Fantasticheria - giovanni verga

4,795 views

Published on

tratto da: Manuale di Letteratura vol. 3 [Luperini, Cataldi, Marchiani, Marchese]

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
4,795
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
55
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Fantasticheria - giovanni verga

  1. 1. PARTE UNDICESIMA Dal liberalismo all’imperialismo: Naturalismo e Simbolismo (1861-1903) CAPITOLO IV Giovanni Verga, § 5 1 CD39 Giovanni Verga Fantasticheria [Vita dei campi] Questo racconto serve come introduzione ai Malavoglia, di cui anticipa la vicenda e i temi. All’ottica della grande dama, che visita da turista la marina catanese, si contrappone quella dei poveri abitanti di Trezza che vi abitano. L’autore dichiara che solo assumendo il punto di vista di questi ultimi sarà possibile capirne la vita. Ma il racconto è interessante soprattutto perché mostra la spinta contraddittoria che è alla base del- la nuova materia rusticana: da un lato l’autore afferma di volerla studiare scientificamente, al microscopio, e ne avvicina darwinianamente la vita a quella delle formiche; dall’altro la idealizza, vi ritrova la «religione della famiglia» («l’ideale dell’ostrica»), una «rassegnazione coraggiosa» e una «caparbietà eroica», e addi- rittura una prospettiva idillica: «Sembrami che le irrequietudini del pensiero vagabondo si addormentereb- bero dolcemente nella pace serena di quei sentimenti miti, semplici, che si succedono calmi e inalterati di ge- nerazione in generazione». Il momento veristico e quello romantico sono insomma compresenti.da G. Verga, Fantasticheria, in Id., Le Una volta, mentre il treno passava vicino ad Aci-Trezza,1 voi affacciandovi allo sportello del vagone,novelle, a cura di G. Tellini, Salerno,Roma 1980, vol. I. esclamaste: – Vorrei starci un mese laggiù! – Noi vi ritornammo e vi passammo non un mese, ma quarantott’ore; i terrazzani2 che spalancavano gli occhi vedendo i vostri grossi bauli avranno creduto che ci sareste rimasta un par d’anni. La mattina 5 del terzo giorno, stanca di vedere eternamente del verde e dell’azzurro, e di contare i carri che passava- no per via, eravate alla stazione, e gingillandovi impaziente colla catenella della vostra boccettina da odo- re,3 allungavate il collo per scorgere un convoglio che non spuntava mai. In quelle quarantott’ore fa- cemmo tutto ciò che si può fare ad Aci-Trezza: passeggiammo nella polvere della strada e ci arrampi- cammo sugli scogli; col pretesto d’imparare a remare vi faceste sotto il guanto delle bollicine che ruba- 10 vano i baci; passammo sul mare una notte romanticissima, gettando le reti tanto per far qualche cosa che a’ barcaiuoli potesse parer meritevole di buscare dei reumatismi; e l’alba ci sorprese in cima al fari- glione,4 un’alba modesta e pallida, che ho ancora dinanzi agli occhi, striata di larghi riflessi violetti, sul mare di un verde cupo; raccolta come una carezza su quel gruppetto di casucce che dormivano quasi raggomitolate sulla riva, e in cima allo scoglio, sul cielo trasparente e profondo, si stampava netta la vo- 15 stra figurina, colle linee sapienti che ci metteva la vostra sarta, e il profilo fine ed elegante che ci mette- vate voi. – Avevate un vestitino grigio che sembrava fatto apposta per intonare coi colori dell’alba. – Un bel quadretto davvero! e si indovinava che lo sapevate anche voi dal modo col quale vi modellavate nel vostro scialletto, e sorridevate coi grandi occhioni sbarrati e stanchi a quello strano spettacolo, e a quel- l’altra stranezza di trovarvici anche voi presente. Che cosa avveniva nella vostra testolina allora, di fac- 20 cia al sole nascente? Gli domandaste forse in qual altro emisfero vi avrebbe ritrovata fra un mese? Dice- ste soltanto ingenuamente: «Non capisco come si possa viver qui tutta la vita». Eppure, vedete, la cosa è più facile che non sembri: basta non possedere centomila lire di entrata,5 prima di tutto; e in compenso patire un po’ di tutti gli stenti fra quegli scogli giganteschi, incastonati nell’azzurro, che vi facevano batter le mani per ammirazione. Così poco basta perché quei poveri dia- 25 voli che ci aspettavano sonnecchiando nella barca, trovino fra quelle loro casipole sgangherate e pit- toresche, che viste da lontano vi sembravano avessero il mal di mare anch’esse, tutto ciò che vi affan- nate a cercare a Parigi, a Nizza ed a Napoli. È una cosa singolare; ma forse non è male che sia così – per voi, e per tutti gli altri come voi. Quel mucchio di casipole è abitato da pescatori; «gente di mare», dicon essi, come altri direbbe «gente di 30 toga»,6 i quali hanno la pelle più dura del pane che mangiano, quando ne mangiano, giacché il mare 1 Aci-Trezza: il paese della provincia di Catania nel quale 4 fariglione: i fariglioni «sono scogli altissimi e isolati nel l’autore riconduce al puro fattore economico la distanza sarà ambientata la vicenda de I Malavoglia. mare di Acitrezza» come spiega Verga nella lettera del di- socioculturale tra il mondo aristocratico della dama e 2 i terrazzani: i paesani. cembre ’81 a Édouard Rod, il traduttore francese de I quello popolare siciliano. 3 catenella…odore: è la boccettina di profumo che le si- Malavoglia. 6 «gente di toga»: l’espressione con cui le classi elevate gnore portavano appesa al polso o al collo. 5 basta…entrata: con spirito polemico e materialistico designavano gli uomini di legge. Luperini, Cataldi, Marchiani, Marchese Manuale di letteratura [G. B. PALUMBO EDITORE]
  2. 2. PARTE UNDICESIMA Dal liberalismo all’imperialismo: Naturalismo e Simbolismo (1861-1903) CAPITOLO IV Giovanni Verga, § 5 2 CD39 Giovanni Verga ~ Fantasticheria non è sempre gentile, come allora che baciava i vostri guanti... Nelle sue giornate nere, in cui bronto- la e sbuffa, bisogna contentarsi di stare a guardarlo dalla riva, colle mani in mano, o sdraiati bocconi, il che è meglio per chi non ha desinato; in quei giorni c’è folla sull’uscio dell’osteria, ma suonano po- chi soldoni sulla latta del banco, e i monelli che pullulano nel paese, come se la miseria fosse un buon 35 ingrasso, strillano e si graffiano quasi abbiano il diavolo in corpo. Di tanto in tanto il tifo, il colèra, la malannata, la burrasca, vengono a dare una buona spazzata7 in quel brulicame,8 che davvero si crederebbe non dovesse desiderar di meglio che esser spazzato, e scom- parire; eppure ripullula sempre nello stesso luogo; non so dirvi come, né perché. Vi siete mai trovata, dopo una pioggia di autunno, a sbaragliare un esercito di formiche traccian- 40 do sbadatamente il nome del vostro ultimo ballerino sulla sabbia del viale? Qualcuna di quelle pove- re bestioline sarà rimasta attaccata alla ghiera9 del vostro ombrellino, torcendosi di spasimo; ma tut- te le altre, dopo cinque minuti di panico e di viavai, saranno tornate ad aggrapparsi disperatamente al loro monticello bruno.Voi non ci tornereste davvero, e nemmen io; ma per poter comprendere sif- fatta caparbietà, che è per certi aspetti eroica, bisogna farci piccini anche noi, chiudere tutto l’oriz- 45 zonte fra due zolle, e guardare col microscopio le piccole cause che fanno battere i piccoli cuori.10 Vo- lete metterci un occhio anche voi, a cotesta lente, voi che guardate la vita dall’altro lato del cannoc- chiale?11 Lo spettacolo vi parrà strano, e perciò forse vi divertirà. Noi siamo stati amicissimi, ve ne rammentate? e mi avete chiesto di dedicarvi qualche pagina. Per- ché? à quoi bon? 12 come dite voi. Che cosa potrà valere quel che scrivo per chi vi conosce? e per chi 50 non vi conosce che cosa siete voi? Tant’è, mi son rammentato del vostro capriccio un giorno che ho rivisto quella povera donna13 cui solevate far l’elemosina col pretesto di comperar le sue arance mes- se in fila sul panchettino dinanzi all’uscio. Ora il panchettino non c’è più; hanno tagliato il nespolo14 del cortile, e la casa ha una finestra nuova. La donna sola non aveva mutato, stava un po’ più in là a stender la mano ai carrettieri, accoccolata sul mucchietto di sassi che barricano il vecchio Posto15 del- 55 la guardia nazionale;16 io girellando, col sigaro in bocca, ho pensato che anche lei, così povera com’è, vi aveva vista passare, bianca e superba. Non andate in collera se mi son rammentato di voi in tal modo e a questo proposito. Oltre i lieti ricordi che mi avete lasciati, ne ho cento altri, vaghi, confusi, disparati, raccolti qua e là, non so più do- ve; forse alcuni son ricordi di sogni fatti ad occhi aperti; e nel guazzabuglio che facevano nella mia 60 mente, mentre io passava per quella viuzza dove son passate tante cose liete e dolorose, la mantellina di quella donnicciola freddolosa, accoccolata, poneva un non so che di triste e mi faceva pensare a voi, sazia di tutto, perfino dell’adulazione che getta ai vostri piedi il giornale di moda; citandovi spesso in capo alla cronaca elegante – sazia così da inventare il capriccio di vedere il vostro nome sulle pagine di un libro. 65 Quando scriverò il libro, forse non ci penserete più; intanto i ricordi che vi mando, così lontani da voi, in ogni senso, da voi inebbriata di feste e di fiori, vi faranno l’effetto di una brezza deliziosa, in mezzo alle veglie ardenti del vostro eterno carnevale. Il giorno in cui ritornerete laggiù, se pur ci ri- tornerete, e siederemo accanto un’altra volta, a spinger sassi col piede, e fantasie col pensiero, parle- 7 il tifo…spazzata: si tratta di un rimando *intertestuale al mentalità popolare occorre rinunciare all’ottica borghe- 12 à…bon?: a che scopo? In francese, la lingua della so- discorso pronunciato da Don Abbondio nel cap. XXXVIII se e colta (bisogna farci piccini anche noi) e assumere cietà elegante e mondana. dei Promessi sposi («È stata un gran flagello questa peste; un punto di vista interno al mondo rappresentato (chiu- 13 quella…donna: è un accenno indiretto al personaggio di ma è anche stata una scopa; ha spazzato via certi sog- dere tutto l’orizzonte tra due zolle). Maruzza, detta la Longa, nei Malavoglia; che dopo il se- getti, che, figliuoli miei, non ce ne liberavamo più»); ma- 11 voi…cannocchiale?: dalla parte opposta (opposta ri- condo naufragio della Provvidenza «aveva pure messo lannata: un anno particolarmente povero di guadagni. spetto all’oggetto della visione) del cannocchiale. La po- sulla porta un panchettino, e vendeva arance, noci, ova 8 brulicame: moltitudine in movimento, ma propriamente si- vera gente non è vista da vicino, ma da lontano: è og- sode ed ulive nere» (cap. X). Diversamente da quanto si gnifica ‘sciame di insetti’ e anticipa la *metafora suc- getto remoto di uno spettacolo. La dama guarda da lon- legge più sotto (La donna… mutato), la Maruzza del ro- cessiva dell’«esercito di formiche». tano con il cannocchiale, come se fosse a teatro (non manzo esce di scena nel cap. XI, morendo di colera. 9 ghiera: puntale di metallo posto all’estremità di un ba- con scrupolo scientifico, non con il microscopio) e per- 14 il nespolo: sarà il simbolo della casa dei Malavoglia. stone o, come in questo caso, dell’ombrellino. ciò non capisce come si possa vivere in un posto del ge- 15 Posto: il posto di guardia.10 ma per…cuori: è qui illustrato l’artificio verghiano della nere e non riesce a cogliere la caparbietà eroica di tale 16 guardia nazionale: il corpo di cittadini armati incaricati del- “regressione” (cfr. S3). Per comprendere veramente la esistenza. la difesa dell’ordine pubblico. Nelle campagne meridiona- Luperini, Cataldi, Marchiani, Marchese Manuale di letteratura [G. B. PALUMBO EDITORE]
  3. 3. PARTE UNDICESIMA Dal liberalismo all’imperialismo: Naturalismo e Simbolismo (1861-1903) CAPITOLO IV Giovanni Verga, § 5 3 CD39 Giovanni Verga ~ Fantasticheria remo forse di quelle altre ebbrezze che ha la vita altrove. Potete anche immaginare che il mio pensie- 70 ro siasi raccolto in quel cantuccio ignorato del mondo, perché il vostro piede vi si è posato, – o per di- stogliere i miei occhi dal luccichio che vi segue dappertutto, sia di gemme o di febbri17 – oppure per- ché vi ho cercata inutilmente per tutti i luoghi che la moda fa lieti. Vedete quindi che siete sempre al primo posto, qui come al teatro. Vi ricordate anche di quel vecchietto18 che stava al timone della nostra barca? Voi gli dovete que- 75 sto tributo di riconoscenza perché egli vi ha impedito dieci volte di bagnarvi le vostre belle calze az- zurre. Ora è morto laggiù all’ospedale della città, il povero diavolo, in una gran corsia tutta bianca, fra dei lenzuoli bianchi, masticando del pane bianco, servito dalle bianche mani delle suore di carità, le quali non avevano altro difetto che di non saper capire i meschini guai che il poveretto biascicava nel suo dialetto semibarbaro. 80 Ma se avesse potuto desiderare qualche cosa egli avrebbe voluto morire in quel cantuccio nero vi- cino al focolare, dove tanti anni era stata la sua cuccia «sotto le sue tegole», tanto che quando lo por- tarono via piangeva guaiolando19 come fanno i vecchi. Egli era vissuto sempre fra quei quattro sassi, e di faccia a quel mare bello e traditore col quale dové lottare ogni giorno per trarre da esso tanto da campare la vita e non lasciarvi le ossa; eppure in quei 85 momenti in cui si godeva cheto cheto la sua «occhiata di sole» accoccolato sulla pedagna20 della barca, coi ginocchi fra le braccia, non avrebbe voltato la testa per vedervi, ed avreste cercato invano in quegli occhi attoniti il riflesso più superbo della vostra bellezza; come quando tante fronti altere s’inchinano a farvi ala nei saloni splendenti, e vi specchiate negli occhi invidiosi delle vostre migliori amiche. La vita è ricca, come vedete, nella sua inesauribile varietà; e voi potete godervi senza scrupoli quel- 90 la parte di ricchezza che è toccata a voi, a modo vostro. Quella ragazza,21 per esempio, che faceva capolino dietro i vasi di basilico, quando il fruscìo della vostra veste metteva in rivoluzione la viuzza, se vedeva un altro viso22 notissimo alla finestra di fac- cia, sorrideva come se fosse stata vestita di seta anch’essa. Chi sa quali povere gioie sognava su quel davanzale, dietro quel basilico odoroso, cogli occhi intenti in quell’altra casa coronata di tralci di vi- 95 te? E il riso dei suoi occhi non sarebbe andato a finire in lagrime amare, là, nella città grande, lontana dai sassi che l’avevano vista nascere e la conoscevano se il suo nonno non fosse morto all’ospedale e suo padre non si fosse annegato, e tutta la sua famiglia non fosse stata dispersa da un colpo di vento che vi aveva soffiato sopra – un colpo di vento funesto, che avea trasportato uno dei suoi fratelli fin nelle carceri di Pantelleria: «nei guai!» come dicono laggiù.23 100 Miglior sorte toccò a quelli che morirono;24 a Lissa l’uno,25 il più grande, quello che vi sembrava un David di rame,26 ritto colla sua fiocina in pugno, e illuminato bruscamente dalla fiamma dell’elle- ra. Grande e grosso com’era, si faceva di brace anch’esso quando gli fissaste in volto i vostri occhi ar- diti; nondimeno è morto da buon marinaio, sulla verga di trinchetto, fermo al sartiame,27 levando in alto il berretto, e salutando un’ultima volta la bandiera col suo maschio e selvaggio grido d’isolano; 105 l’altro,28 quell’uomo che sull’isolotto non osava toccarvi il piede per liberarlo dal lacciuolo teso ai co- nigli nel quale v’eravate impigliata da stordita29 che siete, si perdé in una fosca notte d’inverno, solo, fra i cavalloni scatenati, quando fra la barca e il lido, dove stavano ad aspettarlo i suoi, andando di qua li fu per lo più impiegato nella lotta contro il brigantaggio. 23 E il riso…laggiù: riassume le principali vicende che 26 di rame: per il colorito della pelle abbronzata. Si allude17 febbri: passioni. scandiscono il dissesto economico e familiare dei Ma- al David bronzeo di Donatello che impugna con la mano18 quel vecchietto: Padron ’Ntoni, il patriarca dei Malavoglia. lavoglia: la morte di Bastianazzo durante il naufragio destra una spada (ritto colla sua fiocina in pugno) e19 guaiolando: piagnucolando sommessamente come un della Provvidenza, la condanna al carcere di ’Ntoni, la fu- porta un copricapo coronato di edera (ellera). La fiocina cane. ga in città della sorella (Lia e non Mena, come si ac- è un’asta di legno o di ferro terminante con uno o più20 pedagna: «quell’asse o pezzo da tavola, fissata nel fondo cenna in questo testo) e lo sbocco nella prostituzione, la uncini, usata per la pesca. della barca, alla quale il marinaio appoggia i piedi per re- morte del nonno. 27 sulla…sartiame: sono termini di marina. La verga di trin- mare», spiega il Verga in una lettera al suo traduttore 24 Miglior…morirono: riprende il proverbio siciliano «Meg- chetto è l’asta di legno o di metallo disposta a croce, francese, Rod. ghiu muriri chi malu campari». per sostenere la vela, sull’albero dell’imbarcazione più21 Quella ragazza: nei Malavoglia sarà Mena, la figlia mag- 25 a Lissa l’uno: Luca, il secondogenito di Bastianazzo, che vicino alla prua. Il sartiame è l’insieme delle corde e dei giore della Longa. nel romanzo morirà nella battaglia navale di Lissa del 20 cavi che sostengono gli alberi della barca.22 un altro viso: quello di Alfio Mosca. luglio 1866. 28 l’altro: dei due che morirono, vale a dire Bastianazzo. Luperini, Cataldi, Marchiani, Marchese Manuale di letteratura [G. B. PALUMBO EDITORE]
  4. 4. PARTE UNDICESIMA Dal liberalismo all’imperialismo: Naturalismo e Simbolismo (1861-1903) CAPITOLO IV Giovanni Verga, § 5 4 CD39 Giovanni Verga ~ Fantasticheria e di là come pazzi, c’erano sessanta miglia di tenebre e di tempesta. Voi non avreste potuto immagi- nare di qual disperato e tetro coraggio fosse capace per lottare contro tal morte quell’uomo che la- 110 sciavasi intimidire dal capolavoro del vostro calzolaio. Meglio per loro che son morti, e non «mangiano il pane del re»,30 come quel poveretto che è ri- masto a Pantelleria, o quell’altro pane31 che mangia la sorella, e non vanno attorno come la donna del- le arance, a viver della grazia di Dio; una grazia assai magra ad Aci-Trezza. Quelli almeno non hanno più bisogno di nulla! lo disse anche il ragazzo dell’ostessa, l’ultima vol- 115 ta che andò all’ospedale per chieder del vecchio e portargli di nascosto di quelle chiocciole stufate che son così buone a succiare per chi non ha più denti, e trovò il letto vuoto, colle coperte belle e distese,32 sicché sgattaiolando nella corte, andò a piantarsi dinanzi a una porta tutta brandelli di cartacce, sbir- ciando dal buco della chiave una gran sala vuota, sonora e fredda anche di estate, e l’estremità di una lunga tavola di marmo, su cui era buttato un lenzuolo, greve e rigido. E pensando che quelli là alme- 120 no non avevano più bisogno di nulla, si mise a succiare ad una ad una le chiocciole che non serviva- no più, per passare il tempo. Voi, stringendovi al petto il manicotto di volpe azzurra, vi rammenterete con piacere che gli avete dato cento lire, al povero vecchio. Ora rimangono quei monellucci che vi scortavano come sciacalli e assediavano le arance; riman- 125 gono a ronzare attorno alla mendica, a brancicarle33 le vesti come se ci avesse sotto del pane, a raccat- tar torsi di cavolo, bucce d’arance e mozziconi di sigari, tutte quelle cose che si lasciano cadere per via ma che pure devono avere ancora qualche valore, poiché c’è della povera gente che ci campa su; ci campa anzi così bene che quei pezzentelli paffuti e affamati cresceranno in mezzo al fango e alla pol- vere della strada, e si faranno grandi e grossi come il loro babbo e come il loro nonno, e popoleranno 130 Aci-Trezza di altri pezzentelli, i quali tireranno allegramente la vita coi denti più a lungo che potran- no, come il vecchio nonno, senza desiderare altro; e se vorranno fare qualche cosa diversamente da lui, sarà di chiudere gli occhi là dove li hanno aperti, in mano del medico del paese che viene tutti i giorni sull’asinello, come Gesù, ad aiutare la buona gente che se ne va. – Insomma l’ideale dell’ostrica! – direte voi. Proprio l’ideale dell’ostrica, e noi non abbiamo altro 135 motivo di trovarlo ridicolo che quello di non esser nati ostriche anche noi –. Per altro il tenace attaccamento di quella povera gente allo scoglio sul quale la fortuna li ha lascia- ti cadere mentre seminava prìncipi di qua e duchesse di là, questa rassegnazione coraggiosa ad una vita di stenti, questa religione della famiglia, che si riverbera sul mestiere, sulla casa, e sui sassi che la circondano, mi sembrano – forse pel quarto d’ora – cose serissime e rispettabilissime anch’esse. 140 Sembrami che le irrequietudini del pensiero vagabondo s’addormenterebbero dolcemente nella pace serena di quei sentimenti miti, semplici, che si succedono calmi e inalterati di generazione in ge- nerazione. – Parmi che potrei vedervi passare, al gran trotto dei vostri cavalli, col tintinnìo allegro dei loro finimenti e salutarvi tranquillamente. Forse perché ho troppo cercato di scorgere entro al turbine che vi circonda e vi segue, mi è parso 145 ora di leggere una fatale necessità nelle tenaci affezioni dei deboli, nell’istinto che hanno i piccoli di stringersi fra loro per resistere alle tempeste della vita, e ho cercato di decifrare il dramma modesto e ignoto che deve aver sgominati gli attori plebei che conoscemmo insieme. Un dramma che qualche volta forse vi racconterò e di cui parmi tutto il nodo debba consistere in ciò: – che allorquando uno di quei piccoli, o più debole, o più incauto, o più egoista degli altri, volle staccarsi dai suoi per va- 150 ghezza34 dell’ignoto, o per brama di meglio, o per curiosità di conoscere il mondo, il mondo da pesce vorace com’è, se lo ingoiò, e i suoi più prossimi con lui. – E sotto questo aspetto vedete che il dramma non manca d’interesse. Per le ostriche l’argomento più interessante deve esser quello che tratta delle insidie del gambero, o del coltello del palombaro che le stacca dallo scoglio.29 stordita: sbadata. 31 quell’altro pane: quello guadagnato con la prostituzione. sia toscano che siciliano.30 «mangiano…re»: espressione proverbiale per indicare la 32 belle e distese: la congiunzione di bello, con valore in- 33 brancicarle: tastarle. condizione dei carcerati. tensivo, con un participio passato (distese) è un costrutto 34 vaghezza: desiderio. Luperini, Cataldi, Marchiani, Marchese Manuale di letteratura [G. B. PALUMBO EDITORE]
  5. 5. PARTE UNDICESIMA Dal liberalismo all’imperialismo: Naturalismo e Simbolismo (1861-1903) CAPITOLO IV Giovanni Verga, § 5 5 CD39 Giovanni Verga ~ FantasticheriaeserciziAnalizzare e interpretare 1 Quale mondo culturale rappresenta la gran dama che visita 4 Il mondo rurale è caratterizzato realisticamente o è ancora da turista la Sicilia? idealizzato? Oppure i due aspetti coesistono? 2 Indica le ottiche diverse con cui l’autore e la donna guarda- 5 Che cosa suggerisce il paragone tra la società di pescatori no al mondo degli umili. e il formicaio scompigliato, che ritorna rapidamente all’or- dine consueto? 3 Spiega che cosa significa «l’ideale dell’ostrica», rintraccian- do nel testo altre espressioni che ne chiariscono il concetto. 6 Definisci il punto di vista del narratore. Sottolineane gli in- A quale importante principio della poetica verghiana esso al- terventi, ora polemici, ora patetici. Confronta questa novel- lude? la con Nedda per quanto riguarda l’atteggiamento dell’autore verso il mondo popolare. Luperini, Cataldi, Marchiani, Marchese Manuale di letteratura [G. B. PALUMBO EDITORE]

×