Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Per imparare l’inglese... ci vuole orecchio

2,347 views

Published on

Per parlare in inglese devi adattare il tuo orecchio a una diversa frequenza sonora.Ma non basta.Per imparare una nuova lingua devi entrare in un nuovo modi di pensare,di sentire e esprimerti anche a livello non verbale

Published in: Business
  • Be the first to like this

Per imparare l’inglese... ci vuole orecchio

  1. 1. Per imparare l’inglese…ci vuole orecchio La ‘musica’ dell’inglese Impara con la musica barocca
  2. 2. La ‘musica’ dell’inglese Si parla bene una lingua solo quando la si sente bene, ovvero quando si possono analizzare i suoni e riconoscere il ritmo della melodia linguistica Alfred A.Tomatis
  3. 3. L‟INGLESE HA LA SUA…MUSICA Quando impari l’inglese la prima cosa è ‘farsi l’orecchio’,abituarti alla musicalità di questa lingua ascoltando canzoni,film in lingua originale o dialoghi. Non importa se capisci poco.Con la costanza ti verrà sempre più facile. Per parlare in inglese devi adattare il tuo orecchio a una diversa frequenza sonora.Ma non basta.Per imparare una nuova lingua devi entrare in un nuovo modi di pensare,di sentire e esprimerti anche a livello non verbale. Tutti sappiamo ormai che la parte più importante della comunicazione non è la parte verbale(solo il 15%) ma quella non verbale cioè il linguaggio corporeo (70%) e l’intonazione,la parte ‘musicale’ del linguaggio (15%)
  4. 4. Ogni lingua utilizza la sua gamma di frequenze sonore misurate in Hertz per esempio l‟italiano utilizza frequenze tra i 2000 e i 4000 Hertz l‟inglese UK frequenze tra i 2000 e i 12000 Hertz. l‟inglese Usa frequenze tra 1000-4000 Hertz.
  5. 5. Musica e linguaggio La musica e il linguaggio hanno in comune ritmo,tono,intonazione…. la prima cosa che abbiamo imparato da piccoli è la musicalità della voce dei nostri genitori,il loro specifico timbro… Hai mai notato che quando vai in un’altra regione dopo poco tendi a usare la cadenza inflessione tipica della regione?
  6. 6. la musica della lingua : l‟intonazione L‟intonazione è la “musica” di una lingua. Ogni lingua ha varie intonazioni per fare domande,affermare,esclamare… All’interno di una stessa lingua ci sono delle variazioni. Per esempio nelle varie regioni italiane le intonazioni cambiano..Regione che vai,intonazione che trovi In inglese l’intonazione è più piatta di quella italiana. Il tono resta lo stesso per tutta una frase lungo e sale o scende solo alla fine a seconda se è una domanda o una affermazione. Per imparare occorre ascoltare e ripetere a voce alta senza mai stancarsi. LE 3 INTONAZIONI DELL’INGLESE
  7. 7. ritmo L’italiano e l’inglese hanno ritmi diversi. Gli Italiani spesso si lamentano per quel modo di mangiar via le parole in una frase che differenza c’è fra il nostro ritmo e quello inglese? Non tutte le parole all’interno della frase hanno la stessa importanza. Pronunciation is important.
  8. 8. E‟ una questione di sillabe Ogni lingua ha il suo ritmo specifico che la rende inconfondibile. Un buon inglese è un inglese parlato con il ritmo giusto In italiano si alternano sillabe brevi e lunghe La durata di ogni sillaba è uguale. Il ritmo dell’italiano e il tempo per pronunciare una frase dipende dal numero di sillabe e non dal numero di accenti In inglese si alternano sillabe accentate e non.La durata tra due sillabe accentate è uguale. Fra un accento e l’altro ci possono essere un qualsiasi numero di sillabe non accentate.La durata non cambia. Il ritmo deve sempre essere rispettato. Ecco perché gli Italiani dicono che gli inglesi mangiano le parole. Sono proprio quelle non accentate ,quindi meno importanti, che hanno una pronuncia debole,più sfumata.
  9. 9. parole di contenuto e parole funzionali Le parole importanti,di contenuto sono nomi pronomi verbi aggettivi quindi sono accentate e pronunciate chiaramente. Le parole funzionali vengono pronunciate velocemente e in maniera sfumata perché sono meno importanti congiunzioni (and, but….) aggettivi indefiniti (some, any, such), pronomi personali (he, she, it/ his, her, its, etc.) articoli verbi ausiliari (to be, to have) e modali (can, could, should, must) preposizioni
  10. 10. il problema con i suoni Gli italiani incontrano qualche difficoltà per quanto riguarda la pronuncia psecie per quei suoni che in italiano non esistono. Iniziamo dalla pronuncia delle vocali.In inglese per le vocali abbondano i suoni Vediamo brevemente alcuni suoni che non esistono in italiano il suono [æ] ,un suono tra [a] e [e] cat at cap map bag back www.youtube.com/watch?v=5UpI5OVemOg&NR=1&featur e=endscreen http://ingleseamilano.blogspot.it/2010/08/come-si- pronuncia-il-th-in-inglese.html il suono [ʌ] un suono tra [a] e [o] cut bud luck stuff cup fra le consonanti la palma per la bestia nera è il suono th Queste 2 lettere hanno due pronunce [ð] (this,they) e [θ] (thing, three ) guarda in video la pronuncia [θ] di three Leggi nel mio blog Come si pronuncia il „TH‟ in inglese?
  11. 11. schwa Il suono indistinto [ə] è tra i più diffusi nella lingua inglese ed è chiamato schwa, Nell’Italia del nord questo suono diventa una [e] mentre nel sud questo suono è più familiare perché è presente nei dialetti.Per esempio nel dialetto napoletano. la h aspirata Un suono che parte in gola.Hai mai sentito in Toscana pronunciare ‘hasa’ per dire casa?La ‘h’ in inglese è’ simile a quel suono.Anche in spagnolo c’è questo suono. La differenza è fondamentale.Cambia tutto il significato come,per esempio,nelle parole angry- hungry ate –hate air-hair Quando si deve pronunciare? Se davanti alla parola puoi mettere l’articolo ‘a’ allora aspira la H.Se l’articolo è ‘an’ la H non si pronuncia an hour la H rimane muta a hotel la H si pronuncia
  12. 12. Pronuncia dei plurali
  13. 13. Come si pronuncia la finale -ED? Il passato e il participio dei verbi regolari si forma aggiungendo alla radice o forma base del verbo ED. CI sono alcune regole di spelling(ortografici) da tener presente la forma base finisce inY play-played segue la regola generale se la y è preceduta da una vocale worry-worried cambia la y in i perché la lettera precedente è una consonante la forma base finisce in consonante e è preceduta da vocale raddoppia la consonante monosillaba stop -stopped bisillaba prefer – preferred con la finale in “–l travel – travelled la forma base finisce in -e love- loved si aggiunge solo la -d
  14. 14. Ci sono 3 modi di pronunciare la finale ED /t/ /id/ /d/
  15. 15. Impara con la musica barocca La musica ci emoziona,ci convince a comperare o fa emergere i ricordi del primo appuntamento,ci porta fuori dalla depressione quando nient’altro riesce a farlo.La musica occupa più aree del nostro cervello rispetto al linguaggio. Oliver Sacks
  16. 16. il cervello ha la sua music zone Il linguaggio e la musica si trovano nella zona dei 2 lobi temporali. Ognuno ha il suo compito. Quello di sinistra riconosce meglio le parole,quello di destra la musica. Spesso i musicisti di talento sono anche bravi ad apprendere velocemente le lingue Questo è dovuto a una grande capacità di percepire e riprodurre le intonazioni e l’accento caratteristico di una lingua,così come le persone multilingue hanno una marcia in più per quanto riguarda le capacità musicali
  17. 17. la musica ti dà una mano La musica aiuta a creare quella atmosfera rilassata preludio per imparare,concentrarsi,memorizzare.Inolt re aiuta il nostro cervello a rilasciare endorfine onda su onda La musica influenza l’elettricità del cervello.Questa viene misurata in onde. Il cervello utilizza vari tipi di onde (Delta,Theta,Alpha,Beta) e ognuna ha uno scopo specifico
  18. 18. La musica barocca perché proprio questo tipo di musica che era in auge in Europa tra il 1600 e il 1750? Alcune ricerche hanno dimostrato che questa musica con le sue 60 battute circa al minuto rallenta la respirazione e il battito cardiaco aiutando il cervello a produrre più onde Alpha che sono presenti quando siamo calmi,rilassati quindi questo stato è ideale per imparare,creare oltre che rilassarsi. Anche la capacità di memorizzare migliora considerevolmente(+26%) ascoltando questa musica.
  19. 19. in pratica per studiare l’inglese ma non solo…anche per migliorare i tuoi risultati quando impari qualcosa di nuovo ecco alcuni suggerimenti esame d‟inglese? Affidati all‟effetto Mozart l’ascolto della musica di Mozart stimola i neuroni del cervello aiutando il corpo a rilassarsi e la mente a conservare le informazioni con maggiore efficienza. Fra le musiche di Mozart, vivamente consigliata per la sua efficacia la Sonata per due pianoforti in Re maggiore. In rete puoi scaricarla gratis da vari siti
  20. 20. Vuoi memorizzare rapidamente il vocabolario d‟inglese? Ecco alcuni suggerimenti musicali Il compositore più famoso di musica barocca fu Johann Sebastian Bach. ♦Concerti per clavicembalo ♦Suite for Orchestra No. 3 BWV 1068 ♦GoldbergVariations, BWV 988 George F.Handel ♦Musica sull’acqua ♦Musica per i reali fuochi d’artificio Concerti No.1 e 3 AntonioVivaldi ♦6 concerti per flauto, Opus 10 ♦Le 4 stagioni ‘ inverno’ Canone di Pachelbel
  21. 21. LE 4 GARANZIE ● ESPERIENZAVENTENNALE di un docente e formatore ● COMPETENZA E PROFESSIONALITÀ per prepararti con successo agli esami ● DIDATTICA PERSONALIZZATA in base alle tue esigenze ed interessi ● RISULTATI GARANTITI ● 2 TEST stile di apprendimento test di livello ●REPORT „IMPARARE L'INGLESE: QUALE È IL TUO STILE?‟(+ di 50 pagine) ● MATERIALE DIDATTICO (esercizi,audio,booklet…) Info servizi vittoria.nervi@gmail.com
  22. 22. relatore a congressi • Conference for teachers of English (British Council-Milano) • Convegno Nazionale Cidi • IATEFL Conference, Milano Pubblicazioni libri,guide….  “Eight easy steps” (Fabbri Editori)  “Step up!” 3 volumi (Fabbri Editori)  Guide didattiche per l’insegnamento della lingua Inglese Research and editing UK map in English (for schools) (research,editing -LS International,Milan) MY QUALIFICATIONS Docente  Consorzio per la formazione professionale sud est Milano,  docente freelance presso aziende (organizzazione modulare di apprendimento)  privati (lezioni one to one/ gruppo)  aziende,professionisti (moduli onsite) Formatore docenti e progetti poli scolastici  British Council-Milano: 4 workshop di formazione per l’aggiornamento dei docenti Cidi-Milano Irssae- Liguria Progetto sperimentale triennale (Borghetto L.-Lodi) Progetto sperimentale annuale (circolo didattico di Dresano-Mi) consulenza  Gruppo Arcobaleno s.p.a  Orsi s.p.a  Project consultant LS International,Milan  Project advisor Quality Life Project network  Medical presentations (team chirurgia oncologica IEO,Milano)
  23. 23. http://ingleseamilano.blogspot.it www.pinterest.com/vittorianervi www.scoop.it/t/english-4-your- career-and-business

×