Le linee strategiche della regolazione e dell’enforcement dell’energia: un contributo al dibattito per la strategia energetica nazionale

437 views

Published on

Seminario, Roma 12 luglio 2012, Senato della Repubblica Palazzo Giustiniani

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
437
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Le linee strategiche della regolazione e dell’enforcement dell’energia: un contributo al dibattito per la strategia energetica nazionale

  1. 1. Seminario Le linee strategiche della regolazione e dell’enforcement dell’energia: un contributo al dibattito per la strategia energetica nazionale Roma, 12 luglio 2012 Senato della RepubblicaAutorità per l’energia elettrica e il gas
  2. 2. Premessa  2012-2014: periodo di cambiamento per i settori energetici, anche in vista del completamento del mercato interno (europeo) dell’energia elettrica e del gas.  Necessità di definizione di un nuovo paradigma di funzionamento dei mercati.  Ruolo autorità di regolazione: ambito di nuovo equilibrio tra politica energetica, regolazione e mercato in un contesto in cui gli obiettivi di sostenibilità ambientale diventano sempre più importanti e si incrociano con obiettivi di politica industriale.  Partecipazione attiva e consapevole al processo di definizione delle nuove regole (notice & comment).  Difficile quadro macroeconomico: il connubio rigore e crescita passa per il criterio della selettività anche per la regolazione dell’AutoritàAutorità per l’energia elettrica e il gas 2
  3. 3. Sviluppo infrastrutture  L’Autorità intende rafforzare nel corso del prossimo triennio il proprio impegno per dotare il Paese di un sistema di infrastrutture energetiche, efficiente e moderno, adeguato alle esigenze dei consumatori.  Crescita infrastrutturale che garantisca benefici superiori ai costi, introducendo criteri di remunerazione e incentivazione che premino la capacità degli investimenti di fornire servizi realmente utili al mercato e alla sicurezza e sostenibilità del sistema energetico.  Criterio della selettività: ossia “cifra di merito” o utilità per il sistema.  Particolare attenzione allo sviluppo e all’applicazione diffusa di tecnologie innovative (sia nel settore elettrico che nel gas)Autorità per l’energia elettrica e il gas 3
  4. 4. “Capacitazione” (empowerment) del consumatore Empowerment del consumatore: conferire al cliente finale la capacità sostanziale di prendere decisioni, più che limitarsi a riconoscergli la facoltà formale di farlo Azioni  Miglioramento della qualità delle informazioni su consumi e costi; più chiara confrontabilità dei prezzi e della qualità dei servizi offerti  Rimozione degli ostacoli e delle barriere che impediscono il dispiegarsi della concorrenza e dei suoi effetti sui prezzi e sulla qualità nel mercato retail  Promozione di una domanda attiva, integrata nel mercato e nel sistema energetico, anche attraverso un aggiornamento della regolazione (demand- side-management)  Completamento della regolazione esistente per tutelare i clienti più disagiatiAutorità per l’energia elettrica e il gas 4
  5. 5. Enforcement delle regole Enforcement: la certezza e corretta attuazione delle regole è indispensabile per sostenere la fiducia nel buon funzionamento dei mercati Azioni  Definizione di procedure sempre più efficienti e rapide per risolvere i problemi nel rapporto tra clienti ed esercenti (ad es. conciliazioni)  Rendere facilmente accessibili ai consumatori procedure di risoluzione extragiudiziale delle controversie (Alternative Dispute Resolution - ADR)  Sanzioni: confermare un approccio di “enforcement costruttivo”, che coniughi la funzione afflittiva con quella di garanzia del rispetto delle regole e di controllo dell’effettività dell’azione regolatoria  Osservazione dell’efficacia degli strumenti preventivi, ripristinatori e di stretto monitoraggio introdotti nel 2012 per contrastare il fenomeno dei contratti non richiestiAutorità per l’energia elettrica e il gas 5
  6. 6. Verso un nuovo paradigma di mercato allingrosso dellenergia elettrica Obiettivi strategici: 1) Completamento dellintegrazione dei mercati europei. 2) Utilizzo efficiente della produzione da fonte rinnovabile. Azioni: - Riforma MGP per consentire il coupling al 2014. - Riforma MI e MSD per flessibilizzare il sistema e garantire la sicurezza di breve periodo. - Istituzione mercato della capacità per garantire la sicurezza di lungo periodo. - Riforma disciplina oneri di sbilanciamento per responsabilizzare le Fonti Rinnovabili Non Programmabili.Autorità per l’energia elettrica e il gas 6
  7. 7. Una rivoluzione sta cambiando il settore del gas Cambiamenti strutturali in corso: • nell’industria e nei mercati del gas • ne trarrà beneficio l’Unione Europea? Criticità di una possibile transizione: • infrastrutture • prezzi Nuove regole: • dall’Europa (i profili transfrontalieri: congestion management/capacity allocation/reverse flows) • in Italia (principi di mercato e infrastrutture)Autorità per l’energia elettrica e il gas 7
  8. 8. Una regolazione semplice e di qualità Obiettivo Strategico 1: migliorare la qualità della regolazione con riferimento all’intero ciclo provvedimentale.  Rinforzare i procedimenti di consultazione  Estendere la consultazione promuovendo il confronto con tutte le parti interessate del settore (imprese e consumatori domestici)  Semplificazione della metodologia di analisi di impatto regolatorio (AIR) Obiettivo Strategico 2: riduzione degli oneri amministrativi a carico dei soggetti regolati entro il 31 dicembre 2012.  Semplificazione e razionalizzazione degli obblighi informativi  Adozione di nuove piattaforme informatiche integrateAutorità per l’energia elettrica e il gas 8
  9. 9. La review gestionale Obiettivo Strategico: orientare le politiche del personale in base alle priorità strategiche.  Favorire la mobilità interna del personale con ricambi tra le diverse Aree.  Incremento della pianta organica a fronte delle nuove funzioni in tema di servizi idrici.  Consolidare l’impostazione meritocratica per una maggiore incentivazione del personale.  Promozione della formazione collettiva in-house (collaborazione della SSPA e la Florence School of Regulation).  Istituzione del Nucleo di Valutazione e Controllo StrategicoAutorità per l’energia elettrica e il gas 9

×