Il lavoro invisibile Dall’Osservatorio di Vigilanza delle Ldd all’Ambulatorio Vulnologico Pedroni Egidio Azienda Ospedalie...
OBIETTIVI <ul><li>Fornire attività di consulenza rispetto alla valutazione di ferite difficili ed al loro trattamento </li...
OBIETTIVI <ul><li>Organizzare dei corsi di aggiornamento al personale sanitario con particolare attenzione verso il neo as...
OBIETTIVI <ul><li>Garantire la continuità assistenziale ai pazienti dimessi con lesioni cutanee mediante una stretta e pro...
prevalenza
formazione
ATTIVITA’ DI CONSULENZA Dipartimento Consulenze Rivalutazioni Post ricovero Ambulatoriali POLISPECIALTICO 1 454 156 87 121...
 
GRUPPO DI ESPERTI <ul><li>Dr. Alessandro Detroia (Chirurgo Vascolare) </li></ul><ul><li>Dr. Massimo De Simoni (Responsabil...
<ul><li>Il documento prodotto dal gruppo di lavoro aziendale dal titolo: </li></ul><ul><li>“ GESTIONE ED USO APPROPRIATO D...
AMBULATORIO VULNOLOGICO <ul><li>Si tratta di una delle poche realtà sul territorio regionale a responsabilità infermierist...
obiettivi <ul><li>Svolgere una corretta diagnosi avvalendosi della consulenza di altri specialisti </li></ul><ul><li>Valut...
obiettivi <ul><li>Ridurre i tempi di ospedalizzazione mediante la presa in carico in ambulatorio di pazienti con ferite di...
4 mesi di attività
Modalità ed orari <ul><li>L’attività dell’ambulatorio si articola su tre giorni settimanali per un totale di 12 ore settim...
Modalità ed orari <ul><li>Al termine dei sei mesi ipotizzati come periodo di riferimento, ed in base al numero degli acces...
criticità <ul><li>Definizione di una rete di colleghi esperti in wound care </li></ul><ul><li>Definizione di un percorso d...
ringraziamenti <ul><li>Moni </li></ul><ul><li>Ramo </li></ul><ul><li>Titti </li></ul><ul><li>Isa </li></ul><ul><li>Anna </...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Il lavoro invisibile. Dall'Osservatorio di vigilanda delle Ldd all'Ambulatorio Vulnologico

2,082 views

Published on

Congresso Nazionale AISLeC 2011: Pedroni

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,082
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Il documento prodotto dal gruppo di lavoro aziendale dal titolo “Gestione ed uso appropriato delle Medicazioni Avanzate e Speciali nel trattamento delle ulcere cutanee” è stato inserito in Intranet in due sezioni: nella sezione “Procedure e Progetti” – “Farmacia” – “Linee Guida e Documentazione” nel sito “Servizio di Farmacia” – nella sezione “Linee Guida e documentazione”
  • Il lavoro invisibile. Dall'Osservatorio di vigilanda delle Ldd all'Ambulatorio Vulnologico

    1. 1. Il lavoro invisibile Dall’Osservatorio di Vigilanza delle Ldd all’Ambulatorio Vulnologico Pedroni Egidio Azienda Ospedaliero Universitaria di Parma Nel futuro da protagonisti: la ricerca, la clinica e l’organizzazione del wound care di domani VII CONGRESSO NAZIONALE
    2. 2. OBIETTIVI <ul><li>Fornire attività di consulenza rispetto alla valutazione di ferite difficili ed al loro trattamento </li></ul><ul><li>Organizzare, pianificare e coordinare indagini periodiche di prevalenza delle lesioni da decubito (LdD) nelle unità operative più a rischio </li></ul><ul><li>Predisporre revisioni sistematiche del protocollo di prevenzione e trattamento delle LdD applicato in ambito aziendale </li></ul>
    3. 3. OBIETTIVI <ul><li>Organizzare dei corsi di aggiornamento al personale sanitario con particolare attenzione verso il neo assunto </li></ul><ul><li>Fornire indicazioni atte al miglior utilizzo dei presidi di prevenzione attraverso la corretta valutazione del rischio di contrarre una LdD (Scala di Valutazione del rischio di Braden) </li></ul><ul><li>Fornire indicazioni atte al corretto utilizzo delle medicazioni speciali, avanzate, tecnologiche. </li></ul>
    4. 4. OBIETTIVI <ul><li>Garantire la continuità assistenziale ai pazienti dimessi con lesioni cutanee mediante una stretta e proficua collaborazione con i medici curanti ed infermieri domiciliari. </li></ul>
    5. 5. prevalenza
    6. 6. formazione
    7. 7. ATTIVITA’ DI CONSULENZA Dipartimento Consulenze Rivalutazioni Post ricovero Ambulatoriali POLISPECIALTICO 1 454 156 87 121 POLISPECIALISTICO 2 367 145 19 21 GERIATRICO/RIABILITAT. 289 156 43 12 CHIRURGIA 219 76 15 23 MATERNO INFANTILE 15 23 5 3 NEUROCHIRURGICO 75 23 21 11 Totale 1419 579 190 191
    8. 9. GRUPPO DI ESPERTI <ul><li>Dr. Alessandro Detroia (Chirurgo Vascolare) </li></ul><ul><li>Dr. Massimo De Simoni (Responsabile Piede Diabetico) </li></ul><ul><li>Dr.Eugenio Grignaffini (Chrirugo Plastico) </li></ul><ul><li>Dr. Luca Sacchelli (Infettivologo) </li></ul><ul><li>Dr. Tantone Wania (Farmacista) </li></ul><ul><li>Dr. Rosi Cristina(Farmacista) </li></ul><ul><li>Gruppo Osservatorio Ulcere </li></ul>
    9. 10. <ul><li>Il documento prodotto dal gruppo di lavoro aziendale dal titolo: </li></ul><ul><li>“ GESTIONE ED USO APPROPRIATO DELLE MEDICAZIONI AVANZATE E SPECIALI NEL TRATTAMENTO DELLE ULCERE CUTANEE” </li></ul><ul><li>è stato inserito in Intranet in due sezioni: </li></ul><ul><li>nella sezione “Procedure e Progetti” - “Farmacia” – “Linee Guida e Documentazione” </li></ul><ul><li>nel sito “Servizio di Farmacia” nella sezione “Linee Guida e Documentazione” </li></ul>
    10. 11. AMBULATORIO VULNOLOGICO <ul><li>Si tratta di una delle poche realtà sul territorio regionale a responsabilità infermieristica. </li></ul><ul><li>Collabora con tutti i specialisti sanitari dell’azienda ed in particolare con Chirurgo vascolare, Infettivologo, Diabetologo, Chirurgo Plastico </li></ul><ul><li>La responsabilità medica fa capo al Direttore delle LDG (Prof L. Borghi) </li></ul><ul><li>Aperto a pazienti esterni- CUP </li></ul><ul><li>Pazienti interni in programma di dimissione, dh, ambulatori… </li></ul>14.5.2011
    11. 12. obiettivi <ul><li>Svolgere una corretta diagnosi avvalendosi della consulenza di altri specialisti </li></ul><ul><li>Valutare e scegliere la medicazione ideale </li></ul><ul><li>Prevenire recidive ulcerative mediante una costante attività di educazione sanitaria </li></ul><ul><li>Garantire continuità di cure mediante l’attivazione dei colleghi domiciliari </li></ul>
    12. 13. obiettivi <ul><li>Ridurre i tempi di ospedalizzazione mediante la presa in carico in ambulatorio di pazienti con ferite difficili che richiedono attenzione e cure settimanali </li></ul><ul><li>Presa in carico di pazienti provenienti da altri luoghi e servizi di cura (dh, ambulatori divisionali) </li></ul>
    13. 14. 4 mesi di attività
    14. 15. Modalità ed orari <ul><li>L’attività dell’ambulatorio si articola su tre giorni settimanali per un totale di 12 ore settimanali. </li></ul><ul><li>A partire dal mese di febbraio le ore settimanali sono passate a 16 per poter soddisfare le richieste pervenute </li></ul><ul><li>Nel mese di aprile si è reso necessario un ulteriore aumento a 20 ore settimanali. </li></ul>
    15. 16. Modalità ed orari <ul><li>Al termine dei sei mesi ipotizzati come periodo di riferimento, ed in base al numero degli accessi in ambulatorio, sarà possibile tenere aperto l’ambulatorio su cinque giorni a settimana. </li></ul>
    16. 17. criticità <ul><li>Definizione di una rete di colleghi esperti in wound care </li></ul><ul><li>Definizione di un percorso di integrazione fra diversi servizi che deve estendersi a tutti i luoghi di cura residenziali </li></ul><ul><li>Definizione di risorse materiali quali medicazioni avanzate, speciali e dispositivi antidecubito adeguate </li></ul>
    17. 18. ringraziamenti <ul><li>Moni </li></ul><ul><li>Ramo </li></ul><ul><li>Titti </li></ul><ul><li>Isa </li></ul><ul><li>Anna </li></ul><ul><li>Giò </li></ul><ul><li>Ale </li></ul><ul><li>Nico </li></ul>

    ×