Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Arsenico : aspetti critici nelArsenico : aspetti critici nel
territorio laziale,territorio laziale,
esperienze di vigilanz...
Caratterizzazione del problema
Assolutamente inadeguate le risorse per i controlli
Forti incertezze giuridiche nella valut...
I rilievi nel Lazio Il Lazio è una delle regioni
maggiormente interessata dalla
presenza di Arsenico nelle acque
potabili ...
Le zone coinvolte
La provincia di Viterbo
nel 2010 ha destato maggiori
preoccupazioni per il numero di comuni
interessati ...
In provincia di Latina
Sono stati coinvolti i Comuni di Aprilia , Cori, Cisterna
Sermoneta e Rocca Massima in particolare
Il fenomeno arsenico ha avuto un forte
impatto nella popolazione e nei media
Con ampia segnalazione anche di
disservizi rilevati nella predisposizione
delle misure cautelative
Nella Provincia di Roma
Il secondo territorio, più ampio, nella ASL RMH
corrispondeva al “ bacino vulcanico laziale” che c...
Il Vulcano Laziale (Latium Volcano)
Un grande vulcano cominciò a formarsi accumulando
i prodotti delle sue prime attività ...
Il complesso vulcanico
potrebbe riprendere la propria attività eruttiva in un
futuro più o meno lontano e quindi è un pote...
L'area del Vulcano Laziale, oggi
denominata “Colli Albani”
Vi si trovano ancor oggi rocce e materiali da
costruzione tipic...
Concentrazioni significative di arsenicoConcentrazioni significative di arsenico
nell’acqua potabile sono state evidenziat...
velletri
Tra i comuni dei Castelli Romani, è la città
con i parametri di As più alti, anche se
molta strada è stata fatta ...
A Velletri
• Tali interventi consentirono ante 2009 di
raggiungere in linea di massima il limite
per l’arsenico (50μ/l) co...
A Velletri
• Attualmente nelle zone critiche i
valori di Arsenico variano da 11,6 a
16,3 μ/l e per un periodo all’inizio
d...
Nel Comune di
Albano
gli interventi di risanamento sono stati più precoci
Da livelli medi di Arsenico superiori a 50μ/l in...
In altri Comuni
• Nelle zone litoranee di Anzio e Nettuno,
servite da un diverso gestore rispetto a gli
altri comuni della...
Nella zona nord
del bacino
• Nel comprensorio costituito
dai Comuni di Frascati, Rocca
di Papa, MonteCompatri, Rocca Prior...
La contaminazione da As nell’acqua
destinata al consumo umano è
associata a un aumentato rischio di
sviluppare diverse pat...
L’As può agire come un potente interferente
endocrino, alterando la
regolazione genica tramite interazione
con i recettori...
Austria nella zona di Strassegg in Gasen As nei terreni da 700 a
4000 mg/kg
Gran Bretagna: nelle zone industriali di Devon...
Il problema dei
pozzi privati
Situazioni critiche emergono
allorché utenze private
(condomini, abitazioni isolate)
si servono di pozzi artesiani
spesso ...
Ardea , Pomezia, Frascati
pozzi privati: risultati di
un’indagine
Sono stati registrati seri problemi in zone
residenziali...
Le esperienze più difficili
Nel Comune di Pomezia ove
gli insediamenti industriali
erano avvenuti in assenza di
acquedotto...
provvedimentiprovvedimenti
Nei casi di valori di unoNei casi di valori di uno
o più parametri nono più parametri non
confo...
Se si trattava di aziende alimentariSe si trattava di aziende alimentari
• È stato disposta ai sensi del Reg. CE 882/04
ar...
Aziende alimentariAziende alimentari
in alcuni casi è stato consentito l’utilizzo
temporaneo di fonti di approvvigionament...
In seguito a richiesta della ASL
i Sindaci di molti
Comuni interessati
hanno disposto tramite
apposite Ordinanze che
l’uti...
Le deroghe
il limite previsto per l’As (10
microgrammi litro) è superato in
particolari aree geografiche del
territorio na...
Nella regione Lazio nel periodo
2003-2009
• sono state richieste e ottenute svariate
deroghe
• Nel periodo 2003-2009 con l...
Nel 2010
• al termine del secondo periodo di deroga
nazionale al fine di consentire il
completamento delle azioni corretti...
La richiesta ha fatto riferimento alle particolari condizioni
idrogelogiche di alcune zone
e alla impossibilità di
garanti...
La CE
ha valutato a lungo la
richiesta di rinnovo della
deroga, alla luce degli
orientamenti dell’OMS e
di altre organizza...
Pertanto il parere
conclude che il
prolungamento
della deroga per
ulteriori tre anni
per l’acqua
destinata a
consumo umano...
LOGO
www.wondershare.comwww.wondershare.com
La Decisione della CE è stata emanata il 28
ottobre 2010 e ha adottato una val...
Non sono state consentite
le deroghe richieste per
concentrazioni superiori a 20
μ/litro comprese quindi quelle
richieste...
Sulla base della Decisione CE,
il Ministero della Salute di concerto con il Ministero
dell’Ambiente e della Tutela del Ter...
il Decreto 24 novembre 2010 (G.U. Serie
Generale n. 12 del 17 gennaio 2011)
• autorizza il rinnovo delle deroghe per
l’Ars...
Il citato Decreto Interministeriale
Nel frattempo
l’ulteriore accelerazione delle azioni correttive
previste nei Piani di rientro ha consentito ai
Gestori di ...
La concessione delle deroghe è
soggetta a condizioni tra cui:
fornitura di acqua che presenti
valore di As conforme al D....
LOGO
www.wondershare.comwww.wondershare.com
Dal 24 novembre 2010 al 22 marzo 2011 per quattro mesi
i Sindaci hanno regolam...
tuttavia
1)La Regione sembra essere l’unico
Ente di Riferimento che puo’
uniformare in tali situazioni i
comportamenti ma ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Arsenico nel Lazio

440 views

Published on

Situazione inquinamento da arsenico nelle acque del Lazio nel 2009-2010

Published in: Health & Medicine
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Arsenico nel Lazio

  1. 1. Arsenico : aspetti critici nelArsenico : aspetti critici nel territorio laziale,territorio laziale, esperienze di vigilanza,esperienze di vigilanza, soluzioni e rilievisoluzioni e rilievi Agostino Messineo M.Letizia Curcio Angela De Carolis Dipartimento di Prevenzione- SIAN ASL RM H
  2. 2. Caratterizzazione del problema Assolutamente inadeguate le risorse per i controlli Forti incertezze giuridiche nella valutazione dei tempi di vigenza delle deroghe Disuniformità sui provvedimenti attuati e nella informazione alla popolazione Come in passato scarsa tempestività nell’affrontare il problema delle deroghe a livello nazionale Adeguata la prontezza di risposta dell’ISS da sola tuttavia inadeguata a risolvere le questioni sollevate Accertamenti chimici non sempre omogenei Fondi disponibili per evidenziazione dei danni a livello epidemiologico ma non per prevenzione
  3. 3. I rilievi nel Lazio Il Lazio è una delle regioni maggiormente interessata dalla presenza di Arsenico nelle acque potabili ma alcuni distretti sono più compromessi rispetto ad altri .
  4. 4. Le zone coinvolte La provincia di Viterbo nel 2010 ha destato maggiori preoccupazioni per il numero di comuni interessati e per i livelli di contaminazione rilevati
  5. 5. In provincia di Latina Sono stati coinvolti i Comuni di Aprilia , Cori, Cisterna Sermoneta e Rocca Massima in particolare
  6. 6. Il fenomeno arsenico ha avuto un forte impatto nella popolazione e nei media
  7. 7. Con ampia segnalazione anche di disservizi rilevati nella predisposizione delle misure cautelative
  8. 8. Nella Provincia di Roma Il secondo territorio, più ampio, nella ASL RMH corrispondeva al “ bacino vulcanico laziale” che comprende almeno 11 dei 21 comuni della ASL RM H, Nella provincia di Roma sono stati interessati sostanzialmente due territori di cui il primo nel bacino della ASL RM F con i Comuni di Civitavecchia , Tarquinia ed in particolare Anguillara
  9. 9. Il Vulcano Laziale (Latium Volcano) Un grande vulcano cominciò a formarsi accumulando i prodotti delle sue prime attività su un basamento antico di sedimenti marini di rocce carbonatiche che formavano una pianura tra la costa e gli Appennini, con manifestazioni vulcaniche fino a circa 5000 anni fa .Ha eruttato 293km3 di materiale ma ancor oggi mantiene una discreta attività, con emissioni gassose (anche altamente tossiche), deformazioni nel terreno e frequenti deboli scosse sismiche (raramente potenti e distruttive), tanto da essere classificato come vulcano attivo ma quiescente. è la struttura geologica dei Colli Albani, l'attuale paesaggio del territorio dei Castelli Romani.
  10. 10. Il complesso vulcanico potrebbe riprendere la propria attività eruttiva in un futuro più o meno lontano e quindi è un potenziale pericolo per tutti gli abitanti dei paesi dei Colli Albani e per gli abitanti di Roma. Il lasso di tempo intercorso dalle ultime effusioni porta a ritenere il sistema in stato di quiescenza più che di arresto (es continue e devastanti emissioni di grosse bolle di anidride carbonica, nel 1999 e del 2001 a Cava dei Selci con strage di animali e qualche vittima; la attività tellurica prosegue in sciami e nel bradisismo (sollevamento di 30 cm in 50 anni dei Colli Albani) che fa pensare alla esistenza di una camera magmatica attiva sotto terra.
  11. 11. L'area del Vulcano Laziale, oggi denominata “Colli Albani” Vi si trovano ancor oggi rocce e materiali da costruzione tipici di una zona vulcanica: tufo (specie nella zona di Rocca di Papa), peperino (soprattutto tra Marino ed Albano), pozzolana (in particolare nella zona che discende verso Roma), basalto. La zona è famosa per i suoi vini D.O.C. (Frascati, il Marino, il Lanuvio, il Velletri) e la bontà è dovuta al tipo di suolo, vulcanico e ricco di sali minerali, che ha lasciato il Vulcano Laziale ha una forma circolare (partendo da Albano, i bordi dell'antico cratere vulcanico formano un enorme cerchio che passa per Castel Gandolfo, Marino, Grottaferrata, Rocca Priora, Velletri e Genzano di Roma).
  12. 12. Concentrazioni significative di arsenicoConcentrazioni significative di arsenico nell’acqua potabile sono state evidenziatenell’acqua potabile sono state evidenziate nei comuni dinei comuni di Lariano ,VelletriLariano ,Velletri,, Albano LazialeAlbano Laziale,, LanuvioLanuvio (12-20,9(12-20,9μμ/l)/l),, GenzanoGenzano (2-16,4(2-16,4 μμ/l/l), AricciaAriccia (5,6-14,6 μ/l), ma anche in alcuni comuni del litorale laziale sud in provincia di Roma
  13. 13. velletri Tra i comuni dei Castelli Romani, è la città con i parametri di As più alti, anche se molta strada è stata fatta dagli anni 2004-2005, periodo in cui si registravano valori di As anche superiori a 100μ/l Prima L’Ente acquedottistico comunale, poi il Gestore unico d’ambito furono costretti a: • chiudere alcuni pozzi • utilizzare, per la prima volta nel
  14. 14. A Velletri • Tali interventi consentirono ante 2009 di raggiungere in linea di massima il limite per l’arsenico (50μ/l) consentito all’epoca dalla deroga Con l’introduzione di ulteriori sistemi di abbattimento è stato raggiunto alla fine del 2010 il rientro del parametro As entro il limite di 20μ/l in quasi tutto i Comune ad eccezione di una zona del centro storico ove è stato previsto un sistema di
  15. 15. A Velletri • Attualmente nelle zone critiche i valori di Arsenico variano da 11,6 a 16,3 μ/l e per un periodo all’inizio del 2011 in cui non era vigente nessuna nuova deroga, è stato disposto il divieto di uso dell’acqua potabile
  16. 16. Nel Comune di Albano gli interventi di risanamento sono stati più precoci Da livelli medi di Arsenico superiori a 50μ/l in alcune zone (2005) per l’apporto di acqua prelevata all’epoca da pozzi locali, nel tempo di è poi stato registrato un elevato abbattimento del metallo dato che gli interventi realizzati hsnno comportato l’adduzione di acqua dall’acquedotto del Simbrivio ,lavori di potenziamento della rete idrica con riduzione in media dei livelli di arsenico al di sotto dei 20μ/l nonostante taluni isolati episodi di criticità del sistema. Attualmente nelle zone critiche i valori di Arsenico variano tra 11,5 e 18,3 μ/l
  17. 17. In altri Comuni • Nelle zone litoranee di Anzio e Nettuno, servite da un diverso gestore rispetto a gli altri comuni della ASL H, i valori di Arsenico nell’acqua sono spesso bordeline (8-11μ/l) • Anche a Castel Gandolfo (6,1- 17,7μ/l),Ariccia,Lanuvio e Lariano (1,0- 18,7μ/l) abbiamo valori ondivaghi • A Ciampino e Marino i valori di As sono sempre stati inferiori ai limiti di legge
  18. 18. Nella zona nord del bacino • Nel comprensorio costituito dai Comuni di Frascati, Rocca di Papa, MonteCompatri, Rocca Priora, Monteporzio Catone, Grottaferrata, serviti dalla rete idrica del Consorzio ex Doganella non vi sono problemi rilevanti di qualità delle acque distribuite dalla rete acquedottistica e i valori di As sono variabili tra 1 e 3 μ/l • Un aspetto particolare è costituito da una parte di Grottaferrata , in quanto il pH dell’acqua è leggermente difforme da quello ritenuto accettabile .
  19. 19. La contaminazione da As nell’acqua destinata al consumo umano è associata a un aumentato rischio di sviluppare diverse patologie (tumori della pelle, del polmone, della vescica altri tumori) diabete di tipo 2 malattie cardiovascolari, effetti sullo sviluppo e sulla riproduzione,neurologici e cognitivi. Un aumento del rischio per la salute può verificarsi a basse dosi,corrispondenti 10-50 ug/l. ma in animali di laboratorio e in colture cellulari sono stati evidenziati effetti biologici a livelli sensibilmente inferiori . .
  20. 20. L’As può agire come un potente interferente endocrino, alterando la regolazione genica tramite interazione con i recettori degli ormoni steroidei [glucocorticoidi (GR), mineralcorticoidi (MR), progesterone (PR) e androgeni (AR)] (Bodwell, 2006). Ora, è del tutto evidente che un’alterazione del metabolismo dei glucocorticoidi può avere conseguenze negative sullo sviluppo e in ultima analisi produrre effetti avversi alla salute Studi epidemiologici condotti in bambini esposti a dosi elevate di As con l’acqua destinata al consumo hanno evidenziato effetti sulle funzioni cognitive (Wasserman, 2004)che si riteneva fossero transienti e reversibili, ma all’epoca non si conosceva la capacità dell’As di agire sul DNA sia inducendo mutazioni che cambiando lo stato epigenetico del genoma
  21. 21. Austria nella zona di Strassegg in Gasen As nei terreni da 700 a 4000 mg/kg Gran Bretagna: nelle zone industriali di Devon e Cornwall As nelle acque da 10 a 50 ug/l Francia: nella Auvergne As nell’acqua > 10 ug/l e nelle zone di Allier e Puy de Dome As nelle acque rispettivamente fino a 190 ug/l e fino a 27 ug/l. Svizzera: critiche le aree termali del Nord Est ,il Giura e le Alpi. Le zone di Baden , Zurzach,Bad Saeckingen As nelle acque >130 ug/l Germania: a nord della Baviera le concentrazioni nei pozzi variano fino a 150 ug/l. Bangladesh: esistono zone con As nelle acque fino a 2500 ug/l India: nel Bengala fonti con contenuti assai variabili (da 10 a 3200 ug/l) Taiwan: fonti con concentrazioni fino a 1820 ug/l Mongolia: in alcuni pozzi del centro del Paese As puo’ raggiungere 2400 ug/l Vietnam: nel delta del Fiume Rosso As nelle acque da 1 a 3050 ug/l Argentina: nel Chaco Pampean alcuni pozzi che contengono fino a 5300 ug/l di As Cile nella regione mineraria-vulcanica di Antofagasta i pozzi hanno concentrazioni da 100 a 1000 ug/ nei terreni e sedimenti fluviali sono state rilevate concentrazioni elevate di As e il mais e la patata coltivati su questi terreni presentavano valori di As sino a 2 mg/kg . Nuova Zelanda: alte concentrazioni di As nella zona vulcanica di Taupo Giamaica : nella zona di St. Elizabeth le concentrazioni di As nel terreno erano prossime a 400 mg/kg USA: in Arizona nei bacini alluvionali fino a 1300 ug/l di As nelle acque, nella S. Joaquin Valley in California, concentrazione di As III nell’acqua fino a 2600 ug/l, la zona del deserto Carson nel Nevada valori fino a 2600 ug/l di As nell’acqua con alta salinità, infine nella zona mineraria di Coeur d’Alene i valori As nell’acqua giungono a 5000 ug/l Messico: nella zona di Lagunera pozzi con concentrazioni di As da 8 a 620 ug/l Thailandia: nella zona di Ron Phibun in prossimità di miniere di stagno escursione dei valori di AS in alcuni pozzi tra 1 e 5000 ug/l Acque a rischio inAcque a rischio in altre zone del mondoaltre zone del mondo
  22. 22. Il problema dei pozzi privati
  23. 23. Situazioni critiche emergono allorché utenze private (condomini, abitazioni isolate) si servono di pozzi artesiani spesso non autorizzati o segnalati nei pozzi privati spesso si registrano serie contaminazioni da Arsenico (fino a oltre 100μ/l ed anche da Vanadio. ) I controlli su questo tipo di utenze peraltro risultano complessi, sono sporadici e non vi è possibilità alcuna di deroga per questo tipo di approvvigionamento
  24. 24. Ardea , Pomezia, Frascati pozzi privati: risultati di un’indagine Sono stati registrati seri problemi in zone residenziali non fornite da acquedotto ed in zone industriali
  25. 25. Le esperienze più difficili Nel Comune di Pomezia ove gli insediamenti industriali erano avvenuti in assenza di acquedotto comunale e molte aziende alimentari utilizzavano pozzi per approvvigionamento idrico avendo avuto nel tempo solo dati batteriologici dell’acqua utilizzata
  26. 26. provvedimentiprovvedimenti Nei casi di valori di unoNei casi di valori di uno o più parametri nono più parametri non conformi nell’acquaconformi nell’acqua destinata ad usodestinata ad uso umano, la ASL :umano, la ASL : ha richiesto al Sindacoha richiesto al Sindaco di disporre il divieto didi disporre il divieto di utilizzo per consumoutilizzo per consumo umano dell’acquaumano dell’acqua emunta fino a rientroemunta fino a rientro dei parametri entro idei parametri entro i valori di leggevalori di legge
  27. 27. Se si trattava di aziende alimentariSe si trattava di aziende alimentari • È stato disposta ai sensi del Reg. CE 882/04 art 54 la sospensione dell’attività dell’azienda fino al rientro dei parametri entro i valori di legge e alla successiva revoca dell’Ordinanza sindacale di divieto d’uso dell’acqua • Sono state date disposizioni per il miglioramento del sistema di autocontrollo • E’ stato verificato il disposto di cui al Dlgs 81/2008 allegato IV punto 1.13.1.1 e 2 (nei luoghi di lavoro vi deve essere acqua potabile e per lavarsi)
  28. 28. Aziende alimentariAziende alimentari in alcuni casi è stato consentito l’utilizzo temporaneo di fonti di approvvigionamento idrico alternative (serbatoi) con l’obbligo di effettuare campionamenti periodici dell’acqua utilizzata in regime di autocontrollo
  29. 29. In seguito a richiesta della ASL i Sindaci di molti Comuni interessati hanno disposto tramite apposite Ordinanze che l’utilizzo per consumo umano dell’acqua emunta da pozzi privati da parte di cittadini privati o pubblici esercizi sia subordinato al rilascio da parte della ASL del giudizio di idoneità per l’uso umano dell’acqua medesima
  30. 30. Le deroghe il limite previsto per l’As (10 microgrammi litro) è superato in particolari aree geografiche del territorio nazionale in particolare, c in 91 Comuni del Lazio. Il D. Lgs 31/2011 prevede la possibilità di derogare ai limiti previsti per un periodo limitato di tempo senza rischi per la salute umana
  31. 31. Nella regione Lazio nel periodo 2003-2009 • sono state richieste e ottenute svariate deroghe • Nel periodo 2003-2009 con l’attuazione dei Piani di rientro previsti dai decreti attuativi delle deroghe sono stati stanziati fondi per l’adeguamento dei sistemi di distribuzione, ricerca ed adozione di nuove aree di captazione e di sistemi di trattamento generalizzati o locali • Le azioni intraprese hanno consentito la riduzione dei provvedimenti di deroga e della popolazione interessata dagli stessi
  32. 32. Nel 2010 • al termine del secondo periodo di deroga nazionale al fine di consentire il completamento delle azioni correttive intraprese, il Ministero della Salute ha richiesto alla Commissione Europea il parere necessario per concedere un ulteriore rinnovo della deroga, ai sensi della Direttiva 98/83/CE del Consiglio, per il triennio 2010-2012
  33. 33. La richiesta ha fatto riferimento alle particolari condizioni idrogelogiche di alcune zone e alla impossibilità di garantire la fornitura di acqua con mezzi alternativi. Per l’arsenico la richiesta di deroga ha riguardato 4 Regioni (Lombardia, Toscana, Lazio e Umbria e le Province Autonome di Trento e Bolzano) per una popolazione di circa 1.000.000 abitanti, in un arco temporale variabile da alcuni mesi a un massimo di tre anni e con valori richiesti per la deroga variabili da 15 a 50 microg/L.
  34. 34. La CE ha valutato a lungo la richiesta di rinnovo della deroga, alla luce degli orientamenti dell’OMS e di altre organizzazioni internazionali in particolare dello SCHER (Scientific Commitee on Health and Enviromental Risks). Lo SCHER ritiene che, in seguito al superamento dei valori imposti dalla vigente normativa, il rischio aggiuntivo per tutte le categorie di popolazione esposte, sia generalmente tollerabile, indipendentemente dalla fascia d’età
  35. 35. Pertanto il parere conclude che il prolungamento della deroga per ulteriori tre anni per l’acqua destinata a consumo umano in presenza di livelli di As fino a 50 μ/litro non rappresenta un rischio aggiuntivo o presenta un ridotto rischio aggiuntivo per la salute della popolazione adulta.
  36. 36. LOGO www.wondershare.comwww.wondershare.com La Decisione della CE è stata emanata il 28 ottobre 2010 e ha adottato una valutazione ancora più conservativa e cautelativa rispetto al parere dello SCHER Sono state consentite, per il parametro arsenico, esclusivamente le deroghe richieste fino a valori di 20 μ/litro (n. 6 Comuni della Lombardia e n. 2 Comuni della Toscana), La decisione finale
  37. 37. Non sono state consentite le deroghe richieste per concentrazioni superiori a 20 μ/litro comprese quindi quelle richieste per i territori dei comuni di Albano Laziale, Ardea, Ariccia, Castel Gandolfo, Genzano, Lanuvio, Lariano, Velletri, Anzio e Nettuno Company Logo
  38. 38. Sulla base della Decisione CE, il Ministero della Salute di concerto con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio, ha emanato
  39. 39. il Decreto 24 novembre 2010 (G.U. Serie Generale n. 12 del 17 gennaio 2011) • autorizza il rinnovo delle deroghe per l’Arsenico richieste fino a valori di 20 μ/litro dalle regioni che ne avevano fatto specifica istanza • la Regione Lazio è stata autorizzata a concedere esclusivamente il rinnovo delle deroghe richieste per il parametro Fluoro e non il rinnovo delle deroghe per il parametro Arsenico (richieste per il valore di 50 μ/litro).
  40. 40. Il citato Decreto Interministeriale
  41. 41. Nel frattempo l’ulteriore accelerazione delle azioni correttive previste nei Piani di rientro ha consentito ai Gestori di avanzare un’ulteriore richiesta di rinnovo della deroga per l’Arsenico, nei comuni interessati, per il valore di 20 microgr/L. La richiesta è stata inviata dal Ministero della Salute per l’invio alla Commissione Europea che con Decisione del 22 marzo 2011 ha concesso le deroghe richieste.
  42. 42. La concessione delle deroghe è soggetta a condizioni tra cui: fornitura di acqua che presenti valore di As conforme al D. Lgs n. 31/01 per i neonati e i bambini fino all’età di 3 anni informazione agli utenti sulle modalità per ridurre i rischi legati all’acqua per la quale è stata concessa deroga in particolare in riferimento al consumo da parte di neonati e bambini fino ai 3 anniCompany Logo
  43. 43. LOGO www.wondershare.comwww.wondershare.com Dal 24 novembre 2010 al 22 marzo 2011 per quattro mesi i Sindaci hanno regolamentato la questione : 1)emettendo ordinanze di non potabilità per acque con valori di As >10 microgrammi/litro 2)Emetendo ordinanze di non potabilità per acque con valori di As >20 microgrammi tutelando pero’ I bambini fino a 3 anni e le gestanti (<10 micr/l) sulla base di un parere ad hoc dell’ISS che aveva postulato tale ipotesi 3)Le aziende alimentari avrebbero dovuto comunque utilizzare acqua ad uso umano con valori di As <10 micr./litro resta il fatto che
  44. 44. tuttavia 1)La Regione sembra essere l’unico Ente di Riferimento che puo’ uniformare in tali situazioni i comportamenti ma le direttive devono essere chiare ed univocamene interpretabili 2)Nonostante alcuni tentativi e conferenze di servizio , non è stato possibile sanare le differenze tra i vari comportamenti a livello locale Company Logo

×