SlideShare a Scribd company logo

Corsican - Joseph and Asenath by E.W. Brooks.pdf

Filipino Tracts and Literature Society Inc.
Filipino Tracts and Literature Society Inc.
Filipino Tracts and Literature Society Inc.Publisher at Filipino Tracts and Literature Society Inc.

“And Pharaoh called Joseph's name Zaphnathpaaneah; and he gave him to wife Asenath the daughter of Potipherah priest of On. And Joseph went out over all the land of Egypt.” GENESIS 41:45

Corsican - Joseph and Asenath by E.W. Brooks.pdf

1 of 11
Download to read offline
GIUSEPPE È ASENATH
Asenath hè cercatu in u matrimoniu da u figliolu di u rè è
assai altri.
1. In u primu annu di abbundanza, in u secondu mese, u quintu
di u mese, Faraone mandò à Ghjiseppu per girà tuttu u paese
d'Egittu; è in u quartu mese di u primu annu, u diciottu di u
mese, Ghjiseppu ghjunse à i cunfini di Heliopolis, è stava cullà
u granu di quellu paese cum'è a rena di u mare. È ci era in
quella cità un omu chjamatu Pentephres, chì era un prete di
Heliopolis è un satrapu di Faraone, è capu di tutti i satrapi è i
prìncipi di Faraone; è questu omu era assai riccu è assai saviu
è gentile, è era ancu un cunsigliu di Faraone, perchè era
prudente più di tutti i prìncipi di Faraone. È avia una figliola
vergine, chjamata Asenath, di diciottu anni, alta è bella, è bella
per vede assai più di ogni vergine nantu à a terra. Ora Asenath
stessa ùn pareva nisuna somiglianza cù e vergini, e figliole di
l'Egiziani, ma era in tutte e cose cum'è e figliole di l'Ebrei, era
alta cum'è Sara è bella cum'è Rebecca è bella cum'è Rachele ;
è a fama di a so bellezza si sparse in tuttu quellu paese è à
l'estremità di u mondu, cusì chì per quessa tutti i figlioli di i
prìncipi è i satrapi vulianu corteghjala, è ancu i figlioli di i rè.
tutti i ghjovani è putenti, è ci era una grande lotta trà elli à
causa d'ella, è pruvate à luttà l'un contru à l'altru. È u primu
figliolu di Faraone hà ancu intesu parlà d'ella, è cuntinuò à
supplicà u so babbu di dà a so moglia, è li disse : Dammi,
babbu, Asenath, a figliola di Pentefre, u primu omu di
Heliopolis per a moglia. È u so babbu Faraone li disse: "Perchè
tù, da a to parte, cercate una moglia più menu di tè stessu,
quandu site rè di tuttu stu paese? Innò, ma eccu! a figliola di
Joacim, u rè di Moab, hè fidanzata cù tè, è ella stessu hè una
regina è bella per vede. Pigliate dunque questu per voi à a
moglia ".
A torre in quale vive Asenath hè descritta.
2. Mais Asenath ne s'opposait à rien et méprisait tous les
hommes, étant vanté et orgueilleux, et personne ne l'avait
jamais vue, puisque Pentephrès avait dans sa maison une tour
adjacente, grande et très haute, et au-dessus de la tour il y avait
un loft qui contenait dix. camere. È a prima camera era grande
è assai bella è pavimentata cù petre purpure, è i so mura eranu
affruntate cù petre preziose è assai culurite, è u tettu di quella
stanza era ancu d'oru. È in quella stanza, i dii di l'Egiziani, chì
ùn era micca numeru, l'oru è l'argentu, eranu fissati, è tutti
quelli chì Asenath adoravanu, è li teme, è li facia sacrifici ogni
ghjornu. È a seconda camera cuntene ancu tutte l'ornamenti è
i casci di Asenath, è ci era d'oru in questu, è assai vestiti
d'argentu è d'oru tessutu illimitatu, è petre scelte è di grande
prezzu, è vestiti di linu, è tutti l'ornamenti di a so virginità. era
quì. È a terza camera era u magazzinu di Asenath, chì cuntene
tutte e cose boni di a terra. È e sette stanze restanti occupavanu
e sette vergini chì servavanu à Asenath, ognuna avendu una
stanza, perchè eranu di a listessa età, nati in a stessa notte cù
Asenath, è li amava assai; è eranu ancu assai belli cum'è l'astri
di u celu, è ùn mai un omu cunversava cun elli o un zitellu
masciu. Avà a gran camera d'Asenath induve a so virginità era
favurita avia trè finestri; è a prima finestra era assai grande,
fighjendu nantu à a corte à u livante ; è u sicondu fighjulava
versu u sudu, è u terzu fighjava nantu à a strada. È un lettu
d'oru stava in a camara chì guardava versu u livante; è u lettu
era custituitu cù robba purpura intrecciata cù l'oru, u lettu era
tissutu di robba scarlatina è cramson è linu finu. Nant'à stu
lettu, Asenath sola dorme, è ùn hà mai avutu omu o altra donna
à pusà quì. È ci era ancu un grande cortile contigu à a casa in
tuttu u circondu, è un muru assai altu intornu à u tribunale
custruitu di grandi petre rettangulari; è c'era ancu quattru porte
in a corte rivestiti di ferru, è queste eranu tenute ognunu da
diciottu ghjovani forti armati; è ci sò stati ancu piantati longu
à u muru arburi fieri di ogni tipu è tutti chì portanu frutti, i so
frutti sò maturi, perchè era a stagione di a cugliera; è ci era
ancu una ricca fonte d'acqua chì spuntava da a diritta di a stessa
corte ; è sottu à a fontana c'era una grande cisterna chì riceve
l'acqua di quella fontana, da induve ci passava, cum'è, un
fiume à mezu à a corte è innaffiava tutti l'arburi di quella corte.
Ghjiseppu annuncia a so venuta à Pentefre.
3. È avvene in u primu annu di i sette anni di abbundanza, in
u quartu mese, u vinti ottu di u mese, chì Ghjiseppu ghjunse à
e fruntiere di Heliopolis cugliendu u granu di quellu distrettu.
È quandu Ghjiseppu s'avvicinò à quella cità, mandò dodici
omi davanti à ellu à Pentefre, u prete di Heliopolis, dicendu:
"Varaghju à tè oghje, perchè hè l'ora di meziornu è di u pranzu
di meziornu, è ci hè. grande calore di u sole, è chì mi possu
rinfriscà sottu à u tettu di a to casa ". È Pentefre, intesu queste
cose, si rallegra cù una gioia assai grande, è disse: "Benedettu
sia u Signore Diu di Ghjiseppu, perchè u mo signore
Ghjiseppu m'hà ritenutu degnu". È Pentefre chjamò u
sorvegliante di a so casa è li disse: "Apprite è preparate a mo
casa, è preparanu una grande cena, perchè Ghjiseppu u putente
di Diu vene oghje à noi". È quandu Asenath hà intesu chì u so
babbu è a mamma sò venuti da u pussessu di a so eredità, si
rallegra assai è disse: "Varaghju à vede u mo babbu è a
mamma, perchè sò venuti da u pussessu di a nostra eredità"
(per quessa hè era a stagione di a cugliera). È Asenath si
precipitò in a so stanza, duv'ellu era i so vistimenti, è si misse
un mantellu di linu finamente fattu di robba crimson è
intrecciata d'oru, è si cinghje d'una cintura d'oru è di
braccialetti attornu à e mani. è attornu à i so pedi mettia
buskins d'oru, è attornu à u so collu ghjittava un ornamentu di
grande prezzu è petre preziose, chì eranu abbelliti da tutti i lati,
cù ancu i nomi di i dii di l'Egiziani in ogni locu incisu nantu à
elli, sia nantu à i braccialetti. è e petre; è si mette ancu una tiara
nantu à a so testa è ligà una diadema intornu à i so tempii è
cupria a testa cun un mantellu.
Pentephres prupone di dà Asenath à Ghjiseppu in u
matrimoniu.
4. È tandu si precipitò, falò i scalini da u so loft, andò versu u
so babbu è a mamma è li basgiò. È Pentephres è a so moglia
si rallegravanu di a so figliola Asenath cù una gioia assai
grande, perchè l'anu vistu adornata è abbellita cum'è a sposa
di Diu; è purtonu tutte e cose boni chì avianu purtatu da u
pussessu di a so eredità è li dete à a so figliola; è Asenath si
rallegrava di tutte e cose boni, di u fruttu di l'estiu è di l'uva è
di i datti è di i culombi, è di i mulberries è di i fichi, perchè
tutti eranu belli è piacevuli à tastà. È Pentefre disse à a so
figliola Asenath: "Fitellu". È ella disse : "Eccu, u mo signore".
È li disse : "State à pusà trà noi, è vi dicu e mo parolle". "Eccu!
Ghjiseppu, u putente di Diu, vene à noi oghje, è questu omu
hè capu di tuttu u paese d'Egittu; è u rè Faraone l'hà numinatu
capu di tuttu u nostru paese è rè, è ellu stessu dà granu à tuttu
stu paese. , è u salva da a fame chì vene; è questu Ghjiseppu
hè un omu chì venera à Diu, è discretu è vergine cum'è tù sì
oghje, è un omu putente in saviezza è cunniscenza, è u spiritu
di Diu hè nantu à ellu è a grazia di u Signore hè in ellu. Venite,
figliolu caru, è ti daraghju à ellu à a moglia, è sarete per ellu
una sposa, è ellu stessu serà u to sposu per sempre. È, quandu
Asenath hà intesu queste parolle da u so babbu, una grande
sudore hè stata versata nantu à a so faccia, è s'era arrabbiata cù
una grande rabbia, è hà fighjulatu cù l'ochji à u so babbu è
disse : "Per quessa, u mo signore babbu. , dici tu ste parolle?
Vuliti dami cum'è un prigiuneru à un stranieru è fughjitu è
quellu chì hè statu vindutu? Ùn hè questu u figliolu di u pastore
di u paese di Canaan? È ellu stessu hè statu lasciatu da N'est-
ce pas celui qui couchait avec sa maîtresse et son maître l'avait
jeté dans la prison des ténèbres, et Faraon l'avait fait sortir de
la prison, puisqu'il avait interprété son songe, comme
l'interprétent aussi les femmes âgées de l'Égypte ? ma seraghju
maritatu cù u primu figliolu di u rè, perchè ellu stessu hè rè di
tuttu u paese. Quandu hà intesu queste cose, Pentefre si
vergognava di parlà più à a so figliola Asenath di Ghjiseppu,
perchè ella li rispose cun vanità è rabbia.
Ghjiseppu arriva in casa di Pentefre.
5. È eccu ! un ghjovanu di i servitori di Pentefre s'avvicinò, è
li disse : "Eccu ! Ghjiseppu hè davanti à e porte di a nostra
corte". È quandu Asenath hà intesu queste parolle, fughje da a
faccia di u so babbu è di a so mamma è si n'andò in u loft, è
intrì in a so stanza è si firmò à a grande finestra chì guardava
à est per vede Ghjiseppu chì entrava in a casa di u babbu. È
Pentefre esce, è a so moglia, è tutti i so parenti è i so servitori
à scuntrà Ghjiseppu; È, quandu e porte di u tribunale chì
fighjavanu à u livante s'apre, Ghjiseppu intrì à pusà in u
sicondu carru di Faraone ; è ci sò stati juncati quattru cavalli
bianchi cum'è neve cù pezzi d'oru, è u carru era fattu tuttu d'oru
puru. È Ghjiseppu era vistutu d'una tunica bianca è rara, è a
tunica chì era ghjittata intornu à ellu era purpurina, fatta di linu
finamente intrecciatu d'oru, è una corona d'oru era nantu à u
so capu, è intornu à a so corona c'era dodici petre scelte, è
sopra. i petri dodici raghji d'oru, è in a so manu diritta un
bastone reale, chì avia un ramu d'alivu stesu, è ci era
abbundanza di fruttu nantu à questu. Quandu, dunque,
Ghjiseppu era ghjuntu in u tribunale è e so porte sò state
chjuse, è ogni omu è donna straneru restava fora di u tribunale,
perchè chì i guardiani di e porte s'avvicinavanu è chjusu e
porte, Pentefre ghjunse è a so moglia è tutti. i so parenti, fora
di a so figliola Asenath, è si prontu à Ghjiseppu nantu à a so
faccia nantu à a terra; è Ghjiseppu falò da u so carru è li salutò
cù a so manu.
Asenath vede Ghjiseppu da a finestra.
6. È quandu Asenath hà vistu à Ghjiseppu, era malatu in
l'ànima è u so core era sfracciatu, è i so ghjinochje si sò sciolti,
è tuttu u so corpu tremava, è hà temutu cù una grande paura, è
tandu si geme è disse in u so core : "Ahimè mè. disgraziatu!,
induve andaraghju avà, u disgraziatu, o induve mi piatterò da
a so faccia, o cumu mi vede Ghjiseppu, u figliolu di Diu, chì
da a mo parte aghju parlatu male di ellu ? miserable! induve
andaraghju è esse piattu, perchè ellu stessu vede ogni piattu, è
cunnosci tutte e cose, è nisuna cosa piatta ùn li scappa per via
di a grande luce chì hè in ellu? È avà chì u Diu di Ghjiseppu
sia grazia. à mè perchè in ignuranza aghju dettu parolle gattivi
contr'à ellu. Chì seguiteraghju avà, u disgraziatu? Ùn aghju
micca dettu: Ghjiseppu, u figliolu di u pastore, vene da u paese
di Canaan? Avà dunque hè ghjuntu à noi. in u so carru cum'è
u sole da u celu, è intrutu in a nostra casa oghje, è splende in
ellu cum'è luce nantu à a terra. Ma sò stupidu è audace, perchè
l'aghju disprezzatu è aghju parlatu mali parolle nantu à ellu è
ùn sapia micca chì Ghjiseppu hè un figliolu di Diu. Perchè
quale trà l'omi hà da nascerà una tale bellezza, o quale utru di
donna darà nascita à una tale luce? Sò disgraziatu è stupidu,
perchè aghju dettu parolle male à u mo babbu. Avà, dunque,
chì u mo babbu mi dessi à Ghjiseppu per una serva è piuttostu
una serva, è saraghju in schiavitù à ellu per sempre.
Ghjiseppu vede Asenath à a finestra.
7. Ghjiseppu intrì in casa di Pentefre è si pusò nantu à una
sedia. È li lavavanu i pedi, è pusonu una tavula davanti à ellu
separatamente, perchè Ghjiseppu ùn hà micca manghjatu cù
l'Egiziani, postu chì questu era un abominazione per ellu. È
Ghjiseppu alzò a vista è vide à Asenath chì sbuchjava fora, è
disse à Pentefre : « Quale hè quella donna chì si trova in u loft
à a finestra ? Lasciala andà da sta casa ». Perchè Ghjiseppu
temeva, dicendu : « Per ch’ella stessa ùn mi fastidiu ancu ».
Perchè tutte e mòglie è e figliole di i prìncipi è i satrapi di tuttu
u paese di l'Egittu l'anu ingaghjatu per ch'elli ponu chjappà cun
ellu; ma ancu parechje mòglie è figliole di l'Egiziani, quante
chì vedevanu Ghjiseppu, eranu angustiate per a so bellezza; è
l'inviati chì e donne anu mandatu à ellu cù l'oru è l'argentu è i
rigali preziosi Ghjiseppu hà mandatu torna cù minaccia è
insulte, dicendu: "Ùn peccaraghju micca in vista di u Signore
Diu è in a faccia di u mo babbu Israele". Perchè Ghjiseppu avia
sempre Diu davanti à i so ochji è sempre ricurdò di l'injunzioni
di u so babbu; perchè Ghjacobbu parlava spessu è ammonava
à u so figliolu Ghjiseppu è à tutti i so figlioli : « Tenetevi,
figlioli, sicuru d'una donna straniera, per ùn avè micca
fraternità cun ella, perchè a fraternità cun ella hè a ruina è a
distruzzione ». Allora Ghjiseppu disse: "Lasciate chì quella
donna parte da sta casa". È Pentefre li disse: "Signore, quella
donna chì avete vistu stà in u loft ùn hè micca straniera, ma hè
a nostra figliola, chì odia ogni omu, è nimu l'hà mai vistu,
salvu tè solu oghje; , s'è vo vulete, o signore, ella vene à parlà
à tè, perchè chì a nostra figliola hè cum'è a to surella ". È
Ghjiseppu si rallegra cù una gioia assai grande, perchè quellu
Pentefre disse: "Hè una vergine chì odia ogni omu". È
Ghjiseppu disse à Pentefre è à a so moglia: "S'ellu hè a to
figliola è hè vergine, ch'ella vene, perchè hè a mo surella, è
l'aghju da oghje cum'è a mo surella".
Ghjiseppu benedica Asenath.
8. Allora a so mamma si n'andò in u loft è purtò Asnat à
Ghjiseppu, è Pentefre li disse : Basgià u to fratellu, perchè
ancu ellu hè vergine cum'è tè oghje, è odia ogni donna
straniera cum'è tù odi ogni omu straneru. ." È Asenath disse à
Ghjiseppu: "Salve, Signore, benedettu da Diu Altìssimu". È
Ghjiseppu li disse: "Diu chì dà vita à tutte e cose, ti benedica,
ragazza." Pentefre disse allora à a so figliola Asenath: "Venite
à basgià u to fratellu." Quandu Asenath si avvicinò à basgià
Ghjiseppu, Ghjiseppu stese u dirittu. a manu, è a pusò nantu à
u so pettu trà i so dui petti (perchè i so pappi eranu digià stendu
cum'è pomi belli), è Ghjiseppu disse: "Ùn hè micca adattatu
per un omu chì venerà à Diu, chì benedica cù a so bocca u Diu
vivu. è manghja u pane benedettu di a vita, è beie a coppa
benedetta di l'immortalità, è hè untu cù l'unzione benedetta di
l'incorrupzione, per basgià una donna straniera, chì benedica
cù a so bocca l'idoli morti è sordi è manghja da a so tavula u
pane di strangulamentu. è beie da a so libazione a coppa di
l'ingannimentu è hè untu cù l'unzione di distruzzione; ma
l'omu chì venerà à Diu basgià a so mamma è a surella chì hè
nata da a so mamma è a surella chì hè nata da a so tribù è a
moglia chì sparte u so lettu, chì benedica cù a so bocca u Diu
vivu. Inoltre, ùn hè micca adattatu per una donna chì venerà à
Diu basgià un omu straneru, perchè questu hè una
abominazione à i vista di u Signore Diu. " È quandu Asenath
hà intesu queste parolle da Ghjiseppu, era assai afflitta è geme.
; è, mentre ch'ella fighjulava fermamente à Ghjiseppu, cù
l'ochji aperti, eranu pieni di lacrime. È Ghjiseppu, vedendula
pienghje, s'hè piattatu assai, perch'ellu era dolce è
misericordioso è chì teme u Signore. alzò a manu diritta sopra
a so testa è disse: "Signore Diu di u mo babbu Israele, u Diu
Altìssimu è u putente, chì anima tutte e cose è chjama da a
bughjura à a luce è da l'errore à a verità è da a morte à a vita.
benedica tu ancu sta vergine, è vivificala, è rinnuvàla cù u to
spiritu santu, è ch'ella manghja u pane di a to vita, è beie a
tazza di a to benedizzione, è numerala cù u to pòpulu chì avete
sceltu prima chì tutte e cose sò state fatte. è ch'ella entre in u
to riposu ch'è tù preparassi per i to eletti, è ch'ella campa in a
to vita eterna per sempre ".
Asenath si ritira è Ghjiseppu si prepara à parte.
9. È Asenath si rallegrava di a benedizzione di Ghjiseppu cù
una gioia assai grande. Allora si affrettò à cullà in a so
mansarda sola, è cascò nantu à u so lettu in infirmità, perchè
chì ci era in a so gioia è dulore è grande timore; è una sudore
cuntinuu hè stata versata annantu à ella quand'ella sentia
queste parolle da Ghjiseppu, è quandu ellu li parlava in u nome
di Diu Altìssimu. Allora pienghje cù pienghje grande è amaru,
è si spostò in penitenza da i so dii ch'ella era abituata à adurà,
è da l'idoli, ch'ella disprezzava, è aspittò a sera. Ma Ghjiseppu
manghja è beie ; è disse à i so servitori di ghjugu i cavalli à i
so carri, è di girà in tuttu u paese. E Pentefre disse à Ghjiseppu:
"Lasciate u mo signore allughjà quì oghje, è à a matina vi andà
in u vostru modu". È Ghjiseppu disse: "Nè, ma andaraghju
oghje, perchè questu hè u ghjornu chì Diu hà cuminciatu à fà
tutte e so cose creatu, è l'ottu ghjornu aghju ancu vultà à voi è
allughjà quì".
Asenath rifiuta i dii egiziani è si abbassa.
10. È, quandu Ghjiseppu abbandunò a casa, ancu Pentefre è
tutti i so parenti si n'andò in a so eredità, è Asenath hè stata
sola cù e sette vergini, sdegnu è pienghjenu finu à u tramontu
di u sole. è ùn manghjava nè pane nè beie acqua, ma mentre
tutti dormevanu, ella sola era sveglia è pienghjendu è si
batteva spessu u pettu cù a manu. Dopu à queste cose, Asenath
s'arrizzò da u so lettu, andò in silenziu per i scalini da u loft, è,
ghjuntu à a porta, truvò a portiera chì dorme cù i so figlioli; et
elle se précipita et descendit de la porte le couvercle de cuir du
rideau, le remplit de cendres, le transporta jusqu'au loft et le
déposa par terre. È dopu chjusu a porta in modu sicuru è
l'aghjustò cù u chjappu di ferru da u latu, è geme cun gran
gegnu cù assai è assai grande piantu. Ma a vergine chì Asenath
amava sopra à tutte e vergini, dopu avè intesu u so gemimentu,
si precipitò à a porta, dopu avè svegliatu ancu e altre vergini,
è a truvò chjusa. È, dopu avè intesu u lamentu è u piantu
d'Asenath, li disse, standu fora : "Chì hè, a mo padrona, è
perchè site tristu ? ci si vede". È Asenath li disse, essendu
chjusu in l'internu: "Un dolore grande è dulore m'hà attaccatu
à u mo capu, è mi riposu in u mo lettu, è ùn sò micca capaci di
alzà è apre à voi, perchè sò infirmu nantu à tutte e mo membra.
Andate dunque ognunu di voi in a so stanza è dorme, è
lasciami stà tranquillu. È, quandu e vergini eranu partite,
ognuna in a so stanza, Asenath si alzò è aprì a porta di a so
stanza in silenziu, è si n'andò in a so seconda camera induve
eranu i casci di u so adornu, è apre u so cofre è pigliò un neru
è tunica cupa ch'ella si mette è piantò quandu u so fratellu
primu natu hè mortu. Dopu avè pigliatu sta tunica, a purtò in a
so stanza, è chjude torna a porta in modu sicuru, è mette u
bulbu da u latu. Allora Asenath si tolse u so vestitu reale, si
misi a tunica di luttu, svintò a so cintura d'oru, si cinghje cù
una corda è si tolse a tiara, chì hè a mitra, da a so testa, è ancu
u diadema, è e catene da e so mani è i so pedi eranu ancu tutti
posti nantu à u pianu. Allora pigliò a so robba scelta è a cintura
d'oru è a mitra è u so diadema, è li scacciò per a finestra chì
guardava versu u nordu, à i poveri. Allora pigliò tutti i so dii
chì eranu in a so stanza, i dii d'oru è d'argentu chì ùn ci era
micca numarosi, è li spezzò in frammenti, è li jettò da a finestra
à i poveri è à i mendicanti. È dinò, Asenath pigliò u so cena
reale è i grassi, i pesci è a carne di giovenca, è tutti i sacrifizi
di i so dii, è i vasi di u vinu di libazione, è i lanciavanu tutti
per a finestra chì pareva à u nordu cum'è manghjà per i cani. .
2 Dopu à queste cose, pigliò u coperchiu di coghju chì contene
i ceneri, è li versò nantu à u pianu ; è dopu pigliò un saccu è si
cintò i lombi ; è hà sbulicatu ancu a reta di i capelli di a so testa
è sprinkled cendra nantu à a so testa. È sparse ancu e cenere
nantu à u pianu, è cascò nantu à e cenere è cuntinuò à batte u
so pettu constantemente cù e so mani è pienghjenu tutta a notte
cù gemi finu à a matina. È, quandu Asenath s'arrizzò in a
matina è vide, è eccu! i cinders eranu sottu à ella cum'è argilla
da e so lacrime, torna torna in faccia nantu à e cinders finu à
chì u sole tramonta. Cusì, Asenath hà fattu per sette ghjorni,
senza tastà nunda.
Asenath decide di pricà à u Diu di l'Ebrei.
11. L'ottu ghjornu, quandu l'alba ghjunse l'alba, è chì l'acelli
cinguettavanu dighjà è i cani abbaiavanu à i passanti, Asenath
alzò un pocu a testa da u pianu è i ceneri nantu à quale era
pusata, perchè era assai stancu. è avia persu u putere di i so
membri da a so grande umiliazione; perchè Asenath s'era
stancu è sbulicata, è a so forza sminuì, è allora si vultò versu
u muru, pusendu sottu à a finestra chì guardava à u livante ; è
a so testa si stende nantu à u so pettu, intrecciandu i diti di e
so mani nantu à u ghjinochju drittu; è a so bocca era chjusa, è
ùn l'hà micca apertu durante i sette ghjorni è durante e sette
notti di a so umiliazione. È disse in u so core, senza apre a
bocca: "Chì faraghju, eiu l'umile, o induve andà? un orfanu è
desolatu è abbandunatu da tutti è odiatu? Tutti avà sò ghjunti
à odià mè, è frà questi ancu u mo babbu è a mo mamma, per
quessa ch'e aghju disprezzatu i dii cù disprezzu è li sguassate
è li aghju datu à i poveri. esse distruttu da l'omi. Perchè u mo
babbu è a mo mamma dicenu: "Asenath ùn hè micca a nostra
figliola. "Ma tutti i mo parenti sò ancu venuti à odià mè, è tutti
l'omi, perchè aghju datu i so dii à a distruzzione. È aghju
odiatu. tutti l'omu è tutti quelli chì mi corteggiavanu, è avà in
questa mo umiliazione sò stati odiati da tutti è si rallegranu per
a mo tribulazione. Ma u Signore è Diu di u putente Ghjiseppu
odia tutti quelli chì veneranu l'idoli, perchè hè un Diu ghjilosu.
è terribili, cum'è l'aghju intesu, contr'à tutti quelli chì veneranu
dii stranieri ; da chì ellu m'hà odiatu ancu, perchè aghju
veneratu idoli morti è sordi è li benedetti. Ma avà aghju evitatu
u so sacrifiziu, è a mo bocca s'hè alluntanata da a so tavola, è
ùn aghju micca curagiu di invocà à u Signore Diu di u celu,
l'Altissimo è putente di u putente Ghjiseppu, perchè a mo
bocca hè contaminata da i sacrifici di l'idoli. Ma aghju intesu
parechji dicendu chì u Diu di l'Ebrei hè un Diu veru, è un Diu
vivu, è un Diu misericordioso è pietoso è longanu è pienu di
misericordia è gentile, è quellu chì ùn cunta u peccatu di un
omu chì hè umile, è soprattuttu di quellu chì pecca in
ignuranza, è ùn cunvince micca di l'illegalità in u tempu di
l'afflizzioni di un omu chì hè afflittu; per quessa, ancu io,
l'umile, saraghju audace è vultaraghju à ellu è cercà refuggiu
cun ellu è cunfessu tutti i mo peccati à ellu è versà a mo
petizione davanti à ellu, è ellu avarà pietà di a mo miseria.
Perchè quale sà s'ellu vede sta mo umiliazione è a desolazione
di a mo ànima è mi pietà, è vede ancu l'orfanità di a mo miseria
è a verginità è mi difende ? per quessa, cum'è aghju intesu, hè
ellu stessu babbu di orfani è cunsulazione di l'afflitti è aiutu di
i perseguitati. Ma in ogni casu, ancu io l'umile serà audace è
pienghjeraghju à ellu. Alors Asenath se leva du mur où elle
était assise, se leva sur ses genoux vers l'orient, tourna les yeux
vers le ciel, ouvrit la bouche et dit à Dieu :
A preghiera di Asenath
12. A preghiera è a cunfessione di Asenath: "Signore Diu di i
ghjusti, chì hà criatu l'età è dà a vita à tutte e cose, chì hà datu
u soffiu di vita à tutta a to creazione, chì hà purtatu i cosi
invisibili à a luce, chì hà fattu u più. tutte e cose è anu
manifestatu e cose chì ùn sò micca apparsu, chì alza u celu è
fundate a terra nantu à l'acqua, chì fissa e grandi petre nantu à
l'abissu di l'acqua, chì ùn saranu micca immersi, ma facenu a
to vulintà finu à a fine. per chì tù, Signore, dissi a parolla è
tutte e cose sò ghjunte in esse, è a to parolla, Signore, hè a vita
di tutte e to criature, à tè fughju per rifughju, Signore, u mo
Diu, da quì in avanti, à tè, mi gridaraghju, Signore. , è à tè ti
cunfessu i mo peccati, à tè versaraghju a mo petizione, o
Maestru, è à tè vi revelà i mo iniquità. Risparmi, Signore,
risparmia, perchè aghju fattu assai peccati contr'à tè, aghju
fattu l'iniquità è l'impietà, aghju dettu cose chì ùn sò micca
dettu, è gattivi in i vostri occhi; a mo bocca, Signore, hè stata
contaminata da i sacrifici di l'idoli di l'Egiziani, è da a tavola
di i so dii: aghju peccatu, Signore, aghju peccatu in a to vista,
sia in a cunniscenza sia in l'ignuranza, aghju fattu l'impietà in
chì aghju veneratu idoli morti è sordi, è ùn sò micca degnu
d'apre a bocca à tè, Signore, eiu a miserable Asenath figliola
di Pentefre u prete, a vergine è a regina, chì una volta era
orgogliu è superbu è quellu chì prusperu in a ricchezza di u mo
babbu sopra à tutti l'omi, ma avà un orfanu è desolatu è
abbandunatu di tutti l'omi. À tè fughju, o Signore, è à tè offre
a mo petizione, è à tè pienghjeraghju. Liberami da quelli chì
mi perseguite. Maestru, prima di esse pigliatu da elli; perchè,
cum'è un zitellu in paura di qualcunu fughje versu u so babbu
è a mamma, è u so babbu stende e so mani è u chjappà contru
à u so pettu. Signore, stende e to mani senza impurità è terribili
nantu à mè cum'è un babbu amante di i zitelli, è pigliami da a
manu di u nemicu supersensual. Per eccu! u leone anticu è
salvaticu è crudele mi persegue, perchè ellu hè babbu di i dii
di l'Egiziani, è i dii di l'idolu-maniaci sò i so figlioli, è sò
venutu à odià elli, è l'aghju scappatu, perchè sò i figlioli di un
leone, è aghju cacciatu tutti i dii di l'Egiziani da mè è li fece, è
u leone, o u so babbu, u diavulu, in furia contru à mè, cerca di
inghiottirmi. Ma tu, Signore, liberami da e so mani, è saraghju
salvatu da a so bocca, per ch'ellu ùn mi strappa in pezzi è mi
scaccià in a fiamma di u focu, è u focu mi getta in tempesta, è
a tempesta mi prevala in a bughjura. è mi ghjittassi in a
prufundità di u mare, è a gran bestia chì hè da l'eternu
m'inghiù, è periraghju per sempre. Liberami, Signore, prima
chì tutte queste cose mi venenu ; Liberami, o Maestru, i
desolati è senza difesa, perchè u mo babbu è a mo mamma
m'anu rinnegatu è dissenu: "Asenath ùn hè micca a nostra
figliola", perchè aghju rottu i so dii in pezzi è li sguassate,
cum'è l'odiavanu sanu. È avà sò orfanu è desolatu, è ùn aghju
micca altra speranza, salvu tè. Signore, nè un altru rifugiu
salvu a to misericordia, o amicu di l'omi, perchè tù sì solu
babbu di l'orfani è campione di i perseguitati è aiutu di l'afflitti.
Abbi pietà di mè Signore, è mantene mi puro è vergine,
l'abbandunatu è l'orfanu, perchè tù solu Signore sì un babbu
dolce è bonu è gentile. Perchè chì babbu hè dolce è bonu cum'è
tè, Signore ? Per eccu! tutte e case di u mo babbu Pentefre
ch'ellu m'hà datu in eredità sò per un tempu è sparisce ; ma e
case di a to eredità, Signore, sò incorruptible è eternu ".
A preghiera di Asenath (continua)
13. "Visita, Signore, a mo umiliazione è abbi pietà di a mo
orfanità è pietà di mè, l'afflitti. Perchè eccu ! Eiu, Maestru,
fughjitu da tutti è cercatu refuggiu cun tè l'unicu amicu di
l'omi. Eccu! Aghju lasciatu tuttu u bonu. e cose di a terra è
cercatu rifuggiu cun tè. Signore, in sacchi è cendri, nudu è
sulitariu, eccu, avà aghju toltu u mo vestitu reale di linu finu è
di robba crimson intrecciata d'oru è aghju misu una tunica nera
di luttu. Eccu, aghju sguassatu u mo cinturinu d'oru è l'aghju
cacciatu da mè è mi cinghje di corda è di sacchi. Eccu, u mo
diadema è a mo mitra, aghju cacciatu da u mio capu è mi sò
spruzzatu cù ceneri. era pavimentatu cù petre multicolori è
purpure, chì prima era umidificata cù unguenti è si seccava cù
panni di linu brillanti, hè avà inzuppatu di e mo lacrime è hè
statu disonoratu chì hè spargugliatu di cendri. è e mo lacrime
s'hè formata assai argilla in a mo camera cum'è nantu à una
strada larga, eccu, mi Signore, u mo cena regale è e carni chì
aghju datu à i cani. Eccu ! Aghju ancu, o Maestru, digiunatu
sette ghjorni è sette notti, è ùn aghju micca manghjatu pane nè
beie acqua, è a mo bocca hè asciutta cum'è una rota, a mo
lingua cum'è un cornu è e mio labbre cum'è un tettu, è u mo
visu s'hè ristrettu, è i mo ochji. ùn anu fallutu di versà lacrime.
Ma tu, Signore, u mo Diu, liberami da e mo tante ignuranza, è
perdonami per quessa, essendu vergine è scunnisciutu, sò
andatu per via. Eccu ! avà tutti i dii ch'e aghju veneratu prima
in ignuranza, aghju cunnisciutu avà ch'elli eranu idoli sordi è
morti, è li rumpiu in pezzi è li detti per esse calpestati da tutti
l'omi, è i ladri li spolianu, chì eranu oru è argentu. , è cun tè
aghju cercatu rifughju, Signore Diu, l'unicu cumpassione è
amicu di l'omi. Perdonami, Signore, perchè aghju fattu assai
peccati contru à tè in ignuranza è aghju dettu parolle blasfeme
contr'à u mo signore Ghjiseppu, è ùn sapia micca, u miserable,
ch'ellu hè u to figliolu. Signore, postu chì i gattivi invidiati
m'hà dettu: "Giuseppe hè u figliolu di un pastore di u paese di
Canaan", è eiu, u miserable, li aghju cridutu è mi sò sviatu, è
l'aghju disprezzatu è aghju dettu cose male. circa ellu, senza
sapè ch'ellu hè u to figliolu. Perchè quale trà l'omi hà generatu
o mai generà una tale bellezza? o quale altru hè cum'è ellu,
sàviu è putente cum'è u bellu Ghjiseppu ? Ma à tè, Signore,
l'aghju impegnatu, perchè per mè l'amu più chè l'anima.
Mantenelu sicuru in a saviezza di a to gràzia, è affidami à ellu
per una serva è una serva, per ch'e possu lavà i so pedi è fà u
so lettu è serve à ellu è serve, è aghju da esse una schiava per
ellu. volte di a mo vita ".
L'Arcangelo Michele visita Asenath.
14. È, quandu Asenath avia cessatu di fà cunfessioni à u
Signore, eccu ! a stella di a matina hè ancu suscitata da u celu
in u livante; è Asenath l'hà vistu è si rallegra è disse: "U
Signore Diu hà allora intesu a mo preghiera? perchè sta stella
hè un messageru è un annunziale di l'altitudine di u gran
ghjornu". È eccu ! dura da a stella di a matina, u celu era
strappatu è una luce grande è ineffable apparsu. È quand'ella
vide, Asenath cascò nantu à a so faccia nantu à e cenere, è
subitu ghjunse à ella un omu da u celu, mandendu raghji di
luce, è si firmò sopra à a so testa. È, mentre ch'ella si mette
nantu à a so faccia, l'ànghjulu divinu li disse: "Asenath,
arrizzà". È ella disse: "Quale hè quellu chì m'hà chjamatu per
chì a porta di a mo camera hè chjusa è a torre hè alta, è cumu
hè ghjuntu in a mo stanza?" È a chjamò una seconda volta,
dicendu: "Asenath, Asenath". È ella disse : "Eccu, o Signore,
dimmi quale site". È disse: "Sò u capu capu di u Signore Diu
è u cumandante di tutta l'armata di l'Altìssimu: arrizzà è stà
nantu à i to pedi, per pudè parlà à tè e mo parolle". È ella alzò
a faccia è vide, è eccu ! un omu in tutte e cose cum'è
Ghjiseppu, in robba è ghirlanda è bastone reale, salvu chì u so
visu era cum'è lampu, è i so ochji cum'è a luce di u sole, è i
capelli di a so testa cum'è a fiamma di u focu di una torcia
ardente. , è e so mani è i so pedi cum'è u ferru chì brillava da
u focu, perchè cum'è scintille chì passavanu da e so mani è da
i so pedi. Videndu queste cose, Asenath hà temutu è cascò in
faccia, senza pudè mancu stà nantu à i so pedi, perchè ella hà
avutu assai paura è tutti i so membri tremavanu. È l'omu li
disse : "Assiate, Asenath, è ùn teme micca; ma alzati è stà
nantu à i to pedi, chì ti possu dì e mo parolle". Allora Asenath
s'arrizzò è si pusò nantu à i so pedi, è l'ànghjulu li disse: "Vai
senza impedimentu in a to seconda camera è sguassate a tunica
nera induve site vestitu, è caccià u saccu da i to lombi, è
scuzzulate e cenere. da a to testa, è lavate a to faccia è e to
mani cù acqua pura è mette un vestitu biancu senza toccu è
cinghje i vostri lombi cù a cintura luminosa di a virginità, a
doppia, è torna à mè, è vi dicu e parolle. chì vi sò mandati da
u Signore ". Alors Asenath se précipita et entra dans sa
seconde chambre, où se trouvaient les coffres de ses
vêtements, et ouvrit son coffre, prit une robe blanche, fine et
intacte, et l'enfila, s'enfilant d'abord la robe noire, s'ouvrant
aussi la corde. u saccu da i so lombi è si cinghjia in una cintina
luminosa, doppia di a so virginità, una cintura à i lombi è una
cintura à u pettu. È scuzzulò ancu i cinders da u so capu è si
lavò e mani è a faccia cù acqua pura, è pigliò un mantellu più
bellu è bellu è vela u so capu.
Michael dice à Asenath chì ella serà a moglia di Ghjiseppu.
15. È dopu ghjunse à u capu divinu, è si stese davanti à ellu, è
l'anghjulu di u Signore li disse : « Pigliate avà u mantellu da u
to capu, perchè tù sì oghje una vergine pura, è u to capu hè
cum'è di un ghjovanu". È Asenath li pigliò da u so capu. È
dinò, l'ànghjulu divinu li disse: "Siate di coraggio, Asenath, a
vergine è pura, perchè eccu! u Signore Diu hà intesu tutte e
parolle di a vostra cunfessione è a vostra preghiera, è hà vistu
ancu l'umiliazione è l'afflizione di i sette ghjorni di a to
astinenza, perchè da e to lacrime assai argilla hè stata formata
davanti à a to faccia nantu à queste cinders. Per quessa, siate
di coraggio, Asenath, a vergine è pura, perchè eccu u vostru
nome hè statu scrittu in u libru di a vita è ùn serà micca
sguassatu per sempre; ma da questu ghjornu sarete rinnuvatu
è rimodellatu è risuscitatu, è manghjarete u pane benedettu di
a vita è beie una tazza piena d'immortalità è sarete untu cù
l'unzione benedetta di l'incorrupzione. di bona cura, Asenath,
a vergine è pura, eccu, u Signore Diu t'hà datu oghje à
Ghjiseppu per una sposa, è ellu stessu serà u to sposu per
sempre. È ùn sarete più chjamatu Asenath, ma u to nome serà
chjamatu. siate a cità di rifughju, perchè in tè parechje nazioni
cercheranu rifuggiu è si allughjaranu sottu à e vostre ali, è
parechje nazioni truveranu rifuggiu per i vostri mezi, è nantu
à i to mura quelli chì s'uniscenu à Diu Altìssimu per a
penitenza saranu sicuri; perchè quella Penitenza hè a figliola
di l'Altissimo, è ella stessa implora à Diu Altìssimu per tè ogni
ora è per tutti quelli chì si pentinu, postu ch'ellu hè u babbu di
a Penitenza, è ella stessa hè a cumpleta è a sorveglianza di tutte
e vergini, chì ti amanu assai è preghendu l'Altìsimu per voi
ogni ora, è per tutti quelli chì si pentinu, ella furnisce un locu
di riposu in i celi, è rinnuvà à tutti quelli chì si sò pentiti. È a
Penitenza hè assai bella, una vergine pura è gentile è dolce; è
per quessa, Diu l'Altissimo l'ama, è tutti l'anghjuli a veneranu,
è l'aghju assai assai, perchè ella stessu hè a mo surella, è cum'è
ella ti ama, vergini, ti amu ancu. È eccu ! per a mo parte,
andaraghju à Ghjiseppu è li dicu tutte queste parolle chì
cuncernate à tè, è ellu vene à tè oghje è vi vede è si rallegra
per tè è ti amu è serà u to sposu, è sarete a so sposa amata per
sempre. Per quessa, ascoltami, Asenath, è mettite un vestitu di
nozze, l'antica è a prima tunica chì hè stata custituita in a vostra
camara da l'antichità, è mette tutta a vostra scelta adornendu
ancu intornu à tè, è adornatevi cum'è una bona sposa è fatevi.
prontu à scuntrà lu; per eccu! ellu stessu vene à tè oghje è vi
vede è si rallegra. " È quandu l'ànghjulu di u Signore in forma
d'omu ebbe finitu di parlà queste parolle à Asenath, ella si
rallegra cun grande gioia per tutte e cose chì eranu dite da ellu.
, è cascò nantu à a so faccia nantu à a terra, è s'inchinava
davanti à i so pedi è li disse: "Benedettu hè u Signore, u to Diu,
chì t'hà mandatu per liberàmi da a bughjura è per purtarimi da
i fundamenti di l'abissu stessu in l'abissu. luce, è benedettu u
to nome per sempre. S'ellu aghju trovu grazia, u mo signore,
in i vostri occhi, è sapemu chì avete da fà tutte e parolle chì
m'hà dettu per esse realizatu, chì a to serva ti parli. " È
l'ànghjulu li disse : " Dì. "E ella disse: "Ti pregu, Signore,
pusate un pocu tempu nantu à stu lettu, perchè stu lettu hè puru
è senza impurità, perchè un altru omu o altra donna ùn hà mai
pusatu nantu à ellu, è vi metteraghju davanti à tè. una tavola è
pane, è manghjarete, è vi purteraghju ancu u vinu vechju è
bonu, l'odore di u quale ghjunghjerà à u celu, è vi ne beie, è da
quì vi partirai in a to strada. » È li disse : « Affrettate è portate
prestu ".
Asenath trova un favo in u so magazzinu.
16. È Asenath si precipitò è li pusò una tavola viota davanti à
ellu ; è, cum'ella principiava à piglià u pane, l'anghjulu divinu
li disse : "Portami ancu un favo". È stava ferma è era perplessa
è afflitta per ch'ella ùn avia micca un pettine d'api in u so
magazzinu. È l'anghjulu divinu li disse: "Perchè stai fermu?"
È ella disse: "U mo signore, manderaghju un zitellu in u
suburbiu, perchè u pussessu di a nostra eredità hè vicinu, è ellu
vinarà è purterà unu prestu da quì, è l'aghju da mette davanti à
tè". L'ànghjulu divinu li disse: "Entra in u to magazzinu è
truverete un pettine d'ape chjinatu nantu à a tavula; pigliate è
portate quì". È ella disse: "Signore, ùn ci hè micca pettine d'api
in u mo magazzinu". È ellu disse: "Vai è truverete". È Asenath
intrì in u so magazzinu è truvò un favo chjinatu nantu à a
tavula; è u pente era grande è biancu cum'è neve è pienu di
meli, è quellu meli era cum'è a rugiada di u celu, è u so odore
cum'è l'odore di vita. Allora Asenath si maravigliò è disse in
sè stessu: "Stu pettine hè da a bocca di questu omu stessu?" È
Asenath pigliò quellu pettine, u purtò è u pusò nantu à a tavula,
è l'ànghjulu li disse: "Perchè avete dettu: "Ùn ci hè micca un
favu in a mo casa", è eccu, m'avete purtatu? " È ella disse:
"Signore, ùn aghju mai messu un favo in a mo casa, ma cum'è
tù l'hai dettu, hè statu fattu. Hè ghjuntu questu da a to bocca?
perchè l'odore di questu hè cum'è l'odore di unguentu ". È
l'omu surrisu à l'intelligenza di a donna. Allora a chjama à sè
stessu, è, quandu ella ghjunse, stese a manu diritta è pigliò a
so testa, è, quand'ellu li strinse a testa cù a manu diritta,
Asenath teme assai a manu di l'ànghjulu, perchè e scintille
partianu da a manu diritta. e so mani cum'è a manera di ferru
rossu, è per quessa ella era tuttu u tempu fighjendu cù assai
timore è tremantu à a manu di l'anghjulu. È surrisu è disse:
"Benedettu sì, Asenath, perchè i misteri ineffabili di Diu ti sò
stati rivelati; è beati tutti quelli chì si attaccanu à u Signore Diu
in a penitenza, perchè anu da manghjà di stu pettine, perchè
questu pettine. hè u spiritu di a vita, è questu l'abi di u paradisu
di piacè anu fattu da a rugiada di e rosi di a vita chì sò in u
paradisu di Diu è ogni fiore, è di manghja l'anghjuli è tutti
l'eletti di Diu è tutti. i figlioli di l'Altìssimu, è quellu chì ne
manghjarà ùn morerà per sempre ". Allora l'ànghjulu divinu
stende a manu diritta è pigliò un pezzu di u pettine è manghja,
è cù a so propria manu pusò ciò chì era rimasu in bocca à
Asenath è li disse: "Manghja", è ella manghja. È l'anghjulu li
disse: "Eccu, avà avete manghjatu u pane di a vita è avete
bevutu a tazza di l'immortalità è hè statu untu cù l'unzione di
l'incorrupzione; eccu, oghje a to carne pruduce fiori di vita da
a funtana di u più. Alti, è i to ossi saranu grassi cum'è i cedri
di u paradisu di piacè di Diu è i puteri infaticabili ti mantenenu;
per quessa, a to ghjuventù ùn vede micca a vechja, nè a to
bellezza manca per sempre, ma sarete cum'è un muratu. cità-
mamma di tutti". È l'anghjulu incitava u pettine, è parechje api
nascenu da e cellule di quellu pettine, è e cellule eranu
innumerevoli, decine di millaie di decine di millaie è millaie
di millaie. È l'api eranu ancu bianchi cum'è a neve, è e so ali
cum'è robba purpurina è crimson è cum'è scarlatina; è anu
avutu ancu puntu di punta è ùn ferite micca omu. Alors toutes
ces abeilles encerclèrent Asenath des pieds à la tête, et d'autres
grandes abeilles comme leurs reines s'élevaient des cellules, et
elles tournèrent sur son visage et sur ses lèvres, et lui firent un
peigne sur sa bouche et sur ses lèvres comme le peigne qui
mette davanti à l'ànghjulu; è tutte quelle api manghjanu da u
pettine chì era nantu à a bocca di Asenath. È l'anghjulu disse à
l'api: "Andate avà à u vostru locu". Allora tutte l'api s'arrizzò
è volavanu è si n'andò in u celu; ma tutti quelli chì vulianu
ferisce à Asenath tutti cascò nantu à a terra è murìu. È allora
l'ànghjulu stese u so bastone nantu à l'api morte è li disse :
"Alzate è partete ancu voi in u vostru locu". Allora tutte l'ape
morte si suscitanu è si n'andò in u tribunale contigu à a casa
d'Asenath è si stallanu nantu à l'arburi fruttifichi.
Michael parte.
17. È l'ànghjulu disse à Asenath: "Ai vistu sta cosa?" È ella
disse: "Iè, u mo signore, aghju vistu tutte queste cose".
L'ànghjulu divinu li disse: "Cusì seranu tutte e mo parolle è
linu fini intrecciati cù l'oru, è una corona d'oru era nantu à a
testa di ognunu di elli; assai cum'è t'aghju parlatu oghje".
Allora l'ànghjulu di u Signore, per a terza volta, stese a manu
diritta è toccò u latu di u pettine, è subitu u focu ghjunse da a
tavula è divorò u pettine, ma u tavulinu ùn hà feritu micca un
pezzu. È, quandu assai fragranza era ghjunta da u brusgiatu di
u pettine è empiia a stanza, Asenath disse à l'ànghjulu divinu:
"Signore, aghju sette vergini chì sò stati criati cun mè da a mo
ghjuventù è sò nati una notte cun mè. , chì m'aspittava, è li
amu tutti cum'è e mo surelle. Li chjamaraghju è li benedicate
ancu, cum'è mi benedicate ". È l'ànghjulu li disse:
"Chjamateli". Allora Asenath chjamò e sette vergini è li pusò
davanti à l'anghjulu, è l'anghjulu li disse: "U Signore Diu,
l'Altissimo, vi benedicarà, è sarete pilastri di rifughju di sette
cità, è tutti l'eletti di quella cità chì abitanu. inseme vi riposerà
per sempre". È dopu à queste cose, l'anghjulu divinu disse à
Asenath: "Piglia sta tavola". È, quandu Asenath si vultò per
caccià a tavola, subitu s'alluntanò da i so ochji, è Asenath vide
cum'è un carru cù quattru cavalli chì andavanu à u livante
versu u celu, è u carru era cum'è una fiamma di focu, è i cavalli
cum'è un lampu. , è l'ànghjulu stava sopra à quellu carru.
Allora Asenath disse: "Stu stupidu è stupidu sò, l'umile, perchè

More Related Content

More from Filipino Tracts and Literature Society Inc.

More from Filipino Tracts and Literature Society Inc. (20)

Chinese Simplified - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Chinese Simplified - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdfChinese Simplified - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Chinese Simplified - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
 
Chinese Literary - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Chinese Literary - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdfChinese Literary - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Chinese Literary - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
 
Chichewa - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Chichewa - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdfChichewa - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Chichewa - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
 
Chhattisgarhi - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Chhattisgarhi - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdfChhattisgarhi - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
Chhattisgarhi - Honor Your Parents Your Father and Mother.pdf
 
HUNGARIAN - The Book of Prophet Nahum.pdf
HUNGARIAN - The Book of Prophet Nahum.pdfHUNGARIAN - The Book of Prophet Nahum.pdf
HUNGARIAN - The Book of Prophet Nahum.pdf
 
HMONG DAW - The Book of Prophet Nahum.pdf
HMONG DAW - The Book of Prophet Nahum.pdfHMONG DAW - The Book of Prophet Nahum.pdf
HMONG DAW - The Book of Prophet Nahum.pdf
 
HINDI - The Book of the Prophet Nahum.pdf
HINDI - The Book of the Prophet Nahum.pdfHINDI - The Book of the Prophet Nahum.pdf
HINDI - The Book of the Prophet Nahum.pdf
 
HEBREW - The Book of the Prophet Nahum.pdf
HEBREW  - The Book of the Prophet Nahum.pdfHEBREW  - The Book of the Prophet Nahum.pdf
HEBREW - The Book of the Prophet Nahum.pdf
 
HAWAIIAN - The Book of Prophet Nahum.pdf
HAWAIIAN  - The Book of Prophet Nahum.pdfHAWAIIAN  - The Book of Prophet Nahum.pdf
HAWAIIAN - The Book of Prophet Nahum.pdf
 
HAUSA - The Book of the Prophet Nahum.pdf
HAUSA - The Book of the Prophet Nahum.pdfHAUSA - The Book of the Prophet Nahum.pdf
HAUSA - The Book of the Prophet Nahum.pdf
 
Haitian Creole - The Book of Prophet Nahum.pdf
Haitian Creole - The Book of Prophet Nahum.pdfHaitian Creole - The Book of Prophet Nahum.pdf
Haitian Creole - The Book of Prophet Nahum.pdf
 
GUJARATI - The Book of Prophet Nahum.pdf
GUJARATI - The Book of Prophet Nahum.pdfGUJARATI - The Book of Prophet Nahum.pdf
GUJARATI - The Book of Prophet Nahum.pdf
 
GUARANI - The Book of the Prophet Nahum.pdf
GUARANI - The Book of the Prophet Nahum.pdfGUARANI - The Book of the Prophet Nahum.pdf
GUARANI - The Book of the Prophet Nahum.pdf
 
GREEK - The Book of the Prophet Nahum.pdf
GREEK - The Book of the Prophet Nahum.pdfGREEK - The Book of the Prophet Nahum.pdf
GREEK - The Book of the Prophet Nahum.pdf
 
GERMAN - The Book of the Prophet Nahum.pdf
GERMAN - The Book of the Prophet Nahum.pdfGERMAN - The Book of the Prophet Nahum.pdf
GERMAN - The Book of the Prophet Nahum.pdf
 
GEORGIAN - The Book of Prophet Nahum.pdf
GEORGIAN - The Book of Prophet Nahum.pdfGEORGIAN - The Book of Prophet Nahum.pdf
GEORGIAN - The Book of Prophet Nahum.pdf
 
GALICIAN - The Book of Prophet Nahum.pdf
GALICIAN - The Book of Prophet Nahum.pdfGALICIAN - The Book of Prophet Nahum.pdf
GALICIAN - The Book of Prophet Nahum.pdf
 
FRENCH - The Book of the Prophet Nahum.pdf
FRENCH - The Book of the Prophet Nahum.pdfFRENCH - The Book of the Prophet Nahum.pdf
FRENCH - The Book of the Prophet Nahum.pdf
 
FINNISH - The Book of the Prophet Nahum.pdf
FINNISH - The Book of the Prophet Nahum.pdfFINNISH - The Book of the Prophet Nahum.pdf
FINNISH - The Book of the Prophet Nahum.pdf
 
FIJIAN - The Book of the Prophet Nahum.pdf
FIJIAN - The Book of the Prophet Nahum.pdfFIJIAN - The Book of the Prophet Nahum.pdf
FIJIAN - The Book of the Prophet Nahum.pdf
 

Corsican - Joseph and Asenath by E.W. Brooks.pdf

  • 1. GIUSEPPE È ASENATH Asenath hè cercatu in u matrimoniu da u figliolu di u rè è assai altri. 1. In u primu annu di abbundanza, in u secondu mese, u quintu di u mese, Faraone mandò à Ghjiseppu per girà tuttu u paese d'Egittu; è in u quartu mese di u primu annu, u diciottu di u mese, Ghjiseppu ghjunse à i cunfini di Heliopolis, è stava cullà u granu di quellu paese cum'è a rena di u mare. È ci era in quella cità un omu chjamatu Pentephres, chì era un prete di Heliopolis è un satrapu di Faraone, è capu di tutti i satrapi è i prìncipi di Faraone; è questu omu era assai riccu è assai saviu è gentile, è era ancu un cunsigliu di Faraone, perchè era prudente più di tutti i prìncipi di Faraone. È avia una figliola vergine, chjamata Asenath, di diciottu anni, alta è bella, è bella per vede assai più di ogni vergine nantu à a terra. Ora Asenath stessa ùn pareva nisuna somiglianza cù e vergini, e figliole di l'Egiziani, ma era in tutte e cose cum'è e figliole di l'Ebrei, era alta cum'è Sara è bella cum'è Rebecca è bella cum'è Rachele ; è a fama di a so bellezza si sparse in tuttu quellu paese è à l'estremità di u mondu, cusì chì per quessa tutti i figlioli di i prìncipi è i satrapi vulianu corteghjala, è ancu i figlioli di i rè. tutti i ghjovani è putenti, è ci era una grande lotta trà elli à causa d'ella, è pruvate à luttà l'un contru à l'altru. È u primu figliolu di Faraone hà ancu intesu parlà d'ella, è cuntinuò à supplicà u so babbu di dà a so moglia, è li disse : Dammi, babbu, Asenath, a figliola di Pentefre, u primu omu di Heliopolis per a moglia. È u so babbu Faraone li disse: "Perchè tù, da a to parte, cercate una moglia più menu di tè stessu, quandu site rè di tuttu stu paese? Innò, ma eccu! a figliola di Joacim, u rè di Moab, hè fidanzata cù tè, è ella stessu hè una regina è bella per vede. Pigliate dunque questu per voi à a moglia ". A torre in quale vive Asenath hè descritta. 2. Mais Asenath ne s'opposait à rien et méprisait tous les hommes, étant vanté et orgueilleux, et personne ne l'avait jamais vue, puisque Pentephrès avait dans sa maison une tour adjacente, grande et très haute, et au-dessus de la tour il y avait un loft qui contenait dix. camere. È a prima camera era grande è assai bella è pavimentata cù petre purpure, è i so mura eranu affruntate cù petre preziose è assai culurite, è u tettu di quella stanza era ancu d'oru. È in quella stanza, i dii di l'Egiziani, chì ùn era micca numeru, l'oru è l'argentu, eranu fissati, è tutti quelli chì Asenath adoravanu, è li teme, è li facia sacrifici ogni ghjornu. È a seconda camera cuntene ancu tutte l'ornamenti è i casci di Asenath, è ci era d'oru in questu, è assai vestiti d'argentu è d'oru tessutu illimitatu, è petre scelte è di grande prezzu, è vestiti di linu, è tutti l'ornamenti di a so virginità. era quì. È a terza camera era u magazzinu di Asenath, chì cuntene tutte e cose boni di a terra. È e sette stanze restanti occupavanu e sette vergini chì servavanu à Asenath, ognuna avendu una stanza, perchè eranu di a listessa età, nati in a stessa notte cù Asenath, è li amava assai; è eranu ancu assai belli cum'è l'astri di u celu, è ùn mai un omu cunversava cun elli o un zitellu masciu. Avà a gran camera d'Asenath induve a so virginità era favurita avia trè finestri; è a prima finestra era assai grande, fighjendu nantu à a corte à u livante ; è u sicondu fighjulava versu u sudu, è u terzu fighjava nantu à a strada. È un lettu d'oru stava in a camara chì guardava versu u livante; è u lettu era custituitu cù robba purpura intrecciata cù l'oru, u lettu era tissutu di robba scarlatina è cramson è linu finu. Nant'à stu lettu, Asenath sola dorme, è ùn hà mai avutu omu o altra donna à pusà quì. È ci era ancu un grande cortile contigu à a casa in tuttu u circondu, è un muru assai altu intornu à u tribunale custruitu di grandi petre rettangulari; è c'era ancu quattru porte in a corte rivestiti di ferru, è queste eranu tenute ognunu da diciottu ghjovani forti armati; è ci sò stati ancu piantati longu à u muru arburi fieri di ogni tipu è tutti chì portanu frutti, i so frutti sò maturi, perchè era a stagione di a cugliera; è ci era ancu una ricca fonte d'acqua chì spuntava da a diritta di a stessa corte ; è sottu à a fontana c'era una grande cisterna chì riceve l'acqua di quella fontana, da induve ci passava, cum'è, un fiume à mezu à a corte è innaffiava tutti l'arburi di quella corte. Ghjiseppu annuncia a so venuta à Pentefre. 3. È avvene in u primu annu di i sette anni di abbundanza, in u quartu mese, u vinti ottu di u mese, chì Ghjiseppu ghjunse à e fruntiere di Heliopolis cugliendu u granu di quellu distrettu. È quandu Ghjiseppu s'avvicinò à quella cità, mandò dodici omi davanti à ellu à Pentefre, u prete di Heliopolis, dicendu: "Varaghju à tè oghje, perchè hè l'ora di meziornu è di u pranzu di meziornu, è ci hè. grande calore di u sole, è chì mi possu rinfriscà sottu à u tettu di a to casa ". È Pentefre, intesu queste cose, si rallegra cù una gioia assai grande, è disse: "Benedettu sia u Signore Diu di Ghjiseppu, perchè u mo signore Ghjiseppu m'hà ritenutu degnu". È Pentefre chjamò u sorvegliante di a so casa è li disse: "Apprite è preparate a mo casa, è preparanu una grande cena, perchè Ghjiseppu u putente di Diu vene oghje à noi". È quandu Asenath hà intesu chì u so babbu è a mamma sò venuti da u pussessu di a so eredità, si rallegra assai è disse: "Varaghju à vede u mo babbu è a mamma, perchè sò venuti da u pussessu di a nostra eredità" (per quessa hè era a stagione di a cugliera). È Asenath si precipitò in a so stanza, duv'ellu era i so vistimenti, è si misse un mantellu di linu finamente fattu di robba crimson è intrecciata d'oru, è si cinghje d'una cintura d'oru è di braccialetti attornu à e mani. è attornu à i so pedi mettia buskins d'oru, è attornu à u so collu ghjittava un ornamentu di grande prezzu è petre preziose, chì eranu abbelliti da tutti i lati, cù ancu i nomi di i dii di l'Egiziani in ogni locu incisu nantu à elli, sia nantu à i braccialetti. è e petre; è si mette ancu una tiara nantu à a so testa è ligà una diadema intornu à i so tempii è cupria a testa cun un mantellu. Pentephres prupone di dà Asenath à Ghjiseppu in u matrimoniu. 4. È tandu si precipitò, falò i scalini da u so loft, andò versu u so babbu è a mamma è li basgiò. È Pentephres è a so moglia si rallegravanu di a so figliola Asenath cù una gioia assai grande, perchè l'anu vistu adornata è abbellita cum'è a sposa di Diu; è purtonu tutte e cose boni chì avianu purtatu da u pussessu di a so eredità è li dete à a so figliola; è Asenath si rallegrava di tutte e cose boni, di u fruttu di l'estiu è di l'uva è di i datti è di i culombi, è di i mulberries è di i fichi, perchè
  • 2. tutti eranu belli è piacevuli à tastà. È Pentefre disse à a so figliola Asenath: "Fitellu". È ella disse : "Eccu, u mo signore". È li disse : "State à pusà trà noi, è vi dicu e mo parolle". "Eccu! Ghjiseppu, u putente di Diu, vene à noi oghje, è questu omu hè capu di tuttu u paese d'Egittu; è u rè Faraone l'hà numinatu capu di tuttu u nostru paese è rè, è ellu stessu dà granu à tuttu stu paese. , è u salva da a fame chì vene; è questu Ghjiseppu hè un omu chì venera à Diu, è discretu è vergine cum'è tù sì oghje, è un omu putente in saviezza è cunniscenza, è u spiritu di Diu hè nantu à ellu è a grazia di u Signore hè in ellu. Venite, figliolu caru, è ti daraghju à ellu à a moglia, è sarete per ellu una sposa, è ellu stessu serà u to sposu per sempre. È, quandu Asenath hà intesu queste parolle da u so babbu, una grande sudore hè stata versata nantu à a so faccia, è s'era arrabbiata cù una grande rabbia, è hà fighjulatu cù l'ochji à u so babbu è disse : "Per quessa, u mo signore babbu. , dici tu ste parolle? Vuliti dami cum'è un prigiuneru à un stranieru è fughjitu è quellu chì hè statu vindutu? Ùn hè questu u figliolu di u pastore di u paese di Canaan? È ellu stessu hè statu lasciatu da N'est- ce pas celui qui couchait avec sa maîtresse et son maître l'avait jeté dans la prison des ténèbres, et Faraon l'avait fait sortir de la prison, puisqu'il avait interprété son songe, comme l'interprétent aussi les femmes âgées de l'Égypte ? ma seraghju maritatu cù u primu figliolu di u rè, perchè ellu stessu hè rè di tuttu u paese. Quandu hà intesu queste cose, Pentefre si vergognava di parlà più à a so figliola Asenath di Ghjiseppu, perchè ella li rispose cun vanità è rabbia. Ghjiseppu arriva in casa di Pentefre. 5. È eccu ! un ghjovanu di i servitori di Pentefre s'avvicinò, è li disse : "Eccu ! Ghjiseppu hè davanti à e porte di a nostra corte". È quandu Asenath hà intesu queste parolle, fughje da a faccia di u so babbu è di a so mamma è si n'andò in u loft, è intrì in a so stanza è si firmò à a grande finestra chì guardava à est per vede Ghjiseppu chì entrava in a casa di u babbu. È Pentefre esce, è a so moglia, è tutti i so parenti è i so servitori à scuntrà Ghjiseppu; È, quandu e porte di u tribunale chì fighjavanu à u livante s'apre, Ghjiseppu intrì à pusà in u sicondu carru di Faraone ; è ci sò stati juncati quattru cavalli bianchi cum'è neve cù pezzi d'oru, è u carru era fattu tuttu d'oru puru. È Ghjiseppu era vistutu d'una tunica bianca è rara, è a tunica chì era ghjittata intornu à ellu era purpurina, fatta di linu finamente intrecciatu d'oru, è una corona d'oru era nantu à u so capu, è intornu à a so corona c'era dodici petre scelte, è sopra. i petri dodici raghji d'oru, è in a so manu diritta un bastone reale, chì avia un ramu d'alivu stesu, è ci era abbundanza di fruttu nantu à questu. Quandu, dunque, Ghjiseppu era ghjuntu in u tribunale è e so porte sò state chjuse, è ogni omu è donna straneru restava fora di u tribunale, perchè chì i guardiani di e porte s'avvicinavanu è chjusu e porte, Pentefre ghjunse è a so moglia è tutti. i so parenti, fora di a so figliola Asenath, è si prontu à Ghjiseppu nantu à a so faccia nantu à a terra; è Ghjiseppu falò da u so carru è li salutò cù a so manu. Asenath vede Ghjiseppu da a finestra. 6. È quandu Asenath hà vistu à Ghjiseppu, era malatu in l'ànima è u so core era sfracciatu, è i so ghjinochje si sò sciolti, è tuttu u so corpu tremava, è hà temutu cù una grande paura, è tandu si geme è disse in u so core : "Ahimè mè. disgraziatu!, induve andaraghju avà, u disgraziatu, o induve mi piatterò da a so faccia, o cumu mi vede Ghjiseppu, u figliolu di Diu, chì da a mo parte aghju parlatu male di ellu ? miserable! induve andaraghju è esse piattu, perchè ellu stessu vede ogni piattu, è cunnosci tutte e cose, è nisuna cosa piatta ùn li scappa per via di a grande luce chì hè in ellu? È avà chì u Diu di Ghjiseppu sia grazia. à mè perchè in ignuranza aghju dettu parolle gattivi contr'à ellu. Chì seguiteraghju avà, u disgraziatu? Ùn aghju micca dettu: Ghjiseppu, u figliolu di u pastore, vene da u paese di Canaan? Avà dunque hè ghjuntu à noi. in u so carru cum'è u sole da u celu, è intrutu in a nostra casa oghje, è splende in ellu cum'è luce nantu à a terra. Ma sò stupidu è audace, perchè l'aghju disprezzatu è aghju parlatu mali parolle nantu à ellu è ùn sapia micca chì Ghjiseppu hè un figliolu di Diu. Perchè quale trà l'omi hà da nascerà una tale bellezza, o quale utru di donna darà nascita à una tale luce? Sò disgraziatu è stupidu, perchè aghju dettu parolle male à u mo babbu. Avà, dunque, chì u mo babbu mi dessi à Ghjiseppu per una serva è piuttostu una serva, è saraghju in schiavitù à ellu per sempre. Ghjiseppu vede Asenath à a finestra. 7. Ghjiseppu intrì in casa di Pentefre è si pusò nantu à una sedia. È li lavavanu i pedi, è pusonu una tavula davanti à ellu separatamente, perchè Ghjiseppu ùn hà micca manghjatu cù l'Egiziani, postu chì questu era un abominazione per ellu. È Ghjiseppu alzò a vista è vide à Asenath chì sbuchjava fora, è disse à Pentefre : « Quale hè quella donna chì si trova in u loft à a finestra ? Lasciala andà da sta casa ». Perchè Ghjiseppu temeva, dicendu : « Per ch’ella stessa ùn mi fastidiu ancu ». Perchè tutte e mòglie è e figliole di i prìncipi è i satrapi di tuttu u paese di l'Egittu l'anu ingaghjatu per ch'elli ponu chjappà cun ellu; ma ancu parechje mòglie è figliole di l'Egiziani, quante chì vedevanu Ghjiseppu, eranu angustiate per a so bellezza; è l'inviati chì e donne anu mandatu à ellu cù l'oru è l'argentu è i rigali preziosi Ghjiseppu hà mandatu torna cù minaccia è insulte, dicendu: "Ùn peccaraghju micca in vista di u Signore Diu è in a faccia di u mo babbu Israele". Perchè Ghjiseppu avia sempre Diu davanti à i so ochji è sempre ricurdò di l'injunzioni di u so babbu; perchè Ghjacobbu parlava spessu è ammonava à u so figliolu Ghjiseppu è à tutti i so figlioli : « Tenetevi, figlioli, sicuru d'una donna straniera, per ùn avè micca fraternità cun ella, perchè a fraternità cun ella hè a ruina è a distruzzione ». Allora Ghjiseppu disse: "Lasciate chì quella donna parte da sta casa". È Pentefre li disse: "Signore, quella donna chì avete vistu stà in u loft ùn hè micca straniera, ma hè a nostra figliola, chì odia ogni omu, è nimu l'hà mai vistu, salvu tè solu oghje; , s'è vo vulete, o signore, ella vene à parlà à tè, perchè chì a nostra figliola hè cum'è a to surella ". È Ghjiseppu si rallegra cù una gioia assai grande, perchè quellu Pentefre disse: "Hè una vergine chì odia ogni omu". È Ghjiseppu disse à Pentefre è à a so moglia: "S'ellu hè a to figliola è hè vergine, ch'ella vene, perchè hè a mo surella, è l'aghju da oghje cum'è a mo surella".
  • 3. Ghjiseppu benedica Asenath. 8. Allora a so mamma si n'andò in u loft è purtò Asnat à Ghjiseppu, è Pentefre li disse : Basgià u to fratellu, perchè ancu ellu hè vergine cum'è tè oghje, è odia ogni donna straniera cum'è tù odi ogni omu straneru. ." È Asenath disse à Ghjiseppu: "Salve, Signore, benedettu da Diu Altìssimu". È Ghjiseppu li disse: "Diu chì dà vita à tutte e cose, ti benedica, ragazza." Pentefre disse allora à a so figliola Asenath: "Venite à basgià u to fratellu." Quandu Asenath si avvicinò à basgià Ghjiseppu, Ghjiseppu stese u dirittu. a manu, è a pusò nantu à u so pettu trà i so dui petti (perchè i so pappi eranu digià stendu cum'è pomi belli), è Ghjiseppu disse: "Ùn hè micca adattatu per un omu chì venerà à Diu, chì benedica cù a so bocca u Diu vivu. è manghja u pane benedettu di a vita, è beie a coppa benedetta di l'immortalità, è hè untu cù l'unzione benedetta di l'incorrupzione, per basgià una donna straniera, chì benedica cù a so bocca l'idoli morti è sordi è manghja da a so tavula u pane di strangulamentu. è beie da a so libazione a coppa di l'ingannimentu è hè untu cù l'unzione di distruzzione; ma l'omu chì venerà à Diu basgià a so mamma è a surella chì hè nata da a so mamma è a surella chì hè nata da a so tribù è a moglia chì sparte u so lettu, chì benedica cù a so bocca u Diu vivu. Inoltre, ùn hè micca adattatu per una donna chì venerà à Diu basgià un omu straneru, perchè questu hè una abominazione à i vista di u Signore Diu. " È quandu Asenath hà intesu queste parolle da Ghjiseppu, era assai afflitta è geme. ; è, mentre ch'ella fighjulava fermamente à Ghjiseppu, cù l'ochji aperti, eranu pieni di lacrime. È Ghjiseppu, vedendula pienghje, s'hè piattatu assai, perch'ellu era dolce è misericordioso è chì teme u Signore. alzò a manu diritta sopra a so testa è disse: "Signore Diu di u mo babbu Israele, u Diu Altìssimu è u putente, chì anima tutte e cose è chjama da a bughjura à a luce è da l'errore à a verità è da a morte à a vita. benedica tu ancu sta vergine, è vivificala, è rinnuvàla cù u to spiritu santu, è ch'ella manghja u pane di a to vita, è beie a tazza di a to benedizzione, è numerala cù u to pòpulu chì avete sceltu prima chì tutte e cose sò state fatte. è ch'ella entre in u to riposu ch'è tù preparassi per i to eletti, è ch'ella campa in a to vita eterna per sempre ". Asenath si ritira è Ghjiseppu si prepara à parte. 9. È Asenath si rallegrava di a benedizzione di Ghjiseppu cù una gioia assai grande. Allora si affrettò à cullà in a so mansarda sola, è cascò nantu à u so lettu in infirmità, perchè chì ci era in a so gioia è dulore è grande timore; è una sudore cuntinuu hè stata versata annantu à ella quand'ella sentia queste parolle da Ghjiseppu, è quandu ellu li parlava in u nome di Diu Altìssimu. Allora pienghje cù pienghje grande è amaru, è si spostò in penitenza da i so dii ch'ella era abituata à adurà, è da l'idoli, ch'ella disprezzava, è aspittò a sera. Ma Ghjiseppu manghja è beie ; è disse à i so servitori di ghjugu i cavalli à i so carri, è di girà in tuttu u paese. E Pentefre disse à Ghjiseppu: "Lasciate u mo signore allughjà quì oghje, è à a matina vi andà in u vostru modu". È Ghjiseppu disse: "Nè, ma andaraghju oghje, perchè questu hè u ghjornu chì Diu hà cuminciatu à fà tutte e so cose creatu, è l'ottu ghjornu aghju ancu vultà à voi è allughjà quì". Asenath rifiuta i dii egiziani è si abbassa. 10. È, quandu Ghjiseppu abbandunò a casa, ancu Pentefre è tutti i so parenti si n'andò in a so eredità, è Asenath hè stata sola cù e sette vergini, sdegnu è pienghjenu finu à u tramontu di u sole. è ùn manghjava nè pane nè beie acqua, ma mentre tutti dormevanu, ella sola era sveglia è pienghjendu è si batteva spessu u pettu cù a manu. Dopu à queste cose, Asenath s'arrizzò da u so lettu, andò in silenziu per i scalini da u loft, è, ghjuntu à a porta, truvò a portiera chì dorme cù i so figlioli; et elle se précipita et descendit de la porte le couvercle de cuir du rideau, le remplit de cendres, le transporta jusqu'au loft et le déposa par terre. È dopu chjusu a porta in modu sicuru è l'aghjustò cù u chjappu di ferru da u latu, è geme cun gran gegnu cù assai è assai grande piantu. Ma a vergine chì Asenath amava sopra à tutte e vergini, dopu avè intesu u so gemimentu, si precipitò à a porta, dopu avè svegliatu ancu e altre vergini, è a truvò chjusa. È, dopu avè intesu u lamentu è u piantu d'Asenath, li disse, standu fora : "Chì hè, a mo padrona, è perchè site tristu ? ci si vede". È Asenath li disse, essendu chjusu in l'internu: "Un dolore grande è dulore m'hà attaccatu à u mo capu, è mi riposu in u mo lettu, è ùn sò micca capaci di alzà è apre à voi, perchè sò infirmu nantu à tutte e mo membra. Andate dunque ognunu di voi in a so stanza è dorme, è lasciami stà tranquillu. È, quandu e vergini eranu partite, ognuna in a so stanza, Asenath si alzò è aprì a porta di a so stanza in silenziu, è si n'andò in a so seconda camera induve eranu i casci di u so adornu, è apre u so cofre è pigliò un neru è tunica cupa ch'ella si mette è piantò quandu u so fratellu primu natu hè mortu. Dopu avè pigliatu sta tunica, a purtò in a so stanza, è chjude torna a porta in modu sicuru, è mette u bulbu da u latu. Allora Asenath si tolse u so vestitu reale, si misi a tunica di luttu, svintò a so cintura d'oru, si cinghje cù una corda è si tolse a tiara, chì hè a mitra, da a so testa, è ancu u diadema, è e catene da e so mani è i so pedi eranu ancu tutti posti nantu à u pianu. Allora pigliò a so robba scelta è a cintura d'oru è a mitra è u so diadema, è li scacciò per a finestra chì guardava versu u nordu, à i poveri. Allora pigliò tutti i so dii chì eranu in a so stanza, i dii d'oru è d'argentu chì ùn ci era micca numarosi, è li spezzò in frammenti, è li jettò da a finestra à i poveri è à i mendicanti. È dinò, Asenath pigliò u so cena reale è i grassi, i pesci è a carne di giovenca, è tutti i sacrifizi di i so dii, è i vasi di u vinu di libazione, è i lanciavanu tutti per a finestra chì pareva à u nordu cum'è manghjà per i cani. . 2 Dopu à queste cose, pigliò u coperchiu di coghju chì contene i ceneri, è li versò nantu à u pianu ; è dopu pigliò un saccu è si cintò i lombi ; è hà sbulicatu ancu a reta di i capelli di a so testa è sprinkled cendra nantu à a so testa. È sparse ancu e cenere nantu à u pianu, è cascò nantu à e cenere è cuntinuò à batte u so pettu constantemente cù e so mani è pienghjenu tutta a notte cù gemi finu à a matina. È, quandu Asenath s'arrizzò in a matina è vide, è eccu! i cinders eranu sottu à ella cum'è argilla da e so lacrime, torna torna in faccia nantu à e cinders finu à chì u sole tramonta. Cusì, Asenath hà fattu per sette ghjorni, senza tastà nunda. Asenath decide di pricà à u Diu di l'Ebrei. 11. L'ottu ghjornu, quandu l'alba ghjunse l'alba, è chì l'acelli cinguettavanu dighjà è i cani abbaiavanu à i passanti, Asenath
  • 4. alzò un pocu a testa da u pianu è i ceneri nantu à quale era pusata, perchè era assai stancu. è avia persu u putere di i so membri da a so grande umiliazione; perchè Asenath s'era stancu è sbulicata, è a so forza sminuì, è allora si vultò versu u muru, pusendu sottu à a finestra chì guardava à u livante ; è a so testa si stende nantu à u so pettu, intrecciandu i diti di e so mani nantu à u ghjinochju drittu; è a so bocca era chjusa, è ùn l'hà micca apertu durante i sette ghjorni è durante e sette notti di a so umiliazione. È disse in u so core, senza apre a bocca: "Chì faraghju, eiu l'umile, o induve andà? un orfanu è desolatu è abbandunatu da tutti è odiatu? Tutti avà sò ghjunti à odià mè, è frà questi ancu u mo babbu è a mo mamma, per quessa ch'e aghju disprezzatu i dii cù disprezzu è li sguassate è li aghju datu à i poveri. esse distruttu da l'omi. Perchè u mo babbu è a mo mamma dicenu: "Asenath ùn hè micca a nostra figliola. "Ma tutti i mo parenti sò ancu venuti à odià mè, è tutti l'omi, perchè aghju datu i so dii à a distruzzione. È aghju odiatu. tutti l'omu è tutti quelli chì mi corteggiavanu, è avà in questa mo umiliazione sò stati odiati da tutti è si rallegranu per a mo tribulazione. Ma u Signore è Diu di u putente Ghjiseppu odia tutti quelli chì veneranu l'idoli, perchè hè un Diu ghjilosu. è terribili, cum'è l'aghju intesu, contr'à tutti quelli chì veneranu dii stranieri ; da chì ellu m'hà odiatu ancu, perchè aghju veneratu idoli morti è sordi è li benedetti. Ma avà aghju evitatu u so sacrifiziu, è a mo bocca s'hè alluntanata da a so tavola, è ùn aghju micca curagiu di invocà à u Signore Diu di u celu, l'Altissimo è putente di u putente Ghjiseppu, perchè a mo bocca hè contaminata da i sacrifici di l'idoli. Ma aghju intesu parechji dicendu chì u Diu di l'Ebrei hè un Diu veru, è un Diu vivu, è un Diu misericordioso è pietoso è longanu è pienu di misericordia è gentile, è quellu chì ùn cunta u peccatu di un omu chì hè umile, è soprattuttu di quellu chì pecca in ignuranza, è ùn cunvince micca di l'illegalità in u tempu di l'afflizzioni di un omu chì hè afflittu; per quessa, ancu io, l'umile, saraghju audace è vultaraghju à ellu è cercà refuggiu cun ellu è cunfessu tutti i mo peccati à ellu è versà a mo petizione davanti à ellu, è ellu avarà pietà di a mo miseria. Perchè quale sà s'ellu vede sta mo umiliazione è a desolazione di a mo ànima è mi pietà, è vede ancu l'orfanità di a mo miseria è a verginità è mi difende ? per quessa, cum'è aghju intesu, hè ellu stessu babbu di orfani è cunsulazione di l'afflitti è aiutu di i perseguitati. Ma in ogni casu, ancu io l'umile serà audace è pienghjeraghju à ellu. Alors Asenath se leva du mur où elle était assise, se leva sur ses genoux vers l'orient, tourna les yeux vers le ciel, ouvrit la bouche et dit à Dieu : A preghiera di Asenath 12. A preghiera è a cunfessione di Asenath: "Signore Diu di i ghjusti, chì hà criatu l'età è dà a vita à tutte e cose, chì hà datu u soffiu di vita à tutta a to creazione, chì hà purtatu i cosi invisibili à a luce, chì hà fattu u più. tutte e cose è anu manifestatu e cose chì ùn sò micca apparsu, chì alza u celu è fundate a terra nantu à l'acqua, chì fissa e grandi petre nantu à l'abissu di l'acqua, chì ùn saranu micca immersi, ma facenu a to vulintà finu à a fine. per chì tù, Signore, dissi a parolla è tutte e cose sò ghjunte in esse, è a to parolla, Signore, hè a vita di tutte e to criature, à tè fughju per rifughju, Signore, u mo Diu, da quì in avanti, à tè, mi gridaraghju, Signore. , è à tè ti cunfessu i mo peccati, à tè versaraghju a mo petizione, o Maestru, è à tè vi revelà i mo iniquità. Risparmi, Signore, risparmia, perchè aghju fattu assai peccati contr'à tè, aghju fattu l'iniquità è l'impietà, aghju dettu cose chì ùn sò micca dettu, è gattivi in i vostri occhi; a mo bocca, Signore, hè stata contaminata da i sacrifici di l'idoli di l'Egiziani, è da a tavola di i so dii: aghju peccatu, Signore, aghju peccatu in a to vista, sia in a cunniscenza sia in l'ignuranza, aghju fattu l'impietà in chì aghju veneratu idoli morti è sordi, è ùn sò micca degnu d'apre a bocca à tè, Signore, eiu a miserable Asenath figliola di Pentefre u prete, a vergine è a regina, chì una volta era orgogliu è superbu è quellu chì prusperu in a ricchezza di u mo babbu sopra à tutti l'omi, ma avà un orfanu è desolatu è abbandunatu di tutti l'omi. À tè fughju, o Signore, è à tè offre a mo petizione, è à tè pienghjeraghju. Liberami da quelli chì mi perseguite. Maestru, prima di esse pigliatu da elli; perchè, cum'è un zitellu in paura di qualcunu fughje versu u so babbu è a mamma, è u so babbu stende e so mani è u chjappà contru à u so pettu. Signore, stende e to mani senza impurità è terribili nantu à mè cum'è un babbu amante di i zitelli, è pigliami da a manu di u nemicu supersensual. Per eccu! u leone anticu è salvaticu è crudele mi persegue, perchè ellu hè babbu di i dii di l'Egiziani, è i dii di l'idolu-maniaci sò i so figlioli, è sò venutu à odià elli, è l'aghju scappatu, perchè sò i figlioli di un leone, è aghju cacciatu tutti i dii di l'Egiziani da mè è li fece, è u leone, o u so babbu, u diavulu, in furia contru à mè, cerca di inghiottirmi. Ma tu, Signore, liberami da e so mani, è saraghju salvatu da a so bocca, per ch'ellu ùn mi strappa in pezzi è mi scaccià in a fiamma di u focu, è u focu mi getta in tempesta, è a tempesta mi prevala in a bughjura. è mi ghjittassi in a prufundità di u mare, è a gran bestia chì hè da l'eternu m'inghiù, è periraghju per sempre. Liberami, Signore, prima chì tutte queste cose mi venenu ; Liberami, o Maestru, i desolati è senza difesa, perchè u mo babbu è a mo mamma m'anu rinnegatu è dissenu: "Asenath ùn hè micca a nostra figliola", perchè aghju rottu i so dii in pezzi è li sguassate, cum'è l'odiavanu sanu. È avà sò orfanu è desolatu, è ùn aghju micca altra speranza, salvu tè. Signore, nè un altru rifugiu salvu a to misericordia, o amicu di l'omi, perchè tù sì solu babbu di l'orfani è campione di i perseguitati è aiutu di l'afflitti. Abbi pietà di mè Signore, è mantene mi puro è vergine, l'abbandunatu è l'orfanu, perchè tù solu Signore sì un babbu dolce è bonu è gentile. Perchè chì babbu hè dolce è bonu cum'è tè, Signore ? Per eccu! tutte e case di u mo babbu Pentefre ch'ellu m'hà datu in eredità sò per un tempu è sparisce ; ma e case di a to eredità, Signore, sò incorruptible è eternu ". A preghiera di Asenath (continua) 13. "Visita, Signore, a mo umiliazione è abbi pietà di a mo orfanità è pietà di mè, l'afflitti. Perchè eccu ! Eiu, Maestru, fughjitu da tutti è cercatu refuggiu cun tè l'unicu amicu di l'omi. Eccu! Aghju lasciatu tuttu u bonu. e cose di a terra è cercatu rifuggiu cun tè. Signore, in sacchi è cendri, nudu è sulitariu, eccu, avà aghju toltu u mo vestitu reale di linu finu è di robba crimson intrecciata d'oru è aghju misu una tunica nera di luttu. Eccu, aghju sguassatu u mo cinturinu d'oru è l'aghju cacciatu da mè è mi cinghje di corda è di sacchi. Eccu, u mo diadema è a mo mitra, aghju cacciatu da u mio capu è mi sò spruzzatu cù ceneri. era pavimentatu cù petre multicolori è purpure, chì prima era umidificata cù unguenti è si seccava cù
  • 5. panni di linu brillanti, hè avà inzuppatu di e mo lacrime è hè statu disonoratu chì hè spargugliatu di cendri. è e mo lacrime s'hè formata assai argilla in a mo camera cum'è nantu à una strada larga, eccu, mi Signore, u mo cena regale è e carni chì aghju datu à i cani. Eccu ! Aghju ancu, o Maestru, digiunatu sette ghjorni è sette notti, è ùn aghju micca manghjatu pane nè beie acqua, è a mo bocca hè asciutta cum'è una rota, a mo lingua cum'è un cornu è e mio labbre cum'è un tettu, è u mo visu s'hè ristrettu, è i mo ochji. ùn anu fallutu di versà lacrime. Ma tu, Signore, u mo Diu, liberami da e mo tante ignuranza, è perdonami per quessa, essendu vergine è scunnisciutu, sò andatu per via. Eccu ! avà tutti i dii ch'e aghju veneratu prima in ignuranza, aghju cunnisciutu avà ch'elli eranu idoli sordi è morti, è li rumpiu in pezzi è li detti per esse calpestati da tutti l'omi, è i ladri li spolianu, chì eranu oru è argentu. , è cun tè aghju cercatu rifughju, Signore Diu, l'unicu cumpassione è amicu di l'omi. Perdonami, Signore, perchè aghju fattu assai peccati contru à tè in ignuranza è aghju dettu parolle blasfeme contr'à u mo signore Ghjiseppu, è ùn sapia micca, u miserable, ch'ellu hè u to figliolu. Signore, postu chì i gattivi invidiati m'hà dettu: "Giuseppe hè u figliolu di un pastore di u paese di Canaan", è eiu, u miserable, li aghju cridutu è mi sò sviatu, è l'aghju disprezzatu è aghju dettu cose male. circa ellu, senza sapè ch'ellu hè u to figliolu. Perchè quale trà l'omi hà generatu o mai generà una tale bellezza? o quale altru hè cum'è ellu, sàviu è putente cum'è u bellu Ghjiseppu ? Ma à tè, Signore, l'aghju impegnatu, perchè per mè l'amu più chè l'anima. Mantenelu sicuru in a saviezza di a to gràzia, è affidami à ellu per una serva è una serva, per ch'e possu lavà i so pedi è fà u so lettu è serve à ellu è serve, è aghju da esse una schiava per ellu. volte di a mo vita ". L'Arcangelo Michele visita Asenath. 14. È, quandu Asenath avia cessatu di fà cunfessioni à u Signore, eccu ! a stella di a matina hè ancu suscitata da u celu in u livante; è Asenath l'hà vistu è si rallegra è disse: "U Signore Diu hà allora intesu a mo preghiera? perchè sta stella hè un messageru è un annunziale di l'altitudine di u gran ghjornu". È eccu ! dura da a stella di a matina, u celu era strappatu è una luce grande è ineffable apparsu. È quand'ella vide, Asenath cascò nantu à a so faccia nantu à e cenere, è subitu ghjunse à ella un omu da u celu, mandendu raghji di luce, è si firmò sopra à a so testa. È, mentre ch'ella si mette nantu à a so faccia, l'ànghjulu divinu li disse: "Asenath, arrizzà". È ella disse: "Quale hè quellu chì m'hà chjamatu per chì a porta di a mo camera hè chjusa è a torre hè alta, è cumu hè ghjuntu in a mo stanza?" È a chjamò una seconda volta, dicendu: "Asenath, Asenath". È ella disse : "Eccu, o Signore, dimmi quale site". È disse: "Sò u capu capu di u Signore Diu è u cumandante di tutta l'armata di l'Altìssimu: arrizzà è stà nantu à i to pedi, per pudè parlà à tè e mo parolle". È ella alzò a faccia è vide, è eccu ! un omu in tutte e cose cum'è Ghjiseppu, in robba è ghirlanda è bastone reale, salvu chì u so visu era cum'è lampu, è i so ochji cum'è a luce di u sole, è i capelli di a so testa cum'è a fiamma di u focu di una torcia ardente. , è e so mani è i so pedi cum'è u ferru chì brillava da u focu, perchè cum'è scintille chì passavanu da e so mani è da i so pedi. Videndu queste cose, Asenath hà temutu è cascò in faccia, senza pudè mancu stà nantu à i so pedi, perchè ella hà avutu assai paura è tutti i so membri tremavanu. È l'omu li disse : "Assiate, Asenath, è ùn teme micca; ma alzati è stà nantu à i to pedi, chì ti possu dì e mo parolle". Allora Asenath s'arrizzò è si pusò nantu à i so pedi, è l'ànghjulu li disse: "Vai senza impedimentu in a to seconda camera è sguassate a tunica nera induve site vestitu, è caccià u saccu da i to lombi, è scuzzulate e cenere. da a to testa, è lavate a to faccia è e to mani cù acqua pura è mette un vestitu biancu senza toccu è cinghje i vostri lombi cù a cintura luminosa di a virginità, a doppia, è torna à mè, è vi dicu e parolle. chì vi sò mandati da u Signore ". Alors Asenath se précipita et entra dans sa seconde chambre, où se trouvaient les coffres de ses vêtements, et ouvrit son coffre, prit une robe blanche, fine et intacte, et l'enfila, s'enfilant d'abord la robe noire, s'ouvrant aussi la corde. u saccu da i so lombi è si cinghjia in una cintina luminosa, doppia di a so virginità, una cintura à i lombi è una cintura à u pettu. È scuzzulò ancu i cinders da u so capu è si lavò e mani è a faccia cù acqua pura, è pigliò un mantellu più bellu è bellu è vela u so capu. Michael dice à Asenath chì ella serà a moglia di Ghjiseppu. 15. È dopu ghjunse à u capu divinu, è si stese davanti à ellu, è l'anghjulu di u Signore li disse : « Pigliate avà u mantellu da u to capu, perchè tù sì oghje una vergine pura, è u to capu hè cum'è di un ghjovanu". È Asenath li pigliò da u so capu. È dinò, l'ànghjulu divinu li disse: "Siate di coraggio, Asenath, a vergine è pura, perchè eccu! u Signore Diu hà intesu tutte e parolle di a vostra cunfessione è a vostra preghiera, è hà vistu ancu l'umiliazione è l'afflizione di i sette ghjorni di a to astinenza, perchè da e to lacrime assai argilla hè stata formata davanti à a to faccia nantu à queste cinders. Per quessa, siate di coraggio, Asenath, a vergine è pura, perchè eccu u vostru nome hè statu scrittu in u libru di a vita è ùn serà micca sguassatu per sempre; ma da questu ghjornu sarete rinnuvatu è rimodellatu è risuscitatu, è manghjarete u pane benedettu di a vita è beie una tazza piena d'immortalità è sarete untu cù l'unzione benedetta di l'incorrupzione. di bona cura, Asenath, a vergine è pura, eccu, u Signore Diu t'hà datu oghje à Ghjiseppu per una sposa, è ellu stessu serà u to sposu per sempre. È ùn sarete più chjamatu Asenath, ma u to nome serà chjamatu. siate a cità di rifughju, perchè in tè parechje nazioni cercheranu rifuggiu è si allughjaranu sottu à e vostre ali, è parechje nazioni truveranu rifuggiu per i vostri mezi, è nantu à i to mura quelli chì s'uniscenu à Diu Altìssimu per a penitenza saranu sicuri; perchè quella Penitenza hè a figliola di l'Altissimo, è ella stessa implora à Diu Altìssimu per tè ogni ora è per tutti quelli chì si pentinu, postu ch'ellu hè u babbu di a Penitenza, è ella stessa hè a cumpleta è a sorveglianza di tutte e vergini, chì ti amanu assai è preghendu l'Altìsimu per voi ogni ora, è per tutti quelli chì si pentinu, ella furnisce un locu di riposu in i celi, è rinnuvà à tutti quelli chì si sò pentiti. È a Penitenza hè assai bella, una vergine pura è gentile è dolce; è per quessa, Diu l'Altissimo l'ama, è tutti l'anghjuli a veneranu, è l'aghju assai assai, perchè ella stessu hè a mo surella, è cum'è ella ti ama, vergini, ti amu ancu. È eccu ! per a mo parte, andaraghju à Ghjiseppu è li dicu tutte queste parolle chì cuncernate à tè, è ellu vene à tè oghje è vi vede è si rallegra per tè è ti amu è serà u to sposu, è sarete a so sposa amata per sempre. Per quessa, ascoltami, Asenath, è mettite un vestitu di
  • 6. nozze, l'antica è a prima tunica chì hè stata custituita in a vostra camara da l'antichità, è mette tutta a vostra scelta adornendu ancu intornu à tè, è adornatevi cum'è una bona sposa è fatevi. prontu à scuntrà lu; per eccu! ellu stessu vene à tè oghje è vi vede è si rallegra. " È quandu l'ànghjulu di u Signore in forma d'omu ebbe finitu di parlà queste parolle à Asenath, ella si rallegra cun grande gioia per tutte e cose chì eranu dite da ellu. , è cascò nantu à a so faccia nantu à a terra, è s'inchinava davanti à i so pedi è li disse: "Benedettu hè u Signore, u to Diu, chì t'hà mandatu per liberàmi da a bughjura è per purtarimi da i fundamenti di l'abissu stessu in l'abissu. luce, è benedettu u to nome per sempre. S'ellu aghju trovu grazia, u mo signore, in i vostri occhi, è sapemu chì avete da fà tutte e parolle chì m'hà dettu per esse realizatu, chì a to serva ti parli. " È l'ànghjulu li disse : " Dì. "E ella disse: "Ti pregu, Signore, pusate un pocu tempu nantu à stu lettu, perchè stu lettu hè puru è senza impurità, perchè un altru omu o altra donna ùn hà mai pusatu nantu à ellu, è vi metteraghju davanti à tè. una tavola è pane, è manghjarete, è vi purteraghju ancu u vinu vechju è bonu, l'odore di u quale ghjunghjerà à u celu, è vi ne beie, è da quì vi partirai in a to strada. » È li disse : « Affrettate è portate prestu ". Asenath trova un favo in u so magazzinu. 16. È Asenath si precipitò è li pusò una tavola viota davanti à ellu ; è, cum'ella principiava à piglià u pane, l'anghjulu divinu li disse : "Portami ancu un favo". È stava ferma è era perplessa è afflitta per ch'ella ùn avia micca un pettine d'api in u so magazzinu. È l'anghjulu divinu li disse: "Perchè stai fermu?" È ella disse: "U mo signore, manderaghju un zitellu in u suburbiu, perchè u pussessu di a nostra eredità hè vicinu, è ellu vinarà è purterà unu prestu da quì, è l'aghju da mette davanti à tè". L'ànghjulu divinu li disse: "Entra in u to magazzinu è truverete un pettine d'ape chjinatu nantu à a tavula; pigliate è portate quì". È ella disse: "Signore, ùn ci hè micca pettine d'api in u mo magazzinu". È ellu disse: "Vai è truverete". È Asenath intrì in u so magazzinu è truvò un favo chjinatu nantu à a tavula; è u pente era grande è biancu cum'è neve è pienu di meli, è quellu meli era cum'è a rugiada di u celu, è u so odore cum'è l'odore di vita. Allora Asenath si maravigliò è disse in sè stessu: "Stu pettine hè da a bocca di questu omu stessu?" È Asenath pigliò quellu pettine, u purtò è u pusò nantu à a tavula, è l'ànghjulu li disse: "Perchè avete dettu: "Ùn ci hè micca un favu in a mo casa", è eccu, m'avete purtatu? " È ella disse: "Signore, ùn aghju mai messu un favo in a mo casa, ma cum'è tù l'hai dettu, hè statu fattu. Hè ghjuntu questu da a to bocca? perchè l'odore di questu hè cum'è l'odore di unguentu ". È l'omu surrisu à l'intelligenza di a donna. Allora a chjama à sè stessu, è, quandu ella ghjunse, stese a manu diritta è pigliò a so testa, è, quand'ellu li strinse a testa cù a manu diritta, Asenath teme assai a manu di l'ànghjulu, perchè e scintille partianu da a manu diritta. e so mani cum'è a manera di ferru rossu, è per quessa ella era tuttu u tempu fighjendu cù assai timore è tremantu à a manu di l'anghjulu. È surrisu è disse: "Benedettu sì, Asenath, perchè i misteri ineffabili di Diu ti sò stati rivelati; è beati tutti quelli chì si attaccanu à u Signore Diu in a penitenza, perchè anu da manghjà di stu pettine, perchè questu pettine. hè u spiritu di a vita, è questu l'abi di u paradisu di piacè anu fattu da a rugiada di e rosi di a vita chì sò in u paradisu di Diu è ogni fiore, è di manghja l'anghjuli è tutti l'eletti di Diu è tutti. i figlioli di l'Altìssimu, è quellu chì ne manghjarà ùn morerà per sempre ". Allora l'ànghjulu divinu stende a manu diritta è pigliò un pezzu di u pettine è manghja, è cù a so propria manu pusò ciò chì era rimasu in bocca à Asenath è li disse: "Manghja", è ella manghja. È l'anghjulu li disse: "Eccu, avà avete manghjatu u pane di a vita è avete bevutu a tazza di l'immortalità è hè statu untu cù l'unzione di l'incorrupzione; eccu, oghje a to carne pruduce fiori di vita da a funtana di u più. Alti, è i to ossi saranu grassi cum'è i cedri di u paradisu di piacè di Diu è i puteri infaticabili ti mantenenu; per quessa, a to ghjuventù ùn vede micca a vechja, nè a to bellezza manca per sempre, ma sarete cum'è un muratu. cità- mamma di tutti". È l'anghjulu incitava u pettine, è parechje api nascenu da e cellule di quellu pettine, è e cellule eranu innumerevoli, decine di millaie di decine di millaie è millaie di millaie. È l'api eranu ancu bianchi cum'è a neve, è e so ali cum'è robba purpurina è crimson è cum'è scarlatina; è anu avutu ancu puntu di punta è ùn ferite micca omu. Alors toutes ces abeilles encerclèrent Asenath des pieds à la tête, et d'autres grandes abeilles comme leurs reines s'élevaient des cellules, et elles tournèrent sur son visage et sur ses lèvres, et lui firent un peigne sur sa bouche et sur ses lèvres comme le peigne qui mette davanti à l'ànghjulu; è tutte quelle api manghjanu da u pettine chì era nantu à a bocca di Asenath. È l'anghjulu disse à l'api: "Andate avà à u vostru locu". Allora tutte l'api s'arrizzò è volavanu è si n'andò in u celu; ma tutti quelli chì vulianu ferisce à Asenath tutti cascò nantu à a terra è murìu. È allora l'ànghjulu stese u so bastone nantu à l'api morte è li disse : "Alzate è partete ancu voi in u vostru locu". Allora tutte l'ape morte si suscitanu è si n'andò in u tribunale contigu à a casa d'Asenath è si stallanu nantu à l'arburi fruttifichi. Michael parte. 17. È l'ànghjulu disse à Asenath: "Ai vistu sta cosa?" È ella disse: "Iè, u mo signore, aghju vistu tutte queste cose". L'ànghjulu divinu li disse: "Cusì seranu tutte e mo parolle è linu fini intrecciati cù l'oru, è una corona d'oru era nantu à a testa di ognunu di elli; assai cum'è t'aghju parlatu oghje". Allora l'ànghjulu di u Signore, per a terza volta, stese a manu diritta è toccò u latu di u pettine, è subitu u focu ghjunse da a tavula è divorò u pettine, ma u tavulinu ùn hà feritu micca un pezzu. È, quandu assai fragranza era ghjunta da u brusgiatu di u pettine è empiia a stanza, Asenath disse à l'ànghjulu divinu: "Signore, aghju sette vergini chì sò stati criati cun mè da a mo ghjuventù è sò nati una notte cun mè. , chì m'aspittava, è li amu tutti cum'è e mo surelle. Li chjamaraghju è li benedicate ancu, cum'è mi benedicate ". È l'ànghjulu li disse: "Chjamateli". Allora Asenath chjamò e sette vergini è li pusò davanti à l'anghjulu, è l'anghjulu li disse: "U Signore Diu, l'Altissimo, vi benedicarà, è sarete pilastri di rifughju di sette cità, è tutti l'eletti di quella cità chì abitanu. inseme vi riposerà per sempre". È dopu à queste cose, l'anghjulu divinu disse à Asenath: "Piglia sta tavola". È, quandu Asenath si vultò per caccià a tavola, subitu s'alluntanò da i so ochji, è Asenath vide cum'è un carru cù quattru cavalli chì andavanu à u livante versu u celu, è u carru era cum'è una fiamma di focu, è i cavalli cum'è un lampu. , è l'ànghjulu stava sopra à quellu carru. Allora Asenath disse: "Stu stupidu è stupidu sò, l'umile, perchè
  • 7. aghju parlatu cum'è chì un omu hè ghjuntu in a mo stanza da u celu! Ùn sapia micca chì Diu hè intrutu in questu; è eccu, avà torna in u celu à u so locu". È ella disse in sè stessu: "Siate graziosu, Signore, à a to serva, è risparmia a to serva, perchè, per mè, in ignuranza aghju parlatu cose imprudenti davanti à tè". A faccia di Asenath hè trasfurmata. 18. È, mentre Asenath si parlava ancu ste parolle, eccu ! un ghjovanu, unu di i servitori di Ghjiseppu, dicendu: "Giuseppe, u putente di Diu, vene oghje à tè". È subitu Asenath chjamò u sorvegliante di a so casa è li disse: "Preparate a mo casa è preparate una bona cena, perchè Ghjiseppu, l'omu putente di Diu, vene à noi oghje". È u survegatore di a casa, quand'ellu l'hà vistu (perchè a so faccia s'era sbulicata da l'afflizione di i sette ghjorni, u chianci è l'astinenza) si addullò è pienghje ; è li pigliò a manu diritta, la basgiò cun tenerezza è disse : « Chì avete, o signora, chì a to faccia hè cusì chjucata ? È ella disse: "Aghju avutu assai dulore nantu à a mo testa, è u sonnu partì da i mo ochji". Allora u guardianu di a casa si n'andò è hà preparatu a casa è a cena. È Asenath si ricurdò di e parolle di l'anghjulu è di i so injunzioni, è si precipitò è intrì in a so seconda camera, induve eranu i petti di u so adornu, è apre u so grande coffre è fece fora u so primu mantellu cum'è un lampu per vede è l'infilò; è si cinghje ancu cù una cintura luminosa è reale chì era d'oru è di petre preziose, è nantu à e so mani si misi braccialetti d'oru, è à i so pedi di buskins d'oru, è un preziosu ornamentu à u collu, è una ghirlanda d'oru ch'ella mise attornu. u so capu; è nantu à a corona, cum'è nantu à a so fronte, era una gran petra di zaffiro, è intornu à a grande petra sei petre di grande prezzu, è cun un mantellu assai maravigliu hà velatu a so testa. È, quandu Asenath si ricurdò di e parolle di u sorvegliante di a so casa, perchè ellu hà dettu chì a so faccia s'era rimpiuta, ella si addullò assai, è geme è disse: "Guai à mè, u pumu, postu chì u mo visu hè sminuitu. Ghjiseppu mi vedrà cusì è ùn saraghju abbattutu da ellu ". È disse à a so serva : « Portami acqua pura da a funtana ». È, quand'ella l'avia purtata, u versò in u bacinu, è, chinandusi per lavà a so faccia, vede a so propria faccia brillare cum'è u sole, è i so ochji cum'è a stella di a matina quand'ella sorge, è e so guance. cum'è una stella di u celu, è e so labbre cum'è rosi rossi, i capelli di a so testa eranu cum'è a vigna chì fiurisce trà i so frutti in u paradisu di Diu, u so collu cum'è un cipressu tuttu variegatu. È Asenath, quand'ella vide queste cose, si maravigliò in ella stessa di a vista è si rallegrava cù una gioia assai grande è ùn si lavò micca a faccia, perchè disse: "Per ùn lavà sta bellezza grande è bella". U survegatore di a so casa tornò tandu per dì à ella : « Tutte e cose chì avete urdinatu sò fatte » ; è, quand'ellu a vidia, teme assai è fù pigliatu da un tremulu per un bellu pezzu, è cascò à i so pedi è cuminciò à dì : "Chì hè questu, a mo padrona ? Chì hè sta bellezza chì t'intorna, chì hè grande è grande è ch'ella hè. maravigghiusu? U Signore Diu di u Celu hà sceltu voi cum'è sposa per u so figliolu Ghjiseppu ? Ghjiseppu torna è hè ricevutu da Asenath. 19. È, mentre ch'elli parlavanu ancu queste cose, un picciottu ghjunse à dì à Asenath : « Eccu ! Ghjiseppu hè davanti à e porte di a nostra corte ». Allora Asenath si precipitò è falò a scala da a so mansarda cù e sette vergini à scuntrà Ghjiseppu è si firmò in u portico di a so casa. È, cum'è Ghjiseppu hè ghjuntu in u tribunale, e porte sò state chjuse è tutti i stranieri sò stati fora. È Asenath esce da u portico à scuntrà à Ghjiseppu, è quand'ellu l'hà vistu, si maravigliò di a so bellezza, è li disse: "Quale sì, ragazza? Dimmi prestu". È ella li disse: "Eiu, o Signore, sò a to serva Asenath; tutti l'idoli ch'e aghju cacciatu da mè è sò persi. È oghje un omu hè vinutu à mè da u celu è m'hà datu pane di vita è aghju manghjatu, è Aghju bevutu una tazza benedetta, è mi disse: "Ti aghju datu per sposa à Ghjiseppu, è ellu stessu serà u to sposu per sempre; è u to nome ùn serà micca chjamatu Asenath, ma serà chjamatu "Cità di Rifugiu ", è u Signore Diu regnerà nantu à parechje nazioni, è per mezu di tè cercanu rifuggiu cù Diu Altìssimu. È l'omu disse: "Varaghju ancu à Ghjiseppu, per dì à l'arechje ste parolle nantu à tè". È avà sapete, Signore, s'ellu hè ghjuntu à tè è s'ellu t'hà parlatu di mè. Allora Ghjiseppu disse à Asenath: "Benedetta sì, donna, di Diu Altìssimu, è benedettu u to nome per sempre, perchè u Signore Diu hà pusatu i fundamenti di i to mura, è i figlioli di u Diu vivu abitanu in. a to cità di rifughju, è u Signore Diu regnerà nantu à elli per sempre. Perchè quellu omu hè venutu da u celu à mè oghje è m'hà dettu ste parolle nantu à tè. È avà venite quì à mè, o vergine è pura, è perchè stai luntanu ? "Allora Ghjiseppu stese e mani è abbracciò à Asenath, è Asenath Joseph, è si basgianu per un bellu pezzu, è tutti dui campavanu di novu in u so spiritu. È Ghjiseppu basgiò à Asenath è li dete u spiritu di vita, po a seconda volta ch'ellu hà. L'hà datu u spiritu di saviezza, è a terza volta l'hà basgiata teneramente è li dete u spiritu di a verità. Pentephres torna è voli fidanzari Asenath à Ghjiseppu, ma Ghjiseppu decide di dumandà a so manu da Faraone. 20. È, quand'elli s'eranu intrecciati per un bellu pezzu è intrecciavanu e catene di e so mani, Asenath disse à Ghjiseppu : "Veni quì, o signore, è entra in casa nostra, perchè per mè aghju preparatu a nostra casa è una grande cena ". È ella pigliò a so manu diritta, u purtò in casa soia è u fece pusà nantu à a sedia di Pentefre, u so babbu; è hà purtatu l'acqua per lavà i so pedi. È Ghjiseppu disse : « Chì una di e vergini vene à lavà i mo pedi ». È Asenath li disse: Innò, Signore, perchè da quì in avanti sì u mo signore è eiu a to serva. È perchè cerchi questu, chì una altra vergine ti lava i pedi ? perchè chì i to pedi sò i mo pedi, è e to mani e mio mani, è a to ànima a mo ànima, è un altru ùn ti lavarà i pedi. "E ella u custrintò è li lavò i pedi. Allora Ghjiseppu pigliò a so manu diritta è a basgiò teneramente. Asenath li basgiò a testa teneramente, è dopu l'hà pusatu à a so manu diritta, u so babbu è a mamma è tutta a so parentela ghjunsenu da u pussessu di a so eredità, è a videru à pusà cù Ghjiseppu è vestita d'un vestitu di nozze. maravigliatu di a so bellezza, si rallegrava è glurificava à Diu, chì dà a vita à i morti, è dopu à queste cose si manghjavanu è beie, è, tutti s'eranu rallegratu, Pentefre disse à Ghjiseppu: "Dumani chjamaraghju tutti i prìncipi è i satrapi di tuttu u paese di Egittu, è vi farà un matrimoniu, è pigliate a mo figliola Asenath in moglia. "Ma Ghjiseppu disse: "Varaghju dumane à Faraone u rè, perchè ellu stessu hè u mo babbu è m'hà
  • 8. numinatu capu di tuttu stu paese. è li parleraghju di Asenath, è mi la darà in mòglia. » E Pentefre li disse : « Vai in pace ». Ghjiseppu si marita cù Asenath. 21. Ghjiseppu stava quellu ghjornu cù Pentefre, è ùn andò in Asenath, per quessa ch'ellu era abituatu à dì : "Ùn hè micca adattatu per un omu chì venerà à Diu per dorme cù a so moglia prima di u so matrimoniu". È Ghjiseppu si alzò di bon’ora è si n’andò versu Faraone è li disse: «Dà mi Asenath, figliola di Pentefre, sacerdote di Heliopolis, in moglia». È Faraone si rallegra cù una grande gioia, è disse à Ghjiseppu: "Eccu, questu ùn hè micca statu fidanzatu cù tè per a moglia da l'eternità? Per quessa ch'ella sia a to moglia d'ora in avanti è in u tempu eternu". Allora Faraone mandò à chjamà Pentefre, è Pentefre hà purtatu Asenath è a pusò davanti à Faraone; è Faraone, quand'ellu l'hà vistu maravigliatu di a so bellezza, disse: "U Signore Diu di Ghjiseppu ti benedica, zitellu, è questu a to bellezza rimarrà per l'eternità, perchè u Signore Diu di Ghjiseppu t'hà sceltu cum'è sposa per ellu. Ghjiseppu hè cum'è u figliolu di l'Altìssimu, è tù sarai chjamatu a so sposa d'ora in avanti è per sempre." È dopu à queste cose Faraone pigliò Ghjiseppu è Asenath, è hà postu nantu à i so capi corone d'oru, chì eranu in a so casa da l'anticu è dapoi. I tempi antichi, è Faraone hà postu Asenath à a manu diritta di Ghjiseppu, è Faraone hà messu e mani nantu à i so capi è disse: "U Signore Diu, l'Altissimo, vi benedicarà, è vi multiplicarà è magnifichi è glorificate in u tempu eternu". s'affaccianu l'un l'altru è li portanu bocca à bocca, è si baciavanu. È Faraone fece un matrimoniu per Ghjiseppu è una grande cena è beie assai durante sette ghjorni, è riunì tutti i capi d'Egittu è tutti i rè di l'Egittu. nazioni, dopu avè fattu proclamazione in u paese d'Egittu, dicendu: "Ogni omu chì hà da fà u travagliu durante i sette ghjorni di u matrimoniu di Ghjiseppu è Asenath morirà di sicuru." È, mentri a nozze era in corso, è quandu a cena era. Finitu, Ghjiseppu andò in Asenath, è Asenath cuncepì da Ghjiseppu è parturiu Manasse è Efraim u so fratellu in casa di Ghjiseppu. Asenath hè presentatu à Ghjacobbu. 22. È, quandu i sette anni di abbundanza eranu passati, i sette anni di fami cuminciaru à vene. È quandu Ghjacobbu intesu parlà di Ghjiseppu, u so figliolu, andò in Egittu cù tutti i so parenti in u secondu annu di a fame, in u secondu mese, u vintiunu di u mese, è si stalla in Gosen. È Asenath disse à Ghjiseppu: "Varaghju à vede u to babbu, perchè u to babbu Israele hè cum'è u mo babbu è Diu. È Ghjiseppu li disse: "Vai cun mè è vede u mo babbu." È Ghjiseppu è Asenath ghjunsenu à Ghjacobbu in u paese di Goshen, è i fratelli di Ghjiseppu li scontranu è si prontu à elli nantu à a so faccia nantu à a terra. tramindui andavanu à Ghjacobbu, è Ghjacobbu era à pusà nantu à u so lettu, è ellu stessu era un vechju in una vechja vechja, è, quandu Asenath u vide, si maravigliò di a so bellezza, perchè Ghjacobbu era bellu à vede assai è a so bellezza. vechja cum'è a ghjuventù d'un omu graziosu, è tutta a so testa era bianca cum'è neve, è i capelli di u so capu eranu tutti stretti è grossi eccessivamente, è a so barba bianca chì ghjunghje sin'à u pettu, i so ochji allegri è scintillanti, i so tendini è e so spalle è i so braccia cum'è un anghjulu, e so cosce è i so vitelli è i so pedi cum'è un giganti. Allora Asenath, quand'ella l'hà vistu cusì, s'hè maravigliatu è cascò è s'inchinava in faccia nantu à a terra. È Ghjacobbu disse : Ghjiseppu : « Hè questa a mo nuora, a to moglia ? Benedetta sarà da Diu Altìssimu. " Allora Ghjacobbu chjamò à sè Asenath è a benedisse è a basgiò teneramente ; è Asenath stese e mani, pigliò u collu di Ghjacobbu, si appigò à u collu è u basgiò teneramente. E cose ch'elli manghjanu è beie. Allora Ghjiseppu è Asenath si n'andò in casa soia ; è Simeone è Levi, i figlioli di Lea, li purtonu solu, ma i figlioli di Bilha è Zilpa, e serve di Lea è Rachele, ùn anu micca unitu. en les conduisant, parce qu'ils l'enviaient et les détestaient. Et Lévi était à la droite d'Asenath et Siméon à sa gauche. Et Asenath prit la main de Lévi, parce qu'elle l'aimait plus que tous les frères de Joseph et comme un prophète et un adorateur. de Dieu et qui craignait le Seigneur, car c'était un homme intelligent et un prophète du Très-Haut, et il vit lui-même des lettres écrites dans les cieux, les lut et les révéla à Asenath en secret, car Lévi lui-même aimait aussi Asenath. è hà vistu u locu di u so riposu in u più altu. U figliolu di Faraone prova à induce Simeone è Levi à tumbà Ghjiseppu. 23. È avvene chì Ghjiseppu è Asenath passavanu, quand'elli andavanu versu Ghjacobbu, u primu figliolu di Faraone li vide da u muru, è, quandu vide à Asnat, s'hè impazzitu annantu à ella per via di a so bellezza eccezziunale. Allora u figliolu di Faraone mandò messaggeri è chjamò à ellu Simeone è Levi; è, quand'elli sò ghjunti è si sò stati davanti à ellu, u primu figliolu di Faraone li disse: "Eiu, da a mo parte, sò chì sì oghje omi putenti sopra à tutti l'omi nantu à a terra, è cù queste vostre mani dritte a cità di i Sichemiti hè stata sfondata. , è cù e vostre duie spade sò stati abbattuti 30.000 guerrieri. È oghje vi pigliaraghju cum'è cumpagnie è vi daraghju assai oru è argentu è serve omi è serva, case è grande eredità, è vi disputate da a mo parte è fate mi benignità. ; perchè ch'e aghju ricivutu assai disprezzu da u to fratellu Ghjiseppu, postu chì ellu stessu pigliò Asenath in mòglia, è sta donna hè stata fidanzata cù mè da l'antichità. È avà venite cun mè, è mi batteraghju contru à Ghjiseppu per tumballu cù a mo spada. è piglieraghju à Asenath in moglie, è sarete per mè cum'è fratelli è amichi fideli. Ma, s'è vo ùn ascoltate e mo parolle, vi uccideraghju cù a mo spada ". È, dopu avè dettu queste cose, tirò a so spada è li mostrò. È Simeone era un omu audace è audace, è hà pensatu à mette a so manu diritta nantu à a maghjina di a so spada è a sguassate da a guaina di a so guaina è chjappà u figliolu di Faraone perchè li avia parlatu duramente. Levi hà vistu allora u pensamentu di u so core, perchè era un prufeta è hà pisatu cù u so pede nantu à u pede drittu di Simeone è u pressò, signandu à ellu di cessà da a so còllera. È Levi dicia tranquillamente à Simeone: "Perchè site arrabbiatu contr'à st'omu? Semu omi chì veneranu à Diu è ùn ci hè micca adattatu per rende u male per u male". Allora Levi disse à u figliolu di Faraone apertamente cù dolcezza di core: "Perchè dice u nostru signore queste parolle? Semu omi chì veneranu à Diu, è u nostru babbu hè amicu di Diu Altìssimu, è u nostru fratellu hè cum'è un figliolu di Diu. faremu sta cosa gattiva, per peccare in vista di u nostru Diu è di u nostru babbu Israele è in vista di u nostru fratellu Ghjiseppu? È avà sente e mo parolle. Ùn hè micca adattatu per
  • 9. un omu chì venerà à Diu per ferisce à qualchissia. sàviu, è s'ellu vole ferisce un omu chì venera à Diu, quellu chì venera à Diu ùn si vindica micca ellu stessu, perchè ùn ci hè micca spada in e so mani, è guardatevi di parlà più sti parolle di u nostru fratellu. Ghjiseppu. Ma, s'è tù continui in u to malu cunsigliu, eccu, e nostre spade sò sguassate contru à tè. Allora Simeone è Levi tirà e so spade da i so guaine è dissenu: "Vedi avà queste spade? Cù queste duie spade, l'Eternu hà punitu u disprezzu di i Shechemites, cù quale anu fattu disprezzu à i figlioli d'Israele per via di a nostra sorella Dina, chì Sichem u figliu di Hamor impurtatu". È u figliolu di Faraone, quand'ellu hà vistu e spade sguassate, teme assai è tremò nantu à tuttu u so corpu, perchè ch'elli brillavanu cum'è una fiamma di u focu, è i so ochji s'hè scuru, è cascò nantu à a so faccia nantu à a terra sottu à i so pedi. Allora Levi stendu a manu diritta è u pigliò, dicendu: "Alzatevi è ùn teme micca, guardate solu di parlà più male di u nostru fratellu Ghjiseppu". È cusì, sia Simeone è Levi si n'andò da davanti à a so faccia. U figliolu di Faraone cunspira cù Dan è Gad per tumbà Ghjiseppu è catturà Asenath. 24. Allora u figliolu di Faraone cuntinuò à esse pienu di paura è di dulore, perchè temeva i fratelli di Ghjiseppu, è dinò era assai pazza per via di a bellezza d'Asenath, è s'afflittu assai. Allora i so servitori li dicenu à l'orechja: "Eccu, i figlioli di Bilha è i figlioli di Zilpa, e serva di Lia è Rachele, e mòglie di Ghjacobbu, sò in grande inimicizia contr'à Ghjiseppu è Asnat, è li odianu; tutte e cose secondu a to vulintà ". Subbitu dunque u figliolu di Faraone mandò messaggeri è li chjamò, è ghjunsenu à ellu à a prima ora di a notte, è si stete in a so presenza, è li disse: "Aghju amparatu da parechji chì sì omi putenti". È Dan è Gad, i fratelli anziani, li dissenu: "Lasciate avà u mo signore parlà à i so servitori ciò ch'ellu vole, chì i vostri servitori sentenu, è pudemu fà secondu a to vulintà. " Allora u figliolu di Faraone si rallegra assai grande. gioia è disse à i so servitori : " Ritirate avà da mè per un pocu tempu, perchè aghju un discorsu sicretu à tene cù questi omi. " È tutti si ritiranu. Allora u figliolu di Faraone menti, è li disse: "Eccu! avà a benedizzione è a morte sò davanti à i vostri visi; Pigliate dunque a benedizzione piuttostu chè a morte, perchè sì omi putenti è ùn mori micca cum'è donne; ma siate valenti è vindicatevi di i vostri nemici. Perchè aghju intesu Ghjiseppu u vostru fratellu chì dice à Faraone u mo babbu: "Dan è Gad, Nèftali è Aser ùn sò micca i mo fratelli, ma i figlioli di e serve di u mo babbu: aspitteraghju dunque a morte di u mo babbu, è li cancellu da a terra è tutti i so sferenzi, per ùn esse in erediti cun noi, perchè sò figlioli di serve, perchè ancu questi m'anu vindutu à l'Ismaeliti, è li renderaghju di novu secondu a so malgradu ch'elli anu fattu male contru à mè; solu u mo babbu morirà. ." È u mo babbu Faraone l'hà ricumandatu per queste cose è li disse : "Ai bè parlatu, figghiu. Per quessa, pigliate da mè omi putenti è procedi contru à elli secondu ciò ch'elli anu fattu contru à tè, è ti seraghju un aiutu. " È quandu Dan è Gad anu intesu queste cose da u figliolu di Faraone, eranu assai turbati è sbulicati assai, è li dissenu: "Ti pregu, o Signore, aiutaci, perchè da quì in avanti simu i to schiavi è i to servi, è mourremu cun tè. ." È u figliolu di Faraone hà dettu: "Seraghju un aiutu per voi, s'è vo ancu ascoltate e mo parolle". È li dissenu: "Cumandaci ciò chì vulete è faremu secondu a to vulintà". È u figliolu di Faraone li disse: "U uccideraghju u mo babbu Faraone sta notte, perchè quellu Faraone hè cum'è u babbu di Ghjiseppu è li disse ch'ellu vi aiuterà contru à voi, è uccidete Ghjiseppu, è pigliaraghju à mè Asnat in moglie. , è serete i mo fratelli è i so eredi di tutti i mo pussidimenti. Fate solu questu ". È Dan è Gad li dissenu: "Semu i vostri servitori oghje è faremu tuttu ciò chì ci avete urdinatu. È avemu intesu à Ghjiseppu chì dice à Asnat: "Vai dumani à u pussessu di a nostra eredità, perchè hè u tempu di a vendemmia "; è mandò sei centu omi putenti à a guerra cun ella è cinquanta precursori. Avà dunque ascoltaci è parleremu à u nostru signore. È li dissenu tutte e so parolle secrete. Allora u figliolu di Faraone dete à i quattru fratelli cinquecentu omi ognunu è li numinò i so capi è capi. È Dan è Gad li dissenu: "Semu i vostri servitori oghje è faremu tutte e cose chì ci avete urdinatu, è anderemu di notte è staremu in agguatu in u ravinu è ci piattaremu in u boscu di i canneti. ; è pigliate cun voi cinquanta arcieri nantu à i cavalli è andate una longa strada davanti à noi, è Asenath vene è cascerà in e nostre mani, è abbatteremu l'omi chì sò cun ella, è ella stessa fughjerà davanti cù u so carru. è cascà in e to mani, è li farai cum'è a to ànima vole; è dopu à queste cose uccideremu ancu Ghjiseppu, mentre ch'ellu si addentria per Asenath; ancu i so figlioli uccideremu davanti à i so ochji. Allora u primu figliolu di Faraone, quandu ellu intesu queste cose, si rallegra assai, è li mandò fora è duimila omi cummattenti cun elli. È quand'elli sò ghjunti à u ravinu, si piattanu in u boscu di i canneti, è si sò spartuti in quattru cumpagnie, è si sò stallati à l'altra parte di u ravinu cum'è in a parti davanti cinque centu omi da questu latu di a strada. è nantu à questu, è in u latu vicinu di u ravinu ancu u restu si firmò, è elli stessi si pigghianu a so stazione in a machja di i canneti, cinquecentu omi da questu latu è à quellu di a strada; è trà elli era una strada larga è larga. U figliolu di Faraone và à tumbà u so babbu, ma ùn hè micca ammissu. Nèftali è Aser protestanu à Dan è Gad contr'à a cuspirazione. 25. Allora u figliolu di Faraone s'arrizzò a notte stessa è ghjunse in a camera di u so babbu per tumballu cù a spada. Allora i guardiani di u babbu l'impediscenu d'entra à u babbu è li dissenu: "Chì cumanda, o signore?" È u figliolu di Faraone li disse: "Vogliu vede u mo babbu, per quessa ch'e aghju da coglie l'annata di a mo vigna nova piantata". È i guardiani li dissenu: "U to babbu soffre u dulore è si sveglia tutta a notte è avà si riposa, è ci hà dettu chì nimu ùn deve vene à ellu ancu s'ellu hè u mo primu figliolu". Et, en entendant ces choses, il s'en alla furieux, prit aussitôt cinquante arcs à cheval et s'en alla devant eux, comme l'avaient dit Dan et Gad. È i fratelli minori Neftali è Aser parranu à i so fratelli maiori Dan è Gad, dicendu: "Perchè voi, da parte vostra, fate di novu u male contru à u vostru babbu Israele è contru à u vostru fratellu Ghjiseppu? Ùn avete micca vindutu una volta à Ghjiseppu? è oghje hè rè di tuttu u paese d'Egittu è datore di cibo. Avà dunque, s'è vo vulete fà di novu a malvagità contr'à ellu, griderà à l'Altìssimu è mandarà u focu da u celu è vi divorerà, è l'anghjuli di Diu si batteranu contru à voi ". Allora i fratelli anziani sò stati in furia contr'à elli è dissenu: "È noi moreremu cum'è donne? È andavanu à scuntrà à Ghjiseppu è Asenath.
  • 10. I conspiratori uccidenu i guardiani di Asenath è ella fughje. 26. È Asenath s'arrizzò à a matina è disse à Ghjiseppu : "Varaghju in u pussessu di a nostra eredità, cum'è tù l'hai dettu, ma a mo ànima teme assai per ch'è tù ti alluntanassi da mè". È Ghjiseppu li disse : « Siate bè è ùn abbiate paura, ma andate rallegratu, senza paura di nimu, perchè u Signore hè cun voi è ellu stessu ti cunservarà cum'è a pupa di l'ochju da ogni ochju. u male. È mi metteraghju in u mo rigalu di manghjà è daraghju à tutti l'omi in a cità, è nimu ùn perirà di fami in a terra d'Egittu. Allora Asenath si n'andò à a so strada, è Ghjiseppu per u so da manghjà. È, quandu Asenath hà ghjuntu à u locu di u ravinu cù i sei centu omi, subitu, quelli chì eranu cù u figliolu di Faraone, sò fora di a so embuscata è si sò ghjunti à a battaglia cù quelli chì eranu cun Asenath, è li abattu tutti cù e so spade, è tutti i precursori anu uccisu, ma Asenath fughje cù u so carru. Allora Levi, u figliolu di Lea, sapia tutte queste cose cum'è un prufeta è hà dettu à i so fratelli u periculu d'Asenath, è subitu, ognunu d'elli pigliò a so spada nantu à a so coscia, i so scudi nantu à e so braccia è e lance in a so manu dritta, è seguitanu. Asenath cun grande velocità. È, cum'è Asenath fughjia prima, eccu! U figliolu di Faraone l'hà scontru è cinquanta cavalieri cun ellu ; è Asenath, quand'ella l'hà vistu, fu presa da una grande paura è trema, è invocò u nome di u Signore, u so Diu. L'omi cù u figliolu di Faraone è quelli cù Dan è Gad sò ammazzati; è i quattru fratelli fughjenu à u ravinu è e so spade sò chjappute da e so mani. 27. Beniaminu era à pusà cun ella nantu à u carru à u latu drittu ; è Benjamin era un picciottu forte di circa diciannove anni, è nantu à ellu era una bellezza ineffabile è una putenza cum'è un cucciolo di leone, è era ancu quellu chì temeva à Diu assai. Allora Benjamin s'hè lampatu da u carru, è pigliò una petra tonda da u ravinu è hà riemptu a so manu è scacciò à u figliolu di Faraone è hà battu u so tempiu sinistru, è u blessò cù una ferita grave, è cascò da u so cavallu nantu à a mità di a terra. mortu. Et Benjamin, s'étant précipité sur un rocher, dit au chariot d'Asenath : « Donne-moi des pierres du ravin. » Et il lui donna cinquante pierres. Et Benjamin lança les pierres et tua les cinquante hommes qui étaient avec Pharaon. fils, toutes les pierres s'enfoncèrent dans leurs temples. Alors les fils de Léa, Ruben et Siméon, Lévi et Juda, Issacar et Zabulon, poursuivirent les hommes qui s'étaient mis à l'embuscade contre Asenath et se jetaient sur eux à l'improviste et les abattirent tous. ; è i sei omi uccisero duimila settantasei omi. È i figlioli di Bilha è Zilpa fughjenu da a so faccia è dissenu : "Avemu persu da a manu di i nostri fratelli, è u figliolu di Faraone hè ancu mortu da a manu di Benjamin. u picciottu, è tutti quelli chì eranu cun ellu perisu da a manu di u zitellu Benjamin. Perciò, venenu, tumbemu Asenath è Benjamin, è fughjemu ind'è i massi di sti canneti. " È ghjunsenu contr'à Asenath, tenendu e so spade sguassate cuperte di sangue. È Asenath, vedenduli, ebbi assai paura è disse : " Signore Diu, chì m'hà resuscitatu è liberatu da l'idoli è da a corruzzione di a morte, cum'è m'hà dettu chì a mo ànima vivrà per sempre, liberami ancu avà da questi omi gattivi. " È u Signore Diu hà intesu a voce di Asenath, è subitu e spade. di l'avversarii cascò da e so mani nantu à a terra è sò stati trasfurmati in cendra. Dan è Gad sò risparmiati à a preghiera di Asenath. 28. È i figlioli di Bilha è Zilpa, quand'elli anu vistu u miraculu stranu chì era statu fattu, temevanu è dicenu : "U Signore hà cumbattutu contru à noi in nome d'Asenath". Allora cascò nantu à a terra è fece inchinazione à Asenath è disse: "Abbiate pietà di noi, i vostri servitori, perchè sì a nostra padrona è a nostra regina. Avemu fattu malvagii atti maligni contru à tè è contru à u nostru fratellu Ghjiseppu, ma u Signore. ci hà rimbursatu secondu e nostre opere. Per quessa, noi, i to servitori, ti preghiamo, abbi pietà di noi umili è miserabili, è liberaci da e mani di i nostri fratelli, perch'elli saranu vindicatori di u disprezzu fattu à tè è e so spade sò. contr'à noi. Dunque, sia grazia à i to servitori, padrona, davanti à elli ". È Asenath li disse: "Abbiate boni è ùn teme micca di i vostri fratelli, perchè elli stessi sò omi chì veneranu à Diu è temenu u Signore; ma andate ind'u boschettu di sti canneti, finu à ch'e l'amparà per voi. è ferma a so còllera per via di i grandi crimini chì da a vostra parte avete osatu di fà contru à elli. Ma u Signore vede è ghjudicà trà mè è voi ". Allora Dan è Gad fughjenu in u boscu di i canni ; È i so fratelli, i figlioli di Lea, ghjunsenu currendu cum'è cervi cun grande precipitosa contru à elli. Et Asenath s'éloigna du char qui était sa couverture et leur donna la main droite avec des larmes, et ils se prosternèrent et se prosternèrent devant elle sur la terre et pleurent à haute voix. è cuntinueghjanu à dumandà à i so fratelli, i figlioli di e serva, di metteli à morte. È Asenath li disse: "Ti pregu, risparmià i vostri fratelli, è ùn li rende micca male per male. Perchè u Signore m'hà salvatu da elli è hà frantutu i so pugnali è e spade da e so mani, è eccu! brusgiatu in cinniri nant'à a terra cum'è cera da davanti à u focu, è questu hè abbastanza per noi chì u Signore luttà per noi contru à elli. Per quessa, risparmiate i vostri fratelli, perchè sò i vostri fratelli è u sangue di u vostru babbu Israele ". È Simeone li disse: "Perchè dice a nostra padrona e parolle boni in nome di i so nemici? Anzi, ma piuttostu li taglieremu membra da membru cù e nostre spade, perchè anu ingegnatu cose male in quantu à u nostru fratellu Ghjiseppu è à u nostru babbu Israele è contr'à u nostru babbu Israele. tè, a nostra padrona, oghje". Allora Asenath stese a manu diritta è toccò a barba di Simeone è u basgiò teneramente è disse: "In nisun modu, fratellu, rende male per male à u to vicinu, perchè u Signore vindicà questu malgradu. Iddi stessi, sapete, sò i vostri. fratelli è a discendenza di u vostru babbu Israele, è fughjenu da luntanu da a vostra faccia. Allora Levi s'avvicinò à ella è basgiò a so manu dritta teneramente, perchè ellu sapia ch'ella vulia salvà l'omi da a còllera di i so fratelli per ch'elli ùn li tombanu micca. Et eux-mêmes étaient proches dans le buisson des roseaux ; et Lévi, son frère, sachant cela, ne le déclara pas à ses frères, car il craignait que dans leur colère, ils abattent leurs frères. U figliolu di Faraone mori. Faraone ancu more è Ghjiseppu li succede. 29. È u figliolu di Faraone s'arrizzò da a terra è si pusò è sputò sangue da a so bocca ; perchè u sangue scorria da u so tempiu in a so bocca. È Beniagiu corse versu ellu, pigliò a so spada è l'hà sguassata da a guaina di u figliolu di Faraone (per chì Benjamin ùn portava micca spada nantu à a coscia) è vulia chjappà u figliolu di Faraone nantu à u pettu. Allora Levi
  • 11. s'avvicinò à ellu, li pigliò a manu è disse: "In nisun modu, fratellu, fate sta cosa, perchè simu omi chì aduramu à Diu, è ùn hè micca adattatu per un omu chì venerà à Diu per rende u male. u male, nè pisà calpestà quellu chì hè cascatu, nè sfraccià u so nemicu finu à a morte. È avà rimette a spada in u so locu, è venite à aiutà mi, è guarìremu di sta ferita; vive, ellu serà u nostru amicu è u so babbu Faraone serà u nostru babbu ". Allora Levi hà risuscitatu u figliolu di Faraone da a terra è lavò u sangue da u so visu è hà attaccatu una fascia nantu à a so ferita, u misu nantu à u so cavallu è u purtò à u so babbu Faraone, cuntendu à ellu tutte e cose chì era accadutu è accadutu. È Faraone s'arrizzò da u so tronu è s'hè prostratu à Levi nantu à a terra è u benedisse. Allora, quandu u terzu ghjornu era passatu, u figliolu di Faraone hè mortu da a petra chì era ferita da Benjamin. È Faraone piantò assai per u so figliolu primu natu, da u dulore Faraone cascò malatu è morse à 109 anni, è lasciò a so diadema à u bellu Ghjiseppu. È Ghjiseppu hà regnatu solu in Egittu 48 anni; È dopu à queste cose, Ghjiseppu hà datu torna a diadema à u zitellu più chjucu di Faraone, chì era à u pettu quandu u vechju Faraone hè mortu. È Ghjiseppu era da quì in avanti cum'è babbu di u zitellu più chjucu di Faraone in Egittu finu à a so morte, glurificà è lodendu à Diu.