L’IMPEGNO	  	  DI	  PIAM	  	   NELL’AMBITO	  	  DELLA	  MALATTIA	  TUBERCOLARE	  	  	  	  	  	  	  	  	  	  	  	          ...
L’IMPEGNO	  	  DI	  PIAM	  	  NELL’AMBITO	  	                           DELLA	  	             MALATTIA	  TUBERCOLARE	  La	...
Ci	  si	  potrebbe	  chiedere	  se	  questo	  faDo	  dipenda	  dall’aver	   voluto	   perseguire	   una	   precisa	   poli...
La	   PIAM	   	   ha	   voluto	   rimanere	   nel	  mercato	  per	  ragioni	  che	  vanno	  oltre	  l’aspeDo	   meramente	...
Ecco,	   a	   questo	   punto	   e	   cioè	   nello	   spiegare	   le	  ragioni	  del	  perché,	  nonostante	  tuDo,	  ha	...
ArrivaO	   al	   conceDo	   che	   or	   ora	   ho	   affermato,	   per	  darne	   una	   dimostrazione,	   mi	   è	   uOle...
Edoardo	   Maragliano	   ,	   dopo	   essersi	   laureato	  presso	  la	  presOgiosa	  Università	  di	  Napoli,	  nel	  1...
Il	   periodo	   che	   va	   dal	   1889	   al	   1895	   è	  prevalentemente	   dedicato,	   da	   parte	   di	  Maragli...
•  Nel	   1895,	   nell’ambito	   della	   Conferenza	     internazionale	   sulla	   TBC	   di	   Bordeaux,	   Maragliano...
•  Nel	   1900,	   quindi	   ancor	   prima	   della	   fondazione	   della	     PIAM,	   proprio	   per	   potenziare	   ...
Nei	  primi	  anni	  di	  vita	  la	  PIAM	  meDe	  in	  aDo:	  -­‐	  	  la	  divulgazione	  e	  la	  commercializzazione	...
Il	  BCG	  si	  afferma:	  a	  seguito	  del	  suo	  impiego	  si	  verificano	  gravi	   incidenO,	   come	   il	   tristem...
Dagli	   anni	   ‘30	   agli	   anni	   ’40	   la	   PIAM	   conOnua	   gli	   studi	   e	  l’impegno	  nell’ambito	  dell...
L’Isoniazide	   si	   rivelò	   immediatamente	   come	  il	  cardine	  	  della	  terapia	  anO	  TBC;	  fu	  registrato	...
Proseguendo	   nella	   sua	   vocazione	   di	   Azienda	  impegnata	   in	   campo	   anOtubercolare,	   la	   PIAM,	   ...
Nella	   seconda	   metà	   degli	   anni	   ’70	   PIAM	   registra	   e	   pone	  in	   commercio	   il	   secondo	   fa...
La	  fase	  iniziale	  comporta	  due	  mesi	  con:	  •  Isoniazide	  •  Rifampicina	  •  Pirazinamide	  •  Etambutolo	  D...
In	  quesO	  ulOmi	  anni	  la	  PIAM	  ha	  sviluppato,	  accanto	  alla	  realizzazione	   di	   anObioOci	   quali	   l...
Nell’ambito	   del	   traDamento	   nei	   confronO	   della	   mala@a	  tubercolare	  vi	  sono	  alcuni	  recenO	  lavor...
GRAZIE	  PER	  L’	  ATTENZIONE	  
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

PPT Maragliano "The engagement of PIAM in the fight against TB"

575 views

Published on

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
575
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

PPT Maragliano "The engagement of PIAM in the fight against TB"

  1. 1. L’IMPEGNO    DI  PIAM     NELL’AMBITO    DELLA  MALATTIA  TUBERCOLARE                         Congresso    Tubercolosi:   Una  mala@a  sociale      21  –  22    seDembre  2012   MILANO   Dr.    E.      Maragliano  
  2. 2. L’IMPEGNO    DI  PIAM    NELL’AMBITO     DELLA     MALATTIA  TUBERCOLARE  La   Piam   è   una   Azienda   Italiana   che,     proprio  nell’ambito   di   questo   simposio   può   suscitare  interesse   in   quanto   è   l’unica   detentrice   di   due  importanO  farmaci  anOtubercolari:  ISONIAZIDE  (Nicozid)      ETAMBUTOLO  (Etapiam)  
  3. 3. Ci  si  potrebbe  chiedere  se  questo  faDo  dipenda  dall’aver   voluto   perseguire   una   precisa   poliOca  aziendale.  La  risposta  a  questa  domanda  è  negaOva:    L’Azienda   è   rimasta   sola   sul   mercato   dal  momento  che  tuDe  le  altre  case  farmaceuOche  vi   hanno   rinunciato   in   quanto   i   prodo@   a   base  di   Isoniazide   ed   Etambutolo   non   erano   più  remuneraOvi.  
  4. 4. La   PIAM     ha   voluto   rimanere   nel  mercato  per  ragioni  che  vanno  oltre  l’aspeDo   meramente   economico   e  che   devono   essere   ricercate   nel  contesto  della  sua  lunga  storia.    
  5. 5. Ecco,   a   questo   punto   e   cioè   nello   spiegare   le  ragioni  del  perché,  nonostante  tuDo,  ha  voluto  rimanere   nel   mercato   con   Isoniazide   ed  Etambutolo,   colgo   l’opportunità,   proprio  nell’ambito  di  questa  sede,  di  affermare  che  tali  ragioni   si   rifanno   al   faDo   che   PIAM   ha   sempre  senOto   forte   la   responsabilità   di   tenere   fede  a l l a   p r o p r i a   t r a d i z i o n e   i n   c a m p o  anOtubercolare.  
  6. 6. ArrivaO   al   conceDo   che   or   ora   ho   affermato,   per  darne   una   dimostrazione,   mi   è   uOle   fare   una  carrellata  sulla  storia  della  PIAM.    La   storia   della   PIAM   inizia   con   la   volontà   di   un  uomo   che   ha   voluto   impiegare   tuDe   le   sue   forze  nella   cura   degli   ammalaO.   Quest’uomo   si   chiama  Edoardo  Maragliano  di  cui  io  sono  nipote  e  la  cui  figura   voglio   brevemente   traDeggiare   in   quanto,  tra   le   molte   sue   opere   vi   è   anche   la   fondazione  della  PIAM.  
  7. 7. Edoardo   Maragliano   ,   dopo   essersi   laureato  presso  la  presOgiosa  Università  di  Napoli,  nel  1881   assurge   alla   CaDedra   della   Clinica  Medica  di  Genova    che  manterrà  per  ben  41  anni.  L’impegno   di   Maragliano   nell’ambito   della  mala@a  tubercolare  diventa  predominante  a  seguito   della   morte   del   fratello   per   TBC,   nel  1889.  
  8. 8. Il   periodo   che   va   dal   1889   al   1895   è  prevalentemente   dedicato,   da   parte   di  Maragliano  e  della  sua  Clinica,  alla  possibilità  di  realizzare  un  vaccino  anOtubercolare  A   quel   tempo   infa@   in   Italia   e   nel   mondo  c’erano   già   staO   numerosi   tentaOvi   per  realizzare  un  vaccino,  ma  senza  successo.  
  9. 9. •  Nel   1895,   nell’ambito   della   Conferenza   internazionale   sulla   TBC   di   Bordeaux,   Maragliano   annuncia   la   realizzazione   di   un   vaccino   anOtubercolare   oDenuto   mediante   bacilli   uccisi   al   calore,   frantumaO   e   mescolaO   con   la   glicerina.   La   tecnica   di   somministrazione     è   quella   della   scarificazione        cutanea.  •  Nel  1898    viene  realizzato  il  "SIERO  AnOtubercolare   Maragliano"   la   cui   presenza   sul   mercato   viene   riportata   anche   dal   presOgioso   MERCK’S   Manual   del   1899.   SoDolineo   questo   faDo   perché   in   quel   volume   l’unico   nome   di   un   europeo   è   quello   di   Maragliano.  
  10. 10. •  Nel   1900,   quindi   ancor   prima   della   fondazione   della   PIAM,   proprio   per   potenziare   ed   approfondire   gli   studi  sulla  TBC,  nasce  a  Genova  l’IsOtuto  Maragliano;   le   finalità   di   questo   IsOtuto   sul   Opo   di   quelle   dell’   IsOtuto   Pasteur,   avrebbero   dovuto   essere   sostenute     non   solo   da   pubblicazioni   scienOfiche   ma   anche     da     risorse  pubbliche.  L’IsOtuto  però,  non  avendo  oDenuto  tali  risorse,  doveDe  ricorrere   ad   una   struDura   commerciale   in   grado   di  potergliele    fornire.    Pertanto  subito  dopo  la  grande  guerra  venne  fondata  la  PIAM   (Prodo@   Igienici   Alimentari     Medicinali),   con   lo  scopo   di   sfruDare   commercialmente   le   scoperte   e   le  realizzazioni  dell’IsOtuto  Maragliano.  
  11. 11. Nei  primi  anni  di  vita  la  PIAM  meDe  in  aDo:  -­‐    la  divulgazione  e  la  commercializzazione  su  larga  scala  del  Vaccino      Maragliano  -­‐    la  realizzazione  del    Siero  AnOtubercolare.  Nel  1921  viene  posto  in  commercio  il  vaccino  BCG   (Bacillo   CalmeDe   –   Guerin),   realizzato  con   bacilli   vivi   svirulentaO:   da   questo  momento  nasce  una  baDaglia  scienOfica  tra  il  Vaccino   Maragliano,   il   BCG   e   altri   vaccini  svirulentaO.  
  12. 12. Il  BCG  si  afferma:  a  seguito  del  suo  impiego  si  verificano  gravi   incidenO,   come   il   tristemente   famoso   episodio  avvenuto   nel   1929   a   Lubecca,   durante   il   quale  trovarono   la   morte   numerosi   bambini   che   erano   staO  vaccinaO  con  un  BCG  non  correDamente  svirulentato  .  A  questo  proposito  voglio  ricordare  che,  nel  successivo  Congresso   di   Oslo   del   1930   il   BCG   non   riscosse   una  p a r O c o l a r e   fi d u c i a ;   t u D a v i a   M a r a g l i a n o ,   i n  quell’occasione,   con   grande   generosità   scienOfica,  prese   le   difese   di   CalmeDe   affermando   che   la  vaccinazione   anOtubercolare   doveva   essere   comunque  conOnuata    con  tu@  i  Opi  di  vaccino.  
  13. 13. Dagli   anni   ‘30   agli   anni   ’40   la   PIAM   conOnua   gli   studi   e  l’impegno  nell’ambito  della  loDa  contro  la  TBC.  Solo   con   la   fine   della   Seconda   guerra   mondiale,   come   è  noto,   si   assiste   alla   fioritura   della   CHEMIOTERAPIA   ed  ANTIBIOTICOTERAPIA  in  campo  anOtubercolare.  Dopo   la   Streptomicina,   il   PAS   di   cui   la   PIAM   o@ene   la  r e g i s t r a z i o n e   c o n   i l   n o m e   d i   A C I P A S   e d   i l  Oosemicarbazone,  negli  anni  ’50  viene  finalmente  messa  in   luce   l’a@vità   dell’Isoniazide   nel   combaDere   il  micobaDerio.   Dico   così   in   quanto   questa   sostanza  chimicamente  era  già  conosciuta  fin  dal  1912        
  14. 14. L’Isoniazide   si   rivelò   immediatamente   come  il  cardine    della  terapia  anO  TBC;  fu  registrato  e   commercializzato   dalla   PIAM   con   il  marchio   NICOZID   tuDora   presente   in  commercio.   Quando   si   comprese   che   l’Isoniazide   contrastava   l’a@vità   della   Vit.   B6,   PIAM   mise   in   commercio   un’Isoniazide   associata   alla   Vit.   B6   con   il   nome   di   Emozide   B6   oggi   non  più  in  commercio.    
  15. 15. Proseguendo   nella   sua   vocazione   di   Azienda  impegnata   in   campo   anOtubercolare,   la   PIAM,   dopo  l’immissione   in   commercio     della   Kanamicina   con   il  nome   di   Kanapiam   e   di   altri   chemioanObioOci,   alla   fine  degli   anni   ‘60   registra   un   chemioterapico   ad   elevata  a@vità  anOmicobaDerica:  l’Etambutolo  con  il  nome  di  Etapiam  tuDora  esistente.    Subito   dopo   PIAM   registra   e   pone   in   commercio  l’associazione   Etambutolo   +   Isoniazide   +   Vit.   B6   con   il  nome   di   Etanicozid   B6   farmaco   anch’esso   tuDora  esistente.    
  16. 16. Nella   seconda   metà   degli   anni   ’70   PIAM   registra   e   pone  in   commercio   il   secondo   farmaco   maggiore   contro   la  TBC:   la   Rifampicina   con   il   nome   di   Rifapiam   (oggi   non  più  in  commercio).    Registra   successivamente   anche   l’associazione   tra  Rifampicina   ed   Isoniazide   e   la   pone   in   commercio   con   il  nome  di  Rifanicozid  (oggi  non  più  in  commercio).    Riassumendo   oggi   il   traDamento   anOtubercolare   è  arOcolato  in  due  fasi:    
  17. 17. La  fase  iniziale  comporta  due  mesi  con:  •  Isoniazide  •  Rifampicina  •  Pirazinamide  •  Etambutolo  Di  quesO  farmaci  la  PIAM  ne  possiede  due:  Isoniazide  (Nicozid)  ed  Etambutolo  (Etapiam)  Fase  di  conOnuazione  (4  mesi)  prevede  l’uso  di:  •  Isoniazide  •  Rifampicina  L’Isoniazide   e   quindi   il   Nicozid,   nel   corso   degli   anni  diventa  sempre  più  importante  in  quanto  solo  con  esso  si  puo’  aDuare  la  chemioprofilassi  anOtubercolare  
  18. 18. In  quesO  ulOmi  anni  la  PIAM  ha  sviluppato,  accanto  alla  realizzazione   di   anObioOci   quali   l’   Azitromicina,   il  Ceoriaxone   e   la   Levofloxacina   ,una   serie   di   integratori.  Tra   quesO   quello   che   nell’ambito   di   questo   simposio  potrebbe   suscitare   un   certo   interesse   è   la   LaDoferrina  che  la  PIAM  ha  messo  a  disposizione  della  classe  medica  con  il  nome  di  Rubrovital.  Che   cos’è   la   LaDoferrina?   La   LaDoferrina   è   una  glicoproteina   presente   nel   nostro   organismo    appartenente   alla   famiglia   delle   transferrine   la   cui  pecularietà  è  quella  di  chelare  il  ferro  libero.  Chelando  il  ferro   libero   ha   quindi   anche   proprietà   anObaDeriche,  anOvirali,  anOfungine  ed  anOprotozoarie.  
  19. 19. Nell’ambito   del   traDamento   nei   confronO   della   mala@a  tubercolare  vi  sono  alcuni  recenO  lavori  che  affermano  che   la   laDoferrina   per   via   orale   induce   un  m i g l i o r a m e n t o   s u l l ’ a s s e D o   d e l l e   c e l l u l e  immunocompetenO.    (Influence   of   oral   lactoferrin   on   Mycobacterium  tubercolosis    induced  immunopathology  )–  Welsh  KJ  and  all.    -­‐  Tubercolosis    91  (  2011)  pag.  105  –  113    Concludendo   vorrei   soDolineare   che   la   storia   della  PIAM   è   anche   la   storia   della   terapia   anOtubercolare   ;  nasce   infa@   con   il   vaccino   e   ancor   oggi   è   leader   in  campo  anOtubercolare.    
  20. 20. GRAZIE  PER  L’  ATTENZIONE  

×