problem-solving - 6 cappelli per pensare - Parte 2

10,420 views

Published on

problem solving creativo - parte 2 sui sei cappelli per pensare di De Bono

Published in: Education

problem-solving - 6 cappelli per pensare - Parte 2

  1. 1. Modulo PROBLEM SOLVING parte 2 Pensiero creativo ed efficace
  2. 2. PENSARE:tecniche di management del pensiero
  3. 3. pensiero parallelo
  4. 4. cappello = abitomentale
  5. 5. gruppi
  6. 6. BIANCO fatti dati definizioni Oggettività Imparzialità Neutralità“Evitando opinioni o impressioni, rilevo che…” “Limitatamente ai fatti…” “anzitutto raccogliamo i dati!!!”
  7. 7. Tecniche riconducibili al Cappello Bianco In quanto fase di PROBLEM SETTING
  8. 8. Legge di Pareto Matrice di EisenhowerCOSA FARE: individuare le attività strategiche e decisive, le poche cause chedavvero determinano la maggior parte degli effetti
  9. 9. obiettiviS.M.A.R.T.COSA FARE: definire obiettiviSpecifici, Misurabili, Attraenti, Raggiungibili, Tempificati
  10. 10. Stabilire priorità
  11. 11. Analizzare le possibilitàCOSA FARE: definirepunti di Forza e Debolezza interni, poi Opportunità e Minacce esterne
  12. 12. ROSSO emozioni relazioni valori Soggettività Intuito, non logicaNo giustificazioni razionali“La mia sensazione è che…” “Ho paura/certezza che…”
  13. 13. Tecniche riconducibili al Cappello Rosso in quanto fase di PROBLEM SETTING
  14. 14. StorytellingAscolto attivo, EmpatiaAttenzione alle relazioniAttenzione ai sentimenti Attenzione ai valori
  15. 15. VERDE nuove idee innovazione alternative Immaginazione/creativitàCambiare prospettiva e generare e dar movimento alle idee Pensiero laterale-asimmetrico “Rompiamo i soliti schemi e immaginiamo che…” “Come provocazione dico…” “Rovesciamo il punto di vista…”
  16. 16. Tecniche riconducibili al Cappello Verde in quanto fase diPENSIERO DIVERGENTE
  17. 17. Le tecniche di creativitàSostanzialmente 4 tipologie:1. ASSOCIAZIONEes. a matrice (incrocio di parole-chiave, elementi ecc.); mappe mentali per costruire grappoli di concetti/elementi associati2. ANALOGIAes. a spostamento (cambio di uso o contesto, “e se fosse” ecc.), a check list di verbi che mettono in movimento idee3. DEFORMAZIONEes. a inversione, provocazione, esagerazione/diminuzione per spingere verso nuove direzioni lo sguardo mentale4. PROIEZIONEes. a scenari immaginari, anche viaggi nel tempo-spazio; a immagini mentali, metafore e anche veri disegni; a immedesimazione-personificazione
  18. 18. GIALLO aspetti positivi speranza punti forti Ottimismo Logica positivaFar sì che le cose si realizzino, cercare soluzioni “Andrà bene, perché…”“Preferisco vedere questi aspetti positivi prima di quelli negativi, ovvero…”
  19. 19. Tecniche riconducibili al Cappello in quanto fase di PENSIERO POSITIVO
  20. 20. Pensiero non-negativo Ottimismo logicoKilling dell’impotenza appresa
  21. 21. NERO aspetti critici Negatività, limiti, vincoli punti deboli Pessimismo Logica negativa Mettere alla prova fatti, emozioni, scelte “Non può funzionare perché…”“I rischi/limiti dell’idea sono che…” “Sì, ma…”
  22. 22. Tecniche riconducibili al Cappello Nero in quanto fase diPENSIERO CONVERGENTE
  23. 23. Mappatura con sceltaDiagramma di Gantt e to do Plan
  24. 24. BLU governo gestire e pensare il pensiero Organizzazione/management delle idee Super-visione “metti il cappello color…”“ti sei accorto che stai pensando con il cappello color…?”
  25. 25. ESERCITAZIONE in intergruppo Gioco di brain-managing: dirigere intenzionalmente l’attenzione e il comportamento del pensiero v. note
  26. 26. Sperimentazione in intergruppoadottando teatralmente la tecnicaMentre 1 gruppo cerca soluzione, altri osservano e giudicano
  27. 27. COMPITO in intergruppo:siete i collaboratori più fidati del Preside dellascuola, che ha velleità di innovazione e vi hachiesto suggerimenti e soluzioni concrete pertrovare alternative alla campanella che suona aicambi dellora.Cosa proporreste? Come lo realizzereste nedettaglio del cosa / chi / come / quando / dove?
  28. 28. Sperimentazione in sottogruppi applicata a progetti-problemi adottando teatralmente la tecnica3-4 gruppi da max 6 (con 1 capo blu per gruppo) 3-4 problemi-sfide-progetti
  29. 29. I COMPITO (miglioramento organizzativo):siete i collaboratori più fidati del Capo di unanota industria del territorio, che vuole cambiareil sistema di controllo dei tempi dei dipendenti,evitando il cartellino (impersonale, fantozziano)ma anche l’anarchia temporale (un po’ dicontrollo ci vuole pur sempre…).Cosa proporreste?Come lo realizzereste in dettaglio?
  30. 30. II COMPITO (miglioramento economico personale):siete un ottimo dipendente, sempre impegnato e aziendalista; da tempo ritenete di meritare un aumento, quindi dopo anni vi sentite in grado di poter andare dal capo e negoziare un aumento di stipendio. Valutate tutti gli aspetti “alla 6 cappelli”; che fate? Come vi proponete? Provate a «raccontare» il vostro processo di problem setting and solving.
  31. 31. III COMPITO (miglioramento ambientale):la tecnologia e i costumi negli ultimi anni ha fatto davvero passi da gigante e potrebbe cambiare ancor più radicalmente gli ambienti in cui viviamo. Laspetto sembra ancora quello di un tempo: scrivanie, sedute, cancelleria ecc. tutti sempre allo stesso modo. Siete un gruppo di consulenti di ambienti lavorativi ergonomici e di interior-design, incaricati di trovare formule innovative per modernizzare gli uffici dell’Agenzia del Lavoro, garantendo efficienza ed insieme benessere. Attendiamo proposte ben strutturate, applicando passo passo la tecnica dei 6 cappelli.
  32. 32. IV COMPITO (miglioramento organizzativo):durante le ultime Feste Vigiliane gli organizzatori hannodovuto fronteggiare per 7 volte unemergenza che nonavevano considerato in nessun modo: bambini smarritinella folla. La cosa è finita più volte sui giornali e persino alTG2, dando una cattiva immagine dellorganizzazionetrentina. Come task-force provinciale siete incaricati ditrovare soluzioni convincenti per la prossima edizione.Cercate di:- Generare molte proposte creative attraverso tecniche di pensiero laterale- Scegliere la più convincente attraverso tecniche valutative- selettive- Definire un piano di lavoro
  33. 33. GESTIRE IL TEMPOIl tempo e…- storie di vita- procedure- strumenti (in particolare digitali)- obiettivi
  34. 34. RISOLVERE I PROBLEMII problemi e…- il pensiero divergente- il pensiero convergente- tecniche di creatività- tecniche di progettualità
  35. 35. Mindscape audiomappa sui 6 cappellihttp://www.mindscapestudio.it/site/index.php?option=com_conten t&view=article&id=54&Itemid=89&lang=it
  36. 36. Teoria: pensiamo al pensieroper risolvere impostare progetti e problemi
  37. 37. Compito:ideare e programmare la festa di fine corso Divisi in gruppi. Tempo 15 min.
  38. 38. Teoria: pensiamo al pensieroper risolvere impostare progetti e problemi
  39. 39. Ratatouille come esempio di cambiamento creativohttp://www.youtube.comwatch?v=WcR7U2tuNoY Theo Jansen come mix perfetto di pensiero divergente e convergentehttp://www.youtube.com/watch?v=WcR7U2tuNoY
  40. 40. il pensierorisorsa delle risorse
  41. 41. Pensierodialettico / costruttivo
  42. 42. intenzionalità
  43. 43. ripetere (rito) comportamenti, gesti, atteggiamenti imitare , immedesimarsi provare, sperimentare
  44. 44. Dal film Shine:http://www.youtube.com/watch?v=qkH7CydWW18“immagina di avere le mani grandi, come quelle di un gigante!”
  45. 45. recitare un ruolo
  46. 46. potere del ruolo
  47. 47. potere + del ruolo
  48. 48. potere - del ruolo
  49. 49. Apologo Zen dello scorpione e della rana
  50. 50. gli uomini NONcoincidono con i loro ruoli schemi automatismi
  51. 51. RIPASSOcercare soluzioni in strumenti digitali e del web 2.0
  52. 52. GESTIRE IL TEMPOIl tempo e…- storie di vita- procedure- strumenti (in particolare digitali)- obiettivi
  53. 53. RISOLVERE I PROBLEMII problemi e…- il pensiero divergente- il pensiero convergente- tecniche di creatività- tecniche di progettualità

×