Workshop GNL
Roma, 21 novembre 2013

Il ruolo dei vigili del fuoco nel procedimento per la
realizzazione di depositi di GN...
Indice della presentazione
- Utilizzo del GNL: motivazioni, ciclo del GNL
- Richieste di autorizzazione presentate
- Cenni...
Utilizzo del GNL: motivazioni
La crescente domanda energetica implica la necessità di
disporre di grandi quantitativi di c...
Il ciclo del GNL

Fonte: OLT Offshore

Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e d...
Il ciclo del GNL
Richieste autorizzazione terminali GNL: localizzazione

Trieste (8 mld mc/a)

6
Capacita di rigassificazione di alcuni terminali
Impianto
(proponente e localizzazione)

Capacità serbatoi
(m3)

Capacità ...
Configurazione di alcuni impianti rigassificazione GNL

Impianto costiero – Panigaglia (SP)

Off shore su piattaforma –
Po...
Iter autorizzativo
Per poter realizzare ed esercire un terminale di rigassificazione di GNL il titolare deve richiedere l’...
Iter autorizzativo: il ruolo dei Vigili del Fuoco
Il Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco presiede il Comitato
Tecnico...
Configurazione di un impianto di rigassificazione di GNL
L’attività di un impianto di rigassificazione di GNL
consiste in:...
Configurazione di un impianto di rigassificazione di GNL

Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del So...
Configurazione di un impianto di rigassificazione di GNL:
alcuni particolari

Bracci di scarico del GNL

Serbatoio criogen...
Configurazione di un impianto di rigassificazione di GNL
Gli elementi principali dell’impianto sono:
- uno o più attracchi...
Analisi di rischio: strumenti
Gli strumenti dell’analisi di rischio, utilizzati nella
redazione del Rapporto di Sicurezza,...
Analisi di rischio: possibili scenari incidentali
I top-event ipotizzati per i rigassificatori di GNL sono:
-in fase di tr...
Apprestamenti di sicurezza
Per ridurre la probabilità di un incidente, si adottano una
serie di misure strutturali e impia...
Apprestamenti di sicurezza
- spessori incrementati per le condotte, rispetto ai
minimi di legge
- possibilità di immission...
Distributori di GNL: linee-guida VVF
Con lettera-circolare prot. DCPST 3819 del 21 marzo 2013 il
Ministero Interno – Dipar...
Green Shipping Summit
Genova, 30 novembre 2012

GRAZIE DELL’ ATTENZIONE

Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili de...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Paola De Nictolis - Funzionario dell'Area IV - Rischi Industriali, Ministero Interni - Dipartimento Vigili del Fuoco

738 views

Published on

Slides presentate a Roma il 21 novembre 2013 in occasione del Workshop "Il Ruolo della Marina Militare per l'Impiego del Gas Naturale nella Propulsione Navale" promosso da @ConferenzaGNL, un progetto a cura di Symposia e WEC Italia - TWITTER #GNL @ItalianNavy

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
738
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
7
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Paola De Nictolis - Funzionario dell'Area IV - Rischi Industriali, Ministero Interni - Dipartimento Vigili del Fuoco

  1. 1. Workshop GNL Roma, 21 novembre 2013 Il ruolo dei vigili del fuoco nel procedimento per la realizzazione di depositi di GNL e le nuove disposizioni previste dal DPR 1 agosto 2011, n.151 Paola DE NICTOLIS – funzionario Direzione Centrale Prevenzione e Sicurezza Tecnica Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica
  2. 2. Indice della presentazione - Utilizzo del GNL: motivazioni, ciclo del GNL - Richieste di autorizzazione presentate - Cenni sull’iter autorizzativo - Il ruolo dei Vigili del Fuoco nell’iter autorizzativo - Configurazione di un impianto di rigassificazione di GNL - Analisi di rischio: possibili scenari incidentali - Sistemi di sicurezza preventivi e protettivi Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 2
  3. 3. Utilizzo del GNL: motivazioni La crescente domanda energetica implica la necessità di disporre di grandi quantitativi di combustibili. Nel 2011 l’89% del gas importato dall’Italia è arrivato tramite gasdotti, il rimanente via nave. L’importazione di gas tramite gasdotti comporta la dipendenza da pochi fornitori (Russia, Algeria). La realizzazione di grandi impianti di rigassificazione di GNL permette di rivolgersi a più fornitori per l’approvvigionamento. Perciò, negli ultimi anni sono stati progettati vari impianti di rigassificazione di GNL, con diverse configurazioni: a terra, off-shore su piattaforma, off-shore su nave metaniera modificata. Alcuni di questi progetti non hanno completato l’iter autorizzativo a causa dell’opposizione incontrata a livello locale, o per rinuncia del proponente. Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 3
  4. 4. Il ciclo del GNL Fonte: OLT Offshore Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 4
  5. 5. Il ciclo del GNL
  6. 6. Richieste autorizzazione terminali GNL: localizzazione Trieste (8 mld mc/a) 6
  7. 7. Capacita di rigassificazione di alcuni terminali Impianto (proponente e localizzazione) Capacità serbatoi (m3) Capacità di rigassificazione (miliardi m3/anno) GNL Italia – Panigaglia (SP) n°2 da 50.000 3,5 (progettato ampliamento a 8) Adriatic LNG – Porto Viro (RO) n° 2 da 125.000 8 Alpi Adriatico Trieste Olt Offshore – Livorno 8 n°4 per totali 135.000 API Nova Energia Falconara M.ma (AN) Brindisi LNG – Brindisi 3.75 4 n°2 da 160.000 8 LNG Med Gas Terminal Gioia Tauro (RC) 12 ENEL - Porto Empedocle (AG) 11 7
  8. 8. Configurazione di alcuni impianti rigassificazione GNL Impianto costiero – Panigaglia (SP) Off shore su piattaforma – Porto Viro (RO) Su nave metaniera modificata (LI) In area portuale, su colmata (BR) Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 8
  9. 9. Iter autorizzativo Per poter realizzare ed esercire un terminale di rigassificazione di GNL il titolare deve richiedere l’autorizzazione unica al Ministero Sviluppo Economico, ai sensi della Legge 340/2000. Nell’ambito di tale procedimento unico, vengono acquisite, tra l’altro : - la Valutazione di Impatto Ambientale del Ministero Ambiente (ex DLgs 152/2006) - l’Autorizzazione Integrata Ambientale ex DLgs 152/2006 (va ottenuta comunque prima dell’inizio dell’attività) - le conclusioni istruttorie sul Rapporto di Sicurezza, dei Comitati Tecnici Regionali (ex Dlgs 334/1999) Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 9
  10. 10. Iter autorizzativo: il ruolo dei Vigili del Fuoco Il Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco presiede il Comitato Tecnico Regionale di Prevenzione Incendi, che analizza il Rapporto di Sicurezza presentato dal gestore. Inoltre, nell’ambito di un rigassificatore sono presenti attività soggette al controllo dei Vigili del Fuoco, incluse nell’Allegato I al DPR 151/2011 (nuovo regolamento di prevenzione incendi), tra cui: - i serbatoi criogenici di stoccaggio del GNL - i compressori/decompressori del gas - gruppi elettrogeni - condotte del gas Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 10
  11. 11. Configurazione di un impianto di rigassificazione di GNL L’attività di un impianto di rigassificazione di GNL consiste in: - ricevimento, a mezzo navi metaniere, del GNL, a pressione atmosferica e T = - 160°C - stoccaggio del GNL in serbatoi criogenici - recupero del boil off gas (BOG) - rigassificazione del GNL e immissione del gas, tramite una condotta, nella rete nazionale di distribuzione Snam Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 11
  12. 12. Configurazione di un impianto di rigassificazione di GNL Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 12
  13. 13. Configurazione di un impianto di rigassificazione di GNL: alcuni particolari Bracci di scarico del GNL Serbatoio criogenico di GNL Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 13
  14. 14. Configurazione di un impianto di rigassificazione di GNL Gli elementi principali dell’impianto sono: - uno o più attracchi per le navi gasiere e bracci di travaso -uno o più serbatoi criogenici in acciaio al 9% di Nichel -apparecchiature e strutture di processo e servizio: - pompe immerse - pompe ad alta prevalenza - sistema di compressione Boil Off Gas - ricondensatore - rigassificatore - sistema di recupero del calore (scambiatore) - torce - impianti tecnologici e servizi (utilities) Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 14
  15. 15. Analisi di rischio: strumenti Gli strumenti dell’analisi di rischio, utilizzati nella redazione del Rapporto di Sicurezza, sono: - analisi preliminare tramite metodo ad indici (DPCM 31 marzo 1989) - analisi storica - analisi di operabilità - alberi di guasto, alberi degli eventi Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 15
  16. 16. Analisi di rischio: possibili scenari incidentali I top-event ipotizzati per i rigassificatori di GNL sono: -in fase di travaso: perdita di GNL dai bracci di carico -in fase di stoccaggio: •perdita di GNL dalla mandata della pompa immersa -in fase di compressione dei Boil-Off-Gas: •perdita di gas dalla mandata compressori BOG •danneggiamento compressore BOG per alta p o alta T -in fase di ricondensazione: perdita di GNL dalla linea di ricondensazione -pompe alta pressione: perdita GNL dalla mandata pompe ai vaporizzatori -perdita di gas dalla linea di collegamento alla pipeline Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 16
  17. 17. Apprestamenti di sicurezza Per ridurre la probabilità di un incidente, si adottano una serie di misure strutturali e impiantistiche: -protezione dei serbatoi di GNL con parete di CLS -riduzione del numero di accoppiamenti flangiati delle tubazioni -applicazione di vernici protettive e rivestimenti adatti all’ambiente marino - giunti a disinnesto rapido con intercettazione automatica sui bracci di travaso per scarico da navi metaniere -valvole a chiusura automatica del tipo fire-proofing and fail-safe, per sezionare le apparecchiature contenenti il gas o il GNL Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 17
  18. 18. Apprestamenti di sicurezza - spessori incrementati per le condotte, rispetto ai minimi di legge - possibilità di immissione di GNL nei serbatoi sia nella parte inferiore che superiore per evitare il fenomeno del rollover - sistemi di allarme e blocco computerizzato - gruppo elettrogeno diesel di emergenza - rilevatori di gas, rilevatori d’incendio -impianti di estinzione a schiuma - impianti di irrorazione a diluvio, a protezione di circuiti e macchine critiche - monitori fissi e idranti - estintori Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 18
  19. 19. Distributori di GNL: linee-guida VVF Con lettera-circolare prot. DCPST 3819 del 21 marzo 2013 il Ministero Interno – Dipartimento Vigili del fuoco ha emanato delle linee guida per la progettazione antincendio di impianti di alimentazione di GNL con serbatoio criogenico fuori terra a servizio di stazioni di rifornimento di Gas Naturale Compresso per autotrazione. pubblicata sul sito www.vigilfuoco.it, al link: http://www.vigilfuoco.it/aspx/download_file.aspx?id=14657 Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 19
  20. 20. Green Shipping Summit Genova, 30 novembre 2012 GRAZIE DELL’ ATTENZIONE Ministero dell’Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica 20

×