Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Upcoming SlideShare
What to Upload to SlideShare
What to Upload to SlideShare
Loading in …3
×
1 of 86

Comunicazione digitale - Confartigianato Cesena

2

Share

Corso di comunicazione digitale, dedicato al gruppo Donne Impresa di Confartigianato Cesena

Related Books

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

Comunicazione digitale - Confartigianato Cesena

  1. 1. COMUNICAZIONE DIGITALE COMUNICAZIONEDIGITALE
  2. 2. COMUNICAZIONE DIGITALECOMUNICAZIONE DIGITALE02 / 85 COMUNICAZIONE DIGITALE OGGETTO DEL CORSO: 1. Fondamenti di marketing e loro applicazione all’ambito web 2.Google Analytics 3.Social Media Management & Advertising 4.SEO & SEM 6.Privacy e GDPR 7.Case history - Italia ed estero
  3. 3. COMUNICAZIONE DIGITALECOMUNICAZIONE DIGITALE03 / 85 COMUNICAZIONE DIGITALE OGGETTO DEL CORSO: 1. Fondamenti di marketing e loro applicazione all’ambito web 2.Google Analytics 3.Social Media Management & Advertising 4.SEO & SEM 6.Privacy e GDPR 7.Case history - Italia ed estero
  4. 4. COMUNICAZIONE DIGITALE04 / 85 “Il marketingconsiste nell'individuazione e nel soddisfacimento dei bisogni umani e sociali. È il processo sociale attraverso il quale gli individui e i gruppi ottengono ciò di cui hanno bisogno attraverso la creazione, l’offerta e lo scambio di prodotti e di servizi di valore” - Philip Kotler Il marketing mix è l’insieme di leve operative che le imprese possono attuare per raggiungere i loro obiettivi di marketing: • Product > Prodotto • Price > Prezzo • Place > Distribuzione • Promotion > Comunicazione. Ø Quando parliamo di web marketing,rientriamo nella “quarta P”,Promotion,Comunicazione! Ø Il bello della comunicazione sul web è la sua misurabilità! (WEB) MARKETING: DI COSA PARLIAMO? COMUNICAZIONE DIGITALE
  5. 5. COMUNICAZIONE DIGITALECOMUNICAZIONE DIGITALE05 / 85 COMUNICAZIONE DIGITALE OGGETTO DEL CORSO: 1. Fondamenti di marketing e loro applicazione all’ambito web 2.Google Analytics 3.Social Media Management & Advertising 4.SEO & SEM 6.Privacy e GDPR 7.Case history - Italia ed estero
  6. 6. COMUNICAZIONE DIGITALE06 / 85 Google Analytics è la piattaforma Google che consente di avere informazioni il più complete possibile riguardo alle attività degli utenti di siti e applicazioni. A detta di Google stessa,Analytics consente di “misurare vendite e conversioni, di avere dati sempre aggiornati su come i visitatori stiano utilizzando il sito o l’app, su come siano arrivati e cosa si possa fare per incentivarli a tornare”. GOOGLE ANALYTICS COMUNICAZIONE DIGITALE
  7. 7. COMUNICAZIONE DIGITALE07 / 85 GOOGLE ANALYTICS E IL MONITORAGGIO CONVERSIONI A seconda della tipologia di attività (ecommerce,vendita di prodotti o servizi B2B, app) le conversioni,ossia le azioni che si spera gli utenti compiano,andranno monitorate con modalità diverse. COMUNICAZIONE DIGITALE
  8. 8. COMUNICAZIONE DIGITALE08 / 85 GOOGLE ANALYTICS PER IL MONITORAGGIO DEL TRAFFICO COMUNICAZIONE DIGITALE
  9. 9. COMUNICAZIONE DIGITALE09 / 85 GOOGLE ANALYTICS – PANORAMICA DEL PUBBLICO La schermata Panoramica del pubblico ci consente di avere una prima idea quali/quantitativa su visite e visitatori del nostro sito. COMUNICAZIONE DIGITALE
  10. 10. COMUNICAZIONE DIGITALE10 / 85 GOOGLE ANALYTICS – PANORAMICA DELL’ACQUISIZIONE Nella schermata Panoramica dell’acquisizione,possiamo in particolare prendere confidenza con le principali categorie di traffico in entrata su un sito web: • organico,traffico gratuito proveniente dai motori di ricerca • diretto,da persone che hanno scritto l’URL nella barra di ricerca del browser • referral,da siti che linkano al nostro. COMUNICAZIONE DIGITALE
  11. 11. COMUNICAZIONE DIGITALE11 / 85 GOOGLE ANALYTICS – TUTTO IL TRAFFICO Il traffico è misurato a livello di singola sorgente nella schermata Tutto il traffico. Impostando correttamente gli obiettivi,avremo la possibilità di vedere quali fonti di traffico ci hanno portato il maggior numero di conversioni nel periodo d’interesse. COMUNICAZIONE DIGITALE
  12. 12. COMUNICAZIONE DIGITALECOMUNICAZIONE DIGITALE12 / 85 COMUNICAZIONE DIGITALE OGGETTO DEL CORSO: 1. Fondamenti di marketing e loro applicazione all’ambito web 2.Google Analytics 3.Social Media Management & Advertising 4.SEO & SEM 6.Privacy e GDPR 7.Case history - Italia ed estero
  13. 13. COMUNICAZIONE DIGITALE13 / 85 I SOCIAL MEDIA: COSA SONO E A COSA SERVONO? Secondo Wikipedia,“un servizio di rete sociale o servizio di social network consiste in una struttura informatica che gestisce nel web le reti basate su relazioni sociali.La struttura è identificata,ad esempio,per mezzo del sito web di riferimento della rete sociale.” I social network sono il luogo online in cui regnano le conversazioni,che possono riguardare la propria vita pubblica e privata,le notizie,gli acquisti. Per quest’ultima ragione,è importante che le Aziende presidino i social media: qualcuno online sta probabilmente già parlando di loro online… ma come ne parla? Fonte:Socialnomics COMUNICAZIONE DIGITALE
  14. 14. COMUNICAZIONE DIGITALE14 / 85 FACEBOOK Facebook, fondato da Mark Zuckerberg nel 2004, nasce come rete universitaria per organizzare feste e vivere online la vita del college. Negli anni è diventato il social network leader al mondo. Facebook è popolato da profili,che identificano online gli utenti,e pagine, di proprietà diAziende e personaggi pubblici. Da un punto di vista marketing,si presta al B2C e in misura minore al B2B.È comunque sempre importante che un’Azienda presidi questo social,a causa dei suoi volumi di traffico. Le attività locali B2C (negozi di prossimità) possono contare su mappe e recensioni:Facebook si sviluppa sempre di più in ottica di Local SEO/LocalWeb Marketing. COMUNICAZIONE DIGITALE
  15. 15. COMUNICAZIONE DIGITALE15 / 85 INSTAGRAM Instagram è un’applicazione gratuita che consente agli utenti di condividere immagini, album, video e Stories,(in origine si trattava di foto quadrate con filtri retrò, simil Polaroid). Lanciata nel 2010,è stata acquisita da Facebook nel 2012. A livello marketing,si presta più al B2C che al B2B, in particolare è adatta a prodotti legati a lifestyle, lusso,moda,food,viaggi, lifestyle, sport – gli stessi temi cari ai top user. Fondamentale su Instagram è fare content creation, con foto/video/Stories sempre nuove, ORIGINALI… e non content curation: quest’ultima si presta invece a Pinterest! COMUNICAZIONE DIGITALE
  16. 16. COMUNICAZIONE DIGITALE16 / 85 La pubblicità online ha rivoluzionato il marketing nel corso dell’ultimo decennio,permettendo a chi lavora nel settore di raggiungere i propri consumatori di riferimento,con tre vantaggi essenziali rispetto ai mezzi tradizionali: • profilazione avanzata,basata su dati geodemografici nonché sul comportamento e gli interessi degli utenti • pagamento “a performance” delle campagne • misurabilità dell’investimento,aspetto relativo alla possibilità di tenere costantemente sotto controllo il ROI: ROI = (Ricavi – Costi pubblicitari) / Costi pubblicitari Si tratta di un ROI calcolato al netto dei costi,secondo la definizione stabilita dallo IAB (Interactive Advertising Bureau),istituzione di riferimento nel settore. Qualotra non sia possibile associare in modo diretto ricavi alla campagna,situazione tipica se non c’è ecommerce sul sito,si dovrà quanto meno monitorare il Costo diAcquisizione di lead commerciali (CPL): CPL = Costi pubblicitari / Richieste di preventivo ADVERTISING ONLINE COMUNICAZIONE DIGITALE
  17. 17. COMUNICAZIONE DIGITALE17 / 85 FACEBOOK ADS I Facebook Ads sono l’opportunità pubblicitaria introdotta nel 2008 da Facebook. Dal 2015 includono anche la possibilità di raggiungere il pubblico di Instagram. In entrambi icasi, il targeting è basato sugli interessi degli utenti nonché su dati socio-demografici e geolocalizzazione. Il bidding è analogo a Google Ads:asta inglese,con opportunità di ottimizzare le campagne e misurare la performance costantemente. Ecco i posizionamenti possibili per gli annunci. COMUNICAZIONE DIGITALE
  18. 18. COMUNICAZIONE DIGITALE FACEBOOK ADS I Facebook Ads sono disponibili nelle seguenti modalità e formati, a cui corrispondono finalità diverse: 1. clic al sito web 2. conversioni sul sito web 3. interazione con post 4. “mi piace” sulla pagina 5. installazione dell’app 6. interazione con l’app 7. notorietà in zona 8. risposte all’evento 9. richieste di offerte 10. visualizzazione di video 11. acquisizione di contatti. 18 / 85 COMUNICAZIONE DIGITALE
  19. 19. COMUNICAZIONE DIGITALE19 / 85 FACEBOOK ADS Gli annunci sono composti da vari elementi, per i quali Facebook definisce alcune linee guida: COMUNICAZIONE DIGITALE
  20. 20. COMUNICAZIONE DIGITALE20 / 85 FACEBOOK ADS Per gli annunci con immagine,Facebook definisce le seguenti specifiche: •Dimensioni consigliate per le immagini: 1200 x 628 pixel •Proporzioni delle immagini: 1.9:1 •Testo: 90 caratteri •Titolo: 25 caratteri •Descrizione del link: 30 caratteri •Testo solo una piccola parte dell’immagine (fino al 2016,limite del 30%). COMUNICAZIONE DIGITALE
  21. 21. COMUNICAZIONE DIGITALE21 / 85 FACEBOOK ADS Per gli annunci video,Facebook definisce le seguenti specifiche: •Testo: 90 caratteri •Titolo: 25 caratteri •Dimensioni dell'immagine di anteprima:devono corrispondere alle proporzioni del video.Il testo non può occupare più del 20% dell'immagine di anteprima •Video: compressione video in formato H.264,profilo alto preferito,pixel quadrati,frequenza dei fotogrammi fissa, scansione progressiva •Fotogrammi:massimo 30 fps •Formato:contenitore .mp4 idealmente con moov atom all'inizio, nessun elenco di modifica •Proporzioni consigliate: 1.33:1 / 4:3 / SDTV, 1.375:1 / film,1.77:1 / 16:9 / HDTV, 1.85:1 / Film, 2:39:1 o 2:40:1 / Widescreen,no pillarbox o letterbox •Audio:compressione audio in formatoAAC, 128 kbps + preferito •Dimensione del file: fino a un massimo di 1,75 GB •Velocità di trasmissione:nessun limite alla velocità di trasmissione con codifica 2-pass se il file non supera 1 GB. In alternativa, 8 megabit per secondo per 1080 pixel e 4 megabit per secondo per 720 pixel •Durata: massimo 45 minuti. COMUNICAZIONE DIGITALE
  22. 22. COMUNICAZIONE DIGITALE22 / 85 PINTEREST Pinterest,nato nel 2010,permette agli utenti di creare bacheche (Board) per raccogliere immagini in base a temi di loro gusto.Il nome deriva,infatti, dall'unione di pin (appendere) e interest (interesse). Questo social è molto popolare presso il pubblico femminile,specie anglosassone. Le categorie più popolari su Pinterest sono Cibo e bevande,Bricolage e artigianato,Abbigliamento donna, Decorazioni per la casa eViaggi. COMUNICAZIONE DIGITALE
  23. 23. COMUNICAZIONE DIGITALE23 / 85 YOUTUBE YouTube,fondato nel 2005 a San José (California) e acquisito da Google nel 2006,è la piattaforma leader di video sharing online,il secondo motore di ricerca al mondo dopo Google. YouTube è popolato da profili e canali, dal 2013 integrati con profili e pagine del social network Google+, con minore rilevanza a partire da luglio 2015. A livello marketing,si presta sia al B2C che al B2B. Richiede investimenti ingenti per la creazione di contenuti video di qualità. Per ottenere una buona visibilità dei video,sono importanti determinati accorgimenti SEO. COMUNICAZIONE DIGITALE
  24. 24. COMUNICAZIONE DIGITALE24 / 85 YOUTUBE: FATTORI DI POSIZIONAMENTO SEO Canale Video Web Numero iscritti Metadati Backlink Attività Sottotitoli Embed ChannelAuthority Playlist Condivisioni social Metadati Preferiti Interazioni Recenza Visualizzazioni Tempo di visione Fidelizzazione COMUNICAZIONE DIGITALE
  25. 25. COMUNICAZIONE DIGITALE25 / 85 YOUTUBE: VIDEO ADVERTISING CON GOOGLE ADS L’integrazione diYouTube nell’interfaccia pubblicitaria Google Ads e nel Google Display Network ha determinato il presentarsi di molteplici opportunità per i marketer! Chi vuol fare pubblicità su YouTube deve utilizzare Google Ads. Il primo step è unire i propri account Google Ads eYouTube. COMUNICAZIONE DIGITALE
  26. 26. COMUNICAZIONE DIGITALE26 / 85 FORMATI PUBBLICITARI YOUTUBE: IN DISPLAY ADS Gli In Display Ads appaiono: • su YouTube (sito,app Android e iOS) come risultati di ricerca, presentati come“video correlati” • su siti web che fanno parte del Google Display Network. Quando l’utente clicca sull’annuncio,di fianco al video di destinazione trova un ulteriore annuncio con immagini tratte dal video. COMUNICAZIONE DIGITALE
  27. 27. COMUNICAZIONE DIGITALE27 / 85 FORMATI PUBBLICITARI YOUTUBE: IN DISPLAY ADS Gli In Display Ads hanno le seguenti caratteristiche: • il video di destinazione deve essere caricato su YouTube • scelta di 4 miniature (per ulteriori personalizzazioni, occorre il supporto di un Account manager Google) • titolo con max.25 caratteri • descrizione di due righe, con un massimo di 35 caratteri ciascuna •pagina di atteraggio: un video o un canale YouTube •targeting per interessi,con opzioni avanzate (parole chiave, posizionamenti, remarketing,argomenti). COMUNICAZIONE DIGITALE
  28. 28. COMUNICAZIONE DIGITALE28 / 85 FORMATI PUBBLICITARI YOUTUBE: TRUE VIEW IN-STREAM Gli annunciTrueView In-stream sono video pre-roll che vengono visualizzati: • nei video pubblicati suYouTube • nei video, nei giochi e nelle app della Rete Display di Google • nei videoYouTube incorporati in altri siti • nelle app YouTube perAndroid e iOS • su m.youtube.com (su iPad eAndroid). Gli spettatori possono scegliere di ignorare l'annuncio video dopo 5 secondi. Se l'annuncio video non viene ignorato,il numero di visualizzazioni del video pre roll cresce: • se lo spettatore interagisce con l'annuncio video • se lo spettatore guarda 30 secondi dell'annuncio video (o l'intera durata se l'annuncio è più breve di 30 secondi) • se lo spettatore interagisce con il video (clic su CTA overlay di invito all'azione, sulle schede e sui banner companion) •a seconda dell'evento che si verifica per primo. Per venire ammesso all’asta TrueView, il video deve: • essere caricato su YouTube e incorporabile • essere pubblico o non in elenco,non streaming. COMUNICAZIONE DIGITALE
  29. 29. COMUNICAZIONE DIGITALE29 / 85 FORMATI PUBBLICITARI YOUTUBE: TRUE VIEW IN-STREAM I TrueView in-stream Ads hanno le seguenti caratteristiche: • il video deve essere caricato su YouTube • companion banner facoltativo e visibile solo su YouTube,300x60 •ciascuna • pagina di atteraggio: un video o canaleYouTube, oppure un URL esterno •targeting per interessi,con opzioni avanzate (parole chiave,posizionamenti,remarketing,argomenti) •bidding:cost-per-view. La lunghezza consigliata è tra 12 secondi e 3 minuti. COMUNICAZIONE DIGITALE
  30. 30. COMUNICAZIONE DIGITALE30 / 85 LinkedIn è un social network parzialmente gratuito impiegato principalmente per lo sviluppo di contatti professionali.È stato acquisito da Microsoft nel giugno 2016. Nel 2012 Linkedin aveva acquisito SlideShare, social di condivisione slide/presentazioni. Si calcola che oltre l’80%delleAziende al mondo utilizzi Linkedin per le proprie assunzioni. È in forte espansione l’uso del social network per marketing & vendite B2B.Inoltre,l’uso di Linkedin è fondamentale per il personal branding. LINKEDIN: IL SOCIAL NETWORK PROFESSIONALE COMUNICAZIONE DIGITALE
  31. 31. COMUNICAZIONE DIGITALE31 / 85 PROFILO LINKEDIN E PERSONAL BRANDING LinkedIn è il social network che ha rivoluzionato il mondo del recruiting:ad oggi,chi cerca lavoro in settori knowledge based si preoccupa di mantenere aggiornato il proprio profilo Linkedin,ancor primache il cv. Infatti,head hunter e recruiter cercano su Linkedin profili rilevanti ancora prima di pubblicare annunci e ricevere relativi cv. Con il tempo,Linkedinè diventato uno strumento utile non solo a chi cerca un’occupazione,ma a chi,in generale, vuol dare visibilità alle proprie competenze, diventando “autorevole” nel proprio settore: parliamo di personal branding. Il tuo Personal Brand è la ragione per cui un cliente, un datore di lavoro o un partner ti sceglie; il Personal Branding è il processo per identificarla, coltivarla e comunicarla nella maniera più efficace possibile. (Ninja Marketing) Il personal branding adotta le tecniche utilizzate dal marketingper promuovere i prodotti e le adatta per la promozione dell’identitàdelle singole persone. Il datore di lavoro può definire una social netiquette, per aiutare Dipendenti e Sales a essere visibili e tutelare il proprio Brand aziendale! COMUNICAZIONE DIGITALE
  32. 32. COMUNICAZIONE DIGITALE32 / 85 COME OTTIMIZZARE IL PROFILO PERSONALE? LinkedIn diventa uno strumento di personal branding efficace,se si attuano continuativamente strategie di varia natura: 1. completare minuziosamente tutti i campi del proprio profilo,aggiornandolo sempre,in occasione di cambi di datore di lavoro, cambi di mansione (all’interno della stessaAzienda),acquisizione di nuove responsabilità,gestione di nuovi progetti 2. iscriversi a gruppi di professionisti del proprio ambito 3. partecipare in modo costante e propositivo alle discussioni 4. regalare competenze alla community,offrendo consigli e aiuto,senza badare al “tempo perso gratuitamente” 5. dare voce alla propria personalità in relazione alle proprie idee 6. scrivere post su Linkedin Pulse. Sono attività time consuming, ma alcuni trucchi ci “salvano”! COMUNICAZIONE DIGITALE
  33. 33. COMUNICAZIONE DIGITALE33 / 85 OTTIMIZZAZIONE DEL PROFILO LINKEDIN #1: Scrivi una headline (intestazione) accattivante,che rispecchi le tue competenze e la tua personalità. Pensa a come i colleghi ti definiscono e sfrutta quest’espressione! #2:Per lo sfondo,scegli un’immagine che rispecchi I valori tuoi e della tuaAzienda! #3:Personalizza l’URL per renderlo breve e facile da ricordare! #4:Personalizza il profilo:descrivi te stesso in modo completo e accattivante,scegli le parole chiave giuste e parla anche di cosa offri alle persone con cui stai entrando in contatto! #5:Sfrutta Linkedin Pulse (piattaforma di blogging) e SlideShare (social di condivisione slide/presentazioni acquisito da Linkedin nel 2012):pubblica aggiornamenti rilevanti per il tuo settore! #6:Mantieniti aggiornato, segui gli Influencer migliori nel tuo ambito d’attività! COMUNICAZIONE DIGITALE
  34. 34. COMUNICAZIONE DIGITALE34 / 85 OTTIMIZZAZIONE DEL PROFILO LINKEDIN COMUNICAZIONE DIGITALE
  35. 35. COMUNICAZIONE DIGITALE35 / 85 SOCIAL NETIQUETTE: CURARE LE RELAZIONI Su Linkedin,è molto bello dimostrare la propria stima a colleghi e contatti mediante • Segnalazioni: scrittura di un testo descrittivo delle competenze dell’interessato e definizione del tipo di rapporto che ci lega • Referenze:in un clic,conferma di una o più competenze già elencate nel profilo oppure nuove. Da considerare: 1. Spesso Linkedin consiglia Competenze banali, per esempio“Microsoft Office”, “Linkedin”. Vanno evitate! 2. “Raccomandare” una persona determina la possibilità che un contatto terzo ci chieda una sua referenza.Lo strumento va quindi usato con cautela e buon senso. COMUNICAZIONE DIGITALE
  36. 36. COMUNICAZIONE DIGITALE36 / 85 SLIDESHARE: FATTORI DI POSIZIONAMENTO SEO SlideShare Web Titolo 50-60 caratteri con parole chiave Titolo 50-60 caratteri con parole chiave Descrizione max 150 caratteri con parole chiave Descrizione max 150 caratteri con parole chiave Nome file: parola chiave, minuscolo, no _ Nome file: parola chiave, minuscolo, no _ Trascrizioni con parole chiave (no a presentazioni di sole immagini!) Tag COMUNICAZIONE DIGITALE
  37. 37. COMUNICAZIONE DIGITALE37 / 85 LINKEDIN PER I VENDITORI – SALES NAVIGATOR LinkedIn è un social network freemium,ossia offre agli utenti varie modalità di utilizzo, gratis e a pagamento. Per iVenditori e per chi vuol generare lead (B2B),il prodotto premium di riferimento è il Linkedin Sales Navigator, disponibile in varie versioni: COMUNICAZIONE DIGITALE
  38. 38. COMUNICAZIONE DIGITALE38 / 85 LINKEDIN PER I VENDITORI: SALES NAVIGATOR Tra le funzionalità chiave: • raccomandazioni su account d’interesse • invio messaggi InMail • filtri di ricerca avanzata • notifiche su cambi di lavoro • note e tag • integrazione con i CRM • Chi ha visitato il mio profilo? COMUNICAZIONE DIGITALE
  39. 39. COMUNICAZIONE DIGITALE39 / 85 LINKEDIN E I CRM: INTEGRAZIONE CON MICROSOFT DYNAMICS COMUNICAZIONE DIGITALE
  40. 40. COMUNICAZIONE DIGITALE40 / 85 GESTIONE DELLA PAGINA AZIENDALE SU LINKEDIN Il valore aggiunto di LinkedIn per le aziende passa attraverso la Company Page,uno strumento che permette di: 1. comunicare novità 2. presentare nuovi prodotti o servizi 3. dare visibilità a vari brand,grazie alle PagineVetrina – Showcase Page 4. Scrivere post targettizzabili anche per lingua 5. raccogliere prospect da coltivare 6. reclutare personale e fare employer branding,mediante creazione e gestione di pagine ”Career” e “Life”. COMUNICAZIONE DIGITALE
  41. 41. COMUNICAZIONE DIGITALE41 / 85 COME VALUTARE LA PERFORMANCE? Indicatori fondamentali della performance su tutti i social network sono: 1. Crescita del numero di fan,da monitorare DoD (Day-over-Day),WoW (Week-over-Week) o MoM (Month-over-Month),a seconda degli obiettivi aziendali; 2. Engagement Rate,così calcolabile: ER = (Mi Piace + Commenti + Condivisioni) / Numero Fan COMUNICAZIONE DIGITALE
  42. 42. COMUNICAZIONE DIGITALE42 / 85 COME AUMENTARE I FOLLOWER DELLA PAGINA AZIENDALE? Quattro operazioni relativamente semplici per accrescere il numero di follower della propria pagina aziendale sono: 1. Inserire sul proprio sito un bottone “Follow Company”:https://developer.linkedin.com/plugins - particolarmente comodo per siti Wordpress 2. inserire nella firma della propria email aziendale un CallToAction con link alla pagina aziendale 3. comunicare a clienti, fornitori e contatti LinkedIn l’indirizzo della pagina e chiedere loro di seguirla con un clic su “Follow” 4. investire in pubblicità con i LinkedIn Ads. L’advertising su Linkedin è disponibile ad oggi in cinque formati: • Promoted Posts, Text Ads e Sponsored In Mail in modalità self service • Dynamic Ads previa negoziazione con il SalesTeam di Linkedin • Display Ads venduti tramite piattaforme di programmatic advertising. COMUNICAZIONE DIGITALE
  43. 43. COMUNICAZIONE DIGITALE43 / 85 LINKEDIN MARKETING SOLUTIONS: DYNAMIC ADS E DISPLAY ADS COMUNICAZIONE DIGITALE
  44. 44. COMUNICAZIONE DIGITALE44 / 85 LINKEDIN MARKETING SOLUTIONS: SPONSORED POSTS Si tratta di contenuti che appaiono nel News Feed delle persone in target.Consentono agli utenti di atterrare sul sito dell’inserzionista cliccando sul link o sulla foto,oppure sulla pagina aziendale cliccando sul nome o su Follow. È possibile promuovere un contenuto già esistente (in questo caso non lo si potrà modificare) oppure un contenuto nuovo,personalizzandolo e mostrandolo solo al target di utenti scelto. Si può investire in CPC (costo per clic) o CPM (costo per visualizzazione). È possibile anche impostare una cifra massima per l’offerta, ovvero la somma massima che verrà pagata per un clic (campagna CPC) o per 1.000 visualizzazioni (campagna CPM),la somma massima per il budget giornaliero e la data di inizio della campagna. COMUNICAZIONE DIGITALE
  45. 45. COMUNICAZIONE DIGITALE45 / 85 LINKEDIN MARKETING SOLUTIONS: TEXT ADS Questi annunci possono essere creati a partire da una pagina o un profilo personale. Sono composti da: • un titolo di 25 caratteri • un testo di 75 caratteri • un’immagine in formato PNG,JPEG or GIF,di massimo 2 MB che viene ridimensionata a 50×50 pixel.Secondo le statistiche di LinkedIn,la presenza dell’immagine può aumentare del 20% il CTR. Le opzioni di targeting e investimento sono analoghe a quelle previste per gli Sponsored Posts. Possono avere come destinazione una pagina aziendale su LinkedIn o un sito web esterno,se ne possono creare fino a 15 versioni differenti su cui testare CTR e conversioni. Appaiono nella colonna destra e in alto, sotto forma di riga di testo. COMUNICAZIONE DIGITALE
  46. 46. COMUNICAZIONE DIGITALE46 / 85 LINKEDIN MARKETING SOLUTIONS: SPONSORED IN-MAIL Questo prodotto pubblicitario consente di fare email marketing,disponendo come database dei 500 milioni di iscritti a Linkedin! Possibili obiettivi: • diffondere inviti a workshop,webinar,convegni • incentivare download di contenuti,ebook,report ecc. • generare conversioni mediante promozioni dedicate. Pregi delle Sponsored InMail: • template ottimizzati per il mobile • invio di messaggi personalizzati alle sole persone in target • interazione con gli utenti mentre sono attivi su Linkedin. COMUNICAZIONE DIGITALE
  47. 47. COMUNICAZIONE DIGITALE47 / 85 NEW: DIGITAL HR & RECRUITING! “The best recuiters… act like marketers! Because you need to nurture your audience: 1. Social media keeps the conversation going! 2. Sales is one-to-one,Marketing is one-to-many!” - Linkedin Talent Solutions COMUNICAZIONE DIGITALE
  48. 48. COMUNICAZIONE DIGITALE48 / 85 LINKEDIN TALENT SOLUTIONS: BUILD, ENGAGE, RECRUIT! COMUNICAZIONE DIGITALE
  49. 49. COMUNICAZIONE DIGITALE49 / 85 LINKEDIN TALENT SOLUTIONS: BUILD COMUNICAZIONE DIGITALE
  50. 50. COMUNICAZIONE DIGITALE50 / 85 LINKEDIN TALENT SOLUTIONS: BUILD COMUNICAZIONE DIGITALE
  51. 51. COMUNICAZIONE DIGITALE51 / 85 LINKEDIN TALENT SOLUTIONS: ENGAGE COMUNICAZIONE DIGITALE
  52. 52. COMUNICAZIONE DIGITALE52 / 85 LINKEDIN TALENT SOLUTIONS: RECRUIT Linkedin offre funzionalità ad hoc per la ricerca di candidati. 41 filtri di ricerca avanzata permettono di ridurre tempi e costi di selezione del personale. I Recruiter possono inoltre: • inviare messaggi personalizzati anche a persone al di fuori del proprio network • gestire la pipeline con note collegate a ciascun profilo • raggiungere anche candidati passivi! COMUNICAZIONE DIGITALE
  53. 53. COMUNICAZIONE DIGITALE53 / 85 Il marketing sui motori di ricerca,in primis Google, si concretizza in due campi di attività: • SEM – Search Engine Marketing o SEA – Search Engine Advertising:pubblicità su Google Ads e piattaforme equivalenti • SEO – Search Engine Optimization: ottimizzazione del sito e utilizzo di tecniche di link building su siti terzi, per posizionarne in modo“organico” (naturale) i contenuti su Google e sugli altri motori. Entrambi i campi di attività richiedono il lavoro di specialisti, ma è consigliabile a ogniAzienda: • conoscere le basi SEM,per valutare come stiano andando le campagne • avere delle competenze di scrittura per il web rivolta alla SEO, soprattutto se il sito viene aggiornato in autonomia. MARKETING SUI MOTORI DI RICERCA: SEM & SEO COMUNICAZIONE DIGITALE
  54. 54. COMUNICAZIONE DIGITALECOMUNICAZIONE DIGITALE54 / 85 COMUNICAZIONE DIGITALE OGGETTO DEL CORSO: 1. Fondamenti di marketing e loro applicazione all’ambito web 2.Google Analytics 3.Social Media Management & Advertising 4.SEO & SEM 6.Privacy e GDPR 7.Case history - Italia ed estero
  55. 55. COMUNICAZIONE DIGITALE55 / 85 Google Ads è la piattaforma pubblicitaria di Google, che consente di raggiungere potenziali utenti e clienti mentre effettuano ricerche su Google e o visitano siti affiliati. Google Ads funziona in base al meccanismo dell’asta inglese. I vari inserzionisti concorrono per apparire online,in base a un’asta. Scommettono una cifra massima per ogni parola chiave,ma pagano in realtà una cifra leggermente più bassa, per ogni clic ricevuto. Ecco le formule fondamentali che regolano il funzionamento delle campagneAdWords: Ad Rank = CPC massimo * Punteggio di Qualità CPC effettivo = Ad Rank inserzionista successivo / Punteggio di Qualità inserzionista Unità di misura è il CPC (Cost-per-Click),ma in alcuni casi specifici è possibile gestire campagne pagando CPM (Cost- per-Mille,costo di 1.000 visualizzazioni) e CPA (Cost-per-Action). PerAd Rank intendiamo invece l’algoritmo con cui Google determina la posizione dell’annuncio. GOOGLE ADS: PIATTAFORMA SEM COMUNICAZIONE DIGITALE
  56. 56. COMUNICAZIONE DIGITALE56 / 85 Guardando le formule,appare evidente che il Punteggio di qualità (Quality Score) gioca un ruolo fondamentale in ottica di resa della campagna e ottimizzazione dei costi. •Il Punteggio di Qualità ha valori da 1 a 10 e dipende da vari fattori: • CTR previsto dell’annuncio: si basa in parte sui dati storici relativi a clic e impression • CTR storico dell'URL di visualizzazione • Qualità della pagina di destinazione:pertinente, trasparente e di facile navigazione • Pertinenza dell'annuncio rispetto alle ricerche • Rendimento geografico • Rendimento sui dispositivi target. GOOGLE ADS: IL PUNTEGGIO DI QUALITA’ COMUNICAZIONE DIGITALE
  57. 57. COMUNICAZIONE DIGITALE57 / 85 Google Ads è strutturato su quattro livelli: • Account:l’inserzionista • Campagne: dovrebbero rispecchiare la struttura del sito web e le regioni target • Gruppi di annunci (AdGroup) • Annunci (AdText). GOOGLE ADS: STRUTTURA DELL’ACCOUNT COMUNICAZIONE DIGITALE
  58. 58. COMUNICAZIONE DIGITALE58 / 85 Si tratta delle “parole o frasi che descrivono il prodotto o servizio di tua scelta per aiutare il sistema a stabilire quando e dove pubblicare il tuo annuncio”. Per strutturare un buon elenco di parole chiave,lo strumento gratuito diAdWords è KeywordPlanner. Una volta scaricati i suggerimenti,è utile raffinare la propria strategia utilizzando le varie opzioni di corrispondenza (matching) disponibili. GOOGLE ADS: PAROLE CHIAVE E CORRISPONDENZE COMUNICAZIONE DIGITALE
  59. 59. COMUNICAZIONE DIGITALE59 / 85 La Rete Display di Google include una rete molto ampia di siti e applicazioni che pubblicano annunci provenienti da inserzionisti Google. Grazie alla Rete Display,è possibile: 1. Raggiungere utenti in base a parole chiave e argomenti contenuti nei siti che visitano: utilizzando il targeting contestuale,AdWordsindividua le posizioni migliori per gli annunci 2. Scegliere pagine o siti specifici,detti “posizionamenti gestiti” (placement) 3. Trovare utenti già interessati al prodotto: utenti che hanno già visitato il sito tramite campagne di remarketing, oppure clienti attenti determinate categorie di interessi. GOOGLE ADS: DISPLAY NETWORK COMUNICAZIONE DIGITALE
  60. 60. COMUNICAZIONE DIGITALE60 / 85 La landing page,pagina di destinazione degli annunci,deve essere coerente con il loro contenuto e contenere alcuni elementi di base: 1. Elementi di unicità del prodotto (USP) 2. Form (modulo),di rapida compilazione 3. Elementi di rassicurazione:testimonial,“Hanno parlato di noi” 4. Login, per chi avesse già un account sul sito d’interesse 5. Last-call:numero di telefono,altre modalità di contatto,per gli utenti che stanno abbandonando la pagina. LANDING PAGE: CARATTERISTICHE DI BASE COMUNICAZIONE DIGITALE
  61. 61. COMUNICAZIONE DIGITALECOMUNICAZIONE DIGITALE61 / 85 COMUNICAZIONE DIGITALE OGGETTO DEL CORSO: 1. Fondamenti di marketing e loro applicazione all’ambito web 2.Google Analytics 3.Social Media Management & Advertising 4.SEO & SEM 6.Privacy e GDPR 7.Case history - Italia ed estero
  62. 62. COMUNICAZIONE DIGITALE62 / 85 Il tag title è il codice HTML che specifica il titolo di una determinata pagina web. Caratteristiche: • Keywords principali:sì • Lunghezza max:55 caratteri • Univoco:sì • Specificità:sì (es.mai “home” per la home page). SEO WRITING: META TAG TITLE COMUNICAZIONE DIGITALE
  63. 63. COMUNICAZIONE DIGITALE63 / 85 SEO WRITING: META TAG TITLE COMUNICAZIONE DIGITALE
  64. 64. COMUNICAZIONE DIGITALE64 / 85 SEO WRITING: META TAG TITLE COMUNICAZIONE DIGITALE
  65. 65. COMUNICAZIONE DIGITALE65 / 85 Il meta tag description fornisce una breve descrizione della pagina web agli spider e soprattutto agli utenti dei motori di ricerca. Caratteristiche: – Keywords principali: sì – Lunghezza: 150 caratteri,spazi compresi – Univoca: sì – Specificità: sì, mai troppo pubblicitaria SEO WRITING: META TAG DESCRIPTION COMUNICAZIONE DIGITALE
  66. 66. COMUNICAZIONE DIGITALE66 / 85 SEO WRITING: META TAG DESCRIPTION COMUNICAZIONE DIGITALE
  67. 67. COMUNICAZIONE DIGITALE67 / 85 IlTitle è la parte più importante nell’ottimizzazione SEO, per esempio,di un comunicato stampa. Deve invitare a proseguire nella lettura, ma anche contenere le parole chiave ricercate dagli utenti. Linee guida: 1. deve rappresentare il contenuto dell’articolo 2. deve essere sintetico,ma attrattivo 3. deve utilizzare le parole chiave maggiormente ricercate dagli utenti 4. le parole chiave importanti devono essere all’inizio del testo 5. deve essere univoco 6. non superare mai le 55 battute e andare sulla seconda riga. Esempio:https://www.panorama.it/news/esteri/cosa-succede-quando-nasce-un-royal-baby/ Ø Titolo, correttamente scritto e omottimizzato: È nato il terzo Royal Baby: è un maschio SEO WRITING: OTTIMIZZAZIONE META TAG TITLE COMUNICAZIONE DIGITALE
  68. 68. COMUNICAZIONE DIGITALE68 / 85 Il meta tag description è il testo che viene visualizzato all’interno dei risultati dei motori di ricerca.Il suo ruolo è spingere gli utenti a cliccare sul nostro risultato. Linee guida: 1. deve descrivere il contenuto dell’articolo utilizzando le parole chiave maggiormente ricercate dagli utenti all’inizio del suo testo 2. deve creare interesse negli utenti 3. deve essere molto chiaro e non pubblicitario 4. deve avere lunghezza compresa tra 90 e 150 battute. Esempio:https://www.panorama.it/news/esteri/cosa-succede-quando-nasce-un-royal-baby/ Ø Descrizione, correttamente scritta e ottimizzata: La nascita del terzo royal baby,figlio di Kate eWilliam, era stata annunciata ufficialmente tramite l'accountTwitter di Kensington Palace. SEO WRITING: OTTIMIZZAZIONE META TAG DESCRIPTION COMUNICAZIONE DIGITALE
  69. 69. COMUNICAZIONE DIGITALE69 / 85 H1 o tag di Intestazione è letteralmente l'intestazione della tua pagina, come il titolo dell'articolo di un giornale. Caratteristiche: • Keywords principali:sì • Lunghezza: libera • Univoco:sì • Specificità:sì, rivolgersi agli essere umani e non solo al motore di ricerca. SEO WRITING: TAG H1 COMUNICAZIONE DIGITALE
  70. 70. COMUNICAZIONE DIGITALE70 / 85 SEO WRITING: TAG H1 COMUNICAZIONE DIGITALE
  71. 71. COMUNICAZIONE DIGITALE71 / 85 URL REWRITING COMUNICAZIONE DIGITALE
  72. 72. COMUNICAZIONE DIGITALE72 / 85 Linee guida per l’ottimizzazione del testo di un articolo sul web: 1. Lunghezza di 500 -1000 caratteri: 2. Utilizzo di link interni/esterni 3. Parole chiave in BOLD 4. Utilizzo di tag: 5. Esplicitare nel testo le 5 W: – WHO: chi? Meghan Markle – WHAT:che cosa? Ha sposato il Principe Harry – WHERE:dove?AWindsor – WHEN:quando? Il 19 maggio 2018 – WHY: perché?Attrice afroamericana divorziata,novità per la Corona inglese SEO WRITING: OTTIMIZZAZIONE DEL TESTO COMUNICAZIONE DIGITALE
  73. 73. COMUNICAZIONE DIGITALE73 / 85 I link interni hanno il principale obiettivo di dare valore agli occhi di Google, mediante l’utilizzo di un determinato anchor text:se in un articolo con la parola chiave“Meghan Markle” linkiamo a un’altra pagina del nostro sito,stiamo dicendo ai motori di ricerca che la pagina linkata parla della moglie del Principe Harry,nota attrice; di conseguenza,le diamo valore, per un buon posizionamento. Come creare una buona strategia di link interni? • Inserire dai 2 ai 3 link interni per articolo/pagina • Utilizzare parole chiave. Esempio di ottimizzazione: – Anchor text normale:per scoprire di più su Meghan Markle, leggi il nostro articolo – Anchor text ottimizzato: Meghan Markle ØRappresenta il contenuto dell’articolo linkato ed è una parola chiave. SEO WRITING: LINK INTERNI COMUNICAZIONE DIGITALE
  74. 74. COMUNICAZIONE DIGITALE74 / 85 L’ottimizzazione delle immagini di un sito web e dei tag HTML ad esse connessi è fondamentale per un buon posizionamento sui motori di ricerca. Cosa ottimizzare? 1) L’attributoALT del tag IMG (ALT sta per“testo alternativo” e indica l’elemento HTML da associare alle parti non testuali dei contenuti) 2) Il nome del file 3) La dimensione (occhio a file enormi!) Esempio: <img src=”/la-mia-immagine.jpg”alt=”La mia immagine”title=”La mia immagine”width=”100ʺ height=”63ʺ /> OTTIMIZZAZIONE IMMAGINI COMUNICAZIONE DIGITALE
  75. 75. COMUNICAZIONE DIGITALE75 / 85 La velocità di caricamento di un sito web è diventata un fattore sempre più importante, sia per gli utenti sia per i motori di ricerca. Google oggi considera la velocità di caricamento di un sito web tra i 200 fattori di ranking che influenzano la posizione di un sito web nei risultati di ricerca organici. Consigli: 1) Ottimizzazione dimensione immagini 2) Formato file Immagine sempre JPG, PNG e GIF 3) Evitare Testo Grafico 4) Evitare plugin inutili in Wordpress VELOCITA’ DEL SITO COMUNICAZIONE DIGITALE
  76. 76. COMUNICAZIONE DIGITALE76 / 85 GDPR E PRIVACY Il 25 maggio 2018 è entrato in vigore il GDPR, Regolamento Europeo volto a tutelare la privacy degli utenti rispetto alle pratiche di marketing. Al di là degli adempimenti che ogni Azienda o Ente deve valutare con un proprio Responsabile o Consulente Privacy, inclusa in alcuni casi la nomina del DPO, è essenziale che il proprio sito web sia adeguato al GDPR, per quanto concerne: • accettazione preventiva da parte degli utenti dei cookie presenti sul sito >> soluzioni consigliate: Iubenda e Cookiebot • raccolta del consenso all’iscrizione degli utenti in mailing list >> soluzione consigliata ma non sempre percorribile:form nativi di Mailchimp • Consenso degli utenti alla raccolta di dati personali, archiviati per esempio nell’area riservata del sito >> soluzione consigliata: Consent Solution di Iubenda o, ove possibile (per esempio, in caso di servizi B2B): raccolta manuale. COMUNICAZIONE DIGITALE
  77. 77. COMUNICAZIONE DIGITALECOMUNICAZIONE DIGITALE77 / 85 COMUNICAZIONE DIGITALE OGGETTO DEL CORSO: 1. Fondamenti di marketing e loro applicazione all’ambito web 2.Google Analytics 3.Social Media Management & Advertising 4.SEO & SEM 6.Privacy e GDPR 7.Case history - Italia ed estero
  78. 78. COMUNICAZIONE DIGITALE78 / 85 GDPR E PRIVACY COMUNICAZIONE DIGITALE
  79. 79. COMUNICAZIONE DIGITALE79 / 85 GDPR E PRIVACY COMUNICAZIONE DIGITALE
  80. 80. COMUNICAZIONE DIGITALE80 / 85 GDPR E PRIVACY COMUNICAZIONE DIGITALE
  81. 81. COMUNICAZIONE DIGITALECOMUNICAZIONE DIGITALE81 / 85 COMUNICAZIONE DIGITALE OGGETTO DEL CORSO: 1. Fondamenti di marketing e loro applicazione all’ambito web 2.Google Analytics 3.Social Media Management & Advertising 4.SEO & SEM 6.Privacy e GDPR 7.Case history - Italia ed estero
  82. 82. COMUNICAZIONE DIGITALE82 / 85 TRA è un’Associazione di Fiscalisti specializzati in IVA, presente in 19 Paesi. Periodo:luglio 2017 – oggi. Attività: 1. Realizzazione nuovo sito web Wordpressmultilingua (inglese, francese,tedesco) 2. SEO – Search Engine Optimization iniziale e link building trilingue 3. SMM:gestione Linkedin,Facebook, Twitter 4. Email marketing:creazione e gestione newsletter 5. Campagna SEM – Google AdWords. Risultati principali: • set up mailing list e sua crescita fino a 1,5k destinatari • +300% crescita campagnaAdWords YoY. CASE HISTORY ITALIA & ESTERO: TRA - TAX REPRESENTATIVE ALLIANCE COMUNICAZIONE DIGITALE
  83. 83. COMUNICAZIONE DIGITALE83 / 85 BDD è da oltre vent’anni un punto di riferimento dell’odontoiatria milanese, sito in riva al Naviglio Grande. Periodo:gennaio 2014 – oggi. Attività: 1. Consulenza marketing 2. Realizzazione materiali di comunicazione on- e offline 3. Diverse release del sito web Wordpress,next step:inglese e russo 4. Lancio nuovi servizi: Osteopatia e Nutrizione 5. Sponsorizzazioni e partnership in ambito sportivo e no profit 6. Milano Marathon 2017 con Sport Senza Frontiere ONLUS 7. SEO – Search Engine Optimization 8. Scrittura contenuti,Blogging e SMM – Social Media Management: gestione Facebook,Twitter,Linkedin 9. Email marketing. CASE HISTORY ITALIA & ESTERO: BDD STUDIO DENTISTICO COMUNICAZIONE DIGITALE
  84. 84. COMUNICAZIONE DIGITALE84 / 85 Cliente:Pijama Snc,brand di design indipendente che crea accessori tech & fashion in morbido neoprene,Made in Milan dal 2006. Periodo:settembre 2016 – oggi. Attività: 1. Gestione sito ecommerce Magento internazionale in lingua inglese, next step: francese e italiano 2. SEO – Search Engine Optimization 3. SMM:gestione Instagram,Facebook,Pinterest 4. Email marketing:creazione e gestione newsletter 5. Creazione e ottimizzazione Amazon Store. Risultati principali: • + 35% fatturato ecommerceYoY • 10.8k folllower Instagram CASE HISTORY ITALIA & ESTERO: PIJAMA COMUNICAZIONE DIGITALE
  85. 85. COMUNICAZIONE DIGITALE85 / 85 Trecar Srl è una concessionaria di carrelli elevatori OM STILL e altri prodotti/servizi intralogistici in Piemonte eValle D’Aosta. Periodo:settembre 2017 – oggi. Attività: 1. Email marketing:creazione e gestione newsletter 2. Campagna SEM – Google AdWords (lead generation) 3. SMM:gestione Linkedin e Facebook 4. Blogging, scrittura contenuti. Risultati principali: • set up database contatti e sua crescita fino a 1.4k destinatari newsletter • vendita di alcune decine di carrelli elevatori a lead generati con le campagne. CASE HISTORY ITALIA & ESTERO: TRECAR
  86. 86. COMUNICAZIONE DIGITALE T I CHE CO N S UL T I N G.CO M

×