Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

La "questione" del Limite

1,237 views

Published on

Congresso Nazionale AISLeC 2011: relazione di Favero

Published in: Health & Medicine
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

La "questione" del Limite

  1. 1. Nel futuro da protagonisti: la ricerca, la clinica e l’organizzazione del wound care di domani<br />VII CONGRESSO NAZIONALE<br />La “questione” del LimiteGianluca FAVERO<br />“Reperire nel limite della validità la validità del limite“ <br />(Paolo Chiodi, riflettendo su Kant )<br />
  2. 2. Perché pre – occuparsi del “Limite”<br />La parola bioetica nasce dalla fusione dei termini greci dell’éthos(costume, consuetudine, abitudine, comportamento) e del bíos (vita), quindi possiamo dire che la bioetica non è un altro che un’ etica applicata alla vita dell’uomo. <br />
  3. 3. Il Tempo:κρόνος<br />“Il tempo come successione di istanti, di ore, di giorni, tempo che rovina e distrugge …”<br />
  4. 4. Il Tempo:καιρός<br />Il "tempo, occasione": tempo come attimo, istantaneo e balenante, che si dà nella pienezza aoristica, "infinita" dell'attimo … un momento di un periodo di tempo indeterminato nel quale "qualcosa" di speciale accade. Ciò che è la cosa speciale dipende da chi usa la parola. Chi usa la parola definisce la cosa, l'essere della cosa. Chi definisce la cosa speciale definisce l'essere speciale della cosa. È quindi proprio la parola, la parola stessa, quella che definisce l'essere speciale. <br />
  5. 5. Ecclesiaste <br />3:1 Per ogni cosa c'è il suo momento, il suo tempo per ogni faccenda sotto il cielo.<br />3:2 C'è un tempo per nascere e un tempo per morire …<br />
  6. 6. Il Tempo oggi:forse un “nontempo”?<br />“Oggi c’è una sorta di ideologia del presente, si parla molto meno del Tempo. Siamo accerchiati da strumenti di comunicazione che ci bombardano di messaggi e immagini. C’è una istantaneità che, combinata alla sovrabbondanza visiva, dà l’impressione di essere rinchiusi dentro una specie di presente artificiale eterno” ( M. Augè )<br />
  7. 7. Il Limite come “esperienza”<br />“L'esperienza del limite è forse molto più forte oggi che in altri tempi. I continui progressi nei diversi campi della tecnica e soprattutto in quello della medicina e della genetica rendono più acuta la percezione della necessità di superarlo. Essi, infatti, fanno intravvedere grandi possibilità di sempre nuove conquiste ed alimentano sogni di un sempre più sicuro e perfetto futuro dell'umanità … L'avanzamento della tecnica non ha diminuito, bensì acuito le incertezze, non ha eliminato, ma moltiplicato le ragioni dell'angoscia esistenziale”.<br />( tratto da “Antropologia del limite ed etica dell’infinito” , Ignazio Sanna)<br />
  8. 8. “Si ha il desiderio di volare e la paura di cadere, il desiderio di vivere e la paura di morire, il desiderio di amare e di essere amati e la paura di tradire e di essere traditi …”<br />( tratto da “Antropologia del limite ed etica dell’infinito” , Ignazio Sanna)<br />Angosce …<br />
  9. 9. “Dimenticare” il Limite<br />Dimenticare il “limite” significa tentare di ignorare la naturale finitezza della condizione umana …<br />
  10. 10. Icaro<br />
  11. 11. La tecnica come illusione di immortalità<br />“Scienza e tecnica hanno portato la potenza dell’uomo ai limiti dell’impensabile. Ma per quanto lo si sposti in la il limite rimane …<br />a fronte di un’evidente dimenticanza della morte, scacciata dalla vita corrente quasi come un cattivo pensiero, alcuni scienziati abbozzano l’ipotesi che attraverso la tecnica si possa guadagnare una sorta di immortalità, o quantomeno una durata della vita a tempo indeterminato ”<br />(S. Natoli “Il buon uso del mondo”)<br />
  12. 12. Ulisse<br />
  13. 13. Frankenstein<br />“Una volta superata la misura, non c'è più alcun limite”<br />( Epitteto )<br />
  14. 14. Andare “oltre il limite” ovvero espropriare la morte<br />“Quando il compito di assistere o di guarire passa alle organizzazioni o alle macchine, è inevitabile che la terapia diventi un rituale incentrato sulla morte. Ma la nemesi trascende anche il sacrificio umano. La conseguenza estrema della nemesi medica è l'espropriazione della morte” (Ivan Illich)<br />
  15. 15. Jean-Luc Nancy<br />“ … io sono i pezzi di filo di ferro che tengono insieme il mio sterno e io sono questo sito di iniezione cucito sotto la clavicola, così com’ero già queste viti nell’anca e questa placca nell’inguine. Divento come un androide della fantascienza o piuttosto come un morto-vivente ... <br />Noi, io e tutti i miei simili sempre più numerosi, siamo in effetti l’inizio di una mutazione: l’uomo comincia a superare infinitamente l’uomo … <br />Egli diviene ciò che è: il tecnico più terribile e inquietante, come Sofocle aveva previsto venticinque secoli fa, colui che snatura e rifà la natura, colui che ricrea la creazione, che la fa uscire dal niente e che, forse, la riconduce a niente. Colui che è capace dell’origine e della fine”<br />
  16. 16. Le parole di Tiziano Terzani per riappropriarci del “senso del limite”<br />

×