Nuoveprospettivenella Cura deiTumori.Cura dellaMalattia e Curadella Persona                     Beatrice Venanzetti       ...
Effettiindesideraticausati dallaterapia percurare lamalattia ….
 Mucosite Nausea  e vomito Stipsi/diarrea Fatigue Dispnea Neurotossicità Tossicità cutanea/unghie Alopecia Strava...
Farmaco  (tipo e dosaggio)Paziente (condizioni generali)Predisposizione individuale………..……………
Riduzione dose/stop terapiaCura peggiore della malattiaPeriodo sopravvivenza che coincide con il periodo di sofferenza ...
 Informare Formare educare              Effetti collaterali              Prevenzione e               gestione
Diverse professionalitàDiversi aspettiDiverse problematicheDiverse soluzioni/opportunità
Prendersicura dellapersona nella suaglobalità
 Stretta collaborazione delle diverse figure  professionali, diverse discipline, associazioni di  volontariato, …… Coinv...
Il grande potere dellacura è la relazione
Adattamento dell’azione professionale ai bisognidella persona assistitaNon è il paziente che può o deve adattarsiall’offer...
   Instaurare la relazione di aiuto e a promuovere il    counseling (mettere il paziente a proprio agio –    ascoltarlo)...
 Comunicare     con il paziente (effetti collaterali che    possono o sono insorti durante la terapia)   Essere un punto...
Per il paziente: Maggiore attenzione alla sua  soggettività Relazione d’aiuto efficace Attivazione delle possibili riso...
Per l’infermiere: Migliora la conoscenza delle  emozioni e delle difficoltà vissute  dal paziente Permette di considerar...
Che vogliono e di che necessitano i pazienti?L’European Cancer Patient Coalition (ECPC)   conosce una delle cose più impor...
Informazione, formazione, educazione fin dall’inizio del trattamentoValutazione, misurazione registrazione degli effetti...
 Fisici Funzionali Psicologici Spirituali                  …. Tu chiedi più di Sociali                  tutti gli alt...
Luca                           Gianfranco          Roberto ……….                                               volontario  ...
“Un gruppo di persone   che condivide un obiettivo comune può      raggiungere     l’impossibile”(anonimo)
La Gestione degli effetti collaterali delle terapie mediche in oncologia: il punto di vista dell'infermiere
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

La Gestione degli effetti collaterali delle terapie mediche in oncologia: il punto di vista dell'infermiere

1,625 views

Published on

La Gestione degli effetti collaterali delle terapie mediche in oncologia: il punto di vista dell'infermiere - Beatrice Venanzetti Coordinatrice Infermieristica Oncologia Macerata

Published in: Health & Medicine
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,625
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
47
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

La Gestione degli effetti collaterali delle terapie mediche in oncologia: il punto di vista dell'infermiere

  1. 1. Nuoveprospettivenella Cura deiTumori.Cura dellaMalattia e Curadella Persona Beatrice Venanzetti Coordinatrice Infermieristica Oncologia MacerataFERMO 3-4 novembre 2012
  2. 2. Effettiindesideraticausati dallaterapia percurare lamalattia ….
  3. 3.  Mucosite Nausea e vomito Stipsi/diarrea Fatigue Dispnea Neurotossicità Tossicità cutanea/unghie Alopecia Stravaso …………
  4. 4. Farmaco (tipo e dosaggio)Paziente (condizioni generali)Predisposizione individuale………..……………
  5. 5. Riduzione dose/stop terapiaCura peggiore della malattiaPeriodo sopravvivenza che coincide con il periodo di sofferenza (dalla terapia)
  6. 6.  Informare Formare educare Effetti collaterali Prevenzione e gestione
  7. 7. Diverse professionalitàDiversi aspettiDiverse problematicheDiverse soluzioni/opportunità
  8. 8. Prendersicura dellapersona nella suaglobalità
  9. 9.  Stretta collaborazione delle diverse figure professionali, diverse discipline, associazioni di volontariato, …… Coinvolgimento del malato/familiari nel percorso di cura SCELTA CONDIVISA EDUCAZIONE TERAPEUTICA ASCOLTO DELLA PERSONA
  10. 10. Il grande potere dellacura è la relazione
  11. 11. Adattamento dell’azione professionale ai bisognidella persona assistitaNon è il paziente che può o deve adattarsiall’offerta sanitaria preposta alla sua cura, ma ilcontrario Modulare l’intervento professionale in funzionedella persona presa in carico
  12. 12.  Instaurare la relazione di aiuto e a promuovere il counseling (mettere il paziente a proprio agio – ascoltarlo) Accompagnare la persona in questa fase della sua vita (accoglienza – adesione al programma terapeutico) Ascoltare per comprendere aspettative e bisogni
  13. 13.  Comunicare con il paziente (effetti collaterali che possono o sono insorti durante la terapia) Essere un punto di riferimento valutare e prevenire i rischi della chemioterapia
  14. 14. Per il paziente: Maggiore attenzione alla sua soggettività Relazione d’aiuto efficace Attivazione delle possibili risorse personali
  15. 15. Per l’infermiere: Migliora la conoscenza delle emozioni e delle difficoltà vissute dal paziente Permette di considerare ambiti emotivi particolarmente delicati e solitamente nascosti Aiuta ad instaurare una relazione d’aiuto più efficace
  16. 16. Che vogliono e di che necessitano i pazienti?L’European Cancer Patient Coalition (ECPC) conosce una delle cose più importanti della lista dei desideri dei pazienti: gli infermieri.………..Quello che ci piacerebbe avere non è una scienza bombardante,l’informazione è la chiave.Diagnosi e buona informazione a voce e in forma scritta, con sensibilità, è quello che noi realmente vogliamo.……….
  17. 17. Informazione, formazione, educazione fin dall’inizio del trattamentoValutazione, misurazione registrazione degli effetti collaterali
  18. 18.  Fisici Funzionali Psicologici Spirituali …. Tu chiedi più di Sociali tutti gli altri, per Riabilitativi questo stai in silenzio …. R. TAGORE
  19. 19. Luca Gianfranco Roberto ………. volontario paziente Mario oncologo Paola psicologo Giulio Marco farmacista ………… Beatrice infermiera Giuseppina dermatologa LuisaAdriana dietista…………. Giovanni chirurgo
  20. 20. “Un gruppo di persone che condivide un obiettivo comune può raggiungere l’impossibile”(anonimo)

×