Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

I prodotti tipici e l'identità culturale: dalla tradizione contadina al marketing territoriale

715 views

Published on

Presentazione dell'intervento di Alessio Banini nel corso della Festa dell'Olio Novo di Trequanda del 17 ottobre 2015, presso il centro servizi per l'olivicoltura di Castelmuzio

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

I prodotti tipici e l'identità culturale: dalla tradizione contadina al marketing territoriale

  1. 1. I PRODOTTI TIPICI E L’IDENTITÀ CULTURALE: DALLA TRADIZIONE CONTADINA AL MARKETING TERRITORIALE Castelmuzio, 17 ottobre 2015
  2. 2. ALESSIO BANINI Classe 1983, vive a Montepulciano. Ha conseguito la laurea specialistica in Antropologia culturale ed Etnologia all’Università degli Studi di Siena, con una tesi di antropologia economica sulla mezzadria dal titolo “Dopo la mezzadria: scelte lavorative e familiari nella Valdichiana senese” Nella ricerca sul campo ha studiato la fase di passaggio che ha caratterizzato la fine della mezzadria nel nostro territorio, le forme di adattamento, le continuità e le differenze nel momento del cambiamento tra l’era contadina e quella moderna, con le scelte compiute in ambito lavorativo e familiare dai protagonisti dell’epoca.
  3. 3. I Prodotti Tipici MEMORIA STORICA
 (TRADIZIONI, CULTURA) LOCALIZZAZIONE GEOGRAFICA
 (TERRITORIO CIRCOSCRITTO, CONDIZIONI AMBIENTALI) QUALITÀ
 (MATERIA PRIMA D’ECCELLENZA CHE RENDE IL PRODOTTO UNICO) TECNICHE DI PREPARAZIONE
 (ESPERIENZA DEGLI ARTIGIANI, STRUMENTI E METODOLOGIE TRAMANDATE) Prodotti alimentari tipici, alcune caratteristiche:
  4. 4. I Marchi e la Valorizzazione TIPICITÀ REGOLAMENTATA TRAMITE MARCHI, PER SALVAGUARDARE PRODUTTORI E CONSUMATORI MARCHI DI QUALITÀ: DISCIPLINARI, REGOLAMENTI UNIONE EUROPEA: DOP (DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA), IGP (INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA) STG (SPECIALITÀ TRADIZIONALE GARANTITA) NON LEGATA A UN TERRITORIO SPECIFICO Come stabilire se un prodotto è tipico e come proteggerlo? Il marchio diventa utile anche per la valorizzazione di un prodotto tipico
  5. 5. L’identità in antropologia IDENTITÀ PERSONALE: il modo in cui l’individuo considera e costruisce sé stesso come membro di un gruppo sociale. La percezione di sé e della propria coscienza in relazione agli altri. IDENTITÀ SOCIALE: le norme del gruppo sociale che influenzano le azioni, i pensieri e le relazioni di un individuo. Stabilisce le relazioni e le risposte ai bisogni e alle aspirazioni dei gruppi Identità definisce chi siamo, permette di identificarsi in un’entità collettiva. ci si identifica e si imitano le caratteristiche di quelli che consideriamo simili Ci si oppone alle caratteristiche considerate come diverse, alterità Si crea senso di appartenenza che favorisce il perpetuarsi di modelli di comportamento
  6. 6. La cultura in antropologia La cultura non in senso materiale (artefatti, opere d’arte, oggetti e letteratura) ma nel senso di sistema di norme e valori condivise all’interno di un gruppo o di una società La cultura come insieme di usi e costumi, appresa dall’individuo come membro di una comunità «La cultura, o civiltà, intesa nel suo senso etnografico più ampio, è quell'insieme complesso che include le conoscenze, le credenze, l'arte, la morale, il diritto, il costume e qualsiasi altra capacità e abitudine acquisita dall'uomo in quanto membro della società.» (Tylor, 1871)
  7. 7. Identità culturale e prodotti tipici I prodotti tipici possono contribuire a definire l’identità culturale di un gruppo o di un territorio La tradizione enogastronomica diventa uno degli elementi che definisce la cultura locale La conservazione e valorizzazione dei prodotti tipici aiuta a preservare e valorizzare anche l’identità culturale del gruppo sociale o del territorio di riferimento Quindi per conoscere i nostri prodotti tipici, dobbiamo conoscere la nostra cultura e il nostro territorio, e viceversa
  8. 8. Il Contratto di Mezzadria Contratto agrario: il proprietario concede a un colono l’utilizzo dei suoi terreni in cambio della divisione a metà dei prodotti e degli utili. Il proprietario metteva il capitale, il mezzadro il lavoro Istituzione antica di origine feudale, tipica dell’Italia centrale e del nord- est Fattoria suddivisa in poderi con famiglie mezzadrili, diretta da un fattore come uomo di fiducia del proprietario per gestire i rapporti colonici Al mezzadro erano imposte anche le regalie e i servizi gratuiti al padrone
  9. 9. La Famiglia mezzadrile Famiglia allargata, vincoli di parentela agnatica (linea di discendenza maschile) Le figlie uscivano al momento del matrimonio, la coppia di sposi viveva con il padre del marito (regola di residenza viri-patrilocale) Famiglia polinucleare, con autorità costituita dal maschio a capo della famiglia (capoccia, reggitore o vergaro) responsabile delle attività economiche e agricole, e da sua moglie (massaia) responsabile delle attività femminili e impegni domestici L’unità di lavoro di base della mezzadria è la famiglia: il gruppo parentale concorre allo svolgimento di tutte le attività necessarie alle conduzione del podere, e in base a queste necessità modifica i suoi rapporti e le sue strategie familiari La famiglia era la variabile dipendente, laddove il podere era un vincolo indiscutibile.
  10. 10. Il podere e la casa colonica Podere come unità di base della fattoria, dotato di campi coltivati e casa colonica Tipiche le case leopoldine in Toscana, con modello a padiglione e torretta centrale; locali abitati ai piani superiori, al piano inferiore stalle per bestiame, cantina e granaio Nell’orto venivano coltivati i prodotti per l’uso giornaliero della famiglia Il grano rimase la principale coltivazione fino alla fine della mezzadria nella pianura, assieme al tabacco e barbabietole da zucchero dal XX secolo; nelle colline apparivano più spesso vigneti e uliveti Il podere come centro di aggregazione, con reti di aiuti economici e scambio sociale: l’usanza della veglia
  11. 11. Mezzadria in Valdichiana Valdichiana senese: area rurale con forte presenza di agricoltura mezzadrile. Nel 1901, 53% abitanti mezzadri e tasso ruralità del 76% (media regionale di 32% e 58%) Società tradizionale e rurale, economia caratterizzata da identità contadina. Modello produttivo mostrava limiti con meccanizzazione industriale e mercati internazionali Ritardo di sviluppo economico inValdichiana senese viene fatto risalire alla mezzadria tradizionale: ancora nel 1961 la mezzadria interessava il 47% delle aziende, che corrispondevano al 56% della superficie totale, con una dimensione media di 13 ettari. Sempre nel 1961 le piccole proprietà contadine erano il 37% del totale, ma i poderi erano di piccole dimensioni: 4.3 ettari di media, pari al 14% della superficie totale.A differenza della Brianza, in cui è stata la base dell’imprenditorialità locale, la piccola proprietà contadina si è poco sviluppata
  12. 12. La fine della Mezzadria: le lotte politiche I primi scioperi contadini nel 1902 inValdichiana, tra Chianciano e Chiusi Il fascismo e il ruolo dei fattori, la mezzadria esaltata in funzione antiproletaria Le lotte mezzadrili del dopoguerra, i consigli di fattoria,“La terra a chi la lavora” Il PCI e il legame con le campagne dell’Italia centrale, contadini e operai La DC e la formazione della piccola proprietà contadina
  13. 13. Dagli anni ’50 fino alla fine degli anni ’70 diminuiscono i contratti di mezzadria I mezzadri diventano operai dipendenti delle aziende agricole, formano una piccola proprietà terriera oppure cercano maggiore fortuna nelle città come operai La tipica area mezzadrile, centro Italia e nord-est, si trasforma in ampio bacino di sviluppo per la piccola impresa Nel giro di venti anni, il secolare sistema della mezzadria di dissolve e lascia spazio a nuove forme economiche, sociali e culturali La fine della Mezzadria: l’abbandono delle campagne
  14. 14. La mezzadria ha contribuito a modellare il paesaggio delle campagne La produzione per auto sussistenza: orto, vino, olio, animali Economia basata su autoconsumo e agricoltura promiscua: obiettivo era coltivare quanto più possibile per sussistenza, in modo da annullare le spese per l’alimentazione I mezzadri godevano di una relativa prosperità, se paragonati ai braccianti o agli altri proletari agricoli, perché avevano accesso ai prodotti per l’autoconsumo e il profitto della fattoria era dipendente dall’alta produttività dei rispettivi poderi La Mezzadria e i prodotti tipici
  15. 15. Abbandono delle campagne nel secondo dopoguerra è abbandono dei prodotti tipici? Produzione per auto sussistenza: punto chiave non è qualità, ma quantità e tradizione La specializzazione della produzione porta il punto di svolta: la qualità. I prodotti tipici come risposta territoriale: in un mercato mondiale che tende a uniformare e standardizzare le produzioni, il prodotto tipico è un punto di forza. Recupero dei prodotti tipici
  16. 16. Promozione strategica del territorio per lo sviluppo locale I prodotti tipici locali come elemento distintivo Sinergia tra turismo, ambiente e sviluppo economico Vocazione del territorio in un contesto globale Il Marketing Territoriale
  17. 17. Il turismo e il paesaggio da cartolina La tipicità contro la qualità La chianina al McDonald’s: l’ambiguità dei valori comunicati I rischi: la Valdichiana al fast-food
  18. 18. L’identità culturale è fluida e multipla, vive di scambi e di adattamenti Le tradizioni non sono fisse, ma si modificano e si rinnovano Le culture non sono isolate La difesa acritica della tradizione provoca immobilismo, chiusura, aridità I rischi: cultura e tradizione
  19. 19. Le tradizioni enogastronomiche si mescolano I prodotti tipici, come le culture, vivono di scambi e adattamenti Aridità contro creatività, chiusura contro apertura I prodotti tipici del futuro Difendete i prodotti tipici, ma sperimentate! Cosa ci riserva il futuro?
  20. 20. Alessio Banini www.alessiobanini.it alessiobanini@gmail.com twitter.com/xaytar - @xaytar Grazie a Tutti

×