I mercati finanziari nel 2011: Anima Sgr presenta lo scenario, le prospettiva e le opportunità d'investimento in fondi

2,141 views

Published on

Evento tenutosi giovedì 24 febbraio 2011 al Centro Formazione Banca Popolare di Milano - via Massaua, 6 (Milano)

Interventi di Carlo Panella (Direttore Commerciale Webank), Mary Thomson (Responsabile Investimenti Azionari Anima Sgr), Maurizio Riboni (Direttore Distribuzione Gruppo BPM e Partners, Anima Sgr).

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,141
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

I mercati finanziari nel 2011: Anima Sgr presenta lo scenario, le prospettiva e le opportunità d'investimento in fondi

  1. 1. PRESENTA:<br />I MERCATI FINANZIARI NEL 2011Anima Sgr presenta lo scenario, le prospettive e le opportunità di investimento in fondi<br />Milano - 24 febbraio 2011<br />
  2. 2. IL PROGRAMMA<br /><ul><li> 18.15 – Benvenuto</li></ul>Carlo Panella, Direttore Commerciale Webank<br /><ul><li> 18.30 – Anima Sgr</li></ul>Maurizio Riboni, Direttore Distribuzione Gruppo BPM e Partners, Anima Sgr<br /><ul><li> 18.45 - Scenari e prospettive per il 2011: come e dove investire</li></ul>Mary Thomson, Responsabile Investimenti Azionari Anima Sgr <br /><ul><li> 19.15 – I fondi di Anima Sgr</li></ul>Enzo Berticelli, Distribuzione Gruppo BPM e Partners, Anima Sgr<br /><ul><li> 19.30  I relatori rispondono alle domande dei partecipanti
  3. 3. 19.45  Aperitivo</li></li></ul><li>LA NUOVA AREAFONDI E SICAV<br />SEMPLICE<br />COMPLETA<br />INDIPENDENTE<br />
  4. 4. LE NOVITA’ DELL’OFFERTA<br />NUOVA AREA DEL SITO INTERAMENTE RIPROGETTATA<br />SEMPLICE, COMPLETA, CON OPERATIVITA’ TUTTA ONLINE<br />NUOVA INFORMATIVA<br />AUTOREVOLE E INDIPENDENTE<br />NUOVI STRUMENTI DI RICERCA E ANALISI<br />SEMPLICI E IMMEDIATI NELL’USO, POTENTI NELLE FUNZIONALITA’<br />NUOVE CASE DI GESTIONE<br />AMPIA SELEZIONE DI FONDI DELLE MIGLIORI CASE DI GESTIONE<br />
  5. 5. AMPIA SELEZIONE DI FONDI DELLE MIGLIORI CASE DI GESTIONE<br />
  6. 6. Anima SgrMaurizio Riboni, Direttore Distribuzione Gruppo BPM e Partners, Anima Sgr<br />ANIMA SGR:<br /> La società e i prodotti<br /> Gli investitori e il tempo<br /> I Piani di Accumulo del Capitale<br /> Anima e Internet<br />
  7. 7. LA SOCIETA’ E I PRODOTTI<br />Anima Sgr<br />Patrimonio al 31 dicembre 2010: 23,1 mld di euro<br />Suddivisione per tipologia di prodotto<br />
  8. 8. LA SOCIETA’ E I PRODOTTI<br />Anima Sgr<br />Patrimonio fondi comuni al 31 gennaio 2011: 14.817 milioni di euro<br />Suddivisione per famiglie di fondi<br />
  9. 9. LA SOCIETA’ E I PRODOTTI<br />Anima Sgr<br />La gamma dei fondi comuni di investimento<br />Azionari:<br /><ul><li> Italia
  10. 10. Europa
  11. 11. Americhe
  12. 12. Valore Globale
  13. 13. Iniziativa Europa
  14. 14. EM Equity
  15. 15. Pacifico</li></ul>Obbligazionari:<br /><ul><li> Monetario
  16. 16. Risparmio
  17. 17. Corporate Bond
  18. 18. Pianeta
  19. 19. Sforzesco
  20. 20. EM Bond</li></ul>Bilanciati:<br /><ul><li> Visconteo</li></ul>Monetari:<br /><ul><li> Tesoreria</li></li></ul><li>LA SOCIETA’ E I PRODOTTI<br />Anima Sgr<br />La gamma dei fondi comuni di investimento<br />Obbligazionari:<br /><ul><li> Anima Obbligazionario Euro
  21. 21. Anima Fondimpiego
  22. 22. Anima Convertibile </li></ul>Azionari:<br /><ul><li> Anima Fondo Trading
  23. 23. Anima America
  24. 24. Anima Europa
  25. 25. Anima Asia
  26. 26. Anima Emerging Markets </li></ul>Flessibili:<br /><ul><li> Anima Fondattivo
  27. 27. Anima Obiettivo Rendimento</li></ul>Monetari:<br /><ul><li> Anima Liquidità </li></li></ul><li>LA SOCIETA’ E I PRODOTTI<br />Anima Sgr<br />La gamma dei fondi comuni di investimento Anima Sgr<br />Elaborazione Anima sui Morningstar Rating Overall al 31 gennaio 2011. Fonte Dati: MorningstarDirect<br />
  28. 28. LA SOCIETA’ E I PRODOTTI<br />Anima Sgr<br />Il Sistema Gestioni Attive – La politica di gestione<br /><ul><li>I gestori comprano “Valore” intercettandolo sul ciclo degli investimenti.
  29. 29. La rotazione del portafoglio è per il 50% in relazione al ciclo degli investimenti.
  30. 30. La selezione degli investimenti si concentra solo sulle idee migliori, puntando ad identificare storie di successo, o casi di particolare sottovalutazione presunta, svincolato dagli indici di riferimento.
  31. 31. I titoli selezionati sono “pezzi” di aziende in funzionamento.
  32. 32. I portafogli sono composti da un numero relativamente limitato di titoli.
  33. 33. Il portafoglio dei singoli fondi può differire anche significativamente da quello dei rispettivi benchmark, alla continua ricerca delle migliori opportunità nei mercati. </li></li></ul><li>LA SOCIETA’ E I PRODOTTI<br />Anima Sgr<br />Il Sistema Gestioni Attive – Lo stile di gestione<br />Approccio mercati azionari<br />Approccio mercati obbligazionari<br />analisi fondamentale<br />controllo del rischio<br />Selezione dei titoli <br />titolidistato: sulla base di liquidità, costi di transazione e valore relativo rispetto alla curva stimata dei rendimenti<br />titoligrowth: tasso di crescita degli utili per azioni, tasso di revisione delle stime degli utili<br />titolivalue: capacità di creare il valore d’impresa,<br />redditività del capitale investito<br />titoli corporate: sulla base dell’analisi di bilancio e di credito delle società emittenti (es. ratios patrimoniali, differenziali di rendimento rispetto ad attività risk free)<br />
  34. 34. GLI INVESTITORI E IL TEMPO<br />Anima Sgr<br />Gli investitori alla prova del timing<br />Raccolta netta dei fondi azionari di diritto italiano e roundtrip (tutte le categorie; barre blu, asse destro, milioni di euro) e andamento dell’indice P/E (linea rossa; asse sinistro). Elaborazione Anima su dati Assogestioni. Dati al 31 gennaio 2011.<br />
  35. 35. GLI INVESTITORI E IL TEMPO<br />Anima Sgr<br />Gli investitori alla prova del timing<br />Tempo dedicato dagli italiani alla cura dei propri risparmi<br /><ul><li>40,6% non dedica tempo
  36. 36. 48,5% meno di due ore
  37. 37. 5,1% più di due ore
  38. 38. 5,9% non sa</li></ul>Fonte: XXV Rapporto sul Risparmio del Centro Einaudi<br />
  39. 39. I PIANI DI ACCUMULO DEL CAPITALE<br />Anima Sgr<br />I Piani di Accumulo<br />Quali vantaggi offrono?<br /><ul><li>Possibilità di trasformare una piccola cifra mensile in un grande capitale
  40. 40. Approcciare gli investimenti con metodo e gestione dell’emotività
  41. 41. Diversificazione del rischio nel tempo ed eliminazione del rischio market-timing
  42. 42. Mediare il prezzo d’acquisto
  43. 43. Flessibilità
  44. 44. Nessun costo fisso aggiuntivo rispetto alla sottoscrizione in unica soluzione</li></li></ul><li>I PIANI DI ACCUMULO DEL CAPITALE<br />Anima Sgr<br />I Piani di Accumulo<br />Investire con gradualità e continuità<br />La linea rossa rappresenta la performance di un investimento in Valore Globale, effettuato in data 31.12.2007. La linea azzurra rappresenta l’andamento della performance registrata da un PAC mensile di 1.000 eurosu Valore Globale avviato in data 31.12.2007. <br />Periodo: 12/07 - 1/11<br />Prima rata: 1.000 euro<br />Numero rate: 38<br />Importo versato: 38.000 euro<br />Montante: 44.789 euro<br />Quota 31.12.07: 22,081 euro<br />Quota 31.01.11: 21,298 euro<br />
  45. 45. ANIMA E INTERNET<br />Anima Sgr<br />Il sito internet www.animasgr.it <br />
  46. 46. ANIMA E INTERNET<br />Anima Sgr<br />Il sito internet www.animasgr.it <br />La Videochat<br />Che cos’è: <br />30’ di domande e risposte in diretta con i gestori/esperti <br />di Anima, presenti in video.<br />Frequenza:<br />Settimanale, ogni giovedì <br />dalle 11.00 alle 11.30.<br />
  47. 47. ANIMA E INTERNET<br />Anima Sgr<br />Il sito internet www.animasgr.it <br />3 minuti su…<br />Che cos’è: <br />Il punto di vista dei gestori in un video<br />di 3’circa su temi chiave dei mercati <br />finanziari <br />Frequenza:<br />Settimanale<br />
  48. 48. ANIMA E INTERNET<br />Anima Sgr<br />Il sito internet www.animasgr.it <br />Dossier<br />Che cos’è: <br />Documenti, studi, ricerche pubbliche su tematiche economiche e finanziarie di ampio respiro, <br />commentate e messe a disposizione degli utenti. <br />Frequenza:<br />Variabile<br />
  49. 49. ANIMA E INTERNET<br />Anima Sgr<br />Il sito internet www.animasgr.it <br />Monitoraggio degli investimenti<br />Online per tutti i fondi Anima i primi 20 titoli in portafoglio, la suddivisione per classe, paese, settore,valuta, rating e scadenza (per gli obbligazionari). Aggiornamento quotidiano. <br />
  50. 50. ANIMA E INTERNET<br />Anima Sgr<br />Il sito internet www.animasgr.it <br />Monitoraggio degli investimenti<br />Possibilità di riclassificare il portafoglio fondi per asset, class, area geografica, paese, settori.<br />
  51. 51. Scenari e prospettive per il 2011: come e dove investire Mary Thomson, Responsabile Investimenti Azionari Anima Sgr <br />I MERCATI FINANZIARI:<br /> Il quadro di riferimento<br /> Il nostro posizionamento<br /> Focus: mercati emergenti<br />
  52. 52. IL QUADRO DI RIFERIMENTO<br />2011: CONSENSUS<br />Le previsioni di crescita per il 2011 sono pressoché immutate nel corso degli ultimi mesi, eccezion fatta per gli Usa che hanno visto le attese tornare ai valori di crescita potenziale. L’andamento degli indici dei prezzi non e’ percepito come un problema, ne’ verso l’alto, ne’ verso il basso.<br />Aggiornamento: Gennaio 2011<br />
  53. 53. IL QUADRO DI RIFERIMENTO<br />2011: USA<br /><ul><li>Consumi:la crescita economica continua a migliorare, ma sempre a ritmo modesto.
  54. 54. Produzione e Servizi non finanziari: l’attività nei servizi non finanziari è in espansione; così come nel settore manifatturiero.
  55. 55. Costruzioni e case: il settore del mercato immobiliare rimane depresso. Anche nel comparto commerciale continua la prolungata fase di stagnazione.
  56. 56. Banche & Loans: la domanda di prestiti al commercio, all’industria e per mutui residenziali è stabile su livelli bassi; permane la volontà delle famiglie di delevereggiare.
  57. 57. Mercato del lavoro: le aziende sono ottimiste sull’outlook ma prevale ancora la cautela. Rimane contenuta ogni pressione al rialzo degli stipendi.
  58. 58. Salari e Prezzi: la pressione sui prezzi al consumo rimane invariata; i maggiori costi (dovuti all’aumento dei prezzi delle materie prime) non vengono passati ai consumatori.</li></li></ul><li>IL QUADRO DI RIFERIMENTO<br />USA – Aumentano i segnali di ripresa, ma non nel mercato del lavoro<br />Negli Usa il bilancio dei macro-operatori appare ancora lontano dall’equilibrio; il tasso di risparmio privato continua ad essere alto (a causa dell’elevata disoccupazione) e viene compensato dal forte indebitamento dell’amministrazione pubblica.<br />
  59. 59. IL QUADRO DI RIFERIMENTO<br />USA – Aumentano i segnali di ripresa, ma non nel mercato del lavoro<br />La fase di ottimismo nella fiducia delle imprese, sia a livello regionale che nazionale, ha avuto un ulteriore incremento.<br />
  60. 60. IL QUADRO DI RIFERIMENTO<br />USA – Aumentano i segnali di ripresa, ma non nel mercato del lavoro<br />Il mercato del lavoro continua ad essere in affanno: il lieve calo nel tasso di disoccupazione e’ il frutto della riduzione nella ricerca del posto di lavoro piuttosto che della crescita delle nuove assunzioni.<br />
  61. 61. IL QUADRO DI RIFERIMENTO<br />USA – Aumentano i segnali di ripresa, ma non nel mercato del lavoro<br />La rapida risalita nei prezzi delle materie prime potrebbe generare un brusco rialzo nei prezzi al consumo; nonostante ciò le attese di inflazione sembrano essere saldamente ancorate.<br />
  62. 62. IL QUADRO DI RIFERIMENTO<br />2011: EUROPA<br /><ul><li>Tassi: i tassi a gennaio sono rimasti invariati e il loro livello rimane “appropriate”, sempre in un contesto di politica monetaria accomodante.
  63. 63. Inflazione: in dicembre sono emerse pressioni inflazionistiche che potrebbero durare anche nei prossimi mesi, con prezzi che potrebbero salire ulteriormente e restare sopra il 2% per buona parte dell’anno .
  64. 64. Politica monetaria: la politica ordinaria (i tassi) ha lo scopo di promuovere la stabilità dei prezzi e combattere l’inflazione, mentre le politiche straordinarie (liquidità illimitata ecc.) mirano a migliorare la trasmissione della politica ordinaria a tutto il sistema finanziario. La continuazione delle politiche straordinarie potrebbe non escludere a priori la possibilità di tassi più alti.
  65. 65. Crescita: l’economia europea inizia l’anno in discreta salute, grazie soprattutto alla Germania, sebbene le difficoltà di alcuni paesi facciano si che permangano due, tre o quattro velocità. L’export fa da traino e ha recuperato quasi tutto il terreno perso nella recessione globale mentre la domanda domestica dà qualche segno di ripresa grazie a maggiore investimento.
  66. 66. Mercato del lavoro: la disoccupazione è ancora ferma e su livelli troppo elevati.</li></li></ul><li>IL QUADRO DI RIFERIMENTO<br />Europa – La crescita (probabile) e il debito (certo)<br />L’export europeo finisce il 2010 in piena ripresa. La crescita dell’Asia (come destinazione) è stata strepitosa, ma va notato anche il recupero dell’export verso l’America. Il calo degli indicatori leading dei mercati emergenti potrebbe segnalare qualche battuta d’arresto in arrivo?<br />
  67. 67. IL QUADRO DI RIFERIMENTO<br />Europa – La crescita (probabile) e il debito (certo)<br />Il quadro delle previsioni (EU,ECB) per l’evoluzione della politica fiscale a livello europeo: la spesa primaria rispetto al GDP reale dovrebbe calare dal 47,9% nel 2010 a 45,5% nel 2012, un bella stretta che quasi eliminerebbe il deficit primario. Purtroppo il peso del debito continuerà a salire! Il risanamento è una cosa molto ardua.<br />
  68. 68. IL QUADRO DI RIFERIMENTO<br />Paesi Emergenti – Le Posizioni Competitive stanno cambiando<br /><ul><li>Argentina: la Banca Centrale annuncia che nel 2011 manterrà un target di crescita della massa monetaria prossimo al 28%; alcune stime indicano che l’inflazione potrebbe salire sino al 20%.
  69. 69. Brasile: dal 2011 il fondo Sovrano del paese potrà “tradare” il tasso di cambio, ennesima mossa del governo locale per contrastare l’apprezzamento del Real.
  70. 70. Messico: nel 2010 sono stati accumulati circa 23 miliardi di Dollari di riserve valutarie, lo stock è prossimo a 113 miliardi di Dollari.
  71. 71. Cile: per difendersi dall’apprezzamento del tasso di cambio, il governo si è posto l’obiettivo di accumulare 12 miliardi di Dollari di riserve valutarie.
  72. 72. Venezuela: la crescita economica per il 2010 viene stimata intorno a - 1.9%.
  73. 73. Cina: aumentato di 50 punti base il reserve ratio alle banche.
  74. 74. Turchia: per il 2011 si prevede un disavanzo commerciale prossimo al 7% del prodotto interno lordo, bilanciato da afflussi monetari di pari importo (sempre più prestiti a breve e sempre meno investimenti diretti esteri); ciò non dovrebbe creare pressioni al tasso di cambio.</li></li></ul><li>IL QUADRO DI RIFERIMENTO<br />Paesi Emergenti – Le Posizioni Competitive stanno cambiando<br />In molti paesi emergenti l’apprezzamento del tasso di cambio (giudicato eccessivo) viene contrastato dai governi locali.<br />
  75. 75. IL QUADRO DI RIFERIMENTO<br />Paesi Emergenti – Le Posizioni Competitive stanno cambiando<br />La loro forza della bilancia commerciale e’ parzialmente dovuta alle capacità di esportare, specialmente materie prime. Il cambio forte potrebbe rallentare questo fenomeno.<br />
  76. 76. IL NOSTRO POSIZIONAMENTO<br />Il nostro posizionamento – I mercati obbligazionari <br />L’inizio del 2011 ha visto un progressivo rientro degli spread dei paesi periferici dell’Area Euro, anche se il loro valore assoluto resta ancora prossimo ai recenti massimi. La posizione complessiva resta di sottoesposizione, con predilezione della parte breve e media delle curve, con le Banche Centrali che al momento non intendono intervenire sui tassi ufficiali e/o rimuovere una parte delle misure non convenzionali adottate in questi mesi.<br />
  77. 77. IL NOSTRO POSIZIONAMENTO<br />Il nostro posizionamento – I mercati obbligazionari corporate <br />I rendimenti dei titoli corporate restano molto stabili con l’eccezione dei finanziari per i quali il mercato aspetta prima di ritornare a scambiare, temendo un eccessivo incremento delle nuove emissioni. Resta immutata la preferenza per il settore che offre rendimenti generalmente più elevati rispetto agli altri comparti, ancorché affetto da maggior volatilità.<br />
  78. 78. IL NOSTRO POSIZIONAMENTO<br />Il nostro posizionamento – I mercati obbligazionari corporate <br /><ul><li>Permane la stabilità dei rendimenti nel settore dei corporate sulla scorta di quanto accaduto nella seconda parte del 2010. </li></ul> Il divario tra “bid e offer side” resta elevato, ad indicare che il mercato intende aspettare l’evoluzione degli eventi macroeconomici per ritornare a scambiare con interesse anche le emissioni delle aziende. <br /><ul><li>Resta immutata la preferenza per il settore finanziario che continua ad offrire rendimenti generalmente piu’ elevati rispetto agli altri comparti, benchè in queste settimane sia affetto da maggior volatilità poiché il mercato teme un eccessivo incremento delle nuove emissioni nel comparto.
  79. 79. La mole del debito societario che verrà a scadere nella prima parte dell’anno, infatti, è ingente, e i volumi di attività sul mercato primario è fin d’ora marginalmente in ripresa. E’ necessario, tuttavia, procedere con la massima accortezza in questa fase, valutando le singole opportunità che si presentano e concentrando l’interesse su quei settori ed emittenti che permettano un’adeguata remunerazione del rischio sostenuto, in un momento in cui l’eccesso di offerta potrebbe penalizzare i corsi delle nuove emissioni</li></li></ul><li>IL NOSTRO POSIZIONAMENTO<br />Il nostro posizionamento – I mercati obbligazionari Paesi Emergenti<br />I rendimenti delle obbligazioni emergenti, nonostante il recente rialzo, rimangono in prossimità dei minimi storici. Prediligiamo un approccio prudente dell’investimento rispetto ai benchmark concentrando le scelte sulle diverse Aree/Paesi.<br />
  80. 80. IL NOSTRO POSIZIONAMENTO<br />Il nostro posizionamento – I mercati obbligazionari azionari<br />La valutazione dei mercati azionari rimane contenuta in termini di PE sul 2011 (tra 10 e 15), a fronte di margini aziendali elevati e una crescita attesa degli utili ragionevole. La valutazione rispetto ai titoli di stato rimane molto interessante ed il rischio di “downside” appare basso e limitato. Manteniamo una posizione di sovrappeso, con Usa, Giappone e Euroland in aumento, a scapito dell Nord Europa; Emergenti in sottopeso. <br />
  81. 81. FOCUS: MERCATI EMERGENTI<br />Temi di investimento – I mercati azionari Paesi Emergenti <br />Le valutazioni dei mercati emergenti non sono particolarmente attraenti in un’ottica di rischio rendimento a lungo termine. <br />
  82. 82. FOCUS: MERCATI EMERGENTI<br />Temi di investimento – I mercati azionari Paesi Emergenti <br />I mercati emergenti hanno outperformato perchè il multiplo è salito relativo ai mercati sviluppati.<br />
  83. 83. FOCUS: MERCATI EMERGENTI<br />Temi di investimento – I mercati azionari Paesi Emergenti <br />Compra basso vendi Alto. E’ difficile fare soldi nei mercati quando paghi troppo. Questa “regola” del mercato spiega la differenza fra emergenti e sviluppati mercati dal 2000 al 2010.<br />
  84. 84. FOCUS: MERCATI EMERGENTI<br />Temi di investimento – I mercati azionari Paesi Emergenti <br />I mercati emergenti hanno problemi con i costi. In Cina e Brazile gli stipendi sono in aumento.<br />
  85. 85. FOCUS: MERCATI EMERGENTI<br />Temi di investimento – I mercati azionari Paesi Emergenti <br />Dal 2007-2010 i mercati sviluppati sono stati sotto pressione ( il mercato immobiliare degli Stati Uniti, il sistema finanzario UK e US e i paesi periferici dell’Europa). Per curare questi problemi le banche Centrali più importanti hanno messo molta liquidità nel sistema finanziare. Una conseguenza di questa strategia è che i mercati “in buona salute” hanno avuto un overdose di “vitamine” (liquidità). <br />
  86. 86. FOCUS: MERCATI EMERGENTI<br />Temi di investimento – I mercati azionari Paesi Emergenti <br />In Asia l’inflazione è un problema perchè l’output gap, la differenza fra il livello di crescita effettivo ed il potenziale, è zero. Questo non è vero negli Stati Uniti e in Europa per la GCF (Grande Crisi Finanziari).<br />
  87. 87. FOCUS: MERCATI EMERGENTI<br />Temi di investimento – I mercati azionari Paesi Emergenti <br />Adesso l’Asia deve aumentare i tassi di interesse perché l’economia ha poca capacità produttiva. <br />
  88. 88. FOCUS: MERCATI EMERGENTI<br />Temi di investimento – I mercati azionari Paesi Emergenti <br />Quando c’e questo output gap gli Stati Uniti outperformano l’Asia.<br />
  89. 89. FOCUS: MERCATI EMERGENTI<br />Temi di investimento – I mercati azionari Paesi Emergenti <br />La potenziale per un rallentamento nei mercati emergenti non sta nei settori ciclici. I Finanzari sono ciclici ma hanno avuto una performance molto diversi dagli altri ciclici. <br />
  90. 90. FOCUS: MERCATI EMERGENTI<br />Temi di investimento – I mercati azionari Paesi Emergenti <br />La paura del potenziale fallimento del’euro e il deleveraging negli Stati Uniti ha spinto gli investitori nei settori esposti ai paesi emergenti (materiali, industriali, consumo beni durevoli) e fuori dei settori prevalente domestici (finanziari, telefonici, utilities). Quando c’è stata la crisi in Asia nel 1998 è accaduto il contrario.<br />
  91. 91. FOCUS: MERCATI EMERGENTI<br />Temi di investimento – I mercati azionari Paesi Emergenti <br />Il mercato italiano è un sovrappesato nei settori “domestici” è non è mai stato cosi cheap.<br />Price to Book Value Italia: 1975-2011<br />
  92. 92. I fondi di Anima SgrEnzo Berticelli, Distribuzione Gruppo BPM e Partners Anima Sgr <br />I FONDI DI ANIMA SGR:<br /> Visconteo<br /> Sforzesco<br /> Risparmio<br />
  93. 93. I FONDI DI ANIMA SGR<br />La gamma dei fondi comuni d’investimento<br />Obbligazionari:<br /><ul><li> Monetario
  94. 94. Risparmio
  95. 95. Corporate Bond
  96. 96. Pianeta
  97. 97. Sforzesco
  98. 98. EM Bond</li></ul>Azionari:<br /><ul><li> Italia
  99. 99. Europa
  100. 100. Americhe
  101. 101. Valore Globale
  102. 102. Iniziativa Europa
  103. 103. EM Equity
  104. 104. Pacifico</li></ul>Monetari:<br /><ul><li> Tesoreria</li></ul>Bilanciati:<br /><ul><li> Visconteo</li></li></ul><li>I FONDI DI ANIMA SGR<br />La gamma dei fondi comuni d’investimento<br />Sotto la Lente<br />Visconteo<br />Sforzesco<br />Risparmio<br />
  105. 105. VISCONTEO<br />La gamma dei fondi comuni d’investimento<br />Categoria Assogestioni: Bilanciato Obbligazionario<br />Adatto ad un investitore che intende investire in azioni <br />una % significativa del portafoglio, bilanciando <br />il rischio con le obbligazioni<br />Indicato per chi:<br />punta a registrare performance positive avendo come orizzonte un triennio;<br />vuole sfruttare i vantaggi di un'asset allocation diversificata per classi di attività e aree geografiche.<br />
  106. 106. VISCONTEO<br />
  107. 107. VISCONTEO<br />Politiche di gestione<br />Le azioni, che possono raggiungere max 40%, sono selezionate con particolare attenzione alla situazione finanziaria e alla capacità di creare di valore. Le obbligazioni sono scelte dopo un esame della situazione e delle prospettive macroeconomiche delle economie dei rispettivi Paesi. I titoli corporate sono selezionati sulla base di analisi di bilancio e del rischio credito delle società emittenti. L’esposizione valutaria (che non potrà superare il 30%) viene generalmente mantenuta al di sotto del benchmark.<br />
  108. 108. SFORZESCO<br />La gamma dei fondi comuni d’investimento<br />Categoria Assogestioni: Obbligazionario Misto<br />Adatto ad un investitore che vuole prima di tutto difendere il capitale investendo anche<br /> in azioni (fino al 20%) e <br />con l’obiettivo di ottenere rendimenti positivi ogni anno<br />Indicato per chi:<br />vuole proteggere il capitale durante le fasi negative dei mercati (obbligazionario e azionario), senza rinunciare ad una rivalutazione, anche importante, nelle fasi positive;<br />desidera beneficiare dei vantaggi di asset allocation diversificata sia per classi di attività che per aree geografiche.<br />
  109. 109. SFORZESCO<br />Rendimenti annui netti di Sforzesco dal suo avvio. I rendimenti tengono conto dei dividendi reinvestiti nel periodo in cui il fondo era a distribuzione (dal 1984 al 2000). Dati al 31 gennaio 2011. Fonte dati: Anima.<br />
  110. 110. SFORZESCO<br />Politiche di gestione<br />Le azioni (max 20%) sono selezionate nell’area Euro impiegando un attento processo di analisi fondamentale delle singole società con particolare attenzione alla situazione finanziaria e alla capacità di creazione di valore. Le obbligazioni sono selezionate nei principali mercati mondiali sia tra gli emittenti governativi che tra quelli societari. Il rischio valutario (non superiore al 25%) generalmente viene mantenuto al di sotto del benchmark per evitare una connotazione troppo aggressiva del fondo.<br />
  111. 111. RISPARMIO<br />La gamma dei fondi comuni d’investimento<br />Categoria Assogestioni: Obbligazionario Flessibile<br />Ideale per il cliente amministrato<br />che intende accostarsi ai fondi, sottoscrivendo un prodotto<br />con caratteristiche simili ai titoli in portafoglio<br />Indicato per chi:<br />ha in portafoglio titoli obbligazionari governativi e corporate con stacco cedola;<br />desidera avvicinarsi al risparmio gestito ed ai fondi comuni in particolare in modo graduale, mantenendo le peculiarità dei prodotti cui è abituato (possibilità di scelta tra lo stacco cedola o il reinvestimento quote).<br />
  112. 112. RISPARMIO<br />I rendimenti sono stati rettificati in seguito agli stacchi cedola. Dati a fine gennaio 2011.<br />
  113. 113. RISPARMIO<br />Politiche di gestione<br />L’investimento core viene effettuato in obbligazioni area euro. Possono essere acquistati titoli esteri con rischio cambio coperto. La duration viene gestita attivamente, con l’impostazione di base del fondo che rimane prudente<br />Stacco cedola 04.03.10: euro 0,166 - rendimento 2,10%<br />Stacco cedola 05.03.09: euro 0,338 – rendimento 4,41%<br />Stacco cedola 06.03.08: euro 0,307 – rendimento 3,98%<br />Stacco cedola 01.03.07: euro 0,293 – rendimento 3,73%<br />Stacco cedola 08.03.06: euro 0,207 – rendimento 2,59% <br />Stacco cedola 10.03.05: euro 0,107 – rendimento 2,05%<br />
  114. 114. I FONDI DI ANIMA SGR<br />I fondi di Anima Sgr<br />Analisi storica dell’andamento nel triennio 2004-2006 di una selezione di fondi obbligazionari e bilanciati Anima Sgr confrontati con i tassi ufficiali BCE.<br />Dati a fine dicembre 2006. Elaborazione: Anima<br />
  115. 115. I FONDI DI ANIMA SGR<br />Anima Sgr<br />La gamma fondi comuni di investimento - Il Sistema Gestioni Attive<br /> 2 fondi<br /> 9 fondi<br />Dati a fine gennaio 2011. Elaborazione: Anima<br />
  116. 116. I FONDI DI ANIMA SGR<br />Anima Sgr<br />La gamma fondi comuni di investimento - Il Sistema Gestioni Anima<br /> 2 fondi<br />1 fondo<br />Dati a fine gennaio 2011. Elaborazione: Anima<br />
  117. 117. “TRASFERISCI I FONDI IN WEBANK”<br />PROMOZIONE RISERVATA AI PARTECIPANTI ALL’EVENTO<br />TRASFERISCIFONDI O SICAV IN WEBANK ENTRO IL 30 GIUGNO 2011<br /><ul><li>COMPILA E CONSEGNA A WEBANK IL MODULO DI TRASFERIMENTO FONDI</li></ul>1<br />RICEVI IL PREMIO ENTRO IL 31 LUGLIO 2011<br />2<br />PER I DETTAGLI LEGGI IL REGOLAMENTO.<br />
  118. 118. Ti informi, scegli e investi. Tutto online.<br />

×