Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Stress lavoro-correlato: cause, conseguenze e ripercussioni sul benessere

791 views

Published on

Conoscere e riconoscere il fenomeno dello Stress lavoro-correlato. Cosa dice la legge a riguardo, quali possono essere le sue cause e le sue conseguenze, l'importanza di rilevarlo per il benessere del lavoratore e dell'azienda

Published in: Health & Medicine
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Stress lavoro-correlato: cause, conseguenze e ripercussioni sul benessere

  1. 1. Dott.ssa Veronica Gardoni Il D. Lsg 81/2008, articolo 28Il D. Lsg 81/2008, articolo 28 Ribadisce l’obbligo della valutazione di tutti i rischi perRibadisce l’obbligo della valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e per la salute dei lavoratori.la sicurezza e per la salute dei lavoratori. La valutazione riguarderà:La valutazione riguarderà:  Le attrezzature di lavoro, sostanze e preparatiLe attrezzature di lavoro, sostanze e preparati chimici impiegati.chimici impiegati.  La sistemazione nei luoghi di lavoro.La sistemazione nei luoghi di lavoro.  Gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, traGruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui:cui:  quelli collegati alloquelli collegati allo stress lavoro-correlatostress lavoro-correlato,,  quelli riguardanti le lavoratrici in stato diquelli riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza,gravidanza,  quelli connessi a differenze di genere ed età.quelli connessi a differenze di genere ed età.
  2. 2. Dott.ssa Veronica Gardoni Perché si parla di stress nelPerché si parla di stress nel lavoro?lavoro?  Lo stress lavoro-correlato è statoLo stress lavoro-correlato è stato individuato a livello internazionaleindividuato a livello internazionale come oggetto di preoccupazione siacome oggetto di preoccupazione sia per i datori di lavoro che per iper i datori di lavoro che per i lavoratori.lavoratori.
  3. 3. Dott.ssa Veronica Gardoni Perché si parla di stress nelPerché si parla di stress nel lavoro?lavoro?  Il lavoro occupa gran parte delIl lavoro occupa gran parte del tempo di ognuno di noi, quindi ètempo di ognuno di noi, quindi è fondamentale nello sviluppo dellafondamentale nello sviluppo della propria personalità e nellapropria personalità e nella realizzazione dei propri bisogni.realizzazione dei propri bisogni.
  4. 4. Dott.ssa Veronica Gardoni Perché si parla di stress nelPerché si parla di stress nel lavoro?lavoro?  Potenzialmente lo stress puòPotenzialmente lo stress può riguardare ogni luogo di lavoro edriguardare ogni luogo di lavoro ed ogni lavoratore, indipendentementeogni lavoratore, indipendentemente dalle dimensioni dell’azienda, daidalle dimensioni dell’azienda, dai settori di attività o dal tipo disettori di attività o dal tipo di contratto.contratto.  Ciò NON significa però che tutti iCiò NON significa però che tutti i luoghi di lavoro e tutti i lavoratori neluoghi di lavoro e tutti i lavoratori ne sono interessati.sono interessati.
  5. 5. Dott.ssa Veronica Gardoni Perché si parla di stress nelPerché si parla di stress nel lavoro?lavoro? Dobbiamo ricordare che lo stressDobbiamo ricordare che lo stress legato al lavoro è un sintomo di unlegato al lavoro è un sintomo di un problema organizzativo e NON unaproblema organizzativo e NON una debolezza (o una malattia)debolezza (o una malattia) individuale.individuale.
  6. 6. Dott.ssa Veronica Gardoni Che cos’è lo stress?Che cos’è lo stress?  Lo stress è una reazione adattivaLo stress è una reazione adattiva generale, attivata da stimoli esternigenerale, attivata da stimoli esterni di svariata natura, per risponderedi svariata natura, per rispondere alle richieste della vita.alle richieste della vita.  Ciò che rappresenta una tensione,Ciò che rappresenta una tensione, una preoccupazione per unauna preoccupazione per una persona, può non essere percepitopersona, può non essere percepito in modo problematico da un’altra.in modo problematico da un’altra.
  7. 7. Dott.ssa Veronica Gardoni Che cos’è lo stress?Che cos’è lo stress? L’individuo deve affrontare un eventoL’individuo deve affrontare un evento (es: impegni lavorativi, liti in famiglia, difficoltà con gli amici…)(es: impegni lavorativi, liti in famiglia, difficoltà con gli amici…) Cerca una strategia per affrontarloCerca una strategia per affrontarlo Stress POSITIVO Stress NEGATIVOStress POSITIVO Stress NEGATIVO La persona è capace di reagire alle pressioni, utilizzando le proprie strategie e risorse. La persona NON è capace di reagire, perché le condizioni sfavorevoli superano le risorse oppure sono troppo prolungate nel tempo.
  8. 8. Dott.ssa Veronica Gardoni Quali sono leQuali sono le cause dello stress?cause dello stress?  Fattori ambientaliFattori ambientali  Stili di vita e atteggiamenti dellaStili di vita e atteggiamenti della personapersona  Eventi della vita quotidianaEventi della vita quotidiana  MalattieMalattie  Eventi o situazioni legati all’ambienteEventi o situazioni legati all’ambiente lavorativolavorativo
  9. 9. Dott.ssa Veronica Gardoni Quali caratteristiche del lavoroQuali caratteristiche del lavoro possono provocare stress?possono provocare stress?  Stress associatoStress associato alal contestocontesto di lavorodi lavoro::  OrganizzazioneOrganizzazione (scarsa comunicazione, difficile risoluzione dei problemi …)  RuoloRuolo (responsabilità, definizione del ruolo...)  CarrieraCarriera (bassa retribuzione, insicurezza …)  Rapporti con gli altri lavoratoriRapporti con gli altri lavoratori (isolamento, conflitti …)  Rapporto casa e lavoroRapporto casa e lavoro (difficile integrazione degli impegni domestici …)
  10. 10. Dott.ssa Veronica Gardoni Quali caratteristiche del lavoroQuali caratteristiche del lavoro possono provocare stress?possono provocare stress?  Stress associato alStress associato al contenutocontenuto del lavoro:del lavoro:  Ambiente di lavoro e attrezzatureAmbiente di lavoro e attrezzature  Pianificazione dei compitiPianificazione dei compiti:: turni, ripetitività..  Carico del lavoroCarico del lavoro  Ritmo del lavoroRitmo del lavoro  Orario di lavoroOrario di lavoro
  11. 11. Dott.ssa Veronica Gardoni Quali possono essere leQuali possono essere le conseguenze dello stressconseguenze dello stress sulla persona?sulla persona?  ComportamentoComportamento (alcool, fumo, farmaci,(alcool, fumo, farmaci, aggressività, percezione inadeguata del pericolo …)aggressività, percezione inadeguata del pericolo …)  Salute psicologicaSalute psicologica (ansia, tristezza, irritabilità,(ansia, tristezza, irritabilità, difficoltà nella concentrazione, disagio…)difficoltà nella concentrazione, disagio…)  Salute fisicaSalute fisica (mal di testa, stanchezza, aumento(mal di testa, stanchezza, aumento della pressione, accelerazione del battito cardiaco,della pressione, accelerazione del battito cardiaco, dolori vari …)dolori vari …)
  12. 12. Dott.ssa Veronica Gardoni Quali possono essere leQuali possono essere le conseguenze dello stressconseguenze dello stress sull’azienda?sull’azienda?  Aumento delle assenze,Aumento delle assenze,  Comunicazioni aggressive,Comunicazioni aggressive,  Riduzione della produttività e della qualità,Riduzione della produttività e della qualità,  Infortuni,Infortuni,  Errori,Errori,  Possibili spese mediche,Possibili spese mediche,  Reclutamento nuovo personale.Reclutamento nuovo personale.
  13. 13. Dott.ssa Veronica Gardoni Prevenzione dello stress nelPrevenzione dello stress nel lavoro …lavoro …  Nell’organizzazione dell’aziendaNell’organizzazione dell’azienda  Nelle prestazioni richiesteNelle prestazioni richieste  Nelle relazioni sul luogo del lavoroNelle relazioni sul luogo del lavoro  Nella gestione e comunicazione delNella gestione e comunicazione del cambiamento organizzativocambiamento organizzativo  Nel ruolo del lavoratoreNel ruolo del lavoratore  Nel sostegno da parte dei colleghi eNel sostegno da parte dei colleghi e responsabiliresponsabili  Nella formazione lavorativaNella formazione lavorativa
  14. 14. Dott.ssa Veronica Gardoni Il questionario che ora viIl questionario che ora vi consegniamo …consegniamo …  Valuta il livello di rischio di Stress Lavoro CorrelatoValuta il livello di rischio di Stress Lavoro Correlato percepito dai lavoratori.percepito dai lavoratori.  Deve essere ANONIMODeve essere ANONIMO  NON viene preso in esame il singolo lavoratore, maNON viene preso in esame il singolo lavoratore, ma l’insieme dei lavoratori.l’insieme dei lavoratori.  Sarà raccolto ed utilizzato solo per l’elaborazioneSarà raccolto ed utilizzato solo per l’elaborazione dei dati. Successivamente sarà distrutto.dei dati. Successivamente sarà distrutto.  NON sarà mostrato a persone dell’azienda.NON sarà mostrato a persone dell’azienda.  NON esistono risposte giuste o sbagliate.NON esistono risposte giuste o sbagliate.
  15. 15. Dott.ssa Veronica Gardoni GRAZIE PER LAGRAZIE PER LA COLLABORAZIONECOLLABORAZIONE Dott.ssa Veronica GardoniDott.ssa Veronica Gardoni

×