Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Sostenibilità nelle Marche

480 views

Published on

Published in: Technology, Real Estate
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Sostenibilità nelle Marche

  1. 1. La situazione, gli strumenti, le azioni per la tutela dei fiumi e delle acque nella nostra regione.
  2. 2. <ul><li>Consolidare nuovi strati conoscitivi sui territori e sulle matrici ambientali delle Marche. </li></ul><ul><li>Confermare migliorare progredire nelle politiche ambientali avviate. </li></ul><ul><li>Innovare quanto necessario. </li></ul><ul><li>Monitorare i processi di efficacia e le criticità. </li></ul>Livelli avanzati di conoscenza per un nuovo sviluppo
  3. 3. Ringraziamenti Un sentito ringraziamento va all’Assessore Amagliani per questa iniziativa, ma anche per la leale e piena collaborazione durante l’intera legislatura, in quanto portatore di una precisa ampia volontà politica di sostenere l’autonomia della ricerca ed il nostro ruolo di tecnici della P.A. nella distinzione dei ruoli e nella dignità delle inevitabili mediazioni. L’elenco è lunghissimo e comprende tanti bravi tecnici oltre questo Servizio e l’Ente Regione: le Province, l’ASSAM e l’ARPAM in particolare. Ma lo staff centrale va citato per impegno e professionalità costanti: Katiuscia Grassi, Matteo Moroni, Simona Palazzetti, Alessandro Zepponi. Ed inoltre Claudia Margaritelli e Stefano Bellesi per le elaborazioni cartografiche sul consumo di suolo. Ad essi la mia stima ed un grazie speciale.
  4. 4. <ul><li>i cambiamenti climatici (anche nelle Marche) </li></ul><ul><li>la coesione sociale a tutte le scale: dal pianeta al quartiere. </li></ul>I documenti, che qui presentiamo, nei loro contenuti generali e settoriali, devono essere a mio avviso riferiti a due grandi scenari o metaparadigmi: È già in atto una sfida difficile anche per la scienza, per tutte le discipline – umanistiche e tecniche – e per la formazione di risorse umane riorientate agli strumenti della programmazione economica, territoriale, ambientale, energetica.
  5. 5. Noi tecnici e professionisti della P.A., che siamo a diretto contatto con i politici amministratori, abbiamo la grande responsabilità di costruire soluzioni credibili rispetto agli obiettivi generali, che gli organi istituzionali ci indicano. E proporre anche nuovi inediti livelli di conoscenza come l’Atlante sul Consumo di suolo nelle Marche 1954-2007, mezzo secolo di trasformazioni del territorio regionale.
  6. 6. Sul consumo di suolo Si è costruito tanto nelle Marche in mezzo secolo; male o bene per qualità edilizia, architettonica o urbanistica è questione opinabile e che qui interessa poco, se non per alcuni rilevanti aspetti di economia delle reti, di inefficienza energetica e di consumo di paesaggi. È accaduto quindi in circa mezzo secolo nelle aree più dinamiche delle Marche che il consumo di suolo a fini edilizio-urbani sia aumentato di oltre il 320%, mentre la popolazione di circa il 37%, chiaro indicatore di una divaricazione oltremodo non proporzionale tra le due grandezze.
  7. 7. Sul consumo di suolo PESARO 1954 PESARO 1984 PESARO 2001 PESARO 2007
  8. 8. Sul consumo di suolo ANCONA 1954 ANCONA 1984 ANCONA 2001 ANCONA 2007
  9. 9. Sul consumo di suolo MACERATA 1954 MACERATA 1984 MACERATA 2001 MACERATA 2007
  10. 10. Sul consumo di suolo FERMO 1954 FERMO 1984 FERMO 2001 FERMO 2007
  11. 11. Sul consumo di suolo ASCOLI 1954 ASCOLI 1984 ASCOLI 2001 ASCOLI 2007
  12. 12. Sul consumo di suolo <ul><li>i deficit finanziari dei bilanci comunali, mascherati dalle entrate ICI ed ora alla ricerca di qualche surrogato per reggere ai costi incrementali della permanente manutenzione urbana; </li></ul><ul><li>il perenne inseguimento dei servizi pubblici – trasporti, reti dei servizi idrici, depurativi, energetici, ora quelli informatici, della pubblica illuminazione, del ciclo dei rifiuti, ecc. – alla crescita edilizia diffusa; </li></ul><ul><li>la grande questione dei paesaggi ed il ruolo degli ancora preziosissimi mille centri storici delle Marche; </li></ul><ul><li>il tema, poco praticato dalla disciplina urbanistica italiana, degli spazi periurbani; </li></ul>Si aggiungono agli “effetti di spaesamento dei cittadini consapevoli” ( Ilvo Diamanti ) i seguenti fenomeni:
  13. 13. <ul><li>i problemi del trattamento delle acque reflue, del consumo della risorsa idrica, delle emissioni in atmosfera, dell’uso massiccio dell’auto privata, delle tipologie di raccolta dei rifiuti in contesti di forte diffusione insediativa, privi delle necessarie economie di scala, possibili in contesti a densità maggiori; </li></ul><ul><li>i processi di erosione e di impermeabilizzazione dei suoli soprattutto in territori fragili per ragioni geomorfologiche come sono quelli così largamente diffusi nella nostra regione; </li></ul><ul><li>infine la necessità di vasti processi di riqualificazione urbana ed edilizia dei patrimoni esistenti; questione che diventerà sempre più rilevante man mano che si avvicinano e si dilatano le soglie di criticità funzionale, costruttiva ed ora energetico-ambientale di quanto costruito soprattutto negli anni sessanta e settanta, ormai sempre più lontani dagli standards minimi richiesti dal mercato. </li></ul>Sul consumo di suolo E qui si ritrova anche il tema, inedito per forme e contenuti, di una nuova questione abitativa in Italia nella società multietnica dentro processi demografici nuovi per estensione e caratteristiche socio-culturali.
  14. 14. Rapporto Stato Ambiente 2009 Le Marche: una piccola regione europea, poco o molto nota in parti diverse del mondo, bella tra colline e montagne, molto meno nella conurbazione costiera e nelle basse valli, con un divenire migliore se ridurrà i rischi (alcuni) e valorizzerà le opportunità (numerose), a partire dalle buone condizioni ambientali nei valori d’insieme e dalla straordinaria dote di beni paesaggistici e culturali, ovunque diffusi.
  15. 15. Rapporto Stato Ambiente 2009 La sintesi estrema, a nostro avviso, è quella di una medietà delle condizioni ambientali, con non poche punte di eccellenza e alcune criticità ed il convincimento che molto di più si potrebbe fare se ovunque prevalessero aggiornamenti culturali, organizzazioni ben strutturate, applicazioni tecnologiche innovative e soprattutto un più forte spirito di squadra nei territori e nelle azioni della governance pubblica e privata.
  16. 16. Rapporto Stato Ambiente 2009 <ul><li>Alcune eccellenze : </li></ul><ul><li>integrazione degli immigrati </li></ul><ul><li>attività di volontariato </li></ul><ul><li>tasso di anzianità </li></ul><ul><li>condizioni medie di salute </li></ul><ul><li>patrimoni storico-culturali e paesaggistici </li></ul>
  17. 17. Rapporto Stato Ambiente 2009 <ul><li>Alcune criticità : </li></ul><ul><li>mobilità (in)sostenibile al 2007: Marche 628 auto/1000 ab. </li></ul><ul><li>Italia 598,5 auto/1000 ab. </li></ul><ul><li>squilibri territoriali tra aree interne e conurbazione costiera con forte consumo di suolo </li></ul><ul><li>tutela delle acque: situazione migliorabile se completamento depurazione acque reflue e forte risparmio idrico </li></ul><ul><li>siti da bonificare di rilievo nazionale: stabilimento API e area calzaturiera basso Chienti </li></ul>
  18. 18. Rapporto Stato Ambiente 2009 <ul><li>Tendenze positive : </li></ul><ul><li>innovazione energetica: risparmio, rinnovabili, efficienza </li></ul><ul><li>ciclo rifiuti: veloce aumento della RD e sistema impianti </li></ul><ul><li>qualità aria: riduzione dei superamenti </li></ul><ul><li>aree protette: consolidamento del sistema </li></ul><ul><li>educazione/informazione ambientale: il Centro Regionale </li></ul>
  19. 19. Geografia Pressioni Ambientali 2009 DOVE? Le Marche per aree di concentrazione dei livelli di maggiore criticità ambientale: pressione – impatto – degrado delle risorse – eventuali effetti sulla salute della popolazione. AVVERTENZA La scala di elaborazione dei dati disponibili è quella comunale. L’attenzione va invece rivolta alla scala sovracomunale fino alla definizione di 4 ambiti territoriali in cui emergono livelli maggiori di criticità ambientale.
  20. 20. Geografia Pressioni Ambientali 2009 La metodologia è relativamente complessa. Il modello è ora gestibile con un sistema applicativo web; è possibile costruire sequenze di dati e analisi dei fenomeni per verificare le tendenze nel tempo. Alcune variazione sono già inserite nel documento 2009. Deriva da una proposta elaborata per la versione 2007, in collaborazione con l’Istituto AmbienteItalia.
  21. 21. Geografia Pressioni Ambientali 2009 Temi e matrici considerati: Gruppi di indicatori per ciascuno di essi, in totale n° 23. Conclusioni in due cartografie delle Marche con versioni a 5 classi e a 3 classi. ARIA NATURA TURISMO ACQUA INSEDIAMENTI RIFIUTI SUOLO INDUSTRIA
  22. 22. Geografia Pressioni Ambientali 2009 Popolazione e territorio regionale vengono quindi letti in rapporto alla geografia delle classi e quindi delle pressioni ambientali. INCIDENZE PERCENTUALI 2009 53,7 14,6 31,7 Popolazione 19,3 9,9 70,8 Territorio ALTA MEDIA BASSA
  23. 23. Geografia Pressioni Ambientali 2009 Il tema/problema evidente della fascia costiera delle Marche e di alcune aree interne, dove esercitare azioni più forti per il risanamento e la tutela ambientale. 3 CLASSI 5 CLASSI
  24. 24. Conclusioni <ul><li>Procedere quindi con rinnovata energia tecnica e culturale. </li></ul><ul><li>Comunicare meglio le buone pratiche ambientali, anche o forse soprattutto con </li></ul><ul><li>INTERNET, ARMA DI COSTRUZIONE DI MASSA! </li></ul><ul><li>...e perché no... </li></ul><ul><li>essere orgogliosi della nostra funzione di professionisti pubblici per il bene comune. </li></ul>GRAZIE PER L’ATTENZIONE

×