Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Premio pa sostenibile 2019 template progetto quote bianche regione molise albertadelisio

21 views

Published on

https://www.slideshare.net/albertadelisio/template-pptx-premiopasostenibile2019-regione-molise-progetto-quote-bianche-albertadelisio

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Premio pa sostenibile 2019 template progetto quote bianche regione molise albertadelisio

  1. 1. Documento di approfondimento della soluzione: QUOTE BIANCHE…anche noi siamo votAbili INDICE 1. Descrizione della soluzione 2. Descrizione del team e delle proprie risorse e competenze 3. Descrizione dei bisogni che si intende soddisfare 4. Descrizione dei destinatari della misura 5. Descrizione della tecnologia adottata 6. Indicazione dei valori economici in gioco (costi, risparmi ipotizzati, investimenti necessari) 7. Tempi di progetto Descrizione della soluzione Il Progetto Quote Bianche si inserisce nella Start Up di Comunicazione e best practices inclusa nel percorso di comunicazione e azione del POR FSE 2014-2020 chiamata WE.C.A.N.(Welfare Changes All Need):
  2. 2. L’infrastruttura di Welfare è rappresentata dalla Regione, contenitore ideale di tutto l’empowerement fondato sui valori e sulle azioni utili a far crescere un territorio e tutti coloro che viabitano. L’idea progettuale, inizialmente basata sulla previsione di incontri con i beneficiari dell’azione, è implementata con l’avvio della piattaforma online “Quote Bianche”. Una piattaforma di e-learning gratuita (collegata a un’app per smartphone e tablet Android e IOS attualmente in versione base) su cui vengono organizzate lezioni virtuali di educazione civica e di diritto pubblico. L’obiettivo, come per le lezioni “in classe”, è quello di tradurre i programmi politici in un linguaggio ad alta comprensibilità, seguendo le regole di Easy Reading condivise a livello internazionale e di avvicinare così i disabili all’esercizio dell’elettorato attivo. Per questa iniziativa la Regione ha coinvolto le Istituzioni, l’Università del Molise, in particolare la Facoltà di Giurisprudenza, e le Prefetture, in modo tale che
  3. 3. amministratori, professori di diritto e funzionari potessero spiegare la materia in maniera semplificata. Descrizione del Team A coordinare l’intero progetto è L’Avvocatura Regionale, ideatrice del progetto. Ad affiancarla ci sono le Prefetture di Campobasso ed Isernia l’Università del Molise, molti Comuni del territorio molisano, le Associazioni che lavorano con le persone con disabilità, e di volta in volta a seconda dei momenti da definire, verranno individuate le professionalità più utili a gestire il percorso. Descrizione dei bisogni Partiamo dalle solide basi del progetto internazionale M.O.TE.:“My Opinion , My Vote” ,un sito che nasce da un progetto europeo sul diritto delle persone con disabilità intellettiva ad esprimere la propria opinione e il voto. Sul sito vengono costantemente offerteinformazionie materiali sul tema.Un Paese democratico deve garantire a tutti i cittadini adulti la stessa possibilità di esercitare un’influenza politica attiva.Le decisioni politiche influenzano la vita delle persone con disabilità intellettiva nello stesso modo in cui influenzano la vita della popolazione ingenerale. Tuttavia , le persone con disabilità intellettiva sono più frequentemente escluse dal processo politico.Le persone con disabilità intellettiva, acquisiscono con la maggiore età gli stessi diritti e doveri di tutti i cittadini, primo fra tutti quello di voto. l diritto di voto è sancito anche a coloro che sono stati interdetti (l’art. 11 della Legge n. 180 del 78, ha abrogato il punto 1), art. 2, del Decreto Presidente della Repubblica 20 marzo 1967, che precedentemente ad essi lo negava). Molti di loro (come ad esempio le persone con sindrome di Down ) non possono ricorrere all’opportunità del Voto Assistito, circostanza prevista esclusivamente in presenza di impedimenti di carattere fisico riconducibili a cecità, amputazionidellemani,paralisidegliartisuperiori odaaltroimpedimento dianalogagravità, a meno che ovviamente non presentino tali condizioni. Devono, pertanto, entrare in cabina elettorale da sole.(art. 55 e 56, Testo Unico delle Leggi Elettorali D.P.R. 30 marzo 1957, n 361 esuccessivemodifichee,per leelezioniamministrativeart.41,D.P.R.16maggio1960n.570).
  4. 4. Il progetto,dunque,nasce prendendo spunto da numerose campagne di sensibilizzazione per agevolare e promuovere il diritto al voto-e a un voto consapevole-dellepersonecondisabilità intellettive. Coinvolgendo le varie Associazioni che seguono le persone con disabilità, avremo un focus sulle loro presenze ed esigenze speciali. Crediamo che questo dovrebbe essere un impegno costante di tutte le Istituzioni. E per questo non deve rimanere circoscritto ai momenti delle competizioni elettorali ma deve essere una costante del quotidianodituttiicittadini. I destinatari La maggioranza delle persone con disabilità intellettiva non esercita il proprio diritto di voto permancanzadiinformazione,consapevolezzaededucazionealvotodellestesse persone con disabilità intellettiva, scarsa consapevolezza dei loro familiari, amici e operatori di riferimento dei loro stessi diritti di capacità. Mancano inoltre interventi per facilitarel’eserciziodeldiritto di voto da parte delle pubbliche istituzioni. Sono favoriti altresì gli accessi dei ragazzi disabili ai consessi Istituzionali creando una mappa virtuale di tutte le Amministrazioni che decideranno di aprire le loro giunte o consigli ai disabili in qualità di “uditori” con diritto di parola e di proporre idee da condividere e per poter dare a tutti l’opportunità di maturare una propria coscienza politicaeistituzionale. Tecnologia adottata Sul sito della Regione Molise si sta creando una piattaforma di e-learning gratuita (in cui sarà presente una versione base della APP dedicata per Android e IOS) per organizzare lezioni anche a distanza di educazione civica e diritto pubblico, per tradurre i programmi politici alla comprensibilità seguendo le regole di easy reading condivise a livello internazionale, avvicinando dunque i disabili ad un futuro voto consapevole e possibile,e all’esercizio anche dell’elettorato attivo, oltre che a spazi di consultazione e scambio. Su questo sito saranno dunque disponibili materiali per aiutare le persone con disabilità intellettiva ad avere consapevolezza dei propri diritti e doveri:
  5. 5. • i materiali per una campagna di informazione • linee guida per aiutare i partiti politici a tradurre i programmi in linguaggio ad alta comprensibilità • un “dizionario” sulle parole della politica • un percorso educativo per aiutare le persone a capire che cosa è lapolitica, come ci si può formare un’opinione, che cos’è l’unione europea e le autorità locali e nazionali e come concretamente si vota. La piattaforma , entro settembre 2019 , verrà completata e sarà dotata anche di una chat che consentiràairagazzi(sonoprincipalmenteigiovaniinfattiausufruirediquesta piattaforma e sono proprio loro ad aver richiesto uno spazio “social”) di confrontarsi all’interno di forum tematici per esprimere le loro opinioni e per rafforzare il percorso didattico in corso. Questa chat, come ogni funzione del sito, sarà strettamente controllata per garantire la privacy e per impedire qualsiasi tipo di “invasione” scorretta dall’esterno. Il progetto lo stiamo implementando grazie all’utilizzo di strumenti tecnologici innovativi che nascono per un uso in ambito entertainment ma che sempre più si stanno rivelando utili per finalità educative e di supporto alla disabilità. Fra le tecnologie attualmente disponibili, stiamo utilizzando la piattaforma HTC Vive, che consente all’utente di interagire nello spazio virtuale tramite un visore, delle telecamere a infrarossi e dei controller per gestire i movimenti manuali, e Samsung Gear VR, dove il visore viene integrato con uno smartphone. Per il progetto di sperimentazione sono previste quattro postazioni anche mobili. La legge non prevede infatti, a meno di gravi limitazioni fisiche, che l’operazione di votovengaespletataconilsupportodiuncaregiver.Ilprogettoper il momento coinvolge quaranta persone sul territorio, principalmente portatrici di sindrome di Down, ma si pone l’obiettivo di ampliare il suo raggio d’azione e di coinvolgere anche soggetti con altri tipi di disabilità intellettive. Il beneficio più evidente si rileva nel fatto che l'’integrazione con il digitale ha ampliato e reso più accessibile l’avvicinamento al voto delle persone con disabilità intellettive, dando vita ad una best practice, che - a costi molto contenuti-puo'esserepresaamodelloeriprodottaancheinaltrerealtàesu temidifferenti. Valori economici
  6. 6. Il Progetto è attualmente a costo zero poiché per l’attuazione della parte tesa alla realtà aumentata ci si è agganciati ad una piattaforma già in uso che consente di mutuare questi percorsi progettuali. I materiali cartacei sono quelli in disuso delle Prefetture e dunque anche essi a costo zero. Tempi di progetto Il Progetto è stato avviato con lezioni ed incontri nei centri diurni e nelle Prefetture e Università. Il funzionamento della App e la gestione della realtà aumentata verrà chiusa entro Settembre 2019 contestualmente al prosieguo delle lezioni agli interessati.

×