Professioni educative e riconoscimento sociale

1,415 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,415
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
346
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Professioni educative e riconoscimento sociale

  1. 1. LE PROFESSIONI EDUCATIVE TRA DEFINIZIONE DELL’IDENTITÀ E RICONOSCIMENTO SOCIALE Domenico Simeone, Stefano Bonometti, Livia Cadei Le epistemologie delle pratiche professionali - SIPED Gruppo ricerca pratiche lavorative e formazione Napoli 25 26 gennaioBonometti-Cadei-Simeone 2012
  2. 2. Le sfide attuali Natura del lavoro socio-educativo: sempre più complesso, necessita di profili specializzati e di riconoscimento adeguato dal punto di vista economico e sociale Fragilità del profilo professionale: legata ad una storia complessa e ad una visione del lavoro educativo in cui sono presenti sia la dimensione del maternage sia del militantismo Pluralità dei percorsi di formazione: assenza di un quadro professionale definitivo e di un ordine professionaleBonometti-Cadei-Simeone
  3. 3. Identità ed etica professionali La professione dell’educatore si è sempre confrontata con la questione della costruzione dellidentità professionale in una ricerca costante di riconoscimento il mestiere dell’educatore stenta a rafforzare il proprio profilo professionale e a ottenere un adeguato riconoscimento sociale. "incertezza ontologica inerente alla professione stessa" (Molteni, Forneri, 2010).Bonometti-Cadei-Simeone
  4. 4. Identità professionale al bivio asse tecnicismo vs motivazione asse individualismo vs normalizzazione Individualizzazione coach carismatico Tecnicismo Motivazione burocrate militante NormalizzazioneBonometti-Cadei-Simeone
  5. 5. tracce di ricerca Educatori in servizio Formatori degli educatori Campionamento: Campionamento: pedagogia dei fenomeni formatori tutor corso di sociali 2010-2011 Laurea in scienze (diploma in Politiche e dell’educazione e della programmazione dei formazione -Università servizi alla persona - cattolica del sacro cuore LM/87- Università degli di Brescia Studi di Macerata) Metodologia Metodologia Intervista di gruppo Intervista semistrutturataBonometti-Cadei-Simeone
  6. 6. Educatori in servizio Analisi di contenuto temi: motivazione e riconoscimento professionale « gioia», «slancio », « la figura dell‘educatore « fatica»,«empatia», è poco riconosciuta sia «entusiasmo», dal punto di vista «soddisfazione», professionale sia «possibilità di dare», economico». «non se ne «d’aiutare », «d’inno- parla molto», vare» ; «spinta « professione poco iniziale », «motore», riconosciuta dal punto di la « forza » che vista giuridico», « le permette di « fare persone non sanno…», fronte positivamente» « l’assenza duna e « con identificazione specifica ci determinazione». ha condotto a vivere in una sorta di limbo».Bonometti-Cadei-Simeone
  7. 7. tra motivazione e riconoscimento + sfida impegno alienazione performance - - + RICONOSCIMENTOBonometti-Cadei-Simeone
  8. 8. formatori degli educatori Dinamiche del cambiamento delle epistemologie pratiche Da educatore tout court, ad educatore specializzato, idealista, sociale-politico STORICO pragmatico, azione ristretta (impegnato nel welfare), e privatistica (riguardo al con competenza diffusa e sé). grande disponibilità Sociale – politico - impegnato Tecnico – professionale - circoscritto Da educatore fragile, PERSONALE ad educatore con dipendente da altre autonomia professionale, professionalità, solitudine e con sguardo sistemico, con entusiasmo capace di lavoro in équipe Innamorato - incerto Strutturato - consapevoleBonometti-Cadei-Simeone
  9. 9. Percezione dello sviluppo della epistemologia pratica degli educatori autonomia solitudine responsabilità entusiasmo Asse professionalità Identità sé prof dipendenza Comunità professionale Le epistemologie delle pratiche professionali - SIPED Gruppo ricerca pratiche lavorative e formazione Napoli 25 26 gennaioBonometti-Cadei-Simeone 2012
  10. 10. Matrice conclusiva Punti di forza del Punti di debolezza del cambiamento: cambiamento: Virtuosità tra Chiusura nel proprio «rendere l’anima della relazione impegno e ambito; professionalità; Tecnicismo Équipe burocratico; in abilità tecnica» interdisciplinare; Esecuzione di Etica ed estetica della procedure responsabilità; Opportunità del Minacce provenienti contesto: dal contesto: Trasformazione della Riduzione budget nel comunicazione; sociale; Recupero della Approccio reattivo e non solidarietà locale; preventivo; Cura come to curing; Esigenza di Le epistemologie delle pratiche Mancanza di empowerment professionali - SIPED Gruppo ricerca pratiche lavorative e Cura del benessere. Napoli 25 26 gennaio formazione coordinamentoBonometti-Cadei-Simeone 2012

×