Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Progetto di ricerca su quotidiani online, usabilità e pubblicità

2,461 views

Published on

I risultati del progetto di ricerca condotto dall'Università di Udine e da Abot User, che riguarda il rapporto tra consultazione dei quotidiani online, la pubblicità che erogano e l'usabilità che ne deriva.

Published in: Business
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Progetto di ricerca su quotidiani online, usabilità e pubblicità

  1. 1. Internet e l’usabilità Uno strumento strategico per il business online. Quotidiani online, pubblicità e usabilità IAB Forum, Milano, 3-4 novembre 2009 Giorgio Brajnik Dipartimento di Matematica e Informatica – Università di Udine Luca Schibuola Usability Director – About User
  2. 2. About User: chi siamo
  3. 3. About User: un laboratorio per test utenti con eye tracking
  4. 4. About User: network di TSW Strategies
  5. 5. About User: principali clienti
  6. 6. L’usabilità
  7. 7. Cos’è l’usabilità <ul><li>È uno standard ISO: </li></ul><ul><li>“ l'efficacia, l'efficienza e la soddisfazione con le quali determinati utenti raggiungono determinati obiettivi in determinati contesti ” </li></ul><ul><li>È sempre riferita a qualcosa e qualcuno: </li></ul><ul><li>Non esiste una usabilità “assoluta” </li></ul>
  8. 8. L’usabilità nel web marketing <ul><li>L’usabilità è: </li></ul><ul><li>la misura e il modo con cui le persone nel web raggiungono i propri scopi </li></ul><ul><li>In una prospettiva pragmatica di Web marketing : </li></ul>quanto e come una interfaccia digitale strutturata (sito web) è in grado di convertire utenti in clienti
  9. 9. Organizzazione dei contenuti Definizione della architettura dell’informazione Validazione dell’architettura dell’informazione Validazione di usabilità Card Sorting Paper prototyping User testing Eye tracking I servizi di usabilità di About User Analisi dello stato e risoluzione principali barriere Analisi esperta: Analisi euristica + Simulazione euristica Analisi del mercato competitivo e ranking Analisi competitiva: Guidelines Inspection
  10. 10. Key points <ul><li>Fare marketing su Internet: </li></ul><ul><li>Si abbassano le barriere all’accesso </li></ul><ul><li>Si alzano le barriere al successo </li></ul><ul><li>Per ottenere un vantaggio competitivo è importante </li></ul><ul><li>sposare il punto di vista dei propri utenti </li></ul>
  11. 11. L'influenza della pubblicità sull'usabilità dei quotidiani online
  12. 12. Scopo <ul><li>Vedere se e come il livello del display advertising influisce sull' usabilità : </li></ul><ul><ul><li>capacità di trovare le informazioni </li></ul></ul><ul><ul><li>leggibilità degli articoli </li></ul></ul><ul><ul><li>fruizione della pubblicità </li></ul></ul><ul><ul><li>soddisfazione </li></ul></ul>
  13. 13. Variabili esaminate 1/3 <ul><li>Sono stati determinati 3 livelli di pubblicità: </li></ul><ul><ul><li>leggera: immagini statiche, non prominenti, testuale  C0 </li></ul></ul><ul><ul><li>saliente: animate, grosse dimensioni, centrali  C1 </li></ul></ul><ul><ul><li>prominente: popup, overlay, interstiziale  C2 </li></ul></ul>Per “livello di pubblicità” si intende sia perciò sia la prominenza che il formato
  14. 14. Esempio di livello C0 C0
  15. 15. Esempio di livello C1 e C2 C2 C1
  16. 16. Variabili esaminate 2/3 <ul><li>3 diversi compiti richiesti agli utenti: </li></ul><ul><ul><li>Navigazione libera  TS </li></ul></ul><ul><ul><li>Ricerca di uno specifico articolo  TN </li></ul></ul><ul><ul><li>Lettura del testo di un articolo  TL </li></ul></ul>
  17. 17. Variabili esaminate 3/3 <ul><li>Sono stati considerati i 5 più diffusi quotidiani online: Repubblica, La Stampa, Corriere, Il Sole 24 Ore e La Gazzetta </li></ul><ul><li>Il progetto ha testato intensivamente 3 di questi </li></ul><ul><li>I risultati relativi alla pubblicità sono generalizzabili ad altri quotidiani </li></ul>
  18. 18. Modalità sperimentali <ul><li>Campione utenti in target con profilo Nielsen </li></ul><ul><li>Siti live </li></ul><ul><li>Filtraggio banner e articoli tramite proxy ad hoc </li></ul><ul><li>Creazione e validazione dei questionari </li></ul><ul><li>Svolgimento di test pilota </li></ul>
  19. 19. Sintesi dei risultati <ul><li>Il livello di pubblicità influenza solo in parte l'usabilità </li></ul><ul><li>Influisce sulla leggibilità </li></ul><ul><li>Influisce sulla soddisfazione globale, non sull'attenzione suscitata </li></ul><ul><li>Ci sono grosse differenze sulle osservazioni e la capacità di attirare attenzione </li></ul><ul><li>I quotidiani influiscono su questi effetti </li></ul>
  20. 20. Leggibilità per livello di pubblicità
  21. 21. Durata delle osservazioni di zone pubblicitarie per livello
  22. 22. Durata delle osservazioni su compito e livello
  23. 23. Atteggiamento e pubblicità <ul><li>Soddisfazione globale </li></ul><ul><li>Benché nel caso di pubblicità leggera e saliente la percentuale di soddisfatti sia maggiore, il 57% degli utenti si dice comunque soddisfatto dopo aver navigato con pubblicità prominente </li></ul><ul><li>Interesse </li></ul><ul><li>Il livello della pubblicità non lo influenza </li></ul><ul><li>Il task invece lo influenza: la navigazione libera (TS) suscita l’interesse maggiore </li></ul>
  24. 24. Usabilità e pubblicità <ul><li>Efficienza </li></ul><ul><li>Il tempo necessario a completare i compiti aumenta del 9% nel caso della pubblicità saliente (pubblicità animata o di grosse dimensioni) </li></ul><ul><li>Efficacia </li></ul><ul><li>La pubblicità saliente riduce di poco la capacità di raggiungere l'obiettivo </li></ul><ul><li>La pubblicità prominente (C2) ha comunque causato più problemi agli utenti (+16%) </li></ul>
  25. 25. Leggibilità e pubblicità <ul><li>La leggibilità riguarda il compito di lettura: indica quanto bene le persone hanno compreso l'articolo letto e in quanto tempo </li></ul><ul><li>La pubblicità prominente incide sulla comprensione dei contenuti </li></ul><ul><li>Il layout del quotidiano influisce sulla leggibilità e si combina con essa </li></ul><ul><li>Passare da pubblicità saliente a prominente diminuisce la comprensibilità: -16% </li></ul>
  26. 26. Eye tracking
  27. 27. Eye tracking: osservazione della pubblicità <ul><li>La durata delle osservazioni della pubblicità leggera (immagini statiche, non prominenti, testuale) è simile a quella saliente ; quella prominente è molto maggiore (doppia). </li></ul><ul><li>Il layout del quotidiano agisce sui entrambi i livelli </li></ul><ul><li>Nel compito di lettura la pubblicità prominente è vista più a lungo di quella leggera e saliente. </li></ul><ul><li>Cosa viene visto per primo? </li></ul><ul><li>La pubblicità prominente, poi i contenuti, poi il resto della pubblicità </li></ul><ul><li>L'effetto è maggiore durante la lettura rispetto alla navigazione </li></ul>
  28. 28. Eye tracking: osservazione della pubblicità <ul><li> Anche la pubblicità meno evidente è consultata </li></ul><ul><li> Il livello di attenzione non cambia rispetto al livello di pubblicità </li></ul><ul><li> Il layout del quotidiano concorre a rinforzarla </li></ul><ul><li> È importante pianificare con accuratezza la pubblicità nelle pagine degli articoli </li></ul>
  29. 29. Eye tracking: ricorrenza della pubblicità <ul><li>Ricorrenza: quanto si torna a osservare un banner? Concetto da correlare alla brand awareness </li></ul><ul><li>Non c'è un effetto dovuto al livello di pubblicità </li></ul><ul><li>È maggiore quando non si legge un articolo specifico </li></ul><ul><li>Il layout del quotidiano la influenza </li></ul><ul><li> la ricorrenza non è determinata dal “carico” della pubblicità : la pubblicità testuale ha lo stesso effetto (rispetto alla ricorrenza) di un rich media prominente </li></ul><ul><li> invece è influenzata da quello che fa un utente (dal compito): la lettura di un articolo la abbassa </li></ul>
  30. 30. Conclusioni finali <ul><li>La pubblicità online influisce in maniera diversa a seconda dell'indice di usabilità considerato (per esempio: leggibilità, efficacia, tempo) </li></ul><ul><li>Il modo di includerla nei quotidiani e l'attività dell'utente influiscono su tali effetti </li></ul><ul><li>La fruizione della pubblicità dipende da cosa fa l'utente, dal suo atteggiamento e dal quotidiano </li></ul><ul><li>Non sempre la pubblicità prominente ottiene il meglio </li></ul><ul><li>Spesso la pubblicità leggera e quella saliente si equivalgono </li></ul>
  31. 31. Linee-guida - 1 <ul><li>La pubblicità prominente viene vista più a lungo nella pagina di un articolo, ma va usata con attenzione perché: </li></ul><ul><ul><li>abbassa la soddisfazione d’uso </li></ul></ul><ul><ul><li>causa problemi di interazione </li></ul></ul><ul><ul><li>riduce la comprensione dei contenuti letti </li></ul></ul><ul><li>Nel compito di navigazione si consulta di più la pubblicità: prevedere perciò di incrementare la pubblicità nelle pagine che indicano una navigazione attiva dell’utente: pagine di ricerca, di archivio, eventuali mappe. Il behavioral targeting può essere lo strumento per intercettare questo interesse e erogare di conseguenza la pubblicità </li></ul>
  32. 32. Linee-guida - 2 <ul><li>Insieme alla pianificazione pubblicitaria è necessario fare una analisi accurata del quotidiano, dato che il suo layout influenza in modo significativo la consultazione della pubblicità </li></ul><ul><li>Lato eye tracking, la pubblicità leggera è comunque vista, in modo simile a quella saliente. La pubblicità che ha meno impatto non è meno vista </li></ul><ul><li>Si può fare brand awareness anche con pubblicità più leggera (C0 e C1), dato che la ricorrenza per essa è buona (non dipende dal livello) </li></ul>
  33. 33. About User s.r.l. Via Calmaggiore 25  31100 Treviso (TV) Tel. 0422 582465 Fax 0422.557302 Luca Schibuola Usability Director [email_address] Grazie per l’attenzione! Web: www.aboutuser.com Blog: blog.aboutuser.com

×