TelecomItalia
oltre i numeri
L’innovazione al servizio delle persone
Company Profile 2013
2 | | 3TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI
La strategia
4
Scopri le nostre iniziative sul sito
tel...
4 | | 5TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI
“Perché il cambiamento avvenga, dovremo rimanere
fedeli...
6 | | 7TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI
Telecom Italia è il principale Gruppo italiano
di ICT e...
8 | | 9TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI
22 gennaio
Italia Connessa fotografa lo stato
del digit...
10 | | 11TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI
Telecom Italia per lo sviluppo
della società
valorizz...
12 | | 13TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI
La tutela dell’ambiente è una sfida per la società e ...
14 | | 15TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI
La scuola digitale al centro dei programmi di crescit...
16 | | 17TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI
Le tecnologie informatiche possono permettere oggi di...
18 | | 19TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI
Pagare la spesa e gli acquisti di tutti i giorni, usa...
20 | | 21TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI
Innovazione e tecnologia per un mondo digitale dove g...
22 | | 23TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI
15
27 maggio
Telecom Italia presenta al Forum
della P...
24 | TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI
telecomitalia.com/company-profile
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Company profile

10,846 views

Published on

"Telecom Italia oltre i numeri – L’innovazione al servizio delle persone" ha l’obiettivo di raccontare le attività del Gruppo Telecom Italia con ricadute rilevanti sulle persone e sullo sviluppo della società .

Si illustrano non solo il piano industriale 2014-2016 e i principali risultati, ma soprattutto i progetti che possono abilitare uno stile di vita moderno, semplice e sicuro.
Fra le iniziative raccontate quelle sulla valorizzazione dei talenti, l’integrazione delle diversità, la digitalizzazione della scuola, la salvaguardia dell’ambiente, la mobilità intelligente, l’impegno in Expo 2015, la semplificazione dei pagamenti, per citarne solo alcune.

Published in: Economy & Finance
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
10,846
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
10,214
Actions
Shares
0
Downloads
17
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Company profile

  1. 1. TelecomItalia oltre i numeri L’innovazione al servizio delle persone Company Profile 2013
  2. 2. 2 | | 3TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI La strategia 4 Scopri le nostre iniziative sul sito telecomitalia.com Il documento è arricchito di contenuti speciali interat- tivi. Scaricando la APP “L’Editoria+” di Telecom Italia (su Play Store di Android e iTunes di iOS) puoi accede- re a video e altri materiali di approfondimento. Per accedere ai contenuti aumentati è sufficiente ­attivare l’APP e, tenendo il telefonino a circa 20-30 cm di distanza, inquadrare con la fotocamera l’imma- gine cartacea di tuo interesse, arricchita dalla icona del telefonino con l’occhio. Seguici su: i principali lanci commerciali del 201322i fatti chiave del 20138 Trova più informazioni con la realtà aumentata Progetti per l’innovazione Sommario Progetti per l’ambiente e il sociale Progetti per la cultura facebook.com/TelecomItalia twitter.com/TelecomItaliaTw plus.google.com/+TelecomItaliaGroup linkedin.com/company/telecom-italia youtube.com/TelecomItaliaSpA telecomitalia.com/ sostenibilita telecomitalia.com/ innovazione telecomitalia.com/ cultura telecom italia in breve6 Scopri di più online: telecomitalia.com/company-profile telecom italia per lo sviluppo della società10 Salvaguardare l’ambiente Realizzare la smart city Costruire la scuola digitale Valorizzare i talenti Creare la sanità digitale Integrare le diversità Sostenere la mobilità intelligente Semplificare i pagamenti Contribuire all’Agenda Digitale 12 13 14 15 16 17 18 19 20
  3. 3. 4 | | 5TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI “Perché il cambiamento avvenga, dovremo rimanere fedeli alla nostra funzione primaria, che è quella di far comunicare le persone, adottando però un deciso cam- bio di prospettiva. Sarà necessario spostare il focus sul concetto di vita digitale, guardando a tutti i nostri clienti: individui, imprese e pubblica amministrazione.” Marco Patuano, Amministratore Delegato Telecom Italia Telecom Italia si propone di prendere parte alla trasfor- mazione digitale in corso, confermando il proprio ruolo storico di motore della modernizzazione del Paese, favo- rendo il conseguimento degli obiettivi posti dall’Agenda Digitale Europea e partecipando alla trasformazione del Brasile, asset strategico e secondo mercato di riferimen- to del Gruppo. In questo scenario è essenziale accrescere l’impegno negli investimenti sulle reti di nuova generazione e sull’innovazione, come prevede infatti il piano industria- le 2014-2016, pur nell’ottica di continua attenzione a costi, ricerca di efficienze e di flessibilità finanziaria (an- che tramite operazioni straordinarie, mirate alla valoriz- zazione delle torri in Italia e in Brasile). Il nuovo piano darà anche forte impulso ad un’offerta uni- ca e distintiva fatta di convergenza dei servizi e di eleva- ta qualità, anche grazie ad accordi strategici con content provider (Sky) e gestori di carte di credito (Visa). Simili ac- cordi sposteranno il focus del Gruppo dalla tradizionale comunicazione tra singoli a una vita digitale che coinvol- ga gli individui, le imprese e la pubblica amministrazione. Il triennio 2014-2016 vede investimenti pari a circa 14 miliardi di euro, di cui 9 miliardi destinati all’Italia. Sul nostro mercato 3,4 miliardi saranno dedicati esclusiva- mente allo sviluppo di asset innovativi, quasi tre volte INVESTIMENTI 2014–2016 9miliardi di euro in Italia di cui 3,4 miliardi di euro per le tecnologie più innovative (rispetto a 1,3 del precedente piano) 11miliardi di reais in Brasile di più rispetto al precedente piano: 1,8 miliardi sono per lo sviluppo della banda larga fissa attraverso tecnologia Fiber-to-the-Cabinet e Fiber-to-the-Home, 900 milioni per le reti Ultra- BroadBand mobili e 700 milioni per le soluzioni di cloud computing e l’infrastruttura interna- zionale di Sparkle. Grazie a tutto ciò, Telecom Italia intende tenere il passo con l’Agenda Digitale e garantire, a fine piano, una copertura UltraBroadbBand al 50% della popolazione italiana su rete fissa (NGAN ovvero Next Generation Access Network) e all’80% su rete mobile (LTE ovvero Long Term Evolution): a fine 2013, la fibra ottica è presente in 42 città, mentre TIM ha raggiunto, con il servizio 4G LTE, il 50% di copertura (651 comuni), la più estesa del Paese. In questo scenario e in un’ottica di crescita sostenibile del territorio, Telecom Italia ha anche rinnovato l’impegno a sviluppare reti di nuova generazione non solo nelle grandi città e nei ­distretti industriali, ma anche nelle cosiddette “aree bianche”, cioè quelle aree in cui l’orizzon- te temporale per il ritorno degli investimenti risulta così lungo da non incentivare gli operatori a realizzare le infrastrutture. Investire in tecnologia per le nuove reti significa anche essere da stimolo per l’intera econo- mia del territorio, migliorando servizi, qualità e garanzie, anche in termini di sicurezza dei dati e di efficienza energetica, ancor più rilevante se si pensa che il Gruppo rappresenta il secondo grande utilizzatore di energia elettrica del Paese. In Sudamerica, resta confermato l’interesse strategico per il Brasile, dove la quota di mercato di TIM Brasil continua a crescere in un Paese con molte potenzialità. Anche qui il focus è sullo sviluppo delle infrastrutture di nuova generazione, con un impegno per oltre 11 miliardi di reais di investimenti entro il 2016, che seguono i 3,9 miliardi di reais del 2013. “Si tratta di un piano industriale che accresce l’impegno in termini di investimenti sulle reti di nuova generazione, sui data center e sui nuovi servizi, sostenuto da un rigoroso piano di efficienza – in continuità con la riduzione dei costi che ha caratterizzato gli ultimi esercizi. Un piano che prevede una focalizzazione totale dell’azienda su due obiettivi principali: il rilancio del mercato italiano e la crescita di quello brasiliano.” Marco Patuano, Amministratore Delegato Telecom Italia La comunicazione rappresenta il passato, il presente e il futuro di Telecom Italia.A cambiare è la prospettiva del business. E quella futura è focalizzata sul concetto di “vita digitale” e di “esperienze digitali sempre più avanzate” rese possibili dall’evoluzione tecnologica, dall’UltraBroadBand e dalla diffusione di nuovi servizi che contribuiscono alla crescita sostenibile dell’economia e al miglioramento della qualità di vita dei cittadini. ITALIA Forte aumento degli investimenti sull’UltraBroadBand per una differenziazione delle infrastrutture Cambiare il mix fra investimenti “innovativi” e investimenti “tradizionali” per un più rapido sviluppo dell’UltraBroadBand Snellire l’architettura di rete per guadagnare in flessibilità operativa e ridurre i costi di gestione Usufruire dei fondi pubblici – i programmi “Anti-Digital Divide” e “EuroSud” – per accelerare lo sviluppo della fibra nelle zone bianche e grigie BRASILE Costante attenzione alla qualità e maggiore focus sulle componenti innovative per sfruttare al massimo le crescenti potenzialità del segmento dati Aumentare gli investimenti sulle reti per completare subito l’offerta 3G e sviluppare il 4G Maggiore focus sulle infrastrutture di rete e su possibili efficienze in termini di qualità e copertura Continuare ad estendere la fibra per sostenere la crescita del traffico dati Sviluppare tutte le opportunità derivanti dalla condivisione della rete di accesso radio (RAN) In futuro dovremo essere ancora più efficienti, più competitivi, più sostenibili nel lungo termine. Non esiste futuro senza sostenibilità sana e di mercato. Marco Patuano, Amministratore Delegato Telecom Italia “ La strategia PUNTI CHIAVE DEL PIANO 2014–2016 Incremento degli investimenti sull’UltraBroadband grazie anche al recente rafforzamento patrimoniale del Gruppo per sostenere: • la crescente adozione di servizi innovativi da parte delle famiglie, delle aziende e della pubblica amministrazione, quali intrattenimento, e-learning, e-commerce, e-health, e-government • l’espansione della copertura della banda larga nella direzione indicata dalla Commissione Europea • lo sviluppo in Brasile dei servizi di mobile data rivolti a una quota crescente della popolazione LTE (Long Term Evolution): UltraBroadBand mobile Chiamata anche rete di nuova generazione 4G, permette velocità di trasmissione nettamente superiori e assicura la copertura anche in ambienti rurali e suburbani. NGAN (Next Generation Access Network): UltraBroadBand fisso Rete in fibra ottica di nuova generazione che permette di ottenere alte velocità di connessione. 30Mbit/s downstream 3Mbit/s upstream 100Mbit/s downlink 50Mbit/s uplink
  4. 4. 6 | | 7TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI Telecom Italia è il principale Gruppo italiano di ICT e uno dei più importanti player nel grande mercato brasiliano. Ricavi 23,4 EBITDA organico 9,7 29% Brasile 2% Media, Olivetti e altro 69% Domestic Clienti 117.848.000 Investimenti 4,4 Investimenti innovativi in Italia in crescita nel piano 2014 – 2016 ~ 3,4 1,4 Brasile 3Italia Lo sviluppo dell’UltraBroadBand in Italia Investimenti per la comunità Tempo di anniversari Nel 2014 si festeggiano 50 anni dalla fusione in SIP delle precedenti società telefoniche e 20 anni dalla trasformazione di SIP in Telecom Italia. miliardi di euro miliardi di euro 81% Italia 19% Estero miliardi di euro Telecom Italia è stata confermata nei principali indici di sostenibilità Dipendenti 65.623 Linee mobili Brasile73,4milioni 31,2milioni 13,2milioni Linee mobili Italia Linee fisse retail Italia rispetto ai ~1,3miliardi di euro del precedente piano miliardi di euro Indebitamento finanziario netto 26,8 miliardi di euro 63,1% Uomini 36,9% Donne di cui 6,9milioni accessi broadband OGGI (FINE 2013) Copertura UltraBroadBand mobile 4G (LTE) Copertura UltraBroadBand fissa (NGAN) ~ 18% Popolazione raggiunta dall’LTE Popolazione raggiunta dalla nuova generazione di rete in fibra ottica (NGAN) >50% DOMANI (2016) brasile Piano di sviluppo delle infrastrutture di nuova generazione, con un impegno entro il 2016 di oltre 11miliardi di reais milioni di euro investiti (includono Fondazione ­Telecom Italia) +28% investimenti nella società rispetto al 2012 3,7% Liberalità 46,2% Iniziative per la comunità** 50,1% Investimenti nella comunità* * Impegno di lungo termine su specifici progetti sociali ** Attività per il business in partnership con organizzazioni umanitarie L’impegno per le persone 2,8 milioni di euro erogazioni di Fondazione Telecom Italia Formazione per i dipendenti ore pro capite57,4 34% Sociale 24% Patrimonio storico-artistico 6% Patrimonio ambientale 23% Educazione e formazione 13% Archivio storico Telecom Italia ~ 50% 80% Dal 2005 investimenti straordinari per fornire copertura ADSL a 4.000 nuovi comuni (6 milioni di italiani) in aree remote 98%copertura ADSL del territorio italiano (dicembre 2013) Digital inclusion geografica Riduzione dei consumi di energia nella trasmissione dati (dati e voce) tra il 2011 e il 2013 Eco-efficienza 28% Indici di sostenibilità I numeri dell’anno 2013 ore pro capite rispetto al 2012 per i dipendenti del Gruppo+109% Telecom Italia in breve sui 9 totali Da 15anni Telecom ­Italia racconta le proprie iniziative nel Bilancio di sostenibiltà 46,6
  5. 5. 8 | | 9TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI 22 gennaio Italia Connessa fotografa lo stato del digitale delle regioni italiane. A dicembre la seconda edizione dello studio. Grugliasco (TO) vince il contest Italia Connessa. 30 aprile Via libera alla cessione di La7 a Cairo Communication 6 agosto TIM tra i primi 10 brand al mondo per l’assistenza clienti su Facebook nella ricerca Social Bakers 12 settembre Telecom Italia confermata nei Dow Jones Sustainability Indexes (DJSI) 3 ottobre Tutte le deleghe vengono asse- gnate all’AD Marco Patuano dopo le dimissioni del Presidente 14 ottobre In funzione a Milano le Isole Digi- tali con i primi 15 totem multime- diali che utilizzano le tecnologie cloud e NFC in vista di Expo 2015 7 novembre Piano strategico 2014–2016: investimenti innovativi in Italia pari a 3,4 miliardi di euro 13 novembre 15 nuovi assegni ai vincitori dell’edizione 2013 di Working Capital, che premia le startup più innovative 6 dicembre Emissione del prestito a conver- sione obbligatoria in azioni Tele- com Italia per 1,3 miliardi di euro 14 novembre Raggiunto l’accordo per la cessione della quota in Telecom Argentina 11 dicembre Presentato il centro di controllo per la Smart City di Expo 2015 12 settembre Telecom Italia Media cede MTV Italia a Viacom I fatti chiave del 2013 2 dicembre Telecom Italia sul podio in Italia e in Europa nella classi- fica KWD Webranking, che premia la ­migliore comunica- zione corporate online 0,8 0,75 0,7 0,65 0,6 0,55 0,5 0,45 0,4 0,35 Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec 31 dicembre Le azioni di Telecom Italia sono cresciute di circa il 50% da agosto, mese che segna l’inversione del trend ribassista
  6. 6. 10 | | 11TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI Telecom Italia per lo sviluppo della società valorizzare i talenti sostenere la mobilità intelligente Semplificare i pagamenti contribuire all’Agenda Digitale promuoveRE LA CULTURA NEL SEGNO DELL’INNOVAZIONE Telecom Italia sostiene numerose iniziative culturali, mettendo a disposizione le proprie tecnologie e competenze per promuovere la cultura digitale nel Paese. La rete diventa così il veicolo per avvicinare e diffondere i saperi contemporanei attraverso progetti che spaziano dalla danza (Metamondi) alla letteratura (Festivaletteratura di Mantova), dall’opera (OperainWeb) all’arte (MAXXIinWeb), dalla musica elettronica (Meet in Town) alla musica classica (PappanoinWeb). Il futuro di Telecom Italia si declina all’insegna dell’innovazione per le persone. Il Gruppo, infatti, anche grazie all’accelerazione sui progetti di digitalizzazione, lavora all’inclusione e alla semplificazione della vita per tutti.Attraverso le nuove piattaforme, con maggiori opportunità di connessione e condivisione, le soluzioni innovative, anche sul fronte sanitario e scolastico, e le applicazioni evolute, che consentono una maggiore fruibilità del territorio, sarà possibile sperimentare la città del futuro e contribuire alla salvaguardia dell’ambiente. Costruire la scuola digitale Laboratori congiunti con le università e supporto alle startup per sostenere i giovani talenti Progetti di connessione e condivisione delle lezioni alla base della scuola digitalizzata del futuro Applicazioni che permettano soluzioni innovative per il trasporto intelligente Un borsellino elettronico sul cellulare per gestire i piccoli pagamenti quotidiani in sicurezza I traguardi fissati dalle autorità italiane ed europee per stare al passo con l’innovazione 109i grant assegnati dal 2009 grazie a Working Capital 2.000gli studenti coinvolti nel progetto educ@TIon Integrare le diversità Creare la sanità digitale Sviluppo della telemedicina per migliorare la vita dei pazienti e ridurre le spese sanitarie Tecnologie informatiche per rimuovere le barriere di comunicazione, fisiche o linguistiche 400.000euro messi a bando da Fondazione Telecom Italia per le persone con problemi di comunicazione 100%l’obiettivo di copertura banda larga >30 Mbit/s al 2020 (Agenda Digitale Europea) Salvaguardare l’ambiente realizzare la smart city L’Expo 2015, di cui Telecom Italia è partner tecnologico, è l’occasione per toccare con mano la città del futuro Progetti per il risparmio energetico e servizi ai clienti per migliorare l’efficienza energetica 43milioni euro l’investimento complessivo di Telecom Italia per la tecnologia di Expo 2015 1%il consumo di energia da parte di Telecom Italia sul totale italiano 14milioni i cellulari con tecnologia NFC stimati in Italia nel 2014
  7. 7. 12 | | 13TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI La tutela dell’ambiente è una sfida per la società e la tecnologia gioca un ruolo fondamentale in questo contesto.Telecom Italia affronta la lotta al cambiamento climatico da un lato riducendo le proprie emissioni, dall’altro offrendo ai propri clienti prodotti e servizi efficienti di dematerializzazione e soluzioni innovative. Cosa è stato fatto per ridurre i consumi di energia in azienda? Per contenere il consumo di energia elettrica e le emissioni, Telecom Italia ha realizzato diverse iniziative che vanno dall’introduzione di oltre 350.000 lampade LED a basso consumo negli spazi comuni, all’incremento efficiente di produzione di energia per autoconsumo locale. Il progetto più significativo riguarda lo Smart Center: un centro tecnologico all’avanguardia che aiuta a gestire correttamente le risorse a disposizione. Grazie a 24.300 sensori collocati all’interno di centrali, sedi, stazioni radio- mobili, uffici e negozi, lo Smart Center monitora costantemente la metà dei consumi di Telecom Italia, per individuare aree di miglioramento e per pro- porre soluzioni innovative di risparmio energetico. Nove progetti ottengono riconoscimenti per il risparmio energetico I progetti innovativi che portano a un significativo risparmio di energia elet- trica sono premiati dal GSE (Gestore dei Servizi Energetici) attraverso il rico- noscimento di Certificati Bianchi. Nel 2013 sono stati riconosciuti Certificati Bianchi per nove progetti di Te- lecom Italia che hanno permesso un risparmio energetico annuo pari a 23.000 TEP e un ricavo in termini economici di oltre 16 milioni di euro. Altri 18 progetti, corrispondenti ad un risparmio annuo di oltre 55.000 TEP, sono in corso di valutazione da parte del GSE. Come è migliorata l’efficienza della trasmissione dati? Aumentare la velocità e la quantità di dati trasmessi comporta un crescente consumo di energia. Le iniziative messe in campo da Telecom Italia vanno proprio nella direzione di studiare l’efficienza energetica dei servizi offerti mettendo in correlazione i bit trasmessi (traffico dati e voce) con la quantità di energia consumata per fini energetici industriali, civili e per autotrazione (misurata in joule). Rispetto al 2011 il Gruppo è riuscito a migliorare del 28% la propria effi- cienza nel trasporto dati e, per il 2014, l’obiettivo è un incremento del 9,6% rispetto al 2013. 1% 28% Cosa sono i “Certificati Bianchi”? Detti anche Titoli di Efficienza Energetica (TEE), attestano i risparmi energetici da parte delle aziende. Ogni certificato corrisponde a 1 Ton- nellata Equivalente di Petrolio (TEP) risparmiato. Hanno un valore economico, poiché vengono acquistati, come compensazione, dalle imprese che provocano elevate emissioni di CO2 . Sviluppo prodotti e servizi che migliorano l’efficienza energetica Iniziative per la riduzione delle emissioni e dei consumi Promozione di una cultura di attenzione all’ambiente Comunicazioni ultraveloci, cellulari utilizzati per pagamenti e per il riconoscimento, totem digitali, app per la realtà “aumentata”. L’esposizione universale di Milano permette di sperimentare tutti questi servizi che saranno comuni nelle smart city del futuro e che verranno sviluppati in collaborazione con Telecom Italia, partner tecnologico di Expo 2015. Lo sviluppo di reti e infrastrutture Telecom Italia non solo realizzerà reti fisse e mobili di ultima generazione per il sito di Expo ma offrirà anche diversi servizi ICT. Il progetto “Telecom Italia Data Center – The Cloud Shelter” nasce dall’idea di valorizzare la realtà intangibile del cloud computing tramite foto e video del data center di Rozzano che sarà messo al servizio di Expo. Tre dei più importanti fotografi dell’agenzia internazionale Magnum Photos, Paolo Pelle- grin, Peter Marlow e Harry Gruyaert, hanno dato visibilità e dignità estetica al “sistema nervoso centrale” dell’Expo. L’identità digitale Telecom Italia svilupperà anche l’identità digitale dell’evento con lo scopo di stimolare l’interesse dei potenziali visitatori e accrescere la risonanza sul tema proposto, “Nutrire il pianeta, energia per la vita”. Per permettere di visitare in anteprima il Padiglione Italia, è stata sviluppata un’applicazione che consente un’innovativa modalità di “visita virtuale” attraverso la realtà aumentata e il riconoscimento visivo applicate al plastico del Padiglione Ita- lia esposto a Roma. A Milano, invece, sono stati lanciati i primi 15 totem multimediali, che, attra- verso le nuove tecnologie cloud e NFC, consentiranno a cittadini e turisti di ricevere informazioni, ma anche effettuare prenotazioni e pagamenti. Que- ste Isole Digitali rappresentano dei “laboratori” a cielo aperto dove testare i servizi che saranno offerti nel sito espositivo nel 2015. La città del futuro L’esposizione universale rappresenta anche l’occasione per stimolare nuove idee sulla città del futuro. Changemakers è il programma di accelerazione d’impresa promosso da Telecom Italia e Expo Milano 2015 con l’ambizioso obiettivo di far emergere 10 progetti capaci di cambiare la vita ad almeno 10 milioni di persone. Le idee selezionate nel 2013 hanno beneficiato di un intenso programma di accelerazione durato 8 settimane. Anche il concorso “Digital Ideas for Expo City 2015”, in collaborazione con il mensile Domus, ha selezionato tre progetti, basati sulle tecnologie di cloud computing e NFC, in grado di incidere positivamente sul territorio e sulla vita delle persone. i numeri di EXPO 2015 Oltre 140Paesi espositori 20milioni di visitatori previsti 43milioni di euro complessivamente investiti da Telecom Italia per la tecnologia di Expo MILANO 2015 NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA miglioramento nei consumi di energia nella trasmissione dati (traffico dati e voce) tra il 2011 e il 2013 consumo di energia da parte di Telecom Italia sul totale italiano, pari al consumo di tutte le famiglie milanesi in un anno Realizzare la smart citySalvaguardare l’ambiente l’Impegno di telecom italia Scopri il centro di controllo di expo Guarda le fototografie del progetto “Telecom Italia Data Center – The Cloud Shelter” su expodatacenter.it Isole Digitali a Milano in vista di Expo 2015
  8. 8. 14 | | 15TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI La scuola digitale al centro dei programmi di crescita del Paese e dell’Europa e dei progetti sulle città intelligenti.Telecom Italia mette a disposizione delle scuole le proprie competenze e tecnologie per sviluppare soluzioni di didattica digitale. Telecom Italia per la scuola digitale Ridurre il digital divide scolastico e promuovere la digitalizzazione delle scuole e delle classi: questi gli obiettivi primari delle soluzioni offerte da Telecom Italia. La diffusione dell’ultra banda e del wi-fi negli edifici scolastici sono elementi essenziali per raggiungere gli obiettivi del Piano Nazionale Scuola Digitale. Telecom Italia, con Olivetti, ha realizzato a fine 2013 Nuvola Italiana Scuola Digitale, per accompagnare la scuola verso la modernizzazione e l’inno- vazione della gestione scolastica. L’offerta propone alle scuole l’adozione di soluzioni modulari e scalabili per la condivisione e la socializzazione dei contenuti scolastici, amministrativi e didattici, tramite l’utilizzo di ambienti web-based, piattaforme cloud di registro elettronico, gestione delle comuni- cazioni scuola-famiglia e docenti-studenti, e-learning collaborativo. Il kit com- prende Lavagne Interattive Multimediali (LIM) e PC per le lezioni in classe, notebook e tablet per gli studenti per la condivisione dei contenuti digitali. Il progetto educ@TIon rinnova la scuola Offrire una soluzione per condividere e interagire con diversi tipi di materiali su qualsiasi tipologia di strumenti, dalle lavagne multimediali ai tablet, è l’obiettivo del progetto educ@TIon. Il punto di forza di educ@TIon è di non essere legato a uno specifico strumento e di racchiudere applicazioni come la condivisione di libri digitali, ambienti collaborativi per la co-creazione di contenuti multimediali e dispense, strumenti per la condivisione delle lezio- ni su lavagne multimediali in aula e a distanza. Tecnologie digitali per far crescere la scuola brasiliana L’Instituto TIM di TIM Brasil sostiene diversi progetti con l’obiettivo di mi- gliorare l’apprendimento e l’integrazione dei ragazzi brasiliani, soprattutto in aree disagiate. Il progetto Aprender Conectado offre strumenti tecnologici a supporto degli insegnanti per la formazione dei ragazzi. In particolare l’Instituto TIM mette a disposizione data chip e connessione internet gratuita. Con Math Circle l’Instituto TIM ha portato in Brasile un innovativo metodo di insegnamento della matematica sviluppato da Bob e Ellen Kaplan della Università di Harvard. Il progetto nel 2013 ha coinvolto 50 insegnanti in tutto il Paese con l’obiettivo di migliorare l’apprendimento dei ragazzi attraverso una didattica più coinvolgente. i numeri di educ@tion (2010 – 2014) 13scuole coinvolte dal Trentino Alto Adige alla Sicilia, dall’Emilia Romagna alla Campania Oltre 2.000studenti interessati fondazione telecom italia Progetto Innovative Design dei processi educativi scolastici La Fondazione ha sviluppato con l’Associazione dei dirigenti scolastici (ANP) una piattaforma web per l’apprendimento e l’interazione tra gli insegnanti. I 100 docenti selezionati hanno partecipato a workshop per innovare l’approccio didattico e utilizzare strumenti digitali in classe. Progetto Italia-Brasile Combattere la povertà e l’esclusione attraverso un social network educativo che mette in comunicazione 20 classi di scuole superiori in Italia e Brasile. Oltre 500 studenti e 20 insegnanti hanno sviluppato una comunità di condivisione. È il primo progetto della Fondazione fuori dall’Italia. Valorizzare i giovani e il loro talento è la chiave per far crescere la società. Per questo ­Telecom Italia ha creato un nuovo modello di relazione con le università che met- te al centro la valorizzazione del talento, un nuovo modo di fare ricerca che prevede labora- tori congiunti per il trasferimento industriale dell’innovazione (JOL) e programmi per sostene- re i giovani come Working Capital e Changemakers. obiettivo progetti risultati Valorizzazione dei giovani Promuovere il talento giovanile in Italia Nuove iniziative sul mercato del lavoro per la formazione e l’inserimento in azienda, come apprendistati per l’alta formazione, master e dottorati di ricerca Italia (dal 2011) • Oltre 330 contratti di Apprendistato per l’Alta Formazione per laureandi in inge- gneria ed economia • Oltre 100 borse di dottorato di ricerca finanziate • Oltre 70 brillanti neolaureati formati in 4 Master di II livello • Oltre 80 giovani assunti a tempo indeterminato nel 2013 in ambiti innovativi Brasile • 120 giovani di talento selezionati nel programma “Stage senza Frontiere” • 16 neolaureati promettenti inseriti in aree strategiche del business • 2.134 dirigenti e manager di alto livello assunti nel 2013 Nuova relazione industria- università Accelerare il trasferimento industriale e generare soluzioni condivise tra il mondo della ricerca e del business Creazione di un nuovo modo di fare ricerca che prevede laboratori congiunti (JOL) per il trasferimento industriale dell’innovazione Joint Open Lab (JOL) • 5 atenei coinvolti nella prima fase • Oltre 350 giovani, di cui 200 inseriti nelle aree di innovazione in azienda • Team interdisciplinari focalizzati su eccellenze universitarie • Ricerca “open” in ambito internazionale in collaborazione con centri quali Europe- an Institute of Technology e MIT • Investimento di 13 milioni di euro (2012-2015) • Sperimentazione sul campo relativa a temi di interesse per l’azienda e su cui gli atenei eccellono con ricadute a livello locale e stimolo a startup universitarie Supporto alle startup Far emergere i talenti italiani e aiutare la creazione di nuove imprese, in particolare web e tecnologiche Creazione di programmi di incubazione, che offrono know-how, risorse economiche e visibilità, attraverso due iniziative: Working Capital e Changemakers for Expo Milano 2015 Working Capital (dal 2009) • 109 grant assegnati • 15 startup accelerate, 19 incubate e finanziate e 36 pre-incubate • 40 grant da 25.000 euro per 40 percorsi di accelerazione nel 2014 • 4 acceleratori a Milano, Roma, Catania e Bologna • Piattaforma di crowdfunding, dove idee, progetti e imprese potranno ricevere finan- ziamenti dalla community Changemakers for Expo Milano 2015 • 10 nuove idee selezionate tra oltre 1.500 partecipanti da 21 Paesi • 8 settimane di incubazione intensiva con professionisti di diversi settori • Molti progetti stanno ottenendo visibilità internazionale Nel corso del 2013 sono stati inaugurati 7nuovi laboratori in 4città che vanno ad aggiungersi al JOL SKIL aperto a Trento nel 2011. Scopri di più online telecomitalia.com/JOL Dal 2009 sostiene la nascita e lo svilup- po di nuove realtà imprenditoriali basate sull’innovazione digitale. Programma di accelerazione d’impresa promosso da Telecom Italia e Expo Milano 2015 con l’ambizio- so obiettivo di far emergere 10 progetti in grado di c­ambiare la vita ad almeno 10 milioni di persone.Catania Pisa Milano Trento Torino Valorizzare i talenti workingcapital.telecomitalia.it | @workingcapital Costruire la scuola digitale changemakers.expo2015.org | @cm4expo educ@TIon utilizzato all’istituto Buonarroti di Trento
  9. 9. 16 | | 17TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI Le tecnologie informatiche possono permettere oggi di valorizzare le diversità e rimuovere le barriere della comunicazione.Telecom Italia e Fondazione Telecom Italia supportano progetti innovativi basati sull’utilizzo delle tecnologie che sperimentano nuove forme educative, nuovi approcci e nuovi strumenti per il superamento dei disagi della comunicazione. Progetto Volis Come imparare una lingua che usa i segni come parole? Ogni giorno educatori, logopedisti e psicologi affiancano bambini e ragazzi affetti da sordità o difficoltà linguistiche. Uno degli aspetti più complessi è la valutazione dell’effettiva comprensione della lingua dei segni italiana (LIS) nei ragazzi. Il progetto Volis, una collaborazione tra Fondazione Telecom Ita- lia e l’Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione del CNR, ha permesso la creazione di una piattaforma digitale che aiuta a valutare il livello di com- prensione della LIS attraverso dei test. Le risposte al test vengono registrate dalla piattaforma permettendo agli educatori di migliorare i percorsi didattici e adattarli alle necessità dei loro giovani pazienti. Volis fa parte dei tre progetti selezionati da Fondazione Telecom Italia grazie all’Open Call “Disagi della Comunicazione” del 2013. Il secondo progetto, SI DO RE MI, è dedicato ai bambini affetti da disturbi autistici mentre Cinque Petali è rivolto ai ragazzi con disturbi dell’apprendimento. 2bambini ogni 1.000 circa nascono sordi in Italia 70.000 persone in Italia sono sorde Fondazione Telecom Italia per aiutare le persone con problemi di comunicazione: 205proposte in risposta all’Open Call 400.000euro stanziati 3progetti selezionati: Volis, SI DO RE MI, Cinque Petali Io Parlo Italiano L’italiano per studenti appena arrivati in Italia Nelle scuole italiane cresce il numero di alunni stranieri di recentissima immigrazione che non conoscono la lin- gua italiana. Per facilitare il loro inserimento Fondazione Telecom Italia finanzia il progetto Io Parlo Italiano, pro- mosso dal MIUR e attuato in oltre 75 scuole, con 450 alunni e 150 docenti, per un totale di 15.000 ore. L’obiettivo è facilitare lo studio della nostra lingua a studenti stranieri al terzo anno delle scuole medie, con corsi intensivi e laboratori, per aiutare i ragazzi a supe- rare l’esame di stato e orientarli nella scelta della scuola superiore. Comunico-IO Abbattere le barriere della comunicazione tra udenti e persone sorde “Comunico-IO” facilita la comunicazione tra persone udenti e persone sor- de, abbattendo gli ostacoli che isolano la persona sorda nella società. Il pro- getto, dedicato ai dipendenti del Gruppo Telecom Italia, favorisce l’integra- zione in azienda. Nella prima fase, grazie a una webcam ad alta definizione, è stato possibile effettuare video chat nella lingua dei segni (LIS). Succes- sivamente è stata creata un’applicazione che permette di trasformare un messaggio scritto in uno vocale. Uno strumento utile non solo nei momenti di emergenza ma anche nella comunicazione di tutti i giorni. Dato il successo incontrato, è ora in fase di sviluppo una nuova applicazione che permetterà alle persone non vedenti di trasformare un comando vocale in mail o SMS. L’obiettivo della sanità digitale è consentire a medici e pazienti di svolgere molte attività da remoto, permettendo sia di migliorare la vita dei malati sia di ridurre le spese sanitarie. Telecom Italia ha promosso lo sviluppo della telemedicina per migliorare la vita dei pazienti in ospedale e la gestione in cloud delle informazioni sanitarie (fascicolo sanitario elettronico). Un ponte tecnologico per ridurre la distanza tra i pazienti più giovani, la scuola e le famiglie Nel 2013 è stata lanciata la versione 2.0 del progetto Smart Inclusion per migliorare la permanenza in ospedale dei pazienti più giovani, grazie a una piattaforma tecnologica con servizi di teledidattica, intrattenimento e ge- stione dei dati. Realizzato in collaborazione con il CNR e il Ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, quest’anno il progetto è sta- to inaugurato nell’ottavo ospedale italiano, il Santa Chiara di Pisa. La nuova versione, grazie al cloud computing e all’utilizzo della soluzione educ@TIon per la didattica digitale di Telecom Italia, permette ai bambini di accedere ai servizi non solo da PC, ma anche da tablet. Migliorare la qualità della vita dei pazienti ottimizzando i costi del sistema sanitario Nuvola IT Home Doctor permette ai pazienti affetti da patologie croniche, o in deospedalizzazione protetta, di controllare i parametri fisiologici (peso corporeo, glicemia, ecc.) direttamente da casa. I pazienti comunicano facilmente i valori rilevati tramite smartphone, PC e ta- blet e i medici possono monitorare le misure acquisite, ricevere segnalazioni sulle misure fuori soglia, stilare i referti, consultarsi con altri medici. Sono in via di sperimentazione altre funzionalità per potenziare il servizio (analisi di più patologie, strumenti per la prevenzione, gestione questionari per la valutazione dello stato di salute). La soluzione è gia utilizzata da diverse strutture sanitarie, tra cui la ASL di Rieti, dove 40 pazienti in terapia anticoagulante vengono monitorati senza la necessità del prelievo a domicilio con risparmi sui costi della sanità e benefici sul paziente, e la Asp di Palermo, per 60 pazienti diabetici al fine di ridurre il coma diabetico. Home Doctor non è rivolto solo a pazienti cronici: anche 2.500 militari della Marina Militare effettuano la visita cardiologica senza la necessità di recarsi presso i centri cardiologici con un risparmio di quasi un milione di euro. Una nuvola per le informazioni sanitarie Nuvola It Digital Clinic è il nuovo servizio di Telecom Italia per la gestione della cartella clinica elettronica. Pensata per tutte le strutture sanitarie che desiderano gestire le informazioni cliniche dei pazienti in piena mo- bilità, con dispositivi portatili, la soluzione sostituisce le vecchie cartelle cliniche cartacee. È utilizzabile attraver- so il cloud computing di Telecom Italia, in accordo con la normativa sulla privacy. Il servizio è già stato adottato da diverse strutture ospedaliere, come gli Ospedali ­Riuniti di Bergamo, dove durante le visite in corsia i medici pos- sono visionare, aggiornare e condividere su iPad la sto- ria clinica del paziente. Nasce nel 2013 anche Nuvola It Image Archiving – Plus, una soluzione per la dematerializzazione e conservazio- ne di esami diagnostici e documenti sanitari garanten- done autenticità e integrità. Se si pensa che ogni anno si producono circa 50 milioni di esami diagnostici e al- trettanti referti, con obbligo di conservazione, questa soluzione ha notevoli vantaggi economici; per esempio l’Ospedale Santobono di Napoli sta archiviando le im- magini radiografiche con circa 7 terabyte di storage sul cloud di Telecom Italia a costi contenuti. Integrare le diversitàCreare la sanità digitale Smart Inclusion all’Ospedale Santa Chiara di Pisa I ragazzi del progetto Volis
  10. 10. 18 | | 19TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI Pagare la spesa e gli acquisti di tutti i giorni, usare l’abbonamento della metropolitana, accedere al proprio ufficio o alle informazioni turistiche della città con il solo cellulare senza bisogno di avere tessere, chiavi e carta di credito.Tutto questo è possibile grazie alla tecnologia NFC, che permette transazioni rapide e contactless attraverso il cellulare. La tecnologia NFC La tecnologia NFC (Near Field Communication) permette di effettuare tran- sazioni elettroniche veloci e sicure tramite il telefono cellulare, con diversi vantaggi: • permette di utilizzare il proprio cellulare per effettuare pagamenti, o interagire con tornelli, lettori o tag informativi, senza dover avere diverse carte e tessere sempre con sé • è una tecnologia semplice da utilizzare • garantisce sicurezza e velocità nello scambio dei dati Per cosa può essere utilizzata? NFC PER EXPO 2015 Telecom Italia e TIM hanno partecipato al progetto Isole Digitali mettendo a disposizione: 22totem interattivi 1piattaforma che permette, grazie alle infrastrutture cloud della Nuvola Italiana, di presentare contenuti informativi multimediali per cittadini e turisti Su alcuni di questi totem è disponibile la tecnologia di prossimità NFC in grado di interagire con i cellulari e i tablet di cittadini e turisti per prenotazione e acquisto di biglietti per eventi, utilizzo del bike sharing ed altro. Scopri di più in Realizzare la smart city (pagina 13) In arrivo TIM mobile wallet Telecom Italia è impegnata da tempo nello sviluppo dei servizi NFC basati sull’utilizzo delle SIM all’interno dei telefoni. Grazie ai diversi progetti pilota sviluppati negli anni passati, nel 2013 Telecom Italia ha realizzato la piat- taforma abilitante, ha collaborato con i principali fornitori per lo sviluppo di soluzioni commerciali e ha concluso importanti accordi con Visa e Intesa Sanpaolo sul fronte dei mobile proximity payments (NFC). L’offerta di pagamenti contactless con carta Visa sarà il servizio di punta del “TIM mobile wallet”, un portafoglio digitale aperto, grazie al quale sarà pos- sibile effettuare il pagamento delle piccole spese quotidiane, dai biglietti del bus al caffè, semplicemente avvicinando il proprio cellulare al terminale abilitato. Le spese superiori a 25 euro saranno garantite digitando la propria password. Le prospettive di crescita dei servizi NFC sono rilevanti, dal momento che già oggi la maggior parte degli smartphone in vendita è abilitata alla tecnologia NFC, che entro il 2014 in Italia ci saranno oltre 14 milioni di cellulari NFC in circolazione e che, in due anni, circa il 10% degli utenti farà uso dei moltepli- ci servizi che saranno disponibili grazie a questa tecnologia. pagare il biglietto accedere in ufficio fare la spesautilizzare i servizi visualizzare le informazioni Prospettive di crescita dei servizi NFC 14milioni: i cellulari NFC previsti in circolazione in Italia entro il 2014 10%utenti che faranno uso dei servizi su NFC entro il 2016 Essere informati in caso di incidenti, sapere quale sia la velocità da tenere per trovare il semaforo verde, condividere l’auto con il carsharing, avere i percorsi dei mezzi pubblici tracciabili online sono alcuni dei servizi alla base di una mobilità efficiente in una smart city.Telecom Italia collabora a numerosi progetti con l’obiettivo di creare sistemi di trasporto intelligente. Smart city e mobilità intelligente Il tema della smart city è strettamente connesso alla disponibilità di sistemi che garantiscano una mobilità sicura, efficiente e sostenibile. Per fare que- sto ogni stato e città deve disporre di efficaci sistemi di raccolta ed elabora- zione dati, pertanto le telecomunicazioni e i sistemi di gestione dati avranno un ruolo fondamentale. In un prossimo futuro numerosi sensori saranno installati sul territorio e sui veicoli. Questi comunicheranno tra loro e con i centri di gestione della mo- bilità, per trasmettere informazioni sul traffico, sullo stato dei veicoli e sulla loro localizzazione, per permettere una migliore progettazione dei servizi per la città. Telecom Italia collabora con molte realtà locali e partecipa a diversi proget- ti europei per sviluppare soluzioni innovative nel trasporto intelligente; tra ­questi il progetto Compass4D che vede coinvolta Verona. Semplificare i pagamentiSostenere la mobilità intelligente i vantaggi dell’auto connessa • Ottimizzare i tempi di trasporto grazie a informazioni sul traffico e sulla disponibilità di parcheggi • Informare sui percorsi e sull’accesso alle aree urbane • Ricordare la tempistica di manutenzione per i veicoli • Sviluppare soluzioni assicurative personalizzate • Permettere la localizzazione in caso di furto • Avvertire i soccorsi in caso di incidente indicando la posizione precisa Produttori di auto e aziende di telecomunicazioni hanno posto i seguenti obiettivi per la mobilità intelligente*: • Più del 20%dei veicoli venduti entro il 2015 includerà dispositivi per la connettività • Entro il 2025ogni nuova auto avrà la possibilità di connettersi attraverso diversi dispositivi * GSMA, associazione internazionale degli operatori mobili A Verona,auto e semafori dialogano per un traffico intelligente Verona, con altre sei città europee, fa da apripista per testare diversi sistemi di traffico intelligente e sicurezza stradale all’interno del progetto europeo Compass4D. Telecom Italia, come partner del progetto, ha messo a disposizione la propria tecnologia mobile ad alta velocità (4G), fondamentale per rendere la comunicazione fluida e veloce. Sui veicoli pilota, auto e autobus, sono stati inseriti dispositivi che permettono di comunicare con l’infrastruttura stradale circostante e avvertire gli autisti di eventuali incidenti sulla strada, lavori in corso, stato dei semafori. Inoltre, alcuni mezzi di pubblica utilità, come autobus in ritardo, veicoli di emergenza, possono ottenere il semaforo verde appena si avvicinano all’incrocio. In una seconda fase i cittadini potranno accedere alle diverse applicazioni attraverso il proprio smartphone, anche muovendosi a piedi o in bicicletta. Scopri di più su compass4d.eu | @Compass4D Verona vista sugli schermi del progetto Compass4D
  11. 11. 20 | | 21TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI Innovazione e tecnologia per un mondo digitale dove gli standard di vita siano migliori per i singoli e per le imprese. È su questa strada che si sta muovendo Telecom Italia. E i binari sono quelli predisposti dall’Agenda Digitale Italiana, programma nato dalle indicazioni dell’Agenda Digitale Europea – una delle sette iniziative della strategia “Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva”. più efficienza per la pubblica amministrazione L’Osservatorio Agenda Digitale del Politecnico di Milano stima i seguenti risparmi all’anno nell’introduzione del digitale nella pubblica amministrazione Oltre 1 miliardo grazie alla fatturazione elettronica 6,8miliardi con la sanità digitale 5miliardi se si passasse dall’attuale 5% al 30% di pagamenti elettronici per beni e servizi (eProcurement) Dall’Europa alle regioni le sfide future ver- so una vita digitale L’Agenda Digitale Italiana, nata sulle linee guida dell’Agenda Europea, si propone di stimolare la crescita economica del Paese tramite incentivi all’utilizzo della tecnologia che a loro volta agiscano da propulsori per la crescita economica. Porterà, inoltre, a generare significativi risparmi per la pubblica amministrazione. Contribuire all’Agenda Digitale Per poter raggiungere questi obiettivi è prioritario investire in tecnologia e infrastrutture di rete. E investire su tutto il territorio della penisola, non sola- mente su grandi città e distretti. Telecom Italia, per fronteggiare il divario tecnologico generatosi nelle zone a bassa redditività del territorio italiano, tra il 2005 e il 2013 ha realizzato un programma d’investimenti straordinari che ha permesso di fornire la coper- tura ADSL a circa 4.000 nuovi comuni, pari a oltre il 12% della popolazione. Questo ha portato il Paese a una copertura a banda larga ADSL al 98% a fine 2013, vicina agli obiettivi dell’Agenda Digitale Europea. European Digital Agenda Agenda Digitale Italiana / Decreto Crescita 2.0 Agende Digitali Regionali • Mercato unico digitale • Banda larga • Inclusione digitale • Servizi pubblici • Ricerca e innovazione • Economia green • Anagrafe unica / Identità digitale / Fatturazione elettronica • P.A. digitale • Istruzione digitale • Sanità digitale • Giustizia digitale • Smart communities • Conoscenza e capacità di ascolto • Politiche industriali territoriali • Materie delegate (es. Sanità) • Implementazione territoriale In futuro, anche grazie all’accelerazione prevista dal piano triennale 2014-2016 sugli investi- menti in tecnologia UltraBroadBand, Telecom Italia si appresta a completare entro fine piano la copertura di oltre il 50% della popolazione con una connessione ad alta velocità da rete fissa (NGAN) e dell’80% della popolazione con una rete mobile di quarta generazione (LTE). Gli obiettivi dell’Agenda Digitale Europea per il 2020 All’inizio del 2010 la Commissione Europea ha presentato la strategia Europa 2020, con l’obiet- tivo di preparare il sistema economico e sociale ad affrontare le sfide del prossimo decennio. Tra le iniziative chiave è stata adottata una Agenda Digitale Europea che si propone di accelerare la diffusione di internet e sfruttare i vantaggi di un mercato digitale unico per famiglie e imprese. Obiettivi di copertura Oggi (fine 2013) ~ 50%Copertura LTE ~ 18%Copertura NGAN Domani (2016) 80%popolazione italiana raggiunta dall’LTE (nuova rete mobile 4G) >50%popolazione rete fissa raggiunta dalla nuova rete fissa in fibra ottica (NGAN) Italia Connessa e il check-up digitale di ­Telecom Italia Telecom Italia, con l’iniziativa Italia Connessa, ha avviato una riflessione sui diversi livelli di sviluppo digitale e ha affiancato alcune amministrazioni re- gionali per realizzare un vero e proprio check-up digitale. Grugliasco (TO) è risultato il comune vincitore del contest Italia Connessa, che aveva l’obietti- vo di promuovere la cultura dell’innovazione tra le amministrazioni locali dei comuni italiani di medie dimensioni. La seconda edizione di Italia Connessa è stata presentata a dicembre 2013. La fotografia che ne esce ha luci e ombre. L’Italia appare in ritardo sulla media europea per la maggior parte degli indicatori, ad eccezione di quello relativo alla copertura di banda larga di base (al 98%). Gli italiani che navigano sul web sono poco più della metà della popolazione, ben al di sotto della media europea (53% in Italia rispetto al dato UE pari al 70% e al target al 2015 previsto dall’Unione Europea pari al 75%) e sono ancora piuttosto scettici di fronte alle transazioni di compravendita online (il commercio online è utilizzato dal 17%, rispetto al target europeo al 2015 pari al 50%, un obiettivo già centrato e superato da numerosi Paesi UE). TEMPI E SCADENZE DELL’AGENDA DIGITALE ITALIANA L’Agenda Digitale Italiana come quella europea ha un orizzonte temporale al 2020. L’Agenda prevede una cabina di regia per gestire i sei gruppi di lavoro che devono attuare 101 azioni: • Infrastrutture e sicurezza • eCommerce • eGovernment e open data • Informatizzazione digitale e competenze digitali • Ricerca e innovazione • Smart communities Nel 2013 l’Agenda Digitale ha registrato un’accelerazione con il Decreto del Fare (D.L. 69/2013). BANDA LARGA (OBIETTIVO 2020) Cittadini coperti dalla banda larga di base Copertura banda larga o superiore a 30 Mbit/s Utilizzo connessione superiore a 100 Mbit/s 100% 50% 100% 75% 15% 60% Popolazione che fa acquisti su internet Piccole e medie imprese che acquistano e vendono online Cittadini che utilizzano servizi digitali della pubblica amministrazione 50% 50% 33% INCLUSIONE DIGITALE (OBIETTIVO 2015) SERVIZI (OBIETTIVO 2015) Cittadini che utilizzano in modo regolare internet Categorie deboli che utilizzano in modo regolare internet Percentuale massima di popolazione che non ha mai utilizzato internet AGENDA DIGITALE europea L’Agenda Digitale è una delle sette iniziative faro della strategia Europa 2020, che fissa obiettivi per la crescita nella UE entro il 2020.
  12. 12. 22 | | 23TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI 15 27 maggio Telecom Italia presenta al Forum della Pubblica Amministrazione soluzioni innovative per sanità, sicurezza e territorio 11 febbraio Con Tuttofibra, Telecom Italia porta la tecnologia UltraBroadBand alle PMI 5 marzo Lancio del nuovo servizio ‘Sempre Sicuro’ di TIM per proteggere smartphone e tablet da furti e danni e mettere in sicurezza tutti i dati 15 aprile TIM Brasil lancia TIMmusic, applicazione per accedere a milioni di brani a prezzi competitivi 10 settembre Telecom Italia lancia “Tutto”: internet e chiamate illimitate da casa anche verso tutti i cellulari 7 ottobre Arriva la nuova app Telecom Italia che trasforma lo smartphone nel telefono di casa 12 novembre Telecom Italia e Visa Europe: accordo per i pagamenti con smartphone 13 dicembre Cremona, Ravenna e Varese si aggiungono alla lista delle città in cui divengono attivi i servizi UltraBroadBand di TIM su rete LTE (4G) 23 dicembre Telecom Italia crea la nuova app per Padiglione Italia di Expo 2015 31 dicembre Foggia, Salerno, Latina, Lucca sono le ultime tappe 2013 nello sviluppo della rete in fibra ottica di nuova generazione NGAN I principali lanci commerciali del 2013 12 giugno Telecom Italia lancia “Roaming Tutto Incluso”, la prima offerta “usa e getta” per la clientela Business
  13. 13. 24 | TELECOM ITALIA OLTRE I NUMERI telecomitalia.com/company-profile

×