Successfully reported this slideshow.
Your SlideShare is downloading. ×

L'analisi dei nuovi media per il turismo

Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Loading in …3
×

Check these out next

1 of 30 Ad
Advertisement

More Related Content

Viewers also liked (20)

Similar to L'analisi dei nuovi media per il turismo (20)

Advertisement

More from Agnese Vardanega (19)

Recently uploaded (20)

Advertisement

L'analisi dei nuovi media per il turismo

  1. 1. Seminario Tecniche e linguaggi per l’analisi dei nuovi media nel turismo Introduzione Agnese Vardanega 10 gennaio 2011
  2. 2. Web 2.0 ✔ Web come piattaforma ✔ Applicazioni come servizi, spesso gratuiti ✔ Differenziazione dei dispostivi, quindi software interoperabili e multipiattaforma ✔ Modello di business fondato su ➔ Controllo dei dati (generati dagli utenti) ➔ Long tail ➔ Coinvolgimento degli utenti come produttori di contenuti e cosviluppatori delle applicazioni Tim O’Reilly, 2004, «Cos’è il Web 2.0» 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 2
  3. 3. The Long Tail Chris Anderson, «The Long Tail», Wired, Oct. 2004 (ingl). 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 3
  4. 4. Applicazioni “social” 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 4
  5. 5. Si informano, I turisti in rete attraverso diverse fonti Prenotano online, ma anche per telefono Prenotano spesso post-turista Web 2.0 last-minute, ma anche mesi prima Comprano pacchetti, ma vogliono anche sentirsi autonomi Una via di mezzo fra il tipo del Mettono in rete le foto “turista” e il tipo del e i ricordi “viaggiatore” 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 5
  6. 6. Raccogliere informazioni ✔ I dati delle iscrizioni al sito, o al blog ✔ I dati delle iscrizioni alle newsletter ✔ Le “tracce” lasciate sui motori di ricerca ✔ Le “tracce” lasciate dalle visite ai siti ✔ Le “tracce” lasciate dalle applicazioni sociali ✔ I contenuti prodotti dagli utenti e liberamente accessibili (testi, commenti, immagini, ecc.) Studiare i comportamenti dei turisti, monitorare il fenomeno turistico, marketing 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 6
  7. 7. I trends nel turismo 2.0 ✔ Distribuzione diretta del prodotto turistico (fuori dalle catene) ✔ Più informazione, meno pubblicità ➔ Mobile apps e Augmented Reality ➔ Comunicazione continua (the Twitter effect) ➔ Convergenza dei social media e dei servizi localizzati ✔ Marketing mirato ➔ Offer-Optimizer Technology (segmenti di mercato) ➔ Social media monitoring Fonte: PhocusWright, 2010 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 7
  8. 8. Presenza in rete Non dipende più solo da scelte e strategie predeterminate ➔ La rete parla di noi, anche se noi non ci siamo Va finalizzata ed orientata ➔ all’ascolto ed al monitoraggio ➔ Alla produzione di contenuti rilevanti e servizi, non a fare pubblicità Deve essere multi-piattaforma, perché le pratiche degli utenti sono diversificate 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 8
  9. 9. Strumenti per il monitoraggio ✔ Tools gratuiti, disponibili in rete e messi a disposizione dalle stesse applicazioni (Google, Facebook ecc.) ➔ Servono a monitorare l’andamento dei visitatori, l’efficacia di una campagna, e possono fornire molte informazioni ✔ Apps gratuite prodotte da terze parti, disponibili in rete ➔ Ognuna fornisce qualche tipo di informazione utile, ma è difficile valutarne qualità e attendibilità ✔ Software a pagamento ✔ Servizi a pagamento ➔ Meglio se personalizzabili e flessibili 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 9
  10. 10. I motori di ricerca Al momento, i turisti cercano informazioni soprattutto attraverso i motori di ricerca, come Google e Bing La ricerca tipo è “tipo di struttura + destinazione” (ad es. “hotel Giulianova”, o “campeggio Abruzzo”) ➔ E’ fondamentale il posizionamento nelle ricerche ➔ Possiamo usare i dati dei motori di ricerca per ottenere informazioni estremamente utili ➔ E’ sempre più importante la geolocalizzazione (e quindi il territorio) 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 10
  11. 11. Serve a monitorare le “parole chiave” Trends di parole chiave 1.00 = media mondiale delle ricerche in tutti gli anni considerati – si analizzano le variazioni intorno alla media 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 11
  12. 12. http://www.google.com/trends I dati possono essere esportati in formato CSV, ed utilizzati con Excel 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 12
  13. 13. Dà anche informazioni sulle ricerche emergenti http://www.google.com/insights/search Ulteriori informazioni sui dati: http://www.google.com/support/insights//bin/answer.py?hl=it&answer=87285 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 13
  14. 14. Dà anche informazioni sulle ricerche emergenti http://www.google.com/insights/search I dati possono essere esportati in formato CSV, ed utilizzati con Excel 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 14
  15. 15. Strumento chiave nel settore del turismo. Sito web e blog ✔ Informazioni generali e foto ✔ Form di contatto e/o prenotazione ✔ Newsletter ✔ Contenuti generati dagli utenti (foto, commenti, guestbook) ✔ Informazioni sulla località - geolocalizzazione: ➔ Dove siamo ➔ Come arrivare ➔ Cosa succede (eventi nel territorio - ad es. nel blog) 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 15
  16. 16. Oltre all’analisi dei contenuti Dati analizzabili ✔ Analytics (visite, “conversioni”, provenienze ecc.) ✔ Iscrizioni ai feed RSS ✔ Iscrizioni alle newsletter ✔ Tracce lasciate dagli utenti sui vari servizi “social” ✔ Contenuti prodotti dagli utenti (commenti, foto), che vanno sollecitati 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 16
  17. 17. Visualizzabili solo dai proprietari dei siti I dati possono essere esportati in formato CSV, ed utilizzati con Excel 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 17
  18. 18. Le pagine di Facebook ✔ Marketing “virale”, far conoscere il brand ✔ Raccogliere commenti e feedbacks ✔ Coinvolgere i clienti, e i “fans” ➔ Eventi e “Contests” (concorsi a premi) ➔ Foto e video ➔ Offerte speciali ➔ Collegando altre applicazioni (Twitter, Foursquare, ecc.) ✔ Diffondere notizie contenuti, anche collegando il sito e/o il blog (Note) ✔ Aumentare le visite al sito o al blog 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 18
  19. 19. Visualizzabili solo dagli amministratori 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 19
  20. 20. Twitter ✔ Tutti i profili sono pubblici di default ✔ Customer care ➔ coinvolgere i clienti ✔ Marketing ➔ individuare le domande di potenziali clienti, e rispondere prontamente ➔ monitorare il brand (cosa si dice di noi?) ➔ trovare nuovi clienti (cercandoli, non aspettando che arrivino) ➔ Aumentare le visite al sito o al blog 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 20
  21. 21. Una piattaforma flessibile ✔ Ricevere ed inviare notizie ed informazioni in tempo reale ✔ Collegare il blog ✔ Condividere links e files - incl. foto e video ✔ Geolocalizzabile ✔ In Usa e UK, è possibile inviare e ricevere aggiornamenti via Sms ✔ Ricerche per parole chiave e hashtags (#esempio) ✔ Tantissime applicazioni per l’integrazione con altri servizi ✔ Diverse applicazioni per le statistiche 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 21
  22. 22. Questo utente cerca una struttura con caratteristiche specifiche: ➔ Controllare di chi si tratta ➔ Nel caso, rispondere in modo appropriato Posso salvare la ricerca: i risultati saranno aggiornati in tempo reale 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 23
  23. 23. Conversare Questo utente ha una attività (affitta una casa), ma invia informazioni utili e/o curiose Inoltre interagisce con altri utenti Twitter non serve a “fare pubblicità” Bisogna coinvolgere gli utenti, per essere ascoltati 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 24
  24. 24. Un po’ di Web2 ✔ Versione mobile del sito e/o del blog ✔ Servizi specifici (oltre a YouTube, Flickr, Google Maps, Facebook e Twitter) quali, ad es.: ➔ Wikipedia o altro servizio di informazioni sulla destinazione (possiamo anche aggiungere o correggere le voci!); ➔ un servizio come Google Places, Foursquare etc., (le info sulla località migliorano il posizionamento sui motori di ricerca) 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 25
  25. 25. Le informazioni sono geolocalizzate 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 26
  26. 26. 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 27
  27. 27. Offerte speciali e statistiche per gli utenti business 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 28
  28. 28. Al momento, è adatto soprattutto all’utenza mobile, e per dare info ai clienti stranieri Può essere integrato nel sito e nella pagina di Facebook 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 29
  29. 29. http://www.wikitude.org Applicazione per smart phones: le info vengono cercate usando la fotocamera 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 30
  30. 30. Grazie! Agli studenti, agli utenti della rete e ai colleghi per le domande, i consigli e i suggerimenti Degli errori e delle sviste varie, resto naturalmente la sola responsabile 10 gennaio 2011 A. Vardanega - Univ. Teramo 31

×