Una crisi che cambia continuamente volto

606 views

Published on

Il file è scaricabile da http://www.thefinc.eu/index.php/eventi/83-presentazioni
(solo utenti registrati, registrazione gratuita)

Published in: Economy & Finance
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
606
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Una crisi che cambia continuamente volto

  1. 1. FinCthe UNA CRISI CHE CAMBIA CONTINUAMENTE VOLTO Prof. Marco Giorgino Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano Direttore, the FinC www.thefinc.eu Bari, 20 marzo 2012
  2. 2. FinC AGENDAthe  Cause e conseguenze della crisi  Possibili cure  Italia vs Germania: alcune “Sfide” per il futuro 2
  3. 3. FinC AGENDAthe  Cause e conseguenze della crisi  Possibili cure  Italia vs Germania: alcune “Sfide” per il futuro 3
  4. 4. FinC LE CAUSE DELLA CRISI…the Finanziarie Politiche Istituzionali Economiche Culturali 4
  5. 5. FinC ALCUNI EFFETTI DELLA CRISI…the …finanziari o Autorità monetarie intervengono con ingenti …economici risorse per salvare banche e governi o “Decenni persi” di prosperità o Accumulazione di ulteriore economica e di progresso debito a carico dei bilanci o Contrazione della produzione pubblici o Deterioramento del rapporto banche-imprese …sociali …politici o Redistribuzione della ricchezza o I ceti meno abbienti soffrono di più l’austerity o Incertezza sul futuro dell’eurozona e dell’EU 5
  6. 6. FinC LO SPREAD: PIIGS VS GERMANIA (RENDIMENTI A 2 ANNI)the 2011 2010 Portogallo Irlanda Spagna Italia Germania 6
  7. 7. FinC SPREAD ITALIA-GERMANIA A 2 ANNI E A 10 ANNIthe 2011 2012 Italia 10Y Italia 2Y 7
  8. 8. FinC LE ASTE ITALIANE: RENDIMENTI (E COSTI PER LO STATO) IN CALOthe Dati in milioni di Euro 8
  9. 9. FinC CURVA GOVERNATIVA ITALIANAthe Continua la riduzione dei Rendimenti su tutte le scadenze 9
  10. 10. FinC LE BANCHE E LA LORO CAPITALIZZAZIONE…the Alcuni fatti…  Prestiti governativi  Bond greci – haircuts  Bond italiani e spagnoli – trading losses  Portafogli di ABS – illiquidità e perdite  Trading su equity, FX – perdite  Accantonamenti per rischi su crediti – costi e perdite  Funding – costo in crescita e liquidità da aumentare  Basilea III vs European Banking Authority 10
  11. 11. FinC LE IMPRESE E LA STRUTTURA FINANZIARIA…the Debito-EBITDA Il Campione comprende Nel 2008 le imprese con 6.704 società di capitali rapporto D/EBITDA>5 erano 1.542, contro le 2.550 del 2009; inoltre, 155 imprese si sono mosse negli ultimi due anni verso situazioni di allerta. In Italia sono attualmente 2.705 le imprese in potenziali condizioni distressed, vale a dire il 40% del campione di società tra i 20 e i 200 milioni di Euro Totale D/EBITDA >5 D/E >3 Copertura i <1 Fonte: Turnaround Monitor Risultato di esercizio, Dividendi e Aumenti di capitale Società a Il Campione comprende Totale Imprese Imprese Medie controllo 2.030 società (dati in milioni imprese pubbliche private imprese estero di euro) Risultato desercizio 206.148 92.544 113.604 8.286 34.262 Gli utili vengono distribuiti Dividendi distribuiti nellesercizio (A) -204.528 -79.266 -125.262 -4.410 -59.141 in maniera quasi totalitaria Aumenti di Capitale a pagamento (B) 107.054 42.984 64.070 1.422 23.697 Gli apporti di nuovi capitali (A)/(B) 1,91 1,84 1,96 3,10 2,50 sono limitati Fonte: Banca d’Italia 11
  12. 12. FinC AGENDAthe  Cause e conseguenze della crisi  Possibili cure  Italia vs Germania: alcune “Sfide” per il futuro 12
  13. 13. FinC POSSIBILI CURE…the …finanziarie …economiche o Politiche industriali e di o Salvataggi, default ‘pilotati’ e rilancio della competitività budget bilanciati o Politiche del lavoro …culturali …fiscali o Ridimensionare il ricorso o Pressione fiscale indiscriminato al debito o Controllo …politiche …istituzionali o Rinforzare le competenze e il o Governance economica e processo decisionale dell’EU finanziaria più forte 13
  14. 14. FinC GLI INTERVENTI DELLE AUTORITÀ MONETARIE: ATTIVO BCE VS ATTIVO FEDthe Attivo BCE Attivo Federal Reserve 14
  15. 15. FinC LA BCE: LTRO (LONG TERM REFINANCING OPERATION)the LTRO 1. EUR 01/03/2012 26/02/2015 529.5 bn 2. EUR 22/12/2011 29/01/2015 489.2 bn 15
  16. 16. FinC LE ASTE DELLA BCE…the Confronto tra aste giugno 2009 e marzo 2012 16
  17. 17. FinC PATTO DI BILANCIO UNIONE EUROPEAthe  Firmato il 2 marzo 2012 da 25 Stati Membri (eccetto Regno Unito e Repubblica Ceca)  Entrerà in vigore il 1 gennaio 2013 (se almeno 13 membri lo avranno ratificato entro 12 mesi)  Poi bisogna implementare una regola di budget bilanciata nelle costituzioni nazionali  Prevede tetto massimo al deficit, aggiustato per il ciclo economico (0.5% normale, 1% se debito < 60% PIL, max 3% in caso di recessione)  Mira a:  incrementare la disciplina fiscale (penalizzazioni quasi automatiche, fino allo 0,1% del PIL nazionale)  ridurre il debito  aumentare la competitività e l’occupazione 17
  18. 18. FinC EFSF – IL FONDO DI STABILITÀ DELL’EUROZONA…the Gli interventi potenziali dell’EFSF Garanzie Paese Peso (mld €) Austria 21,639 3.0% Belgio 27,032 3.7% Cipro 1,526 0.2% Estonia 1,995 0.3% Finlandia 13,973 1.9% Francia 158,488 21.8% Germania 211,046 29.1% Grecia 21,898 0.0% Irlanda 12,378 0.0% Italia 139,268 19.2% Lussemburgo 1,947 0.3% Malta 704 0.1% Olanda 44,446 6.1% Portogallo 19,507 0.0% Slovacchia 7,728 1.1% Slovenia 3,664 0.5% Spagna 92,544 12.7% TOTALE 779,783 100.0% Lo European Financial Stability Facility (EFSF), chiamato in italiano anche Fondo europeo di stabilità finanziaria (semplificato, nel gergo giornalistico, con la formula Fondo salva-stati) è un SPV creato dai 27 Stati Membri dellUE il 9 maggio 2010 in seguito alla crisi economica del 2008-2010, per il solo fine di aiutare finanziariamente gli Stati Membri. Dal luglio 2012 sarà sostituito dallo European Stability Mechanism LEFSF può emettere obbligazioni o altri strumenti di debito sul mercato per raccogliere i fondi necessari alla fornitura di prestiti ai Paesi della zona Euro in difficoltà finanziarie, ricapitalizzare le banche o comprare debito sovrano. Le emissioni di obbligazioni sono coperte da garanzie fornite dagli Stati membri della zona euro in proporzione alla loro quota di partecipazione al totale del capitale versato alla BCE 18
  19. 19. FinC ATTENZIONE ALLE “FALSE” CURE…the I salvatagggi servono solo a posporre inevitabili default I default non correggono gap strutturali di lungo termine (e neanche la privatizzazione di asset statali) Cure istituzionali/politiche sono difficili da concordare, implementare e rendere efficaci Abbandonare la moneta unica e svalutare non funzionerebbe Gli Eurobond sembrano difficili da accettare politicamente (”azzardo morale”) 19
  20. 20. FinC LA CURA DEL TROIKA…the Le misure di austerità del Troika (BCE, FMI e UE) sono contro-producenti: o Mettono in ginocchio nel breve termine o Cercano di chiudere gap strutturali in un periodo di recessione Le misure di austerità del Troika potrebbero aumentare le divergenze, causando un allontanamento da uno European Stability Mechanism (ESM) integrato invece che una convergenza verso di esso I guru del Troika adottano una visione troppo stretta; le vere cure necessitano di un approccio olistico con diverse sfaccettature 20
  21. 21. FinC UNA POSSIBILE VERA CURA…the Piena convergenza delle economie dell’EU nell’ ESM:  basata su una o più aree monetarie ottimali  attraverso maggiori competenze dell’EU (per far convergere leggi sul lavoro, tasse, sussidi, pensioni, welfare,...)  convergenza pro-attiva, non passiva (no decisioni all’unanimità, ma maggioranza dei voti)  Non solo convergenza economica, anche finanziaria, istituzionale, politica e culturale 21
  22. 22. FinC NO GAP!...the È necessario evitare gap strutturali nella finanza pubblica:  Indebitarsi solo per spese in conto capitale, non per i consumi  Allineare le tasse con le decisioni di spesa  Minimizzare l’evasione fiscale (e le forme legali di riduzione delle tasse)  Implementare misure di contenimento dei costi 22
  23. 23. FinC AGENDAthe  Cause e conseguenze della crisi  Possibili cure  Italia vs Germania: alcune “Sfide” per il futuro 23
  24. 24. FinC ITALIA-GERMANIA “3-4” (1/2)the Formazione dei lavoratori Gli adulti che presentano una bassa scolarizzazione sono il 14.2%, in Italia ben il 44.8% In aggiunta, in Germania, il 38,3% della popolazione tra i 14 e i 30 anni fa formazione per il lavoro, in Italia solo il 7,5% Infrastrutture I Km di ferrovie per milione di abitanti sono 462 in Germania, in Italia solo 275: poco più della metà 24
  25. 25. FinC ITALIA-GERMANIA “3-4” (2/2)the I ritardi nei pagamenti La forbice non è solo tra BTP e Bund. Lo Stato tedesco paga i suoi fornitori in 35 giorni mentre noi impieghiamo in media 6 mesi Economia sommersa L’Italia “batte” la Germania con ampio scarto per il peso dell’economia sommersa sul PIL e sul numero di articoli contraffatti sequestrati ogni 1000 abitanti I ritardi della giustizia Un tribunale civile italiano impiega 1210 giorni a risolvere un contenzioso commerciale, quello tedesco appena 394 25
  26. 26. FinC LA PRODUTTIVITÀ DEL LAVOROthe La produttività del lavoro Una spinta al PIL Dati OCSE Dati OCSE 26
  27. 27. FinC CONTATTIthe Prof. Marco Giorgino Ordinario di Finanza, Politecnico di Milano e MIP Direttore, the FinC – the Finance Centre (www.thefinc.eu) marco.giorgino@polimi.it m.giorgino@thefinc.eu 27

×