Smart Basilicata - Salvia

538 views

Published on

RI-GENERAZIONE ENERGETICA ENERGIA E SOSTENIBILITÀ
Esperienze, idee e scenari di sviluppo

20 dicembre 2013
Incubatore d’Impresa di Sviluppo Basilicata Metapontum
Metaponto di Bernalda (MT)

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
538
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
18
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • This proposal takes inspiration from the main initiatives on urban communities carried out at European level, in particular:
  • I risultati del progetto SMART-BASILICATA comprenderanno:
    i) nuove piattaforme e soluzioni tecnologiche per ottimizzare la gestione delle risorse naturali in un’ottica di sostenibilità, il trasporto e la mobilità intelligente, l’utilizzo integrato di risorse e tecnologie energetiche
    ii) nuove applicazioni delle tecnologie ICT, sensoristica e tecnologie satellitari di supporto al monitoraggio e alla gestione del territorio
    iii) nuovi modelli organizzativi e di collaborazione con attori pubblico-privati a livello regionale, nazionale ed internazionale volti a favorire l’adozione di un approccio di pianificazione integrata e partecipata.
  • I risultati del progetto SMART-BASILICATA comprenderanno:
    i) nuove piattaforme e soluzioni tecnologiche per ottimizzare la gestione delle risorse naturali in un’ottica di sostenibilità, il trasporto e la mobilità intelligente, l’utilizzo integrato di risorse e tecnologie energetiche
    ii) nuove applicazioni delle tecnologie ICT, sensoristica e tecnologie satellitari di supporto al monitoraggio e alla gestione del territorio
    iii) nuovi modelli organizzativi e di collaborazione con attori pubblico-privati a livello regionale, nazionale ed internazionale volti a favorire l’adozione di un approccio di pianificazione integrata e partecipata.
  • Smart Basilicata - Salvia

    1. 1. Il progetto SMART BASILICATA Basilicata Monica Salvia (CNR-IMAA) Coordinatore scientifico di SMART Basilicata monica.salvia@imaa.cnr.it
    2. 2. Agenda 1. 2. 3. 4. Il contesto della ricerca e il Bando MIUR Struttura generale del Progetto R&S Smart Basilicata in Italia e in Europa Attività in corso e passi successivi 2 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    3. 3. Il problema • Le città europee sono responsabili dell’utilizzo del 75% delle risorse energetiche e sono responsabili di circa il 75% delle emissioni di gas ad effetto serra. • Il raggiungimento degli ambiziosi obiettivi “Europa 2020” e della “Roadmap per l’energia 2050” richiedono profondi cambiamenti negli attuali sistemi energetici. • Le città sono al centro di tale processo e necessitano di attuare una trasformazione verso una configurazione smart, ovvero in grado di produrre ed utilizzare energia in modo maggiormente sostenibile ed efficiente, a basse emissioni di carbonio e tali da assicurare la qualità della vita dei cittadini. 3 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    4. 4. Iniziative europee per le città 4 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    5. 5. L’iniziativa Smart Cities del SET Plan (1/2) • L’iniziativa Smart Cities & Communities è stata approvata nel 2010 nell’ambito del SET Plan (Iniziative Industriale Europea) • È finalizzata a sostenere la ricerca di soluzioni per rispondere alle attuali sfide in tema di energia e clima attraverso: – l’aggregazione della domanda, – l’attrazione di una grande varietà di soggetti interessati, – il coinvolgimento di imprese e cittadini – la creazione di mercati per i modelli di sostenibilità ed efficienza risultanti. 5 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    6. 6. L’iniziativa Smart Cities del SET Plan (2/2) • Si propone di raggiungere obiettivi climatici ed energetici ambizioni (40% riduzione di gas serra entro il 2020) attraverso • approcci sistemici innovativi che promuovono l’efficienza energetica, l’utilizzo di tecnologie “low-carbon” • la gestione intelligente della domanda e fornitura energetica (smart management). • Si basa sul patrimonio conoscitivo acquisito nell’ambito dei programmi europei: • CONCERTO • Covenant of Mayors • CIVITAS 6 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    7. 7. EERA JP Smart Cities 7 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    8. 8. JP Smart Cities – objectives As the topic of Smart Cities represents a very complex and interdisciplinary field of research entirely new approaches are required which shall go even beyond the borders of individual scientific fields in order to capture the full range of infrastructure interfaces within the energy system of cities. The main goal of the present JP is to support European cities in their transformation processes towards Smart Cities (from an energy perspective) through new scientific methods, concepts and tools covering the entire energy value chain (generation, distribution, consumption). Such methods and tools should lead to a massive integration of renewable energy sources (centralised and decentralised) and an increased energyefficiency, enabled through smart energy management at city level. Visit our webpage at www.eera-set.eu 8 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    9. 9. Joint Programme on Smart Cities Sub-programmes Sub-programme 1: Energy in Cities coordinated by Hans-Martin Neumann, AIT (AT) Main objective of the sub-programme is the development of scientific tools that support the transition process towards a CO2 neutral energy system of an entire urban area. Relevant support tools and methods will be developed enabling integrated urban energy planning: envisioning exercises, energy data systems, decision support, Key performance Indicators (KPIs), “Living lab” concepts and the interaction with other sustainable city aspects (mobility, waste, water, etc.). SP1 objectives:      Providing and analysing examples of visions for Smart Cities Proposing integrated database structures that can allow cities to plan a Smart City and then monitor their performance through Key Performance Indicators (KPI´s). Offering new simulations tools (static and/or dynamic) that will help produce a more detailed design of those measures and their implementation Setting up a template for the implementation of the living lab concept into practice. Defining the links and opportunities for complementary research between individual research areas related to sustainability 9 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    10. 10. Joint Programme on Smart Cities Sub-programmes Sub-programme 2: Urban Energy Networks coordinated by Mauro Annunziato, ENEA (IT) Main objective of the sub-programme is to develop approaches, methodologies and technologies in order to optimize energy metabolism of cities (i.e. production, distribution and consumption). In particular, the solutions and initiatives that will be pursued will aim at integrating both electrical and thermal energy networks by means of an appropriate operation & management system, fed by data networks spread at urban level. 10 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    11. 11. Joint Programme on Smart Cities Sub-programmes Sub-programme 3: Energy-efficient Interactive Buildings jointly coordinated by Annemie Wyckmans, NTNU (NO) and Berit Time, SINTEF (NO) Main objective of the sub-programme is to develop and validate innovative, competitive holistic concepts, tools and demonstration cases for Energyefficient Interactive Buildings in the urban context, contributing to their large-scale penetration of the European market. Research of this SP focuses on distinctive fields such as building design, innovative building envelope solutions, energy management, “building-to-grid” and the interaction with the user. 11 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    12. 12. Joint Programme on Smart Cities Sub-programmes Sub-programme 4: Urban City-related Supply Technologies coordinated by Pablo Dolado, GiTSE/University of Zaragoza (ES) The objective of the sub-programme is to develop and use tools enabling the design and the evaluation of urban city-related (renewable) energy supply technologies integrated on district or city level. An appropriate modelling and simulation framework including numerical component oriented models and libraries shall be at the core of research. In addition the city-industry interaction shall be investigated in order to optimize available synergies (e.g. use of waste heat). 12 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    13. 13. Joint Programme on Smart Cities Sub-programmes Taskforce on “Simulation Platform Development” under the lead of SubProgramme 1 (embedded within all 4 SPs) Aim of the taskforce is to share information and analyse tools for modelling and simulation of urban energy systems at various levels (buildings, grids, components, etc.), as well as to identify gaps and user requirements for the development of new tools. This work shall ultimately result in the establishment of an integrated modelling and simulation platform. 13 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    14. 14. Altre iniziative di rilievo • the Future Internet Public-Private Partnership – aims to develop a better internet infrastructure to support smarter services in areas like health, transport, environment and energy to the citizen and test them in a city context. This should reduce the use of resources, and create jobs. • the Green Digital Charter which includes 23 cities – these cities have committed to concrete targets, such as the reduction of their ICT carbon footprints by 30% by 2020. 14 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    15. 15. Italian cities towards Horizon 2020 In Italy two National Calls for bids on “Smart Cities and Communities and Social Innovation” were launched in 2012 by the Ministry of Education, University and Research (MIUR), with a total funding of about 920.5 million euro. The main aims of the MIUR smart cities calls for bids are: • Train local authorities, universities, associations, groups and scientific institutions to making the team and get involved. • Search together funding opportunities for project ideas related to the concept of "intelligent communities“ • Support and develop the Industry-Academia research skills available on the local territories • Analyze current and future needs and challenges and work together to give answers and create a "common good”. March 2012: Convergence Regions (and Phasing-out Regions) Basilicata July 2012: All Italian Regions A “training ground towards Horizon 2020 European tenders, which will be issued on 2014″. Francesco Profumo, Minister for Education, University and Research Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    16. 16. Obiettivi strategici dell’Avviso MIUR n.84/Ric 2012, PON 2007 – 2013 del 2 marzo 2012 • Sviluppare soluzioni per lo sviluppo sostenibile delle aree urbane con particolare enfasi alle politiche energetiche e climatiche ed alle soluzioni tecnologiche da adottare nelle politiche di sviluppo [Carta di Lipsia, 2007, Dich. Marsiglia 2008, Dich. Toledo 2010] • Invito alle autorità locali ad adottare un approccio integrato alla gestione urbana [Strategia Tematica per l’Ambiente Urbano COM/2005/718] • Modello di governance multilivello in ambito energetico ambientale e come presupposto alle azioni di sviluppo integrato a livello urbano [Pacchetto Clima-Energia; Patto dei Sindaci] 16 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    17. 17. Attività previste: "RICERCA INDUSTRIALE" e di "SVILUPPO SPERIMENTALE" Obiettivo: diffusione dell’innovazione tecnologica intesa come valorizzazioneeconomica della “creatività scientifica” 17 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    18. 18. Il progetto SMART BASILICATA Bando “Smart Cities and Communities and Social Innovation” (Avviso MIUR n.84/Ric 2012, PON 2007 – 2013 del 2 marzo 2012) 18 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    19. 19. Elementi ispiratori del progetto (1/2) L’evoluzione dei sistemi osservativi aprirà nuovi scenari per lo sviluppo di metodologie innovative finalizzate allo studio di fenomeni ambientali. Messa a punto di nuove metodologie per l’analisi e l’integrazione di dati acquisiti da sensori multipiattaforma e con diversa risoluzione spaziale, temporale e spettrale (Sensor Synergy) per affrontare lo studio di processi ambientali di notevole complessità in accordo con le linee guida dei programmi GEOSS (Global Earth Observation System of Systems) e GMES (Global Monitoring for Environment and Security). L’integrazione di sistemi osservativi multi risoluzione con piattaforma tecnologiche ed architetture ICT che utilizzino a pieno le nuove potenzialità offerte dalle tecnologie di navigazione e telecomunicazione satellitari, dal cloud-computing, dai web-sensors e webservices, in coerenza con quanto previsto dai programmi di Digital Earth e Citizen Science apre nuovi scenari applicativi per lo studio di un ampio spettro di fenomeni ambientali e l’erogazione di servizi e prodotti innovativi al sistema della PPAA. 19 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    20. 20. Elementi ispiratori del progetto (2/2) Fonte: Dr. Mauro Annunziato, ENEA UTTEI - Coordinatore Smart Cities ed Ecoindustria “Le Smart Cities e le sinergie del consorzio EERA“ 20 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    21. 21. Cardini della proposta Smart Basilicata Bando “Smart Cities and Communities and Social Innovation” (Avviso MIUR n.84/Ric 2012, PON 2007 – 2013 del 2 marzo 2012) Approccio sistemico alla regione come “città diffusa” al fine di renderla “comunità intelligente” attraverso l’utilizzo integrato di moderne tecnologie di Osservazioni della Terra ed ICT. Basilicata Mira ad identificare e sviluppare soluzioni tecnologiche innovative per la gestione efficiente e sostenibile dell’ambiente, della mobilità, dell’energia, della partecipazione sociale e la fruizione di servizi smart da parte della PA e dei cittadini. 21 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    22. 22. Ambiti prioritari Azione integrata per lo Sviluppo Sostenibile • • • • Sustainable natural Resources Renewable energy e smart grid Energy Efficiency and low carbon technologies Smart mobility e last-mile logistic Azione integrata per la Società dell’Informazione • Smart culture e Tourism 22 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    23. 23. La partnership 23 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    24. 24. Partneriato locale Il raggruppamento proponente è affiancato da un “partneriato locale” rappresentato da eventuali - soggetti istituzionali e - operatori economici locali portatori di interesse, che condividono gli obiettivi del progetto e partecipano eventualmente alla realizzazione delle attività quali partner esterni al raggruppamento medesimo. Per tale “partneriato locale” è previsto il coinvolgimento • nella fase di sperimentazione e applicazione concreta dei risultati conseguiti •nella governance del progetto Invece, NON è prevista una partecipazione diretta ai costi progettuali. 24 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    25. 25. Caratteristiche del progetto • Importo: 18,5 M€ • Durata: 30 mesi News (30/01/2013): Decurtazione del -3.5% 17.85 M€ – Inizio: 30 novembre 2012 – Chiusura: 30 maggio 2015 • Progetto di R&S: – Importo 16,85 M€ – FASE di SPERIMENTAZIONE almeno pari ad ¼ della durata del progetto, presso le PPAA operanti nel territorio e coinvolte nel progetto. • Progetto di Formazione sul campo per ricercatori e tecnici di ricerca – Importo 1,65 M€ – Durata 24 mesi – Inizio 1 giugno 2013 25 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    26. 26. Struttura generale del progetto 26 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    27. 27. 2.1 Energia da biomasse 2.3 Energie rinnovabili / EE 2.2 Tutela risorse idriche 1.3 3.4 DEMO SMART_Street 1.4 DEMO SMART_Nature Studi di fattibilità Valorizzazione turistica 5.1 OR1 SMART NATURAL RESOURCES DEMO sMArTERA 4.3 4.5 1.5 4.4 Social network Partecipazione pubblica 5.2 Governance e accountability Monitoraggio infrastrutture Ill. pubblica intelligente Sistema sensoriale Impatto reti energetiche 3.2 3.3 4.2 1.1 Monitoraggio aria Mobilità intelligente Turismo e marketing terr. DEMO SMART_Biofuel 1.2 3.1 4.1 OR2 SMART ENERGY OR4 SMART CULTURE AND TOURISM 5.3 Applicazione metodologica OR5 SMART PARTICIPA TION OR3 SMART MOBILITY 27 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    28. 28. Struttura generale del progetto OR5 SMART PARTICIPATION OR5 SMART PARTICIPATION 28 Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    29. 29. Dimostratori e luoghi interessati dal progetto Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013 29
    30. 30. Il progetto di formazione Ciascun Obiettivo Formativo (OF) prevede 2 diverse attività: OF/Att.1 formazione e specializzazione di figure professionali di alta qualificazione (laureati), sulla tematica dell’OR di riferimento OF/Att.2 aggiornamento e qualificazione del personale dipendente della pubblicazione amministrazione e del personale di imprese ed aziende del settore ambientale attraverso un ciclo di seminari e workshop sulla tematica dell’OR di riferimento Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013 30
    31. 31. Management del progetto Reinhard Schütz, AIT reinhard.schuetz@ait.ac.at Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    32. 32.  Informazione e coinvolgimento: Facilitare l’interazione tra i partner per il raggiungimento degli obiettivi progettuali specifici definiti per ogni singolo OR Strutturare gli interventi necessari a garantire i risultati e deliverable attesi e, al contempo, l’aggiornamento del crono-programma di progetto  Concertazione e proposta: Lavoro all’interno singoli OR al fine di identificare il contributo dei singoli gruppi di ricerca alle attività previste e quantificare il budget delle singole attività  Finalizzazione e condivisione: Identificazione dei nomi dei referenti con riferimento ai singoli Obiettivi Realizzativi (OR) e Attività del Progetto SMART Basilicata Prospetto dettagliato delle singole Attività/Risultati/Deliverable secondo quanto elaborato dai singoli gruppi di ricerca Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013
    33. 33. Expectations Garantire il successo di SMART Basilicata e trasformarlo in una base di lancio verso nuove opportunità di collaborazione e finanziamento  Valorizzare in contributo dei singoli partner pubblici e privati in una visione sistemica delle attività  “Fare squadra” e riuscire ad accedere a nuove opportunità di finanziamento in vista dei nuovi bandi EU (e.g. Horizon 2020, ERDF) e nazionali  Molteplici partner industriali di SMART Basilicata hanno partecipato e vinto diversi progetti nell’ambito della seconda Call MIUR sulle Smart cities dedicata all’intero territorio nazionale! Dr Monica Salvia, 20 dicembre 2013 33
    34. 34. Il progetto SMART BASILICATA Monica Salvia (CNR-IMAA) Basilicata Coordinatore scientifico di SMART Basilicata monica.salvia@imaa.cnr.it

    ×