Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

U.o. radioterapia asclepios 2 policlinico di bari_innova s@lute 2017

350 views

Published on

La documentazione illustra in dettaglio la solution "Unità Operativa di Radioterapia ad acceleratori lineari" sviluppata dall'Azienda Ospedaliera Universitaria Consorziale Policlinico di Bari, nuova Unità operativa di Radioterapia di Asclepios II.

Published in: Health & Medicine
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

U.o. radioterapia asclepios 2 policlinico di bari_innova s@lute 2017

  1. 1. «Riqualificazione dei sistemi e delle dotazioni tecnologiche dell’U.O. di Radioterapia» Azienda Ospedaliera Universitaria Consorziale Policlinico di Bari AMBITO 12.4 «Innovazione nel campo clinico - sanitario» con il supporto incondizionato di
  2. 2. Il gruppo di lavoro 1/2 con il supporto incondizionato di Dott. Michele Piombino Referente di progetto ► Qualifica: Direttore U.O.S.D. Radioterapia presso AOPB ► Esperienze: Professore dell’Università detgli Studi di Bari, respondabile della SS Radioterapia, membro associazione italiana Radioterapia Oncologica, partecipazione a meeting mondiali di Radioterapia: ASTRO, ESTRO, AARC ► Competenze: Radioterapia Oncologica Dott.ssa Anna Maria Leo ► Qualifica: Dirigente Medico Radioterapista Oncologo presso U.O. Radioterapia degli Ospedali Riuniti di Foggia e U.O. Oncologia del Città di Lecce Hospital ► Competenze: Contouring radioterapico evoluto e valutazione e validazione di piani radioterapici Dott.ssa Angela Sardaro ► Qualifica: Dirigente Medico Radioterapista Oncologo presso U.O. Radioterapia dell’IRCSS Rionero in Vulture ► Competenze: Radioterapia Oncologica Pediatrica e relative moderne implicazioni Dott. Domenico Sabatino ► Qualifica: Dirigente Fisico, Fisico Sanitario Specialista presso la Radioterapia dell’Università Cattolica di Campobasso e la ASL BT ► Competenze: Pianificazione di trattamenti radioterapici avanzati, soprattutto VMAT e Stereotassi encefalica e corporea. Diosimetria e commissioning preliminare degli accelleratori Dott. Antonio Santorsola ► Qualifica: Dirigente Fisico, Fisico Sanitario Specialista presso la Radioterapia degli Ospedali Riuniti di Foggia, Analista programmatore Java e gestione database Oracle ► Competenze: Esperto di Reti informatiche di Radioterapia e di problematiche connesse; pianificazione radioterapica e diosimetria periodica degli acceleratori Dott. Marco Favetta ► Qualifica: Dirigente Fisico, Fisico Sanitario Specialista presso la Radioterapia dell’Ospedale di Lodi ► Competenze: Tecniche Montecarlo per applicazioni mediche, biosensori per redioprotezione e valutazioni diosimetriche durante i trattamenti IMRT e VMAT Gruppo di lavoro Qualifiche, esperienze e competenze
  3. 3. Il gruppo di lavoro 2/2 con il supporto incondizionato di Angelo Albanese ► Qualifica: Tecnico di Radioterapia presso ospedale di Taranto ► Competenze: TC e centraggio e trattamenti radioterapici con acceleratori Saverio Casamassima ► Qualifica: Tecnico di Radioterapia presso Centro Radiologico Matera ► Competenze: TC e Risonanza Magnetica Guiseppe Ciancia ► Qualifica: Tecnico di Radioterapia presso Medicina Nucleare ASM Matera ► Competenze: Pet-TC Vincenzo Dell’Erba ► Qualifica: Tecnico di Radioterapia presso ASL BAT Andria Barletta ► Competenze: TC Maria Mallardi ► Qualifica: Tecnico di Radioterapia presso strutture radiologiche private ► Competenze: Radiologia tradizionale Mirko Micali ► Qualifica: Tecnico di Radioterapia presso strutture radiologiche private ► Competenze: TC e Risonanza Magnetica Gianpiero Venezia ► Qualifica: Tecnico di Radioterapia presso ASL Taranto ► Competenze: Pet-TC e Radiologia tradizionale Gruppo di lavoro Qualifiche, esperienze e competenze Eleonora Zarbo ► Qualifica: Tecnico di Radioterapia presso ASL Foggia ► Competenze: TC
  4. 4. Un reparto che guarda al futuro e che ha permesso al Policlinico di Bari di inaugurare una struttura moderna, dotata di tecniche informatizzate, tridimensionali e digitalizzate per puntare a risultati brillanti preservando la salute del paziente durante la cura dei tumori Presentazione del modello 1/2 Overview con il supporto incondizionato di  Trattamento tumori cervico-facciali, cerebrali, polmonari, mammari, gastroenterici, ginecologici, urologici, cutanei ed ematologici, oltre ai tumori rari, in collaborazione con oncologi e chirurghi;  erogazione di trattamenti in sedute e frazionamento convenzionale, in ipofrazionamento (numero di sedute inferiore ma stessa efficacia terapeutica), in modalità stereotassica e in singola seduta Le attività implementate  miglioramento generale della qualità del servizio;  abbattimento delle liste d’attesa e mobilità passiva dei pazienti oncologici pugliesi e meridionali verso le strutture del nord Italia;  possibilità di completare la centratura e la simulazione radioterapica del trattamento in un’unica seduta.  miglioramento in termini di precisione di irraggiamento nella sede tumorale e riduzione del rischio di irraggiamento indesiderato dei tessuti vicini  beneficio per il paziente in termini di disagi, costi e qualità della vita. Il valore aggiunto
  5. 5. Presentazione del modello 2/2 con il supporto incondizionato di L’intervento di riqualificazione dei sistemi e delle dotazioni tecnologiche dell'U.O. di Radioterapia si pone come un modello replicabile sebbene soggetto a vincoli primariamente connessi all’entità dell’investimento: occorre infatti che vi sia un bacino di utenza sufficientemente cospicuo. Attualmente l’U.O. si configura come un polo esclusivo a livello nazionale in termini di dotazioni tecnologiche top di gamma e rappresenta un riferimento per l’Italia centro-meridionale. Replicare il modello sul territorio nazionale richiederebbe dunque un posizionamento geografico strategico. REPLICABILITÀ DEL MODELLO
  6. 6. Compliance normativa La riqualificazione e l’investimento nell’aggiornamento degli impianti tecnologici sono coerenti con la nuova definizione degli interventi concernenti la realizzazione del ‘’Piano Straordinario di Interventi per la riqualificazione dell’assistenza sanitaria nelle città di Bari e Taranto’’ ai sensi dell’art.71 della Legge n.448/98 modifcata con DGR n.644 del 10 maggio 2016. La tecnologia utilizzata • 14 stazioni computerizzate organizzate mediante la più avanzata rete di gestione di radioterapia disponibile (Mosaiq); • due acceleratori lineari ‘gemelli’, top di gamma, in grado di gestire tutte le più moderne, sofisticate ed avanzate modalità di trattamento; entrambi dotati di sistema Cone Beam CT; • tecniche speciali come il VMAT (Volumetric Modulated Arc Therapy), sofisticata tecnica radioterapica molto precisa ed accurata efficace sul tumore e non invasiva sui tessuti sani; • top della tecnologia con ‘Big Bore’, la nuova TAC dotata di un anello centrale di grande diametro che consente di sistemare i pazienti in qualunque posizione su appositi sistemi di immobilizzazione e di controllare il movimento legato al respiro sincronizzando il trattamento radiante ad esso: in un’unica seduta è possibile completare il trattamento in precedenza effettuato in tempi e luoghi diversi. Per ulteriori approfondimenti con il supporto incondizionato di
  7. 7. Dott. Michele Piombino radioterapia@policlinico.ba.it Dirigente Responsabile Radioterapia Azienda Ospedaliero Universitaria Consorziale Policlinico di Bari Anagrafica del referente con il supporto incondizionato di

×