Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Cabrini 29 6 09

1,738 views

Published on

Published in: Business
  • Be the first to comment

Cabrini 29 6 09

  1. 1. QUALITA’ dell’ARIA e PATOLOGIA nelle ZONE ad ALTA DENSITA’ INDUSTRIALE<br />AZIENDA USL TARANTO<br />S.C. Statistica Epidemiologica<br />Dipartimento di Prevenzione<br />
  2. 2. Fonti delle emissioni di inquinanti atmosferici<br /><ul><li>La maggiore fonte d'inquinamento atmosferico </li></ul> nei centri urbani<br /> (inquinamento atmosferico urbano) <br />è costituita dal traffico veicolare.<br /><ul><li>In misura minore contribuiscono </li></ul>il riscaldamento degli insediamenti civili<br />e le emissioni delle zone industriali.<br />
  3. 3. 1<br />I principali <br />INQUINANTI ATMOSFERICI<br />in AMBITO URBANO<br /><ul><li>INQUINANTI CONVENZIONALI
  4. 4. INQUINANTI </li></ul>NON CONVENZIONALI<br /><ul><li>_ Biossido di Zolfo (SO2)
  5. 5. _ Monossido di Carbonio (CO)
  6. 6. _ Biossido di Azoto (NO2)
  7. 7. _ Particolato Totale Sospeso </li></ul> (PTS)<br /><ul><li>_ Ozono (O3)</li></ul>NOTA: <br /> per inquinanti convenzionali si intendono <br /> gli inquinanti tradizionalmente indicati <br /> dal legislatore in materia di monitoraggio <br /> della qualità dell’aria.<br /><ul><li>_ Polveri Fini (PM10)
  8. 8. _ Benzene (C6H6)
  9. 9. _ Idrocarburi Policiclici </li></ul> Aromatici (IPA)<br />NOTA: <br /> la misura delle concentrazioni di PM10, <br /> benzene ed IPA nei centri urbani<br /> è abbastanza recente. <br /> Il DM 15 Aprile 1994 ha per la prima volta <br /> imposto alle città con più di 150.000 abitanti <br /> di misurare, tra gli altri, questi inquinanti,<br /> detti per l’appunto non convenzionali.<br />
  10. 10. INQUINANTI ATMOSFERICI<br /> EFFETTI sulla SALUTE<br />OSSIDI di ZOLFO <br />(SOx)<br /><ul><li> AZIONE IRRITANTE per l’APP.RESPIR.</li></ul> (max in bambini ed anziani)<br /><ul><li>  AUMENTO della MORTALITA’ GENER.</li></ul> da MALATTIE RESPIRATORIE<br /> <br />  -<br /><ul><li> DANNO a CARICO dell’APP. RESPIRATORIO</li></ul>OSSIDI di AZOTO <br />(NOx)<br /> <br />      -<br /><ul><li> AZIONE IRRITANTE
  11. 11. AZIONE ALLERGENIZZANTE
  12. 12. TRASPORTO di CANCEROGENI</li></ul>POLVERI SOSPESE<br /> <br /><ul><li> INTOSSICAZIONE da CARBOSSIEMOGOBLINA</li></ul> (ipossia degli organi) <br />OSSIDI di CARBONIO <br />(CO)<br />    <br />    -   <br /><ul><li> AZIONE CANCEROGENETICA (BENZOPIRENE): </li></ul>Tumore del Polmone<br />IDROCARBURI POLICICLICI AROMATICI (IPA)<br />     <br />-<br />PIOMBO (PB)<br /><ul><li> INTOSSICAZIONE</li></ul>   <br />·       -<br />
  13. 13. PREMESSA<br /><ul><li> La stima degli effetti sanitari</li></ul>dell’inquinamento atmosferico<br /> è da considerare un problema molto complesso.<br /><ul><li> Esso viene attualmente studiato </li></ul>attraverso una moltitudine di approcci metodologici<br />in continua evoluzione. <br />
  14. 14. 1<br />Gruppi della popolazione <br />maggiormente sensibili<br />agli effetti dell’inquinamento atmosferico<br />Tutti i più recenti studi epidemiologici<br /> hanno segnalato <br />l’esistenza di sottogruppi <br />della popolazione <br />particolarmente sensibili <br /> agli effetti sanitari<br /> dell’inquinamento atmosferico. <br />
  15. 15. 2<br />Gruppi della popolazione <br />maggiormente sensibili<br />agli effetti dell’inquinamento atmosferico<br />Essi sono:<br /><ul><li>i bambini
  16. 16. gli anziani
  17. 17. gli individui affetti </li></ul> da patologie cardiovascolari e respiratorie <br /> o in generale da <br /> malattie croniche debilitanti<br />
  18. 18. L’ apparato respiratorio rappresenta, assieme alla cute, <br />la più importante interfaccia <br />dell’ uomo con l’ambiente: <br />dunque, è quello che maggiormente risente <br />dei fattori ambientali di usura,<br />di invecchiamento.<br />CUTE<br />1,5 – 2,0 m2<br />Superficie respiratoria: 60 m2 <br />+<br />superficie albero broncopolmonare: 70 m2<br />130 m2<br />
  19. 19. Gli EFFETTI SANITARI dell’INQUINAMENTO ATMOSFERICO<br />Gli EFFETTI SANITARI dell’INQUINAMENTO ATMOSFERICO <br />sono tradizionalmente distinti in<br />
  20. 20. EFFETTI sulla SALUTE derivanti dall’INALAZIONE e dal CONTATTO <br />con ARIA INQUINATA<br /><ul><li>EFFETTI a BREVE TERMINE
  21. 21. EFFETTI a LUNGO TERMINE</li></ul>MOLESTIA e IRRITAZIONE<br />BRONCHITE CRONICA<br />TOSSICITA’ SPECIFICA<br />TUMORE POLMONARE<br />AFFEZIONI RESPIRATORIE ACUTE<br />MORTALITA’<br />MORTALITA’<br />
  22. 22. EFFETTI a LUNGO TERMINE<br /> dell’INQUINAMENTO ATMOSFERICO<br />
  23. 23. STUDI sugli EFFETTI a LUNGO TERMINE<br />Mortalità<br />Totale<br />Mortalità <br />e Ricoveri <br />Cardiopolmonari<br />Incidenza e Mortalità<br /> per <br />Cancro del Polmone<br />
  24. 24. EFFETTI a BREVE TERMINE<br /> dell’INQUINAMENTO ATMOSFERICO<br />
  25. 25. Inquinamento e Salute: Piramide degli EFFETTI a BREVE TERMINE<br />Gravità<br />dell’effetto<br />Effetti osservati <br />lo stesso giorno dell’esposizione <br />o nei successivi<br />Mortalità<br />Ricoveri Ospedalieri<br />Visite al Pronto Soccorso<br />Visite Mediche<br />Riduzione delle capacità fisiche<br />Uso di Farmaci<br />Sintomi<br />Alterazione della Funzionalità Polmonare<br />Effetti Sub-Clinici<br />Proporzione di popolazione affetta<br />
  26. 26. STUDI sugli EFFETTI SANITARI <br />a BREVE TERMINE<br /><ul><li>La comparabilità dei risultati raggiunti</li></ul> è attualmente maggiore rispetto al passato, <br /> perché gli studi più recenti hanno disegni <br /> e metodologie di analisi sempre più simili <br /> grazie alle esperienze sviluppate nel contesto <br /> delle cosiddette meta-analisi (studi multicentrici), <br /> come gli studi<br /><ul><li>NMMAPS I e II</li></ul>(condotti negli USA)<br /><ul><li>APHEA I e II</li></ul>(condotti in Europa)<br /><ul><li>MISA I e II</li></ul>(condotti in Italia).<br />
  27. 27. MISA 2 <br />Meta-analisi Italiana <br />degli Studi sugli <br />Effetti a Breve Termine<br /> dell’Inquinamento Atmosferico<br />
  28. 28. MISA-2 Metanalisi Italiana Salute-Ambiente<br />Milano<br />Torino <br />Verona<br />Mestre Venezia<br />Trieste<br />Genova <br />Bologna<br />Ravenna<br />Firenze<br />Pisa<br />Roma<br />Napoli<br />Taranto (1999-2002)<br />Catania<br />Palermo<br />Misa-2<br />
  29. 29. DATI AMBIENTALI<br /> UTILIZZATI per lo STUDIO MISA<br /> INQUINANTI ATMOSFERICI<br />1<br />STAZIONI di RILEVAMENTO<br />2<br />SERIE TEMPORALI<br />3<br />PARAMETRI METEOROLOGICI<br />4<br />
  30. 30. 1<br />M I S A 2 <br />- RISULTATI -<br /><ul><li>Gli effetti degli inquinanti sono espressi come variazioni </li></ul> percentuali di mortalità o ricovero ospedaliero<br />per incrementi di 10mg/m3 per SO2, NO2 e PM10 <br /> e di 1mg/m3 per il CO;<br /><ul><li>si è osservato un aumento
  31. 31. della mortalità giornaliera </li></ul>per tutte le cause naturali<br />collegato ad incrementi <br />della concentrazione degli <br />inquinanti atmosferici considerati <br /><ul><li>della mortalità per cause cardiorespiratorie </li></ul>e <br /><ul><li>della ricoverabilità per malattie cardiache e respiratorie</li></li></ul><li>Considerazioni sui risultati dei principali studisugli effetti sanitari a breve termine dell’inquinamento atmosferico<br /><ul><li>La variazione percentuale del numero di ricoveri </li></ul> per cause respiratorie risulta essere maggiore rispetto<br /> a quella dei ricoveri cardiovascolari.<br /><ul><li>L’inquinante atmosferico maggiormente correlato</li></ul> con gli effetti sanitari a breve termine risulta essere il …<br />PM10<br />...<br />
  32. 32. MISA - 2<br />CONCLUSIONI<br /><ul><li>Il risultato di MISA-2 suggerisce</li></ul> che l’effetto <br />dell’esposizione all’inquinamento atmosferico <br />nelle 15 città che hanno partecipato allo studio<br /> è responsabile di almeno<br /> 2000 decessi all’anno<br />
  33. 33.                                            <br />Perché TARANTO è stata inserita nello studio MISA???<br />
  34. 34.                                            <br />Taranto avantieri<br />Taranto ieri ed oggi<br />
  35. 35. L’OMS<br /> ha condotto sulle cosiddette<br /> aree a rischio <br />in Italia <br />(circa 15) <br />un’analisidi mortalità<br />che ha consentito di verificare <br />la presenza effettiva,<br /> in Puglia,<br /> di due aree a rischio ambientale: <br />Brindisi e Taranto.<br />
  36. 36. OMS … 1997 ASL … 2002<br />Roma OMS: Confronto dati mortalità tramite calcolo<br />SMR (Rapporto Standardizzato di Mortalità) tra Taranto, Area a elevato rischio ambientale (Taranto, Statte, Massafra, Montemesola, Crispiano) e Regione Puglia:<br />“I risultati degli studi dal 1980 al 1994 aggiornati dalla ASL al 2002, mostrano che gli indici di mortalità (SMR) per neoplasie e nello specifico per Cancro del Polmone, della Pleura e della Vescica risultano più elevati nei comuni di Taranto e Statte rispetto al resto dell’Area a rischio ambientale”.<br /> <br />Asl TA – S.C. Statistica ed Epidemiologia - Dipartimento di Prevenzione <br />
  37. 37. AREE ad elevato RISCHIO AMBIENTALE in ITALIA<br />
  38. 38. Taranto: <br />area ad elevato rischio <br />di crisi ambientale<br />Mortalità generale 1990-94<br />Mortalità: tutti i tumori 1990-94<br />Martuzzi M, Mitis F, Biggeri A, Bertollini R. Areas at high environmental risk in Italy. ISEE 2000, Buffalo, New York<br />
  39. 39. Significativo<br />Non significativo<br />Tumore alla trachea, ai bronchi e ai polmoni: uomini<br />LOS<br />VALBORMIDA<br />POPOLESINE<br />POdiVOLANO<br />CONOIDI<br />MASSA<br />MANFREDONIA<br />NAPOLI<br />SARNO<br />TARANTO<br />BRINDISI<br />PORTOSCUSO<br />CROTONE<br />AUGUSTA<br />GELA<br />50<br />70<br />90<br />110<br />130<br />150<br />170<br />SMR<br />OMS<br />
  40. 40. LOS<br />VAL BORMIDA<br />POPOLESINE<br />PO di VOLANO<br />CONOIDI<br />MASSA<br />MANFREDONIA<br />NAPOLI<br />SARNO<br />TARANTO<br />BRINDISI<br />PORTOSCUSO<br />CROTONE<br />AUGUSTA<br />GELA<br />Significativo<br />Non significativo<br />Tumore alla trachea, ai bronchi e ai polmoni: donne<br />50<br />70<br />90<br />110<br />130<br />150<br />SMR<br />OMS<br />
  41. 41. Significativo<br />Non significativo<br />Tumori al sistema linfoematopoietico: uomini<br />LOS<br />VAL BORMIDA<br />PO POLESINE<br />PO di VOLANO<br />CONOIDI<br />MASSA<br />MANFREDONIA<br />NAPOLI<br />SARNO<br />TARANTO<br />BRINDISI<br />PORTOSCUSO<br />CROTONE<br />AUGUSTA<br />GELA<br />60<br />80<br />100<br />120<br />140<br />160<br />SMR<br />OMS<br />
  42. 42. Studio OMS: Confronto SMR Area ad elevato rischio ambientale TARANTO – STATTE - CRISPIANO – MASSAFRA - MONTEMESOLA<br />
  43. 43. Studio OMS: Confronto SMR Area ad elevato rischio ambientale TARANTO - STATTE<br />
  44. 44. STATO DI SALUTE DELLA REGIONE PUGLIA 2006RAPPORTI STANDARDIZZATI DI MORTALITÀ PER TUMORE, PER COMUNE. PUGLIA, MASCHI, ANNI 1998 -2004<br />
  45. 45. STATO DI SALUTE DELLA REGIONE PUGLIA 2006<br />RAPPORTI STANDARDIZZATI DI MORTALITÀ PER TUMORE, PER COMUNE. PUGLIA, FEMMINE, ANNI 1998 -2004<br />
  46. 46. STATO DI SALUTE REGIONE PUGLIA Rapporti Standardizzati di Mortalità per tumori maligni di trachea, bronchi e polmoni, <br />per Comune. <br />Puglia, <br />Maschi e Femmine, anni 1998 – 2004.<br />
  47. 47. Studi recenti: aggregazione per comuni<br />Asl TA – OER Puglia: Analisi geografica di mortalità per tumori maligni. 2007<br />Gruppo 1: comuni a ridosso del polo industriale:<br /> Taranto e Statte<br />Gruppo 2: comuni compresi in un raggio di 10-20Km:<br />Carosino, Crispiano, Faggiano, Leporano, Massafra, Monteiasi, <br /> Montemesola, Monteparano, Palagiano, Pulsano, Roccaforzata, <br /> San Giorgio Ionico.<br />Gruppo 3: comuni compresi in un raggio di 20-30Km:<br />Castellaneta, Grottaglie, Lizzano, Mottola, Palagianello<br />Gruppo 4: comuni distanti oltre 30Km:<br />Avetrana, Fragagnano, Ginosa, Laterza, Manduria, <br /> Martina Franca, Maruggio, San Marzano, Sava, Torricella<br />N.B. L’area ad elevato rischio ambientale individuata dall’OMS comprende i comuni di Taranto, Statte, Massafra, Montemesola e Crispiano<br />
  48. 48. Risultati: tutti i tumori<br />Asl TA – OER Puglia: Analisi geografica di mortalità per tumori maligni. 2007<br />Distribuzione dell’SMR per tutti i tumori nei 4 gruppi di comuni aggregati della Provincia di Taranto<br />
  49. 49. Risultati: Tumore del Polmone<br />Asl TA – OER Puglia: Analisi geografica di mortalità per tumori maligni. 2007<br />Distribuzione dell’SMR per il tumore del Polmone nei 4 gruppi di comuni aggregati della Provincia di Taranto<br />
  50. 50. SMR Tumore maligno della Pleura <br />- sesso maschile<br />Asl TA – OER Puglia: Analisi geografica di mortalità per tumori maligni. 2007<br />
  51. 51. Risultati: Tumore della Pleura<br />Asl TA – OER Puglia: Analisi geografica di mortalità per tumori maligni. 2007<br />Distribuzione dell’SMR per il tumore della Pleura nei 4 gruppi di comuni aggregati della Provincia di Taranto<br />
  52. 52. Risultati: Tumori della Vescica<br />Asl TA – OER Puglia: Analisi geografica di mortalità per tumori maligni. 2007<br />Distribuzione dell’SMR per il tumore della Vescica nei 4 gruppi di comuni aggregati della Provincia di Taranto<br />
  53. 53. Risultati: Linfomi non Hodgkin<br />Asl TA – OER Puglia: Analisi geografica di mortalità per tumori maligni. 2007<br />Distribuzione dell’SMR per il Linfoma non Hodgkin nei 4 gruppi di comuni aggregati della Provincia di Taranto<br />
  54. 54. L’ECCESSO DI MORTALITA’ NEI COMUNI DI TARANTO E STATTE AGGREGATI<br />I Tumori maligni considerati (polmone, pleura, vescica e linfoma non hodgkin) presentano il maggior eccesso di mortalità nell’area del comune di Taranto e Statte (comuni a ridosso del polo industriale) rispetto agli altri gruppi comunali all’interno della Provincia.<br />I tumori maligni del Polmone e della Pleura presentano, nei Comuni di Taranto e Statte aggregati, il maggior eccesso di mortalità rispetto agli altri comuni capoluogo della Regione (dati statisticamente significativi nel sesso maschile).<br />
  55. 55. Nuove acquisizioni : dati di INCIDENZA <br />2007<br /><ul><li>Il registro tumori Jonico Salentino ha raccolto in via sperimentalei dati di incidenzadei tumori maligni per il triennio 1999-2001 nelle province di Taranto e Brindisi denunciando eccessi di incidenza dell’area del comune di Taranto rispetto al resto della Provincia per patologie tumorali comunemente associate a fattori ambientali e/o occupazionali come tumori pleurici, polmonari, vescicali, epatici e anche emolinfopoietici.</li></ul>Asl TA – S.C. Statistica ed Epidemiologia - Dipartimento di Prevenzione <br />
  56. 56. Nuove acquisizioni … Il futuro<br /><ul><li>Diversi lavori epidemiologici sono tuttora in corso anche </li></ul> in collaborazione con l’ARPA, ed in particolare si sta <br /> cercando di valutare quanto l’eccesso delle patologie <br /> oncologiche sia attribuibile ai fattori di rischio lavorativo e <br /> quanto possa essere attribuito agli inquinanti degli ambienti <br /> di vita (linkage tra dati sanitari e banche dati dell’ INPS). <br /> Infine, ormai improcrastinabile risulta l’avvio di un Registro<br /> Tumori regionale accreditato per disporre di dati di<br /> incidenza affidabili. <br />Asl TA – S.C. Statistica ed Epidemiologia - Dipartimento di Prevenzione <br />
  57. 57. Nuove acquisizioni … Conclusioni<br />… ma è del tutto evidente che non si debba e non si possa attendere l’esito di tali ulteriori studi per richiedere interventi più decisi attraverso norme più stringenti e strumenti di controllo più efficaci che puntino ad un deciso abbattimento delle emissioni di tutti gli inquinanti ed in particolare della diossina (principio di cautela)<br />Asl TA – S.C. Statistica ed Epidemiologia - Dipartimento di Prevenzione <br />

×