La ferita psichica Barbara Novelli Dirigente Psicologo, Ospedale “M.Bufalini”, AUSL Cesena Nel futuro da protagonisti: la ...
Quando ci si ustiona <ul><li>Evento improvviso, inaspettato, violento </li></ul><ul><li>La paura di morire </li></ul><ul><...
Identikit psicosociale dell’ustionato <ul><ul><li>ANZIANI (20%) molti dei quali vivono soli </li></ul></ul><ul><ul><li>BAM...
L’intervento psicologico  a inizio ricovero <ul><li>Importante una conoscenza PRECOCE entro la prima settimana </li></ul><...
Il DPTS: prerequisiti  <ul><li>Presenza di un Evento stressante </li></ul><ul><li>L’individuo ha vissuto un evento che è a...
Il DPTS: criteri diagnostici (DSM V) <ul><li>L’evento traumatico è costantemente rivissuto ( immagini, pensieri intrusivi,...
Alcuni dati sul  Disturbo post-traumatico da Stress <ul><li>circa il 70% degli individui sperimenterà nel corso della vita...
<ul><li>Con modalità, tempi e cadenza non predefinibili </li></ul><ul><li>Su bisogni rilevati dallo psicologo, dal pazient...
RISPOSTE EMOTIVE E COMPORTAMENTALI DISFUNZIONALI NEI PZ. USTIONATI <ul><li>disturbi dell’umore  </li></ul><ul><li>reazioni...
Solo il paziente subisce l’ustione? <ul><li>La recente psicologia dei disastri, individua vari livelli di vittime : </li><...
“ per me mio padre è già morto, però poi vengo qua, e lo vedo, e respira…” figlia, paziente deceduto.
L’ustione da tentato suicidio <ul><li>La ferita psichica PRECEDE la ferita fisica </li></ul><ul><li>(d. depressivi, d. psi...
I problemi psicologici nel paziente ustionato: DOPO LA DIMISSIONE  <ul><li>Disturbi dell’umore </li></ul><ul><li>Disturbi ...
… dal concetto di (psico)patologia a quello di Qualità della Vita (QdV)  <ul><ul><ul><li>Le linee guida dell’OMS indirizza...
Una ricerca in CGU per valutare la QdV dopo la dimissione <ul><ul><ul><li>SOGGETTI </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>30 ...
SOGGETTI (N=30) Media  Min  Max  eta’ 42    12 18 65 superficie corporea ust. (%)  32   13 10   66  ustione profonda (%)...
Categorie SIP (Sickness Impact Profile) sonno e  riposo  (RS) comportamento emozionale (EB) cura personale e movimento (BC...
 
Risultati  (1):  LA QdV NEL TEMPO  <ul><ul><ul><li>Alla prima somministrazione:  </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Sia l...
Risultati  (2):  QdV E GRAVITA’ DELL’USTIONE <ul><ul><ul><li>Le categorie della  Dimensione Fisica  sono strettamente lega...
Luca:  Mamma quand’è che “sono guarito”? Mamma:  Ma cosa intendi per guarito? Luca:  Tornato come prima!! Mamma:  Ma anche...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

La ferita psichica

1,638 views

Published on

Congresso Nazionale AISLeC 2011: Novelli

Published in: Health & Medicine
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,638
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
10
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • 4
  • 7
  • La ferita psichica

    1. 1. La ferita psichica Barbara Novelli Dirigente Psicologo, Ospedale “M.Bufalini”, AUSL Cesena Nel futuro da protagonisti: la ricerca, la clinica e l’organizzazione del wound care di domani VII CONGRESSO NAZIONALE
    2. 2. Quando ci si ustiona <ul><li>Evento improvviso, inaspettato, violento </li></ul><ul><li>La paura di morire </li></ul><ul><li>La responsabilità o l’attribuzione di responsabilità </li></ul><ul><li>Il coinvolgimento di altre persone </li></ul><ul><li>La reazione personale </li></ul><ul><li>La ferita del corpo, il dolore… </li></ul>
    3. 3. Identikit psicosociale dell’ustionato <ul><ul><li>ANZIANI (20%) molti dei quali vivono soli </li></ul></ul><ul><ul><li>BAMBINI (10%) soprattutto in età prescolare </li></ul></ul><ul><ul><li>DEFICIT PSICHICI e/o FISICI, INVALIDITA’ di vario grado (10%) </li></ul></ul><ul><ul><li>STRANIERI (5-8%) con numeri crescenti negli ultimi anni </li></ul></ul><ul><ul><li>TENTATO SUICIDIO (3-5%) </li></ul></ul>
    4. 4. L’intervento psicologico a inizio ricovero <ul><li>Importante una conoscenza PRECOCE entro la prima settimana </li></ul><ul><li>Raccolta dell’ anamnesi psicologica personale e familiare (individuazione elementi di rischio e punti di forza) </li></ul><ul><li>Tema fondamentale è “l’elaborazione del trauma ustione” (v. prevenzione del DPTS e intervento sullo stress acuto) </li></ul>
    5. 5. Il DPTS: prerequisiti <ul><li>Presenza di un Evento stressante </li></ul><ul><li>L’individuo ha vissuto un evento che è al di fuori dell’esperienza umana consueta, e che evocherebbe grave malessere nella maggior parte delle persone (ad es. una seria minaccia per la propria vita o per l’integrità fisica). L’individuo ha reagito con una risposta di paura intensa, impotenza, orrore. </li></ul>
    6. 6. Il DPTS: criteri diagnostici (DSM V) <ul><li>L’evento traumatico è costantemente rivissuto ( immagini, pensieri intrusivi, sogni, flashback ricorrenti ) </li></ul><ul><li>Vi è un persistente evitamento degli stimoli associati al trauma </li></ul><ul><li>Sintomi persistenti di un aumentato arousal ( difficoltà a dormire, irritabilità, difficoltà di concentrazione, ipervigilanza, risposte esagerate di allarme, irrequietezza motoria ) </li></ul>
    7. 7. Alcuni dati sul Disturbo post-traumatico da Stress <ul><li>circa il 70% degli individui sperimenterà nel corso della vita almeno un evento traumatico; </li></ul><ul><li>un numero variabile tra il 18 e il 60% delle persone coinvolte in un evento traumatico svilupperà o presenta un DPTS; </li></ul><ul><li>se ne ricava che la stima della prevalenza del DPTS nella popolazione generale è compresa tra il 5 e il 10%, facendo del DPTS uno dei più frequenti disturbi psichiatrici </li></ul>
    8. 8. <ul><li>Con modalità, tempi e cadenza non predefinibili </li></ul><ul><li>Su bisogni rilevati dallo psicologo, dal paziente, dai familiari, dai vari operatori </li></ul><ul><li>Su fatti, emozioni, pensieri, paure aspettative sul presente e sul futuro </li></ul>L’intervento psicologico durante tutto il ricovero
    9. 9. RISPOSTE EMOTIVE E COMPORTAMENTALI DISFUNZIONALI NEI PZ. USTIONATI <ul><li>disturbi dell’umore </li></ul><ul><li>reazioni d’ansia </li></ul><ul><li>stati confusionali, deliranti </li></ul><ul><li>iperreazione al dolore </li></ul><ul><li>rabbia/impotenza </li></ul><ul><li>inattività, scarsa compliance </li></ul>
    10. 10. Solo il paziente subisce l’ustione? <ul><li>La recente psicologia dei disastri, individua vari livelli di vittime : </li></ul><ul><li>VITTIME DI PRIMO LIVELLO: chi subisce in via diretta l’impatto dell’evento </li></ul><ul><li>VITTIME DI SECONDO LIVELLO: parenti e amici delle vittime di primo livello </li></ul><ul><li>VITTIME DI TERZO LIVELLO: personale di soccorso </li></ul><ul><li>VITTIME FINO AL SESTO LIVELLO… </li></ul>
    11. 11. “ per me mio padre è già morto, però poi vengo qua, e lo vedo, e respira…” figlia, paziente deceduto.
    12. 12. L’ustione da tentato suicidio <ul><li>La ferita psichica PRECEDE la ferita fisica </li></ul><ul><li>(d. depressivi, d. psicotici, d. di personalità, altre ferite senza diagnosi ) </li></ul><ul><li>La ferita fisica si aggiunge alla ferita psichica (quasi sempre ustione da fiamma; media di superficie ustionata 48%) </li></ul><ul><li>Gli esiti (mortalità 33%; lunga ospedalizzazione e numerosi interventi chirurgici; e dopo?.....) </li></ul>
    13. 13. I problemi psicologici nel paziente ustionato: DOPO LA DIMISSIONE <ul><li>Disturbi dell’umore </li></ul><ul><li>Disturbi d’ansia (PTSD) </li></ul><ul><li>Scarso adattamento sociale </li></ul><ul><li>Disturbi della sfera relazionale/sessuale </li></ul>Si tratta di problemi transitori che migliorano da soli col passare del tempo, o problemi che permangono se non direttamente affrontati? (20-40% dei casi in base agli studi)
    14. 14. … dal concetto di (psico)patologia a quello di Qualità della Vita (QdV) <ul><ul><ul><li>Le linee guida dell’OMS indirizzano gli sforzi clinici e di ricerca dal campo della psicopatologia all’attuale concetto di QUALITA’ DELLA VITA </li></ul></ul></ul>
    15. 15. Una ricerca in CGU per valutare la QdV dopo la dimissione <ul><ul><ul><li>SOGGETTI </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>30 pazienti dimessi dal CGU di Cesena negli ultimi 12 mesi </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>successivo follow-up a 3 mesi </li></ul></ul></ul>
    16. 16. SOGGETTI (N=30) Media Min Max eta’ 42  12 18 65 superficie corporea ust. (%) 32  13 10 66 ustione profonda (%) 21  14 3 60 giorni di degenza 21  16 3 84
    17. 17. Categorie SIP (Sickness Impact Profile) sonno e riposo (RS) comportamento emozionale (EB) cura personale e movimento (BCM) gestione della casa (HM) mobilità (M) interazione sociale (SI) deambulazione (A) comportamento vigile (AB) comunicazione (C) lavoro (W) ricreazione e passatempi (RP) alimentazione (E) punteggio totale (TOT.SIP) categoria fisica (SD I) categoria psicosociale (SD II)
    18. 19. Risultati (1): LA QdV NEL TEMPO <ul><ul><ul><li>Alla prima somministrazione: </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Sia l’area fisica che l’area psicosociale risultano fortemente compromesse </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>A 3 mesi di distanza: </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Ci sono evidenti miglioramenti, in misura maggiore nell’area fisica </li></ul></ul></ul>
    19. 20. Risultati (2): QdV E GRAVITA’ DELL’USTIONE <ul><ul><ul><li>Le categorie della Dimensione Fisica sono strettamente legate alla gravità dell’ustione, soprattutto alla prima somministrazione </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Le categorie di QdV che fanno riferimento alla Dimensione Psicosociale sono indipendenti rispetto ai parametri clinici di gravità delle ustioni. </li></ul></ul></ul>
    20. 21. Luca: Mamma quand’è che “sono guarito”? Mamma: Ma cosa intendi per guarito? Luca: Tornato come prima!! Mamma: Ma anche se non sei tornato come prima stai bene o male quando sei a scuola e con i tuoi amici? Luca: Sto bene! ESISTONO EX-PAZIENTI NON ESISTONO EX-USTIONATI

    ×