Polimeri

5,916 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
5,916
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2,174
Actions
Shares
0
Downloads
59
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Polimeri

  1. 1. I.P.S. " F.S. CABRINI " <br />Dir. scol. : Dott. Prof. Angelo Carrieri<br />anno scol. 2008/09<br />IL MONDO <br />DEI POLIMERI<br />
  2. 2. Polimeri<br />o più comunemente dette<br />PLASTICHE<br />
  3. 3. I POLIMERI SONO OVUNQUE<br />
  4. 4. monomeri<br />Polimeri<br />Una molecola di plastica è formata da una catena di unità strutturali , monomeri, che si ripetono. Legando insieme I monomeri si ottengono I polimeri<br />
  5. 5. Cotone : un polimero naturale<br />Qual'è il suo elemento costitutivo ( monomero) ?<br />
  6. 6. Cotone è in gran parte fibra di cellulosa .La cellulosa è fatta di catene di glucosio legate chimicamente.<br />
  7. 7. Due forme diverse di glucosio<br />Stuttura lineare del glucosio<br />Flessione <br />UNITA’ <br />AMIDO<br />1<br /> H-C=O | H-C-OH |HO-C-H | H-C-OH | H-C-OH | CH2OH<br />2<br />flips either way<br />3<br /> bends <br />alpha-glucose<br />4<br />5<br />UNITA’<br />cellulosa<br />6<br />beta-glucose<br />
  8. 8. NYLON<br />POLIMERI DI SINTESI<br />
  9. 9.
  10. 10. Nylon viene utilizzato in vestiti, scarpe, giacche, cinture, e accessori. <br />Nylon è stato scoperto nel 1935. Il nome di nylon è derivato da due città dove è stato scoperto vale a dire New York (NY) e Londra (LON).<br />
  11. 11. FORMAZIONE DEL NYLON<br />
  12. 12. Tetramethylene dicarbossilico (acido adipico)<br />Hexamethylene diammina<br />methylene x 6 (hexa)<br />amine x 2 (di)<br />Nylon è un "copolimero", perché è fato da due monomeri che, se mescolati ,si combinano, perdendo una molecola di acqua ( disidratazione )<br />
  13. 13. Reazione di disidratazione<br />
  14. 14. POLIESTERE<br />..<br />
  15. 15. Da qui il nome POLIESTERE<br />ESTER gruppi formati<br />Poliestere è composto da due monomeri, acido tereftalico e glicole etilenico . Questo forma una una popolare plastica,chiamato PETE, che è l'abbreviazione di polietilene tereftalato. <br />PETE<br />O<br />C<br />O<br />H<br />
  16. 16. POLIETILENE :LA PLASTICA PIU' FAMOSA<br />
  17. 17. H<br />H<br />C<br />C<br />H<br />H<br />-<br />-<br />-<br />-<br />C<br />C<br />C<br />C<br />-<br />-<br />-<br />-<br />H<br />H<br />.IL POLIETILENE è un polimero vinilico,derivato dal monomero ETILENE<br />C<br />C<br />-<br />-<br />C<br />C<br />H<br />-<br />-<br />H<br />-<br />-<br />C<br />C<br />-<br />-<br />
  18. 18. HDPE (Polietilene ad alta densità) con atomi di C a catena lineare.<br /> È una plastica resistente agli urti.<br />Usi: Cosmetici, contenitori per detersivi, tubi per l’acqua<br />
  19. 19. .<br />LDPE (Polietilene a bassa densità), a struttura ramificata. E’ una plastica Impermeabile ai gas e flessibile.<br />Usi: Sacchetti, imballaggi, pellicole per alimenti).<br />
  20. 20. USO LPDE ( polietilene a bassa densità)<br />
  21. 21. Un altro polimero importante è il cloruro di polivinile o PVC, prodotto per polimerizzazione del cloruro di vinile <br />
  22. 22. (CH2CHCl)n+ O2 CO2 + CO+ HCl+ H2O<br />Gli utilizzi del PVC sono innumerevoli, per aggiunta di prodotti plastificanti può essere modellato per stampaggio a caldo nelle forme desiderate. Può essere ridotto a film oppure a liquido con cui vengono spalmati tessuti o rivestite superfici, serbatoi, valvole, rubinetti, vasche e fibre tessili artificiali.<br />Le applicazioni più rilevanti sono la produzione di tubi per edilizia (ad esempio grondaie e tubi per acqua potabile) profili per finestra, pavimenti vinilici, film rigido e plastificato per imballi e cartotecnica.<br />In termini applicativi, il PVC è la materia plastica più versatile conosciuta. È il "vinile" per antonomasia usato per la produzione dei dischi. IL PVC è alquanto sicuro fino a quando non brucia : gli atomo di Cl vengono rilsciati e questi inibiscono la combustione<br />
  23. 23. Ci sono molti tipi di plastica, ma tutte si basano su uno o due piccole molecole di partenza e una reazione a catena che collega centinaia o migliaia di queste piccole molecole in lunghe catene di diramazione o catene. Controllando la lunghezza e la ramificazione, è possibile controllare la durezza finale o la flessibilità del polimero maggiorato di qualità come la resistenza ai solventi, acidi, o calore.<br />
  24. 24. La plastica è uno dei principali componenti dei rifiuti solidi; inoltre, dato che non è biodegradabile e che produce diossina se bruciata, è fondamentalericiclarla quanto più possibile. .<br />
  25. 25.
  26. 26. CODICE RICICLO<br />1PETE o PETPolietilene tereftalato o arniteRiciclato per la produzione di fibre poliestere, fogli termoformati, cinghie, bottiglie per bevande. (vedi: Riciclaggio delle bottiglie in pet)<br />2HDPEPolietilene ad alta densità Riciclato per la produzione di contenitori per liquidi, sacchetti, imballaggi, tubazioni agricole, basamenti a tazza, paracarri, elementi per campi sportivi e finto legno.<br />3PVC o VCloruro di polivinileRiciclato per tubazioni, recinzioni, e contenitori non alimentari.<br />4LDPEPolietilene a bassa densitàRiciclato per sacchetti, contenitori varii, dispensatori, bottiglie di lavaggio, tubi, e materiale plastico di laboratorio.5<br />PPPolipropilene o MoplenRiciclato per parti nell'industria automobilistica e per la produzione di fibre.<br />6PSPolistirene o PolistiroloRiciclato per molti usi, accessori da ufficio, vassoi per cucina, giocattoli, videocassette e relativi contenitori, pannelli isolanti in polistirolo espanso (es. Styrofoam).<br />7ALTRIAltre plastiche, tra le quali Polimetilmetacrilato, Policarbonato, Acido polilattico, Nylon e Fibra di vetro.<br />
  27. 27. RACCOLTA DIFFERENZIATAIMBALLAGGI DI PLASTICA<br />
  28. 28. CICLO DELLA PLASTICA<br />
  29. 29. CONTINUA……<br />
  30. 30. CD DI PLASICA RICICLATA<br />
  31. 31. OGGETTI REALIZZATI CON PLASTICA RICICLATA<br />
  32. 32. LE NUOVE FRONTIERE<br />Le bioplastiche :un'alternativa<br />
  33. 33. DAL PETROLIO AL MAIS<br />
  34. 34. BIOPLASTICA<br />La bioplastica è un tipo di plastica biodegradabile in quanto derivante da materie prime vegetali rinnovabili annualmente. Il tempo di decomposizione è di qualche mese in compostaggio contro i 1000 anni richiesti dalle materie plastiche sintetiche derivate dal petrolio.<br />Le plastiche bio attualmente sul mercato: Mater-Bi, Pla Ingeo, Biolice, Biotec, Biograde, Cereplast Compostables sono composte principalmente da farina o amido di mais, grano o altri cereali. Oltre ad essere organiche col vantaggio della biodegradabiità (in accordo con la Norma Europea EN 13432 e con i programmi di certificazione rilasciati da primari enti internazionali), hanno il pregio di non rendere sterile il terreno sul quale vengono depositate. La Bioplastica, dopo l’ uso, consente di ricavare concime fertilizzante dai prodotti realizzati come biopiatti, biobicchieri, bioposate e di impiegarlo per l'agricoltura.<br />Ad oggi tali prodotti sono prevalentemente in polietilene, polipropilene, ecc... materiali esclusivamente sintetici ricavati dal petrolio, difficilmente riciclabili. La Bioplastica, in agricoltura per la pacciamatura sotto forma di biotelo risolve il problema dello smaltimento in quanto la pellicola è lasciata a decomporsi naturalmente sul terreno<br />
  35. 35. ADDIO BUSTE DI PLASTICA<br />

×