Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

of

20180128 report campus_bio Slide 1 20180128 report campus_bio Slide 2 20180128 report campus_bio Slide 3 20180128 report campus_bio Slide 4 20180128 report campus_bio Slide 5 20180128 report campus_bio Slide 6
Upcoming SlideShare
What to Upload to SlideShare
Next
Download to read offline and view in fullscreen.

0 Likes

Share

Download to read offline

20180128 report campus_bio

Download to read offline

I progetti sono stati realizzati con i fondi derivanti dall’Accordo di Programma siglato tra Eni e Regione Basilicata nel 2014 per l’erogazione delle annualità pregresse del Protocollo d’Intenti del 1998

Related Books

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

Related Audiobooks

Free with a 30 day trial from Scribd

See all
  • Be the first to like this

20180128 report campus_bio

  1. 1. 1 Un progetto di Regione Basilicata e FEEM
  2. 2. 2 Un progetto di Regione Basilicata e FEEM CAMPUS DELLE BIODIVERSITA' REPORT INFORMAZIONI GENERALI Linea di intervento: 3 - Sostenibilità Ambientale Linea progettuale: TURISMO Sito internet: https://www.ipaafortunatopz.gov.it/ Budget: 800.000 euro Periodo attività: gennaio 2015 – ottobre 2017 Luogo: Comune di Sant'Arcangelo, Potenza e Lagopesole Soggetti proponenti: Istituto Professionale Servizi per l'Agricoltura e lo Sviluppo Rurale “G.Fortunato” - Sant'Arcangelo (PZ) Adesioni: C.R.A. - Unità di Ricerca per la Viticoltura di Arezzo Il settore vitivinicolo sta vivendo in Basilicata una stagione molto importante dal punto di vista produttivo. La parola chiave è “qualità”, dove per qualità si intende ecosostenibilità, controlli rigorosi e legame con il territorio. Molte delle Denominazioni di Origine lucane, tra cui quelle vinicole dell’area della Val D’Agri, come la DOP “Grottino di Roccanova” e la DOP “Terre dell’alta Val D’Agri”, sono fortemente legate al territorio e alle aree naturali istituite o da istituire. I Consorzi di Tutela delle DOP di quest’area, insieme con alcuni G.A.L., le Amministrazioni comunali e il C.R.A. (Centro di Ricerca per l’Agricoltura) – Unità di Ricerca per la Viticoltura di Arezzo, stanno portando avanti già dal 2005 alcuni progetti di sperimentazione, rivolti al miglioramento qualitativo della viticoltura e dell’enologia di questo territorio. La riforma della scuola secondaria del 2010 ha interessato in maniera particolare gli Istituti Professionali ad indirizzo Agrario, modificandone il percorso di studi in direzione di una maggiore attenzione alle discipline che guardano con interesse al settore agro-industriale e alle sue moderne trasformazioni e orientando la figura del diplomato in “Servizi per l'agricoltura e lo sviluppo rurale” verso la valorizzazione, produzione e commercializzazione dei prodotti agro-industriali, nell’ottica moderna di integrazione tra attività agricole/commerciali e territorio. E’ in questo panorama, e grazie all’intensa collaborazione tecnico-scientifica tra l’Istituto Professionale Servizi per l’Agricoltura “G. Fortunato” di Sant’Arcangelo e il C.R.A. di Arezzo, che nasce il progetto “Campus della Biodiversità”. Il progetto Il progetto “Campus delle Biodiversità” prevede la realizzazione di alcune strutture in grado di svolgere attività di ricerca, analisi e formazione utili allo sviluppo dei settori vitivinicolo ed agroalimentare del territorio di Sant’Arcangelo e dell’intera regione. Il progetto si articola in tre attività laboratoriali: la Cantina di Microvinificazione, il Laboratorio di Analisi Chimico-Fisiche degli Alimenti/Analisi Ambientali e il Laboratorio Multifunzionale per la Produzione di Conserve Alimentari. La Cantina Sperimentale di microvinificazione rappresenta una novità assoluta in termini di potenzialità di formazione specialistica. Le attività di ricerca e formazione professionale in campo vitivinicolo, oltre a rappresentare per i neodiplomati un’importante opportunità lavorativa nel proprio territorio in un settore in via di sviluppo, costituisce un punto di riferimento fondamentale per il miglioramento dei vini dell’intero comparto vitivinicolo della Basilicata meridionale. Ad esempio, le attività svolte dalla Cantina diventano indispensabili durante il periodo pre vendemmia, fornendo ai viticoltori un’importante servizio per la determinazione delle condizioni ottimali di vendemmia in funzione delle diverse tipologie di vini. Tenuto conto che l'attenzione degli imprenditori agricoli nei confronti della la valorizzazione, della produzione (e conseguente confezionamento) e della commercializzazione dei prodotti agro-alimentari è sempre maggiore, alla Cantina di Microvinificazione si affianca un Laboratorio di analisi chimico-fisiche degli alimenti – analisi ambientali, in cui si certificano i requisiti chimico-fisici degli alimenti, per il rilascio delle certificazioni per le produzioni tipiche e per quelle biologiche, e si eseguono analisi del terreno e delle acque.
  3. 3. 3 Un progetto di Regione Basilicata e FEEM Il progetto si completa con la creazione di un Laboratorio multifunzionale per la produzione di conserve alimentari, per la preparazione di marmellate, miele, sott’oli, sottaceti, frutta sciroppata e diversi tipi di conserve. La struttura servirà sia per attività didattiche che di formazione per gli operatori adulti che vogliano avviare l’attività nelle loro aziende. Foto: vigneti coltivati all’esterno dell’’Istituto Foto: la struttura che ospiterà la Cantina e i Laboratori Obiettivi Il progetto “Campus delle Biodiversità” ha molteplici obiettivi. L’obiettivo generale, legato alla realizzazione della Cantina di microvinificazione, è il miglioramento qualitativo del settore della viticoltura in Basilicata, realizzando un’attività di servizio al territorio, attraverso l’esecuzione di analisi specifiche, di ricerche mirate e di consulenza sul periodo ottimale di vendemmia in funzione delle diverse tipologie di vini, in un’area, quella del Medio-Agri, ad elevata vocazione agricola, in cui le potenzialità produttive sono molto elevate. La realizzazione della Cantina e del Laboratorio di analisi chimico fisiche degli alimenti, così come del Laboratorio per la produzione di conserve alimentari, e le attività ad essi correlate, daranno inoltre la possibilità agli studenti o a chi ne fosse interessato di una formazione professionale specifica, con evidenti e positive ricadute anche dal punto di vista occupazionale. Beneficiari I primi beneficiari del progetto sono i giovani diplomati all’Istituto “G. Fortunato” di Sant’Arcangelo che, oltre a partecipare attivamente alla progettazione e alla realizzazione della Cantina e dei laboratori, hanno la possibilità di accedere ad un percorso formativo nuovo e ricco di sbocchi occupazionali, soprattutto nella loro terra di origine. Anche il compartimento vinicolo della Basilicata può trarre numerosi benefici dalle attività della Cantina e del Laboratorio di analisi. Considerata inoltre la valenza nazionale e internazionale che i responsabili hanno dato al progetto e le sue caratteristiche di replicabilità su territori differenti, la platea dei beneficiari si allarga all’intero panorama nazionale ed estero. Opportunità e criticità La Cantina sperimentale di microvinificazione sviluppa nuove opportunità di crescita sia in termini di formazione professionale e specialistica, sia in termini di inserimento nel mondo del lavoro. Il Laboratorio di analisi chimico fisiche degli alimenti, svolgendo analisi multi residuali (ricerca negli alimenti dei residui dei prodotti fitosanitari), rappresenta un progetto molto competitivo anche a livello nazionale (si pensi che in Italia, ne esiste solo un altro con caratteristiche simili, a Bologna). Benefici attesi Il progetto Campus delle Biodiversità rappresenta una grande opportunità di sviluppo della viticoltura e dell’enologia del territorio di riferimento, anche attraverso la creazione di rapporti di collaborazione/prestazione tecnico scientifica tra i rappresentanti del nuovo comparto vitivinicolo della Basilicata. Dalle attività di formazione professionale realizzate dal progetto ci si aspetta una ricaduta positiva in termini occupazionali che darebbe ai giovani lucani non solo il vantaggio di poter lavorare, ma quello ancora più grande di poterlo fare nel proprio territorio, contribuendone alla crescita e allo sviluppo.
  4. 4. 4 Un progetto di Regione Basilicata e FEEM Stato dell’arte Ad aprile 2016 sono stati avviati tutti gli adempimenti preliminari ed è stato pubblicato il bando per l'affidamento dei lavori di ristrutturazione dell’edificio scelto come sede della Cantina di Microvinificazione (precedentemente adibito a officina e deposito attrezzi), stipulando le convenzioni con i Partner di progetto. Nel mese di dicembre 2016 il progetto è entrato nella fase esecutiva con la stipula del contratto con l'impresa aggiudicataria, l'affidamento della direzione dei lavori e l'inizio delle attività di ristrutturazione, a settembre 2016. A settembre 2017 si sono conclusi i lavori di ristrutturazione dell’edificio e si è provveduto all’acquisto delle attrezzature. La cantina è stata inaugurata con un evento pubblico, alla presenza delle Istituzioni, delle scuole e della cittadinanza, il 23 ottobre 2017. Il progetto è concluso. La cantina di microvinificazione e i laboratori hanno cominciato a svolgere le loro attività. Pianta della Cantina di Microvinificazione e dei Laboratori sperimentali
  5. 5. 5 Un progetto di Regione Basilicata e FEEM Goals SdGS individuati nell’ambito del progetto: Da sempre la Terra ha donato frutti per il sostentamento dei popoli. Il progetto Campus delle Biodiversità ha colto in pieno questo prezioso insegnamento. La Cantina di microvinificazione, all’interno dell’Istituto Professionale “G. Fortunato”, realizza un’attività di servizio al territorio, attraverso l’esecuzione di analisi specifiche, di ricerche mirate e di consulenza sul periodo ottimale di vendemmia in funzione delle diverse tipologie di vini. Il laboratorio per la preparazione di conserve alimentari, con formazione professionale e specializzata, ha dotato, inoltre, il territorio di opportunità e conoscenze, come il laboratorio analisi sensoriale, replicabile anche in altre regioni italiane.
  6. 6. 6 Un progetto di Regione Basilicata e FEEM

I progetti sono stati realizzati con i fondi derivanti dall’Accordo di Programma siglato tra Eni e Regione Basilicata nel 2014 per l’erogazione delle annualità pregresse del Protocollo d’Intenti del 1998

Views

Total views

42

On Slideshare

0

From embeds

0

Number of embeds

2

Actions

Downloads

2

Shares

0

Comments

0

Likes

0

×