Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Slide novità credito di imposta dalla Legge di Bilancio 2017

91 views

Published on

La legge di bilancio 2017 incrementa, amplia e semplifica il credito d’imposta sulla ricerca, introdotto dall’art. 3 del Dl 145/2013 e attuato con il DM del 27 maggio 2015.

Published in: Economy & Finance
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Slide novità credito di imposta dalla Legge di Bilancio 2017

  1. 1. Aspetti Disciplina fino all’esercizio in corso al 31 dicembre 2016 Disciplina dall’esercizio successivo a quello in corso al 31 dicembre 2016 Requisito soggettivo Tutte le imprese residenti nel territorio dello stato o le stabili organizzazioni nel territorio dello Stato di soggetti non residenti (non rileva forma giuridica, settore economico o regime contabile adottato) che investono in ricerca Si aggiungono le imprese residenti o le stabili organizzazioni nel territorio dello Stato di soggetti non residenti che eseguono le attività di ricerca e sviluppo nel caso di contratti stipulati con imprese residenti o localizzate in altri Stati membri della Ue, negli Stati aderenti all'accordo sul SEE ovvero in Stati compresi nell'elenco di cui al decreto del MEF 04/091996 Periodo applicazione Fino all’esercizio in corso al 31/12/2019 Fino all’esercizio in corso al 31/12/2020 Misura del credito Credito massimo annuale, complessivamente non superiore a 5 milioni di euro Misura distinta collegata alla spesa incrementale delle distinte tipologie di oneri: 50 o 25% di credito d’imposta Credito massimo annuale, complessivamente non superiore a 20 milioni di euro Misura unica per tutte le tipologie di oneri: 50% Novità credito imposta investimenti in ricerca nella Legge di Bilancio 2017
  2. 2. Aspetti Disciplina fino all’esercizio in corso al 31 dicembre 2016 Disciplina dall’esercizio successivo a quello in corso al 31 dicembre 2016 Condizioni limiti soggettivi e oggettivi Spese minime per attività di ricerca e sviluppo almeno pari a euro 30.000 annui (sommatoria di tutte le categorie di spesa previste). Doppio limite: 1) generale di spettanza del credito collegato all’ammontare della spesa annua complessiva almeno pari a euro 30.000 2) specifico collegato alla spesa incrementale delle distinte tipologie di oneri, che danno diritto alle due aliquote 50 o 25% di credito d’imposta Spese minime per attività di ricerca e sviluppo almeno pari a euro 30.000 annui (sommatoria di tutte le categorie di spesa previste). Unico limite: 1) generale di spettanza del credito collegato all’ammontare della spesa annua complessiva almeno pari a euro 30.000 Costi ammissibili: costi di personale impiegato nelle attività di ricerca e sviluppo Ammesso: personale altamente qualificato in possesso di un titolo di dottore di ricerca, ovvero iscritto ad un ciclo di dottorato presso una università italiana o estera, ovvero in possesso di laurea magistrale in discipline di ambito tecnico o scientifico secondo la classificazione UNESCO Isced (International Standard Classification of Education) Non ammesso: personale con mansioni amministrative, contabili, commerciali, ecc. I costi del personale sono ammessi senza particolari qualifiche e profili a condizione che sia impiegato nelle attività di ricerca Novità credito imposta investimenti in ricerca nella Legge di Bilancio 2017

×