Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
La regolazione per i Sistemi di Distribuzione
Chiusi (SDC)
Il Sistema Informativo Integrato (SII): principi generali
Roma,...
2 di 65
Le finalità del SII
 Garantire uniformità di trattamento verso tutti gli operatori
 Consentire la semplificazion...
3 di 65
I flussi informativi tra gli operatori
PRIMA DEL SII DOPO IL SII
3
D1
D2
D3
Dn
V1
V2
V3
Vn
D1
D2
D3
Dn
V1
V2
V3
Vn...
4 di 65
Il quadro normativo di riferimento
 La legge 129/2010 (istituzione del SII): al fine di sostenere la competitivit...
5 di 65
La regolazione dell’Autorità (1/2)
 Deliberazione ARG/com 201/10 (istituzione del SII): definisce i criteri gener...
6 di 65
La regolazione dell’Autorità (2/2)
 Deliberazione 79/2012/R/com (regolamento di funzionamento): approva il
Regola...
7 di 65
Il modello di funzionamento
7
- Settlement
- Voltura
- Pre-check
- Switching
- Gestione misure
8 di 65
I costi del servizio
8
 Deliberazione 486/2014/R/com: ciascun utente del dispacciamento, esercente la
maggior tut...
Grazie per l’attenzione
Autorità per l’energia elettrica il gas ed il sistema idrico
Direzione mercati
Unità Produzione di...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

La Regolazione per i Sistemi di Distribuzione Chiusi (SDC)

2,523 views

Published on

Il Sistema Informativo Integrato (SII): principi generali
Milano, 21 marzo 2016
Direzione Mercati Unità Processi e Flussi Informativi tra gli operatori

Published in: Government & Nonprofit
  • Be the first to comment

La Regolazione per i Sistemi di Distribuzione Chiusi (SDC)

  1. 1. La regolazione per i Sistemi di Distribuzione Chiusi (SDC) Il Sistema Informativo Integrato (SII): principi generali Roma, 21 marzo 2016 Direzione Mercati Unità Processi e Flussi Informativi tra gli operatori Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico
  2. 2. 2 di 65 Le finalità del SII  Garantire uniformità di trattamento verso tutti gli operatori  Consentire la semplificazione dei processi e il contenimento dei costi  Monitorare gli adempimenti degli operatori (con particolare riferimento ai processi critici che hanno impatto nei confronti del cliente finale)  Verificare il comportamento del mercato per l’implementazione di strumenti regolatori correttivi 2
  3. 3. 3 di 65 I flussi informativi tra gli operatori PRIMA DEL SII DOPO IL SII 3 D1 D2 D3 Dn V1 V2 V3 Vn D1 D2 D3 Dn V1 V2 V3 Vn SII
  4. 4. 4 di 65 Il quadro normativo di riferimento  La legge 129/2010 (istituzione del SII): al fine di sostenere la competitività e di incentivare la migliore funzionalità delle attività delle imprese operanti nel settore dell’energia elettrica e del gas naturale è istituito presso Aquirente unico S.p.A. un sistema informatico integrato per la gestione dei flussi informativi relativi ai mercati dell’energia elettrica e del gas naturale, basato su una banca dati dei punti di prelievo e dei dati identificativi dei clienti finali  Il decreto legge 24 gennaio 2012, convertito con modificazioni dalla legge 24 marzo 2012, n. 271/2012 (gestione dei dati di misura): al fine di promuovere la concorrenza nei mercati dell'energia elettrica e del gas, il SII è finalizzato anche alla gestione delle informazioni relative ai consumi di energia elettrica e di gas dei clienti finali e la banca dati raccoglie, oltre alle informazioni sui punti di prelievo ed ai dati identificativi dei clienti finali, anche i dati sulle relative misure dei consumi di energia elettrica e di gas 4
  5. 5. 5 di 65 La regolazione dell’Autorità (1/2)  Deliberazione ARG/com 201/10 (istituzione del SII): definisce i criteri generali, il modello di funzionamento e il modello organizzativo del SII e stabilisce che nella fase di esercizio del SII, tra i compiti attribuiti al Gestore del SII, ci sia quello di gestire il Registro Centrale Ufficiale (RCU), ossia l’elenco dei punti di prelievo, e garantire che i dati ivi depositatati corrispondano a quanto comunicato dagli utenti del sistema, prevedendone il dovuto e tempestivo aggiornamento. 5 RCU Il contenuto del RCU è stato recentemente ampliato con la deliberazione 628/2015/R/eel e prevede: • dati relativi al punto di prelievo e alla sua localizzazione • dati relativi al cliente finale associato al punto di prelievo • dati di rilevanza commerciale e statistica • dati utili ai fini della gestione del settlement • dati utili ai fini dell'erogazione del bonus sociale • dati identificativi degli operatori associati al punto di prelievo • dati tecnici relativi al misuratore installato
  6. 6. 6 di 65 La regolazione dell’Autorità (2/2)  Deliberazione 79/2012/R/com (regolamento di funzionamento): approva il Regolamento di funzionamento del SII e individua i soggetti tenuti ad accreditarsi al SII in qualità di Utenti:  imprese distributrici  Terna  esercenti la maggior tutela e utenti del dispacciamento  Deliberazione 132/2012/R/com: definisce le modalità di popolamento e aggiornamento del RCU, che costituisce il punto di partenza per la successiva gestione, da parte del SII, di tutte le variazioni che interessano la relazione tra un punto di prelievo, Utenti interessati al punto e cliente finale titolare del punto 6
  7. 7. 7 di 65 Il modello di funzionamento 7 - Settlement - Voltura - Pre-check - Switching - Gestione misure
  8. 8. 8 di 65 I costi del servizio 8  Deliberazione 486/2014/R/com: ciascun utente del dispacciamento, esercente la maggior tutela e utente della distribuzione gas è tenuto al versamento del corrispettivo per la copertura dei costi di funzionamento del SII direttamente al Gestore In ciascun mese il corrispettivo di competenza dell’utente è pari al prodotto fra: a) il numero di punti di prelievo inclusi nel proprio contratto di dispacciamento b) il corrispettivo unitario SII
  9. 9. Grazie per l’attenzione Autorità per l’energia elettrica il gas ed il sistema idrico Direzione mercati Unità Produzione di energia, fonti rinnovabili ed efficienza energetica Piazza Cavour, 5 20121 Milano mercati@autorita.energia.it www.autorita.energia.it Tel: 02 – 655 65 351 Fax: 02 – 655 65 265

×