Programma Ronciglione Cambia

676 views

Published on

Qui potrete trovare il programma della lista Ronciglione Cambia per le elezioni comunali 2012 cliccate su PLAY per l'incorporamento.

Published in: News & Politics
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Programma Ronciglione Cambia

  1. 1. Programma elettorale lista “Ronciglione Cambia”A seguire il programma elettorale della lista “Ronciglione Cambia”, con candidato asindaco del Comune di Ronciglione Alessandro Giovagnoli, volto alla crescita e albenessere del paese e di tutta la cittadinanza.Un programma che guarda al futuro, lungimirante e che, naturalmente mette al primoposto le persone: coloro che vivono quotidianamente il paese, coloro che il paese lohanno vissuto scrivendone la storia e per tutte le nuove generazioni che verranno.Partecipazione e Trasparenza 1) Bilancio Partecipato: un modo concreto di coinvolgere i cittadini; 2) Forum dei Cittadini: un modo di favorire la consultazione al fine di valutare in modo condiviso i grandi progetti e gli investimenti più importanti con la partecipazione dei cittadini, delle associazioni, delle organizzazioni sindacali; 3) Comunicazione Istituzionale: potenziare il dialogo con i cittadini e garantire: trasparenza ed informazione costante su attività e scelte e appropriata Pubblicità di tutti gli atti dell’Amministrazione. 4) Legalità: lotta agli abusi di potere e regole uguali per tutti.Politiche socialiTra i nostri obiettivi c’è sicuramente quello di ritornare tra la gente, ad ascoltare ibisogni e le aspettative di tutti per essere finalmente, insieme, il motore di rinascita diun paese che non merita più l’immobilizzazione.Anche per questo riteniamo di fondamentale importanza il ruolo di una rete di servizisociali per Ronciglione che supporti ogni giorno il cittadino e che lo aiuti nelmomento del bisogno. 1) Ronciglione deve diventare un paese per tutte le età, basato sulla solidarietà tra le generazioni che consenta ai giovani di realizzare la propria autonomia ed i propri progetti ed alle persone anziane di rimanere attive nella società, di non essere emarginate e di permettere loro di trasmettere il personale patrimonio di sapere, di competenze e di saggezza che deriva dalle esperienze di vita che hanno caratterizzato la loro vita. Verrà creata quindi la formula del “Baratto 1
  2. 2. del Tempo”, un gioco di credito e debito dedicato e ricevuto. In questo senso verranno istituiti: dei corsi, gestiti da neolaureati, per facilitare l’accesso in internet, per i più omeno anziani; usufruendo di spazi comunali verranno istituiti dei laboratori volti atramandare diverse arti quali: il lavoro della maglia, l’uncinetto, la cucina di piattitipici locali, il cucito, il ricamo, la lavorazione artigianale del legno, ecc. valorizzazione del volontariato sociale attraverso il riconoscimento di creditiformativi per i giovani.2) Coinvolgimento degli anziani e di coloro che sono fuori dal mondo del lavoro nella vita amministrativa sull’esempio del “nonno vigile”.3) C’è bisogno di costruire una convivenza positiva tra italiani ed immigrati basata sul riconoscimento del reciproco bisogno, della reciproca convivenza, di ordine economico, ma anche sociale e culturale di pari dignità. Per favorire questo è previsto: l’inserimento di una figura nel consiglio comunale, con pareri consultivi, eletta dalla comunità multietnica; la creazione della figura di un interprete che operi sia all’interno della struttura comunale che nelle scuole a sostegno delle famiglie con difficoltà linguistiche e di inserimento; Coinvolgimento delle varie comunità nei principali eventi folcloristici e culturali del paese; Creazione di uno sportello informativo multietnico.  Valutare la possibilità di prevedere una forma di assistenza sanitaria agli stranieri.4) Attraverso il coinvolgimento delle strutture residenziali locali per gli anziani e la ASL territoriale istituire un servizio domiciliare infermieristico e di mensa.5) Impegno per assicurare il mantenimento della struttura ospedaliera Sant’Anna.6) Creazione di una rete di servizi municipali che vada anche a sopperire le mancanze che si sono venute a creare nel paese creando, attraverso la collaborazione di medici volontari locali, un servizio medico di suturare le ferite. 2
  3. 3. 7) Individuazione di una zona a servizi per la realizzazione di un edificio sociale diurno, capace di accogliere ragazzi meno fortunati attrezzato con strutture quali laboratori, sale per la musica ma anche programmi di ippoterapia, che serva da supporto alle famiglie, la cui gestione sia in concertazione tra associazioni di operanti nel settore e il nostro comune con la convinzione che tale intervento arricchisca il paese per il loro bagaglio sociale e culturale.8) Controllo, nel rispetto della privaci dei cittadini, che ad usufruire delle agevolazioni sociali siano effettivamente coloro che ne hanno bisogno.9) Istituzione di uno sportello on-line di incontro domanda-offerta lavoro rivolto alle piccole e grandi aziende locali e a tutti i cittadini alla ricerca di un’occupazione, con lo scopo di informare, ma anche eventualmente di formare i candidati.10) Attivazione di corsi per la sensibilizzazione verso il problema droga-alcool e verso l’educazione sessuale (ripetuti per due cicli l’anno), cercando l’appoggio di medici locali nonché di strutture ospedaliere che organizzano corsi in tal senso.11) Consentire a donne e uomini di conciliare il tempo di lavoro con il tempo della cura e della vita familiare sostenendo la maternità e la paternità con aiuti concreti che prevedano anche la riorganizzazione della ludoteca comunale e la rivisitazione del servizio di asilo nido.12) Apertura all’associazionismo, coinvolgendolo, dove possibile, nelle attività sociali e di volontariato e delle scuole primarie e secondarie.13) Creazione di un servizio integrato per la famiglia.Perché servizio integrato?  Integrato perché intende perseguire l’integrazione a livello istituzionale, con accordi formali tra più istituzioni; è gestionale perché deve esserci una gestione mista del Servizio; è professionale per la presenza di più professionisti che interagiscono sulla base di progetti di lavoro condivisi.  E’ necessario che l’Ente Locale si ponga al centro della rete dei servizi per la famiglia e per i minori nell’ambito sociale ciò si può verificare con l’attivazione di un Servizio che preveda la messa in comune di personale e servizi dell’Ente, nell’ambito sociale, con soggetti operanti nel settore sul territorio (attuazione del principio di sussidiarietà).  Questo Servizio ha il compito di organizzare corsi, manifestazioni, incontri, convegni ecc. e, attraverso la costituzione di gruppi professionali, ideare i nuovi programmi e avviare i relativi progetti e servizi.  Tre linee di intervento: 3
  4. 4. Attivazione di servizi per la famiglia ( es. mediazione familiare,  servizio psico sociale per la famiglia, corso di preparazione al matrimonio per il rito civile ecc.) Ideazione e realizzazione di singoli progetti per la famiglia nel territorio  del Comune; Predisposizione annuale del Piano territoriale per la famiglia: documento finalizzato ad armonizzare tutte le politiche amministrative dell’ente territoriale con quelle in favore della famiglia.  Il Servizio deve aspirare ad essere laboratorio di sperimentazione di un nuovo modello di welfare dove la comunità locale è protagonista nell’espressione dei propri bisogni e nella presa in carico dei soggetti più deboli che la compongono.  Ha sempre più significato offrire risposte adeguate ai minori in un’ottica non assistenziale, ma promozionale e preventiva con azioni che abbiano al centro del proprio interesse innanzitutto LA FAMIGLIA, nella sua duplice veste di istituzione e di nucleo vitale della società, in quanto luogo di formazione dell’identità e di crescita dell’essere umano.  La famiglia, pertanto, deve essere individuata quale soggetto a cui indirizzare i futuri interventi dell’Ente.  Pertanto questo SERVIZIO si rivolge a : a. Tutte le famiglie; b. Alle famiglie con figli minori che desiderano condividere le esperienze educative quotidiane e di crescita dei figli; c. A tutte le persone, famiglie, gruppi e associazioni disponibili a favorire e ad attivare relazioni di mutuo aiuto e di vicinato; d. Alle famiglie immigrate che intendono allargare la propria rete di relazioni; e. A quei genitori che vivono momenti critici nel rapporto coi figli a causa di separazioni, divorzi o situazioni di disagio. Il SERVIZIO si propone come: - Osservatorio e punto di documentazione delle esigenze e risorse territoriali nell’area famiglia. Luogo di informazione, sostegno e aiuto per e tra le famiglie con particolare  attenzione ai nuclei in difficoltà: famiglie in crisi, famiglie multiproblematiche, famiglie con gravi carichi assistenziali, famiglie immigrate; Spazio in cui accorpare, implementare e raccordare i servizi per la famiglia offerti dall’Ente e dalle Associazioni. 4
  5. 5. -Attenzione quindi alle famiglie, quelle già presenti e quelle che si formeranno, supportando le giovani coppie in tutto il loro percorso. 14) Consiglio comunale giovanile attivo a cui vanno affidati i seguenti punti: una parte del carnevale (carnevale della notte, creazione di una mascherata Lowcost ed una serata per i ragazzi); organizzazione di concerti in particolare volti alla promozione di gruppi emergenti (sfruttando d’inverno la sala del collegio e l’estate le piazze del paese); rapporti con il Liceo Scientifico insieme ad un rappresentante del consiglio comunale. 15) Potere consultivo di un giovane del consiglio 16) Eliminazione delle barriere architettoniche, con particolare celerità per quanto riguarda quelle ancora esistenti nelle scuole e nelle istituzioni. 17) Ampliamento del Liceo Scientifico e Classico. 18) Assessorato per i servizi scolastici. 19) Sostegno alle Cooperative Sociali. 20) Introduzione di una figura di difensore civico.CulturaLa lista “Ronciglione Cambia” riconosce nella cultura un valore positivo e strategicoper lo sviluppo di Ronciglione, sia conoscitivo che economico. La cultura deverinascere nel nostro Paese e diventare un bene comune fruibile per tutti, c’è quindibisogno di sviluppare un piano culturale in sinergia con le risorse che abbiamo:strutturali e associazioni competenti.Partendo da questi presupposti la lista “Ronciglione Cambia” propone: 1. Rinvigorimento di tutte le istituzioni comunali, quali l’Istituzione Teatro, Biblioteca e Musica, al fine di rendere più ampia l’offerta formativa. 2. La creazione di un progetto turistico culturale insieme ai paesi limitrofi per un percorso che nello specifico di Ronciglione vada a coinvolgere il centro storico ed il lago di Vico. 3. Necessariamente coinvolgere le scuole primarie e secondarie nell’organizzazione dell’offerta culturale. 4. Educare i più piccoli alla cultura in generale con appositi corsi di teatro e musica, ma anche attraverso incontri di lettura in dialetto e in lingua italiana servendosi dei locali e delle professionalità dell’istituzione Biblioteca e delle associazioni culturali locali e non. 5. Una rivalutazione del centro storico, sia strutturale che di concetto, con la creazione di botteghe di prodotti tipici, botteghe d’arte (gestite dagli artisti locali) e locali adibiti a corsi di formazioni delle arti antiche. 5
  6. 6. 6. Coinvolgimento di tutti gli artisti locali: scrittori, scultori, pittori, musicisti, durante tutto l’anno creando degli eventi che andranno a formare “Le stagioni culturali Ronciglionesi”. 7. Rivalutazione culturale del Carnevale Storico e dei suoi prodotti. 8. Recupero delle tradizioni attraverso il coinvolgimento delle scuole elementari e medie. 9. Creazione di un laboratorio per la creazione dei carri allegorici aperto tutto l’anno all’interno del quale verranno effettuati corsi in tal senso 10. Apertura del museo della scienza e del lavoro presso le ex cartiereUrbanistica e lavori pubbliciL’attenzione per i cittadini prosegue poi, dal nostro punto di vista, con laprogettazione di una rete urbanistica funzionale ed innovativa che sfrutti al massimole potenzialità di Ronciglione e naturalmente lavori ed opere pubbliche cherispondano concretamente alle esigenze di un paese che guarda al futuro. 1. La progettazione e la ricerca dei finanziamenti necessari per la realizzazione di una tangenziale nord-sud, alternativa all’attuale circovallazione, come peraltro previsto dal piano regolatore 2. Lo studio per la definizione di un collegamento viario est-ovest. E’ necessario studiare la soluzione in due fasi: a. la prima a breve termine, ammodernando, allargando e rendendo più sicura via delle cartiere; b. la seconda a medio termine, studiando una soluzione per una tangenziale vera e propria che partendo da Vasiano unisca il paese al lago di Vico. 3. Il recupero e il riutilizzo del grande fabbricato delle ex suore di clausura per fini sociali e culturali o meglio ancora a fini alberghieri coinvolgendo imprese private. 4. Abbattimento delle barriere architettoniche. 5. Al fine di favorire le passeggiate dei ronciglionesi e dei turisti è necessario prolungare, migliorare o creare ex novo marciapiedi progettati e costruiti a misura d’uomo. 6. La presa in carico, tramite convenzione, da parte del Comune di strade ancora private; 7. La costituzione di una commissione per il decoro urbano che realizzi e applichi un regolamento per gli interventi da effettuare nel centro storico; 8. E’ auspicabile che vengano recuperate alcune strade del centro storico con le pavimentazioni originali, l’illuminazione pubblica delle bellezze di Ronciglione dovrà essere potenziata e studiata con criteri di adeguata progettazione illuminotecnica; 6
  7. 7. 9. Nel centro storico medioevale, isola pedonale e nel paese, più in generale, si sente la necessità di cartelli con percorsi turistici per i visitatori, per nuove piazze del paese è opportuno lanciare dei concorsi di idee che portino alla riqualificazione delle stesse come luogo d’incontro e ricreazione; 10. Fondamentale per il miglioramento della circolazione all’interno del centro abitato è la creazione di ulteriori parcheggi. 11. Per il turismo al lago oltre a incrementare i percorsi pedonali e ciclabili si può pensare ad un battello ecologico per gite sul lago. 12. Per l’incremento dei trasporti pubblici a Ronciglione è necessario procedere su alcuni fronti facendo sentire forte la voce del nostro Comune... 13. La creazione di un percorso pedonale (con piccoli ponti in lamellare) che unisca le zone a servizi ed i parchi (area servizi in via S. Giovanni- Campo Sportivo- Parco Monsignor Pacifico Chiricozzi- Giardino Vecchio – Teatro con antistante zona a servizi); 14. Interventi di riqualificazione urbana negli ingressi principali del paese; 15. Acqua: interventi immediati per la realizzazione di idonei potabilizzatori; realizzazione di un impianto di depurazione delle acque, se necessario anche con fondi di bilancio; 16. Lago di Vico: mappatura dettagliata del sistema idrogeologico, della distribuzione e studio della qualità delle acque per capire meglio le note problematiche; interventi strutturali per garantire un’adeguata tutela dell’ecosistema; valorizzazione della Riserva Naturale; acquisizione delle aree dell’ex centro militare NBC previa bonifica; acquisizione delle aree limitrofe agli arenili. 17. Realizzazione capannone polifunzionale zona P.I.P. per carnevale, carri e lavori; 18. Recupero del capannone precedentemente adibito alla costruzione dei Carri Allegorici in zona ex Cartiere; 19. Rilancio del borgo medioevale; 20. Bonifica centro chimico ed acquisizione aree; 21. Vallone Rio Vicano; 22. Edificio per servizi sociali in concertazione con associazioni del settore; 23. Poggio Cavaliere: viabilità di competenza del comune, pubblica illuminazione e marciapiedi tra cimino e centro abitato. 24. Sviluppo del Territorio: sostenere la riapertura della ferrovia Civitavecchia- Capranica-Orte; attrarre aziende ed investimenti al fine di creare occupazione; favorire iniziative economiche capaci di creare sviluppo sostenibile. 25. Adoperarsi per la messa in sicurezza del costone del Vallone del Rio Vicano.Soluzioni alle problematiche strutturali Istituto Comprensivo “Mariangela Virgili” 1. Abbattimento di ogni barriera architettonica dentro e fuori l’istituto; 7
  8. 8. 2. Controllo ed eventuale sistemazione del tetto della palestra dell’Istituto Comprensivo “Mariangela Virgili” che risulta fatiscente e pericoloso; delle uscite di sicurezza e dell’area verde riservata a giochi dei bambini; 3. Sostituzione delle gronde e dei discendenti per il deflusso delle acque piovane delle pensiline per accesso agli edifici scolastici; 4. Esecuzione di un passaggio coperto che permetta ai bambini di trasferirsi dalle classi sino in mensa protetti dagli agenti atmosferici ed in modo che il deflusso dalle classi sia più calmo e sicuro per l’incolumità dei bambini; 5. Sistemazione di tutti i gradini deteriorati che si trovano nell’area di tutto il comprensorio scolastico; 6. Infine c’è bisogno di mettere a punto il Regolamento Mensa ed adeguarlo alle normative vigenti nazionali specialmente in due punti: a. menu settimanale da rispettare più scrupolosamente e se necessario interpellare un nutrizionista per bambini; b. dare la possibilità alla commissione scolastica di poter effettuare sopralluoghi in mensa quando e ove ce ne sia bisogno; 7. Analisi periodiche dell’acqua con affissione dei risultati in bacheca, della mensa e dei rubinetti posti nei bagni dove bevono i bambini durante il giorno; 8. Sistemazione dei locali sottostanti la palestra in totale abbandono e riutilizzo per attività scolastiche varie.Ambiente Energia e AgricolturaSempre con lo scopo di migliorare la qualità di vita del cittadino, la lista“Ronciglione Cambia” ha progettato delle azioni volte a salvaguardare l’ambiente el’ecosistema urbano con lo scopo di far crescere e migliorare il territorio nel rispettodell’ambiente e della vita del cittadino.Per far sì che questo accada la lista “Ronciglione Cambia” propone: 1. l’incremento dell’utilizzo delle fonti di energia rinnovabili è non solo auspicabile, ma va incoraggiato e sostenuto. Un NO netto all’energia nucleare è indiscutibile. Pannelli solari e fotovoltaici devono essere via via più utilizzati negli edifici pubblici. La pubblica illuminazione deve essere attuata ove possibile sfruttando al massimo l’utilizzo di pannelli fotovoltaici. 2. Per l’energia prodotta da bio-masse si può pensare ad una diffusione di piccoli impianti domestici o piccola produzione industriale. 3. Per l’energia idroelettrica esistono delle buone possibilità di ripristino delle due centraline idroelettriche poste nella vallata del Rio Vicano. 4. L’organizzazione di corsi di sensibilizzazione e approfondimento in tema energetico e ambientale in collaborazione con gli istituti locali di istruzione deve essere attuata ed incoraggiata. 8
  9. 9. 5. La polizia locale deve avere fra i suoi compiti il controllo del territorio in stretta collaborazione con l’ufficio tecnico comunale, al fine di individuare anomalie e intervenire con tempestività su discariche abusive, smottamenti di terreno, vegetazione incolta pericolosa per la visibilità stradale o per interferenze aeree e sotterranee con linee elettriche, telefoniche, acquedotti ed altro.6. Per i camperisti occorrerà attrezzare delle aree con servizi (acqua, scarico e EE) disponibili.7. Uno studio approfondito dell’attuale contratto di appalto per la raccolta e il trasporto dei rifiuti solidi urbani è necessario oltremodo al fine di trovare aree e margini di miglioramento per la raccolta differenziata; lo spazzamento urbano; lo stoccaggio provvisorio dei rifiuti ingombranti e speciali8. Per lo stoccaggio degli inerti provenienti dalle lavorazioni edili è opportuno predisporre un’ area attrezzata con trituratore gestita dal Comune o data in gestione ad un privato al fine di porre termine allo spargimento indiscriminato nella strade di campagna o peggio in luoghi poco frequentati dei materiali.9. Collaborazioni InterComunali:  Condivisione tra Comuni di alcuni servizi tipo la gestione dei rifiuti, i servizi sociali e il lago di Vico.  Istituzione di un consorzio di comuni confinanti o limitrofi a Ronciglione con i quali creare un’iniziativa per un impianto di compostaggio con annessa non lontana discarica attraverso la creazione di una società ad hoc  Creazione di un progetto turistico-culturale comune.  Potenziamento dei servizi di trasporto extraurbani e sostegno alle problematiche dei pendolari.  Il potenziamento della pulizia e della gestione degli arenili del lago di Vico è un’altra iniziativa che il comune di Ronciglione in collaborazione con quello di Caprarola e con la direzione del Parco dei Cimini deve essere intrapresa.10. Il parco pubblico comunale dovrà essere portato agli antichi splendori. La presenza di piante secolari e rare ne fanno una attrattiva da sfruttare per i ronciglionesi e i turisti come oasi di tranquillità e frescura e per un percorso nel mondo della botanica.11. Sempre in termini di parco pubblico si può e si deve lavorare all’idea del parco naturale e ambientale del vallone del Rio Vicano al fine di recuperarlo da un lato attraverso il riutilizzo delle centraline idroelettriche e dall’altro per le interessanti passeggiate che si possono fare al suo interno per le vecchie ferriere presenti.12. Ulteriore elemento di approfondimento è costituito dalla creazione di piazzole di servizio per gli agricoltori per le loro necessità di acqua con particolare riferimento all’approvvigionamento dei rimorchi botte, dove 9
  10. 10. vengono effettuate le miscele di prodotti antiparassitari o concime per la coltura delle nocciole. 13. Saranno incentivate le colture biologiche e ogni agricoltore sarà supportato gratuitamente attraverso l’istituzione di uno sportello ad hoc. 14. Sarà ricercata la collaborazione fattiva alla promozione del territorio e dei prodotti tipici locali con aziende agricole del loco. (vedi anche produzione di vini locali). 15. Valorizzazione del prodotto cardine della coltura locale: la nocciola romana. Attraverso la promozione del prodotto con adeguata pubblicità e con l’utilizzo in tutti i ristoranti della nocciola quale ingrediente di piatti tipici. (all’interno di un percorso enogastronomico). 16. Rivalorizzazione della fiera dell’agricoltura cercando di portarla a livelli extra-provinciale attraverso il gemellaggio con altri paesi italiani e europei, prevedendo eventualmente una fiera itinerante che possa essere da lancio ai nostri prodotti. 17. Incentivazione alla istituzione di un consorzio unico. 18. Riproporre una figura sul tipo della guardia campestre con il compito di controllore della situazione delle strade rurali, del taglio delle siepi laterali alle strade sia rurali che non. Il compito della figura così creata sarà quello di riferire all’amministrazione ed eventualmente intervenire con l’applicazione di multe. 19. Incentivazioni con sgravi fiscali comunali all’imprenditoria agricola giovanile e femminile. 20. Incentivazione alla produzione del “cippato”. 21. Sulla scia dell’adesione provinciale al “Progetto life + 2011 Environmental governance: swan-lakes sustainable water management of Tuscia lakes” con l’obiettivo di ricercare e attuare le migliori strategie per la conservazione e valorizzazione del patrimonio lacuale presente sul territorio, attivarsi affinché il progetto europeo che prevede anche un cofinanziamento del Comune di Ronciglione segua il corretto iter.Artigianato, Commercio, Turismo 1) Artigianato.Ronciglione è stata famosa per il suo fiorente artigianato. Ricreare le condizioni perfar sì che questo si ripeta è anche compito dell’amministrazione comunale che deveadoperarsi con tutti i mezzi a disposizione per rivitalizzare il nostro artigianato. Siaattraverso una operazione di marketing concordata con gli artigiani, sia ricercandola collaborazione degli istituti di credito, che operano in loco, per finanziamenti attiad aiutare a riorganizzare le attività già esistenti o a costituirne di nuove. Necessaria 10
  11. 11. inoltre un’opera di informazione, promossa dall’amministrazione, diretta alleimprese artigiane per quanto riguarda eventuali appalti o gare sia locali che non.Prevedere un ampliamento della zona artigianale.L’artigianato rientra a tutti gli effetti tra quei “mestieri” che oggi fanno in pochi, magli artigiani servono sempre e dunque aprire le proprie “botteghe” per corsidimostrativi ai giovanissimi potrebbe essere uno stimolo per le attività future.Allo stesso tempo, anche ricercando il patrocinio della Camera di Commercio,Industria, Artigianato e Agricoltura di Viterbo, istituire corsi che insegnino lalavorazione del ferro, della carta, del legno, del pellame, del cuoio, della ceramica edi altre materie a chi è interessato all’apertura di un’attività artigianale e istituire corsidi aggiornamento per apprendere le nuove tecniche rivolti a chi un’attività artigianalece l’ha già. I corsi dovrebbero avere la durata di tre o quattro mesi, cadenza annuale epiù livelli in base all’esperienza. L’istituzione di questa sorta di “scuoladell’artigianato” risulterebbe avere una duplice valenza: occupazionale, in quantocreerebbe forza lavoro e tradizionale, in quanto salvaguarderebbe quella che è latradizione artigianale della città.Compito dell’amministrazione anche lo stimolare la formazione di un’associazionedi artigiani ad oggi ancora inesistente e contribuire ad una “fiera-itinerante”dell’artigianato locale da proporre presso altre Regioni con scambio di idee edesperienze. Un artigianato locale in “vetrina”; una vetrina da far visitare in loco, maanche portare in bella mostra presso altre realtà.Creare un indotto tale, per cui tutte le manifestazioni tradizionali di Ronciglioneadoperino, per la creazione dei gadget, gli artigiani locali (vedi “pitali” e “forchettò”nasi rossi; maschere; carri; costumi di carnevale ecc…). 2) Commercio.Una città senza un commercio prosperoso significa una città morta. In tempi di CentriCommerciali, far resistere le piccole attività non è cosa semplice, per questo vaincentivata la nascita di nuove attività commerciali gestite dai più giovani (perl’occupazione giovanile) e al contempo la salvaguardia ed il rinnovamento diquelle già esistenti. Il tutto in stretta collaborazione dell’amministrazione comunalesia con le associazioni dei commercianti (vedi il Centro Commerciale gli Unicorni),sia con i singoli, creando un costante dialogo istituzione-privati, cercando di inserirein esso gli istituti di credito per i dovuti finanziamenti. Uno sportello creato ad hocper i fini proposti potrebbe facilitare l’apertura ed il mantenimento delle attività. Ilcoinvolgimento di figure professionalmente preparate che sappiano individuare isettori di attività commerciale comunque mancanti a Ronciglione oppure più indicatial luogo, potrebbero arginare il fenomeno dell’apertura e chiusura nel breve terminedelle attività. Siccome il commercio vive anche di turismo, sarà necessario adeguare,in accordo con gli operatori commerciali, gli orari di apertura e chiusura dei negozialle esigenze proprie di questo.Rivedere, ove possibile, la riorganizzazione dei parcheggi, concedendo nel centro delpaese (come nelle maggiori città) soltanto soste brevi in orario di apertura dei negozi, 11
  12. 12. ma anche la possibilità di acquistare abbonamenti quotidiani, settimanali o mensili(onde evitare che un oggetto acquistato in centro costi all’acquirente 30 euro circa inpiù, ossia una multa, per aver sforato di un minuto la durata del parcheggio pagato). 3) Turismo.Soltanto concependo il turismo, a tutti gli effetti, come attività produttiva la cittàpotrà giovarne. Proprio come qualsiasi attività produttiva, nulla va lasciato al caso,ma tutto necessita di essere organizzato nel dettaglio e gestito con competenza. Ilturismo cozza con l’improvvisazione e la superficialità. A tal fine è necessario,innanzitutto, caratterizzare l’offerta turistica della città ai visitatori. Se tutto quelloche si può trovare a Ronciglione, le persone possono trovarlo anche nelle principalicittà ed in luoghi di mare è in questi ultimi posti che preferiranno cercarlo piuttostoche nel nostro territorio. Dunque, sì alla valorizzazione delle tradizioni, ma non conscadenza annuale, quanto piuttosto con quotidianità e sì alla promozione deiprodotti locali (con esposizione in tutte le attività, aperte al pubblico, di gadget eprodotti locali). Le bellezze storico-architettoniche e paesaggistico-ambientali deinostri luoghi dovrebbero facilitare l’offerta turistica che comunque non può viveresenza un’adeguata e capillare promozione delle nostre zone di cui si deve farcarico l’amministrazione insieme agli operatori del settore. La città di Ronciglionedeve diventare una sorta di “agenzia di Touring-in” la collaborazione tra ristoranti,alberghi, b&b, e bar deve essere non solo appoggiata, ma incentivata così come lacollaborazione con i Comuni limitrofi, con lo scopo di riuscire ad ottenere un turismoche nel nostro territorio viene per soggiornare e non soltanto per una visitadomenicale o comunque per un solo giorno in occasione di feste. Percorsi storico-culturali (Borghi Medievali e zona Rinascimentale, ma anche visita alle bellezze deipaesi vicini), naturali (il lago di Vico e la Riserva Naturale, ma anche boschi ecampagne con un’attenzione particolare ai noccioleti, castagneti, uliveti e vigne) e/oenogastronomici (abbiamo lepri, fagiani, cinghiali e cacciagione in generale daoffrire nei menù, ma anche specialità con le nocciole e le castagne; un olio nientemale ed un vino interessante) organizzati con l’aiuto di soggetti preparati neidiversi settori (culturale, ambientale ed alimentare) possono portare Ronciglione adessere una mèta turistica ricercata e comunque senza nulla da invidiare ai ben piùricchi e conosciuti borghi toscani.Creazione di musei che parlino delle nostre tradizioni, della nostra storia, dellanostra cultura, dei nostri ambienti naturalistici e architettonici. Riprendere ilrecupero della ferriera vecchia da destinare a centro di documentazione delparco manifatturieri di Ronciglione.Rivalorizzare e meglio organizzare l’ufficio turistico sito in Piazza VittorioEmanuele. Inevitabilmente, nella promozione turistica, andranno coinvolte le attivitàcommerciali e per alcuni aspetti anche quelle artigianali. Una città con una vocazioneturistica non può permettersi di avere tutti i bar del centro chiusi dopo le 20.30, comenon può permettersi di tenere tutti i negozi chiusi la domenica mattina e non 12
  13. 13. guasterebbe se alcune categorie di artigiani proponessero guide istruttive su comevengono creati i loro prodotti, senza trascurare nel contempo l’aspetto culturaledell’offerta turistica.Rivalorizzazione del lago di Vico. Studi di fattibilità per la creazione di uncampeggio organizzato nel territorio di Ronciglione e per l’acquisto di una sorta ditraghetto ecologico. Acquisto degli arenili. Studi per la creazione di una pistaciclabile intorno al lago.Valorizzazione della Via Francigena, con le dovute indicazioni e l’organizzazione dicorsi e seminari sul tema.Garantire il necessario futuro alla tradizione delle “Corse a Vuoto” adeguandosi allenormative vigenti e cercare di arricchire l’evento con fiere, visite turistiche alle stalle,gemellaggi con altri palii esistenti.Alle diverse manifestazioni, va data l’importanza ed il supporto proporzionati allaricaduta anche economica dell’evento. Le disponibilità di bilancio relative aifinanziamenti per le manifestazioni dovranno essere attinte con una procedurasimile a quella adottata da provincia e regione con punteggi e graduatorie sullabase di uno specifico regolamento studiato ad hoc per la città.Ovviamente se si vuole rendere Ronciglione turistica, non vanno trascurati la puliziadelle strade e l’abbellimento delle stesse.Altrettanto, parlare di turismo senza lavorare al potenziamento dei collegamenti conRoma, Civitavecchia e Orte, ma anche con i principali poli sanitari, non avrebbesenso.Introdurre la frequentazione obbligatoria di corsi di inglese ai componenti la poliziamunicipale e a tutti i dipendenti pubblici che possano entrare in contatto con i turisti.Dopo aver riqualificato lo sportello turistico, aver predisposto una segnaletica idoneaad una città turistica, aver concordato pacchetti e sconti, aver migliorato leinfrastrutture, cercare di conseguire la bandiera arancione del Touring Club Italiano.Sport. 1. Ampliamento delle discipline sportive praticabili, non più e non solo calcio, ma anche maggiore attenzione al ciclismo, alla canoa, alla vela, al beach volley (il lago diventerebbe protagonista del turismo sportivo), alla pallavolo, alla pallacanestro, al karate, alla danza, alla ginnastica artistica e ritmica, all’ippica, all’atletica e via dicendo. 2. Riqualificazione delle strutture sportive esistenti. 3. Riportare la maratona al lago di Vico. 4. Realizzare il campo sportivo in erba sintetica. 5. Consentire la continuità di tutte quelle manifestazioni sportive già esistenti riconoscendogli la capacità di una sana aggregazione sociale, soprattutto giovanile. 13
  14. 14. 6. Riorganizzazione Istituzione Sport con la rivalutazione del centro sportivo Chianello.7. Prevedere l’assistenza sanitaria direttamente nei luoghi in cui si pratica sport, soprattutto in occasione di gare, ricercando una convenzione con associazioni ed enti che operano nel settore.8. Studio per la programmazione e progettazione di un eventuale poligono di Tiro e/o percorso di caccia.9. Gara annuale di Pesca da inserire nella programmazione di una Fiera del pesce di lago volta alla valorizzazione di uno dei prodotti tipici locali. 14

×