Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Cassioli: creare valore dall'automazione

84 views

Published on

Siamo davvero entrati nella quarta rivoluzione industriale? È una domanda che negli ultimi tempi si stanno ponendo imprese, governi ed esperti, a partire dal 2011 quando il termine Industry 4.0 è entrato nel lessico socio economico. Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una crescente evoluzione globale del ruolo dell’automazione industriale all’interno dei network logistici, con la crescente necessità di nuove tecnologie e soluzioni.

La sua importanza ha portato i fornitori di soluzioni di material handling, quali CASSIOLI, ad una continua e attenta analisi dei dati volta ad un costante aumento in termini di sviluppo tecnologico ed informatico.

Published in: Technology
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Cassioli: creare valore dall'automazione

  1. 1. INNOVATION BORN FROM A SOLID EXPERIENCE MAGAZZINO 2020: CRONACHE LOGISTICHE DI UN FUTURO NON TROPPO LONTANO
  2. 2. 1943 La storia di CASSIOLI Group Segui le nostre milestones Data ufficiale inizio attività come piccola officina meccanica 1966 Prima specializzazione nelle attrezzature di movimentazione nel settore del legno
  3. 3. 1970 Sviluppo industriale nella progettazione e nella produzione di linee automatiche e sistemi di movimentazione 1996 Creazione di CASSIOLI Brasil 2005 Creazione di CASSIOLI Polska
  4. 4. 2009 2011 Creazione di CASSIOLI AD 2014 Inaugurazione nuovo stabilimento in Brasile Creazione di CASSIOLI USA
  5. 5. Production & Marketing Companies: CASSIOLI - Italy CASSIOLI Brasil - Brazil CASSIOLI Polska - Poland CASSIOLI USA - USA CASSIOLI Airport Division – Italy CASSIOLI Iberia - Spain Sales & Marketing Offices: Istanbul, Turkey Minsk, Belarus Milton Keynes, England Production Office CASSIOLI worldwide
  6. 6. Core competence
  7. 7. PRODUCTS & SERVICES
  8. 8. • Introduzione • Dove siamo arrivati fin’ora: lo stato dell’arte nello stoccaggio automatico • L’industria 4.0 e l’innovazione necessaria • I sistemi di movimentazione intelligente • Il cervello del sistema: WMS e applicazioni interattive • L’integrazione uomo/macchina e la creazione di valore • Punti di arrivo e punti di svolta CREARE VALORE CON L’AUTOMAZIONE
  9. 9. SIAMO VERAMENTE ENTRATI NELLA QUARTA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE? È una domanda che negli ultimi tempi si stanno ponendo imprese, governi ed esperti, a partire dal 2011 quando il termine Industry 4.0 è entrato nel lessico socio economico. Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una crescente evoluzione globale del ruolo dell’automazione industriale all’interno dei network logistici, con la crescente necessità di nuove tecnologie e soluzioni.
  10. 10. FINTECH INVESTMENT IN EUROPE total investment 2008 to 2015
  11. 11. MA QUALI SONO AD OGGI LE DINAMICHE DI FUNZIONAMENTO, I PRINCIPALI VANTAGGI, E GLI AMBITI DI APPLICAZIONE ALL’INTERNO DELLE NUOVE REALTÀ PRODUTTIVE INDUSTRIALI CHE STANNO CONNOTANDO LA NUOVA ERA DELL’INDUSTRIA 4.0? Il mercato sempre più evoluto e attento ha riscritto le regole del gioco, mettendo sempre più in rilievo il rapporto tra la competitività di mercato e requisiti quali l’accuratezza dell’ordine, la disponibilità, la velocità e la precisione della consegna.
  12. 12. Non esiste ancora una definizione esauriente del fenomeno, ma in estrema sintesi alcuni analisti tendono a descriverla come « il processo che nel corso di pochi decenni vedrà il quasi totale stravolgimento del comparto produttivo industriale nel quale l’automazione e l’interconnessione diventeranno i requisiti essenziali per l’appartenenza al mercato». INDUSTRIA 4.0 LE NUOVE REGOLE DEL GIOCO
  13. 13. Le nuove tecnologie digitali stanno avendo un impatto profondo nell'ambito delle attuali moderne direttrici di sviluppo. Sempre più necessaria diventa la centralizzazione delle informazioni e la loro conservazione attraverso l’utilizzo dei dati, la potenza di calcolo e la connettività.  Big data  Open data  Internet of Things  Machine-to-Machine  Cloud Computing Uso del Cloud computing tra le imprese in Europa in % Anno 2015
  14. 14. STIAMO ASSISTENDO ALLA NASCITA DI UN NOVO APPROCCIO VALORIALE DEI DATI RACCOLTI, NONCHÉ AD UNA VERA E PROPRIA RIDEFINIZIONE DELLA RELAZIONE TRA UOMO E MACCHINA.
  15. 15. ALLA RICERCA DI NUOVE OPPORTUNITÀ La ricerca di nuove complementarietà ha trovato ulteriore impulso con la diffusione della smart thecnology. Assistiamo alla nascita di nuove opportunità di business e nuovi fattori che migliorano e accelerano i processi di produzione e di sviluppo prodotto. L’utilizzo di big data nel comparto automobilistico stiano trasformando le autovetture sempre più in piattaforme tecnologicamente avanzate che integrano il prodotto ad una pluralità di servizi. Una automazione e rivoluzione volta ad un nuovo orientamento di mercato, un differente approccio al prodotto e al ruolo del cliente. Allo stesso tempo questo copioso flusso di informazioni proveniente dalla costante interconnettività dei prodotti permette un nuovo e più efficace monitoraggio delle prestazioni di ciascun componente e rende quindi possibile l’individuazione con precisione e tempestività quanto è opportuno modificare. DALLA TEORIA ALLA PRATICA
  16. 16. AZIENDA 4.0 Un mercato sempre più globale e mutevole rende necessaria una nuova evoluzione del prodotto e quindi della connessa produzione. Parole d’ordine quali rapidità di adattamento, efficienza, ottimizzazione del tempo, controllo e interconnessione su tutto il ciclo produttivo diventano le leve competitive della nuova azienda.
  17. 17. QUANDO LA MOVIMENTAZIONE È INTELLIGENTE Nella nuova idea di INDUSTRIA 4.0 gli impianti di movimentazione automatica rappresentano qualcosa di più che una semplice riduzione del costo del lavoro.. Magazzini automatici, linee di montaggio e di asservimento, sistemi di collaudo, veicoli automatici a guida laser o induttiva, carrelli automotori SLS, sistemi di picking ed isole robotizzate con sistemi di visione, una totale evoluzione del concetto, dello spazio della produzione e dei processi interni dell’azienda.
  18. 18. PAROLA D’ORDINE: INTERCONNETTIVITÀ Il WMS (Warehouse Management System) è un sistema software che ha il compito di supportare la gestione operativa dei flussi fisici che transitano per il magazzino, dal controllo della merce in ingresso in fase di accettazione alla preparazione delle spedizioni verso i clienti (ma, nel caso di magazzini interoperazionali, anche altri reparti. L'architettura software di un WMS è di tipo client-server (nelle soluzioni più recenti può essere anche di tipo web-server): il server WMS è collegato ad un host e, a un livello inferiore, a degli access point posti all'interno del magazzino per consentire alle informazioni di essere scambiate in tempo reale tramite dispositivi mobili (in radio frequenza – o, nelle applicazioni più recenti, in Wi-Fi – in grado di leggere barcode o tag RFID e che comunicano le informazioni per svolgere le attività via video e/o tramite tecnologia voice). L'ottimizzazione dei tempi di movimentazione delle merci (con la possibilità di gestire la merce con una determinata logica, identificata a priori, LIFO, FIFO, FEFO ...) IL CERVELLO DEL SISTEMA: WMS e applicazioni interattive
  19. 19. Ottimizzazione dei tempi di movimentazion e delle merci Riduzione dei tempi di evasione degli ordini la disponibilità e possibilità di consultare i dati in real-time Aumento della produttività degli operatori con riduzione degli errori manuali Razionalizza zione degli spazi La riduzione dei tempi di evasione degli ordini (grazie alla determinazione e il suggerimento all'operatore del giro di prelievo da effettuare); la razionalizzazione degli spazi, grazie alla possibilità di stoccare qualsiasi articolo in qualsiasi ubicazione senza pericolo di dimenticare dove la merce è stata stoccata; la riduzione dei supporti cartacei; l'aumento della produttività degli operatori e la riduzione degli errori dovuti alla gestione manuale; la disponibilità e possibilità di consultare i dati in real-time, sono solo alcuni dei fattori che stanno traghettando le tradizionali industrie ad investimenti significativi in termini di innovazione tecnologica. INNOVAZIONE COME LEVA COMPETITIVA INNOVAZIONE NELL’AZIENDA 4.0
  20. 20. L’INDUSTRIA 4.0 COME VALORE PRODUTTIVO LA FABBRICA INTELLIGENTE: IOT & REAL TIME ANALYTICS Il punto cruciale è che il valore non si crea più solo nella realizzazione fisica di un bene tangibile (una macchina, un trasportatore etc..) ma anche attraverso i dati. La digitalizzazione dei processi manifatturieri comporta proprio la valorizzazione dei dati che si è stati in grado di generare.
  21. 21. La fabbrica digitale, o Internet Industriale, apre le porte a una ricchissima serie di modelli di business a livello di produzione, grazie all'integrazione digitale di tutti gli attori dei processi aziendali, come fornitori, partner, clienti, conducendo ad una REVISIONE COMPLETA DELLA CATENA DEL VALORE e a un nuovo concetto di produzione e di servizi.. Lo IOT e Il'Industrial oT forniscono una enorme quantità di dati che, nel momento in cui vengono gestiti con strumenti di Real Time Analitycs, possono aumentare la conoscenza di tutti i processi e permettono di definire delle logiche di intervento e di automazione sui processi stessi, semplificando la lettura del comportamento delle macchine dedicate alla produzione, direttamente nel loro ambiente, dando così modo di agire sui processi produttivi in tempo reale e non più in modo asincrono e ritardato come avveniva nel passato. INTERNET of THINGS
  22. 22. La nuova azienda 4.0 può disporre di maggiore efficienza, ridurre i costi, creare nuove forme di collaborazione tra produttori, fornitori e clienti e, all'interno delle imprese stesse, può far dialogare macchinari, attrezzature o mettere in connessione interi stabilimenti tra loro. Altro aspetto da non tralasciare è la capacità dell’impianto “intelligente” di dialogare costantemente anche con il produttore; un prodotto che gestisce la propria manutenzione in una logica di "Gestione del Servizio da remoto"; è un prodotto che manda informazioni sul rilevamento di guasti, sull'usura dei componenti e che programma la propria manutenzione. automazione NELLA PRODUZIONE automazione DELLA MANUTENZIONE
  23. 23. L’INTEGRAZIONE UOMO & MACCHINA nella creazione di VALORE Non è possibile pensare di avviare un processo di trasformazione produttività di questa portata, senza il coinvolgimento partecipe e responsabile dei lavoratori. L’industria di ieri, di oggi e quella di domani sarà ancora fatta di persone, e più elevato è l’apporto cognitivo che a queste viene richiesto nella partecipazione dei processi produttivi e più elevato dovrà essere il grado di coinvolgimento professionale ed emozionale. Il contributo umano in questa grande rivoluzione, è e sarà sempre indispensabile, insostituibile, e qualitativamente sarà portato ad evolvere, emerge naturale quindi la necessità di una sempre più serrata collaborazione su più livelli tra il mondo produttivo e il mondo della formazione per riuscire ad anticipare le richieste del mercato e preparare per tempo i professionisti di domani.
  24. 24. L’OPERAIO 4.0All’ OPERAIO 4.0 saranno richieste capacità d’analisi e previsione, monitoraggio di big data e aggiornamenti costanti. La produzione potrà essere controllata anche mediante devices mobili, portando così lo smart manifacturing ad un livello altamente competitivo. Orari e luoghi di lavoro potrebbero diventare più elastici, assecondando la tendenza già in atto alla valorizzazione del lavoro da remoto. E questi sono solo alcuni dei possibili scenari che, tuttavia, ci fanno riflettere sul potenziale delle nuove possibilità che l’Industria 4.0 sarà in grado di aprire, senza necessariamente favorire la precarizzazione del lavoro. Vienie ad imporsi dunque una nuova spinta evolutiva in cui ricerca e fabbrica, formazione e lavoro, vanno sinergicamente di pari passo sin dalla scuola.
  25. 25. LA CULTURA DI INNOVARE Il passo obbligatorio che dobbiamo compiere è prima di tutto culturale, è necessario approcciare all’industria smart con una mentalità diversa, sviluppando idee di network, nuova fisionomia del lavoro, innovazione e formazione continua, prima e dopo l’età scolare, per poter volgere l’evoluzione tecnologica in un’altrettanto significativa rivoluzione sociale e culturale. Di fronte a una tale situazione, non è semplice prevedere come sarà il mondo del lavoro nel 2030, o calcolare modelli di business che non sono ancora stati vagliati. L’unica certezza sembra essere rappresentata dal fatto che l’Industria 4.0 implica fattori le cui potenzialità per l’occupazione sono ancora tutte da esplorare.
  26. 26. Quali sono le prospettive future dell’automazione nell’industria 4.0? Più informazioni, più conoscenza, meno materiale impiegato per creare prodotti e servizi più efficienti, dove le conoscenze informatiche e tecnologiche delle aziende specializzate nell’problem solving produttivo diventeranno elemento decisivo nell’acquisizione di posizioni strategiche di mercato. Con la domanda generata dall’innovazione e dalla crescita di nuovi consumatori nei paesi emergenti, le industrie di produzione globali avranno nuove opportunità, ed i sistemi di automazione innovativi saranno al centro di questa crescita. ?
  27. 27. I sistemi CASSIOLI di movimentazione intelligente Già da diverso tempo CASSIOLI ha intrapreso la strada dell’innovazione mettendo a punto sistemi intelligenti di stoccaggio e di movimentazione automatica per cui le macchine prodotte sono in grado di comunicare tra di loro, scambiando dati e garantendo un controllo totale ed in realtime del sistema: Clicca qui per vedere un esempio
  28. 28. Schematicamente, le principali Smart Technology su cui dovrebbe fondarsi l’industria del futuro sono rappresentate da: Wearables (Wearable Device): i sensori e gli attuatori vengono incorporati nei beni fisici (abbigliamento e accessori) e sono in grado di utilizzare le reti wireless per comunicare e scambiare informazioni tra loro, ma anche di aumentare la capacità di lettura e visione della realtà fisica, agevolando il processo produttivo; Big data analytics: ossia gli strumenti e le metodologie dedicati al trattamento e all’elaborazione di grandi e varie masse di dati da utilizzare per configurare in maniera adeguata ed efficiente il processo industriale; Internet of Things: connessione ultra veloce di oggetti, macchine e uomini, grazie alla quale vengono scambiate le informazioni sui prodotti e sul funzionamento dei macchinari; Cloud Manufacturing: la declinazione industriale del cloud computing (internet diffuso), per accedere on demand e open a risorse IT a supporto di processi produttivi e di gestione della supply chain; Advanced automation: macchine e robot collaborativi (o umanizzati), in grado di interagire con l’uomo o effettuare in maniera autonoma e flessibile funzioni produttive (assemblaggio, montaggio, etc.); Additive manufacturing: la stampa 3D che consente di produrre i beni “adducendo” materiale, in contrapposizione alla tradizionale produzione per sottrazione, utilizzando processi produttivi innovativi e materiali, tanto che i prodotti sono “stampati” in fase di produzione. L’integrazione uomo/macchina e la creazione di valore
  29. 29. Le collaborazioni: università e ricerca Da diversi anni CASSIOLI collabora con le università e le scuole tecniche per studiare soluzioni innovative in grado di anticipare la realtà di domani. Rinascimento Tecnologico, progetto in collaborazione, tra gli altri, con l’Università di Pisa, l’Università di Siena e la Regione Toscana, ha disegnato un nuovo concetto di linee di assemblaggio automatizzato per prodotti industriali di media e grande dimensione. Gli obiettivi generali era suddivisi i 4 macro ambiti: • Socio-industriale: evitare lo spopolamento industriale incrementando in modo significativo la percentuale di operazioni svolte in modo automatico evitando la migrazione verso paesi a basso costo di manodopera; • Ambientale: applicare tecniche volte all’efficienza e al risparmio energetico riducendo l’emissione di CO2 nell’ambiente attraverso la realizzazione di impianti efficienti; • Sicurezza per l’operatore: allontanare l’uomo dalle fasi lavorative ripetitive (stress psicologico) o pericolose; automatizzare gli spostamenti ricorrendo a carrelli a guida autonoma e comunque dotati di sistemi di anticollisione evitando di avere operatori in aree servite da mezzi come muletti condotti da operatori e il conseguente rischio di contatto; • Livello di servizio offerto al cliente: una volta creata la “carta d’identità” del prodotto, è necessario garantire al produttore (o, eventualmente, al cliente) in tempi rapidi l’insieme delle informazioni relative alla tracciabilità del pezzo (ad esempio, l’individuazione dell’operatore che ha assemblato il pezzo oppure che ha realizzato il collaudo, la tipologia dei pezzi impiegati e la loro provenienza di origine, le caratteristiche ambientali necessarie a particolari lavorazioni o a aree di conservazione).
  30. 30. Inoltre CASSIOLI partecipa ai Career Day delle Università ed ai progetti di inserimento per giovani studenti meritevoli che intendono misurarsi con il mondo dell’automazione industriale.
  31. 31. CASSIOLI è presente sul web con una precisa strategia comunicativa. Per maggiori informazioni visitate:
  32. 32. Grazie per l’attenzione! Some References AUTOMOTIVE Denso Isringhausen SpA Lear Corporation Renault Volkswagen BHS Florence Airport Rome Fiumicino Airport Rome Ciampino Airport Milan Malpensa Airport Pisa Airport Naples Airport Venice Airport Fuerteventura Airport (Spa) La Havana Airport (Cub) Kazan Airport (Rus) Varna Airport (Bul) Burgas Airport (Bul) Guarulhos San Paolo Airport (Bra) Natal Airport (Bra) Rio de Janeiro Airport (Bra) CHEMICAL/PHARMA Colgate Eurofarma Pigna Cartiere Angelini Ticomm & Promaco Estar DISTRIBUTION Havan Mercatto Mor Passarela APPLIANCES Arcelik S.A. Ariston Baymak Bonferraro Electrolux Group Whirlpool Group Haier Indesit FOOD & BEVERAGE CEE Prosciutti Gruppo Alimentare Toscana Pil Andina Vilma Alimentos WOOD / FORNITURE Softline All Kit Srl Alsapan Battistella Cucine Del Tongo Laca Cucine Moveis Selva International Stosa Cucine Zappalorto MECHANICAL FAB Marelli Motori OMFB Romi Tramontina TIRES Bridgestone Marangoni Michelin Pirelli Maxxion TEXTILE Alcantara Salvatore Ferragamo Tessitura Travesio DIFFERENT INDUSTRIES ABB DoorHan Dosco Co. Ltd Isopan SpA Cosentino Group Roccheggiani Souza Cruz Termoplast

×