Direzione Mercati Autorità per l’energia elettrica e il gas Milano, Centro congressi FAST  Sala Maggiore, Piazzale Morandi...
Sommario <ul><li>Ambito di intervento del DCO 22/11  </li></ul><ul><li>Sessione di bilanciamento </li></ul><ul><li>Session...
AMBITO DI INTERVENTO DEL DCO 22/11
Revisione della disciplina del settlement <ul><li>Benefici per il mercato derivati dalla futura architettura del settlemen...
Revisione della disciplina del settlement Architettura a due sessioni del settlement Sessione di bilanciamento Determinazi...
SESSIONE DI BILANCIAMENTO
Scopo della sessione di bilanciamento Equazione di bilancio dell’utente: DS = P + GS - I - S – T DS = disequilibrio P = pr...
Criticità e orientamenti per la determinazione di P <ul><li>Vincoli </li></ul><ul><li>Misure non coincidenti con il period...
Procedura e modalità di determinazione - 1 <ul><li>Le  imprese di distribuzione  determinano, per la porzione di rete di l...
Attribuzione volumi PDR misurati semestralmente e annualmente d1 mis1 d2 mis2 > 1 anno Mese m g2 g1 Anno termico 15 m+1 ID...
Attribuzione volumi PDR misurati mensilmente > 25gg d1 mis1 d2 mis2 g1 g2 Mese m Sessione di  bilanciamento  del mese m (2...
Procedura e modalità di determinazione - 2 <ul><li>Il   RdB   ogni mese attribuisce agli  UdB  il quantitativo giornaliero...
Procedura e modalità di determinazione - 3 <ul><li>Obblighi informativi </li></ul><ul><li>Messa a disposizione da  impresa...
Anagrafica – flusso mensile <ul><li>Finalità </li></ul><ul><li>previsione dei prelievi a Utente </li></ul><ul><li>favorire...
SESSIONE DI AGGIUSTAMENTO
Rete di  distribuzione 721,324,845,8 714,232,437,9 Immissione Cabina REMI Rete di trasporto Prelievi Prelievi Utente 1 Ute...
Rete di  distribuzione 125,127,523,5 471,235,487,7 721,324,845,8 714,232,437,9 Immissione Cabina REMI Rete di trasporto Mi...
Periodo di aggiustamento Ricondurre le misure non giornaliere  al periodo di aggiustamento giorni Prelievo giornaliero mis...
Prelievo giornaliero Immesso  (misurato giornaliero) Prelevato (valori giornalieri convenzionali) Composizione del DELTA t...
Prelievo giornaliero Immesso  (misurato giornaliero) Prelevato (valori giornalieri convenzionali) Attribuzione del DELTA t...
Proposte e spunti per la consultazione <ul><li>Definizione del periodo (l’anno) in cui il bilancio viene “chiuso” ossia in...
Prelievo giornaliero Immesso  (misurato giornaliero) Prelevato (valori giornalieri convenzionali) Differenza immesso e pre...
Differenza immesso e prelevato Prelievo giornaliero Prelevato (convenzionalmente attribuito) Immesso  (misurato giornalier...
Effetto sul profilo di una modifica  del consumo annuo CA = 100 Prelievo giornaliero La curva convenzionale è traslata Q =...
Deformazione della curva convenzionale CA = 100 E’ più corretto “deformare” la curva convenzionale anziché traslarla Preli...
Differenza immesso e prelevato Prelievo giornaliero Prelevato (convenzionalmente attribuito) Immesso  (misurato giornalier...
Modifica della curva convenzionale per i prelievi termici La differenza tra immesso e prelevato si riduce se si fanno coin...
Importanza dei profili dinamici La situazione ottimale si ottiene con le “curve dinamiche”: il DELTA tra immesso e preleva...
Modifica della curva convenzionale per i prelievi termici La differenza tra immesso e prelevato giornaliero è attribuita a...
Proposte e spunti per la consultazione <ul><li>Definizione del periodo (l’anno) in cui il bilancio viene “chiuso” ossia in...
Codici colori <ul><li>Nella presentazione sono utilizzate le seguenti convenzioni: </li></ul><ul><li>ROSSO : Energia prele...
Attribuzione della differenza tra immesso e prelevato annuale In  >  Q In Il RdB adegua i profili convenzionali moltiplica...
Aggiustamento profili estate-inverno Il RdB adegua i profili convenzionali (solo quelli con componente termica) moltiplica...
Partite economiche: 1. DELTA rispetto alla sessione di Bilanciamento Le differenze giornaliere tra prelevato attribuito ne...
Partite economiche: 2. Spostamento estate inverno Ai profili con componente termica è attribuito il costo dello “spostamen...
Partite economiche: 3. DELTA tra immesso e prelevato Le differenze giornaliere tra immesso e prelevato sono attribuite d’i...
Tempistiche della sessione di aggiustamento <ul><li>Quanto più la sessione è posticipata tanto più: </li></ul><ul><li>aume...
Proposte e spunti per la consultazione <ul><li>Definizione del periodo (l’anno) in cui il bilancio viene “chiuso” ossia in...
TRATTAMENTO DEI PUNTI DI RICONSEGNA
Trattamento dei punti di riconsegna misurati giornalmente <ul><li>L’Autorità ritiene che il trattamento giornaliero dei pu...
Trattamento dei punti di riconsegna non misurati giornalmente <ul><li>Revisione di alcuni aspetti della metodologia di pro...
Consumo annuo <ul><li>Obiettivi: </li></ul><ul><li>Eliminazione della discrezionalità in merito alla regola di calcolo da ...
Profili di prelievo standard - 1 <ul><li>Obiettivi: </li></ul><ul><li>Riduzione categorie d’uso civili </li></ul><ul><li>I...
Profili di prelievo standard - 2 <ul><li>Orientamenti: </li></ul><ul><li>Le categorie d’uso associate ai clienti civili so...
Associazione del profilo di prelievo standard al PDR <ul><li>Obiettivi: </li></ul><ul><li>Assegnazione del profilo di prel...
Grazie per l’attenzione Autorità per l’energia elettrica e il gas Direzione mercati  Unità processi mercati liberalizzati ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Servizio di bilanciamento del gas naturale: regolazione delle partite fisiche ed economiche (Settlement)

2,389 views

Published on

Presentazione Seminario del 20 luglio 2011 sul Documdento di consultazione 22/11, Direzione Mercati, Autorità per l'energia elettrica e il gas

Published in: Business, Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,389
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
507
Actions
Shares
0
Downloads
47
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Servizio di bilanciamento del gas naturale: regolazione delle partite fisiche ed economiche (Settlement)

  1. 1. Direzione Mercati Autorità per l’energia elettrica e il gas Milano, Centro congressi FAST Sala Maggiore, Piazzale Morandi 2 20 luglio 2011 Servizio di bilanciamento del gas naturale: regolazione delle partite fisiche ed economiche (Settlement)
  2. 2. Sommario <ul><li>Ambito di intervento del DCO 22/11 </li></ul><ul><li>Sessione di bilanciamento </li></ul><ul><li>Sessione di aggiustamento </li></ul><ul><li>Trattamento dei punti di riconsegna </li></ul><ul><ul><li>Trattamento delle misure giornaliere </li></ul></ul><ul><ul><li>Trattamento non giornaliero: revisione della metodologia di profilazione convenzionale </li></ul></ul>
  3. 3. AMBITO DI INTERVENTO DEL DCO 22/11
  4. 4. Revisione della disciplina del settlement <ul><li>Benefici per il mercato derivati dalla futura architettura del settlement: </li></ul><ul><li>La determinazione in tempi più brevi delle partite fisiche ed economiche del servizio di bilanciamento </li></ul><ul><li>Riduzione dei rischi per gli operatori connessi alla fornitura di PDR non misurati giornalmente o mensilmente </li></ul><ul><li>Maggiore concorrenza nel segmento di mercato “usi civili” </li></ul>Il settlement è il principale meccanismo di raccordo fra la struttura dei costi dell’ingrosso e la struttura dei costi del dettaglio . Se non funziona bene, introduce incertezze e rischi che, valorizzati economicamente, si traspongono in ingiustificati rialzi di prezzo al cliente finale Nel DCO 22/11 sono analizzate con maggiore dettaglio le proposte illustrate nel DCO 46/10
  5. 5. Revisione della disciplina del settlement Architettura a due sessioni del settlement Sessione di bilanciamento Determinazione delle partite fisiche ed economiche di gas naturale prelevato in ciascun giorno del mese oggetto della sessione per i servizio di trasporto e bilanciamento Sessione di aggiustamento Determinazione e regolazione delle partite economiche corrispondenti alla differenza tra i prelievi determinati in esito alla sessione di bilanciamento e i prelievi determinati sulla base dei dati di misura che si sono resi disponibili nel frattempo
  6. 6. SESSIONE DI BILANCIAMENTO
  7. 7. Scopo della sessione di bilanciamento Equazione di bilancio dell’utente: DS = P + GS - I - S – T DS = disequilibrio P = prelievi presso i punti di riconsegna GS = quantitativi corrisposti a copertura di GNC, perdite e autoconsumi I = immissioni in rete (importazioni, Gnl, produzione nazionale) S = Immissioni in rete (prelievi dalla rete) da stoccaggio T = Transazioni al PSV P, da determinare con approccio bottom-up, rappresenta il totale dei prelievi del giorno gas (k) attribuiti all’UdB Lo scopo della sessione di bilanciamento è quello di determinare le partite fisiche ed economiche del servizio di trasporto e bilanciamento e gli eventuali sbilanci di ciascun UdB
  8. 8. Criticità e orientamenti per la determinazione di P <ul><li>Vincoli </li></ul><ul><li>Misure non coincidenti con il periodo rilevante e non sincrone tra loro </li></ul><ul><li>Riconciliazione tra gas immesso e prelevato, termicità e profilazione statica </li></ul><ul><li>Orientamenti </li></ul><ul><li>Semplificazione per i PDR con minori consumi ( Y ), utilizzo delle misure misure mensili ( M ) e su base giornaliera ( G ) </li></ul><ul><li>Riconciliazione tra immesso e prelevato dalla rete di distribuzione </li></ul><ul><ul><li>Utilizzo misure giornaliere e mensili (riconducendo convenzionalmente al mese solare le mensili asincrone) </li></ul></ul><ul><ul><li>distinzioni tra il periodo in cui è in esercizio l’impianto termico e il restante periodo </li></ul></ul><ul><li>Revisione del metodo di calcolo di C A e dei profili standard (e dinamicità) </li></ul>
  9. 9. Procedura e modalità di determinazione - 1 <ul><li>Le imprese di distribuzione determinano, per la porzione di rete di loro competenza e per ciascun UdD , la somma dei prelievi: </li></ul><ul><li>Dei PDR misurati Giornalmente G UdD; </li></ul><ul><li>Dei PDR misurati mensilmente M UdD ,come differenza tra le ultime due misure disponibili riproporzionate in base ai profili standard; </li></ul><ul><li>Dei PDR misurati semestralmente e annualmente Y UdD ,come consumo annuo C A x Profilo di prelievo standard; </li></ul><ul><li>Nella propria titolarità G ID . </li></ul><ul><li>Le imprese di distribuzione comunicano mensilmente al RdB i termini sopra elencati </li></ul>
  10. 10. Attribuzione volumi PDR misurati semestralmente e annualmente d1 mis1 d2 mis2 > 1 anno Mese m g2 g1 Anno termico 15 m+1 ID RdB Sessione di bilanciamento del mese m (25gg m + 1) RdB
  11. 11. Attribuzione volumi PDR misurati mensilmente > 25gg d1 mis1 d2 mis2 g1 g2 Mese m Sessione di bilanciamento del mese m (25gg m + 1) RdB 15 m+1 ID RdB
  12. 12. Procedura e modalità di determinazione - 2 <ul><li>Il RdB ogni mese attribuisce agli UdB il quantitativo giornaliero dei prelievi come segue: </li></ul><ul><li>Applica a tutti i prelievi un fattore di correzione γ REMI (inizialmente posto pari a 0). A regime questo termine sarà uguale alla differenza percentuale tra immesso e prelevato nell’anno precedente ( vedi infra ); </li></ul><ul><li>Determina il DELTA mensile di cabina come differenza tra immesso e prelevato che è attributo pro-quota ai prelievi di ciascun UdD (nel seguito: R = dato riconciliato in cabina): </li></ul><ul><ul><li>In inverno ai PDR misurati semestralmente e annualmente </li></ul></ul><ul><ul><li>In estate ai PDR misurati mensilmente, semestralmente e annualmente. </li></ul></ul><ul><li>Applica l’algoritmo della Del. ARG/gas 27/10 per determinare i prelievi giornalieri di ciascun UdB nel mese di riferimento. </li></ul>
  13. 13. Procedura e modalità di determinazione - 3 <ul><li>Obblighi informativi </li></ul><ul><li>Messa a disposizione da impresa distributrice a RdB per attribuzione dei quantitativi di competenza di UdD/UdB ai fini della sessione di bilanciamento </li></ul><ul><li>Messa a disposizione da RdB a UdD/UdB dei quantitativi di rispettiva competenza </li></ul><ul><li>Pubblicazione da parte del RdB dati aggregati (per giorno e profilo) dei quantitativi relativi a ogni rete di distribuzione </li></ul>giornalieri mensili Semestrali e annuali Impresa distributrice Clienti diretti sulla rete di trasporto
  14. 14. Anagrafica – flusso mensile <ul><li>Finalità </li></ul><ul><li>previsione dei prelievi a Utente </li></ul><ul><li>favorire la trasparenza </li></ul><ul><li>Contenuti </li></ul><ul><li>da impresa distributrice a UdD messa a disposizione, ex ante rispetto al mese m, del flusso dell’anagrafica dei PDR attribuiti a ogni UdD con i corrispondenti valori dei C A associati e dei dati funzionali alla loro determinazione. </li></ul>
  15. 15. SESSIONE DI AGGIUSTAMENTO
  16. 16. Rete di distribuzione 721,324,845,8 714,232,437,9 Immissione Cabina REMI Rete di trasporto Prelievi Prelievi Utente 1 Utente 2
  17. 17. Rete di distribuzione 125,127,523,5 471,235,487,7 721,324,845,8 714,232,437,9 Immissione Cabina REMI Rete di trasporto Misurati giornalieri Prelievi 1 3 5 2 4, 7 3 4 0 9 2 1, 6 2 Non misurati giornalieri senza componente termica Non misurati giornalieri con componente termica Prelievi Prelievi
  18. 18. Periodo di aggiustamento Ricondurre le misure non giornaliere al periodo di aggiustamento giorni Prelievo giornaliero misura prima misura utile ultima misura utile misura Valori calcolati
  19. 19. Prelievo giornaliero Immesso (misurato giornaliero) Prelevato (valori giornalieri convenzionali) Composizione del DELTA tra immesso e prelevato Riporto convenzionale delle misure Precisione dei misuratori Perdite Delta immesso prelevato Delta
  20. 20. Prelievo giornaliero Immesso (misurato giornaliero) Prelevato (valori giornalieri convenzionali) Attribuzione del DELTA tra immesso e prelevato La curva dei prelievi viene adeguata in modo tale che  DELTA giornalieri nel periodo sia pari a zero Delta
  21. 21. Proposte e spunti per la consultazione <ul><li>Definizione del periodo (l’anno) in cui il bilancio viene “chiuso” ossia in cui tutto il gas immesso e prelevato è attribuito agli utenti; </li></ul><ul><li>Attribuzione del DELTA annuale pro-quota su tutti i punti di prelievo, sia quelli misurati giornalieri che non misurati giornalieri; </li></ul>
  22. 22. Prelievo giornaliero Immesso (misurato giornaliero) Prelevato (valori giornalieri convenzionali) Differenza immesso e prelevato
  23. 23. Differenza immesso e prelevato Prelievo giornaliero Prelevato (convenzionalmente attribuito) Immesso (misurato giornaliero) Inverno Estate
  24. 24. Effetto sul profilo di una modifica del consumo annuo CA = 100 Prelievo giornaliero La curva convenzionale è traslata Q = 120 Una parte di gas prelevata in inverno è attribuita all’estate Inverno Estate
  25. 25. Deformazione della curva convenzionale CA = 100 E’ più corretto “deformare” la curva convenzionale anziché traslarla Prelievo giornaliero Q = 120 Inverno Estate
  26. 26. Differenza immesso e prelevato Prelievo giornaliero Prelevato (convenzionalmente attribuito) Immesso (misurato giornaliero) Inverno Estate Delta
  27. 27. Modifica della curva convenzionale per i prelievi termici La differenza tra immesso e prelevato si riduce se si fanno coincidere i quantitativi immessi e prelevati estivi e invernali Prelievo giornaliero Immesso (misurato giornaliero) Prelevato (convenzionalmente attribuito) Inverno Estate
  28. 28. Importanza dei profili dinamici La situazione ottimale si ottiene con le “curve dinamiche”: il DELTA tra immesso e prelevato si riduce e può essere ripartito su tutti gli utenti Prelievo giornaliero Immesso (misurato giornaliero) Prelevato (convenzionalmente attribuito) Inverno Estate Delta
  29. 29. Modifica della curva convenzionale per i prelievi termici La differenza tra immesso e prelevato giornaliero è attribuita ai prelievi termici d’inverno e a tutti d’estate Prelievo giornaliero Immesso (misurato giornaliero) Prelevato (convenzionalmente attribuito) Inverno Estate Delta
  30. 30. Proposte e spunti per la consultazione <ul><li>Definizione del periodo (l’anno) in cui il bilancio viene “chiuso” ossia in cui tutto il gas immesso e prelevato è attribuito agli utenti; </li></ul><ul><li>Attribuzione del DELTA annuale pro-quota su tutti i punti di prelievo, sia quelli misurati giornalieri che non misurati giornalieri; </li></ul><ul><li>“ Deformazione” della curva dei prelievi termici in modo da garantire che l’immesso invernale / estivo coincida con il prelevato invernale / estivo; </li></ul><ul><li>Attribuzione ai soli consumi termici dell’ulteriore DELTA rimanente tra immesso e prelevato nella stagione invernale; attribuzione dell’ulteriore DELTA rimanente tra immesso e prelevato nella stagione estiva a tutte le tipologie di consumo. </li></ul>
  31. 31. Codici colori <ul><li>Nella presentazione sono utilizzate le seguenti convenzioni: </li></ul><ul><li>ROSSO : Energia prelevata da clienti finali </li></ul><ul><li>BLU : Energia immessa nella rete di distribuzione </li></ul><ul><li>MAGENTA : Energia attribuita nella sessione di bilanciamento </li></ul><ul><li>VERDE : Euro (Partite economiche in dare o in avere). </li></ul>
  32. 32. Attribuzione della differenza tra immesso e prelevato annuale In > Q In Il RdB adegua i profili convenzionali moltiplicandoli per un valore  A tale per cui risulti nulla la differenza, nel periodo di aggiustamento, tra gas immesso e gas convenzionalmente prelevato In = Q Q Prelievo giornaliero Periodo di aggiustamento (1 anno) Tutti i profili
  33. 33. Aggiustamento profili estate-inverno Il RdB adegua i profili convenzionali (solo quelli con componente termica) moltiplicandoli per un valore  I (nei giorni invernali) e  E (nei giorni estivi) tali per cui risulti nulla la differenza, nel periodi invernale e estivo tra gas immesso e gas convenzionalmente prelevato (da tutti) In = Q Q In E = Q E In I = Q I In Prelievo giornaliero Periodo di aggiustamento (1 anno) Inverno Estate Profili termici Profili termici
  34. 34. Partite economiche: 1. DELTA rispetto alla sessione di Bilanciamento Le differenze giornaliere tra prelevato attribuito nella sessione di bilanciamento e prelevato attribuito nella sessione di aggiustamento sono attribuite a tutti i profili In = Q Q In E = Q E In I = Q I In Sessione di bilanciamento Prelievo giornaliero Periodo di aggiustamento (1 anno) Inverno Estate Tutti i profili Tutti i profili L’UdB riceve L’UdB riceve L’UdB paga
  35. 35. Partite economiche: 2. Spostamento estate inverno Ai profili con componente termica è attribuito il costo dello “spostamento” tra estate e inverno In = Q Q In E = Q E In I = Q I In Prelievo giornaliero Periodo di aggiustamento (1 anno) Inverno Estate Profili termici Profili termici L’UdB paga L’UdB riceve
  36. 36. Partite economiche: 3. DELTA tra immesso e prelevato Le differenze giornaliere tra immesso e prelevato sono attribuite d’inverno ai soli profili con componente termica, d’estate a tutti i profili In = Q Q In E = Q E In I = Q I Inverno Estate In Prelievo giornaliero Periodo di aggiustamento (1 anno) Profili termici Tutti i profili L’UdB riceve L’UdB riceve L’UdB paga
  37. 37. Tempistiche della sessione di aggiustamento <ul><li>Quanto più la sessione è posticipata tanto più: </li></ul><ul><li>aumenta il numero delle misure disponibili e si riduce la componente di aggiustamento che, in mancanza di misure, deve essere socializzata; </li></ul><ul><li>si aggrava anche l’incertezza degli utenti derivante della conoscenza tardiva della propria posizione economica . </li></ul>L’ipotesi iniziale di effettuare una sola sessione di aggiustamento si è dimostrata dunque impraticabile non potendosi accettare nè una sessione troppo differita nel tempo, nè una sessione più ravvicinata, ma con la disponibilità di un numero limitato di misure.
  38. 38. Proposte e spunti per la consultazione <ul><li>Definizione del periodo (l’anno) in cui il bilancio viene “chiuso” ossia in cui tutto il gas immesso e prelevato è attribuito agli utenti; </li></ul><ul><li>Attribuzione del DELTA annuale pro-quota su tutti i punti di prelievo, sia quelli misurati giornalieri che non misurati giornalieri; </li></ul><ul><li>“ Deformazione” della curva dei prelievi termici in modo da garantire che l’immesso invernale / estivo coincida con il prelevato annuale /estivo; </li></ul><ul><li>Attribuzione ai soli consumi termici dell’ulteriore DELTA rimanente tra immesso e prelevato nella stagione invernale; attribuzione dell’ulteriore DELTA rimanente tra immesso e prelevato nella stagione estiva a tutti </li></ul><ul><li>Prima sessione di aggiustamento nel mese di luglio di ogni anno relativa all’anno precedente (non tutte le misure sono disponibili in questa sessione); </li></ul><ul><li>Sessioni ulteriori nei 4 anni successivi relative allo stesso periodo (le sessioni del 3°, 4° e 5° anno sostituiscono di fatto le rettifiche tardive di cui alla deliberazione ARG/gas 182/09). </li></ul>
  39. 39. TRATTAMENTO DEI PUNTI DI RICONSEGNA
  40. 40. Trattamento dei punti di riconsegna misurati giornalmente <ul><li>L’Autorità ritiene che il trattamento giornaliero dei punti sia definito in base alla classe di precisione dei misuratori in quanto tale parametro risulta più stabile nel tempo rispetto al consumo annuo </li></ul><ul><li>La proposta dell’Autorità prevede che: </li></ul><ul><li>Per i misuratori dotati di capacità di registrazione giornaliera (e di classe >G40) già installati, l’avvio di utilizzo delle misure giornaliere avvenga entro 4 mesi dall’adozione del provvedimento </li></ul><ul><li>Per le nuove installazioni previste dalla deliberazione ARG/gas 155/08, i misuratori di classe > G40 entrino nel trattamento giornaliero entro i due mesi successivi alla loro messa in servizio </li></ul>
  41. 41. Trattamento dei punti di riconsegna non misurati giornalmente <ul><li>Revisione di alcuni aspetti della metodologia di profilazione convenzionale attualmente in vigore: </li></ul><ul><li>La determinazione di una regola univoca per il calcolo del consumo annuo </li></ul><ul><li>La revisione dei profili di prelievo standard </li></ul><ul><li>La revisione del criterio di associazione del profilo di prelievo standard al singolo PDR </li></ul>
  42. 42. Consumo annuo <ul><li>Obiettivi: </li></ul><ul><li>Eliminazione della discrezionalità in merito alla regola di calcolo da applicare </li></ul><ul><li>Orientamenti: </li></ul><ul><li>Il calcolo del consumo annuo sarà effettuato per ciascun PDR una volta all’anno - in corrispondenza dell’inizio del nuovo anno termico - dalle imprese di distribuzione e sarà da queste contestualmente comunicato agli UdD </li></ul><ul><li>La formula di calcolo prevede che: </li></ul><ul><ul><li>Sia determinata la differenza tra l’ultima misura disponibile e quella più recente antecedente di almeno un anno; </li></ul></ul><ul><ul><li>Questa differenza venga riproporzionata su base temporale annuale attraverso i profili di prelievo standard. </li></ul></ul>
  43. 43. Profili di prelievo standard - 1 <ul><li>Obiettivi: </li></ul><ul><li>Riduzione categorie d’uso civili </li></ul><ul><li>Incremento categorie d’uso tecnologiche </li></ul><ul><li>Introduzione di elementi di dinamicità </li></ul><ul><li>Orientamenti: </li></ul><ul><li>Il nuovo insieme di profili di prelievo standard è determinato a partire dalla combinazione lineare di 4 profili di prelievo attualmente in vigore: </li></ul><ul><li>Riscaldamento (006) </li></ul><ul><li>Condizionamento (005) </li></ul><ul><li>Acqua calda + cottura cibi (003) </li></ul><ul><li>Usi artigianali industriali (004) </li></ul>W * 0,6 * 0,4 * Riscaldamento + Cottura cibi + Acqua calda sanitaria Riscaldamento Cottura cibi + Acqua calda sanitaria
  44. 44. Profili di prelievo standard - 2 <ul><li>Orientamenti: </li></ul><ul><li>Le categorie d’uso associate ai clienti civili sono ridotte da 11 a 4: </li></ul><ul><li>Acqua calda + cottura cibi (Attuale cat. 003) </li></ul><ul><li>Riscaldamento + cottura cibi + acqua calda (Attuale cat. 007) </li></ul><ul><li>Riscaldamento (Attuale cat. 006) </li></ul><ul><li>Condizionamento (Attuale cat. 005) </li></ul><ul><li>Le categorie d’uso associate ai clienti industriali sono aumentate da 2 a 3: </li></ul><ul><li>Uso artigianale/industriale (Attuale cat. 004) </li></ul><ul><li>Uso tecnologico + riscaldamento (Attuale cat. 012) </li></ul><ul><li>Uso tecnologico a prevalente consumo estivo (Categoria da codificare) </li></ul><ul><li>Tempistiche di introduzione: </li></ul><ul><li>A partire dal prossimo anno termico </li></ul>
  45. 45. Associazione del profilo di prelievo standard al PDR <ul><li>Obiettivi: </li></ul><ul><li>Assegnazione del profilo di prelievo standard sulla base di criteri oggettivi e quantificabili </li></ul><ul><li>Orientamenti: </li></ul><ul><li>Usi civili – criterio della soglia: </li></ul><ul><li>CA < 500 Sm 3 => Acqua calda sanitaria + cottura cibi </li></ul><ul><li>CA compreso tra 500 e 5000 Sm 3 => Riscaldamento + acqua calda + cottura cibi </li></ul><ul><li>CA > 5000 Sm 3 => Riscaldamento </li></ul><ul><li>I profili che prevedono il condizionamento saranno certificati direttamente dal cliente </li></ul><ul><li>Usi Tecnologici: </li></ul><ul><li>Obbligo in capo ai clienti finali di aggiornare periodicamente il proprio profilo di consumo attraverso dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà </li></ul><ul><li>Tempistiche di introduzione: </li></ul><ul><li>Non appena pubblicati i nuovi profili di prelievo </li></ul>
  46. 46. Grazie per l’attenzione Autorità per l’energia elettrica e il gas Direzione mercati Unità processi mercati liberalizzati Piazza Cavour, 5 20121 Milano [email_address] Tel: 02 – 655 65 290/284 Fax: 02 – 655 65 265

×