Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

"IL BICCHIERE MEZZO PIENO DEI SOCIAL NETWORKS. Vantaggi ed opportunità nell'uso dei Social".

98 views

Published on

Di solito a questi incontri su questo tema si tende più a parlare di minacce che di opportunità; insomma ci si concentra soprattutto sul bicchiere mezzo vuoto. Invece, ci sono delle enormi potenzialità che questi nuovi mezzi della comunicazione offrono ma non se ne parla ancora abbastanza. Io cerco invece di esaltarle coinvolgendo soprattutto gli adulti che loro per primi devono capirne la portata.

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

"IL BICCHIERE MEZZO PIENO DEI SOCIAL NETWORKS. Vantaggi ed opportunità nell'uso dei Social".

  1. 1. vuotovuoto pienopieno S O C I A L N E T W O R K S OPPORTUNITA’ VANTAGGI Mercatello sul Metauro, 20 marzo 2019Mercatello sul Metauro, 20 marzo 2019
  2. 2. Come siamoCome siamo diventati?!diventati?!
  3. 3. Le tracce della tua presenza sono inconfondibili…qualche apparecchio elettronico lasciato acceso, sempre. Sulle pareti della casa buia, bagliori soffusi di spie, led, video ronzanti, come le braci morenti del camino di case di campagna… oppure è il computer che sta scaricando musica e sobbolle abbandonato sul letto. Tutto rimane acceso, niente spento. Tutto aperto, niente chiuso. Tutto iniziato, niente concluso
  4. 4. B A T T E R I A AL L I T I O
  5. 5. Ha visualizzato ma non ha risposto (ha letto) E’ collegato ma non risponde (online) Digita, cancella, ridigita (ok ciao) Sei parte di un gruppo e controlli che lui abbia letto
  6. 6. Prima c’erano quelli che avevano il PC e quelli che non l’avevano Poi quelli che sapevano usare Internet ed inviare una mail e quelli che a stento sapevano scrivere una lettera al PC Quelli che sono presenti sui SN e quelli che sono refrattari a qualsiasi tipo di ‘social’ anzi li demonizzano Quelli che scaricano tutte le App per fare qualsiasi cosa (es. acquisti) e quelli che acquistano usando al momento solo il Bancomat
  7. 7. LA METAFORALA METAFORA
  8. 8. E APRILA QUESTA PORTA!E APRILA QUESTA PORTA!
  9. 9. IL BESTIARIOIL BESTIARIO DEL CYBERBULLISMODEL CYBERBULLISMO
  10. 10. Molestie Perseguitare qualcuno mandandogli ripetutamente messaggi minacciosi per la sua sicurezza
  11. 11. Disprezzo Offendere, molestare e diffamare utilizzando mail, post in un forum, blog, chat, Facebook
  12. 12. Ridicolizzare Far circolare informazioni, foto o video che ridicolizzano o mettono in imbarazzo
  13. 13. Far vergognare
  14. 14. Isolare Escludere qualcuno da un gruppo online o da una lista di amici
  15. 15. Furto d’identità Violare l’account di qualcuno facendosi passare per questa persona e inviare al suo posto messaggi (E-mail) con l’obiettivo di dare una cattiva immagine della stessa, crearle problemi o metterla in pericolo, danneggiarne la reputazione o le amicizie.
  16. 16. Mettete "mi piace" alla mia immagine del profilo (e se volete anche a questo post), dopodichè inviatemi l'amicizia e accetto tutti quelli che commentano positivamente, datemi anche un voto qua sotto ma niente insulti, se non vi piaccio o vi sto antipatica non commentate, grazie  (da Facebook Amicizie <3) Sexting
  17. 17. Aggredire Messaggi elettronici, violenti e volgari, mirati a suscitare “battaglie” verbali online, tra due o più contendenti.  
  18. 18. CASO SFERA EBBASTA Classe 1992, su Instagram ha 2 milioni di follower.
  19. 19. 1.Giustificazione morale (es. “è giusto battersi quando è in gioco la sicurezza dei nostri figli”) 2.Etichettamento eufemistico (es. “dare addosso ai falsi idoli significa dar loro una lezione” “se lo meritava quel poco di buono…”) 3.Confronto vantaggioso (es. “gli ho scritto solo come la pensavo, mica l’ho ammazzato”) 4.Dislocazione della responsabilità (es. “ho soltanto seguito il mio buon senso e quello degli altri genitori”) 5.Diffusione della responsabilità (es. “gli abbiamo dato addosso tutti insieme”; “non sono stato solo io, c’erano anche gli altri”) 6.Distorsione delle conseguenze (es. “alla fine non si è fatto niente!”) 7.Deumanizzazione della vittima (es. “quello è un maiale”) 8.Attribuzione di colpe alla vittima (es. “è stato lui a provocare tutto questo”) Usando questi otto meccanismi di disimpegno, gli individuiUsando questi otto meccanismi di disimpegno, gli individui diventano capaci di agire in modo contrario alle lorodiventano capaci di agire in modo contrario alle loro convinzioni morali mentre continuano a sostenereconvinzioni morali mentre continuano a sostenere l'esperienza di comportarsi moralmentel'esperienza di comportarsi moralmente DISIMPEGNO MORALE
  20. 20. CUORE CERVELLO
  21. 21. Il proprio corpo non è più espressione visibile della propria identità ma uno strumento per conquistare consensi Fenomeno del ‘pars pro toto’, ossia gli altri che mi vedono si fanno un’idea di me da quello che IO O GLI ALTRI postano su di me (immagini, post) e quindi non è reale Il corpo virtuale tende a stabilizzarsi e si svincola dalla persona reale Analfabetismo o disinteresse emotivo per come uno veramente si sente, se attaccato, insultato o raggiunto da foto o frasi provocatorie, violente ed imbarazzanti.
  22. 22. «Piuttosto che condannare o esaltare l’indubbio«Piuttosto che condannare o esaltare l’indubbio potere dei media, noi dobbiamo accettare il loropotere dei media, noi dobbiamo accettare il loro significativo impatto e la loro penetrazione nelsignificativo impatto e la loro penetrazione nel mondo intero come un fatto indiscutibile edmondo intero come un fatto indiscutibile ed anche apprezzare la loro importanza come unanche apprezzare la loro importanza come un elemento della cultura del nostro tempo. Ielemento della cultura del nostro tempo. I sistemi politici ed educativi dovranno esseresistemi politici ed educativi dovranno essere consapevoli del loro obbligo di promuovere neiconsapevoli del loro obbligo di promuovere nei cittadini una comprensione critica del fenomenocittadini una comprensione critica del fenomeno della comunicazione moderna».della comunicazione moderna». Dichiarazione Di GrϋnwalD UneSco 1982
  23. 23. Serve aServe a pensare alpensare al consumo inconsumo in termini di sceltatermini di scelta consapevole econsapevole e non riempitivo dinon riempitivo di spazi vuoti.spazi vuoti.
  24. 24. ……. Sui Social Network generalmente si condividono:. Sui Social Network generalmente si condividono: Contenuti divertenti/di valore per gli altriContenuti divertenti/di valore per gli altri 1)1)Contenuti che fanno capire chi siamo, come siamo e cheContenuti che fanno capire chi siamo, come siamo e che cosa ci piace. Originalità, scrittura semplice, non solo testocosa ci piace. Originalità, scrittura semplice, non solo testo 2)2)Contenuti che fanno crescere e stimolare le relazioniContenuti che fanno crescere e stimolare le relazioni 3)3)Contenuti emozionali che ci realizzino come personeContenuti emozionali che ci realizzino come persone 4)4)Contenuti che fanno conoscere la nostra Attività o leContenuti che fanno conoscere la nostra Attività o le Cause che ci interessanoCause che ci interessano Ma, per quello che pubblichiamo:Ma, per quello che pubblichiamo: II ‘likes’‘likes’ ci fanno sentire bene, apprezzati (glomere)ci fanno sentire bene, apprezzati (glomere) II commenticommenti ci fanno credere che abbiamo detto qualcosaci fanno credere che abbiamo detto qualcosa di importante di cui vale la pena di discuteredi importante di cui vale la pena di discutere LeLe condivisionicondivisioni ci fanno sentire molto bene perché ..ci fanno sentire molto bene perché .. COMPORTAMENTI ATTESI
  25. 25. Capacità di accedereCapacità di accedere (reperire i contenuti)(reperire i contenuti) Capacità di analizzareCapacità di analizzare (capire i significati)(capire i significati) Capacità di valutareCapacità di valutare (esprimere un giudizio critico)(esprimere un giudizio critico) Capacità di produrre messaggiCapacità di produrre messaggi (esprimere il proprio pensiero)(esprimere il proprio pensiero)
  26. 26. PREVENIREPREVENIRE LA VIOLENZA DI GENERELA VIOLENZA DI GENERE CON LA PEER & MEDIA EDUCATIONCON LA PEER & MEDIA EDUCATION
  27. 27. 1)1) Comunicazione del messaggio conComunicazione del messaggio con apertura verso i “nuovi linguaggi”apertura verso i “nuovi linguaggi” 2) Creazione di ambienti più ricchi di2) Creazione di ambienti più ricchi di proposte metodologicheproposte metodologiche 3) Almeno un pc, un collegamento3) Almeno un pc, un collegamento internet ed un televisoreinternet ed un televisore ““Le tonnellate di catechesi fatte eLe tonnellate di catechesi fatte e gli etti di vita cristiana raccolti”gli etti di vita cristiana raccolti” don Tonino Bellodon Tonino Bello

×