Guida al computer - Lezione 10 - La R.A.M.

1,530 views

Published on

Lezione n° del corso: Guida al Computer

Published in: Education, Technology, Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,530
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
101
Actions
Shares
0
Downloads
42
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Guida al computer - Lezione 10 - La R.A.M.

  1. 1. Guida al Computer By TheGoodly.com “ Lezione 10 di ∞”
  2. 2. Guida al Computer IL COMPUTER LA R.A.M.
  3. 3. Guida al Computer Cosa significa R.A.M.? R.A.M . è l’acronimo di Random Access Memory ossia memoria ad accesso casuale. In altri termini è un tipo di memoria che permette di scrivere, quindi memorizzare, o leggere dei dati in maniera non sequenziale. LA R.A.M.
  4. 4. Guida al Computer È come se noi avessimo tanti scaffali sui quali dovere poggiare delle scatole di varie dimensioni. Possiamo posizionare le scatole una dietro l’altra per riempire una parete e poi passare al successivo scaffale… … oppure mettere una scatola sul primo scaffale, 3 scatole sul secondo, 2 scatole sul terzo, 5 scatole sul decimo e così via proprio in maniera casuale. LA R.A.M.
  5. 5. Guida al Computer Quindi il processore andrà a memorizzare i dati seguendo una sua logica non definibile dall’operatore. Comunque non è necessario comprendere il suo funzionamento, piuttosto a cosa serve. LA R.A.M.
  6. 6. Guida al Computer In sintesi la R.A.M . è vitale per il computer. Senza di essa un PC è inutilizzabile in quanto, pur accendendosi, dopo qualche secondo si udirà una serie di beep ad indicare che dal punto di vista hardware manca qualcosa. La sua presenza quindi permette al PC di avviarsi e caricare il sistema operativo per lavorare e successivamente anche per avviare gli altri programmi necessari all’operatore. LA R.A.M.
  7. 7. Guida al Computer Su di essa quindi verranno memorizzati i file (i vari bit) che compongono un programma, quindi tutta la serie di istruzioni che permettono al processore, leggendole ed eseguendole, di portare a termine i suoi compiti. Si presenta come un circuito stampato di forma rettangolare dello spessore di pochi mm. con dei componenti elettronici saldati sopra. Nel corso degli anni le caratteristiche fisiche e la prestazioni si sono evolute drasticamente. Anche il loro nome ha subito cambiamenti. LA R.A.M.
  8. 8. Guida al Computer La S.D.R.A.M. Senza andare troppo nel preistorico diciamo che prima delle attuali memorie il nome utilizzato era S.D.R.A.M . (Synchronous Dynamic Random Access Memory). LA R.A.M.
  9. 9. Guida al Computer La S.D.R.A.M ., presente oggi solo nei computer molto vecchi, aveva una capacità di memoria non molto grande. Si è arrivati a capacità di memorizzazione dell’ordine di qualche centinaio di MegaByte. LA R.A.M.
  10. 10. Guida al Computer La loro velocità di trasmissione dei dati si aggirava a poche centinaia di MegaHertz. A colpo d'occhio tali memorie presentano, lungo la serie di contatti elettronici per l’alloggiamento sulla scheda madre, due solchi (tacche di riferimento) che guidano il banco di memoria per il corretto inserimento. LA R.A.M.
  11. 11. Guida al Computer La D.D.R. Successivamente sono nate le D.D.R . che ovviamente presentano migliorie in termini di capacità di memorizzazione e velocità. LA R.A.M.
  12. 12. Guida al Computer In termini specificamente costruttivi la differenza che salta subito agli occhi rispetto alla S.D.R.A.M . è la presenza di una sola tacca di riferimento. Questo oltre che una discriminazione immediata rispetto alle S.D.R.A.M . permette di evitare di installare erroneamente un tipo di memoria al posto dell’altra. LA R.A.M.
  13. 13. Guida al Computer Le D.D.R.2 e D.D.R.3 Il naturale processo di evoluzione ha portato alla nascita delle recenti memorie D.D.R.2 e le attualissime D.D.R.3 . Ciò ha portato ad una maggiore rapidità di trasferimento di dati ed una superiore capacità di memorizzazione su singolo banco di memoria. LA R.A.M.
  14. 14. Guida al Computer Pensa che le S.D.R.A.M . avevano banchi di memoria dell’ordine massimo di 512 MegaByte, metre ora le attuali D.D.R.3 , nei negozi di informatica, arrivano a singoli banchi di diversi GigaByte di memoria. Oltre dieci volte più capienti. La frequenza di lavoro, invece, è variata da più o meno un centinaio di MegaHertz agli attuali circa 2 GigaHertz. Quasi venti volte più veloci. Pazzesco non trovi? LA R.A.M.
  15. 15. Guida al Computer Come distinguo le varie D.D.R.? La foto a fianco evidenzia immediatamente a colpo d’occhio come distinguere la varie D.D.R. La posizione della tacca di riferimento, tecnicamente indicata col termine "notch", ne determina il tipo e soprattutto, cosa da non sottovalutare, la guida per l’alloggiamento nel corrispondente connettore sopra la scheda madre. LA R.A.M.
  16. 16. Guida al Computer Ne deriva che è impossibile installare una memoria in maniera errata. A prova dei più incalliti ignari in materia informatica. Non è vero Goodlier? LA R.A.M.
  17. 17. Guida al Computer Nella prossima lezione conoscerai ciò che ti permette di vedere cosa combina il processore: la scheda grafica LA R.A.M.
  18. 18. Guida al Computer STAY TUNED GOODLIER A presto ciao. Carlo Credits: Jingle musicale – http://www.quickmusic.it/it/musicheperilweb.htm SDRAM - Konradr http:// commons.wikimedia.org / wiki /File:SDR_SDRAM_133MHz.jpg DDR - László Szalai (silenzio Beyond) http:// commons.wikimedia.org / wiki /File:DDR_RAM-3.jpg DDR2 - Z Hosen http:// commons.wikimedia.org / wiki /File:TwinMOS_DDR2_memory.jpg Come distinguo le varie DDR? - Martini http:// commons.wikimedia.org / wiki /File:DDR_Memory_Comparison.svg LBB LA R.A.M.
  19. 19. Guida al Computer By TheGoodly.com “ Fine lezione 10 di ∞”

×