, la formazione...
• Il commercio equo e solidale è  sostenuto dalla Spagna, Svizzera,  Francia, Germania, Austria e  Italia.(Altra Qualità, ...
Questa istituzione si ispira ad una serie di principi     quali: il rispetto dei minori, dell’ambiente e       soprattutto...
I tipici prodotti del commercio equo esolidale sono il caffè, il tè, lo zucchero di         canna, il cacao e prodotti  de...
La coltivazione di questi prodotti dipende dalle scelte dei consumatoridel nord per un cibo più sano, ma anche   per evita...
Classe III F2010/2011
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Commercio equo e solidale presentazione di microsoft office power point

2,451 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,451
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
9
Actions
Shares
0
Downloads
17
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Commercio equo e solidale presentazione di microsoft office power point

  1. 1. 1. Cos’è il commercio Equo e Solidale? 2. Quali obbiettivi si propone? 3. Da quali paesi è sostenuto?4. A quali principi si ispira? Quali sono le regole? 5. Quali prodotti vengono coltivati e commercializzati? 6. Con quali tecniche vengono coltivati?
  2. 2. • Il commercio Equo e Solidale è un approccio alternativo al commercio convenzionale, diffuso al livello internazionale. I primi tentativi di commercio equo o “FIRE TRADE”, secondo la dizione anglosassone adattata al livello internazionale, risalgono a quasi quarant’anni orsono ed ebbero luogo nei Paesi Bassi.• pagina iniziale
  3. 3. • Il suo scopo è promuovere giustizia sociale ed economica e sviluppo sostenibile attraverso il commercio, la formazione, la cultura, l’azione politica. E’ dunque una forma di commercio che mira a far crescere aziende economicamente sane e garantendo a produttori e lavoratori dei Paesi in via di sviluppo un trattamento economico e sociale equo e rispettoso, contrapponendosi alle pratiche di commercio, basate sullo sfruttamento, applicate dalle aziende multinazionali.• pagina iniziale
  4. 4. • Il commercio equo e solidale è sostenuto dalla Spagna, Svizzera, Francia, Germania, Austria e Italia.(Altra Qualità, Altromercato, Commercio Alternativo, Libero Mondo, Equomercato, Roba, RAM, Equoland, Mondo Solidale.)• pagina iniziale
  5. 5. Questa istituzione si ispira ad una serie di principi quali: il rispetto dei minori, dell’ambiente e soprattutto della dignità dei lavoratori evalorizzando l’istruzione. Da ciò scaturiscono alcuneregole che le aziende debbono rispettare: il divieto del lavoro minorile, impiego di materie prime rinnovabili, spese per la formazione/scuola, cooperazione tra produttori, sostegno alla propria comunità, creazione, laddove possibile, di un mercato interno dei beni prodotti, prezzi minimi garantiti (determinati con gli stessi produttori; il prezzo corrisposto deve permettere una vitadignitosa ai produttori, permettere investimenti nel campo sociale e far si che la produzione sia ambientalmente sostenibile), quantitativi minimi garantiti, contratti di lunga durata (pluriennali), consulenza rispetto ai prodotti e le tecniche di produzione, prefinanziamento. pagina iniziale
  6. 6. I tipici prodotti del commercio equo esolidale sono il caffè, il tè, lo zucchero di canna, il cacao e prodotti dell’artigianato. Altri prodotti agricoli sono il miele, la quinoa, l’orzo, frutta secca (arachidi, uvetta…), infusi (camomilla, menta…), spezie (pepe, cannella…), banane e altri. pagina iniziale
  7. 7. La coltivazione di questi prodotti dipende dalle scelte dei consumatoridel nord per un cibo più sano, ma anche per evitare ai contadini e operai di esporsi a prodotti nocivi per l’uomo e per motivi di salvaguardia dell’ambiente. A volte sono gli stessi contadini a decidere per l’agricoltura biologica quale tecnica tradizionale di coltivazione.
  8. 8. Classe III F2010/2011

×