Estratto Scheda Paese Finlandia

155 views

Published on

Estratto della SCHEDA PAESE a cura di WEC Italia: dati economici-energetici aggiornati della Polonia

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
155
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Estratto Scheda Paese Finlandia

  1. 1. FINLANDIA 05 Novembre 2013 La Finlandia, che si estende per oltre un terzo del suo territorio al di sopra del Circolo Polare Artico ed è popolata prevalentemente nella sua estremità meridionale, presenta un consumo di energia procapite tra i più elevati a livello mondiale. La scarsità a livello nazionale di riserve energetiche fossili tradizionali come petrolio, gas naturale e carbone, espone il paese a una forte dipendenza dalle importazioni di combustibili fossili, obbligandolo a perseguire un ampliamento della sicurezza energetica, una minore dipendenza dal carbonio e una crescente integrazione con il mercato energetico baltico. Nell’ambito della Direttiva europea sulle rinnovabili (RES), la Finlandia si prefigge di soddisfare entro il 2020 il 38% dei suoi consumi finali di energia attraverso le fonti rinnovabili. Essendo il paese più boscoso d'Europa, le biomasse dovrebbero trovare un ruolo importante nel raggiungimento di tale obiettivo. La Finlandia è uno dei pochi paesi europei che, dopo aver adottato l’energia nucleare alla fine degli anni Settanta, ha deciso negli anni più recenti di potenziare il suo parco di centrali nucleari. Nel 2010, infatti, il Parlamento finlandese ha approvato la costruzione di due nuovi impianti nucleari (dopo quello di Olkiluoto 3 già in costruzione) che potrebbero far raddoppiare la quota di energia elettrica prodotta dal nucleare entro il 2025, contribuendo a stabilizzare gli approvvigionamenti energetici e ad abbassare le emissioni di carbonio. Il paese finora è riuscito a sviluppare un mix di generazione elettrica abbastanza differenziato, basato su tre fonti all’incirca equivalenti: energie rinnovabili, nucleare e idrocarburi. Tuttavia la capacità di generazione non è ancora in grado di coprire tutti i fabbisogni durante i periodi di punta invernali e dovrà dipendere dalle importazioni almeno fino al 2016. Il sistema elettrico può comunque giovarsi delle abbondanti risorse idroelettriche disponibili nei paesi scandinavi e della sua interconnessione con il mercato elettrico dell'intera area nordica (BEMIP), che segna una crescita continua del prezzo comune dell’energia elettrica. Secondo i dati dell’Agenzia Internazionale per l’Energia (AIE), nel 2012 il consumo totale di energia primaria della Finlandia è ammontato a 33,5 milioni di tonnellate equivalenti petrolio. L’apporto dato dalle fonti rinnovabili al bilancio dell’energia primaria del paese è stato di circa il 34%. Il contributo del petrolio è sceso a poco meno del 25%, mentre il settore nucleare ha concorso al fabbisogno energetico per il 18% circa, seguito dal carbone (14%) e dal gas naturale (9%). Nonostante il calo dei consumi verificatosi rispetto al 2011 (-3,7%) e al 2010 (-8% circa), la produzione interna di energia primaria si è mantenuta pressappoco costante, consentendo alla Finlandia di migliorare la propria autosufficienza energetica, che nell’ultimo quadriennio è cresciuta dal 47% (2009) al 51% (2012). […] La scheda completa, con i dati economico/energetici aggiornati, è disponibile nell’area riservata dei SERVIZI INFORMATIVI del WEC Italia http://www.wec-italia.org/Servizi_informativi.aspx?idsez=3

×