Amelia Scotti: ICT e Start UP #d2dnapoli

759 views

Published on

Dal 19 dicembre 2012 soo state create 1.719 Start-up Innovative in Italia.
Per favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l’occupazione, in particolare giovanile;
Per contribuire allo sviluppo di una nuova cultura imprenditoriale, alla creazione di un contesto più favorevole all’innovazione;
Per promuovere maggiore mobilità sociale e attrarre in Italia talenti, imprese innovative e capitali dall’estero.
Norme, opportunità ed esempi per creare una nuova Start-up: la vostra!

Intervento avvenuto nell'ambito del primo Learning Meeting dal titolo Personal branding e Web opportunity svolto a Napoli il 13 marzo 2014.
http://www.wister.it/il-prossimo-wister-learning-meeting-personal-branding-e-web-opportunity-13-marzo-napoli/

Published in: Economy & Finance
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Amelia Scotti: ICT e Start UP #d2dnapoli

  1. 1. #d2dnapoli #wister Foto di relax design, Flickr I.C.T. e START UP Amelia Scotti
  2. 2. #d2dnapoli #wister Start-up Innovativa: Normativa La Start-up Innovativa è una nuova tipologia di imprese, introdotta nell’Ordinamento Italiano dalla legge n.221/2012 di conversione del D.l. 179/2012, chiamato anche Decreto Legge Crescita 2.0
  3. 3. #d2dnapoli #wister E’ una società di capitali di diritto italiano (o società europea), non quotata sui mercati regolamentati, costituita anche in forma di cooperativa che deve possedere TUTTE le seguenti caratteristiche: 1.La maggioranza del capitale sociale e dei diritti di voto di assemblea deve essere detenuto da persone fisiche; 2.Essere costituita e svolgere attività di impresa da non più di 4 anni (=48 mesi) dalla data di presentazione della domanda; 3.Avere in Italia la sede principale dei propri affari ed interessi; 4.Non deve aver distribuito utili e non può comunque distribuirli per i 4 anni in cui gode della classificazione di Start-up Innovativa; 5.Avere quale oggetto sociale esclusivo o prevalente lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico; 6.Non deve essere stata costituita da una fusione, scissione societaria o a seguito di cessione di azienda o di ramo di azienda; 7.Il totale del valore della produzione annua, a partire dal secondo anno di attività, non deve superare i 5 milioni di euro. La Start-up Innovativa: Requisiti essenziali
  4. 4. #d2dnapoli #wister Ulteriori requisiti: Per essere considerate “Imprese Innovative” o “Start-up Innovative”, le società devono poi possedere almeno uno dei seguenti requisiti: 1. Le spese in ricerca e sviluppo (come risultanti dall’ultimo bilancio approvato o, in assenza, da dichiarazione sottoscritta dal legale rappresentante) devono essere uguali o superiori al 15% del maggiore valore fra spese totali e valore della produzione; 2. Almeno un terzo dei dipendenti e collaboratori della start-up deve essere in possesso di titolo di dottorato di ricerca o deve stare svolgendo un dottorato, ovvero deve essere in possesso di laurea ed aver svolto, da almeno tre anni, attività di ricerca certificata; 3. La Start-up deve essere titolare o licenziataria di almeno una privativa industriale relativa ad una invenzione industriale, invenzione biotecnologica.
  5. 5. #d2dnapoli #wister Perché la Start-up Innovativa?  Per favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l’occupazione, in particolare giovanile  Per contribuire allo sviluppo di una nuova cultura imprenditoriale, alla creazione di un contesto più favorevole all’innovazione  Per promuovere maggiore mobilità sociale e attrarre in Italia talenti, imprese innovative e capitali dall’estero
  6. 6. #d2dnapoli #wister Quali sono i Vantaggi delle Start-up Innovative?  Esenzioni per la costituzione e l'iscrizione nel Registro delle Imprese  Agevolazioni fiscali  Deroghe al diritto societario  Disciplina particolare nei rapporti di lavoro nell'impresa
  7. 7. #d2dnapoli #wister Se l’impresa già esiste, come diventa Start-up Innovativa?  COME: Presentando al Registro delle Imprese (nella sezione speciale delle Start-up Innovative) un’apposita domanda in forma telematica tramite una Comunicazione Unica e allegando alla stessa una dichiarazione (sottoscritta esclusivamente con firma digitale del legale rappresentante) attestante il possesso dei requisiti previsti dalla legge.  QUANDO (termine per il possesso dei requisiti): • Per le società costituite dopo il 19 dicembre 2012: alla data di invio della domanda; • Per le altre società: al 19 dicembre 2012.
  8. 8. #d2dnapoli #wister Se l’impresa non esiste ancora, cosa fare per creare una Start-up Innovativa? Dopo aver verificato il possesso dei requisiti richiesti per essere una Start- up Innovativa (eventualmente con l’aiuto di un Professionista), bisogna: 1) Costituire una Società di Capitali; 2) Dichiarare l’inizio attività; 3) Richiedere l’iscrizione alla sezione speciale delle Start-up Innovative del 4) Registro delle Imprese. Tutti i suddetti adempimenti, da effettuare esclusivamente in modalità telematica, possono essere inviati al Registro delle Imprese in momenti separati o contestualmente. Mentre per la costituzione della Società di Capitali è necessario avvalersi di un notaio, che redige l’atto costitutivo e lo deposita al Registro delle Imprese, i restanti adempimenti possono essere effettuati dal legale rappresentante della società o da un professionista, un’associazione di categoria o da altro soggetto delegato.
  9. 9. #d2dnapoli #wister Link=> Start-up Innovative:
  10. 10. #d2dnapoli #wister Esempio di Start-up Innovativa
  11. 11. #d2dnapoli #wister Incentivi alle imprese del Mezzogiorno: “Smart & Start” Smart&Start  è l’incentivo per le nuove imprese del Mezzogiorno che puntano su innovazione, utilizzo delle tecnologie digitali e valorizzazione dei risultati della ricerca. Smart&Start ha una dotazione complessiva di 203 milioni di euro e prevede due tipi di agevolazioni:  Smart  contribuisce a coprire i costi di gestione sostenuti nei primi anni di attività aziendale  Start    contribuisce a coprire le spese per l’investimento iniziale. Dal 3  febbraio  2014 c’è la possibilità di presentare la domanda anche nei Comuni del Cratere Sismico Aquilano. Non si accede ai fondi automaticamente presentando la domanda, ma a seguito della valutazione positiva del progetto imprenditoriale proposto.
  12. 12. #d2dnapoli #wister Agevolazioni “Smart”: Le agevolazioni SMART prevedono contributi a fondo perduto per la copertura di costi di gestione aziendali, sostenuti nei 48 mesi successivi alla presentazione della domanda. Possono accedere alle agevolazioni SMART le società di piccola dimensione, costituite da non più di sei mesi e ubicate in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Sardegna e Comuni del Cratere Sismico Aquilano.  Le società devono proporre un modello di business innovativo sotto il profilo organizzativo o produttivo, oppure orientato a raggiungere nuovi mercati o a intercettare nuovi fabbisogni, anche sociali e ambientali. Ogni società può ricevere un contributo annuo fino a 50.000 euro, per un ammontare complessivo fino a 200.000 euro in quattro anni. Per le domande presentate da “Start-up Innovative” il contributo complessivo può essere elevato fino a un importo massimo di 300.000 euro (*). Il contributo è tra il 15% e il 35% dei costi annualmente sostenuti per: oneri finanziari, personale dipendente, canoni di affitto, canoni di leasing e ammortamento di impianti, attrezzature e macchinari tecnologici e tecnico-scientifici. IMPORTANTE: una società che vuole accedere agli incentivi “SMART” può richiedere anche le agevolazioni “START”, se ne ha i requisiti. (*) Tale maggiore agevolazione non è applicabile nei Comuni del Cratere Sismico Aquilano
  13. 13. #d2dnapoli #wister Agevolazioni “Start”: Le agevolazioni START prevedono contributi a fondo perduto e servizi di tutoring a sostegno di programmi di investimento. Possono accedere alle agevolazioni START le società di piccola dimensione, costituite da non più di sei mesi e ubicate in Calabria, Campania, Puglia, Sicilia e nei Comuni del Cratere Sismico Aquilano. Le società devono proporre un piano di impresa nel settore dell’economia digitale, o basato su programmi di investimento per valorizzare economicamente i risultati della ricerca, pubblica e privata. Ogni società può ricevere un contributo fino ad un massimo di 200.000 euro comprensivo dei servizi di tutoring tecnico-gestionale. Il contributo è pari al 65% delle spese per investimenti; tale percentuale è elevabile fino al 75% per le società costituite esclusivamente da ”Giovani” (under 36) e/o da “Donne”. IMPORTANTE: una società che vuole accedere agli incentivi “START” può richiedere anche le agevolazioni “SMART”, se ne ha i requisiti.
  14. 14. #d2dnapoli #wister Link => Start-up e Incentivi alle Imprese in Campania http://www.agenziacampaniainnovazione.it
  15. 15. #d2dnapoli #wister Altre Agevolazioni alle Imprese:
  16. 16. #d2dnapoli #wister Link => Incentivi Invitalia http://www.invitalia.it/site/ita/home/incentivi-alle-imprese/autoimprenditorialita-d.-lgs.-1852000-tit.-i.html
  17. 17. #d2dnapoli #wister E ricorda: Per attivare una Start-up con successo: fatti guidare da “Professionisti” Grazie dell’attenzione Amelia Scotti •Email scamel@libero.it •P.E.C. amelia.scotti@odcecnapoli.it •Cell. 338/4151173

×