Gita trento

478 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
478
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
228
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Gita trento

  1. 1. Il castello del Buonconsiglio Di Sharon Donà , Anna Gallo e Giada Lunardi
  2. 2. Tutto è iniziato… Dopo il pranzo al sacco nella caserma Pizzolato, abbiamo preso il pullman che ci ha portati in pochi minuti al Castello del Buonconsiglio. Ad accoglierci c’erano le nostre due guide, che ci hanno condotti all’interno delle mura. Ci è stata spiegata la storia del castello e le sue origini.
  3. 3. I principi vescovi a Trento Il Castello del Buonconsiglio è nato come fortezza e dal 1855 fu la sede dei 51 principi vescovi che dal 1827 al 1903 controllarono la città. Venivano nominati dall’imperatore, perciò i vescovi non avevano figli, permettendo al territorio di tornare all’imperatore. Le mura del castello sono state alzate due volte, ma solo nel 1475 fu creta la splendida loggia che aprì idealmente il castello alla città, perdendo l’aspetto di fortezza.
  4. 4. Vescovo Hinderbach Nella metà del 1400 il principe vescovo Hinderbach portò l’arte veneziana a Trento dopo aver studiato a Padova ed essere venuto a conoscenza di Venezia. Costruisce il Castelvecchio, che oggi costituisce la parte rientrante del complesso.
  5. 5. Bernardo Clesio Prima del 1500 Trento era un borgo medioevale con case di legno e vicoli, ma il principe vescovo Bernardo Clesio la trasformò in una città di marmo. Bemchè nel castello non si tenessero sedute del Concilio di Trento, fece affrescare i palazzi e nel 1528 fece costruire il Magno palazzo per ospitare banchetti e suntuosi ricevimenti. Morì sei anni prima dell’ inizio del Concilio.
  6. 6. Il Magno Palazzo Il Magno palazzo è unito al resto del complesso tramite due ponticelli: uno all’interno e l’altro attraverso le antiche muro della città. La camera da letto di Bernardo Clesio era completamente riscaldata attraverso un caminetto a partire dal 1500. Una stanza con un caminetto viene definita “camera” mentre la stanza in cui c’è una stufa a olle viene rivestita di legno.
  7. 7. La facciata e la caserma Alla fine del 1600 un altro vescovo fece affrescare la facciata ed arredare sontuosamente le due stanze per piano presenti nel palazzo. Di questo arredamento ora non rimane niente, infatti tra il 1813 e il 1918 gli Austriaci distrussero tutto, facendolo diventare una caserma. Gli occupatori stesero la calce per disinfettare il luogo e utilizzarono le travi e i mobili per scaldarsi. Grazie a loro ora noi possiamo ammirare gli affreschi sulle pareti.
  8. 8. Durante la Prima Guerra Mondiale Durante la Prima Guerra Mondiale Cesare Battisti, Fabio Filzi e Damiano Chiesa furono processati. A Cesare Battisti venne dedicato un mausoleo, costruito nel 1935 e fu impiccato nella fossa del castello. Damiano Chiesa, invece, venne fucilato, perché di giovane età e non aveva giurato fedeltà all’Austria, e venne sepolto in un sacrario a Rovereto, con Filzi.
  9. 9. Finita la spiegazione ci siamo recati nuovamente al MUSE, dopo la visita della mattina, per comprare qualche ricordo di questa indimenticabile gita e per fare l’ultimo spuntino prima della partenza per il ritorno a casa. Siamo tornati alle sette e mezza di sera molto stanchi, ma entusiasti e felici della giornata passata con la nostra classe.
  10. 10. I nostri commenti…

×